Recensioni per
Furia Nera
di PawsOfFire

Questa storia ha ottenuto 44 recensioni.
Positive : 44
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
[Precedente] 1 2 3 [Prossimo]
Recensore Master
21/04/17, ore 01:08
Cap. 18:

Hey :)
innanzitutto scusami per l'estremo ritardo con cui mi faccio viva. è una settimana molto impegnata, ma da martedì dovrebbe tornare tutto normale u.u

Dunque, io sono un po' alterata per via dell'alcol, ma insomma il primo pezzo con Bastian piccolo e i suoi fratelli mi ha emozionato come poche cose.
A parte la tenerezza assoluta (Vati!! Mutti!!! <3 <3), il gattino nero che si chiama Furia (si spiegano molte cose), e la famigliola adorabile... insomma sul finale, con la parte riguardante Stefan e il suo desiderio di fare l'aviatore come il barone rosso, ho rischiato seriamente di piangere.
"Chi lo sa. Ma Stefan sta in un angolo, coperto dai raggi di sole. Sotto di lui non c’è nulla."
veramente bellissimo. straziante, poetico e bellissimo.

Ciò che segue è l'amara ironia della guerra e del disperato tentativo di questi uomini di restare umani, perfettamente mascherato con un notevole humor. Spassosissima la scena della piccola fattoria, e come al solito realistica, nel suo essere assurda, così come quella del tasso. C'è una grande umanità che trapela da questa storia, come sempre, ed è incredibile come a tratti sia angosciante e ad altri estremamente divertente. Inoltre voglio farti i miei complimenti sullo stile, che man mano che si prosegue diventa sempre più fluido e coinvolgente.
Ci risentiamo presto <3

~Sky

Recensore Master
19/04/17, ore 09:46
Cap. 18:

Ciao carissima,
eccomi qui finalmente a seguire le avventure del mio Tiger preferito.
Molto bello il flashback del capitano. Come sempre, al di là della facciata umoristica si vedono spaccati di vita che fanno riflettere.
Faust è sempre un fanfarone narcisista e pieno di sè, ma ogni tanto saltano fuori questi piccoli episodi, o qualche eco del suo pensiero, che di colpo ci fanno uscire dall'ambito comico per entrare in quello amaro della tragedia.
Come sempre molto bello, complimenti.

Recensore Master
14/04/17, ore 17:34
Cap. 17:

Tom è vivo e si sta riprendendo, e questa è la cosa fondamentale XD
Ma a parte ciò, sono stata felice di leggere un capitolo più "leggero", dove l'ironia e l'assurdità della situazione, in senso comico, tornano a fare da padrone. I due disertori-wannabe non si smentiscono mai, e così anche l'impeccabile Basti che sembra fare di tutto e anche di più per mettersi in ridicolo, ottenendo un risultato più che discreto ;)

Delicata e con tratti quasi poetici la scena di lui che va a trovare Tom e gli lascia il giornaletto con le signorine succinte, in segno di amicizia. Bastian ha ammesso, in uno sprazzo di lucida umanità, che Tom è l'unico con cui riesce ad interagire normalmente, e lo capisco bene - vedi che cosa è successo nella testa impazzita del povero Maik.
Troppo bella la scena del bigliettino "questo pazzo tenetevelo per voi" XD hahaha, mi sono sbellicata! E bravi ragazzi russi che lasciano in omaggio le bottiglie di Vodka, così si fa!

Dunque, finalmente sono in pari. Attenderò dunque gli aggiornamenti, fedele come la recluta canina Fiete... no forse non è un paragone azzeccato, ma insomma ci siamo capiti ;)
A presto!

~Sky

Recensore Master
14/04/17, ore 17:01
Cap. 16:

Oddio. Oddio ho le lacrime agli occhi.
Emme, che siede dall'altro angolo del tavolo, si sta chiedendo da dieci minuti buoni che cosa mi sia preso, e sono riuscita solo a farfugliare che Tom era stato ferito.

Non riesco a farti un commento sensato, perdonami.
Sappi che questo capitolo è stato stupendo, soprattutto la parte in cui Bastian si nasconde nel carro e poi scappa di nuovo fuori, ma veramente non riesco ad articolare. Vado immediatamente al prossimo!

