Kintsugi

di Helliegoland
(/viewuser.php?uid=1054212)

Disclaimer: Questo testo proprietà del suo autore e degli aventi diritto. La stampa o il salvataggio del testo dà diritto ad un usufrutto personale a scopo di lettura ed esclude ogni forma di sfruttamento commerciale o altri usi improri.


Lista capitoli:
Capitolo 1: *** Kintsugi 1 ***
Capitolo 2: *** Kintsugi 2 ***



Capitolo 1
*** Kintsugi 1 ***


Svegliarsi era sempre stato un problema: ai tempi della scuola ci riusciva grazie al poco garbo con cui Akane gli versava addosso acqua gelida, o urlava a squarciagola che era tardi e che non sarebbe mai maturato. 
Passati due anni dal diploma, che a stento era riuscito ad ottenere, non era cambiato molto: in quel tempo mandava avanti la palestra di arti marziali indiscriminate, come da accordi, insieme alla fidanzata, sottoponendo gli allievi a duri addestramenti che avevano il compito di scovare i vigliacchi tra chi era davvero interessato a quella nobile disciplina. Né lui ne Akane si risparmiavano: insegnavano insieme fin dal primo mattino e quel giorno non sarebbe stato da meno.
Fece un lungo sbadiglio accompagnato da una lacrima. Stirò i muscoli rendendosi conto di quanto facessero male. Non ricordava affatto di aver compiuto dei kata potenti il giorno prima, eppure l'acido lattico si diramava su tutto il corpo. 
"Che sia stato il sogno?".
Sapeva in effetti di aver fatto un incubo, ma a parte la fidanzata terrorizzata da lui non ricordava altro. Fece un altro sbadiglio e si mise seduto ammirando la luce fioca che attraversava le finestre di carta. Era arrivato il momento di alzarsi: scostò le coperte e ripiegò il futòn posandolo in un angolo della stanza. Suo padre non c'era quindi la giornata era iniziata davvero bene. Aprì la fusuma con l'ennesimo sbadiglio e incrociò la sua fidanzata intenta a scendere le scale.
"Buongiorno Ranma", gli disse con un sorriso radioso. Ah, già. Oggi era il suo compleanno.
"Buongiorno Akane", replicò timido grattandosi il retro della testa. 
Si avvicinò a lui sorprendendolo non poco, con un abbraccio. Rispose delicatamente a quel gesto che, ormai, si sentivano liberi di fare. Sospirò triste rendendosi conto che oltre questo contatto non c'era stato nulla. 
"Buon compleanno", gli disse sorridendo felice. Alzò piano la testa guardandolo negli occhi. Davvero le stava bene così? Cercò di stringerla più a se.. forse poteva azzardare una mossa in più. La chiamò con voce roca prendendole il viso usando entrambe le mani , stando bene attento a non abbassare lo sguardo sul seno che premeva sul ventre. Per l'ennesima volta lei si scostò accampando la solita scusa che c'erano tutti in casa e che non potevano permettersi altri gesti, o li avrebbero fatti sposare seduta stante. Possibile che non potesse avere altri contatti con la donna che amava?.
Frustrato si allontanò poco, ma lei restituì uno sguardo deluso a sua volta che in un attimo gli fece tornare in mente l'incubo che aveva fatto. Pentito, tornò sui suoi passi abbracciandola più forte di prima, posando una guancia sulla sua testa.
"Promettimi che non avrai mai paura di me. Mai. In nessuna circostanza".
Akane trasalì a quella richiesta tanto bizzarra quanto inaspettata, ma decise di stare al gioco annuendo. Si staccarono e ognuno tornò eretto , voltandosi in diverse direzioni come macchine pronte a fare il proprio dovere.

 

                                                                                §

 

Correva svelta verso la cucina dove vi era Kasumi intenta a preparare le pietanze per la serata.
Aveva pensato a due regali e non riusciva a scegliere. Decise di chiedere consiglio alla sorella maggiore che era sempre stata la migliore nel capire quale fosse quello giusto.
"Sorellona, secondo te quale dovrei scegliere?", uscì fuori un gi con cucito il nome del festeggiato.
"Forse sarebbe piu' adatto ad un'altra occasione", le rispose dolcemente intenta a prestarle attenzione.
"Hai pensato a qualcos'altro?".
"Beh, sì, ma non voglio che lo vedano i nostri genitori. Penserebbero che stiamo per sposarci".
Trascinò dal corridoio un cesto di vimini con sù un etichetta cinese. Kasumi spalancò gli occhi e per poco non le volarono le pentole dalle mani.
"Come hai fatto ad averla?". Sì, quella era la scelta giusta.
"Me la sono fatta spedire dalla guida di Jusenkyo. Temevo non arrivasse in tempo ma l hanno portata questa mattina presto...".
"E' un regalo perfetto, ne sarà felice. Magari nascondilo in cucina così non avrai problemi".
Con un abbraccio lasciò Kasumi ai fornelli nascondendo con cura il regalo. Non aveva intenzione di far rovinare una sorpresa tanto importante per la seconda volta. Era sua e se la meritava. Mentre saliva le scale intenta a tornare nella sua stanza si bloccò pensando alla strana richiesta del fidanzato fattale al mattino: "promettimi che non avrai paura di me. Mai. In nessuna circostanza". Lei aveva annuito senza pensarci. In fondo perché avrebbe dovuto avere paura di lui? Possibile che quel baka non si rendesse conto di quante cose fossero cambiate dalla lotta contro Safulan nel monte Ho-oh? Non solo ne erano usciti vittoriosi, ma non erano mai stati più uniti. Una squadra, ecco ciò che erano. Ridestatasi da quei pensieri bui, tornò a salire le scale di fretta: era ora che quello stupido, il suo stupido, festeggiasse come si deve.
Che bugiarda. Voleva solo farsi bella ai suoi occhi con un regalo che l'avrebbe scioccato, ricordandogli ciò che era diventato, un VERO uomo, abbandonando quell'ingombrante, a suo dire, parte di se.


