Recensioni per
Breaking the Mist
di Eilan21

Questa storia ha ottenuto 33 recensioni.
Positive : 33
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
[Precedente] 1 2 3 [Prossimo]
Recensore Veterano
16/06/17, ore 21:13
Cap. 7:

Ciao!:)
Eccomi, come ti avevo annunciato ieri, volevo leggere questo capitolo ma l'altra storia ha calamitato la mia attenzione. Non ho, però, voluto rimandare oltre, quindi, ecco la recensione.
Damien sembra molto interessato alla nuova ragazza: non so se la sua è attrazione o solo curiosità, sicuramente è un modo nuovo per distrarsi dalla sua vita monotona e segnata.
Ciò che mi urta - attenzione, non della tua storia, ma... come dire... se fossi io uno dei personaggi, ecco - è il fatto che Siobhan cancelli a sua discrezione la memoria altrui. E' inquietante questo fatto, ai miei occhi, perché significa privare in parte un uomo della scelta; cancellare la memoria è come creare una bugia, fondare il resto della propria vita su una bugia. Non so se è solo una sensazione mia a pelle, perché io odio dimenticare, ma ecco, è inquietante.
Detto ciò, anche tra le sue sorelle più grandi, Siobhan sembra avere autorità, e adesso la curiosità aumenta: quali grandi poteri e oscuro passato nasconde questa donna, all'apparenza rigida e composta, ma con un senso pratico verso le cose? Come mi avevi annunciato in un certo senso, Siobhan non prende per oro colato ciò che sente, ma quando si tratta del suo paese la sua attenzione è al massimo; tanto che la donna ha una mente acuta e tiene d'occhio il discendente di un grande uomo.
E finalmente facciamo la conoscenza dello strano salvatore misterioso che la protetta dalle grinfie nemiche: l'essere è davvero strano e tu ne fai una descrizione molto accurata.

Il piccolo squarcio con Dorelynn mi ha fatto maggiormente sentire la sua mancanza. Nonostante passi parecchio tempo tra la lettura di un capitolo all'altro, sono felice di non dimenticare nulla, tanto che i tuoi personaggi mi sono rimasti impressi nella mente. La vita scelta dalla sorella di Damien non è affatto semplice e le cose non sono rese facili dalla convivenza con chi ha dei pregiudizi nei suoi confronti. A maggior ragione, ammiro la forza di volontà di Dorelynn. Da notare come le donne appartenenti a quella società non abbiamo più pregiudizi tra loro né diversificazioni apparenti al loro interno, tanto che la loro comunità è fatta "d'amore", Dorelynn si ritrova ad avere un appoggio, seppur silenzioso, da parte di una delle sue guide.

Damien in biblioteca? Immagine spettacolare! Questo fa capire come, se accompagnato dalle persone giuste, questo ragazzo può tirare fuori il meglio.
A presto!

