Recensioni per
Io, Kurshan
di Greywinter

Questa storia ha ottenuto 8 recensioni.
Positive : 8
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Master
21/07/17, ore 21:22

Hey :)

Okay Gara l'ha presa... sorprendentemente meglio di quello che credessi. Dire "bene" è una parola grossa, ma sicuramente non si è strappata il pelo dal muso come credevo che avrebbe fatto.
E Faraan è suo fratello minore, non lo credevo. Pensavo che fosse lei la più piccola, senza nessuno motivo XD
Dunque dicevo, è evidentemente turbata per la condizione di Faraan, ma soprattutto dalla sua assenza di curiosità nei confronti della sua vita passata. Giustamente non sa che Faraan "non c'è più" e non ha semplicemente perso la memoria, e ancora spera di poterlo ritrovare e fargli superare l'amnesia.
Chissà che il blocco di memoria del vascello non si sciolga un po', permettendo a 32 di arrivare a ricordare qualcosa. Se anche succedesse, ovviamente si troverebbe a vivere quelle emozioni e ricordi "in terza persona", per cui comunque non sarebbe la stessa cosa, ma sarebbe una dinamica molto interessante.
Saran sembra una creatura davvero saggia, a dispetto della poca stima che Gara ha per lei. Saggia e prudente, tant'è che appunto aveva narcotizzato Faraan nonostante non ce ne fosse il reale motivo (non troppo almeno).
Il ogni caso 32 non mi è sembrato particolarmente contento di allontanarsi dalla "casa di cure", anzi. Ho l'impressione che volesse restare lì almeno per il momento, e difatti non ha fatto domande particolari. La china per lui potrebbe diventare pericolosa, comunque. Nel senso, Gara ha deciso di prendersi cura di lui, ma mi è sembrata impulsiva e tendente all'emotività. Cosa farà nel momento in cui si renderà conto che suo fratello è perduto per sempre?
Ma forse è una paranoia mia ^^

C'è inoltre una frase che mi ha colpita molto, e cioè questa: "Cerca di comprendere che, vista la situazione particolare, non mi sento di escludere la possibilità che Faraan possa diventare un corrotto all'improvviso, anche se ha già superato l'età in cui dovrebbe avvenire il cambiamento."
Insomma è chiaro che ci sono altre mille/duemila cose che non so dei kurshan, delle loro tradizioni e problematiche, e non vedo l'ora di approfondire.
A presto!

~Sky

Recensore Master
18/07/17, ore 15:19

Grey!
Mi scuso in anticipo per questo commento, che sarà breve e farà anche un po' schifo, ma te lo sto lasciando di volata che ho un traghetto da prendere.

La scena dello scontro vista dagli occhi di 32 è stata geniale. Non so se trovo più affascinanti i punti di vista dei Kurshan, con i loro particolarissimi modi di pensare e le loro tradizioni, oppure la perplessità esplorativa di 32 che si chiede in buona sostanza cosa c***o stia succedendo XD
Lo adoro sai? Mi faccio mille trip per immaginare cose sul suo conto. Perché è lì, perché proprio dentro Faraan, perché tutto. Aspetto con ansia di scoprire cose.
La scena del sogno è stata delicatissima e poetica. L'alternanza di atmosfera tra i momenti narrativi è una cosa che ti riesce davvero davvero bene.

E alla fine vediamo la "piccola" Gara che salta addosso al fratellone. L'ultima domanda, "tu chi sei?", posso solo immaginare quanto le abbia mandato il cuore in frantumi.
Già vedo lo schermo del mio pc tremare al prossimo capitolo. Poveretta, sto solo immaginando il suo dolore dopo aver creduto di aver ritrovato suo fratello.

Rinnovo le mie scuse per il commento brevissimo: sappi che il capitolo mi è piaciuto moltissimo e ci sono rimasta veramente male quando è finito XD
Se questo fosse un romanzo mi sa che l'avrei già letto tutto, dimenticandomi di andare a dormire.
A presto!

