Storie originali > Thriller
Segui la storia  |       
Autore: Stillintoyou    28/07/2017    1 recensioni
GoreGore app si presenta come un applicazione molto simile a Wattpad, ma incentrata solo ed esclusivamente sulle creepypasta.
Ad Aiden viene suggerito il download da parte del proprio appstore, ed affascinato dall'idea di avere tra le mani un'intera libreria di sole creepypasta, decide di scaricarla.
Ma GoreGore non è proprio ciò che dice di essere, ed assieme ad altri nove ragazzi, chiamati GoreGore readers, si ritrova catapultato in qualcosa molto più grande.
GoreGore è tutto meno che ciò che potrete pensare.
Siete pronti a giocare per la vostra vita?
Genere: Horror, Mistero, Suspence | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het, Slash, FemSlash
Note: nessuna | Avvertimenti: Tematiche delicate
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

‹‹ Di qua! ›› gridò a squarcia gola Annaleen, mentre correvamo tra gli alberi in quel vecchio parco tenebroso nella quale ci trovavamo.

Mi stringeva saldamente la mano, e correva a piedi nudi. Non voleva lasciarmi in quella situazione.

Rami, ombre, luci lampeggianti dei lampioni ormai vecchi e trasandati.

Alle nostre spare c'era una figura che non riconoscevo, apparentemente non era nemmeno umana.

Era possibile una cosa del genere? Che diavolo di cosa era?

Correva a quattro zampe, emetteva suoni che non credevo di potessero udire, e teneva in “mano” – se mano si poteva definire – un coltello grande quanto una testa.

Nel mio telefono, l'app era aperta sulla mia Deep Story, e gli ultimi due messaggi non promettevano niente di buono.

 

Mi ha preso.

Sono morto.

[DEAD END]

 

 

{Quella stessa mattina}

 

Il telefono, come al solito, non aveva segnato nessuna notifica.

Apparentemente era tutto okay.

Apparentemente.

Nonostante fossi a lezione, controllavo di continuo quella maledetta deep story.

Era passato un giorno ormai, ma nel primo giorno non era successo nulla di che.

La Story si era conclusa semplicemente con un “è andato tutto bene. Sono vivo.”, e niente di che.

 

My deep story

Day two

 

Ho incrociato il gruppo.

Non mi hanno cagato, ma la cosa non mi stupisce.

La lezione è noiosa.

A Demetra oggi puzzano un sacco i piedi e si comporta in modo strano.

 

Corrugai la fronte.

Quell'ultima affermazione si era aggiunta poco fa, e onestamente non avevo nemmeno badato al fatto che Demetra puzzassero i piedi.

Insomma... come potevo sapere una cosa simile?

Era per caso GoreGore che mi prendeva in giro?

Notai che, di fronte a me, anche Corey e Adrian avevano il cellulare acceso. Mi domandai se anche loro stessero guardando GoreGore.... anche se, data l'espressione palesemente disgustata di Adrian, riuscii a dedurre che sì, anche loro – o almeno, lui – stava guardando quello.

Mi poggiai una mano sotto il mento, guardando Demetra.

Era una ragazza grassottella, con i capelli a caschetto, neri e palesemente oleosi.

Quel giorno indossava delle ballerine dal colore discutibile, ed in effetti erano anche piuttosto rovinate e... beh, rotte. Ma non sentivo nessun tipo di odore da quella distanza.

Insomma: era due banchi di fronte al mio. Come potevo sapere se le puzzavano o meno i piedi?

E poi, perché quel dettaglio, che era oltretutto abbastanza discutibilmente disgustoso.

Sospirai, ed in quel momento arrivò un messaggio di Luna.

Picchiettai nervosamente l'indice sul banco, indeciso se aprire o meno la chat. Uscirà la spunta del visualizzato, come succede con Whatsapp?

‹‹ Forse sto esagerando... perché dovrei evitarla? ›› mormorai tra me e me.

 

@Moonieboo

Ehi Aiden! Sei a scuola, vero?

