Rimasugli di pensieri

di alessandroago_94
(/viewuser.php?uid=742337)

Disclaimer: Questo testo proprietà del suo autore e degli aventi diritto. La stampa o il salvataggio del testo dà diritto ad un usufrutto personale a scopo di lettura ed esclude ogni forma di sfruttamento commerciale o altri usi improri.


Lista capitoli:
Capitolo 1: *** Respiro ***
Capitolo 2: *** Vorrei essere con te ***
Capitolo 3: *** Nei campi di grano ***
Capitolo 4: *** Cuore pazzo ***
Capitolo 5: *** La canzone della notte ***
Capitolo 6: *** Qualcosa che manca ***
Capitolo 7: *** Solo vuote parole ***
Capitolo 8: *** La volontà ***
Capitolo 9: *** Solo ***
Capitolo 10: *** Nel cuore della notte ***
Capitolo 11: *** Forestiero ***
Capitolo 12: *** Percepisco solo gelo ***
Capitolo 13: *** Italia proletaria ***
Capitolo 14: *** Rosso ***
Capitolo 15: *** Nei bui cieli ***
Capitolo 16: *** Vecchi & ricchi ***
Capitolo 17: *** Ingiusto ***
Capitolo 18: *** Inferno personale ***
Capitolo 19: *** Al ristorante ***
Capitolo 20: *** Fine della crisi ***
Capitolo 21: *** Anni sabbatici ***
Capitolo 22: *** Il grido silenzioso dell'invisibilità ***
Capitolo 23: *** La percezione della plastica ***
Capitolo 24: *** Il muro di una chat ***
Capitolo 25: *** 24 ***
Capitolo 26: *** Il rumore della caduta ***
Capitolo 27: *** Quello che non ti dico ***
Capitolo 28: *** Dieci euro ***
Capitolo 29: *** Il pruno ardente ***
Capitolo 30: *** Furto con scasso ***
Capitolo 31: *** Il cappello ***
Capitolo 32: *** Inadeguato ***
Capitolo 33: *** Vuoto dentro ***
Capitolo 34: *** Il mio Natale ***
Capitolo 35: *** La verità ***
Capitolo 36: *** L'assenza ***
Capitolo 37: *** Dicevano ***
Capitolo 38: *** Profumo d'estate ***
Capitolo 39: *** Dipendente ***
Capitolo 40: *** Dinosauri vari ***
Capitolo 41: *** Freddo nel cuore ***
Capitolo 42: *** E' stato bello ***
Capitolo 43: *** Serpenti&delinquenti ***
Capitolo 44: *** Avrei bisogno ***
Capitolo 45: *** Lo strazio ***
Capitolo 46: *** Afa ***
Capitolo 47: *** Tu no ***
Capitolo 48: *** Albero umano ***
Capitolo 49: *** Dipingermi ***
Capitolo 50: *** Ultimo tifo ***
Capitolo 51: *** Grandine ***
Capitolo 52: *** L'eterna stazione ***
Capitolo 53: *** Quello che più temo ***
Capitolo 54: *** Una costante ***
Capitolo 55: *** Notti d'agosto ***
Capitolo 56: *** La vita ***
Capitolo 57: *** I miei giorni ***
Capitolo 58: *** Fuoco estivo ***
Capitolo 59: *** Album ***
Capitolo 60: *** Ciò che mi fa pensare ***
Capitolo 61: *** Il cuore che batte ***
Capitolo 62: *** Fari nella notte ***
Capitolo 63: *** L'altra faccia della medaglia ***
Capitolo 64: *** Il cuore ***
Capitolo 65: *** Evento inatteso ***
Capitolo 66: *** La mappa del tesoro ***
Capitolo 67: *** La caduta ***
Capitolo 68: *** Libero! ***
Capitolo 69: *** Felice ***
Capitolo 70: *** Le bugie ***
Capitolo 71: *** Un nuovo giorno ***
Capitolo 72: *** Apprendere ***
Capitolo 73: *** Nulla ci sfiora ***
Capitolo 74: *** Anno nuovo ***
Capitolo 75: *** La notte dei potenti ***
Capitolo 76: *** Ode al Decadentismo ***
Capitolo 77: *** Semplicemente te ***
Capitolo 78: *** Fare poesia al giorno d'oggi ***
Capitolo 79: *** Il calvario ***
Capitolo 80: *** Le rovine ***
Capitolo 81: *** Il sacchetto da abbandonare ***
Capitolo 82: *** Il voler naufragare ***
Capitolo 83: *** La sabbia ***
Capitolo 84: *** Scusa ***
Capitolo 85: *** Il secchio ***
Capitolo 86: *** Dei peschi in fiore ***
Capitolo 87: *** Amore ***
Capitolo 88: *** Le gabbie d'oro ***
Capitolo 89: *** Il tuo gesto ***
Capitolo 90: *** Figli degli altri ***
Capitolo 91: *** Claustrofobia ***
Capitolo 92: *** La primavera dei sentimenti ***
Capitolo 93: *** Essere fenici ***
Capitolo 94: *** Lasciami ancora sognare ***
Capitolo 95: *** Inseguire una cometa ***
Capitolo 96: *** Il frinire dei grilli ***
Capitolo 97: *** La Passione ***
Capitolo 98: *** Lettera a mio padre ***
Capitolo 99: *** Spirito libero ***
Capitolo 100: *** La radura ***
Capitolo 101: *** Quel tuo tatuaggio ***
Capitolo 102: *** Sono cresciuto? ***
Capitolo 103: *** Un numero ***
Capitolo 104: *** Malato d'amore ***
Capitolo 105: *** Volgere al termine ***
Capitolo 106: *** Nubi tossiche ***
Capitolo 107: *** Il dare ***
Capitolo 108: *** Cosa resta dell'Estate? ***
Capitolo 109: *** Bandiera bianca ***
Capitolo 110: *** Ancora e ancora ***
Capitolo 111: *** La Repubblica ***
Capitolo 112: *** Rime terapeutiche ***
Capitolo 113: *** Sabbia di vetro ***
Capitolo 114: *** Comacchio ***
Capitolo 115: *** Ritrovare parte di me ***
Capitolo 116: *** Il cimitero degli addii ***
Capitolo 117: *** I Giorni dell'Apparenza ***
Capitolo 118: *** Buoni propositi 2020 ***
Capitolo 119: *** Piange, la Regina di Saba ***
Capitolo 120: *** Poesia ai tempi del Coronavirus ***
Capitolo 121: *** Un colore a me ignoto ***
Capitolo 122: *** Un'anima nuova ***
Capitolo 123: *** Umori d'un giorno di Luglio ***
Capitolo 124: *** Meduse ***
Capitolo 125: *** Ho ragione ***
Capitolo 126: *** Mascherina, addio maschera ***
Capitolo 127: *** I buoi ***
Capitolo 128: *** Natale 2020 ***
Capitolo 129: *** Pandemia ***
Capitolo 130: *** Cosa resta dell'Impero? ***
Capitolo 131: *** Delirio da zona rossa ***
Capitolo 132: *** Pane quotidiano ***
Capitolo 133: *** Amor ***



Capitolo 1
*** Respiro ***


Respiro

RESPIRO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Respiro.

 

La camera

a fianco

è un cielo

in tempesta.

 

Ti sento;

mi senti;

non esisto;

non esisti.

 

Respiro.

 

La fiamma

ossidrica

disgela

il mio cuore.

 

Saldatrice,

salva e salda

i sentimenti

che non so di provare.

 

Respiro.

 

Dove sei?

Nevvero, io vivo,

e ad un passo da me

non ci sei.

 

Vivere così

distante da te

anche mentalmente;

distanza naturale.

 

Respiro.

 

Un cuore

che batte;

è il tamburo

della guerra.

 

Il tacco

di uno stivale;

suono ritmico

sulle scale.

 

Respiro.

 

Pugnale lucente;

la mia mente

ardente

brama l’eterno limbo.

 

Luce

scaturita da

un temporale;

forza massima.

 

Respiro.

 

Prendo fiato

prima della

mia morte

cerebrale.

 

Meno tre;

meno due;

meno uno;

morte.

 

Respiro.

 

Respiro soppiatto;

ultimo abbraccio d’aria

prima della

tanto attesa estinzione.

 

Ma la morte,

la morte è qui,

e allora che fu

di un inutile pensiero

rivolto a terzi?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Grazie a tutti per aver letto questa piccola poesia ^^ spero sia stata di vostro gradimento.

Grazie per essere qui, vi sono tanto grato per tutto.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 2
*** Vorrei essere con te ***


Vorrei essere con te

VORREI ESSERE CON TE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vorrei essere con te

in ogni momento della giornata;

vorrei essere con te

dalla mattinata alla nottata.

Vorrei essere chi tu vuoi,

senza farmi gli affari tuoi.

 

Vorrei essere con te,

ma tu stai meglio senza di me;

quante volte al dì mi penserai?

Io, credo, proprio mai!

Allora, è un fuoco di paglia

inutile, che al chiarore del sole si squaglia.

 

Vorrei essere con te, al tuo fianco,

ad affrontare il tuo sorriso, alla sera stanco;

vorrei credere che sì,

ce la farò, un bel dì,

a fare qualcosa di decente,

che non sembri fatto da un demente.

 

Vorrei essere con te,

alle cinque a sorseggiare un tè;

in pace, sul divano,

a tenderti amichevolmente una mano.

Vorrei credere di più nelle mie potenzialità,

dalle quali non trapela alcuna normale capacità.

 

Vorrei essere con te fino a domani sera,

a guardare la notte, che si fa nera;

sfidare il buio con un accendino

e guardare il mondo che, attorno a noi, si fa piccino;

e così si accendono le luci della città,

e noi, finalmente, ad estraniarci da questa realtà.

 

Vorrei essere con te,

sempre! Oh, mi crederei un re.

Vorrei guardarti mentre leggi,

e divertirmi a scrutare quando rifletti.

Non esisterebbero momenti grigi o mogi,

sarebbero solo fuochi d’artificio e botti!

 

Vorrei essere con te, al di là d’un impegno di lavoro,

vorrei mostrarti che anch’io, forse e in fondo,

sono un osso duro.

Non saprei mai regnare sul mondo,

per carità, ma vorrei solo renderti felice

e farti vivere un momento dolce.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Salve a tutti, e grazie per aver letto questo piccolo componimento ^^

Spero sia stato di vostro gradimento.

Grazie a coloro che mi sostengono sempre, siete la mia forza. Un grande, immenso grazie a tutti voi!

Grazie, di cuore. A giovedì prossimo ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 3
*** Nei campi di grano ***


Nei campi di grano

NEI CAMPI DI GRANO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nei campi di grano

friniscono i grilli;

nei sogni lontani

del bimbo che fu,

un gran sole nel cielo

splendeva lassù.

 

Non c’era pioggia

o giorni bui,

il caldo vento dei forni

del morbido pane fatato

surriscaldavano gli animi

già sudati dell’estate.

 

Col sole in faccia

si andava a pesare

anche un sol misero bacio

che mesto s’appoggiava

sulla candida guancia

dalla pelle soffice.

 

Col rombo di un tuono,

però, serpeggia ora il malcontento;

la vita s’accascia, in un baleno.

Bugiardo è chi canta

che la morte è lontana,

poiché su di noi aleggia, vogliosa e vana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Ecco a voi questa piccola poesia, scritta qualche mese fa. Non è niente di che, ma esprime solo un attimo di vita, un qualcosa che mi ha colto mentre l’ispirazione del momento mi spingeva a scriverla.

Spero vi sia piaciuta.

Grazie per il supporto che mi offrite ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 4
*** Cuore pazzo ***


Cuore pazzo

CUORE PAZZO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sento il mio cuore che batte;

è pazzo.

Sento il mio cuore che batte;

pare che nel mio petto sia esploso un razzo.

 

Eppure è avvolto dalla nebbia,

oh, dalla nebbia,

che lo incanta, mollemente;

se vuol esser lieto, lieto sia,

ma sembra andar lontano da ogni mia

azione coerente.

 

È colpa della nebbia;

fuori è estate, oh, che caldo,

ma la nebbia, la nebbia è come un dardo

conficcato lì, lì nel mio cuore,

che è in preda al terrore.

 

Se in amor non c’è prodezza,

non c’è neanche, nella vita, un po’ di destrezza;

che fatica cavalcare un asino ragliante,

quando si potrebbe andar a dorso d’un destriero scalpitante!

 

È la nebbia, sì,

è la nebbia, è proprio così;

la nebbia che avvolge il cuore, il suo battito,

e io cosa faccio? Mi dibatto,

non sto fermo perché soffro, sono in pena,

e come un bastone, nel petto, mi mena.

 

La nebbia avvolge il cuore,

lo soffoca, lo ammortizza;

al di là del tempo e della mia consueta timidezza,

c’è un qualcosa, come un’antica fortezza;

lì è dove la nebbia mi condurrà,

quando la fine del mio ultimo giorno verrà.

 

E allora il cuore non batterà più,

quel pazzo sanguinario;

non mi tormenterà più,

ed io, ormai valoroso cavaliere,

sguainerò una spada, e cambierò scenario.

Non avrò più bisogno neanche di bere.

 

E quell’ultimo giorno, quando sarà?

Di certo, prima o poi, verrà.

La morte, preannunciata dalla nebbia,

con una falce s’accompagna, quella mesta feccia!

 

Alla luce fioca di una Luna eterna,

la mia essenza si dissolverà,

e i miei sogni mai realizzati cancellerà.

 

Nel frattempo, c’è la nebbia,

che le spighe mature, attorno a me, trebbia;

io ho ancora un destino davanti e un cuore matto,

un cuore che mi porta lontano, lesto.

E la nebbia, alla luce del raggio di Sole dell’alba

che mi rischiarerà cuore e faccia, si diraderà

e scomparirà, finalmente resa debole e scialba.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Grazie, come sempre, per il supporto che mi offrite. Grazie, di cuore.

Ritorna all'indice


Capitolo 5
*** La canzone della notte ***


La canzone della notte

LA CANZONE DELLA NOTTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mesto, mesto,

il buio arriva presto;

il gallo non canterà

per ore e ore,

il mondo si fa nero,

un nero accumulo di desiderio;

l’uomo e la sua realtà

nascosti in casa, a sognare.

 

È la canzone della notte

quella che rimbomberà

tra le porte

di una casa che, col buio,

si riempie di fantasmi del passato,

un passato sciagurato,

un passato che non è ancora passato,

un passato che non sa d’amato.

 

È la notte, che ci lascia soli

con i nostri sogni,

con i nostri desideri folli,

e l’incubo del sonno si tramuta

in grandi ragni,

in ragni neri,

in ragni come oscuri monili

che s’incendiano alla luce del sole.

 

La canzone della notte

non risuona nelle radio;

i mezzi ad elettricità giacciono

spenti, non sono più desti;

se cade la pioggia

sulle tegole si crea

un bassofondo che sa d’indefinito,

che sa d’infinito.

 

È l’infinito del buio,

è il buio che affonda l’universo,

è il cibo dei buchi neri,

è l’altra faccia della Luna,

quella che noi non vediamo mai,

destinata ad essere immaginata,

o ad essere coi satelliti osservata.

 

Ci sono quelle notti in cui nevica,

e il mondo par ovattato;

se si guarda dalla finestra,

parrà che il ciel d’un rossore arda,

e la terra che ormai è sepolta,

da una coltre bianca,

sembra che sia anch’essa stanca,

e che sotto una coperta riposi.

 

C’è la notte degli animali,

della schiera delle creature notturne;

oh, Dio, che paure.

Bestiole nell’ombra,

nella penombra

di un faro solitario acceso,

che di buio vivono,

e nel frattempo si lamentano.

 

La notte degli spettri

è l’incubo dei viventi; mani,

corpi inconsistenti,

rumori molesti

e casuali, che obbligano gli

occhi a stare aperti,

a stare svegli,

a stare attenti.

 

C’è la notte delle auto,

dei bolidi che sfrecciano solitari

lungo le strade,

di chi si schianta, poi,

e di chi piangerà l’indomani.

Di chi i capelli si strapperà,

e che il dolore maltratterà.

 

La canzone della notte

accumuna tutte queste sorti;

oltre al buio, oltre alla natura,

qualcosa resta, qualcosa dura;

il seme del nuovo giorno germoglia

con il canto del gallo alle cinque di mattina,

e allora il lato del mondo al buio sospira,

addio agli spettri, ma buongiorno alla fatica quotidiana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Anche questa volta, una piccola poesia senza pretese. Spero vi sia piaciuta.

Vi ringrazio di cuore, tutti quanti. Grazie!

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 6
*** Qualcosa che manca ***


Qualcosa che manca

QUALCOSA CHE MANCA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

C’è qualcosa che mi manca;

oppure sto solo battendo troppo

la fiacca?

Mi sento come un tamburo;

pressato, sbattuto,

peggio di un tratturo.

 

Mi sento come

se fossi vuoto dentro;

ci son giorni di sole

dove neanche le più belle parole

possono donare pace e amore;

ah, sogno irrealizzabile, l’amore!

 

Imperscrutabile,

un cielo di spine,

una croce di rime,

un fardello incomprensibile;

qualcosa mi assilla,

ma cosa, di preciso?

 

Solo lungo la mulattiera della vita,

ho capito che è solo una salita,

e che gran fatica

anche solo respirare,

prendere il respiro,

fermarsi a boccheggiare.

 

C’è qualcosa che mi manca,

e per questo non ho tregua.

Qualcosa che mi manca,

che dentro me urla e strepita.

Non capisco, non lo so;

non so che fare, però.

 

L’antidoto al male interiore dov’è?

O è una medicina amara,

in vendita in una comune farmacia?

A morire, spiaggiato

me ne sto,

e tutto il resto a vorticarmi attorno.

 

Quel qualcosa che mi manca

è ciò che non sconosco;

subconscio, inconscio,

paura, demonio,

senza ragione,

resta tanta tensione.

 

Mi si strappa l’anima,

non ho tregua, non ho pace,

non c’è più il dolce

lato dell’esistenza,

sembra solo

cupa dipendenza.

 

Dipendenza da qualcosa che non si conosce,

da qualcosa che non so;

qualcosa d’indefinito si dipana

nella follia di alcuni giorni

tristi più del dovuto,

dove nulla par andare per il verso giusto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Continuo a ringraziarvi, tutti quanti ^^ grazie di tutto.

Ritorna all'indice


Capitolo 7
*** Solo vuote parole ***


Solo vuote parole

SOLO VUOTE PAROLE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono solo vuote parole le nostre.

Ordini, perentori e non,

Ninnoli di seta scura, macchiata,

O mia giovane amica.

 

Sono solo parole, e in quanto tali

Oliano le nostre lingue,

Le lisciano come sciabole.

Orchidee sono, profumano ma tagliano.

 

Vuota il sacco, sanciscono.

Universo unilaterale,

Ottengono gradimento se sorridi,

Tagliano ed affettano l’animo del confidente

E traggono forza dalle tempeste dell’anima.

 

Parole, parole, parole… come un cerchio.

Ascoltale, ma più le ascolti più sembrano vuote.

Rieccole, come un serpente, come

Orche fameliche assalgono un cuore… alcune

L’accarezzano, altre lo feriscono.

E sanno avere tutti i significati, oppure nessuno… magiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Buon pomeriggio, e… ecco a voi questo piccolo acrostico ^^

Grazie per continuare a sostenermi, grazie di cuore.

Ritorna all'indice


Capitolo 8
*** La volontà ***


La volontà

LA VOLONTA’

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aver la volontà di vivere,

la volontà di scrivere,

credere o non credere

in quel che si sente dire;

 

scegliere di fare

oppure di disfare,

di stenti morire

o dal troppo ridere perire;

 

la volontà di oggi

è nel credere nel futuro,

nel futuro,

e nulla è più sicuro.