~Sky

Recensore Master
16/07/17, ore 16:24
Cap. 6:

Eccomi :D

Cercherò di fare un commento un po' analitico stavolta, che però verrà sicuramente fuori come una sequela di scemenze, e quindi scusami in anticipo XD
Dunque Shaii sembra una sorta di... guaritrice, o qualcosa del genere. I Kurshan, in generale, sono creature molto istintuali, cacciano e hanno comportamenti rituali uno con l'altro, sfregano i musi, ringhiano.
Una frase che lo fa capire molto bene è questa: "Non le sembrò il caso di sottolineare quel concetto ulteriormente, o di farlo con un'artigliata". Ecco, è normale per lei sottolineare i concetti con un'artigliata. Che cosa bellissima :')
In ogni caso i Kurshan posseggono una tecnologia particolarissima e molto avanzata, come questa storia dei doni, che mi sto scervellando per capire esattamente cosa siano senza -ovviamente- trovare una risposta che mi soddisfi, giacché siamo all'inizio.
Il dono "dice" che la mente di Faraan è morta, e in un certo senso è così dato che "dentro" Faraan c'è 32. Ma Shaii ha provato lo stesso a curarlo, insomma sia lei che Saran stanno facendo del loro meglio, e questo dimostra quanto Far sia importante per la sua gente (o almeno lo fa intuire). Inoltre, hanno la speranza che la memoria gli torni dato che Far sta piano piano "imparando".

Il modo in cui queste creature parlano di loro stesse, dei rapporti interpersonali tra i membri del clan, è profondamente affascinante.
Ti confesso una cosa: io impazzisco per le creature umanoidi. Non necessariamente "furry", ma insomma qualsiasi cosa è umano-ma-non-lo-è e possiede comportamenti creaturali. E quindi qui mi sbrodolo male e amo questi Kurshan, felice come una bimba che ha trovato un enorme scatola di biscotti tutta per lei.
Dicevo XD, i comportamenti. Shaii sembra sorpresa dal fatto che Saran abbia aiutato lei e Faraan, e questo fa intuire che tra Far e Saran doveva essere successo qualcosa prima, insomma prima del nettare e di tutto il resto. Ma magari è una mia sega mentale e ho preso fischi per fiaschi.
Mentre i comportamenti che Saran descrive come "strani" da parte di Faraan, fanno intuire che Operatore 32 fosse umano prima di arrivare nel vascello Kurshan. Come il fatto che voleva restare da solo mentre espletava le funzioni corporali e ha sentito il bisogno di coprirsi le parti intime, in una dimostrazione di pudore che sembra estranea ai Kurshan. Ma anche qui forse sono io che mi flasho.

Ah, e suppongo a questo punto che "Raok" sia l'astro, il corpo celeste strano di cui 32 parlava nel suo rapporto. Giustamente le due femmine sono turbate dal fatto che lui non ne conoscesse il nome.

E comunque Faraan che si... emoziona. Cioè Operatore 32 che si emoziona... è qualcosa di... non so come descriverlo. È bello. Quasi drammatico, ma anche bello. Sicuramente meno bello per la povera Saran però.
Bellissima anche la descrizione di quel fenomeno atmosferico. Sarei rimasta lì a guardarlo esattamente come 32, senza poter staccare gli occhi. E FIGATA il fatto delle tre viste, con tanto di cambio di colore degli occhi.
"avrei dovuto capirlo" immagino che il commento sia dovuto al fatto che I kurshan hanno, in effetti, tre occhi. Ma Saran non lo intuisce, poverina.

Ma quanto ho (stra)parlato? Aiuto XD e sento di non aver detto nemmeno la metà di tutto quello che volevo commentarti.
Va bene per adesso mi fermo, che mi sembra di aver sclerato anche troppo.
A quando il prossimo :D ?

