Recensioni di Hiroshi84

Queste sono le ultime cinque recensioni che l'utente ha lasciato nella sezione nell'ambito del programma recensioni.


Recensione alla storia Racconto autobiografico in 6 parole - 14/06/19, ore 12:06
Capitolo 1: Racconto autobiografico in 6 parole
Ciao Violetta, mi hai fatto sorridere. Oh, ma come caghi sangue? Sei una vampira con le mestruazioni? :D
Mi dispiace darti una bandierina verde ma "sporca" di rossa ma ti sei persa in un bicchiere di sangue, bastava giocare un po' con le parole per guadagnarti un feedback completamente positivo.
Allora, invece di "Mi cago addosso ed è il ciclo", io a posto tuo avrei messo così:
"Sto perdendo sangue. Maledetto sto ciclo."
L'avresti reso "inizialmente" horror oppure thriller, generi che a te piacciono... a sangue! :D
Ah, se ci fosse stato il tuo Kenny ti avrebbe dato un colpo di accetta o un colpo di pistola proprio lì e con l'assorbente ci avresti "tamponato" ben poco. :D :D :D
Comunque, non ti ho dato una bandierina rossa totale per via che mi hai "omaggiato", anzi mi hai emulato elargendoti ispirazione però formulata non tanto bene, dando peraltro importanza al mio esperimento di scrittura intitolato "Romanzo autobiografico in 6 parole"
Alla prossima e grazie per il tuo passaggio. :-)
Recensione alla storia Aforismi (almeno credo) - 10/11/18, ore 11:45
Capitolo 1: Aforismi (almeno credo)
Ciao Violetta, dopo svariati mesi, leggo qualcosa di tuo.
Anche a me piace moltissimo scrivere degli aforismi, a volte mi capita di dire frasi famose che entrano nella "storia" tanto da meritare di essere scritti da qualche parte ed eventualmente essere importati pure su EFP.
Avendo un indole anche umoristica ed anche una sana improvvisazione... un giorno potrei scrivere pure un libro intitolato "Gli aforismi di Hiro"
Oltre gli aforismi, inserirei anche piccoli aneddoti o piccoli ricordi oppure curiosità sulla mia vita, passata, presente, e futura.
Ahahahah, mi sa molto da fattucchiera queste due ultime righe.
Torniamo a noi.
Allora i tuoi aforismi mi sono apparsi simpatichelli, però...
sono un po' acerbi, si vede che è la tua prima incursione e a mo' di incoraggiamento ed anche perchè hanno un loro perchè li valuto positivamente con bandierina verde.
Desidero analizzarli tutti e quattro:
1) ahahah i prof: cosa mi fai ricordare? Ancora oggi mi ricordo quanto i "predatori" quando decidevano di interrogare, per non incrociare i loro sguardi, facevo finta di cercare qualcosa nella cartella oppure evitavo in tanti altri modi di "eluderli."
Comunque è vero, dici bene, fai conto che quando hanno gli occhiali risultano peggio ancora, è come se avessero un mirino laser. Sanno come essere pericolosi.
2) Il ciclo. ahahhaha tra l'altro è un carcere dove è impossibile evadere, si va al "bagno" penale e non resta che scontare quei tre o quattro giorni. Non c'è avvocato che possa fare qualcosa. Nemmeno Perry Mason.
3) Hai ragione anche sul fatto che gli oggetti amano nascondersi, o forse sono dei folletti o spiriti che si prodigano a farlo, del resto in qualche modo devono divertirsi. Non credi?
Nel mio caso mi capita ogni qualvolta devo cercare ad esempio un paio di mutande oppure meglio ancora le chiavi di casa, proprio quando sono in ritardo per andare il lavoro.
Poi alla fine li trovo ma dopo tremila madonne!
I "nasconditori" sono goliardici, del resto anche noi "umani" amiamo nascondere... e nasconderci.
4) ahhahaha vedo che anche su questo ti sei fatta una cultura, le dimensioni comunque non contano. La mia seconda ex è una maggiorata
ma.. senza cervello e credimi l'attrazione la vera attrazione deve essere innanzitutto di tipo mentale, sennò succede che poi è finita. (infatti cosi è stato per me che poi ci sarebbero da menzionare migliaia di altri problemi che non ti sto a raccontare) Questo penso vale anche per le donne.
Cosa se ne fa ad esempio una donna di un uomo che ha "spranga" ma poi presenta delle caratteristiche non buone o comunque non conformi alla relazione?
Ovviamente, se uno o una cerca nello specifico solo "quello" o "quella", senza impegno, è tutto un'altro paio di maniche, anzi di mutande o di slip. :D