 

Tra cent’anni

la vita migliore,

l’esistenza indistinta

di un dio minore.

 

Il programma dell’umanità

va oltre la realtà

delle cose, non vive nell’attimo in cui

un cuore non batte più.

 

La volontà di credere nel prossimo

e di perdere l’attimo,

di cogliere lo squallido idolo

di un uomo totalmente solo;

 

solo, l’uomo è solo, abbandonato a sé;

per questo mi vien da stringermi a te.

Non mi scacciare, o mia cara sorella;

rendi la vita mia un po’ più bella.

 

Si crede nel futuro,

il missile nello spazio,

un vuoto nel dazio

che pur si deve pagare! Eh, futuro…

 

E si parla di futuro, di forza di volontà

dei giovani, che in verità

non sanno manco uscire dal portone di casa;

scatafascio, il convento più nulla passa.

 

Se i conventi chiudono le porte,

addio, ferrosa botte

che conteneva i sogni di una gioventù sciupata,

trasandata,

di una gioventù malmenata,

di una giovinezza scialacquata.

 

Piano, sul latte versato:

qualcuno, delle impronte ci ha lasciato.

Il gatto del vicino?

O è tornato a farsi vivo Odino?

 

Passato e presente,

la pace è assente,

la volontà dell’uomo perì

in poco meno di un dì.

 

Distinzione;

passato e presente in fusione,

libertà di scelta,

e con i fiumi dalla foce a delta.

 

La volontà di scrivere cose a caso,

per riempire un foglio bianco.

Per chi ci crede ancora, vada pure avanti a naso,

ma io mi fermo, ora, poiché sono stanco.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Sinceramente, non ho idea di quel che voi possiate pensare di questa poesia xD mi è venuta già spontanea, ha un qualcosa di rap, a mio avviso xD

Grazie di cuore per il costante supporto che mi offrite ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 9
*** Solo ***


Solo

SOLO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa sera mi sento solo;

avrei voglia di una carezza,

di un po’ di dolcezza,

di una vita senza tristezza,

in cui ignota sia l’amarezza.

Mi sento solo, mi sento avvilito,

mi sento spossato,

a menadito;

mi sento ferito dalla realtà,

che funziona male, comunque va.

Vorrei qualcuno qui con me,

vorrei ascoltarlo mentre parla,

vorrei che mi dicesse che sono importante

e che l’amore non è distante.

Vorrei cadesse la cupa nuvola

che nel cielo si staglia nervosa su di me,

malinconica, laconica,

e se piango, chi mi consola,

e se grido per il dolore che provo, chi mi conforta?

La mia mente contorta

non mi aiuta,

non mi basta,

non mi ascolta,

non mi bada,

lei mi tenta,

lei mi assilla,

io cedo, lei è la passione,

che del desiderio non è solo futile estensione,

distorsione,

morte della ragione;

cadono dal cielo i goccioloni,

come scatoloni,

come vagoni,

sulle teste di chi lotta in solitaria,

di chi non crede che la vita sia varia;

che l’amore sia avaria

dei sensi, abbandono spirituale

dal sapore teatrale,

di maschere e di visi nascosti

dal piacere di un momento finto e condiviso.

Tu ti sposti,

ma tu, poi, esisti?

Perché insisti?

Non mi importa,

mi sento comunque solo,

mi sento solo,

non sono in grado di spiccare il volo.

Non ti ascolto,

taci e zitto.

Mi sento solo,

in mezzo alla festa della vita,

non mi basta la tua falsa compagnia,

vattene via!

Non ballo con nessuno,

vivo di solitudine, ormai,

e ti prego, ora resta,

se poi te ne vai anche tu,

della festa cosa rimane?

Miliardi di anime sulla Terra,

nessuna la mia gemella;

mi sento solo, anche se ti percepisco,

ma tu forse non esisti, sei l’ignoto;

vattene via, di nuovo insisto.

Io di te ho paura,

paura che tu mi ferisca,

che tu a morte mi colpisca.

Son bigotto,

mi sono intestardito,

e non allungare verso di me neppure un dito;

 voglio, dopo tutto, restar solo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Mi limito solo a ringraziarvi, questa volta, nella speranza che il componimento sia stato di vostro gradimento. A giovedì prossimo ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 10
*** Nel cuore della notte ***


Nel cuore della notte

NEL CUORE DELLA NOTTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel cuore della notte,

a volte,

è come se ci si fosse appena

riempiti di botte;

parte, in testa, una cantilena,

di quelle da nenia, triste;

sembra di essere con te… Elena.

 

Elena, tu di me ti sei dimenticata,

e non dico una stoltezza!

A me, nel cuore della notte

torni in mente, delicata

come solo i ricordi possono renderti,

sempre e a volte,

e forse questa è una sciocchezza.

 

Tu vivi vicino a me, ma le nostre vite

sono lontanissime orbite

che s’incrociano poco, di rado,

ma ora vado…

c’è un ciclone immaginario che mi aspetta,

e tu, per favore, scansati da quella finestra!

 

Mi dispiace che non mi guardi,

neanche se ti dedicassi una di queste nenie da bardi

tu mi doneresti un complimento;

sai, per te sono solo uno sfigato,

meglio che mi eviti, anche con lo sguardo.

 

Aspetti che il tuo Lui passi a prenderti,

Lui è bello, Lui è alto, Lui è palestrato;

al mio corpo, poca bellezza Dio ha donato,

e allora, sconfitto, non mi resta che guardarti

da lontano, sconsolato.

 

Ma, poi, sono davvero uno sconfitto?

In campo non ci sono neppure mai sceso!

Ah, la vita è grama per un povero fesso,

destinato a non vincere neppure un minimo conflitto.

Ad essere emarginato,

a combattere contro i mulini a vento.

 

Nel cuore della notte, i mulini a vento

sono grattacieli di sessanta e più piani;

un ciclone, un uragano li sferza, col suo vento violento,

e non c’è modo di salvarli dal crollo;

ma, ad occhi socchiusi, cullati dal sonno,

ci puoi mettere le mani,

e i venti smetteranno di essere titani;

così, solo nella notte puoi raggiungere i tuoi obiettivi,

ma ora lasciami,

solo ad un triste sonno voglio dedicarmi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Salve a tutti ^^ dico già che questa poesia è stata scritta solo in un momento di svago, e nonostante sia significativa, almeno per me, non ha nulla di troppo serio tra le sue righe. Però, come sempre ho provato a metterci il cuore.

Per la cronaca, Elena non esiste nella realtà xD

Grazie del sostegno, siete tutti gentilissimi ^^

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 11
*** Forestiero ***


Forestiero

FORESTIERO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non avevi il diritto di ferirmi;

non avevi il diritto di contraddirmi,

di aggredirmi,

e poi di sopprimermi,

di schiacciarmi,

di incatenarmi;

non avevi il diritto di dirmi

cosa avrei dovuto fare,

avresti solo dovuto lasciarmi andare.

 

Lasciami,

o divinità di un mondo che non è mio;

ingrato ed egregio

signore dei numi

di un reame celeste

che forse è sopra le nostre teste;

non dovevo crederti,

non dovevo lasciare che tu mi donassi tormenti.

 

Dovevo ritrovare me stesso,

sotto un sasso,

sotto una roccia,

scoprire se la mia capigliatura è davvero riccia,

oppure è liscia;

cosa so di me, realmente?

Credo in me, fedelmente?

 

Tu mi hai soppresso,

ora sono più sbatacchiato di un cipresso

dai rami pendenti, di fronte a un cimitero;

vivevamo in un bel maniero,

ma tu ci hai messo le mani,

destriero,

tu hai creato irreparabili danni,

forestiero.

 

Torna a casa tua, e che la Luna illumini

la tua strada, e le stelle,

coi loro tenui lumi,

ti mostrino la via per tornare nelle sacre calle

di una città lontana, che si affaccia

su un mare che sa di laguna meticcia.

 

Non credere, fratello forestiero,

di potermi asfaltare col tuo mero

dito affusolato puntato sotto al mio mento;

vattene, non darmi più tormento,

vattene , almeno per un misero momento.

 

Eri straniero, e ti abbiamo accolto.

Eri straniero, e sei stato nutrito.

Non avevi nulla, e sei stato ingrassato.

Ma ora che sei in carne, con un fuoco ignoto e bruto che ti arde dentro,

sfoga la tua passione su quel cumulo di grigia cenere

che è stata la tua vita;

passala tra le dita,

assaporala per un istante,

e capirai che forse è meglio spegnere tutto con un idrante.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Un altro piccolo componimento senza pretese. Grazie per continuare a seguirmi ^^

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 12
*** Percepisco solo gelo ***


Percepisco solo gelo

PERCEPISCO SOLO GELO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Percepisco solo gelo attorno a me;

e te,

pezzo di ghiaccio.

Io parlo a te,

e non fare il pagliaccio;

non rido alle tue battute,

sono pessime, sono scadute.

Non credo alle tue parole;

tu mi narri di un grande amore

che nella vita d’ogni giorno si tramuta in rancore;

perché l’astio esiste,

è ciò che dentro ci logora,

ci sovrasta e ci distrugge;

l’odio c’è,

e si erge alle spalle dei fratelli,

sotto i pesanti mantelli,

nelle mani e nei coltelli;

l’odio umano è come droga,

puoi lottare, ma la dipendenza resta.

E son tutti dispetti i tuoi,

maschera d’acciaio,

sono tutti dispetti i tuoi,

volto pieno d’astio.

Tu ridi assieme a me,

ma mi faresti fuori al tuo tre;

il prossimo è carne da macello,

e tu credi sono in te stesso, fratello.

La tua maschera è sgargiante,

alla gente piace.

Sai far colpo, bel burlone,

ma sotto il mascherone

c’è solo un gran rancore.

Ridi per farti bello e singhiozzi per far pietà,

nella realtà,

in una società

che corre,

e non ha tempo per chi non segue la sua corsa.

Corri per te stesso,

non aver fardello,

il premio finale sarà tutto tuo,

fratello,

il premio finale non sarà suo,

fratello.

E allora come posso credere nel Bene,

quando in vita sono quasi tutte pene?

Tu credi in te,

io non credo in me,

tu sotto la tua aura mi schiaccerai,

e magari un giorno mi distruggerai.

Il mondo è tuo, predatore,

non è di chi si piega; plagiatore,

le tue parole pronunciate col sorriso

mediocre

ti nascondono, non ti rendono inviso

ai fratelli che ascoltano le tue bugie avare,

che sanno solo di inganno, e di lacrime imbevute di dolore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Poesia scritta durante cinque minuti di svago. E’ un componimento senza alcuna pretesa, come sempre.

Grazie di cuore ^^

 

Ritorna all'indice


Capitolo 13
*** Italia proletaria ***


Italia proletaria

ITALIA PROLETARIA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’Italia proletaria

che si dà battaglia

tra i banchi dei tribunali,

con parole magistrali;

l’Italia dei ragazzi,

come razzi,

che s’impattano contro muri alti,

di borghesi ottocenteschi fatti e finiti.

Una guerra senza confini,

tra finti vizi e vizi finti,

con macabri aguzzini,

la strada costellata da strozzini;

come un tour,

in giro, mon amour,

solo morte, pace falsa,

vita che collassa;

odio e rancore,

grigiore,

perduto splendore

affisso sui muri di case in putrefazione;

come sgorbi,

botte da orbi,

paura di non restare a galla,

poiché prima o poi si esplode;

sia questione di un giorno, o poco più.

Si vive attaccati alla tivù,

a credere che laggiù

la vita sia migliore,

quand’invece è pure peggiore.

Il vero è che si soffre,

si nasce e si muore,

nel frattempo son solo delusioni,

sono solo cicatrici e abrasioni.

L’Italia proletaria

è come burro che si squaglia,

nella teglia,

nella veglia,

c’è chi piange e chi non vuole,

a chi il cuore duole,

nella veglia di mezzanotte

sembra di vivere un sogno di mezza estate.

C’è che fa caldo,

fa secco,

non piove; deserto,

arido di sentimento.

L’Italia proletaria

combatte con rabbia;

combatte una guerra sui social, sui giornali,

nei più bui vicoli

della coscienza umana,

e par tutta una panzana,

a chi sullo scranno sta seduto,

muto,

a guardare il popolo che assorbe

tutto, quasi fosse una fossa piena di mollicce torbe.

C’è che un’Italia proletaria,

per protesta, vorrebbe bloccare anche la Salaria;

ma cosa cambia, tanto,

sembra che nulla abbia un senso;

e più ci penso,

meno sembra che tutto

abbia un qualcosa di arguto;

di riflettuto,

sotto i riflettori,

solo i veri signori,

i padroni,

soldi e anelloni

d’oro nelle dita delle mani,

adesivi e tatuaggi

d’alti e antichi lignaggi;

cadono le stelle,

e non solo parcelle,

particelle,

si spengono le luci, si ammutolisce il cellulare,

il cane smette di abbaiare,

l’Italia proletaria durante la notte se ne sta

nei propri letti senza se e senza ma,

e allora tutti sotto le coperte,

che domani è un altro giorno, pieno di amare scoperte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Ehm ^^ ah ah, questa volta non so neanch’io come commentare per bene questo piccolo testo che avete appena letto xD

Spero non mi lapiderete. Comunque, questa poesia non ha alcuna pretesa e non vuole assolutamente far politica o quant’altro; si tratta solo di qualche verso che ho scritto due giorni fa, sempre in un momento di svago, quando la mia testa va da tutte le parti, tranne quelle che hanno un senso.

Nelle ultime settimane sono ancora in fissa con Comunisti col Rolex, di J-ax e Fedez, e credo che ciò mi abbia un po’ influenzato nella scrittura di questo componimento, anche se tutto quello che è scritto qui è totalmente originale e indipendente da quest’opera.

Si tratta solo di un po’ di rime sparse e di giochi di parole, nulla di più ^^

Grazie, carissimi amici, e grazie, carissime amiche ^^

 

Ritorna all'indice


Capitolo 14
*** Rosso ***


Rosso

ROSSO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sangue; sei rosso,

tu bruci, nelle vene;

l’ormone,

il dio dell’amore,

il coraggio di credere

nelle favole di un mondo

lontano che fu;

 

Condensante; appiccicoso,

sulle piastrelle della vita,

la morte,

la perdita,

un taglio sulla punta

delle dita;

disperazione passata;

 

Eppure, solo acqua,

solo piastrine,

solo globuli rossi e bianchi;

creazioni divine.

Sangue, che dà la vita,

sangue, che dà la morte

grazie a una profonda ferita.

 

Sangue; residuo di un

momento lontano,

di un giorno fatato,

di un anno incantato,

di un istante magico

in cui qualcuno decise

di offrire il suo circolo vizioso.

 

Vene, pompaggio;

drenaggio, tutto nei reni,

sangue di semidio,

sangue di uomo coraggioso,

sangue di chi in cuor suo è esploso,

sangue di chi morte s’é dato

e di chi vita ha donato.

 

Sangue di bestie, sangue blu

dei principi scomparsi,

dei numi ritrovati,

che scorre nei capi irrigati;

sangue e acqua,

una sola soluzione di base,

un solo ed unico punto di partenza.

 

Sangue di chi ha già dato tutto,

di chi, spompato, è distrutto;

sangue dei disfattisti nelle piazze,

di chi ha raccontato notizie false.

Di chi è svenuto per averlo visto;

il suo rossore, il suo ardore,

il suo profondo attaccamento al cuore e al dolore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Un’altra piccola poesia senza pretese, spero che vi abbia offerto qualche minuto di piacevole lettura, nonostante tutto. Grazie a tutti ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 15
*** Nei bui cieli ***


Nei bui cieli

NEI BUI CIELI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ti vedo sempre tanto solo;

in volo,

nei bui cieli

resi oscuri da nebbie e geli

che giungono all’improvviso,

sul nostro viso,

ormai con le labbra serrate, senza alcun sorriso.

Io non sono nessuno,

ma ti vedo in chiaroscuro;

c’è dell’ombra, sul tuo volto,

che non so riconoscere; travolto,

travolto da qualcosa che non so riconoscere,

sbaglio e cado, lasciandomi ferire,

lasciandomi intimidire

da qualcosa che non conosco… inumidire.

Umido di nebbia,

non conosco la gioia,

non conosco la saggezza,

la mia vicina di casa è la tristezza.

E tu, perché sei solo e triste?

Non hai compagnia; meste

sono le tue occhiate,

come una poesia, in rime baciate,

sembri dire a caratteri cubitali

che non ti senti a tuoi agio, che hai valori opinabili.

Una chiacchiera in qua e una in là,

quando è dura da accettare, la realtà…!

Tutti ti evitano, se possibile, ma cos’hai che non va?

Inaccettabile,

indiscutibile,

inutile bile

lanciata contro di te.

A volte ti scorgo tra la folla,

ma non so perché sei così fragile;

di pasta frolla,

e il mondo non è un posto facile.

Perché sei solo, lo sai solo tu,

non ne voglio sapere di più.

Una curiosità profonda però mi resta,

e mi frulla per la testa;

mi chiedo perché

non ascolti il tuo cuore; ti senti davvero una sorta di re?

Sei troppo snob per amare, o anche solo per lasciarti avvicinare?

Non ti capisco, ma non ci penso più,

tanto, non mi va giù

di mio il fatto che una società

possa essere così chiusa; verità,

castigo e povertà,

ai margini,

i pargoli figli di genitori strani,

pacchiani,

non mi credi

perché ami puntare il dito contro chi non vedi;

allora, mi lascio andare,

mi rilasso,

non penso al nostro salasso,

al prezzo che, nonostante le nostre differenze,

pagheremo entrambi con mille sofferenze.

Tanto vale essere sereni,

ci penseremo domani, a tutti i nostri vari problemi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Grazie a tutti ^^

Questa poesia l’ho scritta qualche giorno fa, così, spinto dall’ispirazione, durata qualche secondo.

Spero vi abbia intrattenuto piacevolmente ^^

Grazie di cuore!

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 16
*** Vecchi & ricchi ***


Vecchi e

VECCHI & RICCHI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vecchi

e ricchi;

la vita, una roulette,

due mani, tre viaggi in auto blu,

e non ci si ferma più.

Vecchi e ricchi;

anelli d’oro luccicanti alle dita,

ogni domenica in gita,

la moglie,

l’amante,

spasimante,

lasciata in attesa, in un albergo a cinque stelle;

dalle stalle fino a sfiorare il cielo,

non sembra neanche vero;

a dieci anni manovale,

a venti caporale,

a quaranta generale,

a settanta signore universale

delle ville sulle placide riviere italiane.

La moglie, controfigura;

l’amante, bella e giovane, ma che scocciatura;

figli ormai adulti,

ma che vengono ricoperti d’insulti,

perché non si piazzano bene in società,

ma il padre, in ogni caso, la paghetta gliela dà.

Vecchi e ricchi,

in un Paese fatto di tirchi;

niente yacht, oh, no,

niente, altrimenti indagano

sui proventi;

soldi latitanti,

versati in conti

lontani,

in terre remote,

dalle cartine dimenticate.

Vecchi, eppure ricchi;

i soldi guariscono i malati

e pure se si è ormai sdentati;

dentiera,

d’argento puro la saliera,

la donna delle pulizie bella scollata,

così candida che potrebbe diventare una nuova amata;

l’amaca è in giardino,

un giardino che ha qualcosa di contadino.

Uno zotico che lavora,

che puzza, che vergogna!

Vecchi e ricchi,

delle Dolomiti si vedono i picchi

innevati, che attendono i validi pensionati;

ma per i loro nipoti cosa resta?

Oh, se ci si pensa, gira la testa…!

Niente casa, niente lavoro,

niente ristoro,

disordine e svogliatezza

immerse in un oceano di amarezza.

