Recensioni per
Il vademecum onnicomprensivo al nulla e a poco più, titolo provvisorio ma che intanto lascerò
di MarcoBacchella

Questa storia ha ottenuto 4 recensioni.
Positive : 4
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Master

Ciao Marco :)
Sono qui per l'iniziativa 'Aiutaci ad arrivare a 1000 recensioni fatte' della nostra pagina facebook.
Questo apitolo mi ha fatto scompisciare, sei stato davvero bravo e devo dire che il tipo di ironia che utilizzi mi piace moltissimo xD
"Da lì ascoltai uno spiegone a otto mani su come il dipartimento di beni culturali fosse uno dei migliori in assoluto. Fu molto avvincente. I professori erano molto disponibili ed esaustivi, devo dire. Avevano un che di particolare, di completamente sconosciuto e di misteriosamente avventuroso.
Eppure non mi sentivo proprio a mio agio. Certo, era da anni che non vedevo l'ora di iniziare l'università, di dialogare coi miei pari, di vendere organi per poter pagare i libri e cose così.

Ma io ero iscritto a filosofia."

Già da qui mi sono piegata in due dalle risate, non è stato facile finire di leggere il capitolo, anche perché mi ha maledettamente ricordato il mio primo anno all'università, quindi ad un certo punto non sapevo più se ridere o piangere xD

"Analizzare le disfunzionalità della propria famiglia è più difficile di quanto pensassi." <- Quanto è vero!

"I miei genitori mi avrebbero accompagnato, avremmo disfatto gli scatoloni assieme mentre un pianoforte andava in sottofondo, mi avrebbero augurato il meglio, consegnandomi la mia prima cassetta degli attrezzi da uomo di casa.
Non fu così per diverse ragioni.
Non mi avrebbero mai aiutato a fare un trasloco.
Anzi, mia madre era proprio contraria al mio andarmene da casa. "
Che ansia, mi è successa esattamente la stessa cosa D:

Ti ho citato giusto qualche passaggio che mi è rimasto più impresso, ma non ho potuto farlo per tutti, se no sarei finita a fare un copincolla del capitolo x3
A presto :)

~ Emme

Recensore Veterano

Oh mio dio, un amico universitario!
È da un sacco che non salgo su efp e oggi mi sono messa a caso a cercare qualcosa da fare durante l'ora e mezza di noia prima di un esame posticipato alle 13.30 da una professoressa poco simpatica. Sì, sempre unimi!
Mi piace davvero tanto come scrivi, è scorrevole, ma in qualche modo filosofico (il che spiega la tua scelta di facoltà), anche se per niente pesante.
Andrò avanti a leggere dopo l'esame, ma intanto ti do il benvenuto alla Statale!
mikchan

Nuovo recensore

Lasciai, discretamente nel passato, una recensione ne "La Guida vagamente vaga a Oxford e dintorni" nella quale parlai dei biscotti francesi, quelli friabili al burro, che alla fine sono una delle poche cose dalla Francia che piacciono.
Ora, discretamente nel presente, ho con me una scatola di biscotti al burro francesi e un buon libro da leggere. Il libro si ferma al secondo capitolo, ma i biscotti francesi abbondano.
Non che questa recensione abbia portato a granché, era per perdere tempo e vedere la tua risposta.
Ah si, mi piace come scrivi.
Ci sentiamo

Nuovo recensore

Ok, confesso che ho letto metà della tua storia perchè avevo già così tanto materiale da recensire che ho preferito dividerlo e lavorarci con calma. Allora, da dove comincio? (Preparati, sono un tantino egocentrica, devo parlarti di me per poter parlare di te e della tua storia [brillante, per intenderci, la storia]).
Io frequento la stramaledettissima facoltà di filosofia, e so di cosa parli e come ne parli. Si sentono gli echi di milioni e milioni di minchiate (scusa, sotterro il mio cinismo) dalle tue parole. Che si, sono belle, ma sciallati! La vita è semplice, perchè complicartela con paroloni che nemmeno Wittgenstein capirebbe?!? Comunque quello che hai scritto mi è piaciuto. Mi rispecchio quasi totalmente in te: dal tizio che ti ferma per i dibattiti, alle aule ignote impossibili da trovare, passando per i ritardi di treni noumenici e arrivando ai problemi (seri) di vista. Le ho vissute tutte sulla mia pellaccia e questo le rende autentiche e vissute. Mi piace. Un punto per te.
Se in più ci aggiungi i problemi alla frontiera allora hai fatto tombola. Mi hai fatto ridere, anche perchè è la parte più scorrevole (e priva di paroloni altisonanti di cui, in tutta onestà, non conosco nemmeno il significato). Tutto questo per dire che, nella metà di testo che ho letto, nelle parti scorrevoli scorgo dell'originalità non banale e divertente, spassosa!
La mia non è una critica, anzi, è un onestissimo complimento per il tuo lavoro che è ben fatto (e magari appena appena prolisso). In ogni caso non potrei mai mancarti di rispetto, ci hai già pensato da solo scegliendo filosofiaXD (ti sono vicina fratello!)

(Filosofia morale e antica? Ottima scelta, li ho seguiti entrambi anche se in una facoltà lontana anni luce da Milano. Senza contare che ogni mio singolo professore ha 100 anni, per gamba).
Spero che l'odio riservato in passato per Kant e Hegel sia durato, così posso felicemente affermare che abbiamo qualcos'altro in comune XD

No dai, ho finito di leggere tutto il tuo primo capitolo e mi è piaciuto tanto! Scrivi davvero in modo impeccabile (si vede da dove arrivi, la classe non è acqua!). Sono ancora allibita per la scena della denuncia e ho ancora le lacrime per le risate (lo so, non si ride delle altrui sventure, ma dai! È una sfiga dietro l'altra!)
Devo assolutamente sapere come si sviluppanonle cose con la conturbante Sophia col "ph". Potrebbe nascere un amore alle 50 sfumature, sulle fanfiction non si sa mai come evolvono le cose!
Quindi, per favore, pubblica il secondo capitolo e fai contenta una tua collega!
(Recensione modificata il 07/11/2016 - 04:35 am)