Storie originali > Epico
Segui la storia  |       
Autore: Ormhaxan    23/09/2016    8 recensioni
Serie di OS, per la maggior parte slegate tra loro, con protagonisti Arianna e Dioniso.
Dal primo capitolo: “Non guardarmi così!” l’ammonisce Ariadne, arrossendo.
“Così come?” chiede avvicinandosi a lei e circondando il suo corpo con le braccia.
“Come se fossi diversa; come se tutto fosse cambiato tra noi adesso che sono una tua pari.”
“Ma tu sei diversa, che ti piaccia oppure no. – le accarezza il viso e la bacia a fior di labbra – Diversa, ma sempre la mia bellissima Ariadne.”
Genere: Generale, Introspettivo, Sentimentale | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: AU, Raccolta, What if? | Avvertimenti: nessuno
Capitoli:
   >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
ImagesTime.com - Free Images Hosting
 



Promp chiesto da Crateide nel forum "Il Giardino di EFP": All'arrivo sull'Olimpo, Arianna fa fatica ad ambientarsi. Per fortuna che accanto a lei c'è Dioniso, che con pazienza e amore le insegna ad adattarsi meglio alla sua nuova vita da immortale.
Titolo: Ambrosia.
Rating: Giallo.








La luce divina la colpisce con un prepotente fascio solare non appena il carro ricoperto di ghirlande, guidato da Dioniso, sbuca dalle soffici e pallide nuvole tra le quali hanno fluttuato per un tempo indefinito.
Ariadne percepisce immediatamente che quel posto è diverso da qualsiasi luogo abbia mai visitato e, quando i dorati cancelli si spalancano al loro passaggio, comprende di essere giunta nell’Olimpo.
Dioniso, ritto accanto a lei, mostra un portamento fiero e serioso, che nasconde il suo solito essere gioviale e accomodante, quel suo lato di lui che la principessa cretese ama perdutamente; eppure, quando percepisce la sua apprensione e il suo nervosismo, si affretta a lasciare per un momento le redini e a posare una mano su quella di lei, stringendola forte per tranquillizzarla.
“Tutto andrà bene, vedrai. – le dice continuando a guardare davanti a lui, mirando con sguardo obliquo i gradini che conducono al palazzo del suo reale padre celeste – Sei la mia regina adesso e loro ti accetteranno come tale.”
Ariadne annuisce, anche se una parte di lei vorrebbe ricordare al suo sposo che, nonostante il tempo trascorso insieme dalla notte del loro matrimonio – settimane, mesi, anni? – lei è ancora una mortale come tante, seppur una mortale di nobili natali.
Sospira, sfiorandosi sovrappensiero il ventre appena morbido, chiedendosi se, come crede, porti in grembo il figlio di Dioniso – Lui lo saprà?, si chiede mentre il dio dalla fiammante capigliatura l’aiuta a scendere dal carro; Si sarà accorto che qualcosa in me sta cambiando in queste settimane?
Magari è proprio questo il motivo per cui, finalmente, l’ha condotta alla presenza di Zeus, dei suoi fratelli immortali e di tutti gli altri dèi della superficie.
“Non lasciarmi, ti prego.” gli dice come una supplice in ginocchio davanti ad uno dei suoi innumerevoli templi che popolano la bella Grecia, stringendosi al suo braccio muscoloso come una bambina impaurita.
“Cosa ti ho promesso quando ci siamo incontrati per la prima volta, sulle sponde di Noxos?” le rimembra, sul viso un sorriso serafico che la fa rilassare.
Ariadne ricambia il sorriso, allentando la presa dal suo braccio, sentendosi immediatamente più rilassata: lui non la lascerà, lo ha promesso e lei si fida incondizionatamente di lui.

L’Olimpo è diverso da come se lo è sempre immaginato, meno solenne e più caotico, pieno di musica e banchetti sontuosi fatti di frutti freschi e ambrosia, la bevanda riservata alle divinità.
Dioniso cammina qualche passo avanti a lei, che si guada attorno stralunata, incrociando qua e là lo sguardo di ninfe e divinità minori che, incuriositi dalla sua presenza, non possono fare a meno di osservarla stupiti.
“Ciao, fratellino! – un battito d’ali accompagna la voce gioviale di un ragazzetto magro, più basso di Dioniso e con una faccia furba e scaltra – Finalmente ci degni della tua presenza.”
“Hermes. – Dioniso ricambia il sorriso sghembo e inclina leggermente la testa – E’ bello rivederti.”
“Non ci hai comunicato il tuo arrivo; in caso contrario, sarei stato il primo a saperlo.”
“Perdonami, ma sono stato… - sospende la frase e guarda compiaciuto Ariadne – Occupato.
Hemes si sporge verso Ariadne, la quale mantiene il capo basso davanti al dio dai sandali alati, troppo riverente per guadarlo apertamente.
“Quello che si diceva allora è vero: hai sposato una principessa mortale, la figlia di Minosse. – c’è compiacimento nelle parole di Hermes – Ed è davvero una bellezza rara, seconda solo a una dea.”
“Ho bisogno di parlare con il nostro divino padre, affinché in veste di Cronide renda Ariadne immortale.”
“Sei il suo figlio più piccolo, a te non potrà mai negare nulla. – asserisce con tono sicuro, scostandosi una ciocca di capelli dello stesso colore di quelli di Dioniso dagli occhi vispi - Venite, vi annuncio immediatamente.”