Recensore Master
14/04/17, ore 16:44
Cap. 15:

Hey!
Altro capitolo bellissimo, anche se meno "denso d'azione". Ho apprezzato in maniera particolare la scena del "nonnismo", in cui la recluta cosiddetta porcina viene presa di mira da Bastian... che piange con lui, consapevole che non è colpa di nessuno se non dell'orrore che tutti loro sono costretti a subire di ora in ora.
Ma lui ha un costato bellissimo, quindi che importa se si vede, con la poca carne che gli è rimasta addosso?

E dunque, ho amato moltissimo anche la parte in cui il buon capitano non riesce ad aprire la botola del Panzer e crede di morire soffocato. In particolare in questo passaggio: "Quando finalmente riuscimmo a raccogliere tutti i caduti (verbo cadere, per fortuna)" che è assolutamente delizioso, proprio dal punto di vista stilistico.
Ma dopo il rallentamento del campo minato, i nostri si stanno finalmente avvicinando alla linea del fronte. Immagino che ne vedremo delle belle (e delle brutte).
A presto!

Recensore Master
14/04/17, ore 16:26
Cap. 14:

Ciao di nuovo :3
Sai, forse questo è il capitolo che mi è piaciuto di più finora. Le descrizioni della guerra, in senso lato, sia come la vivono intimamente i personaggi sia per ciò che accade sul campo, sono vivide al punto da far rabbrividire.
Oltre all'umorismo nero come il catrame, quello che succede, di paragrafo in paragrafo, diventa man mano più realistico e raccapricciante. Così come lo è il modo in cui Maik comincia a perdere il senno, quasi che stesse definitivamente perdendo l'umanità in tutto quell'orrore.
Il paradosso (in senso assolutamente positivo) di questa storia è che nonostante le situazioni assurde, il pittore, il capitano narcisista, i lupi siberiani, è tutto così realistico che si potrebbe pensare che sia successo davvero. Perché alla fine l'essere umano è un po' così, incoerente, che fa cazzate di fronte all'orrore un po' per stemperarlo e un po' per conviverci, e questa storia incarna perfettamente questa parabola.
Mi piace sempre di più. Se riesco, oggi mi metto in pari con gli aggiornamenti!

Recensore Master
14/04/17, ore 14:15
Cap. 13:

Hey, finalmente trovo un po' di tempo per dedicarmi a questa storia!

Siamo tornati alla drammaticità dei ricordi di Bastian, in particolare quelli sulla sua famiglia. Assurdamente struggente l'immagine di lui bambino nello studio del padre (che fortunatamente non ha chiamato -Se-Bastian tutti i suoi figli), e ho avuto una stretta al cuore quando c'è stato il funerale di Stefan. La scena della vedova, che si accanisce contro Bastian e Alfred, è stata tremenda e realistica.
Un classico letterario, ripensare alla propria vita quando ormai sembra finita. Ma i nostri eroi sono fortunati, e c'è una compagnia di matti a capo del T34.

"Non siamo nella Luftwaffe, soldato” XD no difatti, ma Chagal sembra tenerci così tanto.
E la parte finale, quella con i "siberiani"... assolutamente geniale. è vero, Basti, il mondo è proprio folle.

Come sempre splendide le citazioni e i riferimenti storici, e complimenti per questo capitolo che mi è piaciuto tantissimo. Passo subito al prossimo!

Recensore Master
10/04/17, ore 16:51
Cap. 12:

Hey :D
Ero così contenta di tornare a leggere del mio amatissimo e (s)fortunato capitano, e me lo ritrovo in infermeria in preda alla febbre da tifo.
Ma povero Basti, non gliene va una giusta. E dire che stavolta le vittime della bottiglia contaminata erano tante, ma il poveretto se l'è vista davvero brutta.
Altro che occhiaie e rughe, ormai sembrerà un vero e proprio fantasma. Ma questo non diciamoglielo: per me rimane sempre un perfetto ariano, bello come un dio XD

Ebbene adesso si trovano alle spalle un T34 russo, perché le disgrazie non hanno mai fine. Fatti forza Basti, sei sopravvissuto al tifo, che sarà mai un T34 ...
Più tardi ripasso sicuramente!

