Recensioni per
Hans Klein:la mia guerra
di Pierfrancesco fancello

Questa storia ha ottenuto 8 recensioni.
Positive : 8
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Junior
26/06/17, ore 19:15

Ciao^^
Anche stavolta qualche piccola correzione:
- "affondo" sarebbe "a fondo"
- hai scritto "allungo" al posto di "a lungo"
- in alcune frasi hai dimenticato il punto finale

Detto questo, il capitolo è molto bello. Hans comincia a capire che i nazisti prima di tutto sono persone e non per forza malvagie. Il tenente Stainer gli ha salvato la vita mentre suo padre ha accettato il nuovo lavoro soltanto per il bene della sua famiglia. La scena finale è molto tenera, con Hans che si riappacifica con il padre riponendo nuovamente in lui la sua fiducia.
Complimenti e alla prossima :)

Nuovo recensore
25/06/17, ore 17:22

Bella Storia. Tendenzialmente apprezzo tutto ciò che riguarda il nazismo o giù di lì, ma quando cominciano a combattere?

Recensore Junior
08/06/17, ore 16:38

Ciao^^
Il tenente Stainer aiuta il nostro protagonista ad uscire da una brutta situazione. Così Hans si rende conto che anche gli ufficiali delle SS hanno un lato umano e che non sono soltanto dei mostri come siamo abituati a pensare. Una storia sempre molto bella, complimenti! :)

Recensore Junior
03/06/17, ore 17:03

Ciao^^
Hai descritto molto bene il rapporto tra Hans e sua sorella. Da bravo fratello maggiore lui cerca sempre di proteggerla e per il suo bene è disposto anche a mentire. Il protagonista dimostra più volte di essere un ragazzo dolce e sensibile, anche il suo carattere non è adatto alla società nazista.
Giustamente hai fatto riferimento alla Notte dei Cristalli, tragico evento che ha mostrato ad Hans il lato più duro e violento del nazismo.
Adesso c'è da vedere se il tenente Stainer ha intenzione di tirar fuori dai guai i due fratelli...
Un bel capitolo, complimenti! Alla prossima :)

Recensore Junior
20/05/17, ore 16:41

Ciao! Continuo a commentare la tua storia sperando che la cosa ti faccia piacere.
Ti segnalo solo qualche imprecisione, probabilmente piccoli errori di distrazione:
- non so se "fin che" sia corretto, ma è meglio "finché"
-"la avrebbe" e "la avrei" sarebbero "l'avrebbe" e "l'avrei"...l'apostrofo fa la differenza
-ti consiglio di controllare le virgole, in alcuni casi ce n'è qualcuna di troppo
es. È possibile che questi uomini, non conoscano il significato della pietà?
La virgola non serve, si legge perfettamente:
È possibile che questi uomini non conoscano il significato della pietà?

Scusa per le correzioni, ma sono semplici consigli per migliorare la storia.
Vedo che stai continuando con capitoli brevi, non è un difetto, ma non devi aver paura di aggiungere qualche descrizione in più.
L'utilizzo della lettera per studiare l'introspezione del personaggio è una bella idea. Capiamo che il nostro protagonista non è in conflitto soltanto con la mentalità del suo popolo, ma anche con se stesso. Vorrebbe fuggire da questa realtà e ritiene scorretto ribellarsi attraverso la violenza, purtroppo per il momento non può far altro che sopportare in silenzio.
Complimenti, la trama è sempre molto interessante, attendo il prossimo capitolo :)

Recensore Junior
17/05/17, ore 19:04

In questo capitolo hai voluto spiegare le ragioni che hanno spinto il protagonista a disprezzare gli ideali del nazionalsocialismo, ovvero l'infanzia all'estero e gli insegnamenti dei nonni. Secondo me avresti potuto approfondire meglio il contrasto tra le due mentalità, magari descrivendo come Hans ha vissuto il suo ritorno in patria. Mi è piaciuto il riferimento al Mein Kampf, tutti avevano la verità davanti agli occhi, ma purtroppo in pochi hanno avuto il coraggio di ribellarsi.
Ho trovato il capitolo un po' breve, ma ritengo sempre molto interessante voler affrontare il tema del Nazismo utilizzando il punto di vista di chi ne è rimasto estraneo, quindi attendo di vedere come proseguirai questa storia :)

Recensore Junior
07/05/17, ore 13:58

In questo capitolo cominciamo a scoprire qualcosa in più sul passato di Hans e questo ci aiuta a capire come sia nato il suo disprezzo per il Nazismo. Interessante anche il rapporto con il padre, il quale si è adattato al Regime per il bene della famiglia e non per questioni ideologiche come lo zio Joseph. Un altro capitolo davvero ben scritto, complimenti :)

Recensore Junior
06/05/17, ore 09:09

Complimenti! Questa storia sembra davvero interessante. L'idea è originale e questo primo capitolo, anche se solo di introduzione, è decisamente ben scritto. Sono curiosa di conoscere meglio Hans Klein e la sua storia, spero di poter leggere presto il seguito :)

Star_Rover