Storie originali > Epico
Ricorda la storia  |      
Autore: Crateide    16/07/2017    3 recensioni
| Modern!AU |
"Ade sospirò, rassegnato. Ormai, quel che era fatto era fatto, anche se avrebbe volentieri annegato suocera e cane in mare."
Genere: Comico, Slice of life | Stato: completa
Tipo di coppia: Het
Note: AU | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

 

 

Prompt: | Modern!AU | al mare con la suocera.

Gruppo facebook: we are out for prompt.

Numero parole: 308.

 

 

 

 


- Ah, che splendida giornata! – sospirò Persefone, stiracchiandosi sulla sdraio e inarcando il corpo longilineo e un po’ mielato, velato appena da un bikini rosa confetto – Non trovi anche tu, Ade?

Ade le rivolse uno sguardo truce, con gli occhi azzurri che dardeggiavano da sotto le sopracciglia nere. Seduto sulla sabbia, all’ombra della palma, indicò senza parlare Demetra e quell’isterico del loro cane passeggiare sulla battigia.
- Per niente – sibilò infine – era proprio necessario invitare anche lei e portare Cerbero?

Persefone sbatté ripetutamente le palpebre, sollevando il capo biondo.
- Non capisco. Cosa c’è di male? – chiese innocentemente.

Ade divenne paonazzo.
- Fa già un caldo infernale e io devo anche sorbirmi tua madre e quello schizzato del tuo cane! – berciò – Ti sembra giusto? Io volevo passare questa giornata solo con te.

Persefone scese dalla sdraio e gli si sedette accanto, stringendolo a sé e inebriandolo con il profumo di Sole che aveva impresso sulla pelle.
- Oh amore mio – uggiolò – non credevo che ti desse tutto questo fastidio!

Ade sospirò, rassegnato. Ormai, quel che era fatto era fatto, anche se avrebbe volentieri annegato suocera e cane in mare.

Si staccò leggermente dalla moglie e la guardò negli occhi viola.
- Ti perdono ad una sola condizione – le disse, ammiccando un po’.
- Quale?

Con una mano le sfiorò un seno, facendola rabbrividire.
- Che questa notte faremo tanto sesso.

Un grido si levò alto, proprio di fronte a loro. Ade volse il capo e incontrò subito gli occhi indignati di sua suocera.
- Tu! Come osi fare richieste sconce a mia figlia?! – urlò, seguita dall’abbaio isterico di Cerbero, che zompettava sulla sabbia, osservandolo con odio.

Ade sbuffò e si lasciò ricadere all’indietro. Si coprì il viso con le mani e scosse lentamente il capo, mentre Demetra blaterava chissà cosa.

Che giornata – anzi, che estate – d’Inferno lo attendeva!

 

 

 

 

 

 

 

Angolino dell’autrice:

Ciao a tutti!

Era da un po’ che non scrivevo in questa sezione. Sono felice di essere tornata!

Ringrazio con tutto il cuore la mia cara Napee per il prompt: ti adoro <3

Cosa c’è di peggio per Ade che doversi sorbire la suocera, con il bonus del cane (che, per chi non avesse letto Compromesso e il suo seguito Rivincita, è un pinscher nano) per un’intera giornata di mare? Nulla, suppongo.

Spero di avervi strappato un sorriso.

 

Senza pretese,

Elly

 

 

 

   
 
Leggi le 3 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Epico / Vai alla pagina dell'autore: Crateide