Recensioni per
Metamorfosi interne
di Fede27

Questa storia ha ottenuto 29 recensioni.
Positive : 29
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
[Precedente] 1 2 [Prossimo]
Recensore Junior
23/09/17, ore 06:13
Cap. 12:

Ehilà! Ero rimasta un po'indietro, devo ammettere, ma qui le cose si fanno sempre più interessanti! Vanessa e Becca all'apparenza potrebbero sembrare quasi opposte, come il giorno e la notte, eppure entrambe mi interessano da morire.
La storia di Becca è tosta, complimenti, stai inserendo elementi impegnativi in questa storia, ma sempre con leggerezza, presentandoli come normali per il momento e la situazione.
Complimenti davvero!

Recensore Junior
22/09/17, ore 10:05
Cap. 12:

Rieccomi!
Allora, esploriamo meglio questa Becca, una conoscenza del capitolo precedente, che già ci aveva colpito (sia a noi lettori che a Edmund) per i suoi modi schietti e l'aspetto sereno, diverso da quello degli altri ragazzi del centro. Qui scopriamo tantissime cose su di lei: la sua tragica storia (mamma, veramente terribile!), la sua timidezza di fronte ai complimenti di Edmund, il suo talento per la musica... Sicuramente è un personaggio diverso da Vanessa! Ciononostante (oppure proprio grazie alle loro differenze!) Edmund si sente attratto da lei, anche se in modo più limpido, più semplice... Come un ragazzo normale con una ragazza normale. Tenendo conto che normale significa ben poco ;)

Beh, che dire? Sono molto curiosa di vedere che ruolo avrà Becca per Edmund, nella sua trasformazione - e anche come Edmund sarà di supporto a lei, le ha appena fatto una promessa importante...

Notine:
"ho perso la condizione del tempo" -> cognizione
"togliendosi in fretta dalle mie vicinanze e avvicinandosi", c'è una ripetizione, secondo me trovi un modo diverso di far scorrere la frase
"Alza lo sguardo lasciandosi trasparire della sincera gratitudine per le parole da me espresse.", a parte "lasciando" e non "lasciandosi", forse è anche meglio mettere semplicemente "per le mie parole", "le parole da me espresse" suona un po' formale...

Basta, ora la pianto e... Beh, ora aspetto l'aggiornamento! Essere in pari con una storia è un'arma a doppio taglio: sei contento di averne letta buona parte... ma ora bisogna aspettare! ^^
A presto (spero)!
LRM

Recensore Junior
22/09/17, ore 09:07
Cap. 11:

Buongiorno cara Fede!

Allora, come sai sono una fan del rapporto che hai instaurato tra Edmund e sua sorella, quindi questo capitolo mi fa particolarmente scaldare il cuore!
Finalmente qui troviamo un Edmund più lucido, capace di analizzare chi ha di fronte, persino Vanessa, con una nuova chiarezza. Non è più in balia delle emozioni o travolto dagli altri: è lui a condurre il gioco e ad allontanare quella ragazza bellissima e tosta, ma senza dubbio piena di problemi. E corre a chiamare sua sorella, l'unica persona a cui sa di potersi davvero rivolgere! Mi è sembrata una reazione sensata, realistica... Insomma, Edmund sembra fare una scelta SANA per sè stesso, è forse la prima che fa consapevolmente; per il lettore questo secondo me viene percepito come un passaggio particolarmente importante, il vero inizio della svolta, della metamorfosi. Finora abbiamo avuto un protagonista trascinato dagli eventi e dalle persone. Invece qui è lui a scegliere per sè, e a farlo con coscienza, e a fare una mossa ottima, anche se costa paura e sforzo! E bravo Edmund! :D

"...ma c’è scritto sulla targhetta appiccicata alla camicia rossa che egli indossa." - puoi togliere EGLI, il soggetto c'è comunque e la frase scorre meglio.
E occhio, spesso metti due puntini di sospensione, quando la forma corretta ne vuole sempre tre.
E con questo finiscono le mie note da maestrina a piè pagina ^^

Passo al prossimo!
A presto,
LRM

Recensore Junior
20/09/17, ore 11:55
Cap. 12:

Ciao Fede, oggi sono riuscito a leggere questo capitolo poi che ieri sera sono tornato tardi dallo stadio dopo la partita del Bologna! Allora mi avevi detto nelle recensione di "Amiche infinite" che questo capitolo era abbastanza forte ma non immaginavo così. Purtroppo la realtà delle ragazze madri è una cosa tremenda e non sempre le cose vanno a finire bene (Proprio come in questo capitolo) Purtroppo tante volte gli uomini sono subdoli e vigliacchi e non si prendono le loro possibilità. Mi è piaciuta molto la scena dove Becca suona il pianoforte, l'ho trovata molto tenere e introspettiva e credo che Edmund ora sia più preso da questa ragazza che da Vanessa. Il finale lascia intendere questo almeno.... Sei stata indubbiamente molto brava perchè riesci con pochi dettagli a creare forti emozioni a chi legge, indubbiamente la storia di Becca è molto tragica e spero che possa rivedere sua figlia Anna.... Come sempre un abbraccio grande grande in attesa del capitolo 13.
Fede883.

