Recensioni per
Once and Again
di queenjane

Questa storia ha ottenuto 18 recensioni.
Positive : 18
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
[Precedente] 1 2 [Prossimo]
Recensore Master
12/08/17, ore 11:02

Cara Queenjane,
Ti dirò! Una Zarina del genere, almeno a mio avviso, è decisamente antipatica e non fa nulla per non
esserlo, anzi si impegna molto per mantenere alto il suo successo in tale campo. Non sta rendendo
felice nessuno dei suoi figli. Un grande insuccesso per una madre. Contenta lei! E adesso che vorrà
mai da Olga?
Un affettuoso saluto

Recensore Master
12/08/17, ore 09:45
Cap. 16:

Cara Queenjane,
Un sedicesimo capitolo decisamente adorabile. Una galleria di richiami e di rimandi ad altre storie, altret-
tanto adorabili. Una sapiente descrizione di luoghi e cose care anche a chi ti sta scrivendo. Insomma un
gran bel viaggio davvero. E così le nostre due gradi amiche, queste due adorabili sorelle nello spirito, si
stanno per separare un' altra volta. La vita è fatta così... Ogni tanto essa impone anche degli arrivederci,
certamente non drammatici quanto gli addii, ma pur sempre dolorosi.
Un affettuoso saluto

Recensore Master
11/08/17, ore 12:56
Cap. 15:

Cara Queenjane,
Catherine si sta facendo grande. Tredici anni non sono molti, ma sono già una bella età. Nuovi pensieri
si stanno affacciando nel suo cuore, emozioni mai provate prima. Dispiace vederla un po' abbandonata
a se stessa, ma, del resto, con un padre del genere e sua madre assorbita dalle cure per Alexander,
non potrebbe andare diversamente. E se gli adulti, poi, si dovessero dimostrare tutti, o per lo meno la
gran parte, sciocchi come l' amica della Zarina, è preferibile affrontare la vita contando sulle proprie
ricchezze interiori (che alla nostra protagonista non fanno difetto) e sul sostegno delle amicizie più ca-
re e vere.
Un affettuoso saluto

Recensore Master
08/08/17, ore 19:47
Cap. 14:

Cara Queenjane,
Lo Zarevic sta imparando, specialmente grazie a Catherine, tante cose nuove e si sta dimostrando sem-
pre più intelligente e affamato di conoscenza. Quanto dispiace vedergli ancora addosso quei pannolini...
Indispensabile supporto alla sua sicurezza fisica, ma certamente non troppo adatti per la sua sensibilità
psicologica. Gli eventuali danni riportabili da entrambi i fronti sarebbero gravi, ma le mamme hanno le
loro personali classifiche di rischio, sulle quali nemmeno ad uno Zar è permesso di interloquire.
Io devo complimentarmi ancora una volta con te, carissima! Questo capitolo è veramente notevole. In
poche righe hai saputo miscelare sapientemente storia e fantasia e a quest' ultima, poi, hai saputo in-
fondere profonda credibilità. Davvero un gran bel capitoletto!!!
Un affettuoso saluto

Recensore Master
08/08/17, ore 18:13
Cap. 13:

Cara Queenjane,
Macchè sarcastica! Questi adulti, tanto onorevoli "sulla carta", meriterebbero soltanto di essere presi
a sculacciate. Il Signor Principe Padre, invece, si meriterebbe qualcosina in più... magari qualche bella
frustata. Che vergogna! Ricevere amore e fiducia e dare in cambio violenza. Essere il custode e tramu-
tarsi in carceriere. Terribile!!!
Un affettuoso saluto

Recensore Master
08/08/17, ore 17:44

Cara Queenjane,
Lo Zarevic e la sua Cat si sono ritrovati.
Rieccoli insieme, nonostante tutto e tutti. Però, purtroppo, è arrivato anche Rasputin...
I "Rasputin" non sono mai mancati nella storia dell' umanità.
Quando la speranza, per qualche motivo, viene a mancare dagli oscuri anditi del mistero umano sorge
sempre qualche "Rasputin". E con essi arrivano sempre un sacco di guai, spesso anche molto grossi.
Un affettuoso saluto

Recensore Master
08/08/17, ore 17:34
Cap. 11:

Cara Queenjane,
Essere malati non è un' avventura semplice. Esserlo a vita è fondamentalmente una condanna ingiusta.
Esserlo fin dalla nascita è un' ingiustizia troppo grande.
Sfidare la malattia può apparire senz' altro un paradosso, ma solo a coloro che malati non sono.
Un affettuoso saluto