 
                                                                                       §

 

Nodoka era allegra e spensierata mentre si avviava a passo veloce verso la casa dei Tendo. Portava con se due pacchetti: la "saponetta dell uomo virile" comprata da quel simpatico negoziante cinese, e sette okonomiyaki presi dalla piccola Ukyo. Si sentì in colpa quando comprò il suo cibo senza che fosse stata invitata. L imbarazzo era palpabile ma con la scusa del festeggiamento tra familiari era riuscita a non farsi tempestare di domande. Diede un occhiata al cielo e si rese conto di essere un po in ritardo. Quasi fece una corsa nonostante fosse vicina, finché un urlo non la fece rallentare di fronte l ingresso.
"Brutto vecchiaccio! non indosserò mai un reggiseno!".
"Ma dai Ranma, fa felice questo povero vecchio! in fondo anche la tua parte femminile compie gli anni ed ho pensato di fare un regalo anche a lei".
"Maledetto! ti faccio vedere io!".
Un fuoco d'artificio si levò dalla direzione della sala da tè di quella che ormai, era anche la sua casa. Il maestro era forte ma non aveva compreso il dolore provato dalla sua famiglia a causa di tutti i danni fatti dal marito, portando loro figlio alle sorgenti maledette trasformandolo per metà in donna. Entrò togliendo le scarpe sul Genkan avviandosi nella sala da tè, dove trovò Genma e Soun intenti a rimpinzarsi. Nabiki invece aveva il suo solito sguardo annoiato e reggeva la testa con una mano sbuffando in direzione opposta ai due storici amici. Akane aveva un'aria tra l'arrabbiato e l'imbarazzato, Kasumi, ormai abituata a quelle scenette le andò incontro dandole una mano a posare il pacco più pesante, dicendole che era in perfetto orario e che stavano aspettando lei per cominciare a mangiare. Se non fosse stato per gli uomini "maturi" la frase sarebbe stata azzeccata. 
"Cara, cos'erano quei fuochi d'artificio? Dov'è mio figlio?".
"Quello era l'happodaikarin del maestro", rispose secco Genma con la bocca piena, con la mano intenta a rubare un okonomiyaki che prontamente Nabiki allontanò. 
"E nostro figlio?".
Ranma, o meglio Ranko, tornò in quel momento con le scarpe di due taglie più grandi in mano, completamente fradicia. Corse nella sala ma del vecchio non vi era nessuna traccia. Di sicuro era andato a svaligiare qualche negozio di biancheria intima. La presenza di sua madre gli fece venire un brivido: anche se non portava più la katana con se non si era ancora abituato a mostrarsi da ragazza da quando aveva saputo la verità.
"Vado subito a lavarmi. Quel vecchiaccio mi ha fatto volare in un laghetto non lontano da qui'. Torno subito".
"Aspetta, prendi questo".
Nodoka gli diede un pacchetto piccolo quanto una confezione di fazzoletti. 
"Questo è per te , considerando l'occasione credo che ti sarà utile", disse al figlio con un sorriso dolce.
"G-grazie mamma".


 
                                                                                      §

 

Intimidito, Ranma si congedò con un inchino imbarazzato, sgattaiolando in corridoio diretto al bagno. "Un regalo dalla mamma. Non sono abituato a cose simili. Cosa mi sono perso in questi anni".
Una volta entrato nell'antibagno, si tolse i vestiti bagnati e aprì il pacchetto: conteneva una scatola rossa decorata con dei dragoni perlacei, con dentro una saponetta. 
"Bene, un ottima scelta per l'occasione!".
Quel sapone però era strano: si consumava in fretta e non aveva nessun odore. Magari lo sentivano solo le donne, avendo innanzitutto ripreso il suo naturale aspetto. L ofuro se lo sarebbe goduto un'altra volta, per il momento sollevò il catino pieno d'acqua calda e se lo versò addosso. Lavato e vestito tornò con la testa fra le nuvole dove si trovavano entrambe le famiglie. Magari era la fame però cominciava a sentirsi un pò strano. I muri sembravano dilatarsi ad ogni suo respiro e il pavimento sembrò più morbido. Arrivato, cercò di mettere a fuoco ogni persona presente nella sala, quando vi scorse Akane. Non potè fare a meno di fissarla: in quel momento gli parve un angelo. 
L'occhiata, naturalmente, non sfuggì alla più furba delle sorelle Tendo.
"Ranma, è l'ora del dolce sì, però mia sorella non si mangia. Non così".
"Nabiki!", la rimproverò Akane con una finta rabbia.
"Finalmente ti accorgi della bellezza della tua fidanzata, eh ragazzo?", rispose Suon ad occhi chiusi sorseggiando del tè.
"Oh cielo! I mochi sono rimasti in cucina", disse Nodoka cercando di ristabilire gli equilibri. Stranamente suo figlio non le diede modo di pensare che fosse in imbarazzo.
"Perché non andate insieme, Akane? Sembra proprio che Ranma non veda l'ora di rimanere solo con te", disse arcigna la mezzana che a stento tratteneva un ghigno compiaciuto.
La mora era pronta con le mani davanti al viso in segno di diniego quando vide Ranma andare in corridoio in tutta calma.
"Beh? andiamo?", le disse sorprendendo tutti.
C'era ben poco da fare. Si alzò e lo seguì a testa bassa trovando più interessante il pavimento che la schiena del suo aitante fidanzato. Di solito quando erano costretti dalle loro famiglie a fare qualcosa insieme, uno dei due si ribellava per paura di far pensare a matrimoni e nipoti in arrivo. Ma in fondo che importava? Sarebbero dovuti andare lo stesso in cucina.
La stanza era buia e non gli era venuto in mente di accendere la luce prima di varcare la soglia. Ci pensò Akane a farlo ma non gli permise di entrare.
"Che fai ferma lì? Entra", disse con una tranquillità tale da intimidire non poco la fidanzata. 