Recensore Veterano
09/06/17, ore 16:50

Eccomi!
In terribile ritardo, lo so, questa settimana è la prima in cui torno a respirare. Una pausa in mezzo a due grandi onde! Ma non sparisco, tranquilla:)
Abbiamo avuto una panoramica di Letha, in cui le descrizioni si mischiano con molta cura ai pensieri e alle introspezioni delle protagoniste. Marissa non può fare a meno di ammirare e invidiare la sua guida, mentre le domande sono sempre più pressanti e aumentano di numero. Siobhan, invece, mostra il suo amore per la sua amata città, sembra venerarla e sentirsi finalmente a casa, come se un peso le fosse stato tolto di dosso. Descrive le caratteristiche dei portoni con orgoglio e si offende, quasi come se avesse criticato lei in prima persona, quando Marissa le fa notare l'evento passato. A tal proposito, è curioso quello che evidenzia la domanda di Marissa, il che fa accrescere l'idea che gli elfi siano innocenti e che qualcun altro, forse dall'interno, ha minato all'amicizia tra le due razze.
Adesso aumentano, però, le domande sulla protagonista: cosa nasconde il suo passato? La curiosità aumenta sempre più.
La città sembra splendida e incantevole, e Siobhan non può che "cantare" mentre guida Marissa. Mi è piaciuta un'idea sopra tutte: un lago al centro della città, in cui sorge un isolotto su cui è stata costruita l'Accademia. Ed è la descrizione di quest'ultima che mi ha colpito più di tutte. Si respira l'aria del lavoro e della fatica umane ma c'è anche il profumo della magia intrisa in quelle mura, ed è la tua penna che me li ha fatti percepire. Ancora una volta, ottime le descrizioni!
Una cosa mi ha colpito - e contribuisce a marcare le differenze tra le terre dell'est e quelle in cui ha vissuto finora Marissa - ed è il fatto che il dormitorio, la stessa stanza mi par di capire, sia condivisa tra maschi e femmine. Un particolare dormitorio, non c'è che dire:)
E chi c'è al suo interno? Damien! Al massimo della sua arroganza e superficialità. Devo dire che sei davvero brava a caratterizzare i personaggi, tanto da farmelo stare a momenti antipatico, con la sua aria boriosa e strafottente. C'è da dire però che sotto di essa si denota una certa gentilezza, che comunque gli impedisce di diventare antipatico sul serio, e fa intravvedere ciò che si nasconde sotto la scorza. Il modo in cui si rivolge a Marissa non è denigrante, ma piuttosto sintomo dei suoi modi noncuranti; è un po' insensibile, ma non cattivo.
Il suo occhio da dongiovanni, invece, è esattamente quello che mostra di essere: pronto a cadere sul primo pesce che guizza intorno alle sue acque!:)
Il finale la dice lunga sulla differenza tra Marissa e chiunque altro abiti all'Accademia. Il suo sangue elfico ha influito sulla sensibilità della pietra. Mi chiedo, adesso, quali saranno le conseguenze.
A presto!

Recensore Veterano
26/05/17, ore 14:34

Ciao, rieccomi:D
Bella la descrizione della città nera, curata sin nei minimi dettagli. Sei riuscita a farmela immaginare e questo è un dono prezioso per chi scrive, soprattutto fantasy. Sei stata brava anche a stuzzicare i sensi, soprattutto la vista e l'udito: i rumori della folla che infesta le vie, i colori della città e le sue architetture; i gabbiani sono animali che a me piacciono molto - vivo in una città di mare, il loro verso mi dà il buongiorno - e tu hai saputo narrare bene il loro comportamento intorno al porto e al mercato.
Siobhan è stata di parola e ha cancellato la memoria del servo. I problemi che hanno avuto per passare mi hanno insospettito: che qualcuno abbia cercato di arrestare il viaggio di Marissa?
Una cosa che mi ha sorpreso, però, è stato il comportamento scettico e superficiale della donna che ha messo a tacere le voci su avvistamenti sospetti come fandonie di poco conto. Da parte sua, mi aspettavo un po' più attenzione alle dicerie, soprattutto perché si nasconde sempre un po' di vero in esse.
Marissa è preda di incubi ricorrenti - li ha sempre avuti o si sono manifestati solo con l'inizio del suo viaggio? - e questi sogni sono una lama a doppio taglio. Le sue difese calano ed ella è preda di influenze esterne che rischiano di metterla in pericolo. La creatura misteriosa mi ha incuriosito, e menomale che era nei dintorni pronta a intervenire.
Torniamo da Dorelynn, finalmente!
Continua a essere il mio personaggio preferito, proprio per la determinazione e la bontà d'animo che manifesta così bene la sua caratterizzazione. La sua vita sta per cambiare radicalmente e questo la porterà in un mondo pericoloso, in compagnia di ostili ragazze. Mi piace, però, come si convinca di poter ripartire da zero. Ha una forza e volontà di spirito che non sono comuni. Lei ha preso molto sul serio questa nuova vita, ciò che invece sarà più difficile è il cambiamento nelle altre ragazze. Troppo astio portano con sé, soprattutto Galinthia che sembra covare un odio profondo e personale nei suoi confronti.
Complimenti per questo bel capitolo!
A presto!

