Storie originali > Romantico
Segui la storia  |       
Autore: fulmineo    20/03/2017    0 recensioni
Alcune ragazze, da sempre amiche, si trasferiscono a Honolulu per lavoro e lì faranno incontri importanti per il loro futuro... Ma filerà tutto liscio?
Genere: Generale, Romantico, Sentimentale | Stato: in corso
Tipo di coppia: Slash, FemSlash
Note: Lime | Avvertimenti: Incest, Tematiche delicate | Contesto: Contesto generale/vago
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Le tre arrivarono e le giovani si ritrovarono al chiosco ove avevano appuntamento con Sole e proprio la castana le raggiunse "Ciao! Eccomi." Le salutò.

"Le tue amiche?" Chiese Raphaela.

"Arriveranno... Sai, lavorano oppure stanno facendo surf!"

"Bene! Allora andiamo." Disse Sole "Ho il mio pulmino... Venite!"

Le ragazze la seguirono e salirono sul pulmino, con Natalia che le diede il loro indirizzo, visto che la via era sempre la stessa e Sole, mentre erano ferme al semaforo, lo inoltrò via messaggio alle amiche "Che traffico..." Disse Milena.

"Ci sono dei lavori alla rete idrica, si è rotta una tubatura ieri pomeriggio e la stanno sistemando. Ovviamente in via eccezionale essendo domenica, perché l'acqua è necessaria!"

"Certo, siamo d'accordo." Sorrise Mimì.

Arrivate a destinazione, le giovani diedero a Sole il numero del rispettivo interno, a cui suonare e nuovamente la castana inoltrò alle amiche il tutto via messaggio.

"Il tuo appartamento è molto carino!" Ammise Sole, entrando in quello di Nadia.

"Forse lo sarà, ma è ancora spoglio..."

"Innanzitutto prendo la pittura ed il pennello per dipingere le pareti!"

"Ecco a te! C'è anche una tuta... Così non ti sporchi."

Sole sorrise, poi suonò il campanello e Nadia aprì, trovandosi davanti una ragazza alta quasi due metri, a suo giudizio, dai lunghi capelli castani legati in una treccia e gli occhi scuri "Ciao! Sole è qui? Sono una sua amica..."

"Certo! Te la chiamo."

"Oh, Yria! Vieni, dammi una mano..."

"Dipingere... Fortuna ho la tuta!" Disse Yria Zaryanov, presentandosi a Nadia, che fece altrettanto.

Invece a casa di Raphaela arrivò una ragazza alta quasi come lei, Caterina Bossolani, dai lunghi capelli castani e gli occhi azzurri ed una che le somigliava, ma sul metro e novanta, andò da Mimì.

"Robyn." Chiamò Mimì "Ecco la vernice."

"Grazie! Ci penso io... Se vuoi aiutarmi..."

Mimì accettò, poi da Francesca andarono due ragazze, una bionda alta come lei di nome Valentina Argenti ed una mora, poco più bassa, Klaus Monreal.

Invece da Carmen era arrivata Yann Sovlov "Arriverà un'altra mia amica... E fai attenzione, su quella scala!"

"Certo, va bene!"Sorrise la ragazza, mentre le altre amiche si erano divise tra coloro che stavano già ricevendo aiuto.

Ma entrò in casa di Carmen il gatto della vicina, visto che Natalia aveva lasciato la porta socchiusa ed il felino salì sulla scala, poi sulla spalla della bionda "Matisse!" Chiamò la donna dal pianerottolo, senza entrare.

"Scendi, gattino... Scendi!" Disse Carmen, che perse l'equilibrio, ma non toccò terra, in quanto qualcuno la prese al volo.

"Stai bene?" Chiese una ragazza dai corti capelli castani lievemente ricciolini e gli occhi ricchi e scuri, alta sul metro e settantacinque, poco meno di Carmen "Ti sei fatta male?"

"N-No... No... Grazie."

"Figurati. Io sono Lucia Bossolani..."

"Carmen Torreira." Rispose la bionda, sgranando poi gli occhi verdi "Ho letto il tuo nome su alcuni volantini appesi su un bar in spiaggia... Fai surf, avevi in mano una tavola!"

La ragazza sorrise, annuendo col capo ma, prima che potesse parlare, qualcuno l'anticipò "È una campionessa, non una semplice surfista! Ed è la mia ragazza, levati da lei."

Carmen non seppe cosa rispondere e Lucia fissò la ragazza "Cosa vuoi, Maki? Sto aiutando Yann e questa ragazza..."

"Appunto! Quando dovresti uscire con me!"

"Ho detto di non avere tempo... Perciò, se non ti dispiace, ho da fare. Ci vediamo domani!"

"Dovrai farti perdonare!" Ribeccò la mora ragazza, andandosene, dopo aver guardato male Carmen.

"Mi dispiace." Rivolse Lucia alla bionda.

"Figurati... Non devi scusarti, tu non hai fatto nulla."

Lucia sorrise e, fatto uscire il gatto e ricevute le scuse sincere della sua padrona, le due s'unirono a Yann e Natalia per sistemare l'appartamento.

  
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Romantico / Vai alla pagina dell'autore: fulmineo