Entrata in cucina si sentiva così imbarazzata che le guance le presero fuoco. Se le tastò per verificare che non si levassero fiamme. Ranma aveva un aspetto sicuro e rilassato, nonostante sapessero entrambi di essere soli e di rimanervi finché non sarebbero tornati dalla cucina coi mochi. Quando lo vide girarsi e guardarla come un lupo affamato , squittì che il suo regalo si trovava proprio in quella stanza, prima che potesse muovere un muscolo e saltarle addosso. Lo vide studiare l'ambiente alla ricerca dell oggetto in questione senza riuscire a scorgerlo. Arresa si avvicinò in uno scaffale tirando fuori la cesta ricolma d'acqua.  Per un momento le parve di vedere gli occhi del codinato saettare velocemente da un lato all'altro , senza riuscire a scegliere cosa in quel momento gli interessasse di più. 
Il disagio prese il posto della timidezza. 
"Ecco, tieni",spezzò.
"E' ciò che penso?", le chiese osservando del tutto la cesta. Un sospiro di sollievo si levò in lei.
"Verifica tu stesso", non poté evitare di sorridere. Aveva fatto centro e poteva godersi appieno la reazione del fidanzato.
Ranma si gettò l'acqua addosso fidandosi completamente di lei e, bagnato dalla testa ai piedi con acqua fredda, lo vide tastarsi ovunque per verificare che la trasformazione in donna non fosse avvenuta.
"La Nan Ni Chuan...". Gli occhi di Ranma tornarono più acuti su di lei.
Fu allora che il disagio tornò ad attanagliarle lo stomaco: la tirò per un braccio avvolgendola al petto, ridendo.
"Grazie.. oh grazie davvero". 
Stavolta non vi fu esitazione, poiché senza prenderle il viso chiedendo permesso alcuno, la baciò dolcemente sulle labbra evitando di schiuderle. Da quando si esprimeva così liberamente? Doveva ammettere però che nonostante fosse un piccolo bacio, era stato il loro primo VERO bacio consenziente. Più o meno. Si impose di stare ferma, ma l'abitudine era così forte da muovere le gambe senza che potesse opporsi. Gli diede un calcio sugli stinchi urlando che era uno stupido, scappando subito dopo verso la sala da tè. 
"Non può averlo fatto davvero! Mi ha baciata, senza permesso per giunta! Accidenti a lui! Non ero minimamente preparata per un gesto simile! Dannazione! Vorrei sprofondare ora, subito!".


 
                                                                                   §

 

La difficoltà nel mantenere un sonno ristoratore lo perseguitò fino alle 2:40 del mattino. Si svegliò dopo l'ennesimo incubo in cui lottava contro dei mostri invisibili, perdeva i suoi cari o si ritrovava sconfitto senza possibilità di muoversi. Una volta seduto gli dolevano le mani e aprendole trovò segni di unghie; doveva aver stretto i pugni. La cosa che più lo scioccò però non era questo, neanche il bagno di sudore e il tremore che l avevano accompagnato, piuttosto qualcosa di appiccicoso nella sua zona più intima. Non era di certo la prima volta che succedeva. Nei suoi ormai 19 anni conosceva bene il suo corpo sotto ogni aspetto.
Si controllò alla bene e meglio ma essendoci sua madre nella stanza con lui e quell odioso panda, non voleva rischiare di fare una figuraccia. Andò verso il bagno dopo aver bevuto un bicchiere d'acqua in cucina e si ricordò della sensazione che gli aveva dato abbracciare Akane. Era morbida, forte, calda... Il suo odore l'aveva ancora addosso. L'aveva baciata con tanta naturalezza da rimanere scioccato. Sentiva che dentro di se qualcosa stava cambiando. Magari era stufo di rimanere nello stesso punto? La sua natura avventurosa premeva così tanto? Aveva bisogno di qualcosa in più nella vita, questo era un dato di fatto ma non sapeva da dove cominciare.
Una voglia crescente faceva pressione nell'intimo ancora da lavare, e decise che era meglio darsi da fare invece di rimanere imbambolato a fantasticare sul suo maschiaccio. Arrivò nell antibagno togliendosi la maglietta per poi bloccarsi subito dopo per un capogiro, che lo fece poggiare sul lavabo guardando dapprima il vuoto, poi la sua immagine riflessa nello specchio: sembrava sull orlo di una crisi di nervi. Solo alla fidanzata aveva visto fare un espressione tanto accigliata. Una fitta allo stomaco gli fece stringere la porcellana tanto forte da romperla. Si guardò le mani e subito dopo fece caso a ciò che aveva tra le gambe.
"Possibile che non ti sia sfogato completamente? Hai rischiato di farmi fare una figuraccia davanti a mia madre, accidenti a te!".
Non vedeva l'ora di farsi un bagno, l'ennesimo, e ritirarsi nella sua stanza cercando di recuperare quel poco sonno che gli rimaneva. L'unica cosa che poteva aiutarlo era pensare ad Akane che si allenava nel cortile di casa, che rompeva pile di mattoni in un solo colpo, che sferrava calci con forza al di sopra di ogni donna comune. Quel maschiaccio l'aveva conosciuta proprio così: forte, energica e piena di vita, dapprima gentile con la sua versione femminile ma un mostro assetato di sangue con la sua versione maschile: "E' per questo che ti è sempre stata a cuore, brutto idiota", pensò. 
Poi un'altro capogiro, più forte del precedente lo fece cadere sulla porta che separava il bagno dall'antibagno, sbattendo la testa per terra.
Fu così che il "sonno" ristoratore lo portò fra le braccia di Morfeo.