Zeus è regale come le statue lo hanno da sempre scolpito, mille volte più bello e temibile seduto sul suo trono dalle sfumature del Cielo, regno di cui è il signore assoluto. Al suo fianco, bella e distante, Hera siede su di un secondo trono gemello e la guarda con occhi pallidi come il cielo al mattino.
“E così è lei la tua prescelta. – pronuncia algido Zeus, dopo aver ascoltato attentamente il racconto narrato da Dioniso su come e in quali delicate circostanze si sono conosciuti – Sei certo che sia quella giusta?”
Stizzita, Ariadne sta per dire qualcosa, ma prontamente Dioniso risponde: “Eros ha scoccato il suo dardo, ciò che è fatto è fatto e non si può cambiare. Ariadne è la mia sposa e, con il tuo volere, sarà la mia regina immortale. – Dioniso sfida Zeus, lo guarda dritto negli occhi che sono speculari ai suoi, lo sta sfidando come mai ha osato fare prima – Ti prego, divino Zeus Cronide, concedile l’ambrosia e rendila per sempre mia.”

 L’ambrosia brucia la sua gola, riempie il suo petto e si irradia nel suo corpo di mortale, trasformandolo per sempre, concedendole l’immortalità che il minore dei Dodici1 le ha promesso.
Dioniso assiste estasiato a quella trasformazione, osservando come ogni cosa di lei assuma piccoli cambiamenti: i suoi capelli sono di una tonalità più chiara; i suoi occhi si sono arricchiti di venature color dell’oro tipiche degli immortali e le sue labbra sono più piene e ricordano un bocciolo di rosa. Anche il suo corpo è diverso, ha assunto le fattezze di una donna consapevole, il portamento di una divinità.
“Non guardarmi così!” l’ammonisce Ariadne, arrossendo.
“Così come?” chiede avvicinandosi a lei e circondando il suo corpo con le braccia.
“Come se fossi diversa; come se tutto fosse cambiato tra noi adesso che sono una tua pari.”
“Ma tu sei diversa, che ti piaccia oppure no. – le accarezza il viso e la bacia a fior di labbra – Diversa, ma sempre la mia bellissima Ariadne.”
“Non credo che riuscirò mai ad abituarmi a tutto questo, all’Olimpo e alle sue inusuali abitudini.”
“Con il tempo tutto diverrà più facile, più familiare. – le bacia una guancia – Hai già conquistato Hermes e questo è già un importante primo passo.”
La fa voltare e, nascondendola dietro una colonna marmorea, la bacia con passione; Ariadne geme, sorpresa, per poi intrecciare le braccia attorno al collo del suo immortale compagno, rispondendo al bacio con altrettanto trasporto.
“E poi hai me, - aggiunge, a corto di fiato, dopo aver messo fine al passionale contatto, mentre sfrega i loro nasi in modo infantile – e fino a quando saremo insieme tutto andrà bene. Ti fidi di me, vero?”
Ariadne sorride e, senza incertezze, risponde: “Sempre.”

 

*




1. Dioniso è il figlio minore di Zeus e, di conseguenza, il più giovane delle dodici divinità che, classicamente, popolano l'Olimpo.



Angolo Autrice: Eccomi qua, con un nuovo progetto. Questa sarà una raccolta di OS, molte delle quali saranno AU, sulla coppia divina Arianna e Dioniso. Nello specifico, questo capitolo si può definire in parte collegato - diciamo un seguito, ecco - alla mia OS, Ariadne - Arianna,  in cui si narra il primo incontro sull'isola di Noxos tra la principessa di Creta e il la divinità del vino.
Spero vi sia piaciuto e, come sempre, vi invito a lasciare un commento! ;)

Alla prossima,
V.

 
  
Leggi le 8 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
   >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Epico / Vai alla pagina dell'autore: Ormhaxan