~Sky

Recensore Master
04/04/17, ore 20:56
Cap. 11:

Ciao!
Il povero Basti se l'è vista veramente brutta, durante la convalescenza. Il dottore non si è risparmiato, il terrore di vedersi rifilato un Panzer I imperava, e ci mancava solo il cecchino con problemi di vista XD
Le genialità dei personaggi di side è notevole, non c'è che dire ... mi sono sbellicata XDDD

E forseforse Bastian ha trovato qualcuno che si vanta più di lui. Sicuramente in maniera più inverosimile.

Ho temuto anche io con lui per la Furia, sono sincera. Ho temuto soprattutto per la sua sanità mentale ovviamente, per quanto fossi anche io affezionata alla Tigre <3 Ma fortunatamente era tutto uno scherzone, e il mio capitano preferito può tornare operativo! *sospiro di sollievo*
Che facce di *** quei due che non lo sono nemmeno andati a trovare XD

Con animo più quieto, vedendo che Basti è tornato a far calare il sipario sul circostante e sulla propria coscienza, ti faccio i complimenti per questo capitolo e per questa storia <3
A presto!

~Sky

Recensore Master
01/04/17, ore 16:04
Cap. 10:

Hey ^^
Ripasso su Furia per scoprire un fiorente traffico di coniglietti mimetici, bianchi e con gli occhi rossi, come piccoli demonietti (insomma sono d'accordo con Basti, nonostante il mio grande amore per gli animali, ho sempre trovato inquietanti i conigli. soprattutto quelli albini).
La prima parte del capitolo è realisticamente tragicomica, con il desiderio incontenibile dei soldati di reperire della carne che sostituisca anche se per poco l'orrida zuppa di rape. La seconda realisticamente solo tragica, anche se condita dalla classica ironia che caratterizza questa storia, con la conclusione della Furia che viene distrutta.
Ho temuto seriamente per gli uomini del capitano, quando il nostro dottore con il feticismo per le amputazioni gli ha detto che c'erano due pessime notizie. Ho temuto per Fiete, Tom e gli altri, ma per fortuna stanno tutti bene, anche se la Furia non c'è più.
Mi chiedo cosa farà ora Bastian, senza il suo Tiger.

Come sempre, adoro questa storia e i piccoli spaccati sulla guerra che tratta. Mi è piaciuto anche questo tocco di amarezza in più da parte del capitano, anche se mi preoccupa... nasconditi Basti, torna nel tuo mondo di favole, che è sicuramente migliore di quello reale.
E come sempre, deliziose le citazioni storiche. Ci sentiamo presto!

~Sky

Recensore Master
26/03/17, ore 23:08
Cap. 9:

Alla fine Bastian avrebbe davvero sparato a Ivan Bykov? Non lo sapremo mai. Anche se non sembrava in vena di farlo.
Per sua fortuna, dato che Bastian è l'uomo più fortunato di tutto il fronte orientale, Ivan ha deciso per il suicidio d'onore invece di tentare di sgozzarlo e darsi alla macchia.
Ma a parte tutto, rinchiuso nella sua bolla di sapone che gli tiene la realtà lontana, per quanto possibile, il capitano non mi sembra una cattiva persona. Nonostante le vanterie, nonostante il cipiglio da signor-so-tutto, la sua incontenibile voglia di venire servito e riverito.
Mi sembrano tutti meccanismi di difesa, ecco.
Alla fine della festa, l'impressione che ho è che Bastian stia cercando di restare umano, in un modo un po' bizzarro. Gli sto volendo un gran bene in questo momento, sallo.

Sicuramente mi è apparso più umano del Maggiore a cui non era mai importato molto il suo grado e che non era mai stato promosso in venticinque anni di non-rispetto, che gli fa "scegliere" di fucilare il prigioniero e poi gli ordina di eseguire.
I diversi volti dell'umano, esplorati in maniera semplice e concisa ma più diretta di una palla di cannone.

"C'erano davvero fantasmi in quel campo."
Capitano, ti sono vicina.

Tornerò presto a leggere i prossimi capitoli, e ti faccio i miei complimenti per questo piccolo capolavoro che sta venendo su.

