Storie originali > Poesia
Ricorda la storia  |      
Autore: Brilliance    17/06/2017    0 recensioni
Questa storia è ispirata al mio modo di attendere e per tanto è caratterizzata da una discreta dose di bipolarismo: si alternano momenti di completa euforia, fiducia nella vita e negli eventi, voglia di fare e impegno, sentimenti meravigliosi, e altri in cui tutto pare essere un caso disperato, l'umore sprofonda e la mia visione del mondo diviene completamente pessimistica.
Genere: Introspettivo | Stato: completa
Tipo di coppia: Het
Note: Nonsense | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Non voglio dimenticare 
per ragione alcuna quel tempo
in cui ho percepito 
nei frammenti di me
d'appartenere 
a qualcuno
senza terrore, senza catene
senza desiderar di fuggire
libera
io ci credo
che a crederci i miracoli (non) avvengono
ma va bene così,
e forse le parentesi 
alle volte ci servono. 

Sono davvero mie
queste parole pure? Non riconosco
il mio volto, non si rispecchia
a frantumi
in un diario di bordo
d'una nave
che va a fondo mentre 
quegli sguardi mi penetrano
ed io 
non so che farmene di cotanta bellezza
se non posso, se non mi è concesso
di cullare i tuoi occhi.
Ti attendo, nel mentre 
e invecchio un po'. 

Sono fortezza, batte
la giovinezza in me
impavida
corro su per quelle scale
fin lassù
per potermi sentire più grande 
del mondo che ricorre
lesto, mentre noi
fermi - non immobili
cauti respiriamo alternati
l'aria salmastra, condividiamo
stremati, sì, ma con un sorriso stampato
il buonumore del sole
che ci carezza le gote
arrossate. 

I versi disperati vorrei
strapparli
a brandelli, con le mie speranze mute
gridarli in una parata
di mostri multicolore, di bandiere e falsi partiti
vanno propagandando, mentre io taccio.
Sbaglio? Non m'è dato saperlo. Posso
solo fidarmi. Affidarmi un po' 
alla sorte villana, ritenendo
il flusso karmico
una carrellata di non-senso. Incrociando
le dita incartapecorite, la pelle decadente 
s'accumula in colline bianche 
di lontani castelli in rovina
nei quali par certo
si muoia un po'.   

   
 
Leggi le 0 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Poesia / Vai alla pagina dell'autore: Brilliance