Storie originali > Comico
Segui la storia  |       
Autore: Madame_Padfoot93    25/02/2017    1 recensioni
Quante volte ci è capitato di fare una figuraccia, o aver capito male qualcosa, o esserci capitato qualcosa che ci ha fatto urlare "Che vita di...popò!"?
A me tante, troppe volte. E qui vi racconto i miei pazzi, odiosi episodi in cui mi sono detta "Che vita demmer...!"
Buona lettura!
Genere: Comico, Demenziale | Stato: in corso
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Capitoli:
   >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

C.V.D.: Che Vita Dimmer…!

 

...Quando rincontri il tuo ex.


In una città non molto grande come la mia si può avere la fortuna (o la sfortuna, dipende dai punti di vista) di conoscere buona parte dei proprio coetanei: le scuole non sono molto grandi e non ci sono troppi studenti; spesso, inoltre, le relazioni degli amici ti portano a conoscere tanta gente.
Ed è proprio in questo modo che ho conosciuto il “mio” ex, che per facilitarci la vita chiameremo Il Pirla. E lo definisco “mio” in quanto è tra tutti l’Ex che più mi scombussola ancora oggi, a distanza di parecchi anni. Io e Il Pirla ci siamo conosciuti durante le elementari: lui, nonostante fosse più piccolo di me di pochi mesi, frequentava la 3^, mentre io, appena trasferita dal profondo Nord al più terronico Sud, la 2^ dato che lui aveva fatto la primina. Per me fu amore a prima vista. Lo idolatravo, ne seguivo ogni mossa, speravo davvero che un giorno si accorgesse di me…eppure niente, nispa, nada de nada. Per lui esistevano solo le altre ragazze (e si, sono consapevole che parlare di “amore” e “altre ragazze” a 7-8 anni sembra assurdo…forse perché lo è ) e io ero solo quella nuova, simpatica e amica di famiglia (perché i suoi erano vecchi compagni di scuola di mio padre...vedi tu la coincidenza nella vita). Passammo qualche estate insieme, al mare, con le rispettive famiglie, fino a quando lui non concluse le elementari e andò alle medie. Non ci si frequentò più e io riuscii a dimenticarlo. Ebbi qualche altra cotta e il mio primo bacio ( da un ragazzo che poi non rividi più e menomale…) fino al mio primo giorno di liceo. E lui era lì. Il miscuglio di sentimenti che avevo per lui ritornò a galla e mi travolse come solo il Maremoto di Nettuno sapeva fare. Come sempre era una classe avanti rispetto a me ed essendo al Liceo Classico (si, lo so, non si direbbe visto che una scimmia saprebbe scrivere meglio e avrebbe più fantasia) credeva che fosse davvero divertente chiamarmi “quartino”, rimarcando non solo sul fatto che frequentassi il 4^ Ginnasio (o Primo Liceo per i poveri mortali che hanno fatto altri licei o seguono le nuove direttive) ma anche sul fatto che fossi bassa, come se essere 1.58 m fa di te automaticamente una nana...ok va bene lasciamo stare.
Ma a me non importava affatto che mi chiamasse “quartina”, “piccoletta”, “testa a cespuglio” o chissà cos’altro. Io ero contenta quando c’era lui nei paraggi. Ma dovevo togliermelo assolutamente dalla testa perché...era fidanzato!
Fu così che ripiegai su un altro essere meschino e inferiore (aaaaah, il livore: l’unico vero compagno della mia vita ) che prima mi portò su, su, facendo credere a me, povera fanciulla illusa, in un quagghiamento, per poi scaraventarmi in un vortice di dolore e solitudine quando mi disse che voleva tornare con la sua ex.
E così passò il mio primo anno del liceo… il primo di cinque anni infernali e schifosi che guarda, lasciamo perdere “che è meglio” (nella mia testa suona con la voce di Puffo Quattrocchi…). L’estate passò e iniziò il mio secondo anno ( il 5^ Ginnasio ) ed è qui che inizia il declino… Il Pirla si era (finalmente) lasciato con quella cosa orrenda e scorbutica che era quella tizia che lui chiamava “Tesoro” ma a cui io, invece, avevo affettuosamente affibbiato il nome di “Sgorbius”. Ad ogni modo io avevo, diciamo, superato la mia cotta per lui e non ci pensavo più finché un giorno non mi mando un messaggio via Messanger ( no, non quello di ora: ve lo ricordate Messenger, quello che si utilizzava con l’email, prima di Facebook… oh beh i ragazzi che sono stati adolescenti prima del 2010 se ne ricorderanno sicuro… almeno spero!). E da quel semplice messaggio ci ritrovammo a parlare ore, ore e ore intere, ci scambiammo i numeri e un giorno mi baciò. Fu il giorno più...più...oh beh a quel tempo fu il giorno più bello della mia vita ( ora penso che sia quella volta che trovai l‘ultimo muffin ai mirtilli al bar dell’università ).
Eravamo ufficialmente una coppia (perché ai tempi bastava mettere la relazione da “Single” a “Impegnato” o “Fidanzato/a con… “ su Facebook per renderti una coppia) e tutti ci guardavano come se fossimo la coppia più popolare della scuola. Mi sentivo in paradiso: avevo a fianco a me il ragazzo dei miei sogni, per cui spasimavo da anni ed er felicissima.