~Sky

Recensore Master
15/07/17, ore 18:06

Adesso si capiscono un bel po' di cose!
La prima parte, il rapporto dell'Operatore 32 (figura che già mi risulta profondamente affascinante), chiarifica perfettamente quello che sta succedendo. Il suo "vascello" è un Kurshan, e lui giustamente non sapeva nemmeno quale fosse il loro aspetto, perciò ha dovuto imparare anche a bere. A lappare insomma, senza versarsi l'acqua sul corpo, nel modo in cui avrebbe bevuto un essere umano (o comunque dotato di un apparato boccale non allungato come quello di un canide).
Il blocco di memoria gli impedisce di accedere ai ricordi più importanti del suo vascello, quelli che gli comunicherebbero la questione del patriarca e una serie di nozioni fondamentali. È fortunato sì, poiché i suoi "simili", gli altri Kurshan, non si sono scomposti e hanno subito imputato la perdita di memoria al trauma subito.
È profondamente affascinante il modo in cui parla del suo corpo, chiamandolo "un vascello già salpato".

E poi... Gara e Sari.
Prima di commentare in maniera approfondita, sappi una cosa. Sono veramente felice di aver trovato questa storia perché è troppo bella.
Ho amato la modalità interazionale dei Kurshan, il modo creaturale in cui si approcciano l'uno all'altro, gli accenni alla loro società.
Sono rimasta veramente molto colpita: questa storia mi sta piacendo tantissimo finisce direttamente nelle preferite e non vedo l'ora che l'aggiorni.
Ma dunque, dicevo di Gara e Sari. La prima è focosa, abile cacciatrice ma con un carattere più "edgy" che rischia di costarle caro... Sari è più saggia ma anche forte, ed è in grado di gestire l'altra cacciatrice e il maschio con la naturalezza di una creatura profondamente empatica.
Li sto amando questi Kurshan. Molto.
Quindi Gara e la sorella di Faraan, e lui si è svegliato... ma non è lui. Aiuto mindblown. E nel frattempo pare che ci siano dei seri problemi per queste creature, demoni, difficoltà a mettere al mondo dei figli.
Mi chiedo, ma a questo punto Faraan era stato ucciso da un demone? Perché si parlava di "uccidere il corpo vuoto", e insomma mi sto facendo sette/otto miliardi di teorie.

Sappi una cosa, ho cercato di commentare i primi capitoli facendo finta di essere una persona seria. Non lo sono in realtà, per niente XD, e quando mi appassiono a una storia mi metto a delirare pesantemente nei commenti... la cosa più sensata che riesco a scrivere, in genere, è "al,oficjneidfòoksinvdl" e robe simili.
Dimmelo adesso, che se ti da fastidio mi contengo e cerco di tornare a far finta di essere una persona seria.

Intanto complimenti per questa storia che mi sta appassionando ma molto. Sono turbata dal fatto di non avere il prossimo capitolo.
Spero a presto!

~Sky

Recensore Master
15/07/17, ore 17:30
Cap. 4:

Ciao Grey :)
Scusami se ieri non sono riuscita a passare. Ho avuto molto da fare, ma oggi recupero mettendomi in pari con la pubblicazione.
Dunque, abbiamo un graditissimo cambio di POV. Graditissimo perché io adoro le storie con più punti di vista, perciò ho letto questo capitolo con immenso piacere.

Innanzitutto complimenti all'artista che ha creato quegli splendidi disegni. I Kurshan sono creature veramente meravigliose, una perfetta metà tra l'umano e il bestiale, davvero bellissimi. Andrò senza dubbio a dare uno sguardo alla pagina della disegnatrice!
Passando a ciò che accade, la situazione comincia a delinearsi un po'. Questo campione, un patriarca, è stato "curato" con questo nettare di cui ancora non ci è dato conoscere con esattezza le funzioni, ma sembra non avere idea né di chi si tratti né di come si stia al mondo. Avevamo avuto un accenno di ciò nello scorso capitolo, in cui era chiaro che Faraan non solo non conoscesse il proprio nome, ma nemmeno il proprio aspetto.