Recensore Veterano
24/05/17, ore 15:02
Cap. 4:

Mi prendo altri cinque minuti per lasciare una recensione anche a questo capitolo.
Senza rendersene conto, Marissa sta iniziando a fare breccia nel cuore di Siobhan. La donna sa come trattare con i ragazzi, come dosare austerità e buon cuore, e sa come spronarli e aiutarli nel loro percorso. Il modo in cui ravviva il cuore della ragazza è davvero esplicativo di questo lato della sua personalità.
Complimenti per come hai gestito la sequenza di informazioni: l'hai distribuita nei dialoghi, spezzandone la lunghezza e impedendo di farne sentire la mole, così da non farlo apparire come un infodump. Davvero brava!
Anche questo capitolo è ben scritto, ritmato nel modo giusto, si legge con piacere.
Passando alle informazioni che hai aggiunto!
Sempre più complessa e arricchita questa storia, mi piacciono le storie con trame così ben pensate. Queste creature hanno a che fare con il sogno del capitolo precedente? Qualcosa mi dice di sì.
La storia degli elfi è molto interessante, il modo in cui hanno cercato fino alla fine di dimostrarsi innocenti agli occhi di chi li guardava sempre con più astio. La rottura mette Marissa in una scomoda posizione. Siobhan è molto gentile e attenta verso questo aspetto, tanto da ricorrere alla magia per cancellare la memoria dell'unico testimone. Le due ragazze sono più vicine e complici adesso, anche se Marissa avrà bisogno di tempo per metabolizzare la cosa.
Mi sono sorte molte domande sulle sue origini. Marissa viene dalla città degli elfi o un elfo è rimasto nelle città degli uomini? Che fine hanno fatto i suoi genitori? E' veramente orfana? Immagino lo scopriremo al momento opportuno. Sappi che mi hai incuriosito a sufficienza per ora.
A presto!

P.S. Ho intravisto qualche errore anche in questo capitolo. Te ne riporto alcuni:
Marissa si trovò a tremare dal freddo quella sera, nonostante lo scialle che teneva intorno alle spalle e il falò che Siobhan aveva acceso e che scoppiettava allegramente, rischiarando la collinetta sulla quale si erano accampati.

Poste in questo modo le virgole, fanno pensare che "rischiarando" si riferisca a Marissa che prova freddo, invece è collegato con il fuoco. Ti consiglio di togliere la seconda virgola.

Finché una sola di quelle pietre fossero sopravvissute[...]

Il verbo: "fosse sopravvissuta".