Recensore Junior
19/09/17, ore 20:26
Cap. 10:

Allora, questo capitolo più introspettivo è uno iato nella vicenda misteriosa che avvolge il giallo in cui ci hai catapultati. Sei davvero astuta, intervalli capitoli da OHMIODIOCOSASUCCEDE a momenti riflessivi, emozionanti, incentrati sul cuore del nostro Edmund... Ormai lo chiamo "nostro", perchè mi sono affezionata ^^

Accidenti, spero davvero che questo Bill possa rivelarsi una figura positiva nella sua vita sconclusionata, con tutti gli affetti in fuga o tesi... Tengo le dita incrociate!
A presto,
LRM

Recensore Junior
19/09/17, ore 19:45

OOOOOK, quante cose stanno succedendo?! Aiuto, ho bisogno di risposte!

Allora, andiamo con ordine.

Un uomo aggredisce Edmund, entrando in casa sua.
Lui si sveglia e trova sua madre (che lo tratta come un ammasso di stracci, LA ODIO), e un tizio che si assicurano che stia bene (a malapena!) e poi gli dicono che non è niente, ciao ciao.
L'uomo è il famoso Albwin, quello che Edmund stava cercando.
Ha una relazione con la madre di Edmund ma ancora noi non sappiamo in che legame di parentela è con la donna che lui ha ucciso.

Ci sono fin qui? AIUTO MA IO DEVO SAPERE DEVO CENARE MA NON IMPORTA.
A presto!,
LRM

Recensore Junior
19/09/17, ore 19:38

Eccomi di nuovo!

Mi è piaciuto questo capitolo incentrato sul rapporto tra Edmund e Ebby: è un passaggio molto delicato, che trovo tu abbia trattato con la giusta dose di attenzione e cura. La freddezza della ragazza, così come il suo tentativo di ristabilire un minimo di connessione tra loro (anche se poi fallisce miseramente), sono entrambe ben giustificate. La sorella è spaventata da ciò che ha fatto Edmund, che oltretutto ricade anche sulla sua vita privata, sociale.
Ma nonostante tutto le importa di lui, non può smettere di volergli bene e nonostante i silenzi, le risposte monosillabiche e le distanze che li separano, il loro legame è ancora vivo. Nascosto dalle contingenze magari, incrinato, ma vivo.
Non posso che augurarmi che la trasformazione di Edmund coinvolga anche il suo rapporto con la sorella!

Grazie per questo capitolo, ci voleva un approfondimento su di loro, da molto spessore al protagonista e al suo percorso. Non possiamo seguire Edmund e la sua metamorfosi interna fino in fondo se non siamo coinvolti anche nei rapporti che ha con altri, specie con la famiglia...
Ottimo lavoro! L'ho trovato anche uno dei capitoli più scorrevoli a livello di stile e non mi sembra di doverti segnalare nulla, nessuna imprecisione.

A presto!,
LRM

Recensore Junior
19/09/17, ore 19:16
Cap. 7:

"Così come era arrivata, se ne era andata. Di sorpresa e senza preavviso." BOOOM, Vanessa è un raggio matto, una mina vagante, ci avevo visto giusto! Manda al povero Edmund segnali contrastanti, le piace troppo avere il pieno controllo della situazione, è aggressiva nel modo tutto suo di gestire quel che accade. No, non quel che accade, per meglio dire "quel che fa accadere", perchè è lei il motore della vicenda, dalla prima all'ultima parola del capitolo non c'è nulla che non sia lei a scegliere. E Edmund non può fare a meno di lasciarsi travolgere dalla corrente, conscio che sarebbe impossibile opporsi, e timoroso forse di sciupare quel che sta capitando in casa sua, senza nessun preavviso!