~Sky

Recensore Master
26/03/17, ore 22:28
Cap. 8:

Perdonami, non sono riuscita a cogliere la citazione anche se mi ci sto scervellando da dieci minuti buoni XD

Molto bello questo capitolo e il riferimento al progetto Lebensborn, che denota che da scrittrice, stai trattando con un tema che conosci molto bene :)
Questo è stato uno di quei capitoli dove ti arriva in faccia tutto l'orrore della guerra, nonostante le demenzialità del nostro capitano preferito.
La scena dell'infermeria è stata notevolmente scioccante, così come la cupezza della parte finale, in cui il "distacco dalla realtà" di Bastian non appare come una celebrazione di sé, ma più come un suo sistema per sfuggire all'orrore della guerra.
Il suo modo distaccato e un un po' "scemo" di vedere le cose le rende ancora più crude e devastanti, quando riescono ad oltrepassare la sua barriera. Non so se mi riesco a spiegare, spero di stare avendo senso.

Ecco, forse è questo quello che non riuscivo a dire nei capitoli precedenti.
Le parti "forti" di questa storia risultano così intense proprio perché "arrivano" a Bastian, nonostante tutto, nonostante lui sia così lontano dal mondo reale e rinchiuso nella sua bolla di realtà alternativa.
E questa cosa è agghiacciante (in senso assolutamente positivo, s'intende).
Se non crollo prima, passo anche dal prossimo!

Recensore Master
26/03/17, ore 21:46
Cap. 7:

Povero capitano, a questo giro gli è andata veramente male.
Prima l'ipotermia, poi il carcere, poi la condanna a morte per Fiete (che fortunatamente se l'è cavata), poi la mancata attuazione del nonnismo, e infine l'apparizione dell'infido traditore.
Mi chiedo come se la caverà, questa volta XD

"Nonostante il cognome fosse sfacciatamente ebraico, nessuno riuscì a risalire alle origini, incontrando nel suo albero genealogico solo brava gente di Amburgo. Ciononostante si poteva cogliere la sua dolce sfumatura giudaica della sua personalità."
Per qualche motivo, a questo passaggio mi sbellico.
In effetti alla compagnia mancava il dottore fissato con le amputazioni, che insomma da un tocco di classe in più che non guasta mai ;)
E Bastian che vuole scavarsi una via di fuga con il cucchiaino è qualcosa di epico. Se veramente questo matto una una dote invidiabile, è senza dubbio la caparbietà. Non si scoraggia nemmeno di fronte all'ineluttabile con panna e ciliegine XD

Vado subito a scoprire che cosa il destino ha in serbo per lui!

Recensore Master
26/03/17, ore 20:40
Cap. 17:

Ciao carissima,
molto divertenti come sempre le avventure del nostro capitano!! La scena con la cantante mi ha fatto sbellicare, e anche Maik legato come un salame con il biglietto "tenetevelo voi".
Bellissimo, man mano che si va avanti le vicende si fanno più divertenti e "militari". Si vede che stai studiando^^
D'altra parte, una che per parlare del Tiger si procura il manuale di manutenzione e d'uso ha tutto il mio rispetto!
Complimenti, continua così!

Recensore Master
21/03/17, ore 22:52
Cap. 6:

Konig Friedrich I von Russland, detto Fiete <3
Una cosa bellissima.

"Se fosse per me il mondo dovrebbe essere votato alla pace ed all’amore. Possibilmente nei miei confronti."
Altra cosa bellissima XD

Okay, scherzi a parte, insomma, tralasciando le prodezze del capitano, questo capitolo mi è piaciuto un sacco. In un modo che, come prima, non riesco bene a spiegarti.
Mi sento scema...
Allora la parte finale ecco, quella del dialogo sulla primavera. Avevo le lacrime agli occhi e ho dovuto inghiottire il nodo alla gola.

Non ho mai letto una storia che intrecciasse così tanto e così bene un tema drammatico con le esperienze comico/surreali del protagonista (dei protagonisti, in questo caso). è un'esperienza assurda, e sono veramente felice di starla leggendo.

“Non c’è niente di più tragico che morire in primavera. Non crede, Herr?”

Ma io forse dovrei ridere per la prima parte del capitolo, quella con il punto di vista di Tom. E invece mi viene da piangere mentre Tom guarda i bucaneve...
Facciamo che mi dileguo perché non sto avendo troppo senso, ma in ogni caso ti faccio i miei complimenti per quest'opera. Diventa sempre più bella man mano che proseguo con i capitolo.
A presto!

~Sky

[Precedente] 1 2 3 [Prossimo]