Storie originali > Drammatico
Ricorda la storia  |      
Autore: lalalalala0346    15/03/2017    0 recensioni
“Non auguro a nessuno di fare una fine così, con un buco nello stomaco, con il vento che ti scompiglia i capelli e tu, lì, incapace di fare qualsiasi cosa.”
Genere: Drammatico, Fantasy, Malinconico | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Con gli occhi annebbiati dalle lacrime guardavo il cielo rosso ardente, come se fosse in fiamme. Sopra di me vedevo una figura alata, la figura alata che mi aveva accoltellato poco prima. Chi credevo un amico, e invece si è rivelato mio nemico. Il coltello d'argento che avevo nello stomaco se ne stava lì, a distruggermi lentamente. Il sangue continuava ad uscire dalla ferita, macchiando di cremisi la maglietta candida. Sentivo l'aria fredda che urtava il mio corpo, nel vano tentativo di fermare la mia caduta. Come se la sola aria bastasse. Lacrime di rabbia e dolore continuavano a uscire, senza sosta. Devo togliere il coltello, pensai, con la mente accecata dal dolore. Sapevo che il metallo mi stava uccidendo lentamente. Afferrai il manico dell'arma con tutta la decisione che avevo in quel momento. Storsi il naso e, con il vento che mi urlava nelle orecchie, strinsi il manico. Devo farlo, devo farlo, devo farlo. Esitai un attimo, pensando qual era la cosa giusta da fare. Ci pensai per non so quanti interminabili istanti, poi, mi decisi. Accompagnato da un urlo straziante, la lama uscì dal mio corpo. Dopo aver buttato il coltello non so dove, misi le mani sopra la ferita, e gemetti dal dolore. Sentivo il sangue uscire, e macchiarmi le mani. Non auguro a nessuno di fare una fine così, con un buco nello stomaco, con il vento che ti scompiglia i capelli e tu, lì, incapace di fare qualsiasi cosa. Per tutta la mia breve vita da mutaforma avevo sempre pensato di morire da vecchio, in modo più tranquillo, con i miei cari che mi sarebbero stati accanto in quel momento definitivo e orribile. Non così, accoltellato da colui che credevi un amico e poi fatto cadere dal cielo verso una morte quasi certa. Mentre precipitavo, sentii che il dolore si era attenuato, ma di poco. Che sia ringraziato il cielo, non ce la facevo più. Il dolore era diventato insopportabile. Sembrava come se il tempo si fosse fermato, o per lo meno, rallentato. Ogni respiro pareva che durasse minuti, ogni battito di ciglia lo stesso. Ad un certo punto, sentii come una specie di torpore irradiarmi le dita dei piedi e delle mani. Era molto piacevole, così tanto piacevole che mi fece venire sonno. Non devo dormire. Non devo dormire. Sbattei gli occhi, e guardai il cielo, che si era oscurato; ora era tinto di blu, e le prime stelle iniziavano a brillare. Poi la vista cominciò ad annebbiarsi leggermente. Non devo dormire. Non devo dormire. Spalancai gli occhi, e cercai di rimanere sveglio. Pensai a tutte le cose belle che mi erano capitate nel corso della mia vita, chi e a che cosa sono diventato. Il torpore si irradiava sempre più nel mio corpo, come se avesse sostituito il sangue. I miei occhi combattevano per non chiudersi. Non devo dormire. Non devo dormire. Pensavo in continuazione queste parole, nella speranza che mi tenessero sveglio. Oramai non sentivo più nulla. Sentivo come se il mio corpo non fosse più sotto il mio controllo. La mia vista si annebbiò ancora di più, e sentii le mie palpebre farsi pesanti. Lottavo per tenere aperti gli occhi, ma la voglia di chiuderli e lasciarsi andare era più forte di me. Così li chiusi. Feci un piccolo sorriso, felice di non dover sentire più dolore o nient'altro. Sentivo solo benessere e pace. Poi sospirai, sollevato, e il mio ultimo respiro uscì dalle mie labbra, insieme al mio ultimo pensiero: «Non devo morire.»
   
 
Leggi le 0 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Drammatico / Vai alla pagina dell'autore: lalalalala0346