Recensore Master
06/08/17, ore 00:59
Cap. 10:

Cara Queenjane,
Eh no, povera mamma! Lei ha ben altri pensieri e problemi da gestire in questo momento. Comunque,
è molto bello questo rapporto madre/figlia. E' ben chiaro che alla principessa, a differenza del marito,
sono entrambe carissime le creature che la vita le ha concesso di mettere al mondo. Come ho già
scritto l' ultima volta, ci troviamo al cospetto di una donna decisamente notevole. L' intenso rapporto
fra Catherine e Olga va avanti a gonfie vele, un' amicizia fatta di piccole gioie quotidiane e di "cose"
superiori. Che altro aspettarsi da due ragazzine intelligenti e raffinate? E intanto lo Zarevic continua
instancabile ad interpretare il suo ruolo di primo attore... Ah!!! Che potrà mai accadere il giorno in cui
gli capiterà di vedere Alexander tra le braccia della sua adorata "Cat"?
Un affettuoso saluto

Recensore Master
05/08/17, ore 21:36

Cara Queenjane,
Ma che bel capitolo! Ieri non c' era. Si era disperso nella neve delle steppe? Una vera fortuna l' averlo
recuperato. Capitoli simili non possono che impreziosire una storia già bella di suo. Ah!!! Sempre la vec-
chia storia dei figli maschi... Sempre la solita poca grazia verso la condizione della donna. Che voglia di
fare la rivoluzione... No, molto meglio comportarsi come la mamma di Catherine. Una donna bella da
tutti i punti di vista. Il marito dice la sua? Lei fa la sua rivoluzione, senza far tanto chiasso e danni.
Un personaggio veramente notevole! E' veramente fortunata la nostra protagonista: una grande mamma,
una grande amica, una grande passione, mica male!
Un affettuoso saluto

Recensore Master
03/08/17, ore 18:59
Cap. 8:

Cara Queenjane,
Era veramente bellissimo il piccolo Zarevic. Bellissimo e infinitamente malato, come lo sarebbero stati
i suoi fratelli, se ne fossero arrivati. Come lo erano, ma solo a livello di portatrici sane, le sue adorabili
sorelle. L' emofilia... Una storia triste e spietata, ma non tanto quanto certi cuori umani...
Catherine li merita tutti quei complimenti! Il suo intervento è stato efficace e provvidenziale. Il rapporto
che si sta sviluppando tra lei e Alyosha è meraviglioso. Un ritratto d' infanzia decisamente credibile e
piacevolissimo da seguire, per il quale non si può che farti, per l' ulteriore volta, i più sinceri complimenti.
Un affettuoso saluto

Recensore Master
03/08/17, ore 11:00
Cap. 7:

Cara Queenjane,
Oh che tragedia avere una nonna del genere!!! Non che la mamma sia poi così stellare... Insomma tocca
accontentarsi di quel che si trova. Fortunatamente esistono le amicizie, un grande regalo della vita. Un
dono immenso e mai scontato. Quando capita di imbattercisi conviene tenersele molto strette. E' quello
che sta capitando ai nostri giovani protagonisti ed è un vero piacere vederli felici e restare in loro com-
pagnia.
Un affettuoso saluto

Recensore Master
31/07/17, ore 22:41
Cap. 6:

Cara Queenjane,
Con te si va sempre per perle, fenici, draghi, principesse ed eroine ardite... E mai ti si potrà ringraziare
abbastanza per aver creato la figura di Felipe de Moguer. Le perle sono bellissime, che siano candide o
scure, di fiume, marine o oceaniche. Sono gioielli vivi, caldi e misteriosi. Qualcuno ritiene le perle dei
porta sfortuna, altri le venerano come idoli. E' la rarità a rendere preziosa una perla. E tale è quella
che Catherine ha ricevuto in dono dalle principesse Romanov, perfetta in ogni sua caratteristica e per-
ciò molto più misteriosa delle altre. E così è l' amicizia... Nessuno è in grado di spiegare cosa tenga
uniti gli animi di coloro ai quali è concesso di vivere questo sentimento. Raramente gli amici si assomi-
gliano. Anche a Catherine, pur così simile ad Anastasia, capita di essere amica di Olga. Gli affari di
cuore seguono leggi tutte loro.
Un affettuoso saluto

