Pillole

di Ronnie92
(/viewuser.php?uid=738999)

Disclaimer: Questo testo proprietà del suo autore e degli aventi diritto. La stampa o il salvataggio del testo dà diritto ad un usufrutto personale a scopo di lettura ed esclude ogni forma di sfruttamento commerciale o altri usi improri.


Lista capitoli:
Capitolo 1: *** N.s. 1 ***
Capitolo 2: *** Plin Plon ***
Capitolo 3: *** Paura dei cani ***
Capitolo 4: *** Risvoltino time ***
Capitolo 5: *** Becera idiozia ***
Capitolo 6: *** Nessuno come noi ***
Capitolo 7: *** Uomo senza pensieri ***
Capitolo 8: *** Una vita senza capo né coda ***
Capitolo 9: *** I see fire (pillole edition) ***
Capitolo 10: *** Riflessione ***
Capitolo 11: *** Like a Hurricane ***
Capitolo 12: *** Non è ***
Capitolo 13: *** Solo ***
Capitolo 14: *** Where Are Ü Now ***
Capitolo 15: *** Psycoparty ***
Capitolo 16: *** 2 cose ***
Capitolo 17: *** Considerazioni insignificanti sulla vita ***
Capitolo 18: *** dettagli ***
Capitolo 19: *** What if ***
Capitolo 20: *** Lettere all'uomo ***
Capitolo 21: *** Appartenersi ***
Capitolo 22: *** Quando whatsapp è un delirio per te ***
Capitolo 23: *** Nel treno ***
Capitolo 24: *** Immagina se ***
Capitolo 25: *** La follia di amare ***
Capitolo 26: *** E così va ***
Capitolo 27: *** Ipho(wtf)oone ***
Capitolo 28: *** Sull'ipocrisia ***
Capitolo 29: *** Sui Coldplay ***
Capitolo 30: *** Ho sentito ***
Capitolo 31: *** Momento Negan ***
Capitolo 32: *** Begbie ***
Capitolo 33: *** Where’s the revolution (?) ***
Capitolo 34: *** Parolaccia is the new black ***
Capitolo 35: *** L'Amicizia ***
Capitolo 36: *** Mi fa volare ***
Capitolo 37: *** Fidget Spinner ***
Capitolo 38: *** Sorri! Do iu no uer liv Giastin bbì? ***
Capitolo 39: *** Non ditelo ad Orwell, né a Gesù. ***
Capitolo 40: *** Dirty little secret ***
Capitolo 41: *** E' difficile ***
Capitolo 42: *** E niende ***
Capitolo 43: *** Too much ***
Capitolo 44: *** La poesia è una pu***na ***
Capitolo 45: *** Sull'umanità ***
Capitolo 46: *** No... sul serio ***
Capitolo 47: *** Sulle capre chiamate ***
Capitolo 48: *** Sullo sciopero dei professori universitari/Tredici ***
Capitolo 49: *** Tulipano Bianco ***
Capitolo 50: *** La sessione estiva: Genesi ***
Capitolo 51: *** La terra brucia ***
Capitolo 52: *** Sulla Recensione accattivante di flip flop ***
Capitolo 53: *** Sugli Haters ***
Capitolo 54: *** La finestra del bagno che affaccia sul balcone ***
Capitolo 55: *** E quando poi ti arriva un messaggio su EFP ***
Capitolo 56: *** Quella sconcertante verità ***
Capitolo 57: *** Su Death Note produzione Netflix ***
Capitolo 58: *** Ordinario ***
Capitolo 59: *** Il diritto di contare ***
Capitolo 60: *** Mi fa volare #pt20392346234 ***
Capitolo 61: *** PAMPLONA ***
Capitolo 62: *** Letto Odisseo ***
Capitolo 63: *** Ricordi? ***
Capitolo 64: *** Come quando... ***
Capitolo 65: *** Bene ma non benissimo ***
Capitolo 66: *** Trilla il telefono ***
Capitolo 67: *** Inno alla lamentela ***
Capitolo 68: *** Per strada ***
Capitolo 69: *** Contro ***
Capitolo 70: *** #thisisafuckinproblem? ***
Capitolo 71: *** #Puntidivista ***
Capitolo 72: *** Vorrei campare di scrittura ***
Capitolo 73: *** Pasqua con i tuoi, bordello con chi vuoi ***
Capitolo 74: *** Se in un palazzo... ***
Capitolo 75: *** Delirio post-onirico ***
Capitolo 76: *** Vuoi sapere come sono ***
Capitolo 77: *** Another day in Ansiadise ***
Capitolo 78: *** Ti voglio bene mammina (cit.) ***
Capitolo 79: *** Arriverà quel giorno ***
Capitolo 80: *** Pace interiore ***
Capitolo 81: *** Fenji e Bede ***
Capitolo 82: *** ITALIANA ***
Capitolo 83: *** #Lei ***
Capitolo 84: *** Pisciazzielli ***
Capitolo 85: *** Rescue me ***
Capitolo 86: *** Mi attengo alle Critiche ***
Capitolo 87: *** Paroloni ***
Capitolo 88: *** SOLDI ***
Capitolo 89: *** Clacson ***
Capitolo 90: *** Il saluto è degli Angeli ***
Capitolo 91: *** Il tifoso ***
Capitolo 92: *** Il papà di Hanna Montana è tornato! ***
Capitolo 93: *** Saitama Powa (OPM) ***
Capitolo 94: *** Ste_Ca***_De_Smart ***
Capitolo 95: *** uTube ***
Capitolo 96: *** Siamo tutti PARADISO ***
Capitolo 97: *** CaRot€ ***
Capitolo 98: *** SoulExpress ***
Capitolo 99: *** City Hunter a 26 Anni (versione pseudoseria) ***
Capitolo 100: *** I'M GIORGIA!!!!!!!!! ***
Capitolo 101: *** In memoria ***
Capitolo 102: *** B.F. ***
Capitolo 103: *** La legge del più forte ***
Capitolo 104: *** Buon Inizio di Fine Anno ***
Capitolo 105: *** I 4 minuti di pubblicità di Youtube sono illegali ***
Capitolo 106: *** Bella, Bella, Bellissima ***
Capitolo 107: *** Rafiki il mandrillo ***
Capitolo 108: *** La Pupa e il Secchione e Viceversa Insegna ***
Capitolo 109: *** 4 Maggio ***
Capitolo 110: *** Pensa a Rocco ***
Capitolo 111: *** "Beautiful Dangerous" ***
Capitolo 112: *** 16 Marzo ***
Capitolo 113: *** Il razzismo nel 2020 ***
Capitolo 114: *** Threats to the wind ***
Capitolo 115: *** Mezza Pariolina, Mezza Bora ***
Capitolo 116: *** Il nemico naturale dell'uomo ***
Capitolo 117: *** Piccolo Stupido Innocente ***
Capitolo 118: *** Salut fils de pourriture Bonne nuit fils des latrines ***
Capitolo 119: *** Riflessione Semiseria (In Altra Lingua) ***
Capitolo 120: *** La Signora che Butta giù i Monopattini ***
Capitolo 121: *** Cane Azzanna Cane ***
Capitolo 122: *** Vota Si/ Vota No ***
Capitolo 123: *** Mr. 23 ***
Capitolo 124: *** Pasquismo 2021 ***
Capitolo 125: *** Misundercompreso ***
Capitolo 126: *** "I Cartoni Animati sono per Bambini" ***
Capitolo 127: *** Approccio con le new generation ***
Capitolo 128: *** Il "culo" ***
Capitolo 129: *** Arrivaci tu settimo ***
Capitolo 130: *** Rivoluzione Loop ***
Capitolo 131: *** Venom ***
Capitolo 132: *** LA JUSTICIA ***
Capitolo 133: *** Jack Sparrow ***
Capitolo 134: *** Il mondo è di ***
Capitolo 135: *** L'Odio ***



Capitolo 1
*** N.s. 1 ***


Quando ascolto la musica ballo come un cretino, ma l’espressione del corpo, per quanto brutta, è sempre espressione! Fanculo il giudizio altrui. Non me ne frega niente. 

Ritorna all'indice


Capitolo 2
*** Plin Plon ***


 Plin Plon, annuncio alla spettabile clientela: Vorrei fare una premessa bella corposa, qui, in questa storia, in queste pillole, tiro fuori tutto il mio sarcasmo, cinismo etcetera etcetera! Pertanto critiche costruttive sono ben accette (no non è vero, proprio in questa storia non è vero, sarò onesto al 90%). Però necessito del mio sfogo letterale. Dopo tanta poesia, storie e parole auliche. Ho bisogno di tirare fuori il mio lato Bucolico!

Ritorna all'indice


Capitolo 3
*** Paura dei cani ***


La paura dei cani! Che cazzo! Devo tenere sempre la mia cucciola stretta a me perché “io ho paura dei cani”. Ma mettiti paura di chi hai affianco stronza! I cani sono gli esseri più dolci del mondo (almeno per quanto mi riguarda). Quindi  fatemi il piacere di non rompere le scatole eh!

Ritorna all'indice


Capitolo 4
*** Risvoltino time ***


Mi accorgo ultimamente che la musica sta evolvendo, raggiungendo picchi di trash esagerati.
Eppure credo sia la musica più utile e legata alla mentalità delle nostre generazioni.
Prima aveva un certo “non so che”, adesso fa solo “tunz-tunz” . E’ forse questa una predizione delle imminenti generazioni? Mi auguro di no (forse ci meritiamo davvero le generazioni coi risvoltini).  

Ritorna all'indice


Capitolo 5
*** Becera idiozia ***


“Mi piacerebbe che il male avesse confini precisi” questa frase di zio Ascia mi regala sempre tante emozioni, mi costringe a pensare, ed è questa una grande cosa.
 “le uniche certezze sono i dubbi” e beh,  questa la lego alle bestie quali stiamo diventando.
“La pace e l’amore ma solo a parole” siamo solo chiacchiere. Non siamo neanche il fumo dell’arrosto.
Quando vedremo cambiare il mondo? Un mondo senza più  piaghe immense, che piange, che cerca di ribellarsi.
Quando ci toglieremo questi preconcetti? Quando? Quando?
Non voglio vivere in un “mondo” di merda per colpa di persone che non fanno niente per farlo diventare migliore, ma non voglio neanche lasciare la soddisfazione agli altri di continuare a profanarlo con la loro becera idiozia.

Ritorna all'indice


Capitolo 6
*** Nessuno come noi ***


Per quante persone se ne vanno via, io dico, che nessuno è come te! Nessuno lascerà l’impronta come la lasci tu. Mai nessuno potrà eguagliarti, superarti, sostituirti, siamo unici. Diamanti grezzi da plasmare e trasformare. Non temere, troveremo la nostra fiamma, perché è nella natura degli unici spiccare nel buio della globale ignoranza.

Ritorna all'indice


Capitolo 7
*** Uomo senza pensieri ***


Se mai dovessi rimanere senza pensieri quello sarà il giorno della mia morte.
Non importa se il cuore continua a battere, e l’aria ad entrare nei polmoni.
Un uomo senza pensieri è un uomo morto.

Ritorna all'indice


Capitolo 8
*** Una vita senza capo né coda ***


La grammatica sterile, una storia senza scopo, inveire senza dare né capo né coda né forma a ciò che scrivo.
Da un lato le critiche permettono di ragionare e trarre vantaggio.
Una critica costruttiva, sia a livello scrittorio che spirituale, che deve essere accettata, non come spunto di polemica, ma come un nuovo inizio, non può essere accantonata, ma valutata.
Vorrei evitare di dire, pensare o fare certe cose, ma poi tutto perderebbe di logica. Quella
logica intrinseca che solo io, in quanto essere sfogante, riesco a comprendere a pieno.
Non posso non ringraziare tutte le critiche, ma questa non è semplice “storia”, ma sfogo senza senso, né capo né coda per l’appunto. Il dispiacere più grande per chi scrive è non farsi comprendere. Questo è ciò che fa male, più del vano qualunquismo, o del semplice parere personale sulla sterilità della scrittura.
A tutti “Ad Maiora”.

Ritorna all'indice


Capitolo 9
*** I see fire (pillole edition) ***


A tutti servirebbe un drago sputa fuoco come grillo parlante. Non appena stai per fare una c***ata, lui ti prende e ti abbrustolisce un pochetto. Quel poco che ti faccia rinsavire, prima di prendere l’ennesima decisione sbagliata. Sarebbe bello, utile, forse un po scomodo nei vicoletti della mia città, ma perché no? Un bel drago parlante che mi blocchi prima degli errori.

Ritorna all'indice


Capitolo 10
*** Riflessione ***


Le immagini riflesse sono un mondo nascosto.
Tutti le fissano distrattamente, immaginando mere uguaglianze tra la realtà e riflessione.
Ma la realtà è un’altra.
L’immagine riflessa è più di un semplice principio fisico, è l’accesso di un nuovo mondo.
Mondo in cui ci si può immergere solo quando lo si capisce appieno.
Un po’ come questa storia.

Ritorna all'indice


Capitolo 11
*** Like a Hurricane ***


Certi avvenimenti arrivano, ti cambiano per sempre e se ne vanno come se nulla fosse.
Eppure ti segnano per sempre.
Un incontro, chissà quanto casuale, ti sconvolge la vita in pochi istanti. Un viso gioviale, e una chioma fluente a contornarlo.
Uno sguardo, un bacio, una carezza.
Torni a casa, consapevole di aver vissuto un giorno alla grande, e poi ti rendi conto che dovrai attendere, forse per eoni il ritorno di un giorno così.
Ma poi ascolti un po’ di Scorpions o di AC/DC e la vita svolta ancora, ricordando il suo sapore, ancora bene impresso nelle labbra.
E avanti così, fino alla prossima avventura.

Ritorna all'indice


Capitolo 12
*** Non è ***


Non è poesia, non è novità, non è gioia, non è routine.
Non si vince, non si perde, non si ottiene, non si concede.
Si viaggia, si mormora, si continua a immaginare.
Non so quale è la via... ma seguo il percorso che traccio con le mie mani, ovunque esse mi conducano.
Mi perdo, non vado dritto, né seguo la strada più sicura,
mi faccio male, cado, mi rialzo, mi curo le ferite.
Vedo gli altri andare avanti, non me ne curo, altri restare indietro, me ne preoccupo,
Non sono buono, né cattivo. Sono senza meta e senza confine.
Cercami e troverai l'universo, non cercarmi e troverai l'infinito.

Ritorna all'indice


Capitolo 13
*** Solo ***


Quando ti senti solo, scrivi.
Non preoccuparti di tutto il resto.
Raccogli la solitudine dei pensieri in versi sparsi, e non preoccuparti di nulla.
Scrivi, e sarai un po' meno solo.

Ritorna all'indice


Capitolo 14
*** Where Are Ü Now ***


La scrittura creativa che nasce dalla musica è la più bella!
Segui le note della musica, il testo della canzone, le emozioni che ti ispirano nel connubio
e le parole e il significato di queste cambiano col cambiare del testo.