Refusini:

"fondassimo" -> "fondessimo"

"mi colloco sopra di lei" è un'espressione che ho trovato un po' strana, "collocarsi" è un po', come dire?, tecnico, scommetto che puoi trovare un sinonimo che si incastri meglio nella narrazione di un momento così passionale

"membro maschile", anche questa è particolare, non credo che un adolescente maschio si riferirebbe così al suo cazzo/pene/e chi più ne ha più ne metta ^^... Anche se Edmund è certamente un tipo particolare e inesperto, senza dubbio bloccato (anche lessicalmente, perchè no?), però ti consiglio magari anche solo di togliere "maschile", tanto che è "maschile" è chiaro, per forza ;)

Passo al prossimo, anche se non so cosa sperare per la salute (fisica e mentale) del povero Edmund: che Vanessa torni sui suoi passi o che sparisca dalla sua vita?
Saprai sciogliere la trama meglio di come me la immagino io, senza dubbio, perciò mi affido alla tua fantasia e a tra poco!,
LRM

Recensore Junior
17/09/17, ore 01:44

Ah! E qui capitano due cose mooolto importanti:

1) Il mistero non fa che infittirsi: la madre di Edmund ha appuntamento per uno scambio di documenti e denaro con un certo parente della donna che lui ha ucciso (aiuto! Ma che sta succedendo?!)

2) Vanessa prima schiva l'invito di Edmund e poi gli piomba in casa: quella ragazza è davvero una mina vagante!

Che dire? Non vedo l'ora di saperne di più sul nostro giallo sempre più intricato e naturalmente su cosa combineranno insieme Edmund e Vanessa.
Proseguo quanto prima, ma nel frattempo torno a complimentarmi per l'atmosfera tesa e incerta (che secondo me è il tuo punto forte) e per la trama che stai gestendo come un'idra: per ogni nuova informazione che ci dai, invece di ottenere chiarezza, si moltiplicano sette teste di mostro da esplorare, con nuove domande e sempre più misteri...

A presto!,
LMR

Recensore Junior
17/09/17, ore 01:30

Ecco qui che Edmund comincia a tentennare... Prima o poi doveva succedere. Per quanto il suo gesto fosse stato frutto di un dolore immenso, e lui fosse convinto in qualche modo di aver ristabilito l'ordine con la sua vendetta, è pur sempre un ragazzo: è giovane e spaventato, si ritrova in una situazione più grande di lui, completamente da solo.
E allora inizia a cercare.

Mi piace che la vicenda sia spesso puntellata dai dubbi del protagonista/narratore circa la sua percezione della realtà: sono le medicine o sono io? sono io, le medicine o ho davvero una psicosi? La fonte dei suoi pensieri è ambigua, il che rende interessante la narrazione, perché è come se non sapessimo mai davvero se fidarci o no della versione dei fatti che Edmund ci da...

Sono curiosa di capire meglio chi sia questa Marianne, perchè a questo punto è evidente che c'è sotto qualcosa, un vero e proprio mistero...

Tra l'altro ho apprezzato il cambio repentino di atmosfera: se l'ultimo capitolo ci aveva lasciato con una nota leggera, piena di speranza, qui ripiombiamo nella paranoia e nell'ansia... Ottimo lavoro!

L'unica cosa su cui mi sento di consigliarti è di stare attenta alla consecutio temporum. Spesso i tempi verbali scelti non combaciano, talvolta cambiano anche nella stessa frase, creano una dissonanza, un po' di confusione. La cosa più semplice è scegliere se la narrazione sia al presente o al passato e iniziare da lì. Se ristabilisci il "tempo principale" della narrazione, poi per i ricordi ti basta scegliere un tempo "antecedente" e così via... Non so se mi sono spiegata in realtà ^^
Comunque è la prima volta che percepisco questa cosa, perciò forse è solo frutto di un capitolo scritto con più fretta degli altri, che invece mi sembravano a posto da quel punto di vista.

A presto!,
LRM

Recensore Junior
17/09/17, ore 00:25

Buonasera Fede!

Questo capitolo mi è piaciuto un sacco, e questa Vanessa promette bene! Oltre che bellissima, sembra proprio una tipa tosta, schietta e ironica. Ci piace! Non vedo l'ora di vederla ancora in azione. La risata fragorosa in cui trascina tutto il gruppo è la riprova del suo modo di essere, fuori dagli schemi ma anche sensibile abbastanza da vedere al di là della facciata e accogliere il nostro Edmund, a modo suo!, e lo guarda dritto negli occhi, mentre gli altri sono tutti spaventati...