Ma si sa, ogni cosa ha il proprio rovescio della medaglia: se per me Il Pirla era un ragazzo senza difetti e stupendo, per gli altri non era affatto così. I miei compagni lo prendevano in giro e tutta la scuola lo considerava un grosso pallone gonfiato, dato che aveva certi atteggiamenti un po’ pomposi e superbi; le mie amiche mi chiedevano come riuscissi ad uscire con un tipo come quello e anche le insegnanti si mettevano in mezzo. Fatto sta che dopo poco tempo non ne potevo proprio più e tutti i difetti che gli altri mi mostravano quotidianamente e continuamente si facevano sempre più nitidi. Io però gli volevo davvero bene, tanto bene. E forse per il fatto che fossi poco affettuosa, o perché le opinioni altrui mi confondevano, o forse perché quel brutto stronzo, ipocrita, imbecille, cretino, pusillanime, ne aveva trovata già un’altra facendomi un palco di corna che manco Rudolph, la renna di Babbo Natale, mi lasciò. Un giorno mi prese da casa, con la scusa di una passeggiata, mi portò nel luogo più isolato e sperduto della città ( tipico di voi uomini andare nei posti più disparati quando dovete lasciare una tipa… che amarezza ) e mi disse: << Ma….dame P. (*il mio nome è scritto nella Bio, se proprio ne avete interesse… curiosoni!*), tu sei una bellissima ragazza (*si, lo ha detto*) e molto, molto simpatica… e io ti amo, si, ma non come dovresti essere amata (*ripensandoci, mamma mia che pena, non si è nemmeno sforzato*). Dobbiamo lasciarci...no ti prego, non piangere (*giustamente ero una fontana, un fiume in piena, una doppia cascata del Niagara*). Troverai un uomo migliore di me! >> Beh, credo sia stato quello, con quel suo “Troverai un uomo migliore di me!”, il momento in cui mi lanciò una fattura, perché non ho più trovato uno straccio di uomo che fosse anche minimamente migliore di lui.
Così mi lasciò e per me fu una batosta, un colpo troppo duro, soprattutto quando scoprii il vero motivo: ne ero devastata (oh picciò, ai tempi avevo appena 16 anni, credevo che fosse la cosa peggiore al mondo, abbiate pazienza… e se c’è qualcuno di questa età che sta leggendo e si sta un po’ identificando sappiate che non è davvero la fine del mondo!).
Passano gli anni. Molti, molti anni.
Una mattina dovevo prendere il treno che mi porta nella città vicina, per andare all’Università. E indovinate un po’ chi vedo sulla banchina, ad aspettare lo stesso, medesimo treno? Già proprio lui, Il Pirla. Quello che ha condizionato ogni mia singola relazione avuta dopo di lui, quello che ancora fatico a dimenticare, quello a cui vorrei imporre la stessa punizione che Zeus inflisse a Prometeo, quello che mi stava guardando con un sorriso e mi stava salutando con un cenno della mano a cui debbo rispondere perché è maleducazione non rispondere ai saluti anche se io vorrei mandarlo al diavolo lui e quella faccia da imbecille che si ritrova!
Ehm...scusatemi.
Ad ogni modo mi accorsi di ritrovarmelo tra i piedi ogni singola dannatissima mattina, sempre lì, sorridente e affascinante come mai. D’improvviso mi ritrovai suoi “mi piace” e commenti a miei post e così mi cercai di carpire informazioni da una mia amica che mi comunica La Notizia: è single. E un’idea, una subdola e meravigliosa idea mi si inculcò nel cervello, strisciando e scavando come un tarlo. Si pentirà di avermi lasciata in quel modo. Si dovrà mangiare le mani!
Vi prego non chiedetemi cosa mi sia saltato in testa, perché davvero non lo so!
Il giorno dopo decido di vestirmi nel modo più carino possibile, cercando comunque di avere un abbigliamento consono per andare all’Università. Mi trucco e cerco di sistemare quell’ammasso informe che sono i miei capelli e vado alla stazione.
Ovviamente, come ogni mattina, lui è lì: mi sorride, mi saluta con la mano e mi osserva.
Si, guarda e piangi coccobello!
Ora, direte voi, cosa mai può essere andato storto nel mio bellissimo, infallibile piano?
Semplice.
Sulla mia bellissima giacca di pelle, uno stupido, stupidissimo uccello della malora aveva fatto una cacca gigantesca e io non me ne ero assolutamente accorta, finché non notai il suo sguardo.
Dio, che figuraccia!
Corsi ai bagni della stazione (non so come ci sia riuscita, forse per pura disperazione) e cercai di pulire il disastro con fazzolettini e quant’altro (ho un arsenale nella borsa, tra boccette di sapone e profumo). In qualche modo riuscii a pulire il disastro. E miracolosamente anche a prendere il treno. Lo stesso in cui Il Pirla stava flirtando con una ragazzetta tutte curve che rideva come un’oca giuliva, mentre io ero incastrata tra un bel ragazzo che dormiva e una signora che continuava a spargere germi e batteri.
Che Vita Demmer…!