 
                                                                                       §

 

Erano le sette del mattino quando qualcuno, con poca grazia, bussò più volte quasi a sfondare la porta. Poco dopo l'avrebbe fatto sul serio.
"Figlio degenere! Che diavolo ci fai chiuso li? Il bagno non è solo tuo!". Un Genma poco cortese e molto arrabbiato entrò nell antibagno rimanendo interdetto: la canotta e le mutande di suo figlio lasciate in mezzo alla stanza, il lavandino rotto e parte della fusuma sfondata.
"Cos'è successo? sta bene?", le voci preoccupate di Kasumi e Nodoka non furono sufficienti a fargli togliere gli occhi da quello scempio. Poi mise a fuoco oltre il buco creato nella porta e si gelò.
"Non entrate, me ne occupo io".
Le sue parole furono mal prese da entrambe le donne che non fecero che accrescere le loro ansie, soprattutto di sua moglie. Mentre spostava la porcellana rotta del lavandino per evitare di ferirsi, udì Nodoka che, con voce preoccupata, spiegava a Kasumi che non aveva trovato Ranma a letto, né da nessun'altra parte. Quindi era rimasto solo da controllare il bagno, e per fortuna era lì. Anche se il tono del marito non la rassicurava di certo sulle sue condizioni.
Genma si avviò aprendo le ante e trovò suo figlio steso a terra, completamente nudo con la faccia deforme dalla rabbia e un rivolo di sangue, ormai rappreso, che gli colava da un orecchio. 
"Ma tu guarda che razza di figlio mi ritrovo. Hey Ranma! Svegliati! Il bagno non è solo tuo e quì ci vivono anche delle donne, se te ne fossi dimenticato! Ma poi, che diamine hai combinato la fuori?!".
Il ragazzo si svegliò di soprassalto con gli occhi sbarrati ma con la consapevolezza di aver combinato un guaio. Si mise appollaiato col capo chino e una mano sulla fronte, spostandola poi sull orecchio grattando via il sangue secco.
"Sbrigati. C'è gente qui fuori che aspetta solo te per potersi fare un bagno".
Ranma non rispose, si limitò a guardarlo accigliato. Ma perché se ne stava ancora lì a fissarlo con quella faccia da ebete? Gli dava su i nervi.
"Se solo non avessi avuto un figlio stupido come te, non mi ritroverei a dovermi scusare continuamente con tutti".
"Ora basta, vattene subito vecchio! Quì ci penso io ma adesso chiudi quella fogna e lasciami solo". L'aura combattiva del codinato si espanse per tutto il bagno facendo venire la pelle d'oca al padre, che si girò su se stesso e se ne andò borbottando.
"Maledizione, questa non ci voleva. Per lo meno non mi hanno beccato gli altri. Non ho neanche fatto il bagno. Argh! Dov'è il sapone della mamma?".


 
                                                                                           §

 

Akane scendeva per le scale pronta a mandare giù un boccone. Si accomodò nel kotatsu con i piatti già in tavola e chiese che ore fossero, prendendo un pò delle prelibatezze cucinate da Nodoka.
"Sono le 9:00 cara".
"Mmh, strano. Di solito non mi sveglio così tardi. Ecco perché siamo sole zietta".
Nodoka si bloccò mentre portava dei piatti a lavare
"Beh , in realtà non proprio. C'è Ranma di sopra che dorme. Stanotte deve essersi sentito male. Non ha nemmeno voluto fare colazione che dal bagno è tornato su a stendersi".
Akane si fermò con le bacchette in aria pensierosa. Perché la zietta continuava a darle le spalle?
"Davvero? Ha mangiato qualcosa che gli ha fatto male? io non ho cucinato, giuro!".
"No cara, non credo sia un problema del genere".
"Magari appena finisco qui' vado a trovarlo".
La donna non si mostrò particolarmente felice dell'affermazione della nuora.
"Non credo sia una buona idea. Potrebbe essere contagioso.. perché invece non...".
La donna si girò per vedere una reazione che dimostrava di averla convinta. Invece si ritrovò uno sguardo indagatore che aveva visto solo in Nabiki.
Sospirò arresa e si avviò in cucina con i piatti sporchi , avanzando lentamente e rimuginando sul da farsi. Forse l'unica a poter aiutare il figlio era proprio la fidanzata.


