Storie originali > Introspettivo
Ricorda la storia  |      
Autore: Hainechan    13/09/2017    0 recensioni
Sono umana e posso sbagliare, così come tutti gli uomini. Fa parte della nostra natura errare ma non per questo rinunciamo facilmente a lottare. Siamo umani e proprio per questo non ci arrendiamo mai di fronte alle difficoltà, nonostante sia difficile, nonostante ci feriamo o feriamo gli altri. Sono un essere umano e nonostante i miei continui errori sono ancora qui e non ho intenzione di arrendermi.
Genere: Drammatico, Introspettivo, Malinconico | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Sono umana.

Cadere mi è permesso.

Errare mi è concesso.

Sono umana e ho paura anche io.

Ho dei sogni, delle speranze che forse non si avvereranno mai.

Un passo avanti e due indietro.

Sembra una danza ma non lo è.

Continuo a camminare, imperterrita.

Nonostante tutto non mi arrendo.

Sono umana e sono fragile.

Cado e mi ferisco.

Mi spezzo eppure mi rialzo ancora.

Sanguino e verso lacrime.

Il mio viso è una maschera,

impassibile, bramoso di quel sorriso che troppo spesso gli è stato negato.

Sono solo un essere umano.

Ho cicatrici che mai si rimargineranno,

soffro eppure non mi arrendo.

Perché?

Perché sono umana e questa è la mia vita.

Non è facile e mai lo sarà.

È dura, è ardua, è arida come il clima di un deserto.

Eppure io ci sono. Io sono qui.

E non ho intenzione di andarmene.

Sono qui e questo è il mio posto.

Sono qui e fin quando avrò un cuore che batte non svanirò.

Lotterò fino a quando avrò respiro,

fino a quando ci sarà qualcuno che afferrerà la mia mano tesa,

fino a quando non sarò io stessa a rinunciare.

Sono solo un essere umano, eppure sono più forte di quanto tu non creda.

 

 

   
 
Leggi le 0 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Introspettivo / Vai alla pagina dell'autore: Hainechan