Senti un ritmo frenetico e ti esalti e allora cominci a scrivere come se tutto fosse un flusso di coscienza non importa più il senso delle virgole dei punti e della sospensione perché in questo ritmo è tutto un fluire uno scorrere perpetuo di parole una cascata di significati nascosti e non

Ma poi ritorna la calma, la tranquillità, ti  adegui al senso del ritmo!
Ma sai che tutto tornerà come prima, prendi una pausa e ti rimetti a scrivere più veloce senza freni:

Una canzone può lasciare tutto e niente proprio come questi miei scritti ma importa poco l’importante è essere e esserci cosa che ormai non ha quasi più valore per gli altri ma per me è il valore più grande di tutti
continuano a scorrere i pensieri e non riesco a interromperli

Se dovessi iniziare un discorso serio adesso chissà cosa ne uscirebbe fuori!
Forse la vacuità del messaggio di fondo?
Ahah quanto mi piace prendere in giro le persone, troppo!
Il senso ludico della vita, si è perso nelle difficoltà e nell’inconsistenza dei termini “maturo” e ”adulto”, ormai termini inflazionati in questa società, in cui conta essere “preparati”!

E allora? Dove sei adesso Maturità? Non certo in queste note, che sanno di nulla ai molti, ma sono di ispirazione ai pochi eletti, che fanno dello “scorrere” il loro pilastro!
Se capiste che la pazzia è solo un’altra percezione delle cose, un altro punto di vista.. ognuno di noi potrebbe essere Giulio Cesare o Cleopatra!
Ma basta degenerare!
Alla fine tutto sta nello scrivere e legarsi alla musica che proietta immagini, suoni, ricordi, e sentimenti.
Ogni battito del cuore e sincrono al ritmo del tunz tunz riproposto dalle casse.
Allora la mia mente ride e io la seguo ridendo a crepapelle!
Che male c’è nella scrittura creativa?
Nessuno.. perché non sai mai cosa ti capita di scrivere! 

Ritorna all'indice


Capitolo 15
*** Psycoparty ***


Vorrei un ritorno alle cose semplici.
Dobbiamo stare proprio male se ci vergogniamo di stare bene!

Ai nostri tempi, da 10000 anni a questa parte, l’uomo è stato e continua ad essere “drogato di potere”.
Mai come prima d’ora, l’uomo necessita di avere un confronto, di un ritorno alla naturalità e alla semplicità del passato. Quando le cose frugali erano il pane quotidiano, il dedicarsi a pensieri semplici, tali da liberarsi catarticamente dalle avversità continue della vita quotidiana.

Capita fin troppo spesso, per via del confronto con gli altri, di avere una paura incontrollabile: “non riusciamo a stare bene”.
Ci ritroviamo ad essere i vincoli della nostra stessa felicità e della nostra spensieratezza.

E’ da sempre che agogniamo la libertà, cercandola costantemente fuori di noi, nelle cose del mondo, siano esse grandi o piccole.
Ma credo fortemente che la libertà che tanto cerchiamo sia nascosta dentro di noi, ed è la nostra mente che ci vieta di trovarla.
In fondo rendiamo meglio sotto tribolazioni.

Eppure  è lì! E’ come una catena sotto le macerie, deve essere solo afferrata.
Deve esprimersi come il potenziale che tutti noi celiamo agli occhi del mondo.

Allora: Via le catene! Usciamo dai dedali delle nostre menti; affrontiamo con spirito ribelle gli anni della gioventù e con animo maturo gli anni della vecchiaia.
Che a tutto sia dato il senso dettato dalla nascita dell’elemento stesso.
Non per forza dobbiamo cambiare il significato delle cose.
Una pietra è una pietra, e una montagna è una montagna!
Non scambieremmo mai una pietra per una montagna, o sbaglio?

Perciò per quanto tutto possa essere confuso, tutto deve seguire il caos ma con logica, altrimenti sarebbero passati 10000 anni inutilmente!
Le verità più grandi si nascondono nelle piccole cose e in queste riponiamo la nostra libertà.

Eliminiamo l’armatura di pregiudizio e deforme cattiveria che sin da piccoli ci invitano ad indossare per proteggerci dal male.
Ma accettare il male e comprenderne l’essenza è un passo verso la comprensione del mondo e della libertà.
Negarne o oscurarne l’esistenza, proteggendoci, distaccandoci da esso, non fa altro che spingere la nostra curiosità ad arrancare verso esso.
Ciò che serve è una “coscienza spirituale” che ci permetta di comprendere che noi siamo collocati in un mondo di altri, e non gli altri nel nostro mondo!
Siamo di passaggio, ma in questo piccolo lasso di tempo possiamo e potremo fare la differenza, raggiungendo quel senso di umanità che tanto brama di essere espresso. 

Ritorna all'indice


Capitolo 16
*** 2 cose ***


2 cose sono essenziali in una canzone:
l'intro avvolgente
e il brivido che ti percorre la schiena quando finisce.
Allora si, quella è una canzone.

Ritorna all'indice


Capitolo 17
*** Considerazioni insignificanti sulla vita ***


Le persone si dividono esattamente in due categorie:
- quelle da primo giorno
- quelle da ultimo giorno
Tutto ciò che è nel mezzo è pura illusione

Ritorna all'indice


Capitolo 18
*** dettagli ***


L'unica condizione per essere coerenti e vivere una vita serena nello stesso tempo credo sia non pensare, o morire.

Ritorna all'indice


Capitolo 19
*** What if ***


A volte mi chiedo come sarebbero andate le cose se fossi stato diverso.
Ma a quel punto non sarei stato io, ma solo un identico me fisico con un altro carattere.
E quindi ritorno al circolo vizioso che i se e i ma non fanno nessuna differenza nella vita di tutti i giorni. Sono solo delle condizioni di sollievo psicologico semmai le cose sarebbero potute andare peggio, o semplicemente un inganno del cuore se fossero andate bene.

Ritorna all'indice


Capitolo 20
*** Lettere all'uomo ***


Ti auguro vita intensa.
Tutto ciò che meriti e non.
Che non offendano la tua autostima,
che non giochino con i tuoi sentimenti.
Ti consiglierei di desiderare abbracci sinceri,
pochi, ma sinceri.
Le braccia protese al futuro, con uno sguardo al passato.
Ti auguro di camminare su di un prato umido, ricco di meraviglie, da vivo,
e nei campi elisi da morto.
Non pretendere, chiedi, e se non ti sarà dato, bussa ad un'altra porta. 
Di porte ce ne sono infinite, non sperare nell'unico portone che ti parano innanzi.
Distruggi i limiti, scopri la vita, non saziarti mai di conoscenza.
Senti la fame, ogni giorno, per ricordare di essere vivo.
Fuma fino a consumarti le dita, e poi smetti di farlo.
Avrai superato l'insuperabile, raggiungendo la consapevolezza di te.
Bevi con un amico, ama l'amore e non l'amato.
Una persona ti tradisce, un sentimento non può mai.
Senti le parole di un povero sciocco, di un Marziano, un alienato.
Corri finché hai le gambe, sorridi finché hai un sorriso da dare.
Difficoltà è il secondo nome della Vita.
Niente si ottiene senza fatica, e tutto ciò che è ottenuto senza fatica, non è veramente tuo.
Mantieni valori, creane di tuoi, ma segui la tua morale, la tua logica, non piegarti agli altri.
Insegui i tuoi sogni, vivi le tue speranze, e piangi per i tuoi e per i dolori altrui, ma soprattutto ricava la tua verità dai tuoi errori. 
Ti consiglio di diffidare dai falsi miti: La giustizia, il Dovere, le Necessità.
Queste sono le gabbie create dagli uomini per gli uomini,
Ma non essere banale, uomo.
Non lo essere mai.
Anche nella delusione, anche nella sofferenza, avanza.
Grida al mondo la tua forza.
Quando ti costringeranno al silenzio, la tua voce dovrà sovrastare tutto.
Quando tutti urleranno, fa si che il tuo silenzio sovrasti tutto.
Sii forte, sii audace, sii codardo, ma mai meschino.
Sii onesto, cerca a tutti i costi di non creare dolore, e se lo fai, insegui il perdono.
Distingui il perdono vero, dal dono effimero dell'uomo, le lacrime di menzogna.
E se riuscirai, dopo l'ennesima salita, a rallegrarti, anche solo per un secondo.
Se sentirai quel fuoco bruciare, fino a farti ardere le vene e le arterie.
Respira, goditi l'attimo, carpe diem.
E continua ad avanzare.
Perché, tu, piccolo e inerme, potresti essere la leva di un macchinario molto più immenso.
Puoi essere l'inizio di un domino senza fine.
Non smettere di credere, né di sperare.
Cerca di gioire, gioire col cuore.
E se nell'odio, e nella cattiveria ti fanno consumare,
rinasci dalle tue ceneri, più forte, più volenteroso di prima.
Tutti ti distruggeranno, ma basterà una mano amica, e tutto avrà
un senso.
Riparti e non mollare, ripongo la speranza dentro di te.

Ritorna all'indice


Capitolo 21
*** Appartenersi ***


Appartenersi è come dire: "Eccomi, sono qui, mi dono a te, sono il tuo presente, il tuo regalo".
Accogliere è anche rimanere in silenzio, godersi l'attimo che fugge via veloce, tenendolo stretto a te.
Sentirsi speciali non è per tutti, bensì per i pochi che hanno il coraggio di soffrire, dannatamente.
Non si necessita dell'amore, l'amore si ricerca, si ottiene con il sacrificio, con le battaglie degli sguardi persi nel vuoto, con l'invidia e la gelosia beffarda, quella che ti corrode dentro.
Sentirsi parte di un tutto più grande è come un abbraccio che arriva inaspettato, o un semplice sfiorarsi le dita, in un tocco pudico ma violento.
Essere parte di un tutto più grande è il sogno che diventa realtà, la concretizzazione del mero e semplice ideale.
Noi siamo qui, ora, non importa prima, né dopo, ma solo adesso.
Adesso noi ci apparteniamo, ed è ora che io sto vivendo, né prima, né dopo.
Tu non sarai mia, io sarò in parte tuo.
Ma nel tuo sguardo, quello che trascende la verità, la menzogna, il piacere, il desiderio, la realtà, oltre tutto questo, esistono le nostre anime, che danzano in una luce senza fine.
Ed ora e per sempre, porterò te dentro me, e non importa che tu lo sappia, perché in fondo già lo sai.
Nelle mie debolezze, nei miei sorrisi, nei nostri sguardi profondi,
Hai colto, anche solo per un istante, la verità di me.
Non importa quanto possa essere accettata, o violata.
Ora sai, ed è ciò che conta davvero.
Le tue scelte, i tuoi incontri, i tuoi amori, i tuoi insegnamenti, i tuoi amici, le tue vite parallele e sempre coesistenti, continueranno sui loro binari.
Sarò il capriccio, che mai potrà essere esaudito, perché nel contatto pudico sapevo già di voler essere tuo.

Ritorna all'indice


Capitolo 22
*** Quando whatsapp è un delirio per te ***


E si, eccoci qua, figli del 3000.
Appena iniziato l’anno nuovo, con gli stessi problemi dell’anno scorso,
gli stessi problemi dell’anno prossimo e quello ancora a venire, e ancora, ancora..
Eccoci qui, pronti ad affrontare tutto e tutti,
il nostro anno,
quello della rivoluzione, della ribellione.
Oppure no.
In ogni caso, volevo solo lamentarmi di questi gruppi di whatsapp di merda,
che mandano questi messaggi ripetitivi, senza nessuna logica,
senza capo né coda.
Questo siamo, né capo né coda.
Cosa faremo?
Pronti a logorarci nuovamente, prontamente.
L’anno nuovo, i deliri di ieri.

Ritorna all'indice


Capitolo 23
*** Nel treno ***


Ho il brutto vizio di parlare troppo.
Veramente troppo, e a voce troppo alta.
Sono consapevole del mio limite.
Ma non me ne frega molto.

Comprendo il fastidio tecnico che instillo negli altri esseri viventi,
ma non me ne curo piu' di tanto.
Ahime' ho un ego abbastanza grande, questo mi spinge a pensare che ho tante cose interessanti da dire a chi e' cosi' interessato da ascoltarmi.
Eppure, quando una ragazza oggi si e' girata verso di me dicendomi: "hai una radio al posto della bocca" mentre discutevo con altre persone, dentro di me sono accadute tre cose in sequenza:
1) mi sono zittito voltandomi verso di lei, per rispdonderle un secco "si"
2) il mio ego smisurato mi diceva "dille qualcosa di perfido, la mia coscienza gridava "zitto!zitto!zitto!"
3) ho dato retta alla mia coscienza

Ma ora, scrivendo questa mia lamentela devo metterci un pensiero.
Ci sono modi e modi di rivolgersi ad una persona, e per quanto tu (tu ipotetico) possa avere torto o ragione, se ti comporti da troia acida/stronzo strafottente, prima o poi, qualcuno meno garbato di me, ti accoltellera' senza pieta' in un vicolo.
Dannato ego smisurato che mi fa pensare queste cose stupide.
Ma in questa societa' bisogna imparare il controllo di se.
Per questo, impariamo il controllo per parlare a piu' bassa voce, ma soprattutto per non rivolgerci alle persone con strafottente aria di autorita'.

Ritorna all'indice


Capitolo 24
*** Immagina se ***


Immagina se un giorno tutto ciò che desideri si dovesse avverare!
Non vedi quale tragedia sarebbe?
Perderesti, di punto in bianco, l'unica molla che spinge l'uomo ad andare oltre la banalità della vita, oltre i suoi limiti...
La volontà di raggiungere un obiettivo!

Perciò richiedi la volontà, forza suprema della mente pensante, cerca e spingiti sempre oltre, e solo alla fine del cammino,
forse,
raggiungerai la serenità che ti spetta.

Ritorna all'indice


Capitolo 25
*** La follia di amare ***


É terra da esplorare questo silenzio, raccolto nelle tue mani, e tue soltanto.
Destinato a soccombere in un desiderio futile, evanescente e volatile, come un albatros che rincorre la marea.
É cielo da ammirare, quel tuo sguardo lontano, i tuoi capelli idre pronte a uccidermi, ed io solo a combattere i mulini a vento. 
Ridi di me, non capirai, sei terra da vivere, ed io sono un naufrago, penso a te come salvezza effimera mentre muoio in balia delle onde.

Ritorna all'indice


Capitolo 26
*** E così va ***


E Pasqua è trascorsa... cosa vi è rimasto in questo passaggio?
Soldi, uova e sorprese?
E il viaggio interno?
Ormai va tutto a puttane, niente di bello, rimane poco, anzi niente.
E Pasqua?
Pasqua è andata via, come il perpetuarsi di ogni giorno.

Ritorna all'indice


Capitolo 27
*** Ipho(wtf)oone ***


Avete mai provato a sentire per più di 2 secondi quella suoneria fastidiosissima dell’iphone?
Oddio mio quanto è brutale! Ti devasta la psiche.
Ma un ragazzo, qualcuno che non ha proprio nulla da fare, ha inventato una simpaticissima canzone remixata, e devo dire che wow.
A volte penso che ridursi a sentire i remix delle suonerie dell’iphone e scriverci su sia una perdita di tempo, invece no.
Pur pensando che questa cosa sia una “cagata pazzesca!” credo si rifaccia bene al 2016 in pieno svolgimento.
Iniziato come una fastidiosissima suoneria dell’iphone, ora nel cuore di aprile è una orecchiabile sequenza mixata. 