L'ambientazione del centro clinico mi incuriosisce molto. Passo direttamente al prossimo capitolo! :)
A presto,
LMR

Recensore Junior
15/09/17, ore 22:00
Cap. 11:

Anche questo capitolo è molto bello e ricco di emozioni! Comunque capisco la delusione ma io starei vicino a Vanessa personalmente, non è una ragazza cattiva secondo me e io spero tanto che loro due possano finire insieme e quello che mi auguro per il finale di questa storia, insomma mi sto facendo aspettative su questa coppia XD Ovvio Vanessa ha molti problemi di autostima legati al suo corpo o forse legato al fatto che le persone oltre al suo corpo non riescono a vederci nulla in lei, questo fa intristire molto perchè ho una amica c'è passata in questa fase ed è molto dura per una ragazza, lei c'è stata molto male e si è ripresa solo da poco e ora è una persona nuova e più sicura di se. Quindi spero che Edmund possa fidanzarsi con Vanessa.

La scena finale è molto tenera ma anche triste allo stesso momento, ho toccato con la mano la lontananza e il senso di inquietudine del ragazzo nel capire che il suo rapporto con la sorella è cambiato drasticamente, però ha detto gli manca quindi è già un piccolo successo, vedremo come si evolverà la situazione nei prossimi capitoli! Questa storia diventa sempre più intrigante. Un abbraccio come sempre.
Fede883.

Recensore Junior
15/09/17, ore 21:38
Cap. 10:

Eccomi Fede! Dopo alcuni giorni di "silenzio" ti do la mia opinione, ho letto il capitolo in treno tornando da Bologna e ti dico il mio parere. Trovo che sia molto bello che Edmund si sia voluto trasferire al centro, penso che possa fare bene sia alla sua salute mentale e sia a quella fisica, la parte delle fotografie però mi ha tolto un pezzo di cuore, immagino come si sia potuto sentire il ragazzo vedendo la sua famiglia andare in pezzi e farla crollare per un errore dettato dalla sua rabbia, mi è dispiaciuto anche per il rapporto che aveva con la sorellina, spero che questa ragazza possa cambiare idea perchè Edmund non sembra una persona cattiva. E' tornata Vanessa, sembra aver dimenticato il rifiuto di Edmund e credo che ne vedremo delle belle tra di loro.

Riguardo a Bill sono sicuro che sarà un personaggio importante nella storia e sopratutto per il nostro protagonista, si rivela subito gentile e molto umano e da quel che ho capito non ha una bella storia alle spalle (Considerando l'odio omofobo che è una cosa molto attuale anche tra governi di alcuni stati oltre che nelle singole persone) questo capitolo è veramente bello, complimenti Fede! Un abbraccio.
Fede883.

Recensore Junior
13/09/17, ore 13:34

Ri-ciao!
Dunque, questo capitolo mi è piaciuto più del precedente. Andiamo migliorando, com'è giusto che sia :) Con poche pennellate riesci a far scorrere la vicenda, nei suoi passaggi terribili, e raccontarci cosa succede con chiarezza.

"Ma la cosa che più mi faceva paura non erano le conseguenze delle mie azioni, ma il fatto che ne ero fiero." - fantastico: ora capiamo davvero cosa c'è che non quadra. Ci interessa non tanto l'omicidio, quanto il fatto che Edmund non lo rinneghi, perché è più quel sentimento a dirci chi è lui, più del gesto stesso, per quando atroce ed estremo.

Piccolo consiglio, nella frase: "[...] con persone aventi problemi simili ai miei.", magari "con persone con problemi simili ai miei.", scorrerebbe meglio, anche se con due CON attaccati. Non so, forse rivedrei quel passaggio perchè il gerundio è un po' strano lì.

"I ricordi si sono sotterrati in cassaforti profonde del cervello di cui io non conosco la combinazione." Mi è piaciuta tantissimo questa metafora, trovo renda perfettamente l'idea.

E poi il finale! Sulle chiuse finali sei particolarmente ferrata, mi sa :) L'ultimo scorcio che abbiamo sulla storia è sempre un pugno alla bocca dello stomaco. Complimenti!

A presto con il capitolo 4!
LRM

Recensore Junior
12/09/17, ore 22:05

Questa storia si fa sempre più intrigata di mistero, la madre comunque evidentemente sa qualcosa che il figlio non deve sapere per niente al mondo anche perchè suo figlio ha 24 anni e dire:" Dobbiamo parlare di cose da grandi ti lascia un attimo di stucco!". Mi è piaciuta molto la parte in cui il figlio si ribella alla madre, finalmente Edmund sta tirando fuori un pò di carattere! Non so il perchè ma questo Albwin Marsheille non mi convince affatto, mi sembra una persona molto pericolosa e da cui stare alla larga, purtroppo Edmund secondo me è in un brutto anzi bruttissimo guaio

[Precedente] 1 2 [Prossimo]