@OHOHOHSECRET

Già. Come ogni mattina.

 

@Moonieboo

:)

 

@Moonieboo

Com'è andata ieri sera? Tutto bene?

Hai visto qualcosa di strano da parte

degli altri Goregore readers?

Io non mi fido molto di loro, anche se

si chiacchiera normalmente.

 

 

Da quando sono tornato a casa, non ho fatto altro che pensare all'eventualità che Luna fosse la Yandere.

In effetti, se dovessi puntare il dito contro qualcuno ed accusarlo di una cosa simile, direi lei.

Completamente e totalmente lei.

Anche se una buona parte di me rifiuta totalmente quell'idea. Perché lei? Era davvero capace di compiere un omicidio?

Anche se dopo la promessa di uccidere chiunque provasse a fare la stessa cosa con me, per me, era già una confessione bella e buona.

Eppure, dopo averla vista dal vivo, non si direbbe una ragazza capace di simili istinti.

Certo, era strana, ma troppo... fragile.

 

@OHOHOHSECRET

Sì, tutto bene.

Mi voglio fidare di loro. Tutto sommato

non sembrano cattive persone

 

@Moonieboo

Non fidarti delle apparenze

 

@OHOHOHSECRET

Anche tu sembri una brava

persona. Non devo fidarmi nemmeno di te?

 

@Moonieboo

Io sono una brava persona.

 

@Moonieboo

Oh, lasciamo perdere.

Non cercherò di farti cambiare idea a

parole, Aiden. Comunque, tu, di me,

puoi fidarti ciecamente :)

 

Mica tanto ciecamente.
Onestamente non sapevo ancora prendere una decisione simile. Fidarmi o meno di lei? Di colei che il mio istinto reputa essere “la Yandere”?

 

@Moonieboo

Senti, Aiden... che ne dici di unire

le storie? Di creare la Common Story?

 

 

Quel messaggio mi fece rabbrividire.

Unire la mia storia con quella di Luna, in modo che lei potesse sapere sempre tutto di me?

Quello sì che significava darle una fiducia totale.

Ma io potevo veramente fidarmi di una come lei?

 

@OHOHOHSECRET

Non lo so... perché io?

 

@Moonieboo

Perché sei l'unica persona pura d'animo

qui dentro...

 

@Moonieboo

Non meriti nemmeno di partecipare al gioco.

E poi, voglio proteggerti da loro.

 

@Moonieboo

Con la common story posso sapere sempre

dove ti trovi, sarà facile per me aiutarti!

 

 

Era un modo carino per dirmi che non ero in grado di badare a me stesso?

Un brivido mi attraversò la schiena, e sentii improvvisamente una fitta alla testa, come se all'improvviso la rabbia volesse prendere il sopravvento.

Ma la placai. In effetti, era vero... non sarei mai riuscito ad uccidere qualcuno, anche se per legittima difesa. Erano comunque vite umane.

 

@Moonieboo
Allora? Che ne dici?



Ma nonostante questo...

 

@OHOHOHSECRET

No.

 

 

Non me la sentivo di condividere con lei una cosa così importante.

Luna, per quanto avesse buone intenzioni, rimaneva comunque una sconosciuta ai miei occhi, e qualcuno di cui non ero totalmente certo di potermi fidare.

Poteva essere seriamente la Yandere, e dopo quella proposta, beh... i miei sospetti diventarono improvvisamente molto più alti.

Perché io? Perché in così poco tempo sembrò essere più attaccata a me? Dovevo, forse, cominciare a prendere le distanze da così presto?

Una mano batté forte sulla mia spalla, facendomi sobbalzare per lo stupore.

‹‹ Aiden, vecchia volpe! ›› esordì Axel, l'artefice di quella manata clamorosa sulla mia spalla. Ero certo che mi sarei ritrovato un livido per quel colpo.

Non avrei mai immaginato che un corpo gracilino come il suo potesse avere una tale forza.

