Recensioni per
L'attrice e il generale
di MedusaNoir

Questa storia ha ottenuto 2 recensioni.
Positive : 2
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Nuovo recensore
21/03/12, ore 23:28

Mi sono andata a spulciare le storie degli autori che avevo notato e, come al solito, ho scelto le originali. Di questa mi aveva attirato il "l'ho scritta per DarkAeris" per il fatto che, se anche a lei piace il tipo alla ettore, allora andiamo d'accordo :-D
Si vede che sono pezzi tirati fuori da un racconto molto più approfondito, quindi la storia in sè non è particolareggiata, come le altre vostre, però lui è... no, parliamone. Che fico pazzesco che è!!!
La prima parte mi è piaciuta molto più della seconda, perchè lei è una figa e lo sfida, senza paure. Poi dopo mi sembra come se tu abbia avuto fretta di gettarla tra le sue braccia (per carità, io ci sarei stata subito!) ed è poco approfondito il passaggio.
Alcuni pezzi che mi hanno fatto sbavare:
"Lanciò via la canottiera, che gli aderiva al corpo per il sudore, e si sedette sul letto, unendo le mani in un unico pugno e pensando, lo sguardo fisso davanti a sé, le tre cicatrici sul volto illuminate fiocamente dalla luce del lampadario."
Che pezzo di gran toso che è! Mi fa tremare tutta (ettore, perdonami!!!!)
"Pain scattò in piedi, lanciando il sigaro nel fuoco, e si avvicinò a Lilyan con furia, sbattendola muro. Le teneva la testa con entrambe le mani, spingendo forte: i palmi del generale riuscivano quasi a contenere il volto della ragazza."
Pure io, pure ioooo!!!
Comunque ho apprezzato i momenti nei quali si vede che il personaggio non è solo il vecchio rude, ma che nasconde dei sentimenti e un introspezione più grande e sarebbe bello se lo analizzassi più accuratamente, sono curiosa (mi piace che lui sorrida amaramente e in sileznio quando la vede scendere le scale!).
Complimenti!

Recensore Veterano
06/01/12, ore 17:55

PRIMA RECENSIONE: Adesso sono di fretta, quindi la recensione vera e propria la lascerò un'altra volta. Ma dovevo lasciare il segno del mio passaggio. PAIN, TI AMO! Ok, per ora può bastare. *Va a fare altro, continuando a pensare al generale che lancia il sigaro nel camino e la sbatte al muro*