 
                                                                                          §

 

Finita la colazione, la mora salì le scale avviandosi verso la stanza dei Saotome, immaginando che con un po' di allenamento mattutino si sarebbe ripreso. Arrivata di fronte la porta si sentì rabbrividire: un'aura minacciosa, pronta a scattare , si aggirava oltre quelle ante. Magari per ora lo avrebbe lasciato in pace.
Passarono diversi giorni da quando non lo vedeva in giro per casa. Aveva provato a cercarlo da Ukyo e da Shan Pu, e adesso gravava su di lei una mezza idea che fosse partito senza dirle nulla, ma tutti le assicuravano che stesse bene e che stava seguendo un regime d allenamento molto pesante che prevedeva l isolamento. 
Si sentì infastidita, non tanto perché le mancava Ranma, piuttosto perché le evitavano di vederlo o di darle notizie concrete. Non c'era mai durante i pasti, né durante gli allenamenti ne in nessun altro contesto. Non era riuscita ad incrociarlo nemmeno quando qualche sera prima, si era appostata dietro la porta della sua stanza spiando i movimenti della casa. Niente. 
Ricorrere a Nabiki era l'ultima chance che le rimaneva.
"Allora? Dove si nasconde? Come sta?".
"Da quello che ho scoperto, cara sorellina, è che l hanno rinchiuso in palestra. Dorme dove teniamo gli attrezzi e non fa altro che allenarsi. Qualche volta anche durante la notte. Se vuoi scoprire di più, potrebbero volerci altri mille yen, ma per te farò uno sconto", concluse la mezzana con un immancabile occhiolino e il palmo aperto verso la sorella. Ma ad Akane bastavano queste informazioni per poter agire e scoprire cosa stava realmente succedendo. In fondo erano una squadra, no? E quell'aura. DOVEVA saperne di più. 
Per cena, con una scusa, aveva evitato di toccare qualunque pietanza preparata apposta per lei, la mise in un vassoio assicurandosi di non essere beccata e quando si fece abbastanza tardi si avviò in palestra. Ora che ci faceva caso non vedeva neanche il signor Genma da parecchi giorni. Il percorso dalla casa al Dojo non fu tra i più rilassanti: sentiva una strana tensione all'addome come quando doveva combattere. Sospettava ci fosse qualcosa in più rispetto agli allenamenti folli a cui lo sottoponevano, non sapeva spiegarlo ma.. lo sentiva. Anche il suo corpo lo percepiva dacché era arrivata alle porte del dojo e il vassoio che teneva fra le mani tremava, così come anche le gambe, ed era particolarmente rigida. Il dado era tratto e non poteva ne voleva tirarsi indietro. 
Aprì lentamente la porta e vi scorse finalmente Ranma che si allenava a piena potenza. I Kata erano molto carichi, come se stesse lottando contro un nemico invisibile.
"Hey, ti ho... portato da mangiare".
"Che ci fai qui'? Vattene. Non vedi che mi sto allenando?".
Adesso più che rigida cominciava ad essere arrabbiata.
"Brutto idiota! Sei sparito e mi ero preoccupata!".
"Tu preoccupata? Ma fammi il piacere! Non riusciresti a provare un sentimento benevolo nei miei confronti neanche con la spilla della discordia!".
Da quando aveva ripreso ad insultarla così? Non accadeva da un mucchio di tempo.
"Ah si?Come puoi dire una cosa del genere mentre sono con la tua cena , o meglio, la mia cena che ho rifiutato per darla a te?".
Ranma diede un occhiata furtiva alla fidanzata. Notò che non procedeva verso di lui. Fu allora che si fermò e decise che era arrivato il momento di riposare. Si stese a terra con un braccio che copriva gli occhi e respirava a pieni polmoni per recuperare un po' d'aria.
Agli occhi della mora sembrava frustrato, arrabbiato e pieno di rancore. Ma che stava succedendo? 
Posò il vassoio in un angolo e si diresse a passo felpato verso di lui temendo che qualsiasi suono avrebbe emesso lo avrebbe fatto scattare. Non appena si piegò verso di lui lo osservò meglio: aveva l'aria di chi si è consumato dentro e fuori. Notò segni di colluttazione un po' ovunque e le nocche erano lacerate. Doveva aver lottato contro qualcuno con la ferocia degna di un demone. Il suo odore poi... era...diverso. 
"Akane, se stai li imbambolata a fissarmi non mi sei di aiuto".
"Combattiamo".
"Ccosa?".
"Sì, combattiamo. Da un pò non mi alleno con qualcuno che sia più forte di me, e poi voglio vedere cosa ti hanno insegnato di nuovo".
Si alzò con un colpo di reni guardandola dritta negli occhi creandole un certo disagio. Si mise in posizione d attacco e Akane lo seguì facendo prima un inchino.
"Non mi aiuti per niente".
Sferrò un calcio che Ranma parò, con la rotazione del polso la fece cadere, ma si rialzò subito. Neanche il tempo di sollevare il volto che si trovò a dover parare l' Amaguriken del codinato. Si abbassò scivolando sulla schiena lanciandolo dietro di se , lui fece un salto rotante atterrando sui piedi, con le mani giunte e gli occhi chiusi. Prese un bel respiro e gli corse contro, ma notò che Ranma stava concentrando una sfera di qi sulle mani. Scivolò sul pavimento sferrando un calcio alla caviglia, o almeno così sperava. 
"Non puoi allenarti con me, sei troppo debole".
"E tu sei troppo irritabile! che stavi facendo? volevi lanciarmi contro il Mokotakabisha? Da quando sei così violento con le donne?".
In un attimo si ritrovò con la schiena contro il muro e le mani unite sopra la testa. Il "crack" dei polsi tenuti insieme da una sola mano di Ranma non la confortava affatto. Il dolore arrivò furente come l'attacco appena ricevuto. Un urlo le graffiò la gola.
"Non mi aiuti affatto. Vattene prima che sia troppo tardi".
"No!". Cercò di sferrare una ginocchiata poco sportiva e priva di tecnica tra le gambe del fidanzato pur di liberarsi da quella morsa pericolosa che poco prima le avevano spezzato i polsi.
D'altro canto al codinato venne facile ribaltarla a terra , sovrastandola e bloccandole le gambe con entrambe le ginocchia.
La carica che sentiva si trasformò in paura quando vide lo sguardo del fidanzato studiare la sua figura: aveva una strana luce negli occhi;sembrava posseduto da Happosai ma con una potenza maggiore 100 volte. Con quasi nessuna fatica strappò il gi giallo all'altezza del petto mettendoci più forza di quanto fosse necessaria. Akane tremava vistosamente , poi lui si piegò su di lei cominciando a morderla, graffiarla e palparla come se le volesse strappare via la pelle. Era sicura che in qualche punto l'avesse fatto. Cercava di lottare per quanto potesse ma per contrastarla le sferrava dei colpi precisi aumentando a dismisura il dolore che già provava. Cominciò a piangere e dimenarsi , ma Ranma non si fermava. Continuava a molestarla con violenza come se non avesse più il controllo dei suoi gesti. 
"Dannazione! guardami! Guarda cosa stai facendo!". Il viso del moro si sollevò e la fissò in volto per la prima volta da quando aveva perso il controllo di se. Lei stava... piangendo? Non stava solo piangendo, era terrorizzata. Aveva paura di lui , dei suoi gesti , della sua violenza e della stramaledetta "malattia" che l'aveva colpito la notte del suo compleanno. La fissò meglio: polsi rotti , tumefazioni nell' addome, morsi e graffi ovunque. Si alzò spaventato a morte e disgustato da se stesso, si tolse la casacca e coprì il corpo che aveva martoriato come meglio poteva. 
"Vado a chiamare aiuto, mi dispiace Akane, perdonami". Uscì correndo dal dojo.