Tristezza, le giovani generazioni

alla deriva,

sulla battigia,

senza prestigio,

fino al giorno del Giudizio;

ma la maggior parte del popolo è vecchio,

è ricco,

ha già dato;

sconsolato, senza più doti, a riposo se ne sta,

 e tutto il resto in sospeso rimarrà.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Altra piccola poesia senza pretesa alcuna, se non intrattenervi qualche secondo.

Grazie per il fedele supporto che mi offrite.

Ritorna all'indice


Capitolo 17
*** Ingiusto ***


Ingiusto

INGIUSTO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non vorrei che tu soffrissi.

Vorrei schermarti,

in modo che nessuno possa più ferirti.

Vorrei raccoglierti

tra le mie braccia,

stringerti,

il sorriso sulla mia faccia,

dirti che non è giusto,

che il mondo è un posto ingiusto,

che non ci credo

a quello che vedo;

perché deridere una persona innocente?

Incoerente,

vorrei solo dirti che

su questo mondo non ci siamo solo io e te,

questo vuol dire confrontarsi,

e spesso odiarsi;

perché il male c’è,

e neppure nascosto è;

allora che si fa,

si piange ogni notte, forse?

Che esso diventi la nostra unica costante?

No, no, ci si ribella,

mia cara amica e sorella,

non si sta

nel male, senza se e senza ma,

non si vive di rancore,

si deve anche provare amore.

Amore per le piccole cose,

quelle che non stanno, però, nelle comuni borse;

si deve cogliere il frutto della vita,

come Cita,

sull’albero a fianco del suo inseparabile amico.

Oh, altro più non ti dico…

Fuori c’è bufera,

cala la sera,

inverno, cielo rosso

e buon tempo si spera.

Ma non su di noi,

ah, noi,

ahinoi,

l’aurora boreale

ci illumina a giorno;

emisfero australe,

al circolo polare

un giorno e una notte, di sei mesi ciascuno;

vedi che se ti parlo

tu non ci pensi più?

Il male scompare,

non ci si odia più,

non si affonda, giù.

Si resta a galla,

si lotta, la plancia

della nostra barca è finta,

non siamo costretti a dirigerla

alla deriva… sui ghiacci,

fattacci,

prezzacci

delle boutique in centro,

e non ci credi?

Ascoltami, tutto passa,

non pensarci, rilassati;

la vita come un cerchio,

che si chiude,

socchiude,

piano e con leggerezza,

il tempo passa e dell’odio resterà

solo muschio e falsa vanità,

e allora, non ci pensare,

domani andrà meglio;

non affondare,

salva te stessa e il tuo profondo coraggio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Poesia scritta col cuore qualche giorno fa, quando sono venuto a conoscenza di eventi che mi hanno un po’ scosso, che non riguardavano me, ma una persona a cui tengo molto. Questo è stato il mio modo per esternare il senso di impotenza che ho provato sul momento, e quello che avrei voluto dire per farla stare meglio, e magari consolarla.

Ritorna all'indice


Capitolo 18
*** Inferno personale ***


Inferno personale

INFERNO PERSONALE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Che viene e che va,

in là,

solitario, per mare,

per cielo e per terre

emerse,

scommessa contro la sovranità

imposta dalla tirannia del tempo;

credi che non mi dispiaccia

di dovertelo dire in faccia,

che proprio non mi va giù

il tuo modo di fare le cose, laggiù?

È sbagliato,

profondamente sbagliato.

Lontano dai riflettori

sono solo i tuoi desideri, i veri padroni;

nessuno ti osserva,

tu ferisci,

brandisci e conserva

la tua destrezza,

fortezza

inespugnabile, mura alte,

falsate.

Tutto costruito secondo uno schema secolare;

hai solo copiato, altroché genialità,

non voglio credere

alle tue finte potenzialità.

 

Tu non mi dici che non è vero;

io sono l’incudine, e tu il martello;

levi i chiodi dalle assi,

finto menestrello

i cui suoni che sai emettere

sono solo quelli prodotti dai tuoi passi,

passi che sanno fremere,

a prescindere,

che fanno tremare,

balbettare,

odiare,

non ti celo che

non ti sopporto più perché

tu ti credi un re;

ciò che era, è stato sublimato,

e nulla sarà più ciò che è da sempre stato.

 

Io e te;

polpi che si avvinghiano in una lotta sconosciuta,

in combutta

con le porte intarsiate

dell’inferno;

anche se è giorno,

la notte regna su di noi,

perché noi,

poiché noi,

impotenti siamo di fronte alla nostra essenza,

senza prudenza,

non c’è scadenza

ai nostri freddi calcoli.

 

In principio era il Verbo,

e che Verbo sia;

ossia,

dall’alto di un cielo stellato

con il passaggio della cometa di Halley a risollevare

gli umori altalenanti degli astronomi, e ciò è perfetto,

codesto pensiero s’illumina come la scia

infuocata della cometa,

l’ultima cometa.

 

Sulla Terra,

ciò che sopravvive al tempo è solo l’asceta;

per noi, discesa

agli inferi,

senza pace,

solo guerra,

condanna,

paura,

della vita solo la lordura

a imbrattare,

insudiciare,

fingere di lasciarci crepare

nel nostro infame inferno personale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Grazie, come sempre, per il fedele supporto ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 19
*** Al ristorante ***


Al ristorante

AL RISTORANTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uomo di lusso

indiscusso;

tavolo per quattro,

quatto,

non si presenta;

moglie inquieta,

bambini agitati,

che in attesa di papà

con giochi infantili ingannano la realtà;

aizzati,

strida contenute,

al ristorante,

rimbombante.

Ma il papà

ancora non ci sta,

non ci va,

non sta,

come sta?

Il padre al volante se ne sta,

distrattamente

dell’orologio da polso guarda il quadrante,

sa che la sua famiglia lo attende al ristorante.

Lo sa, ma si presenta in ritardo,

niente riguardo,

iracondo

l’uomo dai mille impegni

ha progetti e disegni

che gli frullano per la mente;

deve ideare delle bugie,

magari anche alla moglie deve mentire,

ai figli un paio di cartoni in tv possono bastare,

per quietare,

per non agitare;

non porre domande.

In quinta arriva al ristorante;

sabato sera,

la notte è buia e nera,

oscura,

ambigua e sa d’arsura;

decine gli altri avventori,

ingresso con vestiti nuovi e due cellulari

pronti ad essere sfoderati,

come lame,

trancio di carne,

odore di rame

nell’aria,

di salvia

dalle vicine cucine.

La cena inizia,

in ritardo, comincia;

bambini, strida,

la moglie che grida

per non far afflosciare la voce

nell’ecatombe più dolce.

Attorno, gente che parla,

che puzza,

che sparla,

che alita,

che canta,

i figlioli che non stanno fermi,

fermenti,

la moglie che non tace,

uno dei cellulari che squilla,

e squilla,

quisquiglia,

e anche ciò basta per allontanarsi,

per tornare a distrarsi,

ad isolarsi,

tra le altre persone

solo chiacchierone e cialtrone.

Con un semplice scusa, amore,

se ne va fuori, il signore;

al telefono la segretaria

mormora ogni sorta di barbarie;

la sua voce riempie l’aria

della notte calda,

che riscalda

un cuore che nasconde qualcosa che invalida.

L’altro cellulare squilla,

l’altra collega già lo attende

via, lontano da lì,

e fu così

che la serata si movimentò un po’;

il buon padre di famiglia si eclissò

dietro ad un lampo incompreso,

dalla sua consorte inatteso.

Addio alla famigliola al ristorante,

di ricongiungersi con l’amante

il bisogno è sempre più pressante,

e allora via, che si va,

si lascia qualche banconota per pagare il conto,

e tutto il resto al volere del puro desiderio si girerà.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Una piccola poesia scritta per puro svago, senza alcun riferimento a fatti realmente accaduti.

Solo una piccola riflessione sulla mediocrità di chi si nasconde dietro ad una maschera di perfezione, ed invece è un po’ mascalzone, in realtà.

Dopo un pranzo al ristorante in cui tutti erano al cellulare, un po’ forse mi sono lasciato suggestionare da questo xD

Grazie per l’attenzione, carissime amiche e carissimi amici ^^

 

Ritorna all'indice


Capitolo 20
*** Fine della crisi ***


Fine della crisi

FINE DELLA CRISI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La crisi;

tutti delusi,

l’ecatombe economica

ci guarda, sardonica;

ci deride, ci dice

guarda, mio figliol dolce

e prodigo,

per te nessun prodigio,

gioca d’assi e d’istinto;

ma neanche il primo mutuo è stato estinto.

Aria di recessione;

scissione,

il vento è carico di tensione,

l’inverno sembra estate,

l’estate sembra un mucchio di baggianate,

in cui ci sguazziamo,

in cui ci ingozziamo,

la piscina c’è,

il ristorante è sempre prenotato per tre,

per te,

per me,

per chi altro c’è,

e allora, forse, ci siamo arenati!

Arenati, la crisi economica

è finita;

non fare la sciocca,

la madre chioccia,

che per venti euro in più al mese

è pronta a scalare monti e spese.

Niente imprese,

fallite e incomprese,

solo false offese,

spergiuri

e mistici scongiuri.

Ma la crisi ora è improvvisamente finita;

lo hanno detto in tv,

nel tg,

tutto quello che resta è rapida ripresa,

niente più discesa,

solo ascesa.

C’è la discoteca,

di sabato e domenica

si spende,

si spande,

riempite tende e ristorante,

gli avventori sono ingordi,

che si facciano bagordi.

Ingorghi

nel traffico del fine settimana,

non c’è pace fin dal mattino,

le vacanze e le ferie

il nuovo cult

tutto il resto whiskey e rum.

Il cellulare che s’inceppa,

troppi messaggi di ripresa,

incappa,

incespica,

nella mollica di una società

che ha ancora molte difficoltà.

Adunata, fratelli;

in alto le mani,

fuori i gioielli,

niente alieni,

che ci salvino gli alieni,

i portafogli sono pieni

di pagherò e di falsi impegni,

solenni,

monelli,

fardelli,

spietati ma incredibilmente belli.

Io non ho voglia di far nulla,

sono giovane; brulla,

scotta il verdetto degli anziani,

i ragazzi le tengono in tasca, le loro mani!

Ma, invece, tanti giovani le tengono in mostra,

arrossate,

già stanche e provate,

dagli stenti della vita pressate,

dai geloni rovinate.

Mi dispiace, ciò che resta

non è una facile ripresa e tanta festa,

ma solo l’amarezza

di un momento di continuo buio e di profonda tristezza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Altra poesia così… giusto per passare un po’ il tempo xD xD

Grazie, come sempre ^^ e auguri di buon Natale a tutti voi!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 21
*** Anni sabbatici ***


Anni sabbatici

ANNI SABBATICI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho trascorso il mio primo anno sabbatico

affacciato sull’Adriatico,

a Cesenatico,

a pensare a quello che

avrei voluto fare, perché

in fondo non sapevo nulla di me,

volevo riflettere,

dovevo pensare,

volevo capirmi,

a tentoni intuirmi.

Invece il primo anno è corso via, veloce;

ah, che sofferenza atroce!

Nulla avevo deciso,

inviso

alla vita,

ardua e ritrita.

Mi sono messo a riflettere durante un secondo anno;

trascorso sugli Appennini,

tra le vette che hanno

qualcosa di dolce, e odorano di vini,

divini,

discese amorevoli

contro i miei piani deplorevoli.

Il secondo anno è corso via in fretta;

ah, la vita, che maledetta!

Ancora nulla sapevo di me,

non mi conoscevo; per me,

solo per me,

castigo, per me,

gioco di parole,

che non sa di coccole,

che non mi fa pensare,

che alla notte mi faceva svegliare

e stavo in piedi a riflettere,

a fantasticare

su un futuro che sapevo di non amare,

che non sapevo già apprezzare,

e che non avevo la forza di contrastare.

Tra notti insonni

e giorni monotoni,

il secondo anno filò via, accettandone un terzo;

per il terzo anno ho soggiornato in pianura,

credevo di aver trovato la cura

ad ogni male interiore,

esplosione e terrore

nel mio povero e provato cuore.

Avevo paura di osare;

paura che mi ferma,

che mi frena,

che mi sofferma,

osare come cadere,

parole sinonime,

pantomime,

e allora anche il terzo anno se ne andò,

e pace all’animo mio, il che bastò

a prolungare la mia riflessione

per un altro anno;

quasi religione,

quattro e più anni di sospensione,

e non so ancora che dire,

che fare,

è forse meglio il mare?

Stare al mare,

sulla battigia

d’inverno grigia

ad attendere l’alta marea

affinché mi sommerga

e con sé per sempre mi tenga?

O stare in montagna,

che magagna,

d’inverno con la neve,

sempre lieve,

ma che ansia la possibile valanga.

A stare in pianura

sembra di vivere una grande avventura;

troppa gente, troppe grandi città,

che dominano paesaggi e intere realtà,

non mi piace, non mi ispira,

e allora

che fare?

Me ne starò ad aspettare il mio giorno,

a volte tremo ancora, nel sonno,

nel sonno di mezza estate,

mille mancate risate,

nei miei falsi ricordi ormai raffreddate.

La vita in fondo è solo un battito di ciglia,

bisogna accontentarsi,

dalla sua fonte dissetarsi,

perché il tempo scorre e non ritorna più,

così attenderò che la mia porzione di tempo

scorra, lento,

e che io mi conceda a lui,

che viva fino in fondo,

non esibirmi in un girotondo

di cose fatte e di cose andate a rotoli,

a giocare a monopoli

con i miei anni migliori,

rendendoli i peggiori.

Per questo mi accontenterò,

e ciò che il futuro mi passerà, lo raccoglierò.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Una poesia che contiene molto di me, della mia lentezza esistenziale e del mio sentirmi parecchio particolare. Naturalmente, non è del tutto autobiografica, ma penso che contenga tantissimo della mia fragile e marginale esistenza.

Spero vi abbia piacevolmente intrattenuto, nonostante tutto, e grazie per gradire sempre i miei piccoli scritti ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 22
*** Il grido silenzioso dell'invisibilità ***


Il grido silenzioso dell'invisibilità

IL GRIDO SILENZIOSO DELL’INVISIBILITA’ *

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vorrei sentire la tua voce;

metterti in vivavoce,

distendermi sul letto,

ascoltare le tue parole,

le tue fole,

come se fossi magicamente su un tetto,

della vita,

senza uscita,

il precipizio sotto e sopra di me,

ecco cosa sei te,

ma non ti sento,

perché non ti fai sentire tu?

In questo silenzio

io non vivo più,

mi sembra di sorseggiare assenzio

ogni volta che respiro.

Ogni volta che mi alzo

sento nell’animo un sobbalzo,

come quando vado a dormire,

come quando mi sento dire

che non devo dare

retta al cuore,

che il suo sentimento dominante

è qualcosa d’indefinito; latitante,

che non mi è dato comprendere,

che non posso sorprendere

così, mentre vivo,

così, mentre scrivo.

Ma se non posso cogliere niente,

dove riposa, la magia fervente?

Quella del cuor innamorato,

infervorato

di passione,

alla passione votato?

Ascolto tutti,

mi sembra solo di vedere muri e lutti,

non sento che il ronzio di una zanzara

che vortica per la stanza.

Vorrei ascoltare il mio cuore,

ma il mio amore

non è e non sarà ricambiato,

ben risposto,

ben piazzato,

ben stipato,

nelle stive

piene di pane e olive.

L’amore che non c’è,

ah,

vorrei percepire

la tua voce,

ah,

la tua voce dolce,

ah,

l’espressività,

ma non c’è più spazio per nulla,

nemmeno per la creatività.

Il sacrificio del cuore

per il denaro e l’onore;

non esiste insurrezione

dei sentimenti, ma solo rancore,

all’odio subordinazione,

alla paura di un cielo in tempesta

che rovini ogni nostra prezzolata

e misera e mortale festa;

ah,

ma se solo parlasse il cuore,

ah,

ma se solo potesse parlare,

ah,

potesse dirvi guardate, gente,

al cuor non comanda nulla e niente,

ah,

ma tutto tace,

l’animo resta silente.

Vivo allora di bugie,

a pane e biglie

colorate,

bugie mascherate,

la scacchiera è solo un fronzolo

che addormenta un intero popolo,

che anestetizza il mondo dei sentimenti

e crea solo umani tormenti,

silenti,

silenzi,

silenziosi,

leziosi.

Ah,

ma se tutto smettesse di tacere,

capiresti il senso della vita e il suo naturale volere?

Ah,

niente più occhiatacce,

ah,

niente più parolacce,

volgarità,

ah,

la società,

ah,

e così che tutto finirà,

immerso nell’oblio e nell’eterna omertà.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA

 

*titolo suggerito dalla gentilissima La luna nera, che ringrazio moltissimo.

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Vi ringrazio tantissimo, come sempre, per essere qui ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 23
*** La percezione della plastica ***


La percezione della plastica

LA PERCEZIONE DELLA PLASTICA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I sacchetti di plastica,

da pagare,

da scordare;

con il sacchetto di plastica

non ci si ferma alla fisica;

si procede alla biochimica,

si fa fronte all’inquinamento

e al portafoglio dà sollievo;

i due cent come rovina,

i due cent come una collina,

al di là di essa delusione,

frustrazione,

dei borsellini l’erosione,

unanime il grido di una Nazione.

Che fastidio parlare di sacchetti,

come fossero biscotti,

biscottini,

fronzolini,

che credono di prendere in giro

abiti firmati e facoltosi taccuini.

In Italia ci sono i fuoristrada

che alle due della notte rombano; faida,

e sale il prezzo della benzina,

salta la china,

sale il prezzo dell’autostrada,

e c’è ancora chi ci crede, comunque vada.

Si sta allora a parlare

del sacchetto di plastica da pagare,

più tasse da pagare,

più stipendi da dimenticare,

le imprese a fallire,

i giganti a poltrire,

a dormire,

chi li sveglia?

Il sonno dell’Italia

è come una massa di volubile plebaglia,

sonno eterno,

soffocato,

appunto,

dal sacchetto di plastica;

biodegradabile,

riciclabile,

profumato e tascabile,

che si rompe appena lo sfiori,

e guai se lo usi fuori,

che il vento te lo porta via,

sulla scia

del cambiamento;

del firmamento ne parlano

sedicenti astrologi;

non si ascoltano i geologi,

che dei movimenti delle placche ci avvisano,

ed io di notte ho paura,

che qualcuno bussi alla mia porta,

che qualcuno sfondi la mia porta,

di ladri ce ne sono ovunque;

increscioso, or dunque,

il commento per un sacchetto di plastica biodegradabile,

che al popolo fa salire la bile;

sensibile.

Lo ascolti anche tu?

È il tuo cellulare che squilla,

che bisbiglia,

sai, se risponderai una voce ti dirà

quello che tu vuoi,

la tua verità,

ti inviterà

a passare una notte con lei.

Sei al ristorante

è lei, la tua amante

che ti chiama,

lascia figli e sacchetto di plastica là,

corri, fratello, dimentica,

scordati la plastica,

non pensare alla fisica quantistica,

dimentica!

Perché il tuo sonno continuerà,

e i tuoi risparmi divorerà,

le sue grinfie allungherà

e di te nulla resterà,

perché il tempo è un amico che ti prende per mano

e la tua vita divora, piano piano,

non senti dolore

perché il tempo è indolore,

incolore,

un giorno resterà

solo terra e pietà

per te,

per me,

per noi tre,

che pensiamo alla plastica,

una scoperta fantastica,

che pensiamo all’amante,

che ci attende, aitante,

che pensiamo al cellulare,

che è come un fratello maggiore,

viene percepito come un fardello minore,

e che ci danniamo per i due centesimi,

nemici infimi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

 Ehm… non ho idea di cosa io abbia scritto questa volta, ho solo lasciato andare la mia creatività, suggestionata dalla questione che queste settimane sta facendo discutere un po’ tutti, e cioè quella riguardante i sacchetti di plastica a pagamento xD

In questo testo sono presenti riferimenti lampanti alle poesie precedenti, anche un po’ ironici, che mi hanno fatto sorridere mentre scrivevo il componimento, se così si può definire.