Recensore Master
31/07/17, ore 21:45
Cap. 5:

Cara Queenjane,
E' sempre un piacere rivedere Ahumada, la patria dei Fuentes e dei loro accoliti, posta tra picchi pire-
naici e cielo. Una felice occasione per riandare con la memoria ad un' altra epopea, ormai lontana e
collegata a questa. I discendenti di Felipe e di un' altra Catherine si sono ritrovati, lassù in capo al mon-
do. Parenti del tutto eterogenei per usi, costumi, idee, religioni. Fa piacere vederli comunque insieme.
Chissà se avrebbe avuto lo stesso successo questo incontro senza l' occasione di quella cerimonia nu-
ziale. Probabilmente no. La Catherine di oggi si muove con gioia e curiosità nel mondo della Catherine
di ieri, e, da buona amica, riversa tutto ciò che sta vivendo su carta per la sua adorata Olga. Un grande
percorso si è compiuto e un grande circolo si è chiuso. Ma per te, grande regina di efp, c'è spazio e
tempo ancora per qualcos' altro... Un avvenire per la nostra giovane eroina. Un giovane con gli occhi
verdi, il carattere ombroso e un coraggio "adulto"... Un ragazzo che, per indole e nome, ricorda più una
lontana conoscenza francese che non il suo prode antenato. Un messaggio segreto lasciato per "pochi"
intimi...
Un affettuoso saluto

Recensore Master
30/07/17, ore 21:55
Cap. 4:

Cara Queenjane,
E' allo stesso tempo amaro e dolce questo tuo quarto capitolo. Ci racconti altri episodi della guerra
russo-giapponese, una delle prime del XX secolo. Quante guerre si porta in seno il secolo passato...
Eppure esso, alla sua nascita, era stato salutato come una nuova era di pace e prosperità.
E poi, carissima, ci narri due belle storie di amicizia, quella tra Catherine e Olga, che riprende consi-
stenza dopo un periodo di involontaria lontananza fisica, e quella tra Aleksej e Catherine, che sta
sbocciando proprio ora. Le parole che hai saputo trovare per descrivercele sono veramente stupende
e anche vere. Ti faccio i miei più sinceri complimenti. Un saggio di scrittura pluridimensionale il tuo,
grazie al quale il lettore si ritrova realmente immerso nei fatti da te raccontati.
Veramente un gran bel capitolo.
Un affettuoso saluto

Recensore Master
30/07/17, ore 09:42
Cap. 3:

Cara Queenjane,
L' anno 1905 fu realmente un anno tragico nell' Impero Russo, per tutti. Non si deve mai dimenticare
che in quei mesi ci fu la prima rivoluzione, repressa e controllata, ma prova generale della grande rivo-
luzione, che nascerà nel 1917. Il tempo intercorso tra le due è stata praticamente tutta la vita del pic-
colo Zarevic Aleksej. E furono anni di grandi sofferenze sia per l' Impero che per il suo potenziale futuro
Zar, di cui quasi tutti ignoravano le condizioni disperate di salute. C'è una "leggenda storico-metropoli-
tana" che afferma: "Niente emofilia, niente Rasputin, niente Rivoluzione!". Che visione limitata della
storia e dell' umana condizione... Fosse stato anche sano quell' imperiale bambino nulla sarebbe muta-
to. C' erano già troppe questioni aperte e problemi da risolvere nella Santa Madre Russia anche senza
di lui. Povero Aleksej, nato grande e rubicondo, tanto bello, atteso e caro, ma tanto, troppo, malato. E
così i Genitori di Catherine, dopo decenni di titubanze, hanno finalmente deciso di partire in viaggio...
Che tempismo! La loro decisione ha un po' il sapore dell' abbandono. Lo Zar però pare accettarla senza
riserve. Tornando alla Storia, ho letto le vicende del Granduca Sergej, il fratello più giovane del nonno
dello Zarevic. Persona timida, raffinatissima, misteriosa, complicata, intransigente, capace di decisioni
dure e impopolari, vittima pressochè designata delle vendette dell' opposta fazione, perchè odiata da
essa in maniera viscerale. C'è sempre molto odio in giro in tempo di rivoluzione. Quella guerra, mossa
dal gigante russo nei confronti di un piccolo impero di "straccioni infedeli" e da esso miseramente per-
duta, fu l' inizio del tracollo definitivo di un' intera civiltà.
Un affettuoso saluto

[Precedente] 1 2 [Prossimo]