Ritorna all'indice


Capitolo 2
*** Kintsugi 2 ***


Corse più veloce che potè fregandosene di sembrare un pazzo e di svegliare l’intero quartiere: Akane era in pericolo ed era colpa sua.
Ebbe la sensazione che il percorso tra Dojo e casa si allungasse invece di accorciarsi. Forse perché contava i secondi in cui Akane rimaneva in quelle condizioni, forse perché il tempo sembrava essersi fermato andando contro ogni sua volontà. Si sentiva in colpa, un mostro.

Varcò la soglia d'ingresso e cominciò a chiamare isterico Kasumi e sua madre, correndo di qua e di la sentendosi disorientato e sempre più agitato. Le sensazioni che aveva avuto nel dojo di rabbia, frustrazione e rancore lo avevano completamente abbandonato lasciando che in lui regnasse la paura più pura, animale. Non voleva perderla. Anche se lo avesse odiato per sempre non DOVEVA perderla.

Dalle scale scese in vestaglia sua madre con aria assonnata che gli intimò di calmarsi e che qualunque cosa fosse successa non doveva coinvolgere i Tendo. Perché quell'affermazione? Naturalmente se ne fregò sgattaiolando tra il corrimano e Nodoka andando dritto in camera di Kasumi che trovò sveglia, a trafficare nella cassetta del pronto soccorso.

"Dov'è?", chiese freddissima la giovane donna.

"Il dojo, non voleva andarsene...Kasumi ho paura".

Col viso pieno di lacrime l'accompagnò, seguito da Nodoka.

"Non entrare", gli intimò Nabiki spuntata da chissà dove parandosi tra lui e le due donne, intente a scoprire in che stato fosse la ragazza. Lo scrutava dalla testa ai piedi, come se guardandolo riuscisse a capire il danno inflitto alla sorella minore, poi uscì sua madre lasciando entrare la mezzana. 

"Corro a chiamare il dottor Tofu", affermò congedandosi triste.

Ranma si volse per vedere dentro la palestra e gli parve di sentire dei singhiozzi, non capendo da chi venissero. 
Dal buio uscì Nabiki inviperita al punto che Ranma non poté fare a meno di pararsi agli schiaffi che lei gli diede. Non credeva sapesse essere tanto forte.

"Come hai potuto ridurla così, maledetto bastardo?! Cosa ti dice la testa?! Capisco tuo padre ma lei!? Che ti ha fatto per farti essere tanto animale?".

Piangeva, forte. 
Non ricordava di averla mai vista tanto sconvolta. 
Immobile prese tutte le botte dalla cognata finché stanca, si arrese. Avrebbe preferito che lo pugnalasse al cuore per farlo smettere di soffrire tanto e di far soffrire gli altri. 
Nabiki si poggiò sulle ginocchia a terra lasciando fluire un pianto disperato senza vergogna alcuna.
Si alzò poco dopo asciugando le lacrime con la mano, prese un respiro profondo e aprì gli occhi fissandolo seria. Un brivido non poté fare a meno di percorrergli la spina dorsale per tutta la sua lunghezza.

"Vattene ora, non farti vedere mai più da queste parti".

"Ma io...".

"Vattene ho detto! Sparisci! Non hai portato che guai in questa casa e sofferenza nel cuore di nostra sorella!".

Ranma insistette per vedere almeno un'ultima volta la sua fidanzata prima di sparire come ordinato. Fu allora che incrociò gli occhi di Kasumi: vi era una delusione tale da sotterrarlo dopo essere stato picchiato con una mazza chiodata. Le parole erano futili adesso, così come anche i gesti, a parte uno: andarsene con la coda fra le gambe senza rendersi conto che aveva cominciato a piovere.

 
§
 


"La situazione non è delle migliori: una delle fratture ha perforato una vena ed ha un emorragia al braccio. Devo farle delle trasfusioni. Informatemi quando vorrà parlare. Adesso è in stato di shock e sono preoccupato per la guarigione: mente e corpo sono un'unica cosa".

"Ci fidiamo di lei dottor Tofu".