E… niente, cari, grazie per essere ancora qui, e scusatemi se la poesia non vi è piaciuta. Non è mia intenzione far polemica o altro, assolutamente, mi sono lasciato solo trasportare dall’ispirazione di un momento.

Grazie ancora, alla prossima ^^

 

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 24
*** Il muro di una chat ***


Il muro di una chat

IL MURO DI UNA CHAT

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contro il muro

di un gruppo, in una chat,

da Facebook a Whatsapp,

mi sento disperso,

non so cosa dire,

non so cosa inventare,

leggo bestialità e parole vane,

mi sento perso,

perduto,

sconfitto,

inutile.

Mi avvilisco,

appassisco

interiormente,

flebilmente.

In ogni gruppo c’è

chi parla per tre,

chi parla per te,

vogliono avere sempre ragione,

comandano su ogni discussione,

al dibattito scelgono una piega

e guai se questa da loro non è scelta;

chi non si fa sotto è emarginato,

ai margini lasciato

e chi se ne importa se uno è escluso…

muto,

muto il dolore,

il dolore che si applica con il silenzio imposto

in ognuna delle sue molteplici forme.

Vorrei tanto scrivere la mia opinione,

ma so che nessuno mi risponde,

tanto a nessuno importa;

se sei sfigato, nessuno ti ascolta.

Tutti ad additarti,

a emarginarti;

le nuove frontiere del sociale

attraversano un mondo tutt’altro che reale,

qualcosa di sleale,

fatto di silenzi ancora più pesanti,

recalcitranti,

perché se pure su una chat nessuno ti ascolta,

pensi che tu non vali nulla, che hai la mente distorta,

che qualcosa in te non quadra,

e allora si getta la spugna,

e la testa si china.

Socializzare chattando,

la scoperta del nuovo mondo,

un mondo senza confini,

ma con leggi ancora più fini;

l’unica convinzione che ti fai

è che non devi neppure provare,

se interverrai

contro il silenzio di massa finirai,

nessuno ti leggerà, e se ti leggono ti ignorano,

la massa cerca persone da sogno,

cerca ricconi,

cerca chi si spaccia per ricconi,

con i soldoni,

nelle tasche i dobloni,

i lingotti nelle banche,

le mani pronte ad arraffare,

affatto stanche.

Se la massa ti ritiene sfigato,

puoi anche morire crepato,

il silenzio della realtà virtuale

è volubile,

è indiscutibile,

ti avvolge se non sei nessuno

e ti abbandona in un vicolo buio.

Non sei affascinante;

non sei elegante,

l’eleganza la fa la tua vanità.

Giocando d’egoismo, giovani e adulti

si confrontano con un universo senza scrupoli,

ma nessuno capisce che al di là di uno schermo

c’è vita ed intelletto,

non ci sei solo tu,

non c’è solo il tuo parere,

non c’è solo ciò che tu hai da dire,

non c’è solo la tua opinione,

anche se ti credi un amatissimo istrione.

Il mondo della chat è la realtà

che sta ingerendo l’umanità,

senza fine, senza meta,

tutti la seguono quasi fosse

una splendida cometa.

E il silenzio, eh,

il silenzio,

è quello che avvolge chi va controcorrente,

chi afferma qualcosa di decente,

si adora però il futile,

il dilettevole,

ciò che è ingannevole,

le doppie facce e i doppi giochi,

alla fine sembra di aver a che fare

solo con un gran numero di piatti sporchi,

luridi e senza speranze,

ormai imbrattati dalle continue e stolte sregolatezze.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Una poesia sull’egoismo immenso, e spesso funesto, che molte volte regna nelle chat, in modo particolare quelle comuni.

Grazie per il fedele supporto ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 25
*** 24 ***


24

24

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ogni mattina mi alzo che son già stanco,

ogni mattina mi alzo già fiacco,

a ventiquattro anni mai avrò autonomia,

alla mia età l’autonomia è solo una bugia,

che poi parlano di matrimoni,

e chi vuoi che si sposi

se gli affitti sono esosi,

se la gioia ha il sapore dei sogni,

se sembra appartenere al mondo dei sogni.

La nostra generazione sarà

l’ultima a ricevere qualcosa dai propri genitori,

ma dimentichiamoci i valori,

tutto il resto cos’è, forse verità?

Una verità è che la mattina ci si alza

e prima ancora di bere il latte dalla propria tazza

il padrone già ti chiama.

Ho un padrone che mi chiama,

ad ogni ora bussa nella mia testa,

la mente mi sta andando in fissa, lesta,

che non sei indispensabile per nessuno,

tutti ti butterebbero nel cestino di turno.

La paranoia

come compagna, nella noia

di una società in cui non mi pare di rispecchiarmi,

in cui non sono capace di adattarmi,

poi cominciano a parlarmi di elezioni,

puntuali come se fossero lezioni,

tanto il mio voto a cosa conta?

Ogni politico che ha un vizio

poi se ne fa un bel vitalizio,

pago le tasse per incrementare la rendita

di gente che vive a spese degli altri,

a spese dello Stato,

a spese di ogni povero malcapitato

che alla mattina si alza con gli occhi che sono come fari,

dal tanto che sono allucinati,

dal tanto che sono frustrati.

Il giorno in cui compio ventiquattro anni

è anche quello in cui mi prometto di non fare più danni,

che poi tanto non ho modo di firmare un contratto di sei mesi,

sei mesi a cinquecento euro mensili,

come missili,

come il tempo necessario a far crescere le messi,

e pensare che mi sento così solo,

che non ho voglia di fare niente,

che il mio sesto senso è così solo,

e non ho voglia più di fare un accidente.

Alla mattina non mi vorrei svegliare,

a letto me ne vorrei restare,

ad ogni ora vorrei osservare il cielo,

che di notte è così nero, bello,

limpido,

livido.

Il giorno che compio ventiquattro anni

è anche quello in cui scopro i miei limiti;

sono come cani,

nella mia mente si rincorrono e scodinzolano, vani,

sono i miti

di un’esistenza pura e sincera,

quando il mio cuore è già una pozzanghera di cera,

sciolta al calore delle menzogne,

che piovono dal cielo come castagne,

profumo di caldarroste,

carine e toste,

profumo di bignè

mentre si sorseggia un tè.

Ho il corpo da uomo e la mente da ragazzino,

una testolina da ronzino,

da ronzio,

meriterebbe subito un vitalizio,

anzi, due vitalizi,

perché ho molteplici vizi,

e per mantenerli bisogna spendere,

 e non lasciare sempre da pagare.

Quando mi sveglio

mi sembra suoni l’adunata,

radunata

nella mia testa

tutta la frivolezza del silenzio,

e se apro bocca mi dicono che devono studiare,

e al loro futuro devono pensare,

e pure se mi viene da sbadigliare

sembra che il mondo intero si debba arrabbiare.

Non suono alcuno strumento,

non mieto il frumento,

convivo solo con la noia esistenziale,

che ha un sapore micidiale,

giuro che sa di bile.

Mi fa star male,

mi fa inabissare

nel mio dolore personale,

mi cullo su un dondolo,

tanto sono solo,

gli altri li ignoro

per il giorno intero.

Vorrei solo saper uscire

dal mio limbo di inerzia,

avere ogni tanto una buona letizia

che possa anche solo farmi rallegrare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Una poesia davvero triste, che ho scritto qualche giorno fa, durante un momento di profondo avvilimento. Siccome oggi è il giorno del mio ventiquattresimo compleanno, pensavo stesse bene pubblicarla oggi, anche se non mi rispecchio già più nella valanga di parole senza speranza di questo componimento.

Spero solo vi abbia tenuto compagnia, a modo suo… grazie di cuore ^^

 

Ritorna all'indice


Capitolo 26
*** Il rumore della caduta ***


Il rumore della caduta

IL RUMORE DELLA CADUTA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il rumore della caduta;

quando scivolo, la testa penduta

verso il basso,

la paura di aver commesso un passo falso,

il timore

provocato dalla consapevolezza dell’errore

commesso,

concesso,

spietato,

spiritato.

Caduto, mi fan male i ginocchi,

ai piedi legati dei blocchi

di cemento che m’impediscono di rialzarmi;

provo dolore, ma devo arrangiarmi,

nessuna mano amica ad aiutarmi,

soffoco e sopprimo un ardore inconsueto,

generato da un dolore profondo e pacato,

in qualche modo educato,

che nel mio cuore tanto spazio si è procurato.

Cado, e in bocca mi sembra di avere una manciata di sale,

dal tanto che provo disgusto e male,

male dentro,

male al centro

del petto, soffuso,

che si espande, generoso,

in un cuore tenebroso.

Non voglio ricordare il passato;

esso mi ha già plagiato,

condizionato,

se ricordo sto ancora peggio,

scivolo lungo il malevolo pendio,

se lo faccio sono spacciato,

ne esco devastato.

Meglio non ricordare,

e dal presente lasciarsi trasportare.

Allora sì,

così,

mi par di poter pensare meglio al futuro

e il mondo sembra meno duro.

Quindi mi rialzo,

con un balzo,

sono di nuovo in piedi

e non mi limito ad affrontare pesi medi,

vado sul tosto, sono pronto a tornare

per sfidare ogni genere di sfide amare.

Quando cado, però, non è sempre facile

rialzarmi da terra,

amabile,

un cervello chiuso in una serra,

nella sua umidità profonda,

da culla antica, rotonda,

cammino quasi fossi di ronda,

in trincea per combattere una lontana guerra.

E se provassi a resistere?

A non cadere?

A cercare di lottare,

di dire no a ciò che mi fa star male?

No, un no a quel che mi fa soffrire,

un no a ciò che il fondo mi fa sfiorare

con le dita delle mani,

dai miei polpastrelli vani,

dai sogni infranti

in una marea di sguardi sognanti.

Il rumore di una caduta

è pari all’effetto di qualche sorso di cicuta;

a volte, un no può salvare una giornata,

può donare un sorriso per una mattinata,

può non lasciarci ferire,

marcire,

infliggere pene pari al flagello,

che nel cuore poi genera peso e fardello.

Non voglio più cadere,

sono stanco di cadere,

il fondo è lì,

sì,

ad un passo,

ad un dito,

pare così inflitto,

colpo basso,

proibito;

e pensare che è come un panino farcito,

non si sa mai quel che ci potrà riservare,

non lo si può immaginare,

per comprenderlo bisogna soffrire,

prestarsi al suo gioco e al suo aggredire

costante,

mutante,

senza timore

di essere mordace, di fare rumore,

perché la caduta stessa è rumore,

rumore interiore,

e quando a nulla si crede più,

ecco che si cade definitivamente giù.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Piccola poesia scritta puramente per svago, non porta alcun significato importante con sé, è solo una sorta di descrizione di quel che provo quando, a volte, deluso da qualcosa, mi sembra di toccare il fondo.

Grazie per l’attenzione, come sempre ^^

 

Ritorna all'indice


Capitolo 27
*** Quello che non ti dico ***


Quello che non ti dico

QUELLO CHE NON TI DICO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quello che non ti dico

ha il sapore di antico;

te lo celo solo perché

so che non ti stupirà, che non piacerà,

ma in fondo è solo la verità;

ogni tanto penso a te,

tu non ci crederesti mai, vero?

Il mio cuore in fondo non è di cemento,

del mio petto ne determina il pulsante centro,

della mia mente spia ogni minimo movimento,

sussulto,

singulto

di foriere emozioni,

come calabroni,

grandi vespe selvatiche che dentro di lui

hanno costruito l’alveare nei suoi angoli più bui.

A volte la verità è anche che ho paura

di non essere all’altezza;

la parola come una fortezza,

dall’acqua di sorgente ne prenda la purezza,

ho timore dell’arsura

che diventa placida brama, nella mia forza di volontà

timida, nascosta, soppressa,

repressa,

maciullata,

smembrata

dalla razionalità.

A volte vorrei innamorarmi;

è questo quello che ti celo,

e cioè che forse mi piaci;

forse, perché i verbi sono loquaci,

mi sfuggono dalla bocca e salgono fino al cielo,

e dopo non c’è più margine di pentimento.

Ho paura anche della mia ombra, in certi giorni

in cui tutto sembra di roccia lavica,

così porosa, così… pudica,

nelle sue vestigia rivestite da uno splendore perduto.

Nel giorno dei giorni

io muoio e tu ritorni,

io mi nascondo, tu risplendi,

il cielo è tuo,

tu sei un astro, non c’è che dire,

peccato che la tua luminosità non sia rivolta verso di me,

verso un Io che vorrei cancellare,

un me stesso che vorrei smantellare,

in una vita fatta di pentimento e di dolore

solo perché non sono in grado di provare amore.

È vero; dentro di me,

il siero della guarigione,

un cuore che non vuole sentire ragione,

che da nulla si lascia colpire.

Vorrei alzarmi una mattina e dire

tutto quello che non ti ho mai detto

di fronte allo specchio, a fianco del mio letto,

per sentirmi meno piccolo,

meno fragile, meno minuscolo

di quello che in realtà sono e mi sento.

Quello che non ti dico

lo nascondo dietro ad uno stupido sorriso,

di circostanza,

senza nessuna titubanza,

perché sono bravo a mentire, anche a me stesso.

Mi preoccupo perché non so amare;

ma se sapessi farlo, ti sussurrerei all’orecchio

tutto quello che non ti dico,

penso ti farebbe bene,

o magari ne avresti per male,

non lo so,

ma questo unico e solitario pensiero mi svaga un po’.

Quello che non ti dico

ammazza, però, ogni mio sorriso

con il tempo che reprimo,

il che sarebbe il minimo,

eppure non vorrei ora fare la figura del depresso,

della vittima di un complesso,

solo perché, ammetto, a volte mi sembra di toccare il fondo.

Ma si sa, la vita è un cerchio perfetto e rotondo;

quello che non ti dico forse sta bene dov’è,

non andrebbe bene a te,

e allora lo tengo tutto per me.

Lo lascio lì,

così, nel cassetto,

oppure sotto

una pietra, lavica, pudica,

simile alla plastica.

Se fossi capace di amare,

sai quante cose potrei dire o fare?

Il problema è che saper amare è un mio limite,

e contro di esso ci va a sbattere il mio comportamento troppo mite.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Spero solo che questa poesia sia stata di vostro gradimento. Grazie, come sempre ^^

 

Ritorna all'indice


Capitolo 28
*** Dieci euro ***


Dieci euro

DIECI EURO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per dieci euro

l’omertà,

per dieci euro

silenzio e finta carità,

per dieci euro all’ora

il miracolo dell’ultima mezz’ora.

Ti hanno detto che sta male,

ma tu mica ascolti;

orecchie fatte per promesse di denaro,

orecchie sorde come quelle di un somaro,

e d’altronde, tu non te ne importi,

che cada pure dalle scale.

Il miracolo di una banconota,

rosa e piccola,

la musica mancata

quando tutto scivola

verso il baratro.

La coscienza si nasconde,

vanitosa,

dietro un foglietto stropicciato,

ingloriosa,

e alla bontà chi ci crede

se chiunque si può mascherare dietro

la filigrana,

fine come i semini dolciastri

di una melagrana

cresciuta nell’Oriente, germinata nei terreni salmastri,

insalubri.

Tu non ci crederai che qualcuno ti ha scoperto,

non puoi più nasconderti dietro un falso veto,

quello che dicevi che non andava fatto

è stato reso realtà e falsificato;

la lingua è abile a dir bugie,

in menti fertili poi fa faville…

mi dispiace, un po’ per tutto,

eppure il tuo atteggiamento

mi ha anche un po’ confuso,

e a dir poco deluso.

Per dieci euro si vende il vicino,

per quei soldi si è disposti anche a far un gran casino,

a vendersi anima e giardino,

anche se essi, in fondo, non servono,

e tanti altri non ci credono

a certe situazioni ambigue

e analoghe.

L’avarizia a sazietà,

e non ti fai neanche più problemi, tanto…

lascia stare, guarda,

i dieci euro li hai intascati, salda

il conto che in sospeso hai lasciato

per fin troppo tempo.

Dieci euro però basteranno per lavare la coscienza?

Per offrirti una finta penitenza?

Per poter affermare che della carità hai ritrovato

la vera essenza,

e che il senso della verità

nel tuo cuore ha ripreso consistenza?

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Poesia che boh, ho scritto semplicemente di getto. Lascio a voi il giudizio.

Si tratta solo di un piccolo componimento che rivolge un pensiero a chi, per dieci euro, anche se non ne ha bisogno, vende la propria coscienza. Così, a volte anche solo per mero guadagno.

Grazie come sempre per l’attenzione, spero di non avervi deluso con questa piccola poesia. Grazie ancora ^^

 

Ritorna all'indice


Capitolo 29
*** Il pruno ardente ***


Il pruno ardente

IL PRUNO ARDENTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nelle notti d’Oriente

il pruno ardente,

a illuminare il cielo,

a renderlo meno nero,

dal rossore del fuoco sacro

che incendia le umane brame.

È l’odore delle città che bruciano,

il pruno ardente come il metano,

i combustibili fossili che si esauriscono

e che nessuno è in grado di rimpiazzare

in modo valevole, di ridestare

ciò che sembra per sempre perduto.

Il pruno ardente

incendia l’Occidente;

sono le grandi metropoli occidentali

che ogni notte s’accendono,

le loro strade illuminate a giorno,

la gente che non conosce più gli orari della Natura,

le lunghe notti che non conoscono l’ora

di andare a dormire,

e se si dorme lo si fa con la luce accesa.

Nel mondo che ti fa sentire incompresa,

anima,

stanca anima,

sangue animale,

il buio che prende fuoco

grazie al potere dell’energia elettrica,

come se fosse un gioco,

energia prodotta dalle centrali nucleari,

le cui radiazioni solcano oceani e mari,

non conoscono confini naturali,

con l’estrazione del petrolio che non si ferma,

pieni i barili e ogni cisterna.

È la linfa della natura che irrora

e irriga i nostri campi,

l’acqua condotta grazie alla forza delle pompe,

e niente più limita le fontanelle

da cui l’acqua sgorga e si sciupa.

Il pruno ardente non serve più,

quando il buio è stato finalmente sconfitto,

la notte a capofitto,

l’oscurità che scompare fin negli angoli del soffitto.

Quando non esistono più Leggi,

se non il fine personale,

se non il bene materiale;

tutto il resto lo si vende,

lo si svende,

pochi euro fanno il buon commerciante,

un paio di minerali generano la moneta più sonante.

E’ nell’Occidente

dove niente ferma più la gente

a osservare un punto ardente,

un pruno ardente,

perché gli occhi sono accecati dall’abuso elettrico,

e non esiste più alcun freno.

Appunto, quando sarà l’ora di tirare il freno?

Quando il mondo sarà esaurito,

esausto,

e allora richiederà riposo a modo suo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Piccola poesia scritta di getto. Una minuscola riflessione sui problemi generati dall’abuso delle risorse del nostro pianeta. Spero sia stata di vostro gradimento!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 30
*** Furto con scasso ***


Furto con scasso

FURTO CON SCASSO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È stato un furto;

hai rubato

qualcosa dentro me,

qualcosa che non conoscevo di me;

non capisco come tu

abbia potuto far anche di più,

entrando nel mio cuore,

che tenevo sempre chiuso a chiave.

Furto con scasso,

con i prezzi al ribasso

che l’amore al giorno d’oggi costa poco,

solo un addio dopo un paio di foto,

scattate come blanda testimonianza

di una relazione che non ha cambiato nulla

nella nostra esistenza

solitaria, emblematica, brulla,

che conosce solo odio,

e le parole come lo voglio,

lo desidero,

e un sorriso pesa più di un brutto pensiero.