Intanto abbiamo due nuovi personaggi, femmine a quanto sembra, Shaii e Saran. Saran pare conoscere Faraan molto bene, al punto da chiamarlo "Far", e sembra essere molto preoccupata per lui proprio a livello personale.
Rimane un'enorme curiosità e tantissimi punti di domanda, e vado subito a leggere il prossimo volentieri :3

Ti segnalo una frase che mi ha lasciata un attimo perplessa: "Mi voltai a osservarla". Non ho capito benissimo chi stesse parlando.

A tra poco!

~Sky

Recensore Master
12/07/17, ore 22:44
Cap. 3:

Ciao Grey :)
Ho letto con immenso piacere questo terzo/secondo capitolo, soprattutto la parte in cui il nostro protagonista si ispeziona dopo essersi risvegliato. È stato affascinante vederlo esplorarsi e scoprirsi, e sembra possedere difatti un aspetto in parte di uomo e in parte di lupo, o qualcosa di simile.
La curiosità con cui si rivela a se stesso ha qualcosa di delicato e strano, molto appassionante. E ci si accorge alla fine di un dettaglio, come dandolo per scontato per tutto il resto del tempo: lui non sapeva quale fosse il suo aspetto.
Parla di un vascello... una metafora? Non sembra essere la prima volta in cui si risveglia in un corpo che non è il suo. La conversazione iniziale fa sorgere molti altri dubbi e viaggiare con la fantasia, e per ora trattengo eventuali teorie: voglio proseguire nella lettura prima di formulare delle ipotesi concrete.

Questa storia diventa sempre più affascinante. A domani con il prossimo capitolo :3 (al massimo dopodomani se gli impegni non mi consentono di passare).

~Sky

Recensore Master
11/07/17, ore 17:42
Cap. 2:

Ciao, eccomi di nuovo :)

Dunque, questo capitolo, come il precedente, ha un POV estremamente intenso e intimo che mi ha dato un po' di difficoltà, insomma non sono certa di aver capito perfettamente quello che succede.
Provo a riassumere, e tu mi dirai se è tutto giusto. Perdonami se scrivo cavolate XD

Il personaggio del Prologo si risveglia, molto lentamente, all'interno di una nave che a quanto pare è nella fase di salpare.
Le sue sensazioni fisiche fanno supporre che qualcuno o qualcosa stia "operando" sul suo corpo, ma quando si sveglia non vede nessuno, trovandosi in una piccola stanza su un lettino. Si rende poi conto di stare "bene" ... finché non si trova davanti questa creatura mostruosa che lo attacca.
Spero di non aver detto troppe scemenze XD
In ogni caso la frase finale è stata bellissima: "Ma la creatura non lo raggiunse, perché tutto ciò che c'era nel suo campo visivo dapprima scivolò via, inclinandosi. Poi provò una fitta di dolore cui seguì il ritorno dell'oscurità. Lì, il mostro non lo raggiunse.", cioè, complimenti davvero per "l'effetto". Notevole.

A presto!

~Sky

Recensore Master
11/07/17, ore 01:17
Cap. 1:

Ciao :)
ho visto questa storia nelle aggiornate della sezione fantascienza. Attratta dal titolo sono venuta a dare uno sguardo al prologo, e mi è molto piaciuto.
Lui, chiunque sia che sta affrontando questa situazione di violento dramma, ha un punto di vista molto interessante che spinge a volerne sapere di più. L'ultima frase lascia i brividi, e una sensazione di "scelta del proprio destino" che riprende il tema iniziale di Invictus.
Data l'ora tarda mi fermo qui per adesso, ma sappi che sono molto intrigata e ti faccio i miei complimenti per questo prologo :)
a presto!

~Sky