Storie originali > Soprannaturale
Segui la storia  |       
Autore: Manuel Blangero    13/06/2017    0 recensioni
Nightingale Cliff non è mai stata una cittadina come le altre....
I tasselli finalmente si ricompongono in un finale che cambierà le carte in tavola una volta per tutte...
(Un grazie speciale a chi è rimasto fedele fino all'ultimo capitolo, spero vi sia piaciuto quanto è piaciuto a me scriverlo!)
Genere: Horror, Mistero, Sovrannaturale | Stato: completa
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Capitoli:
 <<    >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Passarono quasi due mesi dal giorno della litigata e non si poteva di certo dire che le cose tra Jessica e Patrick erano migliorate. Qualcosa però quel lunedì mattina era cambiato. Cambiato per il meglio. L'uomo, che aveva passato le ultime settimane a dormire sul divano, si era svegliato con un presagio positivo. Era come se quel mattino, ogni problema, ogni errore e ogni litigata fosse stata accartocciata e aveva perso ogni significato.

Patrick non perse quindi un secondo e ne approfittò per fare qualcosa che avrebbe potuto riaccendere la speranza tra lui e la moglie Jessica. Corse il più in fretta possibile in camera sua (al momento usato solo dalla moglie) e si piombò all'interno, trovando la donna intenta a leggere il giornale. Non fu di certo una sorpresa vederla intenta a fissarlo con aria sconvolta e confusa. Inutile dire infatti che Jessica aveva trovato disarmante il modo in cui il proprio marito si era prestato a fare un ingresso così teatrale ed inaspettato. La cosa però non sembrò turbarla più di tanto. “Andiamocene da qui” propose Patrick. Jessica, confusa e sconcertata, sorrise. Ignara del vero motivo di quella strana felicità che la stava avvolgendo da testa a piedi, sentiva che era la cosa giusta da fare. Arrivare a Nightingale Cliff infatti non aveva fatto altro che peggiorare la situazione nella sua vita. Facendo colazione, la coppia fantasticò sul voler ricominciare da capo in un qualche piccolo appartamentino in centro Manchester.

Volevano entrambe dare una seconda possibilità al loro matrimonio ormai in rovina. E così si misero all'opera per mettere in atto i loro progetti. Poche ore dopo però, mentre Patrick se ne stava in giardino a trasportare degli scatoloni dal garage alla casa, la vicina di casa Cassandra tornò a fargli visita. “Salve Patrick!” lo sorprese lei col sorriso. “Oh ciao, Cassandra! Che buon vento ti porta qui?” chiese lui spensierato. “Mmm... Vedo che sei più felice del solito! Posso chiederti cosa succede?” domandò lei incuriosita. “Certo! Io e la mia famiglia ci trasferiamo di nuovo! Torniamo a Manchester!” affermò, pieno di sé. Quello fu il momento in cui Cassie cambiò espressione. “C'è qualcosa che non va?” chiese l'uomo. L'affascinante ma misteriosa donna cercò di tornare a sorridere indifferente. “Certo che no! Sono felice per voi!” mentì.

La donna doveva agire... In fretta. E così fece. Due giorni dopo, mentre Patrick era intento a pulire la casa, la moglie Jessica tornò a casa dopo aver fatto la spesa. Dall'espressione sul suo volto però,il marito capì che c'era qualcosa che non andava. “Che c'è amore?” chiese lui. “Non fare il finto tonto con me... So tutto” rispose secca Jessica. Ovviamente Patrick non aveva la minima idea di che cosa la donna stesse parlando. “Jessica, cosa stai dicendo?” chiese confuso. “Sto parlando di te... e Cassandra, la nostra vicina... “ rivelò, lasciando il marito ancora più confuso di prima. “Cassandra? Cosa c'entra lei ora?” domandò. “Finiscila con la farsa! L ho incontrata, e mi ha raccontato tutto... Di come tu le hai messo le tue sporche mani addosso l'altra mattina... Di come l'hai baciata e l'hai invitata a casa nostra mentre io non c'ero” proseguì. A Patrick si congelò il sangue nelle vene.

“Amore, non so cosa ti abbia detto quella donna, ma spero che tutto questo sia solo uno scherzo di cattivo gusto perchè sai benissimo che io non farei ma niente del gen... Whoa, aspetta!” gridò lui vedendo che la moglie aveva estratto una pistola. “Sei un bugiardo” urlò la donna, completamente fuori di sé. “Ti prego, Jessica, amore mio, calmati e riprenditi, non è successo nulla di quello che lei ti ha raccontato, sono pronto a giurartelo” ammise l'uomo, sconvolto e terrorizzato. Jessica sentì una vampata di calore avvolgerla. L'odio nei confronti del marito divenne troppo forte per poterlo sopportare e senza nemmeno pensarci un attimo premette il grilletto.

Il silenzio dopo lo sparo fu il più assordante della sua vita. Patrick cadde a terra, privo di vita. A Jessica cadde la pistola dalle mani, finendo sul freddo pavimento. “Cosa ho... Cosa ho fatto...” Corse ad inginocchiarsi sul marito morto. Era come se nemmeno riuscisse a ricordarsi di aver sparato all'uomo. Tutto quell'odio e quella rabbia che la stava consumando pochi istanti prima era sparita, lasciando spazio alla disperazione più totale. La donna sentì un suono famigliare. Era la figlia, Meredith, nascosta dietro le scale, che aveva assistito all'intera scena. “No, aspetta Meredith, ti prego!” gridò la madre, vedendola dirigersi di corsa verso il piano di sopra, faticando a respirare. Cercò di seguirla, ma qualcosa di ancora più inaspettato accadde. Arrivata alla soglia dell'ultimo scalino, Meredith ebbe una vera e propria crisi di asma come mai l'aveva avuta in precedenza. Era come se il suo respiro le si fosse fermato del tutto. La giovane ragazza si girò verso la madre, con le lacrime agli occhi e lo sguardo di chi aveva appena assistito alla morte del padre...

In men che non si dica la povera Meredith si sentì mancare e svenne, rotolando così giù dalle scale. Sconvolta, la madre si inginocchiò su di lei, solo in tempo per rendersi conto che era morta... Anche lei... In quell'istante Jessica capì di essere rimasta sola, senza speranza, senza nessuno. Aveva appena ucciso il marito e assistito alla morte della figlia. Le rimase quindi una cosa sola da fare. Passarono circa due ore prima che Cassie arrivasse in casa dei Granger con un vaso in mano dall'aspetto piuttosto insolito. “Tocca sempre a me sbarazzarmi dei corpi una volta finita la partita” sbuffò, mettendosi all'opera. “Poveri idioti” aggiunse infine guardando i corpi senza vita di Jessica, Patrick e Meredith...  

  
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<    >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Soprannaturale / Vai alla pagina dell'autore: Manuel Blangero