E pensare

che non sono in grado di amare;

mogio e quatto,

alle diciotto,

occhi persi al di là di una vetrina,

con l’aria che si condensa a causa della brina,

me ne sono rimasto imbambolato

a fissare quello che poi mi avrebbe in aria librato.

Nella cassaforte

il mio cuore rinchiuso,

su di esso, la coscienza in abuso,

con la sua mania di controllo;

eppure esso era satollo

 di voglia di prendere una boccata d’aria;

so che tu hai qualcun altro che a casa ti aspetta,

anche se il mio cuore si affretta

 a battere,

a produrre sorde botte

nel mio petto,

nel mio letto

quando vado a dormire,

quando non riesco più a poltrire

perché magari ti penso,

perché magari mi vieni in mente.

Ah, e tra tutta quella gente,

cosa ti ha reso speciale?

Nulla, la verità

è che è stata una rapina,

un furto con scasso,

un collasso

della mia intera e giovane esistenza

sempre pronta a lottare

pur di non amare.

Amare significa affezionarsi a qualcuno,

pensare a quel qualcuno;

amare porta via forze mentali,

è una pozione dai componenti elementari, ma letali,

ed io non ne ho voglia,

non ne ho il giusto tempo…

Via, che tanto l’amore non esiste

perché mai sarà davvero ricambiato;

la gente che si sposa così, tanto per,

va in chiesa come andare all’Iper,

e a me non interessa

tutta questa futile ressa.

Furto con scasso,

il mio cuore mi hai rubato,

ora devo riprenderlo perché

non so stare senza lui, e pure senza te…

cosicché una mattina mi sveglio,

il cielo è grigio,

al mio umore dà letteralmente fastidio,

e ciò che voglio

è scordarti per sempre, come se non ti avessi mai incontrato.

È quello che ho più desiderato.

Eppure, qualcosa in fondo è rimasto,

saldamente conficcato,

come un lembo di brace ancora accesa,

come un pensiero remoto, che non si spiega,

o una freccia dorata, che non si piega.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Niente… credo che questa poesia parli da sé xD

Grazie di cuore per il supporto ^^

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 31
*** Il cappello ***


Il cappello

IL CAPPELLO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il cappello

rimasto sul letto

intatto;

d’allarme campanello

di tragiche sciagure.

Eppure,

perché tutto sembra sconvolto?

Le cose sono ancora tutte lì,

così,

al loro posto,

senza che nessuno le abbia mosse di un dito.

Eppure tu non ci sei più.

A casa non tornerai mai più.

Le tue cose sono rimaste immobili,

intatte,

immacolate

come tu le avevi lasciate;

ma questo è il vuoto,

qualcosa che non si può colmare

con parole o lacrime amare.

La morte ha sconfitto

la vita, nella lotta quotidiana

contro l’indifferenza sovrana

di una qualche entità

che dicono ci stia dominando da sempre;

ma perché tutto mi sembra così inverosimile?

Non c’è nulla al di là del placido velo della morte,

dove l’esistenza cambia il suo corso,

il suo sentiero,

e si addentra in un territorio forestiero,

ai vivi ignoto.

E perché a volte, a distanza di mesi,

mi alzo e mi torni in mente?

Sembra che io sia vittima di una paresi

mentale,

di qualcosa di innaturale,

poiché par che io sia rimasto fermo

a un periodo di tempo che se n’è andato,

lesto,

che è volato via,

lungo la scia

degli anni che corrono,

delle stagioni che scorrono

sui calendari

leggendari,

nelle canzoni antiche e secolari.

Le pietre miliari

dell’esistenza

sono ardore e rispettiva impotenza;

le mani giunte in preghiera,

alla sera,

quando il meriggio è come se si annientasse,

ed ogni giorno che passa è un giorno perduto,

il buio che inghiotte ciò che è,

per non lasciare che nessuno si chieda mai un perché.

Ed io che mi struggo ancora,

perché mi vien da pensarti,

vorrei illudermi

che tutto come prima tornerà,

ma il prima è perduto per sempre,

ciò che era mai ritornerà;

chi ha detto che la vita è un cerchio mente,

ha la favella e la menzogna solerte,

eppure esiste un qualche elisir che contrasti

la sensazione di sentirsi piccoli?

Insignificanti?

Un giorno anche le mie cose resteranno lì,

immobili,

e non potrò più toccarle;

a qualcuno il facile compito di cestinarle,

di buttarle,

di dimenticarle.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Poesia molto triste e molto sentita. Mi sono emozionato molto sia mentre la scrivevo e sia quando la rileggevo.

Spero di non avervi rattristato.

Ritorna all'indice


Capitolo 32
*** Inadeguato ***


Inadeguato

INADEGUATO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono stufo di sentirmi inadeguato;

sono stanco, perché quando mi guardo allo specchio

e mi vedo riflesso,

non scorgo decisione nel profondo dei miei occhi.

Sono stufo di sentirmi indesiderato;

in ogni gruppo, sembro un peso,

ciò che in fondo voglio

è non essere cibo per le bocche degli sciocchi.

Ho provato a cercare

qualcosa che non sia più la mia unica identità;

ho scoperto persone di tante età,

ma non erano le mie anime gemelle,

erano solo anime sorelle

anche loro in cerca di un posto nel mondo.

E pensare che vedo gente che parla da sola,

gente che si consola

gettandosi negli angoli più bui dell’umana conoscenza,

al di là di ogni ragionevole coscienza.

Di giovani al giorno d’oggi ce ne sono pochissimi,

ma spesso non sono solo rarissimi;

purtroppo sanno rivelarsi pettegoli,

si mascherano dietro complimenti lusinghevoli

ed invece ti vorrebbero vedere rovinato;

distrutto,

ferito contro la selva di spine che vogliono ergere

attorno a te, per farti sorgere

problemi di ogni genere.

Perché in fondo una mano allungata

al prossimo è anche una mano mutilata;

essa non avrà più un particolare solo tuo

ben stretto tra le dita.

Meglio tenersi le cose per sé,

che tanto tra me e te

non potrà mai esserci nulla di serio;

e allora ti guardo, ah, ti mangio

con i miei sguardi profondi che sanno d’arsura,

non di bravura,

poiché la vita a volte ha il sapore di una manciata di sale

che sulla lingua ti dà disgusto, e ti fa stare male.

Tu preferisci stare con il tuo cane,

parlare con lui, pur di finire in ospedale

giacché sei così superficiale

che non badi neppure a quello che ti circonda.

Ti va di sederti assieme a me alla tavola rotonda?

Se in fondo avessi voluto essere un eroe,

e non mi fossi fermato ad essere un errore,

avrei fatto il soldato,

la tua vita preservato,

sarei diventato militare

e avrei salvaguardato

armato

ogni misero ideale.

Sono stufo di arrossire;

a volte sento il mio volto avvampare,

ed ho paura di far vergognare

anche chi mi sta attorno,

bramoso di giudicare

e di ferire.

A volte sono stufo di tutto,

mi sento così sbagliato,

immerso in un limbo ingiusto…!

Che sia un supplizio?

È che se anche il mio corpo è da giovane,

il mio animo è da ospizio,

e di questo non me ne so far una ragione.

La verità è che non posso capire

finché di me stesso non mi posso fidare;

sono capace solo di scivolare,

anche sulle bucce di banana

seminate in una qualsiasi promessa

che poi si rivela vana.

Basterebbe che tu solamente mi ascoltassi,

ma siamo muri;

oltre di essi

 non si può andare,

e alle loro basi

 puoi solo vacillare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Piccola poesia… che non so neanche io come definire. Un piccolo momento di sfogo/riflessione, diciamo così. Grazie, come sempre ^^

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 33
*** Vuoto dentro ***


Vuoto dentro

VUOTO DENTRO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ti ho conosciuto

tramite la passione per i libri e la lettura;

eri più grande di me di qualche anno,

forse per questo ti ho un po’ divinizzata.

Così, nella mia vita sei entrata

piano,

di soppiatto;

percepivo il tuo respiro

calmo, che s’irradiava fin nel mio cuore.

E poi, cos’è successo?

Perché c’è stato questo brusco stop?

All’inizio ci capivamo,

ci intortavamo,

quasi a vicenda, ma tu di più,

sembrava ci tenessi a me.

Ma sul più bello è apparsa la fama;

la tua era fame

di successo,

era desiderio

represso.

Tutto il giorno con il cellulare tra le mani,

anche di notte, senza eguali.

Era più vita, quella?

Conoscenti nelle chat,

tantissimi contatti nuovi su Whatsapp,

migliaia di amici sui social più famosi,

e tutti quanti, nel complesso,

apparivano così estroversi…

tra te e il mondo, all’improvviso, è calato il sipario;

il cellulare, nuovo divario,

squillava sempre.

Tu rispondevi continuamente,

sembrava un incubo vissuto a palpebre ben aperte.

Io stavo male, a volte speravo in un tuo contatto,

anche solo in un tuo messaggio,

il tuo profilo attivo ormai giorno e notte,

lo studio e gli impegni che si scioglievano al sole,

come neve in primavera.

Lo sapevi che io stavo male?

C’erano mattine in cui mi alzavo

e finivo subito a chiudermi in bagno.

I conati mi percuotevano;

era l’ansia da prestazione,

che non sarebbe servita a nulla.

Non hai mai notato quando uscivo dai locali affollati

e mi eclissavo all’improvviso?

Eppure ho passato un’ora intera

in preda ad una mia crisi, a soffrire sotto un cielo

inerme.

E c’era solo lo sciabordio lento dell’alta marea

che s’innalzava nel porto;

tu dov’eri?

Mi hai mai compreso?

Sei mai stata a mio fianco, anche solo mentalmente?

Io mi limitavo a lottare contro me stesso

per non mostrare l’universo

che celavo dietro ad un velo di finta felicità.

Un giorno, ti ho detto che eri cambiata;

ma tu eri così lontana,

tu eri cosa vana.

I tuoi occhi erano bloccati sullo schermo del cellulare,

e allora ho capito che la mia era stata tutta fissazione,

una mai esistita emozione

che ha confuso la mia mente.

Mi chiedo come abbiano fatto, le generazioni precedenti

alla nostra, ad avere amici, a scovare l’amore e a sposarsi;

a crederci;

io non ci credo, come posso

se vedo solo sguardi persi, come il tuo,

se non scorgo più nulla?

Ho lasciato perdere, fasulla

la mia finta cordialità,

era tutto fuorché la verità.

È che anche tu mi hai lasciato un vuoto dentro;

un vuoto che mi ha lasciato

ogni persona che mi ha abbandonato

lungo il cammino della vita.

Mi hai anche detto che forse non mi conoscevi tanto bene,

ed avevi ragione, perché se il risultato è stato questo,

non c’eravamo mai davvero conosciuti e capiti.

Mi chiedo se credo ancora nel prossimo;

la verità la si trova solo tra due opposti,

tra due pensieri contrapposti.

È che con il prossimo si deve stare attenti,

altrimenti

ti prende per un braccio, ti rallenta e poi ti cestina,

appena può.

Ora io percepisco solo il mio cuore

che batte a vuoto;

è mai cambiato qualcosa, d’altronde?

Gli alberi che scuotono le loro fronde,

attorno a me, grazie all’aiuto del vento,

creano un rumore così suggestivo…

 

Vorrei soffocare in questa natura

senza eguali;

lasciare che la mia parte di umanità

si fonda e si confonda

con animali, piante… forme di vita

che non siano umane.

C’è ancora lo spirito degli antenati dentro di me,

e pulsa, per questo il mio cuore è fiero, ora, d’esser vuoto;

il cellulare non riuscirà mai a pensare il sopravvento,

il posto che spetta

a chi ancora sto aspettando

e che quasi di sicuro non incontrerò mai.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Poesia un po’ così… molto sentita, davvero. Molto. L’ho scritta con passione, legata a qualche ricordo.

Spero non riderete di me, povero illuso che soffre interiormente per ogni cosa.

Credo, questa volta, che tocchi a me ringraziare questa poesia, per aver dato voce al mio animo.

E grazie anche a voi, carissime amiche, perché senza il vostro sostegno, la vostra gentilezza e la vostra presenza, vi assicuro che starei decisamente molto peggio. Grazie per esserci ^^

Un’ultima cosa; non fraintendete il testo, poiché esso tratta solo di quella che sembrava, almeno all’inizio, una bellissima e sincera amicizia.

Grazie di tutto ^^

 

Ritorna all'indice


Capitolo 34
*** Il mio Natale ***


Il mio natale

IL MIO NATALE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oggi mi sento proprio scatenato;

mi sono guardato

nello specchio,

mi sono visto riflesso,

e non ho notato nulla di bello.

Non che sia una novità;

nella vita, non si può ingannare la realtà

che fa i fatti,

alla mano i dati

di cui prenderne atto.

Che attrattive posso avere

nel falso mondo dell’amore?

Gente ai miei piedi per falsità,

oh, per carità,

ben lungi da me.

L’amore, forse, è il mondo della menzogna,

quello che dove svanisce ogni vergogna;

a volte è lecito giocare col compagno,

e tutto questo per tornaconto e guadagno.

A me dispiace, ma non voglio cedere;

è guerra tra me e Amore.

Lui è sinuoso, entra di notte

nel mio cuore e par che bussi

a tutte le sue porte.

Io sono astioso,

mi chiudo dentro, a riccio,

non cederò fintanto che non voglio.

È forse una sirena, Amore?

Ha un gran bel canto,

se le porte non le apro lui si sfoga,

canta ogni melodia e ogni nota,

è qualcosa che non si ferma fino al mattino presto,

quando, stanco di combattere, mi alzo.

Amore bussa, poi canta,

poi cerca di confondermi con qualche escamotage,

ma l’unica parola francese che mi piace è dérapage;

io quindi non cedo e non mollo,

non me importa se poi affogo.

Affogo nel suo assedio;

possibile che la tentazione si celi dietro ad ogni angolo?

Abbasso la guardia per un attimo,

ed eccola che appare, carnale.

Amore, lasciami stare.

Io e Amore al tavolo del compromesso;

non cedo, ma lo confesso,

a volte ascoltare il suo canto è davvero molto bello.

Ma è illusione;

è tranello, e allora torno desto,

non ci saranno trattative,

saltano concili e improbabili aspettative.

La verità è che dentro di me, a volte,

mi sento ancora un bambino;

neanche ragazzino,

quando ormai alle anagrafe

sono un giovane uomo che potrebbe diventare padre.

Amore che alza il suo dito

per far l’invito,

io non ci bado.

Che poi sono brutto io,

della bellezza di Amore che me ne faccio?

Anzi, che se ne fa lei di me!

La farei solo sfigurare!

Perché sono un tipo che lascia scorrere le ore,

che non si ferma mai a pensare

che se l’aria è pesante è meglio cambiare

prospettiva,

trovarne una più produttiva.

Vorrei solo che il tempo si fermasse

in un lungo momento dal sapore d’infinito;

il cielo sopra di me, mio soffitto,

il mio corpo abbandonato

su un tappeto di umido muschio,

ad aspettare il Natale; non quello di tutti,

non un venticinque dicembre dove vive la mediocrità,

e il povero lo si lascia a morire di freddo ai margini della società,

ma un Natale che sia solo mio,

una sorta di mela matura

da raccogliere da un albero che non sia dedito al peccato,

che mi aiuti a vivere davvero

e a non vedermi sempre troppo sciupato e umiliato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Non saprei come definire questa poesia xD ha una parvenza giocosa, dietro la quale ho celato un po’ il mio mondo, credo che questo trapeli abbastanza.

Grazie per l’attenzione. E buona imminente Pasqua a tutti ^^

E niente… alla prossima ^^ grazie, ancora!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 35
*** La verità ***


La verità

LA VERITA’

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Adoro

quando mi dici la verità;

quando giuri che tu osservi

solo la realtà

dei fatti,

anche se sembriamo solo

due matti.

Ho ancora nelle orecchie

le tue strilla funeste;

di malaugurio,

in questa vita

trascorsa in un tugurio

fin dai primi passi,

per questo ci siamo mossi

assieme per migliorarci,

per non sfigurarci

anche più

di quel che già

siamo.

Perduti, siamo!

Anime disperse

nella disperazione più totale,

che è anche difficile da immaginare.

Mi dicevano; un giorno ti sposerai,

con la tua compagna te ne andrai,

e faville poi farai…

che io, nel frattempo, immaginavo

il giorno del mio matrimonio,

tu, io e il demonio,

tu in abiti da sera,

io in tuta nera,

e il demonio dei nostri peccati

che suona la campana della chiesa;

una chimera di pensieri

folli; sai, sono disperso lungo i nostri sentieri,

quelli che conosciamo solo noi,

e quando non ci saremo più

diverranno cibo per gli avvoltoi,

come noi,

come noi

la vita che si giostra,

la vita così contorta;

e pensare che a volte sono stanco

di questi giri di parole.

Vorrei buttare via quel banco

da scolaro che ancora mi porto appresso,

perché sono solo un po’ cresciuto,

fisicamente ma chissà con l’intelletto,

e no, non sono mica un po’ depresso,

che dici, per carità?

La depressione giovanile dicono che dilaga

in ambienti come i nostri,

pieni di mostri

che stanno chiusi nei display,

negli schermi dei televisori, schiavi della play;

ma no, io ti garantisco che non l’ho mai conosciuta,

con una cosa così, non potrei mai essere in combutta.

Sento ancora le offese che mi hai rivolto;

le riascolto

nella mia memoria,

che da quella del cellulare si differenzia

perché non posso cancellare nulla.

Eppure, anch’essa è un po’ come il nulla,

poiché ci aleggiano più pensieri,

e sono tutti neri,

come gli abiti da lutto,

come il giorno del nostro debutto

di fronte a chi riponeva grandi aspettative

nelle nostre esperienze condivise.

Siamo zattere alla deriva,

soprattutto quando ti arrabbi, quando strepiti,

quando il nervoso ti divora.

La notte non riesci più a dormirla,

dici che sei geniale,

in realtà sei solo un frontale

contro un palo,

e la vera vita non riesci più a ghermirla

perché anche tu, come me, non riesci più

a vedere questo cielo blu

e a giurare fedeltà alle persone

perché credi che siano tutte cialtrone,

pronte a giudicarti;

pensi più agli altri che a te,

e questo capita anche a me,

tante volte,

ma sono tutte botte

che ricevi;

ed io ti ho visto mentre ti arrendevi,

mentre avevi finalmente paura,

ma, sai, ci si abitua alla fine

ad essere perdenti,

senza lieto fine

le nostre esistenze si incontrano,

si incrociano,

poi periscono

nel loro abbraccio più misero.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Da brividi, questa poesia xD beh, mi è venuta spontanea così, spero sia stata di vostro gradimento, nonostante la mia solita amarezza esistenziale che traspare nei vari versi.

Vi giuro che non sono depresso, eh, o almeno spero xD anzi, anche se può non sembrare, vi giuro anche che sono un tipo abbastanza tranquillo e sorridente. Però, le mie poesie restano pur sempre parte dei miei interiori tormenti.

Grazie di cuore, e alla prossima ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 36
*** L'assenza ***


L'assenza

L’ASSENZA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

So che tu sei già lì,

in attesa;

resteremo così,

la nostra vita sospesa

su un fil di lana,

incompresa

come questa mia ultima lagna.

Io non verrò,

non so se ti mancherò,

poiché metto in conto pure

che starai meglio senza di me;

oppure, non te ne accorgerai neanche

della mia assenza, perché

in fondo le ultime volte non ci siamo neppure guardati,

neppure salutati,

ma questa mattina mi manchi,

ed io posso far altro che dormire sui miei fianchi,

riposarli, poverini, perché sono stanchi,

ed oggi è domenica,

tutta quella gente mi stanca,

non so se lo sai.