Recensore Veterano
24/05/17, ore 14:32

Ciao, rieccomi. Vado un po' veloce per cercare di mettermi in pari il prima possibile con le recensioni.
Allora, anche questo capitolo mi è piaciuto parecchio. Sei stata molto brava a creare questi luoghi, e altrettanto lo sei stata nel descriverli al lettore. Sei riuscita a coinvolgermi nel paesaggio, attraverso gli occhi curiosi e smaniosi di libertà di Marissa. La prima parte del capitolo, quindi, ha catturato il mio interesse: non l'ho trovata affatto noiosa e tu l'hai ponderata bene, creando un giusto disegno di fauna e flora. Mi incuriosisce molto il mondo da te creato.
Sempre nella prima parte, abbiamo anche il confronto di Marissa e le sue paure di "ragazza limitata"(dovuto al fatto che è vissuta in un monastero fino a quel momento) con la sensualità autorevole e fiera di Siobhan. Mi è piaciuto molto il fatto che ella non si sia fatta mettere in soggezione dalla sua guida, e che abbia mostrato altrettanto orgoglio - seppur in modo più infantile. Da parte sua, Siobhan mi appare già molto meno rigida nei suoi confronti; a tratti, ho l'impressione che ella ammiri la ragazza per la sua sfrontatezza e determinazione.
Un unico consiglio a questo punto. Il passaggio con la seconda parte del capitolo non mi è apparso subito chiaro. Quando è iniziata la narrazione in corsivo, ho pensato che fosse un ricordo di Siobhan, mentre solo in un secondo momento ho capito che era cambiata scena e che poi era un sogno/avvenimento che stava facendo Marissa. Io metterei due-tre spazi in più, per far capire al lettore che è in atto un cambio di scena.
Passando alla seconda parte del capitolo, mi ha incuriosito molto la scena che ella sogna: sembra esserci un ordine o comunque un gruppo di creature che ha cercato di nascondere il suo potere all'Aiknoril. Un gruppo che, però, sembra star per venire distrutto dall'interno proprio dalla creatura misteriosa, che hai presentato molto bene nella narrazione.
E torniamo sulle ragazze. Marissa, come sempre, è fiera e dispettosa, sa come prendersi le sue rivincite. Siobhan, dal canto suo però, sa come non cadere in trappola. La sua comprensione e il suo comportamento semi-indifferente le permettono di mantenere il controllo.
Come detto, si sta sciogliendo davanti alla sincera e innocente spontaneità indomita della tredicenne.
E qui si scopre un secondo mistero che continua a rendere più articolata la trama: Marissa è un mezzelfo e la sua presenza spaventa il servo. Un nuovo tassello si aggiungerà presto.
A presto!

Recensore Veterano
22/05/17, ore 18:44
Cap. 2:

Ciao, oggi mi ritrovo con più tempo del previsto da dedicare a Efp, quindi ne approfitto per farti trovare un'altra recensione:D
Il primo incontro da Siobhan e Marissa! Devo dire che la donna mi è parsa più rigida di quanto non avessi presupposto all'inizio. Voglio dire, ti avevo detto che ella mi è sembrata "rivoluzionaria" per la mentalità del monastero e quindi avevo pensato che, davanti a una come Marissa a cui le regole di quel luogo stanno strette, ella si intenerisse di più. Invece dimostra quando le "sue" regole siano importanti per lei, come il rispetto. Ancora una volta, fai intuire come questo personaggio abbia faticato per ricoprire la carica che ha e che questo ha temprato in modo peculiare la sua mente, influenzando il suo modo di porsi alla gente. Siobhan va dritta al punto, è spicca e concisa. Fa quelle poche domande che le permettano di tener d'occhio la situazione e poi crea le regole per il vivere comune, adattandole alla situazione. Nel caso di Marissa, cerca di scoprire in maniera parsimoniosa cosa questa nuova allieva porterà nell'Accademia, come funziona la sua mente, ma si protegge allo stesso tempo da possibili inversioni di ruolo.
Marissa dal canto suo è ritrosa e diffidente. E' pronta a lasciare l'Accademia, ma la sua partecipazione verso le altre orfane intenerisce il suo cuore. E' una ragazza che osserva e apprende facilmente, mi pare, sa come restare padrona della situazione.
Stupenda l'indignazione della sorella Jania - ti ho già detto che adoro come hai strutturato questo personaggio secondario? - mi ha fatto sogghignare.
Quindi, le nostre due ragazze si mettono in marcia...
Passiamo ai due gemelli!
Anche qui hai fatto un ottimo lavoro con l'introspezione sia dei principali che di quelli secondari, a partire dal padre.
Un uomo altolocato, che ama apparire con una famiglia amorevole che lo circonda ma che si capisce dalle scelte fatte dai figli che questa è solo la facciata: brillo e altezzoso, sembra tirare le file, dove più forte dove con tocchi più lievi, e manovrare le vite dei figli per avere sempre un vantaggio che accresca la sua posizione. La madre ha una caratterizzazione più canonica, che rispecchia un po' il tipo di atmosfera che hai creato in questa storia: dedita alla casa e alla cura dei figli, moglie perfetta, sembra non avere un rapporto intimo con i figli ma svolge anch'esso come un dovere affettuoso, ma pur sempre un dovere da compiere in modo ligio.
E arriviamo ai personaggi che più mi incuriosiscono. Dorelynn è la mia preferita, e lo sarà anche più avanti grazie alla grinta e alla forza di volontà che... ne parlerò a momento debito. Mi piace che sia quella che, fra i due, ha il controllo maggiore dei poteri, ribalta un po' i canoni dell'ambiente in cui i due sono calati, sembrano in antitesi con il resto del mondo. Il loro legame è forte, sincero, fatto di affetto e giochi. Dorelynn compie una scelta coraggiosa che spero possa incanalare con la giusta motivazione in futuro, e non solo perché vuole scappare da un matrimonio combinato che non è di suo gradimento. Lo spocchioso Damien si annoia, e cerca sempre qualcosa con cui distarsi. La sua mente è più instabile, nel senso che ha bisogno dei giusti stimoli per funzionare nel modo corretto. La sua indolenza deriva, appunto, dal tipo di famiglia e dall'ambiente soffocante in cui è cresciuto. Vedremo se più avanti cambierà;)
La scena finale mi è piaciuta in modo particolare: il sentimento fraterno e quell'aria triste/scanzonata è stata resa alla perfezione.
Ti rinnovo i miei complimenti.
A presto!

