Storie originali > Horror
Ricorda la storia  |       
Autore: Frenzthedreamer    02/03/2016    1 recensioni
Sono passati sei mesi da quando Daveigh Carroll ha ucciso Chloe Morrell. La giornalista di Spokane, insieme all'inseparabile Ellen, cerca di tornare alla vita di sempre. Ma l'arrivo di una nuova giornalista, Amanda, farÓ presagire che l'incubo, apparentemente concluso, Ŕ destinato a riprendere.
Genere: Horror, Sovrannaturale, Thriller | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: Contenuti forti, Violenza
Capitoli:
   >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Riposate in pace Farmington era immersa nella nebbia. Gli abitanti del paesino andavano continuamente avanti e indietro lungo la via principale, adocchiando curiosamenteála folla che si era radunata nel piazzale e dentro la chiesa.
Un funerale era in corso. Le vittime erano quattro ragazzi, provenienti da localitÓ diverse.
I pi¨ lontani erano due ragazzi di Davenport. Poi c'erano un ragazzo di Spokane e una ragazza di Colfax.
La cittadina che distava pochi kilometri dal confine con l'Idaho sembrava tirare un sospiro di sollievo. Durante la notte tra il sabato e la domenica, Villa Floyd era andata a fuoco. I quattro cadaveri, ritrovati intorno al perimetro della villa, erano stati rinvenuti in condizioni agghiaccianti: assenza di budella, morsi ovunque. Inizialmente accusati di aver appiccato l'incendio alla struttura, furono successivamente scagionati dalle perizie della polizia scientifica, che non ritrov˛ materiale incendiario nei pressi dell'ex tenuta dei Floyd.
Un'altra cosa che lasci˛ gli inquirenti sorpresi fu che le fiamme avevano raso al suolo tutta la villa tranne lo scantinato, dove furono rinvenute le bare con dentro le salme dei bambini uccisi dagli "Angeli di Lucifero".
Dalla notte in questione, nessuna campana aveva pi¨ rintoccato nella notte.
Tanti interrogativi correvano nella mente di poliziotti e giornalisti.
Ma, in mezzo alla folla dei presenti al funerale, vi erano due ragazze che sapevano la veritÓ. L'incredibile veritÓ.


Daveigh Carroll osservava le bare dei suoi amici sfilare una dopo una nella chiesa di Farmington, accompagnate dalla marcia funebre suonata dall'organista. Gli stessi ragazzi che fino alla settimana prima parlavano e collaboravano con lei, ora giacevano in condizioni pietose dentro quelle casse di legno.
Ellen Clark aveva resistito fino all'omelia del sacerdote, poi era scoppiata in pianto e aveva lasciato la chiesa in lacrime. La consapevolezza che Aaron era morto, ed insieme a lui Daniel, martellava nella sua testa, e non le permetteva di pensare lucidamente, tantomeno di calmarsi.
La giornalista seguý il corteo, principalmente composto da colleghi di Kristen ed amici dei ragazzi. Erano presenti anche vari cittadini di Farmington, quasi per rendere omaggio agli "inconsapevoli" salvatori del paesino.Tra le anziane, tra i giornalisti, tra i curiosi, vi erano solo parole d'elogio per Kristen Rollins, Aaron Turner, Daniel Reed e Nathan Wilson.
Si ricongiunse con la fotografa, e cominciarono a camminare verso il cimitero cittadino, dove sarebbero stati sepolti, insieme alle altre vittime della villa. I lavori all'interno del camposanto erano in corso anche per ospitare le bare con i corpi lasciate dai satanisti.
Daveigh ebbe numerosi flashback.
L'ingresso alla villa.
L'incontro con Chloe.
La fuga con Daniel.
La scoperta delle bare.
Il sacrificio del ghost hunter.
La corsa nel bosco e la morte di Nathan.
L'uccisione di Chloe.
E tutto ci˛ che ne seguý.
Ora il corpo di Kristen veniva calato nella fossa preparata per lei.
- Eri un'oca tremenda. Ma riposa in pace, Kristen Rollins. - proferý Ellen.
Daveigh lanci˛ un mazzo di fiori sopra la bara, prima che venisse ricoperta dalla terra.
- Che il tuo coraggio e la tua audacia ti accompagnino anche da morto. Riposa in pace, Daniel Reed. - disse Daveigh.
Ellen si asciug˛ una lacrima.
- Non dimenticher˛ mai il tuo sorriso. Riposa in pace, Aaron Turner. - fece la fotografa.
La giornalista osserv˛ la foto sulla lapide di Nathan.
- Mi dispiace che sia capitato proprio a te. Riposa in pace, Nathan Wilson. - .
Le bare furono ricoperte dalla terra, e benedette dal sacerdote.
La folla si disgreg˛.
Rimasero solo le due ragazze di Spokane.
- Riposate in pace. Non vi dimenticheremo mai. - .
Si allontanarono, e nel mentre la campana della chiesa scandiva rintocchi lugubri.
  
Leggi le 1 recensioni
Ricorda la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
   >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Horror / Vai alla pagina dell'autore: Frenzthedreamer