Storie originali > Poesia
Ricorda la storia  |      
Autore: Brilliance    19/06/2017    1 recensioni
Il segreto è che non esistono confini.
Genere: Introspettivo | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Ingenua fui 
nel declassare le lacrime
inutili, profumano di rugiada stanotte
in gocce concentriche
sgocciolano
echi indistinti della tua voce
distante; ridevamo di gusto 
di un mondo a sassolini
da gettare a gabbiani di fucsia
abbigliati, che pessima idea. Era bello sorriderne.
Riderò ancora, sai? Riderai
scomposto. I tuoi desideri 
sbrilluccicano, tu
wondrous risplendi, mi disincanti. 
"Siate felici", nulla più
desidero per voi. Sii felice, questo soltanto.
E se un giorno 
veleggerai su una nave giapponese,
ci scruteremo
e dalle coffe, un cenno:
sarà chiaro allora, 
non si finisce di corrispondere,
la pioggia non cancella l'inchiostro simpatico
e i confini, sai
non esistono che sul fondo d'un amaro caffè. 
E le barricate
mio dolce compagno 
non t'occorrono più: ti guardo le spalle spiazzate
a distanza di anni, a distanza di lettere bruciate
al vento che strapazza
il cielo d'Irlanda. Ci andrai un bel giorno
avrò i capelli blu
parleremo per ore
ti sorriderò buffa
in vece d'un omino stilizzato
e allora saprai 
come la nostra vita risplenda 
di candido azzurro, di verde smeraldo 
da quell'attimo in cui
per la prima volta
i miei occhi sfuggenti
sognarono i tuoi.
   
 
Leggi le 1 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Poesia / Vai alla pagina dell'autore: Brilliance