Storie originali > Thriller
Segui la storia  |       
Autore: Margo_Holden    25/01/2016    1 recensioni
Hazel e Alexander.
Cameriera lei e killer di professione lui.
Sembrerebbero non avere niente in comune, eppure sono legati da un episodio accaduto dodici anni prima.
Perché lei ha perso tutto a causa sua.
Sarà quindi la sete di vendetta di lei e la voglia di cambiare di lui, a farli avvicinare.
Una morbosa storia d’amore fatta di violenza, sangue e passione diligentemente nascosta nei loro occhi.
Genere: Drammatico, Introspettivo, Sentimentale | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het, Slash
Note: nessuna | Avvertimenti: Tematiche delicate, Violenza
Capitoli:
   >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Prologo


C’era del sangue sulle sue mani…
In realtà c’era sangue ovunque.
Sulle sue scarpe di pelle nera, sul vestito di velluto prugna, sulle calze a reti bucherellate su più punti, sul parquet in mogano, anche sul viso, alcuni schizzi avevano macchiato anche il suo viso bianco, pallido più del solito.

Le sembrava di poter svenire da un momento all’atro.
Non ce la faceva più a sopportare la vista di quel colore così vivo, pulsante.
Ma non sopportava più nemmeno il suo odore acre, forte, ferroso.
Sembrava di sentirlo sulla lingua. Non aveva mai avuto problemi di ferro, perché ne aveva in abbondanza nel suo corpo, ma in quel momento, se lo sentivo impresso sul palato.
E gli faceva schifo, schifo e ancora schifo.
 
Una pozza di sangue si era allargata intorno ai suoi piedi e le gambe dell’uomo, il proprietario di tutto quel liquido bordeaux, era disteso a pancia in giù, con gli occhi sbarrati, un braccio sotto di esso e l’altro in una posizione strana, ad angolo retto ma con la mano rigirata. Le gambe leggermente divaricate, fasciate da un pantalone elegante nero come la pece. Il volto cereo, cadaverico, in netto contrasto con le labbra socchiuse e leggermente rosse, dove poco prima, un fiottalo di sangue aveva fatto il suo percorso e si era poi riverso sulla camicia bianca e sul mento.

Poiché non riusciva più a reggere lo sguardo su quel viso bianco, anzi no, perché la verità era che non riusciva a guardare la morte e sapere che faccia avesse, quindi decise di alzarli, incontrando così due pozze di un blu intenso come il più freddo del mare del nord. 
Quegli stessi occhi che l’avevano venerata, fatta sentire donna, amata…
Gli stessi che gli avevano sempre ricordato di che razza di uomo si trovasse di fronte, un uomo letale, arrabbiato con il mondo intero e soprattutto con la sua stessa vita, un uomo che era capace di tutto, anche di uccidere un innocente solo perché si trovava sul suo cammino, sul cammino del suo “lavoro”.
 
Si odiava per non odiarlo.
Si odiava per desiderarlo ogni minuto della sua vita.
Si odiava per amare il suo profumo intenso.
Si odiava per il peccato commesso e per l’amore dato.
Ma più di ogni altra cosa, lo odiava per essere l’uomo che era.

Si guardarono per istanti, lunghi e silenziosi istanti, poi lui ruppe il silenzio e lei fu salvata, ancora una volta dall’uomo che odiava.






*la storia si può trovare anche su wattpad*
   
 
Leggi le 1 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
   >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Thriller / Vai alla pagina dell'autore: Margo_Holden