Anime & Manga > Inuyasha
Ricorda la storia  |      
Autore: Crateide    10/06/2017    5 recensioni
| Modern!AU |
Quella volta in cui il gelido Signore dell'Ovest si trovò coinvolto in un appuntamento al buio.
Genere: Commedia, Fluff | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna | Personaggi: Rin, Sesshoumaru
Note: AU | Avvertimenti: Incompiuta
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

 

 

 

Prompt: | modern!AU | quella volta che il gelido signore dell'ovest si trovò coinvolto in un appuntamento al buio.

Gruppo facebook: we are out for prompt.

 

 

 

 

 

Sesshoumaru non aveva la più pallida idea di come ci fosse finito lì. La colpa – si disse – era senz’altro di suo fratello Inuyasha, che gliela avrebbe pagata cara. Oh, se gliela avrebbe pagata!

Sospirò, il così detto “Signore dell’Ovest”, il ricco magnate che possedeva la maggior parte delle imprese del continente euro-asiatico.

“Un appuntamento al buio!” rimuginò, “ma ci rendiamo conto?! Non ho tempo da perdere in sciocchezze simili!”.

Sesshoumaru avrebbe voluto alzarsi e andare via, abbandonare quella stanza dalla luce soffusa, quel tavolino di vetro e quell’orrido profumo dolciastro che aleggiava nell’aria, quando la porticina da cui la sua ospite – come si chiamava? Kagura? – lo aveva fatto entrare non si aprì, rivelando la figura minuta e un po’ spaurita di una giovane.

L’uomo sussultò e rimase immobile, con una gamba accavallata e le braccia conserte sull’ampio petto. Strinse le palpebre, mentre i suoi occhi, quasi avidi, percorrevano la ragazza che era rimasta impalata sull’uscio, con la borsa dell’eastpak stretta al petto, quasi fosse uno scudo fra lei e il mondo. Gli occhi neri come chicchi di caffè si spostavano spasmodicamente per la stanza, concentrandosi ora un oggetto ora su un altro. I lunghi capelli scuri, raccolti in parte da un codino al lato della testa, rimandavano riflessi rossicci alla luce porpora che illuminava la stanza.

Nemmeno Sesshoumaru seppe spiegarsene il motivo, ma tutti i suoi intenti di abbandonare quella sgradevole situazione andarono in malora e rimase lì, in attesa che lo sguardo della ragazza incontrasse il suo. Quando accadde, entrambi ebbero un fremito. Quanta innocenza c’era in quelle iridi tanto belle!
- Ci-ciao – balbettò lei, salutandolo con la mano come se fosse stata una bambina.
- Ciao – le rispose con la sua voce suadente, bassa e roca – come ti chiami?
- Rin... tu?
- Sesshoumaru.

Rin sussultò vistosamente.
- Quel Sesshoumaru?
L’uomo sollevò un lungo e sottile sopracciglio.
- Credo proprio di sì – replicò.
- Allora, forse è meglio che non le faccia perdere tempo. Io qui non volevo nemmeno venirci...

Sesshoumaru la interruppe sollevando una mano e chiudendo gli occhi per un breve istante. Scostò la sedia che aveva accanto e con il capo le fece cenno di sedersi.
- Nemmeno io volevo venirci – confessò – ma adesso che siamo entrambi qui, perché non parliamo un po’?

Rin sorrise, di un sorriso fin troppo sincero e ingenuo, e mosse il primo passo all’interno della stanza.

Forse – ma forse, eh! – Sesshoumaru non avrebbe ammazzato il proprio fratello.

 



 

 

Angolino dell’autrice:

Ciao a tutti!

Breve e semplicissima flash scritta per un vecchio prompt, solo per strapparvi un sorriso. Non so voi, ma io ho riso tantissimo nell’immaginarmi Sesshoumaru alle prese con un appuntamento al buio...!!!

Nella speranza che lo scritto vi sia piaciuta almeno un pochino.

 

Senza pretese,

Elly

 

 

   
 
Leggi le 5 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Anime & Manga > Inuyasha / Vai alla pagina dell'autore: Crateide