Ritorna all'indice


Capitolo 28
*** Sull'ipocrisia ***


Nel mio parere (abbastanza ipocrita del resto) credo che l'ipocrisia abbia un ruolo fondamentale nella società odierna. 
Ci rifletta avvocato. 
Senza quella non esisterebbe più la civiltà, o perlomeno non la civiltà come la si intende al giorno d'oggi.

Siamo dettati dall'essere soggiogati all'ipocrisia, come un filo che ci riconduce tutti in riga.
L'ipocrisia non richiede partiti, non richiede classi sociali, non richiede sesso o età. L'ipocrisia è di tutti, e soprattutto per tutti.
Se qualcosa ci accomuna davvero in questo mondo è. per l'appunto, l'ipocrisia, che può essere più o meno forte, ma mai occultata fino in fondo.. almeno non a chi è ipocrita.

Ritorna all'indice


Capitolo 29
*** Sui Coldplay ***


CAZZO!
Non ci sarebbe da dire altro.
Non dico altro.
Banda di cazzari che comprano 6000 ticket al secondo.
CAZZO!
Eppure ci sarebbe da… mamma mia!!!
No, non voglio.
Ma che CAZZO però.
Uff.

Ritorna all'indice


Capitolo 30
*** Ho sentito ***


Ho sentito dire che essere ignoranti come la merda è segno di intelligenza!

Ritorna all'indice


Capitolo 31
*** Momento Negan ***


Provo ad essere accomodante... Davvero!
Ma non ce la faccio. Certe volte le uniche cose che ti colmano davvero sono Rabbia e Angoscia.
Servirebbe un Momento Negan!

P.s. (Per tutti quelli che non sanno cos'è un momento Negan vi consiglio di vedere The Walking Dead episodio 1, stagione 7) 

Ritorna all'indice


Capitolo 32
*** Begbie ***


Ci sono sere così, in cui ti incazzi.
Troppe rotelle fuori posto, le cose non girano come devono.
Sei arrabbiato, si ti girano un po’ le palle.
Ti viene voglia di prendertela col mondo, ma il mondo non è pronto per te.
E allora si, fanculo, partono calci e spinte, e tu piangi.
Sono lacrime di rabbia, non danno nessun conforto.
Aspetti, aspetti solo di cambiare o di essere cambiato.
E poi, poi riecheggiano nella mente le famose parole
"Va bene, gli hanno tirato un bicchiere in faccia e nessuno esce di qui finché non salta fuori il colpevole! “
E allora se il mondo vuole la rissa, che rissa sia!

Ritorna all'indice


Capitolo 33
*** Where’s the revolution (?) ***


Ci chiediamo e domandiamo se progredendo come specie progrediamo come singoli.
La risposta è no.
E’ vero che i singoli cambiano la storia continuamente, ma nell’insieme siamo sparsi.
Siamo come particelle eccitate che non sanno bene dove andare, come l’elettrone che salta da un orbitale all’altro quando viene colpito da un fotone.
E poi ti rendi conto che l’evoluzione coincide con la rivoluzione tanto quanto l’involuzione.
Una rivoluzione è un moto che porta al cambiamento, è statica dinamicità.
Ed è paradossale.
Benché io pensi che il paradosso sia di per se una rivoluzione, il concetto stesso porta a fare un passo per cui la nostra coscienza di “popolazione umana” non è ancora giunta.
Forse la speranza risiede nei singoli, ma io non ci credo.
Solo quando saremo compatti nelle nostre diversità capiremo l’essenza stessa della rivoluzione.
Perché è nella caoticità del movimento che capiamo la stabilità dell’essere statici, e viceversa.
E quindi, dov’è la Rivoluzione?

Ritorna all'indice


Capitolo 34
*** Parolaccia is the new black ***


Quanto mi fanno girare le palle quelle persone che le paghi per un servizio
e poi ti rispondono, strascoglionati, come se ti stessero facendo un piacere.
Oh zio stai cazzo calmino.

Ritorna all'indice


Capitolo 35
*** L'Amicizia ***


L'Amicizia è un po' come Gomorra la serie, c'è qualcuno che prova a fottere e l'altro che ti fotte,
Fintanto che va tutto secondo i canoni, tutto quadra.
Ma non appena si entra in un conflitto, niente regge.
Amicizia è un modo come un altro per identificare uno stato d'animo, non tanto un patto fra due o più persone.
Si è "amici" di compagnia, di risata, di pianto.
Ma cos'è l'Amicizia?
E' forse un modo per sentirsi protetti? Sentirsi meno soli?
L'Amicizia a volte è anche escludere, perdere, disorientare.
Non perché lo si fa apposta, ma perché è inevitabile.
In un gruppo esistono diversi tipi di Amicizia
Quella intima, quella privata, quella solidale, quella strafottente, quella di comodo.
Non importa.
In fondo l'Amicizia è tutto ciò che può essere definito da ogni singolo individuo sulla terra.
A volta può essere tutto, a volte niente.
Spesso è come un granello di Sale... sembra duro e resistente, ma basta un po' d'acqua e si scioglie.
E invece a volte l'Amicizia è come l'Acqua.
Può essere solido in certi momenti, mosso come un liquido in altri, e addirittura evanescente come un gas in un ambiente aperto.
Perché l'Amicizia è anche cambiamento.
Cambiare se stessi, cambiare gli altri, sentirsi cambiare da altri.
E cosa cerchi?
A volte ti basta un sorriso, un silenzio, un modo di sentirti parte di un tutto più grande.
Le parole a volte sono solo gusci vuoti, e il conforto sarebbe solo un sorriso.
Ma troppe volte ho scritto "a volte", perché non bastano poche volte, a definire tutte le volte,che ci si ritrova in paradossali giri di parole, è questa frase ne è un degno esempio.
L'Amicizia è uno stato interno.
Un battito del cuore.
L'Amicizia è continuare a essere se stessi, pur mutando nel cambiamento eterno della vita.
E quindi se l'essere è e il non essere non è.
L'Amicizia sa essere certe volte, e non essere in molte altre..

Ritorna all'indice


Capitolo 36
*** Mi fa volare ***


Mi fa volare, il senso del 2017.
Mi fa volare.
Mi fa volare.
Mi fa volare.
Ah... Il dottore è un gran cognome.
Ah... Ridatemi Anna, se ne chi me le fa le foto.
2017.
Però la musica ti entra in testa.
E quel parapara parapara parapa ti entra dentro.
Siamo fatti della stessa sostanza di cui è fatto Rovazzi.
Decidete voi il finale.

Ritorna all'indice


Capitolo 37
*** Fidget Spinner ***


Strumento del demonio creato ad un solo scopo, far spendere soldi inutilmente.
Non c'è niente di male, in fondo siamo in Italia.
E comunque "Beyblade, boy blade, Beyblade, spinning around and around", ah no, quella è un'altra storia.

Ritorna all'indice


Capitolo 38
*** Sorri! Do iu no uer liv Giastin bbì? ***


Premettendo che Pio e Amedeo sono la base culturale della società italiana odierna.
Premettendo che il degrado è divenuto nuvovo elemento culturale della nostra bella penisola.
Premettendo che la vita è dettata dall'ignoranza suprema.
Io so e lo sapete anche voi.
La verità si nasconde nelle cose più semplici, come ad esempio cercare un set gratis per the niu song ov Fedez!
Ma percaso voi, ridendo e scherzando, e vi chiedo scusa, ma: "Sorri! Do iu no uer liv Giastin bbì?"

Ritorna all'indice


Capitolo 39
*** Non ditelo ad Orwell, né a Gesù. ***


Tra Nord e Sud ci sono 5 cose differenti: N;O;R;S;U.
Una terra è una terra.
Un uomo è un uomo.
Un carattere è un carattere.
Una aspettativa è una aspettativa.
Non credere di avere diritti in più perché fai di più.
Magari c’è chi fa il triplo e non ha alcun diritto.
Non credere di non avere alcun diritto,
magari ne hai il triplo di qualcun altro.
Se esiste una legge, esiste un evasore.
Se esiste una regola, esiste un anarchico.
Perché per ogni differenza esiste somiglianza, per contrappasso.
Se sei Terrone, ami la Terra.
Se sei Polentone, ami la Polenta.
Che male c’è?
Vogliamo indire un Referendum per eliminarci a vicenda?
Non vi sembra che gli Hunger Games abbiano già fatto il loro corso?
Cosa direbbe Orwell se ci vedesse oggi?
Lo immagino: “Che teste di ca***. Io gli dico cosa non fare per essere dei bravi esseri umani, e loro??? Fanno proprio quello che non devono fare!”.
Che poi, dico io, se ci vedesse Gesu’, oddio, sclererebbe di brutto.
(Non meno di Orwell insomma)
La regola esiste e non esiste, come direbbe Schrodinger, per intendersi.
E se poi sei un lavativo?
E se sei un lavoratore?
In fondo non siamo fatti tutti di carne, ossa, e protesi varie?
Non siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i vincitori del GF vip?
Non lo so.
Nel 2017 siamo ancora divisi a fare sti discorsi del ca** (perdonami Orwell se rubo le tue parole) Nord/Sud/Centro. Ma che vuol dire?
Io le rispetto le tradizioni, le culture, e tutto ciò che ci rende ciò che siamo.
Ma non siamo nati tutti usciti da una vagina? (mi scuso per quelli nati dalle provette).
Non siamo tutti un accozzaglia di patrimoni genetici?
Suvvia non diciamo stupidate.
Siamo fatti tutti delle stesse 4 fottutissime basi azotate.
E allora?
Come fa a nascere uno “diverso”?
Solo perché non parla, mangia, prega, ama (la citazione era d’obbligo) come noi, è qualcosa da rigettare?
E allora non siamo Umani, siamo sistemi immunitari.
Basta dire e fare, perché tanto capiamo solo le azioni, e le parole? Aria fritta (mi capirà una amica).
E allora? E allora niente.
Bah, boh, non so che dire.
Nord e Sud sono solo condizioni geografiche.
Gli esseri umani dovrebbero essere un po’ più umani.
E non dite niente ad Orwell, vi prego.
Nemmeno a Gesu’.

Ritorna all'indice


Capitolo 40
*** Dirty little secret ***


Tutti abbiamo i nostri piccoli peccatucci. 
I segreti più belli sono quelli più difficili da mantenere.
E se poi vengono scoperti?!
Sbam... Smerdati! 
E' il gioco dei piccoli sporchi segreti.
E quindi... che la caccia abbia inizio!

Ritorna all'indice


Capitolo 41
*** E' difficile ***


E' difficile accettare una realtà inaccettabile.
Ci alziamo la mattina col solo scopo di scopare.
Seguiamo la mattina solo per sentir frusciare un dio che non sa per niente di onniscente, la banconota frusciante che vorremmo scendesse a fiotti da un cielo che molto spesso disprezziamo e paragoniamo a una gabbia.
E' difficile accettare che la Ferragni abbia un anello al dito che potrebbe pagare tutta la mia carriera universitaria.
E' difficile accettare.
E' difficile fare sempre il difficile, e non accetare ciò che sarebbe così intuitivo e facile accettare.
E' così impossibile per le persone come me seguire un percorso fluido, lineare e senza pieghe.
Amiamo l'impervio, tutto ciò che è difficile da raggiungere.
Perché ciò che è difficile è anche migliore,
o almeno così crediamo di pensarla, credo.

Ritorna all'indice


Capitolo 42
*** E niende ***


E niende, mi hanno detto che oggi è SandAndonio.
Auguri Andonio!

Ritorna all'indice


Capitolo 43
*** Too much ***


Il silenzio a volte è too much.
Il Pagante e le loro canzoni... troppo too much,
Ma il ritornello... un po', un po', un po', too much.
 

Ritorna all'indice


Capitolo 44
*** La poesia è una pu***na ***


La poesia è una puttana.
La puoi maltrattare ma rimane sempre necessaria al suo scopo.
La poesia è una puttana, perché puoi offenderla ma rimane sempre la cosa più bella che tu possa raggiungere.
La poesia è il paradosso più grande: l'eternità racchiusa in concetti finiti.

Ritorna all'indice


Capitolo 45
*** Sull'umanità ***


E' inutile parlare di Giustizia quando c'è corruzione.
E' inutile sentirsi appagati quando esiste la diseguaglianza.
E' inutile parlare con la forza del gregge quando singolarmente, ogni pecora è omertosa.
Ma è davvero inutile combattere?
Ma la risposta parte sempre dalla considerazione che: "Una noce nel sacco non fa rumore".
Allora mi chiedo... Ma davvero solo a me turba questa vita?
Solo io mi sento toccato nel profondo quando si vive di tutta questa violenza, in pensieri, parole, opere e omissioni?
Essere umani è un privilegio e una condanna:
"Così dotati eppure così stupidi"

Ritorna all'indice


Capitolo 46
*** No... sul serio ***


E comunque ci sono più culi in un video di Jake la Furia 
che in tutto il mio paese... no, sul serio.

Ritorna all'indice


Capitolo 47
*** Sulle capre chiamate ***


Sapete qual è la cosa bella delle persone che usano la violenza?
No davvero... Lo sapete??? Perché io voglio saperlo. 
Nel 2017 non si può più accettare, da una razza che si fa vanto dell' "intelletto" , la violenza come risposta a qualsiasi quesito.
Laddove parlano le armi, o le mani, o il sopruso, allora in quel momento non si tratta più di essere umani.
In quel caso l'essere è solo un vivente, alla stregua di un ornitorinco, una capra, o forse è solo la pazzia che ci portiamo comunque tutti dentro.

Ritorna all'indice


Capitolo 48
*** Sullo sciopero dei professori universitari/Tredici ***


"Ecco professore/professoressa "tizio/a" questa è la sua cassetta"

Lo sciopero di settembre/ottobre dei professori universitari sarà fonte di suicidio (intellettuale), molto di più del blu whale.
Che tristezza.
Ma che ne sa Anna?
Tredici non è nemmeno il voto minimo per superare un esame.
Che amarezza.
Dov'è il nostro Tony?

Ritorna all'indice


Capitolo 49
*** Tulipano Bianco ***


A volte anche un Tulipano Bianco può essere tutto.
Può essere redenzione.
Può essere inizio, e per certi versi anche la fine.

#Fringe

Ritorna all'indice


Capitolo 50
*** La sessione estiva: Genesi ***


Un giorno Dio, sentendosi solo creò il cielo e la Terra.
Creò mari, fiumi, montagne, sole e stelle.
Creò fauna e flora.
E infine diede vita all'uomo.
Tutto era fin troppo perfetto. Un Paradiso in Terra.
Decise allora di portare un po' di Inferno.
Diede all'uomo la curiosità, e l'uomo voleva apprendere.
E per soddisfare l'uomo Dio creò l'asilo, le medie e le superiori.
Ma era fin troppo facile per l'uomo, che chiedeva sempre di più.
Allora instituì l'Università. Era un giorno di Dicembre, e tutto andava bene.
All'inizio l'uomo fu soddisfatto... ma poi arrivò l'estate.
E l'uomo imparò a sue spese la dannazione eterna, che nominò #SessioneEstiva

Ritorna all'indice


Capitolo 51
*** La terra brucia ***


In questi giorni la mia terra brucia.
Brucia sotto il torrido calore di questa stagione.
Brucia tra le mani di uomini privi di qualsiasi orgoglio, che hanno perduto ogni briciolo di umanità.
Governati da un mondo ladro, dall'unico chiodo fisso di dover fare soldi.
Quale ossigeno respireranno?
Quale ginestra riusciranno a progettare? 
Come osserveranno un Golfo senza una vegetazione?