SECONDA RECENSIONE (ho appena scoperto che non si possono lasciare due recensioni!):
Ok, ecco la recensione vera e propria.
Primo punto: secondo me la gente ormai tende a dare del romanzo Harmony a quasi tutte le storie dove la protagonista rifiuta l'uomo che la seduce e dove l'uomo in questione si comporta in modo rude. Io non sono del tutto d'accordo. Sicuramente alcune scene possono essere amplificate apposta per far venire i brividi alle ragazze che amano i duri, ma ci sono anche tante introspezioni che appartengono a personaggi veri, non costruiti sul modello degli Harmony. Io ho provato a leggere qualcosa di quella collana e devo dire che non ho mai letto niente di peggio. Lì davvero non c'è motivo per il quale la ragazza in questione rifiuta il maschio e tutti quanti hanno uno spessore psicologico pari a zero. Qui c'è una protagonista che ha perso tutto, personaggi che devono lottare tutti i giorni per la loro vita e un uomo che reagisce in modo aggressivo perché frustrato dal dover vivere constantemente all'ombra di un morto. C'è una bella differenza.
Secondo punto: L'antefatto mi fa morire da ridere, soprattutto per la frase "sfuggire dalle grinfie del perfido Darcus", questo sì che svilisce la storia di Fabio, poretto :D Ma quando pubblicherò il libro, gli renderò giustizia e tutti sapranno quanto sono belli e interessanti questi personaggi, altro che u.u
Terzo punto: L'immagine. Ok, l'ho fatta io, ma ai tempi non ero così succube di Stephen e probabilmente non avevo gli ormoni ai livelli in cui mi sono arrivati adesso. Fatto sta che ho faticato a scendere giù per leggere la storia.
Quarto punto: Trovo che il primo pezzo sia forse il migliore che hai scritto su Pain. Con tutto che l'altra sera eri ispiratissimo e te ne sei uscita con momenti davvero indimenticabili, questo racchiude il carattere del personaggio in modo totale. Lui desidera Lilyan, come uomo, ma la deve avere a tutti costi, perché sfidato a farlo. Ed un uomo di guerra non si tirerebbe mai indietro davanti ad una questione d'onore. Ed è impressionante quanto il suo orgoglio sia intaccato dall'immagine onnipresente di Giraud, che lo fa sentire sminuito e che lo fa reagire in modo ancora più violento di quanto non sarebbe nel suo vero carattere. Il fatto che "finalmente possa guardare dall'alto in basso" Giraud è davvero esplicativo.
Quinto punto: Importantissimo, nel secondo pezzo, a mio avviso è il fatto che Pain si faccia distrarre in un momento serio come quello. Un uomo come lui, prima di Lilyan, non avrebbe mai allontanato il pensiero dalla missione in atto, e invece adesso addirittura salta quando sente il segnale. E' un dettaglio davvero d'effetto. Essendo questa una fanfiction scritta con il semplice scopo di farmi tremare di desiderio, alcuni pezzi sono senz'altro deleteri nell'insieme (volendo - come farò - fare un'introspezione e un passato a Pain, lui probabilmente le avrebbe dato della stupida solo dopo la risposta confusa di lei, non dopo aver detto che non voleva dimenticarlo, ma questo è un dettaglio e vabbè).
Sesto punto: Questo è il mio secondo pezzo preferito (in realtà, se la battono). Oltre per la citazione evidentissima di Via col vento (che ci sta sempre bene), qui finalmente si approfondiscono i pensieri di Pain. Quanto il suo desiderio sia diventato più profondo di "voglio farmela di brutto". Ed una cosa sulla quale metterò poi luce è che lui la sta mettendo davvero di fronte a tutto (vedi la distrazione di prima), mentre Giraud non l'ha mai fatto ed ecco la grande differenza tra i due. Punti focali: lui che la trova regale in vestaglia, lui che sorride AMARAMENTE, lui che rivolge quella frase cattiva, ma verissima "Vi siete accorta che il vostro Arcivescovo non può più vedervi?", lui che sbrocca per quello che le dice. Non importa il pezzo dopo, quello è evidentemente sesso puro che mi fa uscire bava da tutti i pori, ma è importante che lei contro di lui utilizzi frasi senza struttura, perché nella realtà dei fatti non ha realmente scudi contro quello che lui le sta dicendo. Lui, guarda caso, sbrocca sempre dopo frasi inconcludenti di lei (" Se credete che sia solo questo il motivo per il quale non mi sono concessa a voi" / "Forse è così, ma non voglio capirlo"), perché la frustrazione per questo rifiuto cocciuto lo sta facendo ammattire.
Settimo punto: Lilyan è debole. Lilyan lo è sempre stata. Ha vissuto nell'ombra di Giraud per tutta la vita e l'unico motivo per il quale si è fatta una dura pellaccia è stato per sopravvivere. Lei è volubile, ha bisogno di un tipo come Pain. Ed ecco che, nel momento in cui lui le ha dimostrato di essere più forte di lei, lei ha ceduto. Secondo me lei è molto affascinante, ha un retroscena emotivo non indifferente. E quando lui le dice che è una codarda con gli uomini ha pienamente ragione. Mi piace tantissimo la scena del coltello, con lei che tenta di liberarsi e che reagisce, perché pensa di trovarsi davanti ad un nemico, ma quando capisce che si tratta di Pain diventa di nuovo arrendevole. Lui agisce ormai come un folle, è evidente che la prenderebbe a calci, se potesse. Sono irresistibili.
Ottavo punto: Ed ecco la resa di Lilyan. Tristemente, la ragazza vede Pain come uno strumento sessuale e questo sarà molto interessante da approndire, perché è evidente che il rapporto instaurato tra i due è diametralmente opposto. Lui la sta conoscendo, sta imparando a volerla totalmente, lei si sta cedendo a lui perché più forte e irresistibile di lei. Ed è per questo che la sua rabbia, il suo sfogo sul suo passato è così importante. Non sappiamo niente di lui e questo deve aver colpito l'animo fragile di Lilyan, che prima non si sarebbe mai ceduto ad un uomo del quale non conosceva nulla.
Nono punto: Il crocifisso meritava un punto tutto per sé. Ovviamente i lettori non possono ancora capire quanto sia importante quell'oggetto per Lilyan, ma quando scriverò una fanfiction sul momento in cui Giraud glielo regala sarà tutto più chiaro. Lui le ha donato molte cose in vita, ma quello è stato il primissimo dono che le ha fatto e lei non se l'è mai tolto, da quando l'ha indossato da bambina. Sarà frutto di molti litigi quell'oggetto, sì sì.
Decimo punto: Considerato quanto è maturato il personaggio di Pain, non so se la frase finale ci sta bene. Cioè, io al massimo gliel'avrei fatta pensare, piuttosto che dire, perché ormai era diventato più importante la conquista, non più la sfida. O almeno, non dopo averle sbroccato, parlandole di sé. Inoltre, io aggiungerei una reticenza almeno minima alla supplica di Lilyan. Lei è ipocrita ed orgogliosa, un po' avrebbe resistito.
Undicesimo punto: Insomma, se non si fosse capito, trovo questa coppia di un affascinante mostruoso, proprio perché hanno dei contenuti e del potenziale impressionante. Ovvio che visti solo sotto quest'ottica potrebbero fermarsi al romanzo rosa spinto, ma approfonditi invece sono due adulti dal passato torbido, dalla psicologia turbata e dai futuri decisamente intrecciati.
Ok, direi che ho spiegato ampiamente cosa ho amato di questa storia.
(Recensione modificata il 07/01/2012 - 12:14 am)