Dalla corsa in barella in ospedale riusciva a captare qualche conversazione qua e la senza riconoscere nessuno. Tutto appariva sfocato e traballante: probabilmente le avevano dato un anestetico per alleviare il dolore. In effetti non sentiva nulla a parte un leggero intorpidimento. Era confusa e disorientata, anche mentre le toglievano le stecche provvisoriamente messe dalla sorella maggiore. Dovettero chiamarla più e più volte per attirare la sua attenzione: le voci apparivano ovattate, come se le parlassero da sott'acqua. Si dovette sforzare parecchio per comprendere ciò che il medico le diceva. Si arrese all'ennesimo tentativo e cominciò a rispondere a monosillabi a qualunque cosa o abbassando poco il capo in segno di assenso.
Quando la lasciarono sola si guardò i polsi, le gambe e il ventre lenta come un bradipo. Aveva garze e fasciature ma pur sforzandosi non sentiva nulla. 
Era come uscita fuori dal corpo, in una dimensione opposta. L'unico pensiero che si formulò dentro la testa fu "non è successo a me". Chiuse gli occhi e fredda come il ghiaccio si estraniò ancora di più.


 
§


 

Non sapeva da quanto camminava, non contava più il tempo. Non contava più nulla. Voleva essere certo di non aver esagerato, di non averle fatto troppo male. Era già stato un duro colpo ridurre il suo vecchio ad un inutile ammasso di carne, quale pensava fosse. L'ennesimo scontro verbale gli fece completamente perdere la testa. Da un po’ di tempo non era più se stesso. Ogni reazione era mille volte amplificata e tremava al solo ricordo di cosa aveva fatto: suo padre si burlava di lui per come lo aveva ritrovato in bagno, quella mattina, dopo aver sistemato il casino che aveva fatto. Il vecchio non smetteva di stargli addosso vomitandogli insulti umilianti che proprio non aveva bisogno di ricevere. Il vaso della sua pazienza si riempì fino a traboccare, non di acqua ma di lava: il suo corpo ribolliva di ira ed era pronto ad esplodere.
Esplose eccome.
Gli saltò addosso in corridoio rompendo le assi di legno, premendo le mani sulla testa facendolo urlare; Lo prese per la gola strozzandolo e da quella bocca uscì un suono gutturale orribile. Pur di farlo smettere cominciò a prenderlo a pugni continuando a stare su di lui. Non rispondeva più, ma non ne aveva abbastanza: si alzò e lo prese a calci nelle anche più forte che poteva riducendo il bacino di suo padre in poltiglia. 
Arrivò col fiatone il signor Tendo che lo prese di spalle incastrando le braccia fra le sue tirandolo via dal padre.

"Kami ragazzo! Ma che diavolo stai facendo?!".

Cercava di liberarsi da quella morsa infernale finché non arrivò con un balzo il vecchio Happosai che gli premette uno tsubo nella nuca facendolo svenire all'istante.

"Dobbiamo tenerlo a bada finché non passa l'effetto del sapone".

"Quale sapone, maestro?".

"Quello che quest'idiota ha finito stamane facendo il bagno".

Soun lo guardò fisso mentre il vecchio maestro teneva le braccia incrociate al petto ad occhi chiusi. Non era mai stato tanto serio e capì che ne aveva motivo guardando il suo amico: il bacino aveva una forma impossibile. Respirava a mala pena, dovevano sbrigarsi ad aiutarlo.
Happosai si avvicinò a Ranma che giaceva svenuto a terra, sperando che non si svegliasse troppo presto.

"Kami. E' così forte il rancore verso tuo padre?"

Il giorno dopo Ranma si ritrovò chiuso nel dojo legato come un salame, per di più imbavagliato. Le ante si mossero lasciando entrare un fioco raggio di luce da dove ne uscì il vecchiaccio. S'incamminava a passo sicuro nella sua direzione con le mani giunte dietro la schiena e un aria saggia, poi si accomodò di fronte tirando fuori la sua amata pipa. 

"Ragazzo, sei ammalato: il tuo Qi è pervaso da troppa energia e potenza che ti ha reso un mostro senza controllo, dico bene?".

Ranma in tutta risposta lo osservò con tanto d occhi.

"Ascolta: non devi ASSOLUTAMENTE lasciare questo posto. Sfogati allenandoti più che puoi perché potresti fare del male anche alle ragazze, e sai meglio di me cosa potrebbe succedere se ciò accadesse". Fece una pausa aspirando profondamente il fumo dalla pipa.

"Ti insegnerò degli Tsubo da stimolare quando sarai troppo agitato".

Ranma abbassò lo sguardo ricordando l'ultima cosa che avesse fatto. Incrociò di nuovo gli occhi con il vecchio maestro che lo informò sulla condizione fisica del padre. Prima di congedarsi, prese un altro profondo respiro dalla pipa, gettò la cenere per terra e alzandosi andò via, lasciandolo con le sue ansie.
Suo padre era paralizzato a causa sua? Kami, non credeva di avergli fatto tanto male. Cercò di mordersi la lingua e si accorse di essere imbavagliato oltre che legato. Era diventato così pericoloso?
 
I primi giorni furono interminabili, ma per lo meno poteva distrarsi dai sensi di colpa. In poche ore aveva imparato a premere correttamente gli Tsubo che gli insegnava il maestro, anche se, nel contempo, aveva sviluppato un ossessione morbosa per Akane. Che la malattia lo portasse anche a questo? Pensarla giorno e notte non aiutava a calmarlo. Cercava di debellarla dalla sua mente usando sotterfugi per smettere di immaginarla.
A questo punto Happosai lo introdusse nella meditazione profonda al solo scopo di controllare i suoi impulsi.
Poi il vecchio sparì per due giorni. Quarantotto ore che pesarono su di lui come un macigno, anche se non si aspettava di riuscire più o meno a cavarsela: i kata erano più potenti, l'amaguriken più veloce e preciso, il mokotakabisha pressocché perfetto quasi ai livelli dello shishi hoko dan di Ryoga. Ma lei... lei si insinuava sempre di più nei suoi pensieri fino a stordirlo. Così, per contrastare, tutto il giorno non fece altro che allenarsi fino a morire di fatica. Poi eccola... entra nel dojo con un vassoio e...