La mia terra brucia e io brucio con lei.
Il mio stomaco, come acido, distrugge tutta la mia speranza.
Eppure la fiammella c'è e rimane,
in tutti quei volontari, che al contrario di me, stanno provando a "salvare il salvabile".
Ma la terra brucia, brucia ormai da ore, giorni, e forse continuerà per settimane.
La tutela non esiste, esiste solo il dolore di ciò che prima era e che ora non è più.

Qualcuno portava l'attenzione al fatto che ci saranno generazioni private dello spettacolo naturale tra i più belli delle mie parti.
Il danno è inimmaginabile.
Il danno lo porterà dentro ognuno di noi, per generazioni, anni, secoli.
Prima di rivedere tutto com'era noi non ci saremo più, e forse nemmeno i figli dei nostri figli.
La terra brucia, e bruciano i sogni.
La terra brucia, ascoltiamola piangere. 
 

Ritorna all'indice


Capitolo 52
*** Sulla Recensione accattivante di flip flop ***


Ripropongo l'ultima accattivante recensione di flip flop, illustrissimo/a recensore di EFP.
 

"Ciao, senti ti volevo far notare una cosa che non ti avrà detto nessuno immagino, per rispetto verso di te. Ma io sono una persona molto sincera, forse troppo sincera, per cui te lo devo dire. Probabilmente mi odierai per quello che sto per dirti ma devo proprio. È mio dovere, capisci? 
Allora quello che voglio e devo dirti è che... PUZZI ASSAI. MA NON TI SEI MAI SENTITO QUANTO PUZZI? TE LO FAI IL BIDÈ BELLA DI NONNA?
Sono le tagliatelle di nonna Pina, un pieno di energia, effetto vitamina, mangiate calde col ragù (col ragù!), ti fanno il pieno per sei giorni ed anche più.
Wo wo wo wo
Perché le tagliatelle di nonna Pina, son molto più efficaci di ogni medicina, sensazionali a pranzo a cena e credi a me, son buone anche al mattino, al posto del caffè! 
Yeah!
Un bacione enorme cara!"

Affinché tutti ne capiscano il sommo genio, e che tutti possano seguire la sua immensa e somma intelligenza.

Amatelo/a, vivetelo/a, chiamatelo/a maestro/a.
Date a lei/lui una corona d'oro, perché la sua critica mi ha riportato sulla giusta via, quella del lavarmi! Si perché io puzzo, puzzo tanto.
Sono un ragazzo cattivo e me lo merito.
Potrò essere anche una "cara" persona.
Ma dovete amarlo/a.
Perché come dicevano i grandi uomini: "Se non amate i geni della scrittura, non amate l'Arte, e se non Amate l'Arte, non amate la vita".

Grazie flip flop, grazie di cuore.

Ritorna all'indice


Capitolo 53
*** Sugli Haters ***


Amo alla follia chi  mi ama,
ma ancora di più amo chi mi odia, 
o meglio chi non mi sopporta.
Perché senza Haters non sei nessuno.
Posso continuare a sciorinare concetti banali
ma se non ho persone che mi odiano
continuerò a dire solo cose banali
che chiunque può dire o scrivere.
Gli Haters sono il sale in questa vita.
  

Ritorna all'indice


Capitolo 54
*** La finestra del bagno che affaccia sul balcone ***


E' incredibile quanto mi faccia incazzare.
Nemmeno una cagata in pace posso fare.
Tutti, e ripeto, tutti, fuori al balcone mentre devo espletare,
o orinare, in ogni caso liberarmi dei miei "problemi".
Il momento in bagno è sacro,
non vuoi condividerlo con nessuno,
eppure sono tutti lì fuori, 
come ombre, che minacciano la "pace interiore".
 

Ritorna all'indice


Capitolo 55
*** E quando poi ti arriva un messaggio su EFP ***


Testo del messaggio:
Messaggio automatico di EFP
flip flop ha cancellato una recensione che ha lasciato alla tua storia Pillole, capitolo 51.

Perché chi dimentica è complice, ma chi cancella ciò che dice è... lascio a voi il finale.
Perché la fantasia e lo sfottò sono il pane quotidiano qui, su questa bella terra. 

Ritorna all'indice


Capitolo 56
*** Quella sconcertante verità ***


E poi arrivi al punto di capire, di immaginare.
E quando vedi per la miliardesima volta Il Signore degli Anelli: il ritorno del re, e ti fissi
su Denethor, sovrintendente di Gondor, e pensi... dove l'ho già visto????
Ma certo!!!!!!!
Walter Bishop di Fringe!
Ho inserito il tassello nel posto giusto,  l'ennesima grande scoperta della mia vita.
Jhon Noble rimarrai per sempre il mio Sovrintendente preferito.
Soprattutto quando ti sei buttato sotto da Minas Tirith. 

Ritorna all'indice


Capitolo 57
*** Su Death Note produzione Netflix ***


Premetto che non lo sto minimamente paragonando né all'anime né al manga poiché nella sua struttura e composizione sarebbe impossibile da replicare come film "interpretato da attori umani".

Premesso che si sarebbe potuto scegliere più attentamente il cast, che potevano dare un valore più importante alle musiche e che questa è una storia che si è basata, ovvero HA PRESO SPUNTO, dalla storia scritta da Tsugumi Ōba, vorrei dire la mia.

Il film è piacevole, non fa "schifo al cesso" perché è possibile analizzarvi dei "comportamenti umani interessanti".
Chi di noi nella realtà non si spaventerebbe innanzi ad un Dio della Morte?
Chi di noi non si lascerebbe cullare dal POTERE di vita e morte sugli altri in attimi di pura frenesia, e poi, riprendendo coscienza orripilerebbe? Credo tutti (o almeno tutti quelli che vorrebbero agire secondo una coscienza comune, e non una coscienza propria).

Per quanto riguarda la trama, si è dovuto scindere il carattere di Kira in due personaggi: ovvero in Light e Mia (e non Misa ovviamente), Mia è sempre Kira, è quella parte che tanto abbiamo amato nell'anime. Quella parte pazza, spregiudicata, pronta ad eliminare tutto e tutti pur di poter mantenere il Potere (assolutamente come il Primo Kira, o il vero ed unico Kira della storia a mio parere).

Ci sono tantissime divergenze dalla storia originale, secondo me decise e volute.
In primis perché non si può trasmettere quel senso "Diventerò un Dio di un nuovo mondo" attraverso un attore umano. Perchè Light impersonifica tanti ideali contrastanti:
Egemonia e Libertà
Coraggio e Stoltezza
Forza e Codardia
Paura e Predominio.

Insomma, in parole spicciole: guardando questo film si può rivedere, in pochissimi secondi (gli ultimi del film) un Light assomigliante ad un Light che conosciamo (dai diciamolo tutto il piano progettato per salvarsi fa molto Light Yagami).
Quindi un film, senza essere paragonato, che si può vedere e assolutamente si può odiare se si vuole forzatamente paragonare all'opera prima, ma questo lo lascio agli appassionati che "Ommiodiocheschifoquestaamericanatabalordanonassomigliapernienteaquellocheconoscoio".

Per quanto riguarda L ci sono tantissime note dolenti, pochissimi pregi (forse nessuno). Però vi dirò, che incentranto in questo "film Netflix" ci sta bene.
E' un cazzone, dalla pistola facile con delle buone capacità deduttive (assolutamente lontano dall'L di cui siamo innamorati). E' anche vero che L non può mai e non potrà mai essere come vorrei in un film, neanche interpretato da Cazzoneso Tom Cruise per dirne uno così.

Ryuk invece è il punto forte del film.
Forse l'unico personaggio, insieme al personaggio di Light che mi ha sorpreso e mi ha colpito positivamente.
Finalmente un cazzo di Dio della Morte cattivo, spregiudicato, che pensa solo ed esclusivamente ai suoi interessi, dall'inizio alla fine del film.
Il padre un ottimo elemento. (Diciamo il padre di Light non serve mai ad un cazzo nella storia, il trand continua anche nel film, quindi un personaggio molto riuscito del film).

Ovviamente detto tutto ciò confermo che questi sono solo i miei punti di vista. Ad ognuno il suo.
Critiche permettendo, il sequel uscirà lo stesso.
Tanto vale farsi una croce e vedere come andrà a finire.
Adios.

Ritorna all'indice


Capitolo 58
*** Ordinario ***


Non sono una persona ordinaria:
"Nel senso che non ho l'abitudine di portare l'ordine fuori e dentro di me".

Ritorna all'indice


Capitolo 59
*** Il diritto di contare ***


Mai come oggi non potrebbe essere più attuale comprendere che bianchi, neri, gialli o rossi non fa nessuna differenza innanzi all'essere UMANI.
Innanzi a quella stessa comprensione che ci rende tutti uguali dal momento che nasciamo tutti nello stesso ambiente, tutti con un DNA, un corpo, una mente, uno scopo.
Dal momento che "la pipì ha lo stesso colore per tutti nella NASA" allora può essere uguale anche fuori dalla NASA, e farci capire, accettare che siamo tutti fatti della stessa sostanza.
"Il diritto di contare" vale per tutti.
Così come il diritto di imparare, di continuare a valere e non farsi soggiogare da Burocrazie che pensano solo a numeri e codici a barre.
Perché dietro quei numeri ci sono STORIE, PERSONE, pezzi di anima, pezzi di vita.
Dietro ogni successo ci sono milioni di fallimenti, miliardi.
E se qualcuno ti dice che non ce la fai, vai avanti per la tua strada.
E se qualcuno si permette di ostacolarti, trova un modo.
E se non vuoi rimanere sul fondo, schiacciato dal pensiero di qualcuno "che si ritiene superiore a te" in pensieri, opere e fatti, allora Dimostragli, ma soprattutto Dimostra a te stesso, che puoi fare tutto, tutto ciò che la tua mente può immaginare, creare, inventare.
Che tu sia donna, uomo, adulto, o bambino. Che tu sia etero, gay, trans, o omnisessuale, che la tua voglia di vivere, che il tuo modo di essere non siano fonte di imbarazzo per te, ma la pietra sacra dalla quale partire e costruire il tuo grattacielo. 
Perché tu Hai il diritto di contare.

Ritorna all'indice


Capitolo 60
*** Mi fa volare #pt20392346234 ***


Tratta da una storia mezzavera

Quanto è bello quando sei per strada, sulla tua macchinina e guidi tranquillo (e ci provi almeno a guidare tranquillo, anche se guidare e tranquillo non sono parole che possono esistere nella stessa frase, nello stesso testo, nello stesso contesto, nello stesso pianeta...).
Poi, quando tutto ad un tratto, la tua vita viene scossa da qualcosa di incredibile!!!!
Una signorina molto beneducata sta cercando di sorpassarti mentre parla al cellulare.
Al che, dopo l'iniziale attimo di sbigottimento, rallenti (perché sei un signore) per farla passare.
Ma per lei non è abbastanza.
Quindi rallenta, ti bussa, e successivamente, dopo averti suonato per 14mila secondi col clacson, ti sorpassa mentre inveisce contro di te con la sua amica/o/amante/compagna di backgammon al cellulare.

Al che, in te, possono crearsi due situazioni:
1) Cerchi di nascondere la tua rabbia crescente come uno Tsunami che sta per abbattersi tutto intorno a te, falsando il mondo col tuo sorriso migliore.
2) O ti arrabbi come Carlo Cracco con Rashida che ha preparato tofu allagato da acqua a garganella che aghsdalghdfashd vorresti proprio mangiarti Rashida stessa e il suo tofu di merda.

Ecco, tutta la storia per dire che cosa: Non usate il cazzo di cellulare in macchina, perché se vi acchiappo vi inseguo.
(Ovviamente sto scherzando, ma forse no).

E soprattutto state attenti, perché per strada è pericoloso distogliere lo sguardo, non sai mai quando un imprevedibile evento colpirà, in quanto imprevedibile.



 

Ritorna all'indice


Capitolo 61
*** PAMPLONA ***


Stavo col Libanese.

L'Italia ci divise.

C'è l'Apocalisse in centro.

La Politica ci uccise.

Siamo come Tori a Pamplona.

Qualcuno ha sparato.

L'Italia chiamò, tutto collassò.

E infine il Mondo risorgerà.

Pamplona.

Ritorna all'indice


Capitolo 62
*** Letto Odisseo ***


Il letto caldo, come il canto delle sirene, mi trattiene a se facendomi perdere la volontà.

Ritorna all'indice


Capitolo 63
*** Ricordi? ***


Ricordi?
Ricordo di avere ricordi.
Su registratore premo record.
E come Usain batto record.

Ricord(ami) di dirti ciò che amo.
(Ama)rcord su ricordi non coltivati.
Infusi di sfusi suffusi.
E poi mi perdo nel dolce oblio della vacuità.

Ritorna all'indice


Capitolo 64
*** Come quando... ***


Come quando senti un canzone, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti, e la risenti...

Ritorna all'indice


Capitolo 65
*** Bene ma non benissimo ***


Quando ascolti "Bene ma non benissimo" di Shade e ti rendi conto che  ha comunque 
un programma elettorale più condivisibile rispetto a molti altri partiti!
#BeneMaNonBenissimo #BMNBs

Ritorna all'indice


Capitolo 66
*** Trilla il telefono ***


Trilla il telefono e...
sei al cesso che non caghi da 3 giorni
stai studiando e hai appena trovato la voglia/concentrazione per ripetere
sei da solo a fare un cazzo tuo (finalmente)
ti stai sedendo a tavola
stai chattando con la tipa che ti piace (e lei ti ha risposto)
stai per leggere un buon libro
stai tutto esaurito perché nessuno risponde ai tuoi messaggi per uscire tutti insieme
 

Ritorna all'indice


Capitolo 67
*** Inno alla lamentela ***


 

Le persone che vivono di notte 
sono le più incredibili.
Aumentano i sensi, odiano la luce, amano il buio.
Preferiscono rivelare la luce interiore, piuttosto che ciò che appare all'esterno.
Tolgono la maschera e rivelano i segreti più oscuri.
Vivono per essere scoperti.

Le persone che vivono di giorno si coprono con maschere di perbenismo.
Sorridono quando vorrebbero pugnalare.
Ammazzano senza remora alcuna,
portano avanti ciò che devono fare, 
mai non fanno mai ciò che realmente vogliono.

Le persone che vivono nel limbo, che non scelgono il giorno e la notte, sono quelle che ammiro.
Non necessitano di dimostrare niente, perché in fondo non c'è nulla da dimostrare. 
E in fondo non sono niente, perché non avendo nulla da dimostrare, non mostrano mai niente.