 







Note Padfoottiane (si sto cercando un nuovo titolo per le mie note, fatemi sapere quale vi schifa di meno):
* nell’aria si odono le note di musica circense…. *
Signore e Signori, benvenuti all’esperimento più strano, assurdo, sciocco e inutile dell’intero mondo delle fiction. Quella che avete appena letto è la mia vita. E tranquilli arriveranno altri mmmmeravigliosi (seh, sicuramente) momenti in cui ho urlato “Che vita demmeeeeeeeeeeerda” (stavolta dovevo davvero scriverlo).
Fatemi sapere se sta cosa vi è piaciuta o se vi ha fatto (giustamente) schifo.
Ok, la smetto! Cerco di non impietosirvi più.
Spero davvero che il mio lavoro vi sia piaciuto. Come sempre ringrazio tutte le persone che hanno recensito e/o messo tra preferite/seguite/ricordate le mie storie precedenti e tutti coloro che mi hanno messa tra gli Autori preferiti: a questi indomiti eroi va il mio più sentito ringraziamento. Spero di non deludervi.

Detto ciuò, vi saluto, vi mando un bacino affettuoso e
Ciriciao!

 

Madame_Padfoot



 

  
Leggi le 1 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
   >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Comico / Vai alla pagina dell'autore: Madame_Padfoot93