Recensioni per
Angeli di Calabria
di neveah

Questa storia ha ottenuto 2 recensioni.
Positive : 2
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Master
08/07/17, ore 18:33

Eccomi qui a recensire anche questa storiella.
Non sapevo di questo incidente. Mio Dio, è terribile perdere la vita anche così... veramente! Basta veramente poco, un attimo, perché tutto finisca. E sapere che è così, fa davvero male al cuore.
Hai descritto le tre amiche come molto unite e, come posso dire? Sì, affiatate. Si dovevano volere veramente molto bene. Compagne nella vita e, purtroppo, anche nella morte. Bellissimo il passaggio nel quale descrivi i loro sorrisi e le loro caratteristiche. Le dipingi davvero come persone dolci, come degli angeli come dice questa raccolta, per la quale hai trovato un titolo meraviglioso.
Brava, Nina! Brava davvero! Anche con questo piccolo scritto mi hai saputa far emozionare e anche riflettere.
Ti segnalo solo un piccolo errore:
"Spegne il bel sorriso enigmatico e mediteranneo di Ida."
Hai scritto "mediteranneo" anziché "mediterraneo". Per il resto è tutto okay.
Complimenti, come sempre fai un ottimo lavoro e scrivi in modo divino.
Giulia

Recensore Master
07/07/17, ore 23:36
Cap. 1:

Eccomi qui a questa tua storia, Nina!
All'inizio non capivo che cosa volessi ricordare con questa storia, ma quando sono arrivata alla fine, ho compreso. E' una bellissima cosa quella che stai facendo. Insomma, ricordare delle persone morte perché erano figlie, o parenti, di boss mafiosi e portavano sulle loro spalle il peso della malavita... è una cosa molto bella, un gestocoraggioso da parte tua scriverne. Dico davvero!
Per quanto riuarda questo primo capitolo, hai descritto molto bene i sentimenti di Maria Rita (che bel nome, tra l'altro!). Mi è piaciuto quel:
"Decidi di morire di solitudine",
perché è una frase forte, d'impatto, che fa capire quanta sofferenza quella ragazza doveva provare dentro di lei. Ovviamente questa è la tua interpretazione dlla cosa, però penso che se si è tolta la vita sicuramente ci doveva essere un motivo importante, dietro, un motivo forte, un qualcosa che non la lasciava più vivere. (Oppure si è saputa la motivazione e tu hai deciso di scrivere la storia?)
In ogni caso, mi ha colpita molto la descrizione ddel mare e delle coste. E' sata veramente bellissima, tanto che mi è venuta voglia di venirci. Non sono mai stata nel sud Italia, solo fino al centro, a Reggio Emilia, mai più in là. Questo, però, si contrappone ad una ragazza che, proprio in quel mare, decide di farla finita. Una ragazza che non aveva nessuna colpa, e ch si è uccisa perchè faceva parte di una vita scelta da altri, di una famiglia che, a quanto scrivi, le pesava troppo (o meglio, le pesava troppo quel cognome). Ho notato, quindi, un contrasto fortissimo tra queste due cose: la bellezza della descrizione del mare e poi la morte della giovane. Un contrasto potente, che sicuramente non dimenticherò, perché gesti così tragici e terribili fanno sempre star male e pensare tanto...
Questa storia finisce tra le mie seguite.
Avvisami quando aggiorni, per favore. Passerò volentieri!
Intanto, complimenti per questa prima storia, molto bella, triste, commovente e toccante. Mi ha fatta riflettere tanto.
Come sempre, hai uno stile perfetto e usi frasi ed espressioni che lasciano il segno.
Giulia