Ciò che conta sono i fatti, le parole volano via, trascinate dal vento dell'indifferenza.
E il vento, che sia notte, che sia giorno, che sia caldo o freddo, che sia bufera o un lieve sbuffo, soffierà sempre e comunque.

Ritorna all'indice


Capitolo 68
*** Per strada ***


E il bello arriva quando sei per strada, sulla tua macchina.
Stai bello, tranquillo, rilassato come un turkmeno a cui hanno infilato una bomba nel culo.
E arriva lo stronzo da una fottutissima stradina laterale.
Ti strombetta, vuole passare.
Ti fermi, non vuoi bestemmiare.
Lui passa, ti manda a cagare.
Dentro di me succedono tre cose:
1) Il turkmeno con la bomba nel culo esplode
2) La botta mi arriva fino al cervello
3) Inveisco contro ogni cosa che sia stata inventata dall'uomo, maledicendo le strade, le ruote, le macchine, i cartelloni stradali con Belen nuda sopra, gli stronzi sulle macchine che hanno trovato la patente nella busta dei kellogg's.

Che vita de merda, a volte, penso...

Ritorna all'indice


Capitolo 69
*** Contro ***


Non so se conoscete il gruppo facebook "Contro la violenza grammaticale".
A me fa molto ridere questo gruppo.
Perché riunisce un gruppo di persone che "adorano" lamentarsi di ogni cazzo di cosa che viene scritta sul web.

E' vero, scriviamo di merda tutti.
E' vero non sappiamo esprimere un concetto.
Non abbiamo più linearità nel discorso.

Ma cazzo, mi fanno girare le balle perché su questo gruppo sono tutti professoroni di italiano.
Ogni cosa, sopra ogni cazzo di cosa: sparlano, giudicano, maledicono, "piangono e ridono" di ciò che scrivono sti poveri stronzi che forse non hanno finito nemmeno la terza media.

Eeeee per questo scritto volevo sentirmi un po' come loro, sparlando di loro.
E devo ammetterlo, fa veramente cagare essere così come loro.

Non capisco perché non si lamentino della politica merdosa che abbiamo.
Non capisco perché non creano un salottino intellettuale, invece di parlare male di chi "non riesce a essere come loro".

Sinceramente mi vengono a pietà.
Ed un genuino disgusto parte dai visceri fino a essere vomitato come critica.

Perché è facile sparlare di chi ha meno capacità delle nostre.
Ma non vedo questi "grandi intelletti" confrontarsi tra loro per migliorare le cose.

Di questo io mi vergogno.

Ritorna all'indice


Capitolo 70
*** #thisisafuckinproblem? ***


Che poi sto fatto che si dorme un'ora di meno non l'ho capito.
Se invece di alzarmi alle 9 come tutti i giorni, mi alzo alle 10.
Che cazzo di differenza c'è?
Ho sempre dormito le mie buone 6 ore.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 71
*** #Puntidivista ***


Come tutti i miei coetanei, quando scrivo, sono uno scrittore in erba.

Ritorna all'indice


Capitolo 72
*** Vorrei campare di scrittura ***


Un giorno, ero piccolo, mi sono detto "da grande voglio campare di scrittura".
Crescendo l'ho trovata una aberrazione dell'ego.
Non si può trasformare in pecunia una passione, altrimenti non è più una passione, è un lavoro.

Poi sono cresciuto ancora, e mi è tornata la fissa per la scrittura.
Non so, non sono continuo, lineare.
Non riesco a scrivere ai bimbiminchia, o dei bimbiminchia, o sui bimbimbinchia,
Dell'amore giovanile ho tutta una mia versione dolce, amara, amara, pertanto sono sicuro che al 99,99% dei lettori non piacerebbe.

Non ho conoscenze, tutori, spintarelle, soldoni da investire in una qualsiasi attività.
Eppure riconosco che lo scrittore deve campare così.
Deve conoscere la miseria per evaderne.

Se una persona avesse già tutti i confort, la "sicurezza" cosa avrebbe da raccontare?
I viaggi a Malibù, insieme e a Barbie e Ken?

Allora, ad un quarto di secolo dalla mia nascita, immagino e sento,
sempre più forte dentro me, che mi sto invaghendo della scrittura.
Non doveva farmelo questo brutto scherzetto, no! Non doveva proprio azzardarsi.

Ritorna all'indice


Capitolo 73
*** Pasqua con i tuoi, bordello con chi vuoi ***


Ti svegli, è ora dell'Uovo.
Lo apri, manco fossi un bambino.
Ridi, sorridi, una lacrimuccia al colesterolo scende, trasuda sugna ovunque.
Il tuo stomaco si lamenta, svegliato a suon di cazzottoni odoriferi.
Uova sode, casatielli, salumi affettati, formaggi tagliati, olive lacrimanti olii profumati.

Il tuo cuore piange, la tua dieta implora.
Ogni divinità si prostrerà all'enormità del tuo modo di essere un maiale.
E riderai, si riderai, e piangerai quando, alla sera sarai nel letto
più morto che vivo.
Ma con la speranza del domani: il lunedì di Pasquetta... la Morte Nera.

Ritorna all'indice


Capitolo 74
*** Se in un palazzo... ***


Se in un palazzo ci sono 12 piani, e nei 12 piani ci sono 50 appartamenti. In quanto tempo ti mando a fanculo?

Ritorna all'indice


Capitolo 75
*** Delirio post-onirico ***


A volte ricordo di dovervi dire certe cose.
Altre volte me ne fotto.
Però ho così tante cose da esprimere e così poca voglia e tempo di farlo.
Vorrei che molte cose cambiassero.
Cosa?
Spazi, tempi e luoghi... ma soprattutto certi prototipi di persone.
Quelli che:
- "è così da sempre!"
- " tanto che possiamo farci?"
- " domani andrà meglio!"

Domani andrà meglio il cazzo!!! Solo oggi possiamo cambiare affinché domani sia meglio.
Solo cazzo oggi.

Fine del delirio.

Ritorna all'indice


Capitolo 76
*** Vuoi sapere come sono ***


Mi chiedo spesso se ti chiedi "che faccia ha sto cazzone che scrive?",
Mi chiedo se fantastichi su di me, su come possa essere fatto, su come sono le mie mani, i miei occhi, come sono le mie labbra.
Se ho la voce profonda, se sono alto, se sono muscoloso o grasso, se sono fiacco o forte, se ho dei principi o sono totalmente un immorale.
Ti chiedi se sono una lui o una lei? Non penso.
Non importa a nessuno.
Ed io amo questa cosa.
E' fondamentale che tu sappia che qui siamo tutti "piatti".
Non importa se sono bianco,nero, orientale, occidentali's karma, o chiccessia. 
Non importa se parlo come Paolino Paperino o come Tonino Accolla.
Se sono bello e profondo, o sono brutto e coglione, o bello e coglione, brutto e profondo, un coglione profondo o un profondo coglione.
Cosa importa se ho cicatrici o se non le ho?
Vorrei chiarire e essere mistero.
Perché nel mistero posso essere tutto ciò di cui hai bisogno.
Come un Molliccio al contrario... rappresentare tutti i tuoi sogni.
E se pensi (oddio è già un bene che tu sia un essere pensante) che possa fare/dire/baciare (cretinerie, scusate) cose che ti/ci cambiano, allora io ho un senso.
Se ho un senso, allora esisto.
Perché esistere è prefiggersi da solo lo scopo.
Noi siamo lo scopo, voi lo siete, tu lo sei.


 

Ritorna all'indice


Capitolo 77
*** Another day in Ansiadise ***


Ma tu che vivi nella tua placida ignoranza, che ne vuoi sapere di che cos'è l'Ansia?
Se non ti frega che passi l'autobus perché tanto viene mamma a prenderti!
Se non ti frega di prepararti il panino perché tanto te lo preparano!
Se non ti importa di laurearti perché hai il posto di papino!

Ma tu che vivi nella tua placida ignoranza, che ne vuoi sapere di che cos'è l'Ansia?
Se hai tutte le ragazze del mondo perché hai i soldi che ti cadono dalle tasche!
Se ti preoccupi di buttare nell'immondizia una camicia da 200 euro!
Se ridi perchè tanto la vita è solo cose belle da quando sei nato!

Ma tu che vivi nella tua placida ignoranza, che ne vuoi sapere di che cos'è l'Ansia?
Se mangi tutto ciò che vuoi e non prendi nemmeno un grammo!
Se puoi mangiare tutto ciò che vuoi perché non conosci nemmeno il significato di "celiachia"!
Se puoi permetterti 5 viaggi all'anno!

Ma tu che vivi nella tua placida ignoranza, che ne vuoi sapere di che cos'è l'Ansia?
 

Ritorna all'indice


Capitolo 78
*** Ti voglio bene mammina (cit.) ***


Volevo ricordare che senza Mama non esisterebbe niente.
Ah, se non ci fosse Lei.

Mitocondrialmente parlando non esisterebbe nessuno di noi, letteralmente nessuno.
Senza i nostri collegamenti non avremmo protezione né cibo.

Senza i suoi consigli, senza le sue "minacce" velate e non velate, non saremmo mai cresciuti veramente.

L'abbiamo vista impugnare scope, giornali, mattarelli, battipanni, pantofole e chi più ne ha più ne metta,
per intimidirci ad obbedire a quelle regole che sono diventati i nostri codici morali.

A Lei dobbiamo molto (non parlo assolutamente per tutti).

E dopo tutte queste magiputtanate, torno a fare il serio.
La mamma è la mamma.
Ti tiene forte, stretto/a a se, e in quel momento ritorni senza paura.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 79
*** Arriverà quel giorno ***


Arriverà quel giorno.

Arriverà quel giorno per tutti.

Anche per voi che correggete tutti gli errori grammaticali del resto del mondo. 
Voi che non riuscite a superare una virgola, accento, apostrofo, congiunzione, copula, allitterazione.

Voi che vi burlate, ridete in modo screanzato e vi prendete gioco dell'ignoranza altrui come se vi fosse tutto concesso, perché usciti dall'Accademia della Crusca.

Voi che adorate deridere, indicare, soggiogare gli altri con la vostra "superiorità intellettuale" e in nessun modo aiutate, col vostro atteggiamento, a eliminare l'ignoranza.

Arriverà quel giorno.
Arriverà anche per voi, quando in un momento di distrazione, di stanchezza, di solitudine, direte "se avrei" nel modo sbagliato.

Magari avrà piovuto tutto il giorno.
Magari i vostri figli vi avranno fatto impazzire.
O forse sarete solo troppo vecchi e stanchi per fregarvene.

Io vi aspetto sulla soglia dell'errore.>

Sarò lì in quel momento.
E non vi guarderò con cattiveria.
Non vi dirò: "Stavo aspettando questo momento da anni".
Sarò lì e vi abbraccerò, e nel silenzio capirete che a tutti è concesso di sbagliare.
Anche e soprattutto ai più "colti".

Ritorna all'indice


Capitolo 80
*** Pace interiore ***


1. Autoanalisi
2. Ricerca della serenità d'animo
3. Sviluppo della serenità d'animo
4. Trasmissione della serenità fuori di se 
5. Creare ambiente di pace
6. Avvicinarsi al problema
7. Comprensione del problema
8. Ricerca delle possibili soluzioni
9. Svolgimento e risoluzione del problema
10. Autoanalisi con approfondimento e aggiornamento della serenità d'animo come stato perpetuo di vita.
11. Confrontarsi con l'ennesima testa di minchia e mandare tutto a puttane
1. Autoanalisi
2. [...]

Ritorna all'indice


Capitolo 81
*** Fenji e Bede ***


Ma ne vogliamo parlare dell'ultimo pezzo di Fenji e Bede?
Cè! C'è pure BADEH!
Fantastici tutti e tre.

#quarantennetipochesiinteressadimusicaperragazzi
#quarantennidentro
#avernesolo20epocopiù
#vecchianza
#Bungee&Piede  

Ritorna all'indice


Capitolo 82
*** ITALIANA ***


In Italia sappiamo fare bene tante cose.
Ma siamo conosciuti nel mondo per due cose:
- Governo sulla bocca di tutti.
- E Fedez e Ax che fanno la canzone per l'Algida raccontando del Governo e dei cliché.

#ITALIAAAAAAAAAAAAAAAAANAAAAAAAAAAAAAAAA 

p.s. questo scritto è per suscitare i cosiddetti biggalike.
P.s.s. potete anche odiarlo tranquillamente, tanto merda più, merda meno.
P.s.s.s. italiaaaaaaaaaaaaaaaaanaaaaaaaaaaaa
P.s.s.s.s non so se ho fatto una marchetta, ma in ogni caso non è voluta (anche perché nessuno mi paga per scrivere ste cagate).
P.s.s.s.s.s mangiate più gelati, d'estate sono una goduria col caldo che avanza (e la tempesta che sta per abbattersi su di noi, che poi dico io machecazzo).

Ritorna all'indice


Capitolo 83
*** #Lei ***


Non ho motivi per nascondere la mia natura.
Metà infero, metà paradiso.
Ricerco l'essenza nelle piccole cose.
Amo quanto posso,
vivo tutto ciò che succede,
mi dedico ai miei interessi ed ai miei doveri.
Ma al mio amore dedico tutto me stesso.

Ritorna all'indice


Capitolo 84
*** Pisciazzielli ***


Ci siamo sempre fatti i cazzi di tutti.
Ora il copyright.
Non vorrei dire, ma lo dico lo stesso: ma quanto è stronzo e stupido il genere umano?
BAH.

Ritorna all'indice


Capitolo 85
*** Rescue me ***


E poi dicono che nella vita non sappiamo fare un cazzo.
Compare Jared che ti piazza un pezzone musicale che ti sconvolge meningi, encefalo, mente, cuore, polmoni, gola.
Canti, canti la potenza.
Salvatelo, salvateci.

Ritorna all'indice


Capitolo 86
*** Mi attengo alle Critiche ***


Sono sempre stato contento delle critiche mossemi per il mio modo di fare "scrittura".
"Dicono  di me..." che sono uno scempio per la cultura italiana.
Sono una bruttura, uno sgorbio, che mi prendo gioco di questa magnifica tradazione letteraria, col mio modo spicciolo e insignificante di trascrivere cose insignificanti e basse almeno quanto me.

Volevo scrivere questa "epistola" per ringraziare con la penna dell'internet tutti i miei critici.
Perché nella critica trovo giovamento, tanto giovamento almeno quanto ne nutro nell'odio, nella guerra, nel dissidio, nello squallore e nell'imperfezione.

Essere una bruttura, un rifiuto, uno sgorbio è quasi motivo di vanto per me.
Soprattutto nell'ambito della scrittura.
Soprattutto nell'ambito di questa magnifica tradizione letteraria che è quella della nostra patria.

Il mio paesino, la mia nazione, l'Europa, il Mondo, non hanno bisogno di un altro scrittore che dica cose belle, alte e pregne di significato.
Non ne sono capace, ma soprattutto non ne sono degno.
Scrivere è un impegno MORALE. Almeno quanto vedere il Grande Fratello Vip.

Adoro essere maltrattato, perché nello stile ho tutte le mie pecche.
Non ho mai rispettato grammatica, punteggiatura, versi, rime, nessi e connessi.
Ho sempre sbagliato tutto perché tutta la base dettata dall'Ordine mi abbassa il sistema neuronale, me lo rende desertico.

