Storie originali > Fantascienza
Ricorda la storia  |      
Autore: Bankotsu90    11/08/2017    1 recensioni
Una spedizione spaziale giunge, dopo un lungo viaggio, in un pianeta lontano. L'ammiraglio della flotta lascia le sue impressioni su questo diario... Buona lettura.
Genere: Science-fiction | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Giorno 1
 
Dopo un lungo viaggio attraverso le stelle la flotta di esplorazione, composta da tre vascelli di grandi dimensioni, è finalmente giunta nei pressi del pianeta ZX4T, nel sistema solare 27-A. La spedizione è partita circa dieci anni orsono dal nostro mondo natale, dopo che i nostri astronomi avevano annunciato la scoperta di un nuovo pianeta simile al nostro. Il viaggio è stato relativamente breve, grazie ai nuovi motori a propulsione nucleare. Il governo ha nominato me come ammiraglio della flotta perché ho molta esperienza in fatto di navigazione interstellare. L’equipaggio è composto da circa 300 effettivi tra militari, scienziati e personale vario.  Il pianeta suddetto è ricoperto in maggioranza da mari e oceani ma non mancano le terre emerse. I rivelamenti effettuati dalle nostre sonde nell’atmosfera rilevano che essa  è adatta ad ospitare la vita, tuttavia l’assenza di onde radio provenienti da ZX4T fanno pensare che esso sia privo di forme di vita intelligenti, almeno al nostro livello… Domattina atterreremo in tre punti diversi del pianeta, la squadra capitanata da me scenderà su un vasto continente situata nel centro-sud di esso. Questo rappresenta un momento importante, tanto per me quanto per gli altri. Stiamo per mettere piede su un pianeta abitato, il primo oltre al nostro. Mi chiedo quali insidie e meraviglie ci attendono.
 
Giorno 2
 
Atterriamo nei pressi di una vasta prateria, dove si erge una grande montagna; la fauna locale è davvero bizzarra, dovremmo catturare alcuni esemplari per studiarli. Dovremo allestire un campo-base in questa zona. La squadra B ci ha comunicato di essere atterrata in un altro punto di ZX4T, dove sorge una vasta giungla. A quanto pare l’ambiente è molto variegato… Dalla squadra C non ho ancora ricevuto notizie, spero stiano bene.
 
Giorno 3
 
Siamo riusciti a contattare la squadra C, che si trova su un’isola circondata da un vasto oceano.  Credo che dovremmo inviare in giro qualche drone per esplorare le regioni in cui ci troviamo, ma potremo farlo solo una volta ultimato il campo base.
 
Giorno 10
 
Dopo una settimana di intenso lavoro il campo base è stato ultimato; ora possiamo far decollare i droni e inviarli dove vogliamo. Analoghi risultati hanno raggiunto le squadre B e C.  Il nostro compito è raccogliere più dati possibili su ZX4T, che verranno inviati al governo e alle istituzioni scientifiche per essere attentamente studiati. Se il pianeta si rivelerà innocuo guiderò una seconda spedizione più ampia, al fine di colonizzarlo.  Se ci muoviamo all’esplorazione spaziale non è solo per curiosità scientifica, ma anche per espandere le nostre colonie e trovare nuove risorse per la nostra civiltà, che è al suo apogeo e che è ormai dipendente dalla tecnologia. Per farla funzionare servono risorse, che però non dureranno in eterno. È necessario premunirci in caso di future emergenze, così da evitare crisi energetiche.
 
Giorno 15
 
Questo pianeta mi affascina sempre più… Strano quanto assomigli al mio. Ero sempre stato convinto che gli altri pianeti non fossero altro che sfere di minerali inerti, ma mi sbagliavo di grosso. I droni inviano immagini di paesaggi da favola: grandi foreste, oceani sconfinati, alte montagne… Immagini mozzafiato. Forme di vita bizzarre ne popolano le acque e le terre emerse, alcune sono carnivore, altre erbivore.  Per quanto riguarda i nativi… Beh, sono ancora fermi a uno stadio primitivo: vivono di caccia e raccolta, non conoscono l’agricoltura e vivono nelle caverne, esattamente come la mia gente in tempi remoti. Alcuni xenobiologi dicono che nel giro di qualche millennio potrebbero intraprendere il cammino verso la civiltà. Spero vivamente che non commettano i nostri stessi errori, altrimenti la strada davanti a loro sarà lastricata da sangue, guerre e violenze. Parlano una lingua incomprensibile e a quanto pare ci hanno scambiati per divinità. Tanto meglio, non dovremo temere atteggiamenti ostili. Le squadre B e C sono giunte alle mie stesse conclusioni.  Domani inizieremo i rilevamenti per stabilire se contiene eventuali risorse sfruttabili.
 
Giorno 20
 
ZX4T è un autentico scrigno del tesoro: le sue viscere celano oro, petrolio, uranio, diamanti e altre ricchezze. Ma non so se potremmo sfruttarle… La situazione politica e sociale sul nostro pianeta non è delle migliori e un conflitto di grandi proporzioni sembra imminente. Spero vivamente di sbagliarmi, perché in caso contrario la nostra civiltà è a rischio.
 
Giorno 25
 
Continuano le esplorazioni di ZX4T; la squadra B si è spinta nell’estremo nord del pianeta, e il loro comandante mi ha chiesto l’autorizzazione a costruirvi alcuni insediamenti stabili; io ho accettato. Il governo non farà storie, se avvio un primo tentativo di colonizzazione, così per facilitare le cose alla prossima spedizione.
 
Giorno 30
 
L’esplorazione di questo pianeta ci riserva alcune sorprese. Non è solo l’ambiente ad essere variegato: alcuni popoli di ZX4T conoscono l’agricoltura, e altri hanno dato vita a primordiali forme di stato… A quanto pare il percorso evolutivo profetizzato dai nostri scienziati è già in atto. Ma ne hanno di strada da fare, prima di arrivare al nostro livello! E ho il forte sospetto che non ci arriveranno mai, visto che il governo avrà tutto l’interesse a impadronirsi del pianeta, per poterne depredare le risorse… Ciò vuol dire che i nativi saranno spazzati via o ridotti in schiavitù, come è già accaduto in passato. È un principio fondamentale dell’universo: le civiltà evolute sono destinate ad annientare quelle arretrate. È sempre stato così, e sempre così sarà. È un ciclo che si è ripetuto più volte nella storia del mio pianeta natale… Certo, qualcuno protesterà contro questo genocidio, probabilmente cercherà di ostacolare la colonizzazione, ma fallirà. La sete di conquista è più forte dei codici morali…
 
Giorno 33
 
Novità importanti dalla nostra patria. Purtroppo i miei timori si sono avverati, la guerra è scoppiata. Il governo ha ordinato il rientro immediato della nostra spedizione, dobbiamo prendere parte alle operazioni belliche contro le nazioni nemiche. A malincuore, devo obbedire, dovrò abbandonare anche le poche strutture che ho costruito in vari punti del pianeta. Il personale lo sta evacuando proprio ora. La colonizzazione del pianeta ZX4T (più comunemente chiamato Terra) è rinviato a data da destinarsi. Chi scrive è l’ammiraglio Crono del vascello stellare Olympus.
 
FINE
  
Leggi le 1 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Fantascienza / Vai alla pagina dell'autore: Bankotsu90