Mi girai, notando che sulla soglia della porta c'erano anche Deakin e Ivonne.

Axel parlava, ma io ero intento a guardare la ragazza mentre rideva con Deakin.

Fu un'altra manata del ragazzo a farmi rinvenire, provocandomi anche un piccolo gemito di dolore.

‹‹ Oh, scusa, bro, ti ho fatto male? ››

bro?

‹‹ No. Cioè, sì, un po'. ››

‹‹ Sei una sega. Come pretendi di partecipare alla caccia, sta sera, se sei così debole? ›› brontolò Corey, mentre mangiava il suo panino, seduto sopra il banco.

Doveva essere suonata la campanella senza che nemmeno me ne rendessi conto, tanto che ero assorto nei miei pensieri.

‹‹ Caccia? ››

‹‹ La story ha detto che sta sera c'è la luna piena, e che ci sarà una caccia nei boschi ›› spiegò Deakin, mentre giocava con una ciocca dei capelli di Ivonne.

Controllai, ed in effetti anche la mia Deep story si era aggiornata, dicendo che mi sarei recato nei boschi per “giocare” alla caccia.

‹‹ Ma... qui non ci sono boschi ›› feci notare.

Axel sollevò le spalle e fece per parlare, ma venne interrotto da Corey sotuttoio ‹‹ GoreGore con “boschi” intende qualsiasi luogo pieno di piante. In ogni caso, credo che parli della “boscaglia” che c'è vicino al cimitero. Credo che l'app abbia sentito me e Ivonne mentre decidevamo di radunarci sta sera in quel posto per un picnic, e abbia deciso di piazzarci un evento ››

sollevai un sopracciglio, trovando l'idea del picnic un po' assurda.

‹‹ È l'unico posto privato... sai... ›› si giustificò la ragazza.

‹‹ Un appuntamento, eh? ›› pensai, mentre stringevo i pugni. Cercai di non dar a vedere quel gesto, e così nascosi le mani sotto il banco.

‹‹ Ma a quanto pare è saltato tutto. Quindi... raduno generale ›› sospirò Ivonne, in modo malinconico.

Dentro di me sentii le campane della vittoria, ma dall'altra parte non c'era niente da festeggiare. Cosa intendeva goregore con la parola caccia?

 

Più tardi, una volta a casa, controllai i messaggi.

La chat di Luna era piatta. Dopo il mio “no”, non aveva scritto niente.

La chat Random era silenziosa. Mi sembrava di star vivendo un conto alla rovescia – ed effettivamente lo era – e non sapevo cosa fare.

Mi sedetti sulla sedia e guardai fuori dalla finestra.

Luna sapeva della caccia di sta sera?

Guardai ancora una volta il telefono, ma non c'era niente, esattamente come prima.

Entrai ed uscii dal mio profilo più e più volte, fino a quando, “finalmente”, non comparve una notifica di aggiornamento nella mia Deep story.

 

My deep story

Day two

Ho incrociato il gruppo.
Non mi hanno cagato, ma la cosa non mi stupisce.
La lezione è noiosa.
A Demetra oggi puzzano un sacco i piedi e si comporta in modo strano.
A quanto pare, sta notte mi recherò nei boschi e giocheremo alla caccia.
Sembra proprio che non sarò da solo. Yandere è con me.

 

Il mio cuore cominciò a battere all'impazzata.

Passai l'intera serata a pensare se fosse possibile o meno saltare l'evento, e cosa sarebbe successo in tal caso.

Ogni azione aveva una conseguenza, e a quanto dicevano i fatti, ormai, probabilmente la conseguenza sarebbe stata una dead end.

Pensai anche di portare un'arma con me.

‹‹ Bell'idea! ›› pensai inizialmente, per poi rendermi conto di non possedere armi in casa, ed uscire con un coltello sarebbe stato da deficienti.

A stento ero capace di tagliare una mela, figuriamoci una persona.

“Ti proteggerò io” disse Luna, quella volta. E se fosse veramente lei yandere, sarebbe stata capace di proteggermi da sé stessa?

