Crossover
Segui la storia  |       
Autore: Justice Solaris    22/01/2017    1 recensioni
Un potente dio in cerca di vendetta, sei artefatti dotati di poteri inimmaginabili, un solo oggetto in grado di controllare e convogliare il loro immenso potere, cinque eroi radunati da una misteriosa entità per proteggere il mondo e un ragazzo che si risveglia senza memoria; tutti questi fatti apparentemente scollegati tra loro, sono in realtà parte di un unico grande piano che sconvolgerà le sorti degli universi; Cosa riserverà per loro il destino, la salvezza o la distruzione totale? Se vi ho incuriosito passate, leggete e commentate
Genere: Avventura, Azione | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: Cross-over | Avvertimenti: Spoiler!
Capitoli:
   >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Salve a tutti, mi chiamo Justice Solaris e questa è la mia fan fiction in assoluto sul sito, l'ispirazione di questa fan fiction, quando lessi il titolo di un fumetto Marvel e informandomi sull'argomento ho buttato giù qualche idea su questa fic, che è in lavorazione da due anni, pertanto ho avuto modo di scrivere il tutto, correggerlo e ampliarlo, tuttavia essendo uno studente universitario, aggiornerò i capitoli una volta al mese. Bando alle ciance, e buon capitolo

Gods' heirs: the infinity gauntlet

Image and video hosting by TinyPic

 

Molti pensano che gli universi paralleli siano semplici variazioni di eventi accaduti in uno specifico istante, se una cosa è accaduta in un determinato modo, in un altro universo, è accaduto l'esatto opposto, così come negli universi sono presenti variazioni di una stessa persona, ricca e famosa in un universo, povera e morta di fame in un altro. Dicerìe dicono alcuni, verità non confutàbili secondo altri, per coloro che vi credono vige un unico dogma, gli universi non sono mai entrati in contatto tra loro e un contatto futuro non potrà mai avvenire; nonostante ciò, tra i più accaniti sostenitori della teoria girano voci di qualcuno che sia riuscito ad approdare in un altro universo ,ovviamente senza mai specificare come, e che abbia incontrato il proprio doppelganger interagendo addirittura con quest'ultimo. Queste voci sono ancora da confermare o smentire. Ad ogni modo sia gli scettici incalliti, sia i credenti più fanatici di questa teoria si sbagliano; Gli universi paralleli esistono, ma non nella maniera in cui molti pensano, la verità va ben oltre le dicerie o le leggende metropolitane...

Miliardi di anni fa, in tutto l'universo vi era il nulla cosmico, solo un immenso e vuoto spazio buio; dal nulla senza un apparente motivo, nella vastità del vuoto dello spazio, avvenne una immensa, gigantesca esplosione, la quale diede origine alle stelle, ai pianeti, alle galassie oggi conosciuti o tuttòra sconosciuti, questa esplosione è nota a tutti col nome di "Big Bang". Quello che molti non sanno, è che con essa nacque qualcuno, un essere immortale, onnisciente, onnipotente e onnipresente, autoproclamatosi "L'Antico"; Egli impiegò millenni, per esplorare tutto l'universo creatosi con lui, scoprendo però di essere solo. L'Essere perciò decise di creare la vita, plasmando una specie simile a Lui, nota come Dèi. Essi non erano molto numerosi, non più di diecimila, ma tutti quanti erano dotati degli stessi poteri dell'Antico, seppur in misura molto minore, tuttavia scoprirono di non essere in grado di riprodursi, ben presto non sarebbe rimasto più nessuno nell'universo, lasciando solamente pianeti vuoti e disabitati; decisero perciò di creare la vita a loro volta emulando il gesto dell'Antico. Così ebbe inizio la storia della razza umana. Ben presto L'Antico scomparve misteriosamente dalle scene e di lui non si seppe più nulla, e tuttora non si sa che fine abbia fatto. Gli umani così come i loro creatori esplorarono tutto l'universo, arrivando a colonizzare tutto ciò che era possibile, creando così l'impero degli umani, soppiantando ben presto il dominio dei loro creatori, poiché ben più numerosi degli Dèi; all'inizio gli Dèi non intervennero per fermare le azioni umane, pensando che gli umani prima o poi si sarebbero calmati, ma nel corso dei secoli gli umani decisero di non aver più bisogno dei loro creatori, anzi arrivarono addirittura a scatenare una guerra, per spodestarli e dominare loro stessi l'universo. Oggi non si sa come finì questo conflitto, tuttavia dopo la guerra, misteriosamente l'universo fu separato, dando origine a infiniti universi differenti gli uni dagli altri, di essi tuttavia non si conosce nulla che li riguardi, benché di alcuni di essi ci siano arrivate notizie. Il motivo per il quale l'universo originale fu separato e diviso in tanti altri universi più piccoli, è tuttòra sconosciuto.
 

Spazio: Tempo presente

Nonostante lo spazio appaia come un'immensa distesa buia e infinita dominata solo dalla luce delle stelle, esiste una zona di esso che ha la funzione di prigione, nella quale vi è racchiusa una sola persona; questa zona è completamente circondata da un'immensa energia rossa, dalla funzione sconosciuta; l'intera zona intorno è cosparsa da migliaia di detriti e frammenti di terra, come se un tempo si trovasse un pianeta in questa zona. Su di un'enorme distesa di terreno si trova un soldato ricoperto completamente da un'armatura nera come la notte, sembrava indeciso se prendere la parola o meno, ad un certo punto: "Mio signore, l'incursione è stata un successo e il villaggio è stato completamente distrutto, la maggior parte degli abitanti è stata uccisa o catturata, tuttavia sembra che sia stato nascosto molto bene, ci vorrà più tempo del previsto." disse il soldato rivolgendosi allo schienale di un trono di pietra, sorretto da un minuscolo asteroide, su di esso era visibile solo il trono e un tavolino di pietra alla destra del suddetto, sul quale si trova una bottiglia di vino. Dell'occupante del trono si vide solo la mano destra la quale teneva un bicchiere, dopo che l'occupante ebbe sorseggiato il suo rosso si decise a rispondere, con una voce profonda che incuteva timore al solo ascoltarla: "Mi ci sono voluti secoli per ottenere sufficiente energia aprire una piccola breccia nella prigione e chiedere aiuto a voi idioti, questa maledetta foschia mi impedisce di usare a pieno i miei poteri, tuttavia ben presto non sarà un problema, per quanto riguarda te, non abusare ulteriormente della mia pazienza, avete altre tre ore prima che io vi distrugga complamente!" "Vado subito mio signore, non la deluderemo!" Detto questo il soldato se ne andò, mentre l'occupante del trono continuava a bere il suo vino, dopo poco egli aggiunse:"Manca poco,molto poco e potrò finalmente avere la mia vendetta!"

 

  
Leggi le 1 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
   >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Crossover / Vai alla pagina dell'autore: Justice Solaris