Non so quello che tu mi dirai;

oppure, se la mia assenza noterai.

In fondo, sono uno tra tanti,

noi siamo schegge impazzite

e latitanti,

in un mondo di conflitti e di sconfitte,

ed io avevo paura anche solo di crederci,

ma noi già sappiamo che non potremo più vederci.

Oggi era la nostra ultima occasione;

delusione,

inizia l’estate e tutti vanno al mare,

solo io resterò a poltrire

e a godere

del silenzio degli altri.

Gli schiamazzi sono tutti verso la costa,

ed è proprio vero che là la vita costa,

le spiagge brulicano di ombrelloni,

il mare inquinato e sporco è pieni di bagnanti

cialtroni,

che finite le brevi ferie torneranno a lamentarsi

che in Italia si lavora troppo poco, o troppo male,

che le sirene degli allarmi risuonano sempre dalle

vetrine dei negozi in frantumi,

spariti abiti firmati e costumi,

perché quando il silenzio delle vacanze estive cala sull’umanità

c’è sempre qualcuno che ne approfitta,

ed arraffa senza pietà.

Intanto giocano in acqua con la palla,

preparano nel frattempo la nuova balla

da propinare al vicino d’ombrellone,

sotto il solleone,

la canicola d’agosto

è ciò che più vorrei evitare;

vorrei affrontarla in un altro posto,

magari in Lapponia,

in Estonia,

che il caldo sia ben lungi da me

e dall’assillare le mie giornate fatte di ventilatore

e di sguardo perso oltre le semplici ore.

Ma questa è l’estate,

ed è ciò che tu non sei;

non vorrei

mai divagare,

devo restare sul pezzo,

perché mi basta pensare

che un razzo

sanguinolento è uscito dal mio cuore,

e… aspetterò che torni di nuovo settembre,

per rivederti al fuori di una stupida estate fanfarona,

affinché mi sia tornata per bene la voglia di rivederti,

tra dirupi scoscesi e apocalissi immaginarie,

varie.

Intanto, lascerò che la mia mente si apra a nuovi mondi,

non lascerò che i bagordi

di una società corrosa fino al midollo

possano entrare a metter subbuglio

nel mio debolissimo e sommesso orgoglio.

E tu, per questi quattro mesi abbondanti,

sarai canzone,

sarai emozione

che renderà vivida

ogni mi esperienza,

ogni mia azione.

Ma a te che importa, intanto

siamo solo amianto

letale per le nostre anime;

la mia, che ho già iniziato ad avvelenare,

la tua, che è qualcosa che si può solo stimare e lodare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Ehm… non so, spero che anche questa poesia sia stata di vostro gradimento ^^

Grazie del fedele supporto!

Ritorna all'indice


Capitolo 37
*** Dicevano ***


Dicevano

DICEVANO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi dicevano

se non vai in disco non sei nessuno,

se non credi alle mie parole

lascia che ognuno

vada per sé, prenda la sua strada,

mal che vada

tornerà indietro.

Ma a me che me ne frega delle discoteche,

esse spesso sono

le nuove discariche

del nostro secolo,

un bordello

di idee traviate,

di futili baggianate.

Resterò a dipendere dai call center,

che chiamano continuamente,

forever and ever,

ma se poi mi disturbi troppo

sappi che ti verrò a cercare;

così, giusto per arrotondare.

Sono selvaggio,

mi dicevano di stare attento

ad andare all’arrembaggio,

che poi rischio ogni volta di restar scontento

della piega degli eventi;

penitenti,

queste rime latenti

sono oscuri riflessi di tormenti

interiori,

di problemi maggiori

che a voce non so esprimere;

a cui non so dar colore,

sapresti aiutarmi tu,

a capirmi un po’ di più?

L’adolescenza è finita l’altro ieri,

ed io sono ancora in piedi,

non sono ancora andato a dormire,

per questo essa par non debba mai finire.

Basterebbe chiudessi gli occhi

per rilassarmi un po’,

ma delle campane i rintocchi

mi fan sobbalzare e sbattere con la testa

contro il comò

a fianco del mio letto,

per questo sono sempre così lesto

 a non abbassar la guardia.

Se dormo, faccio come i gatti,

un occhio chiuso e l’altro che sbircia avanti.

La gente ti sta vicino molto spesso per guadagno,

la nostra vita è una battuta di caccia,

il denaro la splendida beccaccia

che sfugge spesso al nostro tiro;

ma di tiratori scelti ce ne sono,

restano in disparte, bisbigliano tra loro,

tramano;

mi dicevano non è normale

tutto quello che pensi, come ti comporti;

per me è naturale,

elementare,

basilare,

sono una freccia nera scoccata da un arco

teso all’inverosimile,

la punta lorda di acida bile.

Io volo in cielo tutto solo

 e precipito in caduta libera;

cado, cado

senza sosta

nel precipizio

dell’oblio.

La sabbia rossa del Sahara

custodirà

la mia ultima e mesta eredità.

Ma non vorrei esistere,

a volte,

non vorrei sussistere,

resistere

agli urti della vita.

Mi dicevano; impara a camminare,

non guardare

sempre gli altri;

ma non siamo specchi,

siamo solo vetri

incapaci di catturare il riflesso più nitido;

il mio animo spesso è nudo

nelle mie poesie;

lo si ritrova confuso,

nella notte delle stelle cadenti

la morte e il desiderio

a fondersi

in un effetto deleterio.

E un Io spiaggiato,

moribondo,

ferito ed autolesionista,

che vuole giocare da solista,

mentre trema sotto la luce fioca

di una luna che contiene qualcosa

di una realtà distopica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Grazie di tutto, come sempre.

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 38
*** Profumo d'estate ***


Profumo d'estate

PROFUMO D’ESTATE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il profumo d’estate

regna già nell’aria rovente;

che barba, la gente

a cui non importa più niente

del lavoro,

la pelle già di un colore mogano

pronta per le spiagge color

oro;

ed io, che sono cresciuto con la tv di San Marino,

un solo canale

nel mirino,

ogni giorno i programmi si ripetono

all’infinito,

ardito

il sogno

che tutto questo finisse,

la mia coscienza ambisse

ad acculturarsi.

Io odio le spiagge,

per questo mi sono ridotto a scoprire da poco la Rai,

ma quando mai,

solo che ogni due minuti c’è la pausa pubblicitaria,

che infonde la noia di una coda sulla Salaria,

e mi fa rimpiangere l’austerity di San Marino.

Solo pubblicità sui sofà,

i divani di qualità,

ed accendo la radio e anche lì

non c’è tregua, ed allora

mi sale la voglia di tramutarmi

in qualcosa che ancora non conosco;

aizzarmi

contro i divani,

lanciarmi sopra i divani,

restarmene disteso con l’aria condizionata

che deride l’inutile finestra spalancata;

che gli altri si prendano pure il lettino,

io mi prendo divano

e l’unico canale di San Marino.

Che poi, la tv turba;

meglio se ogni programmazione è ripetuta

all’infinito,

una roba

dal sapore d’indefinito,

e sale il sonno,

che importa dell’estate?

È una stagione in cui si raccolgono pomodori e patate,

ma anche balene spiaggiate,

e che diamine,

tutti in coda delle ore

per vedere delle onde e un mare

che potete vedere anche in tv,

nei tg.

E guardate quante persone,

tutte già in spiaggia,

nude nonostante la brezza

fresca che sfiora i loro corpi,

e che per tirarsela mettono a bagno

bambini reticenti ad andare in acqua;

gelata ancora l’acqua,

anche se l’aria è calda;

la tela del ragno

che infesta il mio bagno

da mesi forse potrà essere levata

quando attorno a me ci sarà solo il silenzio

di una estate che detesto.

Se penso all’estate e al suo profumo

ho uno spasimo,

provo al cuore un battito

accelerato;

ho paura, sai,

di essere giudicato

come sfigato,

ma questo lo sono sempre stato

agli occhi degli altri;

limitato,

l’estate non è la mia stagione,

ho caldo

e poca voglia pure di far colazione.

Ho sempre in gola un gran magone

che non passa,

non passa,

ed allora dicono che è nervosismo,

devo smettere di pensare

che tutto, ma davvero tutto, può andare

solo male.

Devo dire; sì, gente, tutto a posto!

Vi lascio al vostro luogo losco,

io me ne vado

sul sofà,

la poltrona di qualità

che nelle pubblicità

va tanto di moda.

Che la tv, di notte,

mi salvi e mi metta in una botte

di legno e di salvezza.

Il profumo dell’estate

imminente

è così inebriante

che a tratti lo trovo alquanto soffocante.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Ehm… boh, una poesia così. Spero vi abbia donato qualche minuto di piacevole lettura ^^

 

Ritorna all'indice


Capitolo 39
*** Dipendente ***


Dipendente

DIPENDENTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lavoro come dipendente;

dipendo dalle mie capacità.

Non c’è nulla di sorprendente,

che vada al di là della realtà

dei fatti,

tutti matti,

ho una gran paura

dei salti nel vuoto,

dell’estiva calura,

dei sogni

che superano ogni

possibile misura.

Perché non ho vere capacità;

tutti mi guardano, torvi,

sotto giudizio di una società

formata da corvi

del malaugurio.

Stanco di essere giudicato;

mi dicono: se ti accontenti…

e certo che mi accontento,

non ho divini portenti,

non sono nato per scalare l’Olimpo

ed andare oltre i confini del tempo;

perché io non sono una divinità come i figli degli altri,

i cui genitori se la tirano perché

non conoscono neppure cosa sono gli aratri,

poiché non sono come me,

poiché puntano a scalare la società,

la scalano con finte capacità

e tante belle parole, concentrato di falsità.

Alla mattina si alzano e leccano i didietro,

per i superiori fanno avanti e indietro

a portare regali e offrire caffè,

e lo fanno perché

un giorno vorrebbero mirare al loro posto;

io invece ho piantato un bosco,

nei miei anni più verdi

mi preparo da solo il pasto

con quello che da solo raccolgo;

non mi credi?

Alla mattina mi alzo alle sette

mi sporco le mani

non mi asciugo poi con gli asciugamani

morbidi, di finissime sete,

sudo e poi

mi prende sete,

ho anche fame, ma poi

mi dimentico di tutto,

di tutti,

non mi fermerete,

giacché tanti vogliono fermarmi,

demoralizzarmi,

distruggermi;

anche in casa è una guerra senza scampo,

non una guerra lampo,

e non c’è tregua né pace

che regga ai quotidiani problemi,

così la mia anima giace

sempre in mille frammenti…

i finimenti

della mia esistenza

erano fili irrisori,

delusori

di chi da me pretendeva qualcosa

che io non posso,

non posso,

non posso offrire.

Sai che se lo offro

poi soffro;

preferirei finire la mia onesta carriera

da senzatetto,

senza neppure un letto,

ma voglio inseguire la mia felicità foriera,

annunciatrice di mille fatiche,

ma senza fatiche si sa,

che poi sono solo ortiche.

Se è questo che vogliono sapere,

confermo che non diverrò mai ricco;

vivrò in povertà,

in castità,

e forse anche di elemosina e carità.

Cosa me ne faccio delle cose

materiali,

se sono così false?

Una sera ti addormenti

e al mattino dopo non ci sono più,

e fai i creditori contenti.

Non voglio soldi,

no,

no,

non ne voglio vedere più,

voglio solo inseguire la mia vita,

toccarla con la punta

delle dita,

accarezzarla,

stanarla,

costringerla

ad essere per sempre mia,

sulla scia

del credere in qualcosa

che non mi darà una casa,

bensì un attimo di pace

con me stesso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Qualche giorno fa, una signora mi ha detto; se ti accontenti di tutto questo…

Tutto quello che ho fatto finora, l’ho fatto con il cuore in mano. Questa è la mia vita, non è la corsa ai soldi o alla carriera, non m’importa, non concluderò mai nulla durante il misero corso della mia esistenza. Ma ho piantato nuova vita; sarà vita che sopravvivrà ad ogni banconota, ad ogni presidente, ad ogni dirigente…

Grazie per aver letto la mia stramba poesia ^^ e per il vostro supporto. Grazie di cuore ^^

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 40
*** Dinosauri vari ***


Dinosauri vari

DINOSAURI VARI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non voglio invecchiare;

non voglio diventare

come tutti gli altri uomini,

la voce dello stesso rumore dei tuoni.

In panciolle;

sembra che tutto il giorno lavorino solo loro,

e che si accontentino delle nostre briciole,

quando sono essi stessi a costruire un muro

che li separi dalla realtà dei fatti;

con i dati

alla mano,

il sordo avvento

di un movimento umano,

gli artefatti

di costoro

non sono affatto oro

colato,

cioccolato,

ma hanno un sapore amaro.

La sera vanno a letto con le mogli,

ma se vai a vedere tra i loro progetti, nei fogli

ci trovi scritto il numero dell’ennesima amante;

eppure con moglie e figli

vogliono stappare lo spumante

a Capodanno;

oltre la beffa, anche il danno,

perché dopo i cinquant’anni diventano

tutti dinosauri.

Dinosauri vari;

il mio è un Brontosauro,

quello delle mie amiche un Tirannosauro…

con i nostri dinosauri

potremmo aprire un parco tematico;

altroché quelle fandonie plastificate in mostra nei musei,

intrattenimento per plebei,

carini come un laccio emostatico

e racchiusi tra porte antipanico.

Fino a qualche mese fa, credevo che

fossi l’unico a dover fronteggiare un dinosauro, perché

sembrano tutti così impeccabili,

quei signori di mezza età;

tutti che gironzolano racchiusi nei loro impermeabili,

in quei vestiti antidiluviani,

che manco sospetti dei problemini

che turbano anche le altre famiglie.

Sono biglie

impazzite;

nessuno le ferma,

imbizzarrite.

Ringhiano, sbraitano,

dicono che del tempo non ce n’è,

quando per me ancora c’è un orizzonte pieno

di storie da narrare,

cosa me ne frega del tuo inutile blaterare…

il problema principale è che

con la loro mediocrità ti fanno sentire incompreso;

e parlano,

e rompono…

povere mogli,

poveri figli,

ma per fortuna ci sono anche le amanti

che se li barcamenano un po’;

ma loro no,

lo fanno per soldi,

sono giovani e in cerca di diamanti,

e allora che i loro letti

si riempiano pure di dinosauri.

Di sera, la mia mente solca mari

in tempesta,

ogni pensiero diventa balestra,

pronto a scoccare frecce e dardi

acuminati

e infine mi sembra

che essi, nel complesso, non mi siano mai bastati.

Scontro generazionale;

ad ogni generazione le sue qualità,

le sue virtù,

ehm, pardon, alle virtù chi ci pensa più?

Le nostre vite solcano

l’onda dei selfie sfocati,

dei bracci allungati

per scattare una foto

che sullo sfondo ha qualcosa di remoto.

Dentro di noi abbiamo spettri,

al di là dei dinosauri

che tanto ci spaventano,

che tanto ci turbano;

ma io un giorno non voglio far parte di questa categoria,

non voglio diventare un dinosauro a mia volta.

Allegria!

I giorni scorrono, un poco alla volta,

alla mia mente contorta

resti un pizzico di raziocinio,

affinché anch’io non diventi

arma di sterminio

per le creatività in fase di sviluppo

e di crescita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Poesia scritta con amarezza, ma anche per svagarmi un po’. Queste giornate di tarda primavera stimolano in questo modo la mia creatività. ^^

La mia raccolta di acrostici sulle pietanze resta aperta; vi invito a suggerire qualche piatto, se vi va, altrimenti anche quello sarà un altro mio percorso che volgerà presto al termine.

Grazie di tutto ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 41
*** Freddo nel cuore ***


Freddo nel cuore

FREDDO NEL CUORE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gelo;

ghiaccio;

sento freddo,

all’addiaccio

la notte,

sono solo

cadute

libere,

sconfitte

di sangue e sudore,

l’ardore

perduto

di un mondo

distrutto;

la rovina

degli astri celesti

che esplodono

su realtà agresti;

cadono

gli dèi,

le campane

suonano le sei,

le panzane

tue

grigliate

come melanzane;

il sangue di chi

si è sacrificato per chi

ha mentito

sulla verità dei fatti;

fatti insanguinati,

beffati

dall’amarezza

delle menzogne,

dalla dolcezza

di una mamma

che di sera

al bimbo canta una ninna nanna,

ma di sera

la vita oscura,

nera,

cupa di nuvoloni

neri come calabroni;

ed io,

io,

tu sai che ho paura,

lo sai,

perché tremo,

perché fremo

di arsura

e muoio

infranto,

oliva

al frantoio,

vitello

al mattatoio,

braciola

che si rosola

sui ferri

di una graticola;

meri

i pensieri

di un momento

in cui non mi sento

affatto un portento;

anzi, sono morte

interiore,

sono notte

in furore,

sono carte

misteriose

in mano a fattucchiere

tenebrose;

sono la gioia falsa

di un istante di rivalsa,

in cui tutto sembra possibile

e l’idea di vita

si fa labile

e le dita

non ti stringono più,

non hanno stretta,

orsù,

maledetta

la vigliaccheria

mia

che domina

conquista

spazio vitale

nel mio cuore;

temporale

di dolore

di rancore

di paure

dell’ignoto

del bigotto

del fagotto

con cui lascerò

alle spalle

l’ultimo no

raccolto dalle falle

di un mulino

in rovina,

di mattina

non c’è più il sole

la conta delle ore

si basa sull’unica

fatale

 morte interiore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Oddio.

Ecco cos’ha partorito la mia testolina ^^

Non so, quasi un esperimento, ma avevo voglia di sintesi, di andare sempre direttamente al concetto, grazie ai miei versi.

Grazie di cuore ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 42
*** E' stato bello ***


E' stato bello

E’ STATO BELLO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È stato così bello rivederti;

è stato così bello saperti

in ottima salute,

non si sa mai,

è che siamo ormai in estate,

ma la salute, come sai,

è così precaria…

in avaria

il mio cuore;

lo è stato, almeno, per diversi mesi.

Poi ti ho rivisto; oh, che onore,

ma non dovevo fare passi falsi,

il cuore che mi martella nel petto

e che mi lascia distrutto…

un mondo senza te,

sarebbe un mondo anche senza me.

È che quando ti rivedo sei vita per me,

mi basta solo vederti preda della calma,

distante dalla fama,

con voglia di sorridere

 e di guardare

le vetrine.

Io spero solo

che tu non senta i battiti del mio cuore

che par voler prendere il volo

farsi venire le ali

per stati sempre accanto.

Io sono una nullità,

per carità,

e non so cosa voglia dire la parola amare,

eppure mi voglio comunque innamorare

anche se penso sia impossibile.

Adoro fare squadra da solo, così,

al di là di ogni sì,

io non voglio gente che mi stia troppo appresso

che mi faccia sentire oppresso

che non mi lasci neppure andare da solo al cesso

perché sono stufo di tirannie

varie,

di tirannidi

che devastano i dolci nidi

che vorrei costruire

all’interno del mio flebile animo;

amo, vorrei dire,

amore, vorrei sussurrare,

ti amo, amami, vorrei gridare;

ah, ma io sono distante

da questa passionalità

che alla fine reprimo;

non sono fermo al primo

rapporto,

non sono fermo al primo

amore che mi ha lasciato sconvolto,

inebriato,

io vorrei tanto

stare solo con te

ma so che sei roba d’altri

e allora dimentico in fretta.

Poi non voglio illudere nessuno,

perché non so amare;

non lo so davvero fare!

Ho paura che chi è di turno

possa restarne per sempre ferito,

mutilato,

perché ho un animo errante

stancante

che le persone poi tende ad allontanare.

Vorrei custodirti in una teca di cristallo,

dirti sempre che tutto è bello,

cullarti

apprezzarti

per quello che sei;

ma così saresti solo un giocattolo,

ed io desidero solo

la libertà,

una libertà

per entrambi.