Nessuna connessione si stabilsce dentro di me se devo rispettare l'ordine impostomi.
Per questo sono sbagliato, nato sbagliato, in un mondo giusto, di persone giuste.

Sono sbagliato se non ho l'ultimo modello, se non ho di che raccontare di cosa ho fatto nel weekend.
Sono sbagliato perché anche questo sito dice che devo scrivere di scrittura, di storie, di romanzi, di personaggi inventati.

Ma se fossi io stesso un personaggio inventato?
Non vi basta questo?
Non vi basta prendervi gioco di tutto, di tutti, dei deboli e dei forti, riempiendo schiere e schiere di file insignificanti di zombie da fiction?

"Io di risposte non ne ho..." Ma ho tantissime domande, ora e sempre.
Mi ritrovo ad essere nato negli anni 90, in quegli anni in cui, crescendo, non hai mai capito a che generazione appartieni veramente.
Se sei solo uno strascico degli anni '80, se sei solo un principio dei 2000.

Chi siamo noi?
Polvere e cenere, cenere e Polvere?

Siamo dissidi e contrapposti, brutture e insignificanze?

Non voglio dilunguarmi, anche perché ho scritto già abbastanza di cose insignificanti.
Potrebbe finire che mi fanno chiudere, e poi sarebbe tosta ripartire tutto dal principio.

In fondo, l'ignoranza è qualcosa che va costruita pian piano nel tempo.
Non fare un po' questo, non interessarsi un po' a quello, non leggere più nulla.
Crogiolarsi nei like, e piangere lacrime acide nelle critiche.

Siamo la "depressione" di una razza.
Ma la cosa migliore è che questo non frega letteralmente a nessuno.



 

Ritorna all'indice


Capitolo 87
*** Paroloni ***


Per capire la differenza tra uno scrittore ed un poeta basta pensare alla differenza tra un cuoco ed uno chef.

Il primo cucina, il secondo trasmette emozioni.
Entrambi possiedono le stesse materie prime, ciò che cambia è la pura elaborazione emotiva ed intellettuale di un concetto chiamato "pietanza".

E nella scrittura?

Tutti possiamo scrivere, ma non tutti trasmettiamo emozioni. Pagherei in granelli di sabbia per avere quel dono.

Tu cosa sei? Cosa vuoi essere?

Io non sono né l'uno, né l'altro.
Sono solo l'effimera insipienza del racconto banale.

Ritorna all'indice


Capitolo 88
*** SOLDI ***


La musica può piacere o meno.
Ma perché giudicare un testo, un suono, una melodia quando si può rendere tutto più politico?
Perché godere di qualcosa che può piacerci, quando possiamo giudicare?

Perché ascoltare la musica, quando possiamo maledire il cantante che la canta?
Maledetti, noi.

Ritorna all'indice


Capitolo 89
*** Clacson ***


Sono  in macchina, incanalato nel traffico. 
Sono già 35 minuti che stai consumando benzina senza aver fatto nemmeno 100 metri.
C'è una fila chilometrica.
Il rumore di sottofondo della vita viene disturbato.
Uno/a stronzo/a bussa due tre macchine dietro di me.

Una volta.
Due volte.
Cinque volte.
Sette volte. SETTE VOLTE.

Non si muove una foglia.
Le macchine non avanzano per magia.
Il traffico continua ad esistere,  anche dopo aver bussato rumorosamente e soprattutto ripetutamente.

Ecco, ora io non so chi tu sia, e cosa voglia dalla vita.
Non so perché eri lì e perché avevi così tanta fretta.
Ma io un paio di domande, tra me e me, me le sono poste.

Perché c***o continuni a bussare?
Quale forza divina o demonica ti spinge a bussare?
Chi ti ha insegnato a stare per strada? SATANA?

No. Non ci sto.
Ho perso anche gli ultimi neuroni buoni.
Sono morti nel traffico, insieme a quel babababababababbbabababaaaaaaaaaaaaaaa.

Amen.

Ritorna all'indice


Capitolo 90
*** Il saluto è degli Angeli ***


Quando una persona che conosci passa e non saluta.
Ti scansa come la peste.

Ti chiedi: ma che min***a ho fatto?

Poi ti rendi conto che la vita è così.
Le persone: le conosci, ci fai un pezzo di strada insieme, poi vi sfuggite come lebbrosi.
E si va dritti nel gorgo dell'indifferenza.


#BellaMerda 

Ritorna all'indice


Capitolo 91
*** Il tifoso ***


La scienza rivela: "Trovato l'anello di congiunzione tra l'uomo e la scimmia: il tifoso sfegatato che non capisce nulla di calcio, che utilizza la violenza verbale e fisica per dimostrare la sua superiore intelligenza".

Da anni la biologia tutta cerca di spiegare i misteri della vita:
"Da dove discendiamo?"
"Come avvengono i meccanismi della vita?"
"Esiste un discendente comune?"

Ma soprattutto:"Perché quando un tifoso parla della propria squadra del cuore diventa la peggiore bestia di satana dell'universo, denigrando, disprezzando, infangando, logorando e distruggendo tutto ciò che c'è di bello nel gioco del pallone?"

Imminenti scienziati hanno ritrovato la risposta: "Il tifoso medio, quello che non capisce nulla di calcio, di agonismo in campo e di lealtà sportiva, è il diretto anello di congiunzione tra la scimmia e l'uomo primordiale" spiega John Walt Disnoy, eminente tuttologo internazionale.

Ma ad oggi non si può generalizzare questo concetto.
C'è ancora chi, nella melma, riesce ad amare questo gioco, riesce ad apprezzarne i lati positivi, e a commentare oggettivamente i lati negativi.

Il problema più grande del calcio è il business.
L'agonismo tra le squadre e le tifoserie è d'obbligo.
Quello che non è d'obbligo è insultare tutti coloro che non sono della stessa maglia.

Se sei tifoso e stai insultando altri tifosi, in un modo indiretto stai insultando te stesso. Perché l'insulto è figlio dell'ignoranza.

Il calcio, quello bello, non promuove l'ignoranza.
Il calcio promuove la lealtà, l'onore, la bellezza.

La sportività è il cuore centrale di questo e di tutti gli sport.

Se non si riesce ad essere sportivi, non si può entrare a far parte di questo mondo. 
Si rimarrà sempre e solo l'anello di congiunzione tra la scimmia e l'uomo.

Ritorna all'indice


Capitolo 92
*** Il papà di Hanna Montana è tornato! ***


Billy Ray Cyrus è tornato sulla scena.
Ed insieme a lui sta per tornare l'ultimo (forse) film di Rambo.

Il Dr. Cyrus ha collaborato per la colonna sonora di questo film che, sicuramente,
non smetterà di entusiasmare
con violenza gratuita, mazzate da orbi, e scene all'ultimo sangue. 

La cosa importante è che il Musicante Cyrus (quello serio della famiglia)  ha portato 
un nuovo/vecchio pezzone country. 

Ed io sono così immensamente felice.
Andate subito a sentire la musica di un Cyrus, ma di quelli bravi però.

Spoiler:  Non ci sono palle d'acciaio nel video, se non quelle del Dr. Cyrus in persona.






 

Ritorna all'indice


Capitolo 93
*** Saitama Powa (OPM) ***


Una stella brilla più di tutte.

Le altre stelle stanno lì ad ammirarla?
No.

La prendono a modello e cercano di superarla.
Perché quando si raggiunge l'apice è il momento di farsi raggiungere e superare.

Perché?
Perché il bello è consentire l'evoluzione, l'avanzamento, il progresso.

Non si punta a limitare il nuovo, ma ad invogliarlo a migliorarsi sempre di più.

Non perché si è al massimo bisogna fermarsi.
Bisogna puntare sempre oltre.
Oltre il limite.

E tu, tu continua a brillare più forte che puoi, affinché possa raggiungerti... e superare.

Ritorna all'indice


Capitolo 94
*** Ste_Ca***_De_Smart ***


Ti ritrovi in giro per strada, sulla tua puntarella con Gigi D'Ag a farti da colonna sonora.
Senti il BLABLABLA che ti prende, devi cercare un parcheggio.
Dietro una Dacia lunga un kilometro intravedi un piccolo pertugio.
Giro convinto.
Ma convintissimo.
Per poco non vengo strangolato dalla cintura di sicurezza tanto è forte la frenata.
C'è na ***** di smart parcheggiata.

Vorrei bestemmiare.
Poi mi ricordo che tanto è inutile.
Perché se Dio regolasse il  mondo, e non ci fosse il libero arbitrio,
di certo non ci avrebbe fatto creare le smart.

Piccole auto, per piccole persone,
create con lo scopo di portare nel mondo odio e malessere.
ODIO e MALESSERE.

Ritorna all'indice


Capitolo 95
*** uTube ***


Swappie is the new "Mi sento veramente euforico"

Ritorna all'indice


Capitolo 96
*** Siamo tutti PARADISO ***


Una volta c'era l'Indie.
C'erano Giornalisti come si deve.
C'erano tempi bui affrontati con parole a caso
e melodie scontate più dell'MD.

Siamo passati dall'Inferno a PARADISO.

Welcome in a new World of Indie A caso.

Ritorna all'indice


Capitolo 97
*** CaRot€ ***


Persone, Idiote, come le Carote
le prendi e ci parli: sono tutti dei Coyote.

Ti sbranano, ti lacerano
sorridono, infamano

Persone, Idiote, come le Carote
le mandi a fare in cu** sono tutti Banconote.

Persone, Idiote, andate a cagare,
le persone che Applaudono, chi sorride e chi va a Mare.

Carote, Carote, Carote, Carote
mi faccio di Peyote 

Sorrido, e rido
non capisco più nulla

a me il mal di testa
x factor alla gente

Siamo gente inferiore, Idioti, Idioti
non siamo Italiani, siamo tutti Italioti.

Carote... 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 98
*** SoulExpress ***


La mia cultura è di impronta puramente Partenopea.
Vedo treni che  non hanno colore e che viaggiono sugli stessi binari.

Opportunità che sfuggono, perché c'è la differenza
tra umani, extraterrestri e dei.

Il peso non esiste se fai parte dell'ultima categoria.

Ma se hai happiness non puoi fallire.
Potranno tacciarti per ciò che sei,
ma se ti diverti e fai divertire
non c'è divario che tu non possa colmare.

Essere fieri di ciò che si è
e del posto da cui si viene
è la più grande forma di autorispetto esistente.

Ricordiamoglielo al  mondo, everyday 
che siamo sul SoulExpress.

Non possiamo mancare,
né perdere,
né essere sconfitti.

Noi siamo tutto ciò che siamo destinati ad essere.
Ma il destino, senza impegno, non conta nulla.

Ritorna all'indice


Capitolo 99
*** City Hunter a 26 Anni (versione pseudoseria) ***


Ma come potevo sperare di crescere su "normale" quando da piccolo ho avuto Ryo e Lupin III come linee guida?

Come potevo sperare di diventare come tutti gli altri, quando abbiamo prospettive della vita così diverse?

Non è questione di gioco di luci,
né questione di avere o meno un'anima sensibile.

L'essere diversi è per molti un deficit,
un gap da colmare.

Per me è un pregio!

Perché se e quando ti avvicini a me
è perché (in fondo) speri di avere un quid peculiare.
Non la solita solfa trita e ritrita di luoghi comuni e banali cliché.

La peculiarità si "paga" con l'alienazione,
alienazione da una civiltà che tratta le persone come oggetti e gli oggetti come persone.

Allora lasciatemi ai miei eroi
che tra errori e sciocchezze
amavano, rischiavano, e davano tutto per il loro obiettivo.

Lasciatemi alla mia infanzia, e alle cose belle,
ai sentimenti puri, e la voglia di cambiare le cose.

Ritorna all'indice


Capitolo 100
*** I'M GIORGIA!!!!!!!!! ***


Ma ancora a credere a ste cagate? Nel 2019?

Davvero basta nascere in Italia per essere Italiano? 
Davvero basta partorire per essere Madre?
Davvero basta andare in Chiesa per essere Cristiani?

E come la mettiamo ai cori razzisti negli stadi?
E ai meme divertenti?


Ma davvero?
Davvero?Davvero?Davvero? 

Ma andate a cagare, tutti.
Anche io.

Andate a cagare genitore 1 e genitore 2.

Un genitore è chi ti cresce, spesso, con sacrifici assurdi
Davvero un genitore è legato alle sue gonadi?

Ma che cavolo.
Per non dire cazzo.

Ah, l'ho detto.

A sto punto ce la meritiamo, una sfiga come quella.
O no?

Ritorna all'indice


Capitolo 101
*** In memoria ***


Oggi il mio pensiero va a Micheal Jackson,
Perché? Perché No?

M.J. è stato una parte importante della mia adolescenza.
Mi ha insegnato che spesso le persone parlano male di te anche senza prove concrete.
Poi magari le prove se le fanno uscire lo stesso: magari vere, magari fittizie, spesso infondate.

Non posso discutere sull'Uomo, perché non l'ho mai conosciuto Umanamente.
Però posso parlare del Personaggio.

M.J. ha avuto un Carisma Unico.
Ballerino, Cantante, Uomo di Spettacolo, Voce Pazzesca, Stile Unico, è diventato una Icona Mondiale.

Spesso mi capita di ripensare a quante canzoni mi ricordino quelle di M.
Sono davvero tante.
E' stata una Figura che ha segnato di brutto questa mia generazione musicale.

Mi ha lasciato un Imprinting Unico.
E ogni volta che ballo come un cretino mi parte un Hi-hiiii, Uho,UUUU, che me lo ricorda.

M.J. ha scavato dentro una Linea Infinita di aspettative musicali.
E a lui devo molto del mio gusto muscicale. 

E così finisce questo ricordo, parziale, superfluo, inutile.
Ma eccolo,
anche se evanescente,
un pensiero è come una Fiammella,
serve a tenere in vita qualcuno che si è spento nella carne
ma continua a brillare di una luce eterea.

Ritorna all'indice


Capitolo 102
*** B.F. ***


Vorrei un Black Friday della Consapevolezza.

Gente in fila per ore ed ore ad imparare a migliorarsi e
a migliorare l'ambiente che li circonda.

Vorrei un Black Friday della Serenità.
In cui ci si impegna ad essere felici e coscienziosi.

Ma si sa il BF è un sogno ad occhi aperti.

Ritorna all'indice


Capitolo 103
*** La legge del più forte ***


Al mondo vince chi fattura,
non chi frattura,
ma chi pensa 
e pur cadendo
si rilaza,
e procedendo,
seppur lento,
tira su la lenza 
e vince
nonostante tutto e tutti.

Non bisogna cedere,
bisogna credere,
che tutto si può,
e solo facendo
si sopprime il dolore
e si annulla il male.

E in mezzo al mare,
solo a naufragare,
la corrente ti spinge sotto,
ma tu puoi continuare,
non mollare,
tu ci sai fare,
ma soprattutto
non ti smontare,
perché solo tu lo Puoi fare.

Creala tu la Legge del più Forte.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 104
*** Buon Inizio di Fine Anno ***


Voglio augurare di cuore a tutti: "buon fine d'anno".

