Recensioni per
la proverbiale sofferenza di uno studente ventitreenne
di phantophobia

Questa storia ha ottenuto 2 recensioni.
Positive : 2
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Junior
27/08/17, ore 17:06

Ciao Phanto, come ti ho scritto in un messaggio privato, ti avevo promesso che ti avrei letto al più presto e credo che più presto di così, si muore!
A proposito di morte:
Se Matteo un giorno 'conquisterà' i due agognati meloni...'morirà'! Eheheeheh!
'Tribolazioni si un nerd all' università' a momenti lo potesti intitolare. :-)
Mi ha fatto ridere questo testo, lo giuro e poi c' é da dire che mi piacciono gli eroi sfortunati nel contesto giovanile oppure universitario.
La simbiosi con Giulia/Giulio é una bella trovata in quanto dimostra che c é sempre qualcuno con cui condividere/ dividere mancanze e turbamenti.
Fortunatamente eviti lo stereotipo del nerd, anzi lo rendi ironico ed anche molto interessante, e sicuramente prevedo altri capitoli.
Insomma dal primo all' ultimo rigo sono rimasto catturato dalla vicenda oltre che ridere piacevolmente.
Ho scritto anch' io un racconto dal titolo 'Il nerd' con la sola differenza che il mio protagonista risulta probabilmente più 'attrezzato' nonché più fortunato del tuo.
Anche questo assieme a 'Il bullo' ti consiglio caldamente di leggerlo, 'Il nerd' dovrebbe strapparti (forse) qualche sorriso o risata.
Brava e ti auguro buona domenica. :-)

Recensore Veterano
08/06/17, ore 22:49

Ciao Phanto
Non so se sia effettivamente la tua storia o se Matteo (che tra l'altro è anche il mio di nome, quindi in caso GG ai tuoi per la meravigliosa scelta) sia un personaggio di tua fantasia, ma complimentoni! Ho riso tantissimo e non ti saprei dire la parte che mi ha fatto ridere (forse un po' tutte le battute su Giulio che si riferiscono all suo essere ogni tanto Giulia), però il tuo stile è veramente tanto scorrevole ed è più che un bene: di base questo racconto per ora è più riflessivo che altro, quindi l'essere arrivato a fine senza sentire le palpebre appesantirsi è un gran merito per te.
Mi permetto sfacciatamente di farti una correzione (e dico "sfacciatente" perché da quel che vedo saresti te che dovresti insegnare a scrivere a me): ad un certo punto, per parlare di ciò che hai fatto/Matteo ha fatto la sera prima restando nella frase in cui raccontavi l'incontro con Giulio, hai infilato tutto un discorso in una parentesi. Mentre sto scrivendo ho capito che forse potrebbe essere un modo coerente di raccontare, dato il vizio di divagare del narratore, ma lì per lì mi ha creato un po' di confusione. Vedi te, ovviamente, se valutare la cosa come imperfezione o meno.
Che dire... Spero di esserti stato d'aiuto col mio parere.
A presto
da xtomx95.