Per ora resto a guardarti,

e probabilmente ti guarderò finché potrò.

Fintanto che non me ne andrò

per la mia strada, stanco di sfidarti

di desiderarti.

Tu non sai quanto

io sia stanco di tutto:

vorrei solo lasciare,

andare via,

sparire…

sono tanto stanco

anche se sono giovane;

ma giovane dove, poi?

I giorni scorrono

e non tornano

più indietro,

ed io mi sento

molto indifeso.

Guarderò l’orologio appeso in camera

e dedicherò ogni mio pensiero a te.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Ho scelto di variare un po’. Ecco quindi questa poesia xD non voglio pensarci perché altrimenti mi imbarazzo ^^

Spero abbiate gradito ^^

Grazie, alla prossima ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 43
*** Serpenti&delinquenti ***


Serpi

SERPENTI&DELINQUENTI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggo solo offese;

un popolo dalle mille pretese,

non si capisce più niente,

tutti con la lingua biforcuta come il serpente.

E pronti a mordere;

terrore

finanziario,

terremoto

tutt’altro che bonario;

non scuote la Terra, bensì le borse,

e fermano anche le corse

in bicicletta,

poiché pare ci siano buche;

tornano di moda le mucche,

no, le pecore,

per pulire giardini pubblici,

poiché nessuno lo fa più.

Ma questo è l’inferno, forse?

Il caos?

Non ci capisco più niente,

ti bombardano in tv,

in ogni tg,

sui social poi la guerra

è multimediale,

nazionale,

la gara a chi la spara più grossa.

Han detto che è morto il fratello sbagliato

solo perché non ha promosso un aborto;

un aborto di governo,

in partenza già morto,

gridano

alla prevaricazione ogni benedetto giorno,

ma che si vuole?

È che richiedono espulsioni,

cercano Alì Babà e i quaranta ladroni

tra squadriglie di cafoni

che gridano e poi si vendono

ai migliori offerenti,

ai migliori proventi;

guadagnano milioni

e magari si fingono laureati,

così fanno i trilioni

li vanno a spendere ad Antigua,

volo ai Caraibi

passando per l’Indonesia

e la Tasmania;

là ci sono bellissime ville

 e i nomi di persone illustri non sono affatto rari.

Polemiche;

esplodono

come le bandiere che vogliono fare sventolare.

Giunoniche

le pretese,

non contarci che essere possano uscirne

illese,

e c’è chi ha paura,

chi ha un risparmio deve nasconderlo

deve agguantarlo

perché c’è un qualche tarlo

che premedita di bruciarglielo;

c’è chi l’ha presa come un lutto,

chi grida assassini,

chi medita casini,

chi coltiva affari birichini

e chi si dedica ai vari giochini

di moda al momento,

perché un giorno ci si odia,

l’altro ci si innamora,

quello dopo finisce in tragedia;

dimora

in fiamme

la notte

oscura

Gerusalemme,

Betlemme,

non si conosce più

la retta via smarrita,

si prosegue la propria partita

personale

in solitaria,

perentoria

la richiesta di chi necessita

di una mano,

chi non ce la fa veramente più,

e nessuno che ti aiuta,

che ti ascolta,

che sia lì per te,

a risollevarti offrendoti un tè,

che ti porge una mano

o parole gentili.

È una realtà sanguinaria,

che vive nello spettro delle recessioni,

delle retrocessioni,

delle distorsioni,

delle fatidiche illusioni;

ad ognuno di noi

il compito di districare il vero dal falso,

ma non basta,

non basta la telecamera

in cui ci si riprende mentre

si urla,

si insulta,

si accusa liberamente

si cerca a tutti costi un delinquente

con fare impertinente

e ci si finge intransigente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

La poesia non vuole giudicare nulla e nessuno, né far politica. Assolutamente.

La verità è che nei giorni scorsi ogni volta che accedevo ai social era tutto pieno di insulti, di video aberranti, di discorsi senza capo né coda portati avanti a caso da persone a caso, appunto.

Al di là di ciò che accade, sono rimasto sconvolto dalla portata di tutta questa violenza verbale… una cosa allucinante. Imporsi sugli altri urlando come pazzi, gridando nelle piazze contro i passanti, insultando gratuitamente il prossimo… davvero terribile, a mio avviso. Mi sono vergognato io al posto loro.

Ecco, la mia ispirazione poetica di questa settimana non è riuscita ad andare oltre a tutto ciò. Perdonate e scusate la mia poesia, se la ritenete biasimevole. Io stesso vi chiedo scusa. Ma tutto ciò mi ha lasciato davvero molto scosso, talmente tanto da non riuscire a mettere una pietra sopra a cose che sarebbe meglio non sapere o dimenticare subito.

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 44
*** Avrei bisogno ***


Avrei bisogno

AVREI BISOGNO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avrei bisogno

di vivere un sogno

a occhi aperti,

aperti,

tra splendidi deserti

di sabbie infertili

e mari cristallini

carini

che non resisterei

e alla fine finirei

per fare un tuffo.

Altroché la puzza di zolfo

che regna sovrana nei nostri ostelli;

vorrei solo librarmi,

liberarmi

da ogni catena,

essere finalmente un uomo

che smette di aver paura anche di una amarena,

perché non mi piacciono,

non c’è verso di farmele piacere.

È che questa è la notte,

la mia notte,

quella mia

e solo mia,

privata,

incellofanata

apposta per me;

vorrei avvertire gioia;

dovrei proprio farlo,

ma provo noia per tutto

paranoia

persecutoria.

Dannate zanzare,

non si può neanche più dormire,

andare a nanna,

che il loro ronzio

dà il via alla loro manna;

dovrei essere sereno, almeno oggi,

ma io ho sempre paura del domani;

diceva il saggio che al domani

ci avrei pensato, perché in fondo

oggi è il domani di ieri

ed io sono ancora qua,

e la pausa chi se la fa,

non mollo,

non barcollo,

resto a galla

tra le mie fandonie e le mie finte verità,

gioco a palla

coi miei sentimenti

latenti

penitenti

non so dove si nascondono i miei interiori tormenti

perché sono bravi a celarsi

a non mostrarsi

in modo chiaro.

Il denaro?

Il denaro forse è un mio problema?

Io non vorrei alimentare tale credenza oscena,

ma se non hai denaro

nessuno è disposto a darti una mano;

diventi qualcuno da evitare

diventi qualcuno che non potrà mai remare

e scegliere il proprio percorso.

Il problema delle mie poesie

lo conoscono bene;

è quello che loro stesse contengono

ciò che a voce non so dire,

non so esprimere,

esse sono varie

e le paure intrappolano

e trattengono

giusto l’attimo che mi serve per coglierle

e imprigionarle

per una frazione di secondo

su un misero pezzo di carta

che profuma di rose e di infantile girotondo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Una poesia così… così! Per svago. Spero possa esser stata di vostro gradimento ^^

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 45
*** Lo strazio ***


Lo strazio

LO STRAZIO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stanco

di tutto questo

rivivo

nei ricordi

nei momenti

morti

l’insonnia

delle mie notti

le paure

di ogni giorno

che diventano

furie pure

e flagellano

il mio Io,

la particella di Dio

che è in me,

che è in te

tu non l’avverti

ma io so che c’è.

Guarda,

quanto sto male,

osserva le mie mani

piagate,

le mie braccia

spalancate

verso l’eterno inferno

che mi impongo

ogni giorno.

Il mio non è

uno strazio fisico,

bensì interiore,

faccio la conta delle ore

che scorrono

che se ne vanno

e io resto immobile

schiavo

del tempo

della mia dimensione

della mia illusione

della mia quotidiana tensione

delle sbarre che mi trattengono

e delle bugie

che mi raccontano.

Non basta

questo cielo azzurrino

 a farmi sentire meglio,

perché io muoio

dentro e continuamente,

penso troppo

con la mente

rifletto e mi ammalo

virtualmente

coi virus che mi attaccano

che mi sfidano

in ambiti più o meno

reali.

È che manca un tassello

al mio animo

il che alleggerirebbe

il mio quotidiano fardello

ma non lo trovo

è un mosaico

rimasto incompleto

è qualcosa

che non è mai stato detto

che mi fa pensare

che non ce la faccio più,

vado giù

nel mio mare in tempesta

nel turbinio

di un dolore passeggero

su un veliero

che affonda

inghiottito dai flutti

di una rabbia ignota.

Al pianoforte

la mia ultima nota

poi la fine

la fine

che vorrei

che a volte desidererei;

essa è la fine,

la fine,

la fine verrà

ed io non me ne accorgerò;

affogherò nel male

che ho lasciato germinare

in un cuore

che un tempo era un parco,

ed ora io me ne sbatto

perché non mi riconosco più

nei riflessi prodotti

dagli specchi rotti

che in frantumi colgono

le mie poesie

e con me si dolgono.

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

A rileggerla, è una poesia da brivido.

L’ho scritta durante un breve momento di sconforto. Spero non sia troppo triste ^^

Vi ringrazio per aver letto anche questo piccolo testo senza pretese.

Grazie per essere qui ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 46
*** Afa ***


Afa

AFA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Afa e calore

un bagno di sudore

un bagno e una latrina

la lotta eterna e la turbina

del mio cuore che non funziona

che mi lascia a marcire

che mi lascia a morire

lo sai, io muoio ogni giorno

perché dentro me ho un buco nero,

ho la mania di vivere in un sogno,

soggiorno al suo interno,

ma ti giuro che non ne farò il mio regno

perché c’è qualcosa che va al di là

di ciò che pare ultraterreno.

È come se avessi visto la verità,

ne ho già avuto a sazietà

se essa ha un sapore amaro

che sia dato in pasto ai leoni che dilaniano

il mio animo, che lo possiedono,

ed io sono come un calamaro

butto il mio inchiostro nero

su questa pagina bianca e la rendo fragile

come una foglia in autunno,

come la notte in cui la fanciullina fu inseguita da un fauno,

rapita in riva al lago delle alte quote

dove non vale l’amore, bensì solo le botte.

 

L’estate per me significa amare

mi prendono sempre grandi cotte

ma io cuocio solo sotto il sole

oppure all’ombra dell’ombrellone

tra vari cocomeri a fette.

Amare che cosa?

Amare te, che non so chi sei,

che ti ho intravisto solo ieri

e non so neanche con chi eri

con chi stai

la tua solitudine

mi spaventa e mi illude

e so le risate che ti fai

se questo destino truce

rude

ti permetterà di vedere le mine

di passione

esplodere vicino a te.

 

E quanta passione hai già vissuto,

con l’occhio esperto

con cui mi hai fissato

mi è sembrato

di vedere quello che nessuno ha mai colto.

È perché l’hai colto solo tu,

ed ho notato che sorridi quando gli altri ti osservano,

con un mondo ai tuoi piedi composto da poveri che soffrono,

che chiedono a gran voce una tua stretta,

una tua carezza

polverizza la mia debolezza

io che non so camminare

stare sulle gambe

anche se sembrano ben salde,

è che ho paura di volare

resto ancorato alla mia voglia disperata di sognare

posso sognare?

Ti vorrei sognare.

 

La brama estiva

muove i nostri destini;

ma tu il tuo fiore l’hai colto,

anzi, quante volte l’hai raccolto?

A soffocare nella stiva

l’ultimo poveretto

adagiato su una grande cesta di vimini

che lo scuote ad ogni onda

di questo mare che ormai è tropicale.

Il vento non scuote una sola fronda,

ma il mio cuore si scuote per te.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Piccola poesia scritta di getto ^^ spero vi sia piaciuta.

Ritorna all'indice


Capitolo 47
*** Tu no ***


Tu no

TU NO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scivolo via

durante le mie notti

di pura follia,

sudo e mi dimeno

la notte

il luogo ameno

mi sdraio

mi lascio

travolgere

avvolgere

le coperte del mio giaciglio

tra caldo

e infine freddo

mi sembra di ammalarmi

mi sembra di destarmi

in un mondo pazzo

nel mondo che aspetta solo il razzo

coreano

villano

che cade giù,

giù,

chi lo vede più

prima che esploda

che imploda

han detto che non ne lanciano più

mi sento più sicuro quaggiù

posso stare calmo

ehi fermati,

altrimenti abbocchi all’amo

che ho lasciato lì per altri

non voglio ferirti

tu no, tu no

non voglio segnarti

segnare la tua pelle,

tu no, tu no

lascia perdere le parcelle

lascia stare cielo e stelle

non ti montare la testa

non ti scordare mai che la vita

è una selvaggia foresta

devi difenderti

devi proteggerti

devi imparare a non lasciar correre

altrimenti tutti ti inseguiranno;

devi imparare a non lasciar conti in sospeso,

così tutti gli altri cadranno;

non dimenticare mai chi sei

non attardarti all’appuntamento;

ehi, ci sei?

Non mi rispondi mai

quando ti chiedo dove vai

sono stanco di tutto questo

vorrei andarmene lesto

ma invece sto qui ad ammuffire

sto qui a poltrire

a marcire

non ho paura dei tuoi affondi

non lasciare che decidano per te

tu no, tu no

non lasciare che lo facciano

che poi gioiscono

tu no, tu no

devi imparare ancora a dire di no

il no lo dici solo a me

ma chi sono io per te?

Non ti chiedi mai un perché

sei uno sprovveduto

almeno ascolta il tuo cuore

che batte d’amore

ma tutto pare perduto

tu no, tu no

non lascerai la barca alla deriva

dove l’ultima onda ormai moriva

tu no, tu no

so che alla fine non mollerai

tutto per te terrai.

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

^^ spero solo che il componimento sia stato di vostro gradimento.

Ritorna all'indice


Capitolo 48
*** Albero umano ***


Albero umano

ALBERO UMANO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ti rivedrò

tra corone di fiori

tra falsi splendori

tra mille e più onori

e pensare che mi mancherà il respiro

non ti dico

non ce la potrò fare

neanche a guardare

verso di te.

 

Ma intanto godiamoci solo questa estate,

che finalmente si è fatta calda,

calda e accogliente,

ed io mi crogiolerò tra le sue braccia

come se fosse una dolce mamma

che mi coccola da bambino.

 

Tutti in vacanza, io solo

ad ammuffire nella mia solita quotidianità.

Tutti a passeggio,

ma sai quale è la verità?

È che fa troppo caldo, sudo e mi sciolgo,

di uscire la voglia è nulla.

 

Lascerò

che siano i germogli delle mie piantine,

delle nuove vite

a parlare anche per me;

sarò una sorta di albero umano,

con radici e rami,

e farò ombra alla miseria che mi rimane,

per proteggerla

e per crederci fino in fondo

e fino all’ultimo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Un immenso grazie a chi è ancora qui a sostenermi. Il vostro sostegno ha un valore pressoché immenso.

Ritorna all'indice


Capitolo 49
*** Dipingermi ***


Dipingermi

DIPINGERMI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Senza voglia

di far nulla

disteso me ne sto,

senza pensieri

senza falsi desideri

il mio domani accetterò.

 

Che domani sarà?

Sarà come la finale di un mondiale,

o come una bustina di plastica

spazzata via dal maestrale?

Lasciamo perdere,

che è meglio.

 

L’indolenza mia

potesse tramutarsi in un’eterna amaca,

immersa in un eterna tarda primavera

quando l’estate ancora non appare così vera,

e gli uccellini cinguettano d’amore

lontani dal solleone.

 

All’ombra di una palma da cocco

mi dolgo e mi raccolgo

in un attimo di profondo sconforto;

vorrei essere qui a morire,

che quest’ultima onda di un mare in tempesta

mi lasciasse morto.

 

Sono senza una parte di me,

solo contro un intero reame

di buzzurri e di bugiardi

che vogliono regalare cose d’altri

per fingersi i migliori.

Sono su un atollo deserto, in fondo.

 

E lo sono, e lo fui,

e mai amore conobbi,

solo dire sì a quel che mi veniva detto,

piegarmi al sistema come un inetto;

inetto che sono,

restano solo poesie e parole nascoste a dipingermi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Grazie di cuore per essere qui.

 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 50
*** Ultimo tifo ***


Ultimo tifo

ULTIMO TIFO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo tifo;

ora che sarà, senza di te?

Non ci saranno più attese,

più partite trascorse

con il fiato sospeso.

 

Non ci sarà più nulla

di sabato pomeriggio,

non ci saranno più trasferte

non ci saranno più campioni,

tutto disperso, trascinato via dal vento.

 

È stato il vento del tempo

a beffarti;

ora mi restano solo striscioni,

poster e anche bustine di zucchero,

per addolcire quest’ultima amarezza.

 

Ero un bambino quando già il mio cuore batteva per te,

ma ora non potrà più farlo,

è come se avessi un tarlo

nel mio petto

trafitto dalla terribile notizia.

 

Parlo solo grazie alla voce del tifoso,

e adesso non c’è più niente

se non il baratro

ma non si può dimenticare,

un’altra squadra non si potrà mai tifare.

 

Il tuo stadio,

uno dei più affollati del campionato cadetto,

ora è vuoto come il mio letto;

siamo soli;

qualcuno ci penserà? Potranno mai salvarci dall’oblio?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Chiedo scusa per questa poesia, ma è spontanea. Nei giorni scorsi non ho pensato ad altro che alla fine della mia squadra del cuore, la fine di un lungo amore che mi ha portato a raccogliere cimeli di ogni sorta, a tenere in camera striscioni, poster dei giocatori e autografi. Ma ora restano solo questi, assieme a sciarpe e gagliardetti ormai senza senso, se non dediti al ricordo.

R.I.P. Cesena Calcio, 1942-2018.

Ritorna all'indice


Capitolo 51
*** Grandine ***


Grandine

GRANDINE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grandine invocarono

e grandine fu;

chiesero il buio

e il buio venne;

perché non c’è giorno in cui

il Sole non segue la Luna,

nella loro danza eterna,

nell’incarnazione di un balletto ancestrale.

I tempi del male

sono ancora qui,

ma non ci fermeranno;

ho il diritto di credere,

di crederci fino all’ultimo,

di crederci per davvero,

e non lasciarmi sempre andare

al mio destino portatore di amare novelle.

Ogni mattina,

a ogni risveglio

è come dover deglutire un amaro sciroppo;

anche se ho il lavoro

a un tiro di schioppo

e faccio tutto per me stesso,

faccio ugualmente fatica.

E penso che no,

non ne ho voglia,

nulla che io desideri di più

se non la pace;

sarà che faccio troppe cose,

o taccio troppe volte,

ma ho sempre il timore

che questo silenzio che mi avvolge

possa tramutarsi in grandine e in tempesta.

Ho paura dei forti venti

che spazzano i tetti delle case,

che schiacciano le fragili piantine nei campi,

ma io sono come la natura mi ha fatto

e infatti non so proteggermi da essi.

Avevano chiesto grandine,

per porre fine ad ogni cosa

e grandine hanno avuto,

ma adesso c’è chi piange

ed io non voglio sentire più nulla.

Ciò che avevano desiderato e chiesto

l’hanno ricevuto;

ora sta a me mantenere il controllo

e sperare di non rimetterci a mia volta il collo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Grazie per essere giunti fino a qui ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 52
*** L'eterna stazione ***


L'eterna stazione

L’ETERNA STAZIONE

 

 

 

 

 

 

 

 

Sogno

o son desto?

Mi sentivo sbagliato,

represso;

ho sofferto

per quei no,

e li sento ancora

ad angustiare i miei sonni

che d’estate sono fatti

di sudore e di malessere.

E di sera fanno i party,

durano fino all’indomani mattina,

ma io non posso partecipare,

la mattina successiva devo essere in ospedale.

Ah, la tristezza di questi fine settimana

caldi solo d’afa, e senza amore!

Basterebbe così poco per risollevarmi

il morale,

basterebbe così poco

per farmi sentire meno male.

