Storie originali > Romantico
Segui la storia  |       
Autore: Oldwhatsername_24    21/04/2017    3 recensioni
“Allora l’appuntamento è nel 2025?”
“Il venti maggio!”
“Al molo!”
“Al tramonto!”
Adam mette la mano sulla mia, toccando il piccolo maialino portachiavi.
“Promesso?”
“Promesso.”
Genere: Commedia, Introspettivo, Romantico | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: Tematiche delicate | Contesto: Contesto generale/vago
Capitoli:
 <<    >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
- 20/05/2025
 
Quando arrivo al molo mi sembra di essere finalmente tornata a casa, come se per tutto questo tempo fossi stata su di un pianeta lontano e adesso potessi finalmente respirare aria fresca.
Il sole è a metà del cielo, ormai colorato delle tanto familiari sfumature d’arancione, e oltre a me ci sono solo pochi sporadici visitatori.
Cammino piano, ascoltando attentamente il rumore dei sassolini sotto le mie scarpe, beandomi del profumo di mare e dell’effetto dell’aria salmastra sulla mia pelle.
Il vento mi accarezza il viso e i capelli e mi chiedo quanto possa essere cambiato lui in questi anni.
Mi chiedo come saranno le sue mani, che taglio di capelli avrà adesso, mi chiedo se canti ancora e se i suoi occhi abbiano ancora la stessa luce, mi chiedo se non sia diventato un serio uomo d’affari come i milioni di Milanesi che vedo ogni giorno, sempre di corsa con il cellulare in mano, in costante ritardo per qualcosa.
Mi siedo sul nostro scoglio, quello grande rivolto verso l’orizzonte, dal quale si può vedere il faro e quella luce verde visibile solo di notte, che nessuno ha mai saputo da dove provenisse, e che tanto mi ricordava Il grande Gatsby.
Dietro di me, sulla piccola caletta di sabbia, c’è un uomo con una bambina sui tre anni e un cane, che corrono avanti e indietro lungo quella piccola zona, cercando conchiglie inesistenti in un posto che, in realtà, ha solo spiagge di scogli.
Sorrido, e per un momento ho voglia di poter ripetere la stessa scena vivendola in prima persona.
Distolgo lo sguardo, posandolo su un vecchio pescatore, in un angolo del molo, che libera dalla lenza un piccolo pesce, per poi gettarlo in un secchiello giallo.
Pace.
Mi rigiro tra le mani il portachiavi a forma di maialino stilizzato, un portafotuna che mi ha sempre fatto tornare il sorriso, il primo regalo che lui mi abbia mai fatto, e penso a tutto quello che seguì al nostro primo, minuscolo bacio.
E torno ad annegare tra i ricordi.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
- Aprile 2010
 
“Com’è stato?!” chiedono le mie amiche, tutte raccolte in un'unica stanza per la grande notizia.
“Rapido”
“ in che senso –rapido-?” chiede Nancy, torturandosi una ciocca di capelli biondissimi.
Lei e Charlie, che non potrebbero essere più diverse, continuano a litigarsi il merito della mia neofita “relazione” con Adam.
Charlie dice che è merito suo, perché è lei ad avermi fatto uscire insieme a loro per la prima volta, mentre Nancy dice che, se lei non ci avesse fatto incontrare per la prima volta un anno prima, nulla di tutto ciò sarebbe accaduto.
Io non so a chi dar ragione, quindi rimango a crogiolarmi nei ricordi di quel bacio insieme a Edith e, compagna di classe e inseparabile armi per quanto riguarda segreti da confessare.
Edith è ufficialmente stata perdonata per il suo “tradimento”, anche perché ormai pare che quella relazione fosse bella che finita e così anche lei partecipava al dibattito “grazie a chi è nata la storia”, sostenendo che, se lei non mi avesse tenuta lontana da lui, adesso starei con il ragazzo sbagliato.
In un modo estremamente contorto hanno tutte e tre ragione.
“Rapido nel senso che è stato solo un bacio sulle labbra, durato qualche secondo”
Charlie si lancia sulle mie gambe, e subito dopo anche Nancy.
“Vuoi dirmi che non ti ha infilato la lingua in bocca?!”
“Charlie!”
“Sempre molto elegante, C”
“Oh, sta zitta!”
“No, niente lingua” sento le guance diventare sempre più rosse, e tento in tutti i modi di distogliere lo sguardo dalle ragazze, vergognandomi leggermente della mia esperienza.
“Oh. mio. Dio.” Scandisce poi Nancy, ridacchiando tra sé e sé.
“Cosa…?” chiedo esitante, ma ho paura di sapere già la risposta.
“Tu non hai mai dato un bacio con la lingua, vero?!?!”
Mi mordo le labbra, come faccio sempre quando sono nervosa, e cerco di aprire la bocca per rispondere, ma tutto ciò che viene fuori è un rantolio che non fa altro che ammettere la verità.
“Oh cielo!”
“Ma sul serio?!”
“Non ci credo!”
“Non avevo mai neanche dato un bacio a stampo prima di ieri, se per questo!” sbotto dopo qualche minuto “a meno che voi non vogliate contare il gioco della bottiglia e quella volta che, in terza elementare, un bambino girò la testa mentre gli davo un bacio sulla guancia!”
Momento di silenzio.
Charlie e Nancy si guardano.
“Secondo te è seria?”
“Ho paura di si”
Deglutisco, preparandomi alla tempesta.
“Beh, non ci vorrà molto prima che succeda, insomma non sei sicuramente la sua prima ragazza” dice Edith, alzando le spalle.
Sbuffo.
“No, decisamente no, anzi , direi che lui di esperienza ne ha fin troppa”
“Non preoccuparti” esclama Charlie, accendendosi una sigaretta “pomiciare è un po’ come ballare la salsa con la lingua, lasciati guidare dal ritmo”
Scoppiamo tutte e cinque a ridere.
“Beh, io sono una pessima ballerina”
“Tutta questione di esercizio”
Altra risata, e mi sento un tantino sollevata.
“Allora, quando lo rivedrai?”
Sorrido tra me e me.
“Stasera”
“E forse ti chiederà di mettervi insieme, no?”
Altro sorriso ebete.
“Si, forse”

*Angolo dell'autrice*
Eccomi di nuovo qui, purtroppo la situazione esami non mi permette di passare tanto tempo quanto vorrei dietro una tastiera... ERGO, accontentatevi di un capitolo breve per oggi. Mi piacerebbe tanto ricevere da voi reazioni, commenti di ogni sorta, consigli, minacce di morte, lettere minatorie, cassette che mi raccontano la vostra vita, ingiunzioni restrittive... insomma, qualsiasi cosa!
A presto! 

 
  
Leggi le 3 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<    >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Romantico / Vai alla pagina dell'autore: Oldwhatsername_24