Recensore Veterano
22/05/17, ore 11:59
Cap. 1:

Ciao, era da molto - troppo - tempo che avevo questa storia tra quelle da recensire, e finalmente ho potuto leggerla e fermarmi a lasciare il mio parere.
Ho già letto sette degli otto capitolo pubblicati (con calma li recensirò tutti) e quindi ti faccio i complimenti per come hai strutturato questa prima parte, la caratterizzazione dei vari personaggi e l'ambientazione molto ben fatta(ho visto la mappa, complimenti). Mi sono piaciute le descrizioni delle varie scene, ben dosate e curate al punto giusto; e ho apprezzato molto anche il tuo stile fluido e semplice, scorrevole e fresco. Hai un buon controllo di POV, anche se mi è parso che ogni tanto perdevi di vista il punto del personaggio in questione. In definitiva, è stato un vero piacere leggere questa piccola maratona di capitoli tutti in una volta, mi ha tenuto in buona compagnia durante il pomeriggio di domenica.
Passando a questo capitolo in particolare!
L'atmosfera iniziale dentro questo monastero è stata resa alla perfezione. Ho amato/odiato (amato perché l'hai resa in maniera impeccabile) la caratterizzazione di Sorella Jania, con cui ci mostri l'intera scena: il modo con cui attacca le orfane, come fa pesare le sue origini, la sua frustrazione e il suo accanimento con le bambine; la cattiveria di tagliare i capelli (pratica ricorrente in un passato neanche troppo lontano)... davvero, hai fatto uno splendido lavoro. Anche la priora, seppur non occupa troppo spazio, hai caratterizzato in modo diretto e chiaro: ella è una donna di monastero, ligia nel perseguire vecchie tradizioni e tabù che sembrano non interessare minimamente la nostra donna dell'est(est, giusto?)
E poi ci presenti due dei protagonisti dei prossimi capitoli. Siobhan è una donna e non si fa problemi a mostrarlo; i suoi modi sono di un combattente, di chi ha faticato per raggiungere quella posizione partendo dal basso e ne è orgogliosa; ha la forza e l'indifferenza di chi sa che peso dare alle parole altrui. E poi abbiamo Marissa: una ragazza pronta a rischiare la sua vita pur di avere salva quello di un animale indifeso; è forte ma introversa, ha grinta e un passato misterioso alle spalle. Insomma è un buon protagonista, che ha molta strada davanti a sé.
Un appunto lo voglio fare sui nomi creati ad hoc per questo mondo: apprezzo sempre, e quindi ci tengo a farti i complimenti, per gli animali che hai creato(di questo capitolo e dei prossimi) insieme a creature e nomi per città e ambienti.
Passando alla parte più tediosa - mi scuso, ma so quanto è importante aiutarci tra autori/lettori, spero che di non offenderti - ho visto alcuni errori di distrazione, nulla di ché.
Passerò presto a lasciare le altre recensione; sappi che non vedo l'ora di leggere il seguito.
A presto!
(Recensione modificata il 22/05/2017 - 12:01 pm)