Vorrei sentirmi meno solo…

più compreso,

con qualcuno che sappia cos’è

un dialogo costruttivo.

Mi ritrovo invece nel mondo di chi

ti sbologna in fretta,

tanto lo so che alla gente non interessa.

Gente volubile, che cambia spesso,

o troppo spesso,

il proprio numero di telefono.

Gente che sparisce,

in fondo vivo in un’eterna stazione,

dove tutti partono

e nessuno ritorna.

Quand’ero bambino

vedevo un me grande

circondato da amore e persone care;

ma adesso cosa resta?

Sta a me cambiare,

ma è inutile provare

se non ce la faccio

dovrei ritentare.

Perseverare

nel mio intento;

ma come,

ma dove,

qui è caldo più che nel deserto,

potrei morire solo per aver messo

il muso fuori dal cancelletto.

 

 

Ho infine scoperto

che tante altre persone avvertono

un vuoto dentro;

anche loro non si curano.

Che bello sarebbe

se noi tutti fossimo medicina per il prossimo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Grazie a tutti voi ^^

 

Ritorna all'indice


Capitolo 53
*** Quello che più temo ***


Quello che più temo

QUELLO CHE PIU’ TEMO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho paura di dimenticare.

 

Temo, ho paura

di scordare

ciò che mi è rimasto di te.

La tua voce,

che non era nulla di che,

il rumore dei tuoi passi

che di notte si muovevano

decisi lungo il corridoio.

Me li ricordo, sai?

Ricordo ancora tutto,

per filo e per segno.

Ma nonostante il mio impegno

verrà un giorno

in cui i miei ricordi saranno rimossi,

perché nulla resiste all’impeto del tempo;

e allora, a chi potrò raccontarlo?

Come potrò tramandare la tua memoria?

Verrà un giorno in cui avrò

un urgente bisogno di ricordare,

ma non ci riuscirò.

Lo sai,

è tutto finito in uno scrigno segreto

nelle profondità del mio limitato

intelletto;

ma io non sono immortale,

io sono umano,

io sono il male;

e quando il male divorerà

i miei ultimi ricordi,

li sbranerà, fatti di carne,

io morirò con loro.

 

Lo senti anche tu?

Il battito del mio cuore,

l’ultimo;

e verrà il giorno in cui

non avrò più paura del buio

ma sarò dilaniato dal desiderio di tornare

 a rivivere quei giorni che ho tanto detestato

mentre li vivevo.

Ecco perché sono il male;

perché non ho saputo amare

il dolce che la vita mi ha dato,

e che ho interpretato

come se fosse stato veleno.

 

Dimmi, ora che tutto sai,

se c’è un rimedio ai ricordi confusi

e ai giorni perduti;

ora che per te il tempo non scorre più,

mentre io sono ancora in balìa del suo fiume impetuoso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Grazie, all’infinito ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 54
*** Una costante ***


Una costante

UNA COSTANTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Perché mi sento così solo?

Avverto il bollente vento estivo

come se fosse la brezza giusta per spiccare il volo,

ma qui languisco,

perisco

senza alcun apparente motivo.

Forse avrei solo bisogno di cambiare aria,

o di trovare un buon amico,

ma non fa per me la vita variegata e varia,

ho una noia addosso che non ti dico.

Resto quindi in avaria,

aspetto la sera d’inerzia

ormai sembra non cambi mai nulla,

se cambia è sempre in peggio,

è un po’ come essere racchiusi dentro una bolla

di sapone, tra profumo inebriante e semi di miglio.

Semi su cui mi tocca star appoggiato con le ginocchia,

che mi fanno poi male,

ma sorvoliamo,

tralasciamo.

 

Non ho più voglia di dettagli,

di cialtroni e saltimbanchi;

cerco la costante,

un qualcosa di antiossidante

che resista imperituro nel tempo;

il lavoro e l’impegno sono un conto,

la vita sociale un altro.

Due conti distinti che non s’incrociano mai,

in certe esistenze davvero aride e misere.

Forse anch’io, come l’ambiente che mi circonda

sto diventando un po’ l’altra faccia del Sahara,

quella nuova, che nessuno conosce bene.

Perché nessuno si avventura lungo le piste carovaniere

che solcano il mio animo?

Resto più povero del deserto,

se nessun esploratore coraggioso vuole addentrarsi.

Questo è ciò che penso

e questa è la mia inutile vita;

son tutti rimasugli di pensieri

che svolazzano come belle farfalle cavolaie,

destinate a morire dopo aver deposto

le loro gialle e piccole uova

che non si schiuderanno mai.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Beh, una poesia un po’ triste. Ma si sa; scrivo poesie solo quando sono amareggiato, di solito xD

 

Ritorna all'indice


Capitolo 55
*** Notti d'agosto ***


Notti d'agosto

NOTTI D’AGOSTO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E alla fine è già qui;

leggiadra,

la notte è insonne

col respiro pesante

col caldo asfissiante;

c’è una notte

che è come la morte

sa di sudore sulla fronte,

ho sete

ma non bevo alla sua fonte.

 

E ce ne sono molte, di notti così,

fatte per essere vissute su un letto

che sembra fatto di spine di agave,

e fa male tutto,

fa male il petto,

fa male lo stomaco.

 

Sono quelle notti che vengono vissute

più del giorno che le ha precedute;

perché di notte solo la mente

lavora e s’impegna,

i sogni si tramutano in incubi

e le gioie in lagna.

 

Sono le notti d’agosto,

fatte di meteore che infiammano il cielo

e di afe che rubano ogni boccata d’aria.

Sono notti ladre; indelicate,

sono le tristi compagne delle riflessioni

e delle cupe emozioni.

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Una poesia di puro intrattenimento, che però mi risulta molto gradevole. Spero vi sia piaciuta ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 56
*** La vita ***


La vita

LA VITA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A volte mi chiedo perché,

ma non sai rispondermi neanche te;

è che la vita è così,

germina nel terreno fertile e diventa potenza,

oh, sì,

potenza allo stato puro.

 

Chi la ferma la vita?

Non c’è riuscito l’uomo,

che ha ucciso Dio

e si è limitato a sostituirsi a lui;

le sue mani come grappini

a strappare dai propri simili gli intestini.

 

È triste però venire al mondo senza uno scopo,

sentirsi imprecisi, non trovare una strada;

non siamo nati per essere giudicati,

dai nostri simili tormentati,

poiché non possiamo cambiare il mondo

e l’esistenza ci appare una voragine senza fondo.

 

Se ci si pensa un attimo,

la natura ha fatto l’uomo,

ma l’uomo ha solo cercato di piegarla;

ha piegato gli ecosistemi,

ha piegato le piante e gli animali,

li ha piegati e consegnati ai grigi muri delle città.

 

Noi non amiamo dire la verità;

ci definiamo tanto buoni,

ma in realtà non lo siamo manco con noi stessi.

È che la vita ci ha resi prigionieri quando ancora

non conoscevamo la carne e la materia,

ma quando ciò è avvenuto

abbiamo scelto la rovina,

la scelleratezza al pensiero introspettivo,

l’odio premeditato al caritatevole gesto impulsivo.

 

Non abbiamo capito il senso della vita

ma siamo stati braccia utili per la morte;

abbiamo interpretato il mondo all’incontrario,

abbiamo scelto il nostro dio

dall’odore di carta filigranata,

abbiamo scelto di rovinarci con la scoperta

della bomba e della granata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Piccola riflessione, forse inutile. Grazie per essere qui ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 57
*** I miei giorni ***


I miei giorni

I MIEI GIORNI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I miei giorni;

essi scorrono in fretta,

e non li ho ancora afferrati.

Sono mesti calcoli d’aritmetica,

che la mia semplice mente non sa affrontare.

Sono giorni fatti di amarezze,

di amarene,

di rare carezze

 e di movenze leggere.

Sono giorni semplici nei contenuti,

anche se difficili poi da interpretare;

ma a volte ci si deve accontentare.

I miei giorni a volte mi lasciano un po’ scosso;

a sera mi chiedo come posso

continuare a resistere in questa parte di mare mosso,

dove le onde sono alte

e io rischio di annegare.

Dai campi limitrofi

il pessimo odore dei pesticidi

invade l’aria che mi circonda,

e tutto mi sembra ancor più triste.

In realtà, è forte chi resiste,

giacché sappiamo che basta poco per farlo.

Un sorriso, un dono al prossimo,

e a volte tutto sembra meno torbido.

Ma ci sono giorni lenti

come le notti di agosto,

e sono composti da rumori molesti

e da ronzii fastidiosi.

Sono quei giorni fatti per stare in silenzio

e meditare, affinché

qualcosa dentro me si muova.

Non sono perfetto,

e i miei giorni indecifrabili se ne approfittano;

sanno come fare,

io li lascio stare.

So che questi giorni

potrebbero diventare la mia stessa gabbia,

ma non esiste null’altro che possa tenere a freno

la mia ansia e la mia rabbia.

Sono giorni senza amore,

ma con il candore

di una terra innevata,

dal sole sempre baciata.

È tutto così splendente…

ma io, io,

io sono sempre più perso

tra calcoli impossibili e giornate volubili.

 

I miei giorni sono così,

essi scorrono e mi privano di forze,

solo per riservarmene altre;

a me mietere il raccolto,

se c’è qualcosa di buono.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Grazie per essere qui ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 58
*** Fuoco estivo ***


Fuoco estivo

FUOCO ESTIVO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un fuoco

sul finire della sera

sull’orlo del buio;

 

baratro

la notte incombe

esso non la teme;

 

rosso sangue

la sua danza pare eterna

sfida la sorte della luce diurna;

 

eppure, è tutta una messinscena

un attimo fugace

che resta impresso nell’occhio di chi lo osserva;

 

è impellente

qualcosa di inebriante

sapere che ora arde;

 

tra un attimo il buio notturno

lo inghiottirà, lo finirà,

lo prederà;

 

io che osservo resterò solo

e non sono altro che miseria

come il tizzone spento rimasto al suolo;

 

io non brucio

la mia carne è debole

ardo nello spirito;

 

l’anima è una fiammella

che non è momentanea

come un fuoco estivo;

 

io brucerò per sempre

a modo mio

piccolo frammento di Dio;

 

ma non brucerò per te

mi consumerò da solo

mi arenerò sulla sabbia;

 

a spegnermi un giorno

il fresco delle onde dell’oceano

dove tutto nasce e tutto finisce;

 

io in fondo sono la lunga notte autunnale

dove la nebbia avvolge

dove anche un piccolo sogno opprime.

Ritorna all'indice


Capitolo 59
*** Album ***


Album

ALBUM

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il tramonto nell’orto

è il momento perfetto;

si colgono i grilli nell’atto di frinire,

le stelle nel cielo già fan capolino

tra le nebbie di giornate settembrine

macabre,

dal sapore vissuto,

false poiché calde

alla stregua di agosto.

È un settembre copione,

che non c’è.

 

All’inizio era il nulla,

e per tanto tempo c’è stato il vuoto

dentro di me.

A volte mi capita

di cogliere

di raccogliere

una spiga di grano maturo,

la raccolgo con le mani a coppa,

ma essa è sempre vuota,

i semi sono già spariti.

 

È che i semi li raccoglie chi ci sa fare;

gli sciocchi e gli ingenui seminano,

gli astuti raccolgono,

chi è scaltro resta

chi non lo è, un po’ meno.

Chi non lo è si abitua, sai,

ci sono giorni in cui sai

che c’è qualcosa che non va.

 

E ti senti strano,

percepisci che nessuno ti capirà;

c’è qualcosa che non va in me,

io lo so, tu no.

 

Ma sarà un tramonto che sovrasta l’orto

a fare capire che in fondo

posso raccogliere qualcosa anche io;

non saranno semi, né profitti,

ma saranno istanti,

porzioni di momenti

pronti ad andare perduti.

E se diventassi un album?

 

Se diventassi album, non sarei più vuoto;

conserverei foto, foto scattate dalla mia mente

 a quegli istanti che scorrono lesti

come un tramonto.

Sarei album di ricordi,

ricordi inutili, eppure fragili nella memoria;

nella loro fragilità,

il profumo della carta

l’odore degli mitici anni Sessanta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

Grazie per essere qui ^^

La poesia si è ispirata a un momento realmente vissuto, qualche giorno fa, mentre ho fatto tardi nel mio orticello e mi ha sorpreso il veloce tramonto di settembre.

Vi ringrazio per aver letto.

Ne approfitto anche per avvisare i lettori de Il Principe Azzurro arrivò a Mezzanotte; a causa di alcuni problemi interni al sito, non ho potuto aggiornare per diversi giorni. Credo che per questa settimana non pubblicherò il capitolo, ma da lunedì tutto tornerà regolare. Se non ci saranno altri problemi… speriamo di no ^^

 

Ritorna all'indice


Capitolo 60
*** Ciò che mi fa pensare ***


Ciò che mi fa pensare

CIO’ CHE MI FA PENSARE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciò che mi fa pensare

è il tuo sorriso;

l’ho rubato con uno sguardo.

Ti ho scorto mentre canticchiavi in solitudine,

anche allora eri qualcosa di sublime.

Mi chiedo; perché ti ho permesso di volare via?

Perché non ho fatto nulla per donarti ogni bene?

E pensare che adesso mi strapperei il cuore per te!

 

Ho conosciuto la passione a scoppio ritardato.

L’ho conosciuta un po’ a caso,

un po’ lì, un po’ là;

oppure è stato il tempo a bloccarmi?

Ah, tempo ladro.

Quante occasioni mi hai strappato

dalle mie mani callose e povere,

già abituate ad arrabattare

per sopravvivere alla giornata.

 

E lo sai cosa accadrà, alla fine?

Sarò il tizzone spento del fuoco estivo

sarò così divorato dal buio della sera.

Sai che un giorno saremo solo la scritta su una lapide?

Sai che di noi tutti resterà solo questa miseria?

 

Il mio lato catastrofista mi è d’impiccio,

l’ho scoperto anni fa,

e all’epoca non ero neppure tanto sveglio.

Cosa ti aspetti, una frase romantica?

Ma sai che non so parlare.

Sai che parlare con te significa avere la lingua impastata,

altroché una dolce serenata.

 

Concordo; c’è caso che io sia nato tardi,

anzi, che io sia nato tardo.

Per questo non mi degni più

di nulla,

ed io senza te sto male.

 

Non cambia molto; sono nato con una parte mancante,

e non ho mai avuto la parvenza di recuperarla

per davvero, sul serio.

Sono stato scoglio per altri

e mai roccaforte per me stesso;

sono stato il bottino dei barbari

sono stato sepolto in una spiaggia deserta.

 

Non conosco ciò che mi manca,

per questo ho un cuore diviso a metà;

so che mi fa male guardarti da lontano,

sapere della tua solitudine del momento,

ma dell’istante solo, perché per il resto esiste

un altro splendido amore.

 

Mi spieghi come posso fare a dimenticare

se ti vedo così spesso?

 Se nelle mie narici

regna ancora il tuo profumo?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Poesia scritta di sera, quando la mia mente è particolarmente creativa xD xD

Grazie per essere ancora qui, a farmi compagnia e a supportarmi ^^

Ritorna all'indice


Capitolo 61
*** Il cuore che batte ***


Il ccuore che batte

IL CUORE CHE BATTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella notte

singulto

il buio

ci avvolge

ci protegge

ma a modo suo.

 

Nella notte

un cuore che batte

martello pneumatico

nella stanza

nel petto

nel cuore del letto.

 

Una mancanza

assoluta

di amore e dolcezza

resta solo lussuria

falsa

d’ingiuria.

 

L’invocazione

d’amore

è il candore

degli occhi

che bramano

senza sosta.

 

Le lenzuola

sono braci ardenti

sono braccia

impertinenti

che stringono

e scaldano.

 

È una notte

che sa di cupidigia

d’invidia

verso coloro

che non sono soli

che vivono giorni migliori.

 

Quasi sembra estate

il ventilatore funziona

il caldo asfissia

ma fuori è freddo

al di là dei muri

ghiaccio agreste e selvaggio.

 

Ha tutto il sapore

della fantasia

della delusione

che provi quando ti senti debole

fragile

incapace.

 

Quando sai che il vento

sussurra ninna nanne

alle tempeste

e il calore che hai dentro

è destinato a dissiparsi

a non avere un futuro.

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA DELL’AUTORE

 

 

 

Altra poesia un po’ così ^^ spero vi sia piaciuta.

Ritorna all'indice


Capitolo 62
*** Fari nella notte ***


Fari nella notte

FARI NELLA NOTTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di notte,

auto solitarie che arrancano

nelle salite

oscene

delle alte colline vicine.

Mi capita di chiedermi,

mentre osservo quei fari lontani,

cosa spinga la gente ad affrontare

così tortuose strade a quell’ora tarda.

Mi perdo

in pensieri inutili,

nei miei viaggi mentali

che favoriti dal buio

pare funzionino così bene.

Così rimembro quel giorno a Villafranca,

ove ho respirato il sole,

ove il sole mi ha sciolto

in un’eterna estate autunnale,

e ove ti ho visto per la prima volta.

Che occhi da schianto!

Sarà, sarà che le mie passioni passeggere

si bruciano in mezz’ora;

sarà che io non riesco a essere fedele

neanche a me stesso,

quando mi dico che devo smetterla.

Mi ricordo sempre un qualcuno

che mi narrava dei suoi amori continui

e credo che non fossero mai ricambiati.

Ricordo che non avrei mai voluto

che il nostro breve contatto si interrompesse,

ma se non fosse stato così,

cosa me ne sarei fatto di te?

Io, che sono un gatto randagio

e vagabondo,

io, che sono solitario

e pure inetto alla vita.

È che in questo preciso istante

mi vieni in mente tu,

ma potrebbero venirmi in mente

anche le decine di altre fiamme

che nell’ultimo anno ho lasciato ardere

per poi spegnerle con secchiate d’acqua gelida;

sono un castello imprendibile,

io amo e non amo,

io sono un istante soave

che precede l’apice dell’uragano;

sono solo l’occhio del ciclone,

posso donare venti minuti di pace solenne

e poi lascio che si scateni lo scatafascio.

 

Però, negli ultimi due anni

sono stato preda del vortice delle mie passioni,

sono vissuto grazie a loro,

sono sopravvissuto

anche quando mi sarei voluto fare del male,

durante i momenti di sconforto.

Perché, mi ripeto, io sono la pace momentanea

seguita da una lunga guerra;

io sono la breve passeggiata

prima di una brusca e dolorosa caduta.

Sono caduto tante volte,

non avevo i parastinchi,

ne sono uscito con le ginocchia sbucciate

e con le mani insanguinate,

anzi, una volta me ne sono pure amputata una.

Mi sono rialzato solo perché amavo;

ho amato la vita, le mille fiamme che mi offriva,

il fatto che non avessi regolarità,

il fatto che mi piacesse essere veramente un randagio,

un senza patria,

o semplicemente un incapace che si atteggia da profeta.

 

Ricordo l’orlo del precipizio,

ricordo

il sangue dai polsi,

dalla mia mano ormai a penzoloni,

ricordo che ho imbrattato i muri di rosso vermiglio

che un giorno sono stato salvato in extremis,

poiché era pure un festivo.

Ricordo, e gli spettri danzano attorno a me;

ma ho un fuoco dentro che arde, è la passione,

essi non possono lenirmi.

È la passione che mi tiene a galla,

anche quando ho quella voglia perversa

di spegnermi

di lasciarmi andare.

E’ la passione che mi permette

di non sparire per sempre

di credere che un giorno

essa albeggerà nel medesimo modo

e in maniera condivisa e sincera

nel cuore di qualcun altro.

Che non sono solo,

anche gli altri soffrono.

 

E allora, quei fari sulle colline

possono acquistare un senso;

sono metafore della vita,

sono metafore dell’attaccamento

all’esistenza.