Storie originali > Romantico
Segui la storia  |       
Autore: in rotta per il paradiso    19/05/2017    2 recensioni
Cecco e Max sono due ragazzi figli della strada. Sono cresciuti tra risse e droga e ne sono diventati campioni. L'unica cosa che può salvare Max è la piccola Benedetta, la sorellina del suo migliore amico. E quando tutto sembrava​ andare bene, qualcosa li travolge.
Dedicato a coloro che hanno qualcosa per cui vivere e talvolta anche per morire...
Genere: Drammatico, Malinconico, Romantico | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno | Contesto: Contesto generale/vago
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Doveva recarsi in quel posto per incontrare il ragazzo che gli forniva la roba. Forse era meglio così, perché se fosse rimasto a casa sarebbe finita male. Pensava che prima o poi sarebbe successo, era inevitabile dal momento che suo padre neanche lo conosceva e non sembrava che fosse suo figlio. Fino a un paio di anni fa, questa consapevolezza lo feriva mentre ora lo innervosiva sempre di più.
Gettò la quarta cicca di sigaretta sotto l'acqua della fontanella centenaria del parco e cercò con lo sguardo il suo amico. Lo intravide in compagnia di altre due persone accanto allo scivolo arrugginito dal tempo. Si avvicinò furtivamente a causa del suo istinto perché non si fidava più di nessuno, ne aveva incassate troppe di pugnalate.
Dopo essersi nascosto dietro a un grande albero, sbirciò la situazione. Le altre due persone che stavano con il ragazzo che avrebbe dovuto vendergli la roba, erano gli stessi con i quali lui e Cecco avevano fatto a botte pochi giorni prima. Anche a distanza Max riusciva a scorgere i lividi violacei sui loro volti e tutti i tagli che coloravano le loro braccia.
«Basterà togliere di mezzo lui per ottenere il monopolio… Siete sicuri?» domandò scettico il ragazzo.
A Massimiliano scattarono i sensi di pericolo: erano lui e Cecco che si occupavano dello spaccio di droghe…
«Certo! Poi se il suo amichetto non dovesse recepire il messaggio, ci occuperemo anche di lui».
Un ghigno crudele e uno sguardo di complicità scattò tra i due. Il cuore di Max iniziò a pompare più forte e il respiro diventò più pesante. Capì istantaneamente che stavano macchinando qualcosa contro lui e Cecco. Cercò nei loro occhi un briciolo di dubbio e di paura, però non ne trovò. Quei tre facevano sul serio e il panico si impossessò di lui. Volevano tentare di ammazzare il suo migliore amico per soldi e per vendetta!
Gli invasero prepotentemente il cervello le parole di colui che considerava amico. Aveva sempre consigliato loro di cambiare vita, perché questa li avrebbe condotti a un bivio: galera o cimitero.
Doveva avvisarlo prima che fosse troppo tardi e aveva poco tempo! Aveva sempre saputo che quelli come loro non avrebbero mai potuto vivere una vita facile. Quelli come loro avevano il destino scritto in faccia e negli occhi.
Non poteva rimanere fuori da quella storia, non poteva restare senza il suo migliore amico e perciò doveva correre più veloce. Le gambe scattarono da sole, i polmoni si gonfiavano per facilitargli la respirazione, il cuore pompava più forte.
Poi la strada, il semaforo rosso per i pedoni, il suono ripetuto del clacson di quella maledetta macchina, lo stridio dei freni.
Avrebbe dato la sua vita per salvare quella del suo migliore amico. Chiuse gli occhi mentre il vento gli sferzava contro.
Fu un attimo…
   
 
Leggi le 2 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Romantico / Vai alla pagina dell'autore: in rotta per il paradiso