Recensore Junior
14/05/17, ore 18:56

Buonasera!
Inizio dicendo che il rapporto tra Marissa e Damien mi sta piacendo: il modo in cui si supportano a vicenda in questo territorio sconosciuto e quasi ostile mi fa sorridere. E poi sono contenta di vedere Damien che tiene a qualcuno all'infuori di sua sorella.

Devo dire che la situazione di Siobhan mi pare a dir poco scomoda: sia l'alleanza sia i due ragazzi pretendono risposte da lei, risposte che purtroppo non sa dare. Capisco perfettamente cosa si prova, quindi mentre leggevo quella piccola parte dedicata a lei avrei voluto raggiungerla e aiutarla. Comunque è interessante vederla finalmente in tutto e per tutto nelle vesti d'insegnante: come ho già probabilmente detto nelle altre recensioni, lei e Dorelynn sono le mie preferite, quindi sono contenta di vedere che in questo capitolo abbiamo potuto iniziare a vederla sotto un'altra luce.

Ci metterò trentamila anni per imparare il nome Basorham, ma farò del mio meglio. Comunque, alla parte finale mi aspettavo che il Maestro avrebbe condannato Rabnaz al rogo, o roba del genere. Vabbe', alla fine mi ci sono avvicinata abbastanza xD

Di sicuro prestissimo inizieranno i guai per Marissa e compagnia. Non vedo l'ora di leggere i prossimi aggiornamenti!

Recensore Master
14/05/17, ore 18:29

Ciao! Ti avevo promesso che sarei passata quando avrei visto l'aggiornamento sulle seguite, e così ho fatto. Sono felice di aver rimediato del tempo libero oggi, così ho potuto dedicarmi a leggere attentamente questo nuovo capitolo della tua storia fantasy. Non ti devi preoccupare, comunque: per essere la tua prima prova su questo genere non solo non c'è male, ma dimostri pure di essere portata! ^^ Sicuramente hai letto molto fantasy, prima di scriverlo, e questo si vede bene.
Dunque: la mia cara povera Siobhan non sa che pesci pigliare: tutto ciò che riguarda la nostra Marissa sembra circondato da un fitto mistero. Mentre da una parte noi lettori almeno adesso sappiamo chi ha tentato di rapirla, dall'altra parte ci sono molte domande alle quali ancora non sappiamo dare risposta...e nemmeno Dracoon, e qui la cosa si fa particolarmente oscura.
Riguardo Damien, non c'è stato un solo momento in cui ho pensato che fosse un brutto personaggio: è un testone, è un po' troppo convinto della propria onnipotenza, ma è pur sempre un ragazzino, grande poco più di Marissa! Cos'altro aspettarsi da lui?
Sono davvero curiosa della prossima mossa del Maestro dei Basorham. Ha fatto praticamente fuori uno dei suoi seguaci perché l'ha deluso, adesso si è affidato a un altro. Credo sostanzialmente a una verità: quando i tuoi seguaci si dimostrano troppo stupidi per la missione che gli affidi, allora te la devi sbrigare da solo. E' quello che, secondo me, il Maestro dovrebbe fare. Ma...per il benestare di Marissa e Damien è meglio che si comporti così in fin dei conti!
Ottimo capitolo comunque. ^^
_morgengabe

Recensore Junior
26/04/17, ore 15:45
Cap. 7:

Ciao!