 

 

{ Quella sera, più tardi }

 

Random chat

 

@DeathChorusCor

Ragazzi, io e Ivonne stiamo andando.

Ci raggiungete ora?

 

@Onlybluelama

Cago e arrivo

 

@DeathChorusCor

Apprezzo la sincerità....

 

@Onlybluelama
Ti amo Corey

@Whitecrowking

Sei così rustico che ho smesso di chiedermi
perché sei ancora single

 

@OHOHOHSECRET
Va bene, Corey


Il mio cuore si era fermato un attimo, alla vista di quel messaggio di Corey.

Erano assieme per tutta la sera o si erano semplicemente incontrati?

La chat continuava a riempirsi di messaggi, ma niente da parte di Luna. Come se improvvisamente fosse scomparsa da ogni radar. E forse era meglio così.

Controllai fuori dalla finestra, poi afferrai la mia felpa col cappuccio nero e mi avviai all'appuntamento, stringendo saldamente il telefono tra le mani.

Durante il tragitto la strada era deserta. Sembrava che qualcuno avesse levato vita alla città ed avesse adibito il posto ad uno stage per uno spettacolo.

L'umidità era palpabile, e quasi si faticava a respirare. C'era addirittura della nebbia, man mano che mi avvicinavo al cimitero, e l'aria era intrisa dell'odore della pioggia, nonostante non avesse nemmeno piovuto.

Sarò strano io, ma tutto quello non mi agitava per niente. Anzi, ero totalmente, dannatamente rilassato. Alzai gli occhi al cielo, osservandolo come se conoscessi i nomi delle stelle.

Mi sentivo così strano in quel momento... come se non fossi nel mio corpo, e fossi diventato, improvvisamente, un osservatore esterno.

Inspirai profondamente, poi mi fermai.

Qualcuno mi stava osservando. O almeno, questa era la sensazione che provavo.

Mi girai alle mie spalle, ma dietro di me c'era solo il buio.

Ennesima strana sensazione. Andai avanti, senza illuminare il buio con la torcia del telefono: non volevo avere brutte sorprese, e prima avrei raggiunto gli altri, meglio sarebbe stato. Non c'era bisogno di perdere la calma proprio adesso.

Camminai ancora, ma la sensazione di essere osservato non sparì così in fretta. Anzi... non sparì affatto.

Non prima di aver raggiunto gli altri.

‹‹ Ecco il mio uomo! ›› esordì Axel, fin troppo felice di vedermi

‹‹ Credevo di essere io il tuo uomo ›› brontolò scherzando Ivonne. Un sorriso, bello come al solito, si dipinse sul suo volto, ed il suo classico nasino arricciato mi fece venir voglia di avvicinarmi a lei e baciarla in quel preciso momento. Ma, ovviamente, non feci niente.

Ma mi morsi le labbra, tirandomi uno schiaffo mentalmente per aver anche solo pensato una cosa del genere. Che diavolo mi stava prendendo?

‹‹ Ehi, cesso, ci sei ancora? ›› Corey schioccò le dita a pochi centimetri dal mio volto, richiamando in questo modo la mia attenzione.

Sbuffai, spostando la sua mano ‹‹ ciao. ›› dissi in modo secco.

Corey contrasse la mascella, spostando con uno scatto la mano.

Mi squadrò, ma prima che potesse dire qualcosa, Ivonne poggiò la mano sulla sua spalla, stringendola appena.

‹‹ Corey... ›› sussurrò, ed il ragazzo sembrò improvvisamente calmarsi.

‹‹ Bene. Ci siamo tutti? ›› disse, girandosi ed abbandonandomi lì come uno scemo. Meglio così, forse. Non avevo voglia di litigare o fare a botte.

Mi diedi una rapida occhiata attorno. Il luogo era buio, immerso nel verde. Effettivamente, a prima vista, sembrava essere un boschetto, ma era ovvio che no era niente del genere.