A tutti, anche a quelli che, come me, si lamentano sempre di tutto.
A tutti quelli che, pur odiando il casino, lo vivranno a 360°.

Auguro a tutti una buona fine, affinché possiate essere come le Fenici
e rinascere dalle vostre ceneri, più belli, fulgidi e interessanti di prima.

Affinché tutti i vostri sogni, anche se con sacrificio, si possano avverare.
Perché c'è troppo male in questa vita.
C'è troppa luce dei riflettori, e poca luce solare. 

Affinchè tutto possa risolversi per il verso giusto,
che le cose buone dette da Paolo Fox possano realizzarsi. 

Che i parenti possano finalmente vedervi per ciò che siete.
Che l'amore che aspettate da troppo, arrivi e vi renda giustamente felici.
Che tutte le persone Acide possano trovare il loro corrispettivo Basico per Neutralizzarsi.

Che tutti e dico tutti, coloro che leggeranno e chi no,
per coloro che ameranno, e anche per quelli che no,
per tutti coloro che possono fare la differenza, e possono farla,
spero intensamente che la farete  davvero.

Auguro a tutti una buona fine.
E godetevi tutto,
vivetevi tutto,
e non lasciatevi sfuggire le lenticchie,
che quelle portano fortuna.

Un saluto, Adam Kadmon,
ah no, ho sbagliato,
chiedo scudo...

 

Ritorna all'indice


Capitolo 105
*** I 4 minuti di pubblicità di Youtube sono illegali ***


Atmosfera: Giornata di merda, torni stanco dall'uni, fuori piove come se il domani fosse solo un parto della tua mente malata.

Tu: Sei zuppo da fare schifo. Sei stato 2 ore e mezza bloccato su un bus con persone che, a quanto pare, hanno come hobby inculare la gente e prendere a parolacce tutti solo perché esistono.

BENE! VIVA LA PIOGGIA E I MEZZI PUBBLICI.

Intanto, non sai neanche tu come, scendi dal bus vivo, prendi il cellulare per aggiornare tutti della tua sopravvivenza.
Ma fuori continua a piovere che Noé scansate.

Ai piedi hai le tue scarpe che sanno fare tutto, tranne resistere all'acqua, che sgorga ormai anche dal manto stradale.

I PIEDI SONO ANDATI. Addio coraggiosi guerrieri.

Prendi l'ombrellino dalla borsa. Vorresti almeno riparare la testa.
Ma qualcosa va storto.
Cerchi di aprirlo con l'eleganza innata di un Circense, ma l'ombrellino cade a terra, e  si rompe il manico.

Non sai più se quelle sul viso sono Lacrime o Pioggia.
Te ne fotti.

Inizi a risalire verso casa, più bagnato di Sasha Grey ed Asa Akira insieme durante una Gang Bang.

Non sai nemmeno tu come, ti sei trascinato sotto casa, pesante un quintale o poco più
(i vestiti ormai hanno creato quell'effetto Baymax/ omino Michelin).

Macilento trascini il tuo corpo esausto verso il bagno, senza nemmeno salutare a casa (ed è per questo che ti riconoscono come "lo stronzo di turno").

Ti privi del peso in eccesso, accendi il cellulare (miracolosamente ancora intatto), attivi bluetooth, la cassa fa plin plon, si è connessa al primo colpo.

STRANO.

Ma non ce la fai a pensare, apri la doccia, la imposti sulla temperatura più calda, quella del limite di sopportazione umano.
Ma tu sei infreddolito, zuppo e puzzi come quei ristoranti presenti nei quartieri malfamati della tua città.

Attivi la prima canzone su youtube, ti infili sotto la doccia...
Ma qualcosa va STORTISSIMO: parte la pubblicità di ottordicimila ore di youtube.

E NO, QUESTO NO!

Vorresti uscire e mettere la tua canzone, ma l'acqua è troppo calda e piacevole.
Non sai se quelle sul tuo viso sono lacrime o gocce d'acqua che cadono dal doccino. 

MALEDETTO YOTUBE hai rovinato tutto, e anche la Scozia (semicit.).  

 

Ritorna all'indice


Capitolo 106
*** Bella, Bella, Bellissima ***


Il Peccato di un uomo è che proferisce parola
senza pensarci troppo.
Come dicono gli Antichi:
"Problema no eiste se sbagli,
Problema esiste se continui
a Sbagliare sempre su stessa cosa".

E di per sé tutti facciamo errori e spariamo cagate,
una dopo l'altra.
Ma solitamente ci è dato anche di riflettere,
tornare indietro,
chiedere scusa per le fregnacciate e migliorarci.

Peccato che non sempre si riesce  a fare questo.
Se ammettessimo subito i nostri errori e ci impegnassimo a non ripeterli il mondo sarebbe,
FORSE,
un posto più gradevole.

Ritorna all'indice


Capitolo 107
*** Rafiki il mandrillo ***


Nella vita ci sono vari modi di andare avanti:
- Lasciar passare i più forti avanti, piegando la testa e provando a sopravvivere
- Combattere sempre e comunque, sacrificando tutto, mantenendo la propria coerenza
- O fare come Rafiki: Confidare che il destino si compia per mano di altri credendo ciecamente nella propria visione

Ora non so voi, ma Rafiki ha fatto la sua scelta. E voi?

Ritorna all'indice


Capitolo 108
*** La Pupa e il Secchione e Viceversa Insegna ***


Cosa potrà mai insegnare?
- Che i Belli possono essere Amici di quelli Brutti (estaticamente) e nulla più.
- Che la Cultura è un'arma potente, se affilata come si deve.
- Che essere Intelligenti non vuol dire essere migliori.
- Che essere Umani ed avere Umanità sono due cose diverse.
- Che l'unica cosa che punire tutti quanti è l'Ambizione.
- Che quando ci sono i soldi di mezzo, tutti, e dico TUTTI. fanno qualsiasi cosa pur di Vincere.

Ritorna all'indice


Capitolo 109
*** 4 Maggio ***


Ricorda il 4 Maggio: la congiura per il riottenimento delle libertà private; 
non c'è ragione per cui  questa giornata debba essere dimenticata.

Ahi stolto, dimenticare è troppo facile.
La guerra sarà vinta solo quando l'ultimo proiettile sarà sparato.

Ritorna all'indice


Capitolo 110
*** Pensa a Rocco ***


22 Maggio, l'Italia riapre le porte, e l'Umanità ci si riversa.
22 Maggio, il "peggio" sembra passato (SEMBRA).

MA! Ma dobbiamo tenere duro come Rocco.
Dobbiamo essere rigidi come Rocco.
Dobbiamo stare attenti come chiunque stia facendo la doccia con Rocco ma NON E' ROCCO.

22 Maggio, dobbiamo stare in campana. 
Sempre. 
 

Ritorna all'indice


Capitolo 111
*** "Beautiful Dangerous" ***


Avete  quella  scintilla che dal cervello arriva fin giù nelle mutande?

Eccola! Quella è la sensazione che arriva quando la chimica fa il suo corso.

Quando un odore, uno gioco di sguardi, una mano, un seno, un sedere, una parola, una emozione,
fa scattare la chimica avvolgente dell'atto carnale, metafisico e spirituale.

Il sesso è una scarica di fulmini nel pube.
Il sesso è un pugno nel petto.

E' la cosa che più ami, amplificata un miliardo di volte.

Il cuore caldo, gli occhi lucidi, la bocca asciutta. 
Il ventre contratto, il sudore e scontri di pianeti che diventano incontri.

Ritorna all'indice


Capitolo 112
*** 16 Marzo ***


Ci son cascato di nuovo.

Ritorna all'indice


Capitolo 113
*** Il razzismo nel 2020 ***


Fermare i razzisti nel 2020 è un po' come cercare di
contrastare il COVID con la camomilla.
Ah no, aspé, questa è politicamente scorretta. 
C'è il rischio che qualcuno ci crede davvero.

Adoro.
No,
forse no.

#NONDOVETESSERAZZISTI

Ritorna all'indice


Capitolo 114
*** Threats to the wind ***


Threats to the wind

Ed io no.
Non so.
E tu?
Sicuramente non sai.

Per chi mi hai scambiato?
For a man sows revenge?

Sicuramente non è come intendi tu.
Ma è certamente come intendo io.

Non capisci?
Meglio.

Ma se capisci, il silenzio è sempre oro.
Soprattutto quando non sai cosa dire.

Parlo per me e per te.
Perché quando non c'è una solida base da cui partire, 
tutto è una lamiera di fuffa. 

Ciarliamo, Ciarliamo
ma non ci chiariamo. 

Ed anche se ho la fucking mind, 
ho la 
clean conscience.

Per cui, posso solo dire: Bah. 


What else?

Ritorna all'indice


Capitolo 115
*** Mezza Pariolina, Mezza Bora ***


Di fatto la vita è semplice.
Divisi e Divisibili in:
figli di papà, e figli di puttana.

E non è sempre così?

Gira e rigira suddividiamo e classifichiamo tutto e tutti.
Etichettare is the new Giudicare.

Ragazze belle e brutte.
Ragazzi ricchi e poveri.
Giuda e Gesù.
Io o Tu.

Non siamo tutti Mezzi Pariolini e Mezzi Bori alla fine di tutto?
Meticci come Balto, continuiamo a rompere il ca**o. 

Ritorna all'indice


Capitolo 116
*** Il nemico naturale dell'uomo ***


Ti fai due conti, e:
Pandemie dovute a virus
e Attacchi di Animali/Batteri/Muffe.
Dopo questo
cosa rimane di pericoloso per l'uomo?

Rimaniamo noi.

L'uomo e la sua natura del cazzo,
pronta a distruggere
ed autodistruggersi.

Cosa rimane se non Noi? NOI!

Se solo uscissimo fuori dalle 4 mura di comfort,
che ci propinano dalla nascita alla morte,
vedremmo che tutto là fuori fa cagare.
E molto.

E lo sfogo a che serve?
A nulla.
E chi ti ascolta?
Nessuno.
E chi agisce per cambiare le cose (IN MEGLIO),
senza necessariamente prendersela con: 
persone più povere,
o di altre religioni,
o di altro colore?
IO?
TU?

No, non credo che lo farai,
così come non credo che lo farò io.

Siamo miseri e miserabili.
Lo so io, e, in fondo, lo sai tu.    

Perché prima di cambiare bisogna rinunciare.
E' la prima regola del cambiamento.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 117
*** Piccolo Stupido Innocente ***


Ho pietà per la tua stupidità innocente.
Mi intenerisci come se tu fossi un pulcino con un'alza spezzata.

Mi piacerebbe poterti aiutare,
curare la tua ala,
portarti in alto,
e farti volare.

Ma la tua stupidità ti attirerebbe al suolo più della gravità.
Perché l'unica cosa che ti schiaccia  al suolo più della forza di gravità,
è proprio la gravità della tua stupidità.

Sembri uno di quei vermetti usati da Smeagol nel terzo episodio del Signore degli Anelli,
pronto ad accettare tutto,
perché impotente.

E nella tua impotenza ti crogioli come se potessi riuscire.
Ma non riuscirai.

Ci sono Montagne Altissime,
che non riuscirai mai a valicare,
perché sono più alte di te.

Non basterebbero 25 tue vite per superarle.
So che non ti arrenderai.

 
Per questo brinderò con l'Ambrosia degli Dei.
E Perfidamente,per ultimo, sorriderò beffardo della tua Stupidità. 

Ritorna all'indice


Capitolo 118
*** Salut fils de pourriture Bonne nuit fils des latrines ***


Ascolto le canzoni in francesce.
Probabilmente raccontano di tette, culi, tradimenti, infamia, droga e cattiveria.
Ma il francese ha un tale effetto rilassante sulle mie sinapsi, che, in questo caso, non bado al contenuto.
Dò peso solo alla forma.

Vi capita?

Vi capita di dare peso all'estetica e non al contenuto?
Vi capita di non considerare per nulla quello che è il contenuto e dare peso solo all'estetica?

A me si.
Ma solo per le canzoni francesi.
 

Ritorna all'indice


Capitolo 119
*** Riflessione Semiseria (In Altra Lingua) ***


How many Angels have lost their wings on the street
and have shown their evil nature
in the most wonderful smiles?

What if happiness hides in those smiles?

So would you be able to recognize good from evil?

Could you really choose your place in the world?

But always remember the one rule,
that the true answer is always hidden
in the most stupid of questions:
"What do you really want?"

Ritorna all'indice


Capitolo 120
*** La Signora che Butta giù i Monopattini ***


La Signora che butta giù i Monopattini a Roma
è il Senso della Vita, una Agente del Caos,
colei che Alimenta l'Entropia dell'Universo.

Se vi state chiedendo se sia giusto o ingiusto
state sbagliando la prospettiva.
Il gesto fisico non vale nulla, se non il danno monetario.
Quello che conta è l'Idea dietro al Gesto.

Una Signora che butta giù i Monopattini a Roma
è il Senso di Ogni Cosa.

E' Ribellione.
E' Follia.
E' Personificazione del 2020.

Ritorna all'indice


Capitolo 121
*** Cane Azzanna Cane ***


Lo sai che se c'è un cane grande per strada, senza il suo padrone, quel cane può azzannare e uccidere il tuo?
Lo sai che se c'è un cane grande per strada, senza il suo padrone, quel cane può azzannare e uccidere te, o tuo figlio, o tua madre?

Ora, permettimi di offendere, pertanto attaccare, chiunque sia talmente testa di cazzo da lasciare il proprio cane libero per strada.
Se un cane (appartenente ad un padrone) è libero, che sia un
 chiwawa o un pastore alsaziano, non è colpa del cane se fa quello che fa, qualsiasi cosa faccia. E' sempre colpa del padrone.

"Il cane mi ha cagato sul pavimento di legno massello"
"Il cane ha brutalizzato i pupazzi di mia suocera"
"Il cane ha vomitato sulla mia collezione di dischi di Justin"

E' troppo facile dare la colpa  ai cani.
Eh no.Così no.

La testa di ca. sei tu che agisci in modo sconsiderato.

E allora?

Siamo tutti cani che azzannano cani in questa vita.
Colpiamo i più deboli, e temiamo i più forti.
Siamo cani di paglia, che mangiano paglia e vivono con code di paglia (semicit.).

E' colpa nostra.
Sempre.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 122
*** Vota Si/ Vota No ***


Oggi e Domani si vota.
Vota Si se vuoi il Si.
Vota No se vuoi il No.

E cos'altro dire?
Che in Italia ci sono Politici Onesti e Disonesti?
Questo ci si sa.

Che in Italia, qualsiasi scelta si faccia, in culo va sempre a chi vota?
Questo ci si sa.

Che tanto, inevitabilmente, il voto sarà comunque destinato a morire nei secoli.
Ma è nostro diritto, e soprattutto DOVERE.

Ah si?
Eh si se vuoi, almeno in teoria, che cambino le cose.

Ritorna all'indice


Capitolo 123
*** Mr. 23 ***


Mr. 23 è questo il mio nome.
La mia essenza è legata alla cabala.
Il mio Io è l'aniam della casta,

Sono solo un numero.
Ma nella vita non sono i numeri a contare?