Che dire, la situazione si era fatta ingarbugliata, ma l'arrivo del dracoon ha senza dubbio contribuito ad alleggerire l'atmosfera ^.^

Anche la povera Dorelynn ha i suoi problemi, ma del resto senza impegno non si può raggiungere nessun risultato (cosa che Damien sembra ben lieto di non sapere :P).

Che altro, mi sembra di non aver trovato errori, quindi bene.

Appuntamento al prossimo capitolo ;)

Recensore Junior
21/04/17, ore 19:41
Cap. 7:

Buonasera!
Appena potrò vedere la mappa lo farò, voglio avere un'idea migliore di come sia fatto questo mondo.

Ora, parlando della storia: finalmente abbiamo scoperto cosa fosse quello strano volatile e, devo dire, all'inizio sospettavo che fosse una creatura ostile, ma sono contenta di vedere che non sia così: anzi mi sembra anche un animaletto abbastanza tenero!
Immagino che ormai sia destinata a diventare un personaggio secondario, ma Siobhan mi piace davvero tanto, spero di poter imparare qualcosa di più su di lei e del suo passato, più in là.

Trovo anche Dorelynn un personaggio davvero interessante, e mi dispiace che le sue compagne la trattino così male: non che si atteggi da principessina viziata, al contrario fa del suo meglio con un'umiltà ammirevole. Spero che le cose volgano al meglio per lei, davvero, mi spezza il cuore vederla vittima di questo pregiudizio "al contrario", per così dire, anche perché per ora è lei la mia preferita, anche se è apparsa meno degli altri ed è meno rilevante nella storia principale. Mi piace anche il legame che ha con suo fratello, Damien, e come riescano a essere uniti anche a una tale distanza grazie alla loro telepatia: si vede che ci tengono l'uno all'altra, e leggere la loro "conversazione" mi ha fatto sorridere.

Il fatto che Marissa all'inizio temesse che facessero del male al Dragoon perché succedeva così al monastero mi ha fatto tenerezza: si vede che è ancora una ragazzina innocente, che deve ancora crescere e conoscere il mondo. Diciamo che al momento è spiazzata quanto noi lettori su ciò che le sta succedendo e ciò che le accadrà. Chissà se Siobhan ha le risposte alle domande nostre e della protagonista.

Che dire, non ho idea di quale strada questa storia possa prendere e non vedo l'ora di scoprirlo. Un abbraccio e alla prossima!

Recensore Master
21/04/17, ore 13:21
Cap. 7:

Ciao carissima Eilan! La tua mappa si fa guardare che è un piacere, è davvero ben fatta. Tua originale? Posso chiederti con che programma l'hai realizzata? Mi farebbe piacere fare una cosa simile con l'isola di Orb e i vari regni che la compongono.

Per il resto: bel capitolo! Marissa mi era mancata, e anche quel cercaguai di Damien, che del resto sta prendendo sempre più spessore e carattere come personaggio. Mi piace l'aria che si respira in Accademia, c'è quel giusto alone di mistero, e le cose vanno avanti con il giusto peso e con il giusto tempo.
Adoro il Dracoon! Un drago-procione, non può che essere qualcosa di insieme tenero e pericoloso. Per lo meno i nostri adesso hanno un nome dal quale partire: cosa significherà questo animale per Marissa, dunque? E per quale motivo l'avrebbe salvata? E' tutto da vedere.
Non ti nascondo che ho pensato ai Daimon di Queste Oscure Materie e al rapporto speciale ed esclusivo che hanno con i loro detentori umani!

