Recensioni per
Momento
di Erede

Questa storia ha ottenuto 6 recensioni.
Positive : 6
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Master
24/08/17, ore 15:07
Cap. 3:

Ciao^^
bellissimo, tutti i racconti sono legati, e si scopre che fanno parte di un tutto unico. Ritroviamo il dottore pazzo che si è sparato al petto e ritroviamo anche l'orologio con solo la lancetta dei secondi.
Tutta la storia si rivela un tutto unico, organico, conseguente e logico, come alla fine succede nelle costruzioni deliranti, che assumono una loro sinistra, affascinante architettura.
Questo per dimostrare il potere della parola, evocativa, pericolosa e potenzialmente veicolo dei più terribili o magnifici sentimenti.
Sono molto felice di aver "scovato" questi bei racconti, grazie!^^

Recensore Master
24/08/17, ore 15:03

Ciao^^
bellissimo anche questo episodio, lo trovo inquietante e onirico.
La narrazione in prima persona, che ci dà lo svolgersi degli eventi già filtrato dall'interpretazione del protagonista, la misteriosa tribù di uomini mascherati e infine la terribile foresta abitata da un mostro.
Tutto molto evocativo e spaventoso. Rimanda al subconscio, al poco che noi sappiamo di chi ci circonda, a quello che può esserci oltre le maschere.
Ancora complimenti!^^

Recensore Master
24/08/17, ore 14:58
Cap. 1:

Ciao, piacere di conoscerti^^
questa breve storia mi fa pensare a "il cuore rivelatore" di Poe, non so se la conosci.
Molto bella l'evoluzione/involuzione del personaggio, che pian piano scivola verso una disgregazione dell'Io in cui le allucinazioni, o in generale la struttura delirante rerlativa agli orologi lentamente parassita tutta la sua esistenza quotidiana.
Alla fine, ovviamente, era rimasto un ultimo ticchettio che non ne voleva sapere di fermarsi... ed era il suo cuore!
Una storia molto bella e molto inquietante, complimenti!

Recensore Junior
15/08/17, ore 13:58

Dopo mesi di assenza, eccomi di nuovo a recensire una storia della sezione horror.
Sempre a bandiera verde, ovviamente. Penso che sia d'obbligo quando si parla dei tuoi scritti.
Di recente ho trovato la tua risposta alla mia recensione precedente, perché io non cancello mai i messaggi privati che mi arrivano, per questo sono venuta a curiosare e mi sono ritrovata davanti un nuovo capitolo da leggere. Una bella sorpresa, capace di farmi sopravvivere al caldo di questo Ferragosto.
Questo capitolo ha un impatto migliore riguardo a quello successivo, il cui unico scopo era quello di introdurre il lettore alla storia vera e propria e da cui non si poteva pretendere tanto. Mi piace molto come scrivi e le atmosfere uniche che riesci a creare grazie a pochi - e semplici - elementi ma, se c'è qualcosa che fino ad ora riesce ad attirare la mia attenzione, è solamente una: le descrizioni. Credimi se ti dico che le ho adorate dalla prima all'ultima, si vede molto bene che non sono messe lì a casaccio e che hanno un ruolo molto fondamentale. Le ho trovate così curate e con gli aggettivi giusti da rendere raccapriccianti gli elementi che circondano il protagonista, permettendo anche al lettore di scivolare con lui in un baratro pieno di atrocità.
Una vera perla, mi piace quando il terrore cresce con lo scorrere delle righe.
E scusami se te lo ripeto, ma quando leggo i tuoi capitoli non riesco a non pensare al buon Edgar Allan Poe. Lo sto nominando un po' troppo spesso, forse lo farò rigirare(?) nella bara uno di questi giorni. x'D
Ti faccio i miei più sinceri complimenti e ti consiglio di continuare a scrivere, questa storia ha una trama niente male anche se non è molto chiara dato che siamo agli inizi e tu sei uno scrittore con i fiocchi.
Ci vediamo alla prossima, spero di poter lasciare una recensione in tempo e di non tardare come in questa occasione.
Ciao!


PentagramLily.

Recensore Master
23/07/17, ore 09:26
Cap. 1:

Una flashfic davvero molto bella!
Il disturbo del protagonista è reso bene nella sua progressione, dal primo fastidio per l'orologio alla vera e propria ossessione che lo porta prima alla totale trascuratezza di sé e poi alla morte.
Davvero un racconto che nella sua brevitàesce ad essere molto inquietante. Complimenti davvero!

Recensore Junior
29/06/17, ore 18:47
Cap. 1:

Quando leggo questo genere di storie, mi viene in mente il motivo per cui adoro questa sezione sul sito.
Inizio subito con il dire che non c'è molto da scrivere nella recensione, il racconto è breve ma lo trovo comunque intenso e ben scritto. Con il genere horror non esistono limiti e ciò è risaputo, si può regalare un senso di inquietudine anche con l'utilizzo di poche e semplici righe. In più non sono il tipo di lettrice che si accanisce sugli errori grammaticali del prossimo, non li noto nemmeno se non sono grossolani, perciò preferisco dare molta più importanza ai contenuti.
Fin dal primo momento il testo mi ha ricordato "L'occhio rivelatore" del buon Edgar Allan Poe, forse è soltanto una coincidenza data dalla mia mente, ma in entrambi i casi ci sono due personaggi che hanno un'ossessione da cui non riescono a liberarsi e questo mi ha concesso di collegare le due storie. Il ritmo delle parole è incalzante al punto giusto, proprio come il ticchettio che ha mandato fuori di testa il malcapitato.
In realtà mi aspettavo un colpo di scena molto più macabro durante le fasi finali, tanto per chiudere in bellezza e lasciare un sapore agrodolce nella bocca del lettore, magari con un cadavere nascosto o qualcosa di simile che gravava sulla coscienza del protagonista. In quel caso la paranoia del Dottore sarebbe stata molto più giustificata e ben costruita, ma la storia è già perfetta di suo e i miei sono solo dei piccoli accorgimenti che potrebbero tornare utili in futuro. Chissà!
Mi ha fatto molto piacere passare di qua, è sempre bello vedere che esistono scrittori che si appassionano a un genere così delicato e raffinato.
Spero di rivederti anche in futuro, non smettere di scrivere perché il talento non ti manca.
Alla prossima!

PentagramLily