"Lanma, finalmente io tlovato te".

"Shan pu? ma dove.. ".

Si guardò attorno e notò alberi, siepi, panchine e prati verdi. Perso nei ricordi era arrivato al parco  e aveva pure smesso di piovere. Guardò le stelle: l'alba non si sarebbe fatta attendere ancora per molto.

"Shan pu pleoccupata pelchè non vedele Lanma da molto tempo. Io avele legalo pel te".

"No ti prego, lasciami in pace. Ne ho abbastanza di...".

Le parole gli morirono in gola quando vide la sensuale ragazza avvicinarsi a lui ondeggiando, portava addosso una gonna cortissima e una maglietta striminzita che lasciava ben poco all'immaginazione.

"Tu non volele mio regalo? Io studiato tanto pel occasione. Noi essele soli adesso".

Era vicina, pericolosamente vicina. Una mano esperta frugò all'interno della tuta del codinato e la reazione fu immediata.

"Bene, io sapele che velità è che a Lanma piacele Shan Pu".

Le prese le spalle scuotendola forte. 

"La verità? vuoi la verità? BENISSIMO!".

La spinse a terra senza curarsi di farle del male, le strappò la maglietta riducendola a brandelli: ora se ne stava a petto nudo davanti a lui con occhi sgranati ma allo stesso tempo con accenni di malizia. Non si ribellò come Akane, stava lì inerme a cogliere l'occasione come una manna dal cielo. Non le bastava? Ottimo. 
Stavolta non gli importava minimamente se avesse ferito chi gli stava davanti, voleva solo sfogare tutta la frustrazione che aveva in corpo.


 
§
 



L'alba era sorta da poco e Obaba sapeva di doversi dare molto da fare. Era il giorno di pienone al ristorante e non poteva permettersi di perdere un secondo di tempo. Tra l'altro doveva controllare in che stato si trovasse Mousse, magari era riuscito a smaltire quella porcheria che poco intelligentemente aveva comprato dal venditore cinese, che tanto si proclamava onesto ma che era stato capace di procurare più danni che altro.
Da un po' di tempo a Nerima accadevano strani avvenimenti: c'erano stati ritrovamenti di donne ridotte alla stregua delle forze, zoppicanti e piene di lividi nei luoghi più disparati. Aveva deciso di indagare lei stessa dal momento che Mousse aveva cercato di molestare Shan Pu con esito drammatico, per lui.
Inoltre, cosa assai poco chiara, prima dell'aggressione li aveva sentiti bisbigliare giorni prima senza riuscire a decifrare una sola parola.
Era chiaro ormai che la veneranda età le giocasse brutti scherzi: i sensi non erano più quelli di una volta. 
Scendendo le scale arrivò di fronte lo sgabuzzino in cui lo aveva prontamente rinchiuso, non provando un minimo di senso di colpa. Quel ragazzo aveva esagerato.
Aprì la porta e la investì un odore nauseabondo: niente di ciò che aveva lasciato era in ordine o intero ma perlomeno Mousse se ne stava svenuto in un angolo, ancora nella sua versione maledetta. L'intruglio doveva aver funzionato. Certo, era messo male ma aveva potuto scaricare l'effetto di quella dannata polvere più in fretta. 
Forse era arrivato il momento di dargli un pò di tregua, dato che era rimasto lì tre giorni e tre notti senza mangiare. L'umiliazione subita dalla nipote, nonostante non fosse arrivato neanche a torcerle un capello, doveva pagarla. Le regole del villaggio imponevano che se un'uomo avesse osato mettere le mani addosso ad una sua abitante, costui meritava il bacio della morte. Eppure non vide la nipote darglielo...
Un rumore sordo la fece trasalire. Era l'alba, chi poteva mai essere a quell'ora?
Si diresse all'ingresso sul retro, non prima di aver preso di nuovo le precauzioni necessarie a tenere il papero ingabbiato. 
Oltre la porta vi trovò Shan Pu zoppicante, coi vestiti laceri e piena di ferite. Il viso era sconvolto e stanco, come se avesse lottato contro cento avversari.

"Nainai, qing rang women hui jia ba. (ti prego nonna, torniamo a casa)".

Queste furono le parole che uscirono dalla bocca della nipote prima di scoppiare in un pianto convulsivo.
Di fronte a quella scena inizialmente non seppe cosa fare, poi si riprese e l'aiutò a distendersi sul futòn al piano di sopra. 

"Parleremo di quanto è successo bambina mia, adesso riposa". 

Le disse con una carezza prima di uscire dalla stanza buia.
A quel punto ShanPu poté liberare un sorriso compiaciuto.






Ed eccomi tornata! Ho deciso di riscrivere la ff per cui ho creduto di essermi impegnata terribilmente, invece il risultato era na schifezza. 
Alcune parti saranno totalmente riscritte, altre corrette e ripostare perché, parliamoci chiaro: non si capiva niente XD 
Non ho idea di ogni quanto tempo pubblicherò, però mi impegnerò a farlo a cadenza regolare. Inoltre ho salvato tutti i vecchi commenti che, dopo anni, mi hanno spinta a credere di nuovo in questa storia :.D 
Grazie grazie grazieeeeee!!!!!!!


 

Ritorna all'indice


Questa storia è archiviata su: EFP

/viewstory.php?sid=3822433