Adoro il rapporto che c'è tra Dorelynn e Damien. Mi piace l'idea che i due si parlino nella mente e che la sorella dia dei buoni consigli al fratello. Si vede chi dei due ha più giudizio, insomma.
Per quanto riguarda "i grandi", Siobhan ha un bel po' di dubbi e gatte da pelare. Non vedo l'ora di sapere che cosa scoprirà! Amo questo personaggio.
Bel capitolo!
_morgengabe

Recensore Veterano
18/04/17, ore 19:24
Cap. 2:

Ciao! Scusami se è passato un bel po' di tempo da quando ho letto e recensito il primo capitolo, ma, purtroppo, negli ultimi mesi ho perso un po' di vista la tua storia. Ora, però, voglio leggermi con calma tutti i capitoli che hai pubblicato e rimettermi in pari.^^
Marissa sta per partire insieme a Siobhan alla volta dell'Accademia in cui le verrà insgnato a controllare i suoi poteri e non sembra affatto triste all'idea di dover lasciare il momastero; nel frattempo, facciamo anche la conoscenza di Damien, anche lui in procinto di iniziare il suo viaggio. Appare già come un ragazzo molto sveglio, che sa come tirarsi fuori dalle situazioni scomode, come la festa organizzata dal padre.XD Ciò che più mi è piaciuto di lui è il rapporto con la sorella, uniti non solo dal vincolo famigliare, ma da veri e propri contatti telepatici, che permettono loro di entrare l'uno nella mente dell'altra. Un particolare molto interessante, che ha però reso più dolorosa la loro separazione. Dorellyn, inoltre, sembra una ragazza forte e determinata, che pur di non piegarsi al tipico destino che attende le donne nella sua società, ovvero andare in spose a uomini che non amano, solo per soldi e per l'onore della famiglia, preferisce rimanere nubile e diventare una guerriera, nonostante per fare ciò debba abbandonare la sua casa e la sua famiglia.
Complimenti, riesci a creare personaggi molto interessanti e sfaccettati! A presto!;)

Recensore Junior
29/03/17, ore 16:09

Ciao!

Anche in questo capitolo abbiamo scoperto qualcosa in più sui nostri protagonisti, che finalmente si sono incontrati (ammetto che, essendo passato un po' di tempo, mi ero dimenticato che il protagonista maschile si chiamava Damien, quindi non l'avevo riconosciuto :P).

Se posso farti un paio di osservazioni personali, secondo me all'inizio hai ripetuto un po' troppe volte che Marissa è impolverata. E poi avrei lasciato un po' più soffuso il fatto che pensa di riconoscere quei luoghi: magari potresti accennarlo una volta e poi lasciare che "completi nella mente" la frase di Siobhan quando parla dell'accademia al centro di un lago.

Per il resto, mi spiace un po' di dover aspettare un mese tra un capitolo e l'altro, soprattutto perché sono sicuro che nel frattempo mi sarò perso alcuni pezzi (vedi il nome di uno dei protagonisti D:). Anche se pure le mie due settimane non sono poche...

Alla prossima! :)

Recensore Junior
26/03/17, ore 09:10

Buongiorno!
Spero vivamente che il personaggio di Damien si sviluppi molto, nel corso della storia, perché ora sembra davvero solo un bambino viziato della peggior specie: dovrebbe imparare un bel po' da sua sorella.
Ma sto divagando. Un'accademia in mezzo a un lago è un concetto interessante e già dà un senso di "magia" all'edificio, quindi direi che è una scelta più che azzeccata.
Posso dire invece che mi aspettavo che l'Airknoril avrebbe fatto qualche strano effetto su Marissa, e infatti così è successo: il perché mi è sconosciuto ma, come hai detto tu, avremo le nostre risposte nel prossimo capitolo.
Quanto al fatto che Marissa ricordi tutto di Letha, l'ipotesi più ovvia che mi viene in mente è quella di una reincarnazione di qualche sorta, ma forse non sarà così: è anche vero che non sono proprio bravissima nelle deduzioni.
Per ora, tutto ciò che posso fare è aspettare con pazienza il prossimo capitolo: non vedo l'ora di vedere come avanzerà la storia!

P.S.: ti segnalo un errore di battitura: "suo no" invece di "suono".

[Precedente] 1 2 3 [Prossimo]