Storie originali > Noir
Segui la storia  |      
Autore: Go_always_ahead    28/04/2017    1 recensioni
Un uomo di mezza età si trova a non riuscire più a sopportare una a mediocre e banale, represso dalla moglie, dalle buone maniere, dal decoro. Le sue crisi, la rabbia che esplode, un primo omicidio, fuga, bugie, liberandosi da una vita arida.
Genere: Dark, Thriller | Stato: in corso
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

"Prendimi un cappuccino" era questa l'ordine, che altro dovevo fare? La banconota stropicciata in una mano, il sudore, l'afa: l'umida banconota.

Il cassiere mi guardava. Lo scontrino già fatto, i due caffè da portar via sul bancone. La banconota umida. Il sole fuori, arido, asciutto, insapore. Perchè diavolo voleva un caffè caldo?

Non c'era niente per cui svegliarsi, per cui stare allegri.

Sbuffava. E certo, gli facevo perdere tempo, una sala vuota da servire; sicuramente non sarebbe andato a pulire i cessi di quel posto merdoso.

Il respiro mi si fece pesante. Aspettavo che mi dicesse qualcosa. "Cosa, faccia di merda? La tua vita da segaiolo fallito ha avuto una battuta d'arresto?

Mi vedevo stringere il pugno della mia mano, contrarre i muscolo flaccidi, e prepararmi. L'adrenalina che mi avrebbe inebriato più di quel fottutissimo caffè e io pronto a sparagli in faccia la realtà, il mio pessismo, lo schifo della sua esistenza.

Le guanciotte gli si arrossarono, la pressione saliva.

Non mi importa, mi dissi.

"Prendimi un cappuccino"

Forse quella strillatrice e la mia crisi potevano aspettare.

 

"Le dispace se mi siedo un attimo? Sa, il caldo... devo aver avuto un calo di zuccheri, non so..."
"Nel caffèlatte di sua moglie ce sta il dolcificante"

Alzai immediatamente lo sguardo: "Caffèlatte? Perdoni ma avevo chiesto un capuccino e ricordo bene perchè quella... la mia signora ha gridato l'ordine mentre entravo e lei aveva sentito bene, lo ricordo, eh, ricordo bene. Scusi, si diverte a sbagliare l'ordine ai clienti? E se mia moglie fosse stata allergica al caffèlatte che sarebbe successo?"

"Signore, gli ingrendienti del caffèlatte, vale a dire il caffè e latte, sono gli stessi del cappuccino, solo che in quest'ultimo... signore, c'è il cacao"

Lo guardai.

Pronto, all'attenti.

Mi alzai e avvicinai il mio viso al suo, le mani aperte come un ventaglio sul bancone

"Le ripeto, tre dollari e 50"

"Aveva detto due dollari"

"Oggi si sta sbagliando su una... moltitudine di cose... signore. Sa, forse è meglio che vada con la sua signora dal dottore, e mentre lei controlla di non essere allergica al caffè o al latte, lei si fa controllare la testa "

Sbem.

Il bollitore del caffè appena fatto dritto sul naso.

Cadde a terra, urlando, la faccia ustionata e piena di sangue. Mi chinai su di lui e lo colpii più volte. Versai la bevanda fumante sulle sue ferite.

 

"Cara, il tuo caffèlatte, non avevano il cacao"

  
Leggi le 1 recensioni
Segui la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Noir / Vai alla pagina dell'autore: Go_always_ahead