Devi avere milioni in banca, 0 attese, centinaia di amici, 0 ansie...

Ma 23 è tutto ciò che ero, ciò che sono, e che sarò.
Uno Scemo.

Emano Scemità.
Quest'è.
Non accettare ogni cosa che capita in un unico senso,
Ma trova il Senso in ogni cosa che capita.

E se non ti piace il mio consiglio.
VAFF@#@ULO.

Vivrò serenamente con le mie considerazioni,
così come tu con le tue.  

 

Ritorna all'indice


Capitolo 124
*** Pasquismo 2021 ***


E pensare che l'anno scorso mi ero lamentato di Pasqua e Pasequetta chiuso in casa.

E anche questa Pasqua è andata così.
C'amma fa. 

E se l'anno scorso era la Prima Volta, ora siamo abituati al delirio.
Il delirio stellato sopra di me, il delirio privato dentro di me.

Non possiamo smettere di ravanarci il Cervello.
Speriamo Presto in una risalita della vita.

Si pensa subito alle Vacanze Festive.
E ad una ripartenza della vitalità.

DAJE.

Ritorna all'indice


Capitolo 125
*** Misundercompreso ***


È così facile non capire gli altri,
che non capisco come gli altri non facciano a capirlo.

Mi sento misundercompreso.

Ritorna all'indice


Capitolo 126
*** "I Cartoni Animati sono per Bambini" ***


 
Vedi il Re Leone a 5 anni e piangi.
Lo vedi a a 10 anni e te lo godi.
Lo vedi a 17 anni e capisci.
Lo vedi a 28 anni e piangi di nuovo.
Il Re Leone: la Metafora della Vita.
Il Ciclo che non smette mai di continuare,
che prosegue, senza fermarsi,
di generazione in generazione,
trasmettendo l'idea che tutto ha un suo Scopo su questa bella Terra,
che tutto possa avvenire ed avverarsi.
Perché noi siamo un Flusso, non siamo Barriera.
Siamo parte del tutto, e mai il tutto.
Perché qualcuno continua a vivere in noi,
e noi continueremo a vivere in qualcuno.
In pensieri, parole, sorrisi, gesti e pianti.
Negli atti, nei modi, nelle vittorie e nelle sconfitte.

Noi Viviamo.

Ritorna all'indice


Capitolo 127
*** Approccio con le new generation ***


Spesso dimentico di far parte della "vecchia guardia".
Se provo a discutere con intelligenza, spesso mi sento dire: "ma che cazzo dici",
un po' come a dire: "ma che fai, ci pensi pure?"

Diventa difficile poi per me confrontarmi con certe personalità.
Non è che possiamo sempre portare tutto a livello "Spit".
Non è che siamo tutti Nitro ed Ensi, che ogni cosa che diciamo deve diventare un dissing continuo.

Offendere è la traduzione letterale di attaccare moralmente qualcuno.

Avere anni di diferrenza con la nuova generazione, può crearmi delle serie difficoltà di comunicazione.
Devo veramente arrivare a un certo tipo di registro per comunicare con loro?

Devo bestemmiare, altrimenti sono uno sfigato?  
Se cerco di parlare con educazione, mi danno della "Madre Teresa di Calcutta".

Moralmente mi sento come "il piccolo che piange perché il bulletto gli ha fatto male".
Rispondere male, con aggressività e cattiveria, è questo che vogliamo?

La diffidenza per certi tipi di atteggiamenti mi preoccupa.

Si, sono pesante. 
Si, so rompere il cazzo.
No, non mi voglio lasciar offendere dai leoni da tastiera che pesano 15 kg, e fanno brutto solo alle formiche.

Mi scoccia.
Mi scoccia che possa esserci tanta violenza gratuita, senza motivo.
Perché come la fanno a me, la faranno a molti altri.
Altri che non possono e non sanno difendersi da una offesa morale.

L'aggressività genera aggressività e risentimento.
Come un Ciclo Vizioso.

Ormai dobbiamo essere "tutti" Gangster.
Altrimenti, piedi in testa.

Ma vaffanculo. 


 

Ritorna all'indice


Capitolo 128
*** Il "culo" ***


C’avete presente quando state mangiando un gelato sullo stecco e resta l’ultima parte di panna, e ormai siete alla fine, non vi resta che leccare la stecca, ma poi vi meravigliate perché vedete che sotto c’è rimasto il “culo” di cioccolato? Ecco la vita a volte sa essere anche questo. Quando credi che le cose stiano finendo, a volte, resta ancora qualcosa di meraviglioso da scoprire, proprio quando ormai non te lo aspetti più.

Ritorna all'indice


Capitolo 129
*** Arrivaci tu settimo ***


Arrivaci tu settimo in una finale delle Olimpiadi.
Ma non alla tua prima finale alla tua prima Olimpiade.
La tua quinta finale consecutiva.

Arrivaci tu, sul tetto del mondo, ad inseguire ancora i tuoi sogni.
Non a 16, ma a 32 anni.

Arrivaci tu a fare la Storia della tua Disciplina.

Poi ne riparliamo.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 130
*** Rivoluzione Loop ***


Rivoluzione Loop

Potenti e Deboli
Potenti Uccidono Deboli
Deboli Soffrono, Soffrono, Soffrono, Soffrono, Soffrono
Sabbia negli Occhi
IL NEMICO è qualcun altro
Sabbia negli Occhi
Deboli Soffrono, Soffrono, Soffrono, Soffrono, Soffrono
Deboli Uccidono Potenti
Piccola parte dei Deboli divene Potente
Potenti e Deboli
Potenti uccidono Deboli

Ritorna all'indice


Capitolo 131
*** Venom ***


La rima più pungente
è quella che parla della verità.
Che tu sia pronto o meno,
essa ti pugnalerà.

Se sei vigile,
sarai atterritto dalla scoperta di questo putridume.
Se sei disattento, sei in pericolo di vita,
perché non ti libererai mai più del peso di ciò che saresti potuto essere.

Se non ti  sei accorto,
che viviamo in un mondo menzognero,
allora sei già morto,
sei privo di necessitudini.
E di certo,
non hai, e mai avrai,
la lealtà di nessuno.

Perché la lealtà va pagata col fio dell'oblio.
Abbandonare il giusto, per il facile.
Il corretto, per la via più corta.

Dantesco è il tuo modo di vivere:
Inferno nei Lombi,
Purgatorio nelle Scelte Quotidiane,
Paradiso di Continui Fallimenti Edenici.

La verità è come il veleno in una ferita,
che si infetta, e imputridisce
se non la disinfetti
con una porzione abbondante di menzogna,
che viene riversata a galloni
a mo' di disinfettante trans-veritaneo
senza il quale non potremmo sostenere
tutto il peso
di questo qualunquismo atterrante e subitaneo.

Lo senti il rumore del vento?
O forse hai sempre le cuffiette tirate sulle orecchie,
per non sentire le urla di dolore,
per non capire che quel vento è putrido,
e la COLPA è anche tua,
come mia?

La senti la puzza del parassita che sei,
che usufruisci del sangue e dei nutrienti del prossimo,
del suo dolore,  
per campare e gozzovigliare,
il tutto mentre scrivi quattro puttanate
durante l'atto propiziatorio della cacata al cesso?

Siamo veleno,
accettiamolo,
e avveleniamo tutto.
Mondo, Cuore, Anima, Persone, Familiari, Relazioni, Possibilità.

Siamo portatori Insani di malattia:
Quella del Ragionamento.
Lo Repelliamo, lo allontaniamo, giustamente...
Lo Temiamo.

Perchè non c'è veleno peggiore della verità.
Nessuno è mai pronto a riceverla,
anche se il Mondo la somministra
senza filtrarla in alcuno modo.

Tranquillo, 
ora è tutto finito.

Chiudi gli occhi.
Torna a sentire la tua musica.
Il mondo muore.
Ma tranquillo...
Sei tu l'untore. 
 

Ritorna all'indice


Capitolo 132
*** LA JUSTICIA ***


La giustizia è quella "cosa" che dovrebbe equilibrare il Mondo in modo imparziale,
un po' a te, un po' a me, un po' al figlio del re.

Una specie di mano divina che porti l'equilibrio.

Ma l'equilibrio cosa?
L'equilibrio cosa, dove?
Ma l'equilibrio cosa, dove, cosa?
L'equilibrio cosa, dove, cosa, dove?

E così all'infinito, no?

Giustizia è il tocco d'eleganza che ti fotte la mente, quella cosa che deve essere così perché è perfetta com'è.
E non dovrebbe essere una Puttana avida, che si prostituisce al miglior offerente.

La giustiza è quella a cui dovresti poter affidare la tua vita, e quelle dei tuoi cari.
E invece, la giustizia è la maschera abbellita dell'ingiustizia, perché a nutrirla sono gli ingiusti, gli aguzzini del cazzo.

Ma i meschini siamo noi.
Che abbassiamo la testa appena arriva qualcuno a gestire l'ordine.

La giustizia non deve piacere, deve essere EQUA.
Altrimenti non è giustizia, è una macchietta.
Ma sentite ridere qualcuno?
Io vedo solo gente incazzata intorno a me.
Gente che "vuole fare giustizia".

Ma che spasso.
Lo sanno tutti che la preda che diventa predatore fa più danno.
Siamo Catastrofi ambulanti.

 


 

Ritorna all'indice


Capitolo 133
*** Jack Sparrow ***


A questo mondo la Società può privarti di tutto: soldi, affetti, famiglia, diritti.
E tu non puoi farci un cazzo, mi dispiace.

La Società può controllare tutto, può manipolare tutto.
Può manipolare te e me, e tutti gli altri.
Può strumentalizzare il dolore e la gioia.
Può fotterti mente e corpo, e renderti appagato/a per questo.

Ma...
Se fai una puttanata, sei fuori dai giochi.
Se non fai una puttanata, ma stai sul cazzo, sei fuori dai giochi.
Se fai domande scomode, sei fuori dai giochi.
Se pensi, agisci, ti comporti fuori dagli schemi, sei fuori.

Allora, cosa fare?
Drogarsi? No.
Pensare liberamente? Non basta.
Agire liberamente? Impossibile.

In una Società in cui il Limite all'evoluzione è la Società stessa.
In cui i Potenti comandano e i deboli muoiono per portare a casa la pagnotta.
Dove i ragazzi preferiscono TikTok alla scrittura, alla musica, all'ingegno...

Non resta che trovare una soluzione impossibile da applicare nel possibile.

Penso a Jack Sparrow e tutto ciò che ne consegue.
Un ladro, un pirata, un farabutto... Eppure il più onesto fra i disonesti.
Colui che agisce per il suo interesse portando però a quel giusto disordine attorno a lui.

Siate come Jack.
 
Da questo "ordine forzato" la necessità dei Robin Hood di tutte le ere.
Di tutte le Giovanna d'Arco della storia, e le Maria la Sanguinaria, Giordano Bruno, Martin Luther King, Gandhi...

La Rivoluzione nasce col solo scopo di riportare l'Equilibrio.

Ma sapete cosa c'è prima dell'Equlibrio? Il disordine.

Allora mi dico: Pensate come farebbe Jack. Agite come farebbe Jack. Vivete come farebbe Jack.

Ed io?
Io posso provarci e fallire. Fallire, fallire, fallire... Fino a riuscire.
E se fallisco fino alla fine?
Allora proverai tu, e poi tu, e poi tu...

Non siamo singole noci nel sacco se siamo tutte nello stesso sacco. O no? 
Se vogliamo tutti qualcosa di "migliore" allora perché aspettare qualcuno che lo faccia per noi?
Potremmo essere noi Jack.
Potremmo essere noi a fare la differenza.
Piccola o Grande, la differenza FA SEMPRE la Differenza.

Siate come Jack.
Siate come Jack.

Il disordine che porta all'ordine.



 

Ritorna all'indice


Capitolo 134
*** Il mondo è di ***


Se sei debole in questo mondo di merda sono cazzi tuoi. Te la devi fare nel culo.
Che tu sia grande, piccolo, uomo, donna, gay, trans, non binario, un cactus. Se sei debole te la fai in culo.

Nessuno tutela te. Nessuno.
La realtà dei fatti è che l'ambiente in cui viviamo è di "noi" prepotenti.

Perché o sei prepotente, oppure hai 2 condizioni: leccare il culo ai prepotenti, sperando che ti lascino vivere in pace, o vieni schiacciato al suolo.
C'è poco da ridere. C'è poco da discutere.
Si possono fare mille leggi, ma le leggi se non tutelano non hanno nessuna utilità.

Perché la proporzione Bulli:Deboli è  1 bullo ogni 10 Deboli.
Allora il problema dove sta?

Il problema sta nel fatto che accanto a quel bullo/a ci sono 20 teste di cazzo che lo/a idolatrano, lo/a tutelano, lo/a proteggono direttamente o indirettamente.

Il problema non è il "bullo" fine a sé stesso.
Infondo, chiunque di noi, con un briciolo di potere, farebbe stare tutti al loro fottutissimo posto.
O no?

Il problema sono tutti coloro che promuovono questo "stile" di vita.
Quelli che vedono e non parlano.
Quelli che distolgono lo sguardo.
Quelli: "oggi per fortuna non tocca a me".

E poi tutti piangiamo che un ragazzo si lancia dal terzo piano di un palazzo. O che una ragazza si impicca.
O peggio: prima uccide degli "innocenti" e poi si uccide.

Ma di cosa cazzo stiamo parlando?
Una scelta di vita è quella di essere migliori.

E se odi queste parole è perché hai un problema.
Ma chi non ha problemi in questa vita di merda?

Una madre malata, un padre assente, o, peggio, violento.
Assenza di denaro.
Assenza di assistenza.
Assenza di amicizia.
Assenza di amore.

Il problema è l'assenza,
Ad ogni mancanza corrisponde una azione uguale e contraria di violenza.

E se non sei tu la vittima, allora, in un sistema del genere, sei carnefice.
Per questo il mondo è di "noi" prepotenti.

Perché siamo noi a volore tutto questo.
E che cazzo.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 135
*** L'Odio ***


Non è facile spiegare l'Odio ad un bambino.
Spesso, nemmeno gli adulti lo capiscono fino in fondo.
Geuscristicamente mi verrebbe da fare una lunga metafora per spiegarlo.

L'Odio è una sensazione di bruciore intensa, che parte dalla bocca dello stomaco ed erutta verso il cervello, inacidendo i pensieri.
L'Odio è aspettare un tempo indefinito per vedere il continuo di una Serie Tv, serie che hai aspettato già per un tempo infinito.
L'Odio è il momento preciso in cui ti cade da mano il boccone più saporito della pietanza che stavi gustando, quel tempo prolungato che va dal momento in cui cade dalle tue mani goffe al momento inesorabile in cui si sfracella al suolo.

L'Odio è Pasto Consumato con Disagio, Anima Inaridita, Fuoco Impetuoso che esce da un Retto Occluso.
L'Odio è la Marcescenza prodotta dal Malcontento Continuo e l'imperitura Insoddisfazione di sé.

L'Odio è tutto ciò che non può essere spiegato a parole, ma può essere vissuto.
 

Ritorna all'indice


Questa storia è archiviata su: EFP

/viewstory.php?sid=3089505