C'era anche da tener conto che, d'altronde, goregore era una sorta di creepypasta interattiva, no? Per cui era normale che identificasse luoghi come quello come un luogo retorico tipico delle creepypasta.

Un “boschetto” vicino ad un cimitero, in una notte particolare come quella... ottimo, no? E poi era tutto buio, con quella nebbiolina e con la sola luce prodotta dalle torce dei nostri telefoni.

Cosa doveva affrontare, però? E in cosa consisteva la Caccia?

‹‹ Caccia all'uomo, probabilmente ›› rispose Ivonne.

Avevo per caso posto la domanda a voce alta?

No. Annaleen aveva chiesto la stessa cosa che stavo pensando.

‹‹ E sotto inteso che “l'uomo” siamo noi ›› precisò Corey, prendendo la mano di Ivonne e stringendola saldamente nella sua, cominciando a camminare.

Come se fossimo dei robot, cominciammo a seguire i due.

‹‹ E, visto che c'è la luna piena, suppongo sia un lupo mannaro a darci la caccia ›› ironizzò Adrian.

‹‹ Non scherzare, non mi stupirei di una cosa del genere ›› sbuffò Ivory. Rain era accanto a lei, mentre si stringeva nelle spalle e si guardava attorno.

Poi, lei stessa sgranò gli occhi, fermandosi sul posto ‹‹ ragazzi, a proposito di luna piena... dov'è Luna? ››

‹‹ Sarà morta ›› rispose Ivory in tutta calma ‹‹ è stata assente tutto il giorno. Magari goregore le ha dato la dead end e ha fatto la fine di quella stupida di Mya ››

‹‹ No, impossibile: la creepypasta si sarebbe interrotta ››

‹‹ Ma chi se ne frega! ›› sbuffò Ivory, fermandosi sul posto. Ci fermammo tutti, guardando la nostra compagna. Avrei potuto giurare di aver visto una sorta di luce nei suoi occhi ‹‹ ormai siamo qui, giochiamo, no? ››

‹‹ È quello che stiamo facendo. Stiamo camminando in un “boschetto”, e stiamo giocando ››

‹‹ Non penso che dovremo camminare e basta... insomma, dai, dovremo far pure qualcosa, invece che aspettare semplicemente che qualcosa ci piombi addosso! ›› in effetti aveva ragione. Cominciò a premere qualcosa sul suo telefono.

Poco dopo, lasciò cadere le mani lungo i fianchi e sospirò, prendendo la mano di Rain ‹‹ okay, nemmeno la deep story dice qualcosa. La mia common story con Corey non segna nessun avvenimento in particolare ›› mormorò quest'ultima parola, guardando verso il ragazzo, per poi accennare un sorriso nella sua direzione.
A detta di Luna, segnava anche le sensazioni o... qualcosa del genere. E vedere quel mezzo sorriso ricambiato dal ragazzo, capii che forse era dovuto a qualcosa che lui provava con la vicinanza di Ivonne.
Sentii di nuovo quella strana sensazione alla testa, e quell'improvvisa voglia di spaccargli la faccia come si spaccava un'anguria contro l'asfalto.
Ma mi calmai. O meglio, venni distratto da Annaleen, che richiamò la mia attenzione poggiando una mano sul mio braccio.
Sentii le voci distanti e disturbate, ma capii che Ivory aveva proposto di dividersi per vedere se, in questo modo, la storia cominciava, e tutti avevano concordato. A quanto avevo capito, Annaleen era accanto in coppia con me. Era veramente una buona idea dividersi? Certo, anche io non vedevo l'ora di cominciare questa cosa. Ero veramente tremendamente curioso di sapere come si sarebbe sviluppata la vicenda, ma.... era un cliché quello che, una volta diviso il gruppo, la situazione avrebbe cominciato a crollare a picco. In effetti, quindi, aveva senso fare così... eppure, qualcosa non mi tornava.

  
Leggi le 1 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Thriller / Vai alla pagina dell'autore: Stillintoyou