Violetta termino qui, ora devo andare anch'io, (devo risponderti all'altra recensione che mi hai rilasciato) ti auguro buona giornata.
Alla proxima!!!
Recensione alla storia Caso agrumato - 20/10/18, ore 23:25
Capitolo 1: Caso agrumato
Carinissimo giallo, un giallo... fatto in casa. L'aspirante detective in sostanza viene spinto da spirito investigativo e dalla fame, del resto la colazione è il pasto più importante della giornata. Pur di risolverlo a momenti non sarebbe manco andato a scuola (non di polizia come il noto cartoon e la famosa serie di film) e ho trovate argute le sue ipotesi fatti da indizi alla Conan e a momenti alla R.I.S. (penso conosci la serie TV, nevvero?) con tanto di impronte di natura marmellosa da analizzare.
Alla fine, come sempre, il "rebus" viene risolto da mamma, del resto se "scompare" qualcosa è sempre la prima "indiziata"
Il racconto elargisce un po' di svago in quanto abbiamo un pò di lettura fresca e poco impegnativa, rilassante ecco, da leggere anche di primo mattino tra una fetta di fetta biscottata e l'altra. Con marmellata ovviamente.
E' un giallo kids senza morti e feriti di buona e facile lettura, una pausa dai thriller che solitamente seguo fatta da omicidi complicati ed efferati.
Brava, spero che scriverai altre puntate sul novello ed emulo Conan, il personaggio lo reputo ideale per inserirlo ancora.
Alla prossima.
Recensione alla storia Rocco contro gli alieni - 20/02/18, ore 11:49
Capitolo 1: Rocco contro gli alieni
Carissimo Fede833, eccomi giunto dove nessun recensore era mai giunto prima, a parte Violetta che ha recensito prima di me. :D :D :D
Questo racconto è... "SPAZIALE", mi ha fatto ridere, dico davvero e conferma anche un'altra cosa cioè che assieme al genere introspettivo oppure autobiografico sei portatissimo col genere commedia e parodia.
Stavolta tocchi uno dei miei attori preferiti per non parlare del genere che mi ha sempre soddisfatto... in tutti i sensi! :D
Seguo il "glande Rocco (visto che il tuo racconto contiene doppi sensi non ti dispiacerà se anch'io lo faccio con la mia recensione, vero?) fin da quando ho 16 anni, quando andavo alle superiori risultava un mito per noi tutti, da imitare e da emulare.
Adesso che è sopra i 50 continua ad esserlo, anzi, adesso è diventato una LEGGENDA, infatti il noto personaggio "tira" ancora a campare con l'industria del cinema a luci rosse e non. (ogni tanto appare pure nei film tradizionali, pensa che è apparso pure in una puntata dei Cesatrombi, emh...Cesaroni)
Che poi non capisco una cosa:
Perchè li chiamano film a luci rosse se poi ne fanno di tutti i colori? :D :D :D
Comunque da questa parodia si potrebbe pure trarne un film intitolato "Balle spaziali" (esiste già un film intitolato cosi però questa sarebbe la versione Rocchiana) oppure un nuovo spot sulle patatine ovvero Aliens Chips. :D :D :D
Ad ogni modo ho gradito molto di come sei riuscito a implementare non solo lo spirito di "patata" ma anche di come hai caratterizzato secondo una tua reinterpretazione il nostro orgoglio italico, inserendo tra l'altro una chicca, pardon, un fenomeno poco ortodosso tipico del nostro Belpaese ovvero l'evasione fiscale.
Simpatica la descrizione dell'Oggetto volante che rimanda a quella fantascienza degli anni 50/60/70 e della caratterizzazione lombarda del protagonista (nonostante sia di origine abbruzzese) e di come hai reso un pò trash (anche per via di Dash, ahahha come il detersivo) il comparto alieno.
Mi hai fatto ridere quando hai scritto che Rocco Loficca risulta acclamato per i suoi film muti, ahahahh quindi i generici gemiti al massimo vengono sottotitolati...bella roba, anzi, "fica" sta cosa.
I doppi sensi sono gustosi, (come le patatine di Rocco) tra l'altro non hai esagerato e senza entrare nello scurrile ma ti sei contenuto, francamente hai fatto bene sennò si sarebbe perso l'aspetto macchiettistico della storia.
Mi sa che nello strutturare questo racconto, mi hai pensato, vero? Del resto sto Rocco lo menziono in ogni dove e a molti, infatti a tal proposito cerco di spargere il suo "seme" dappertutto poichè un personaggio cosi merita di essere divulgato più di quanto già lo è.
Bravissimo Fede, hai omaggiato il nostro "eroe" e nonostante non sia più giovanissimo riesce ancora a tenere "alta la bandiera" e non mi stupirei se tra vent'anni lo vediamo ancora lavorare, magari con un film intitolato:
"Occhio al culo che al nonno viene duro!!!
Alla proxima carissimo Fede e aspetto le tue risposte alle recensioni precedenti compresa questa. :-)
Recensione alla storia Una domenica da call center - 04/02/18, ore 16:44
Capitolo 1: Una domenica da call center
Ciao Fede833, appena ho visto questa nuova pubblicazione, già la sola sinossi mi ha convinto a leggerti subitissimo, credo che tra le tue storie di matrice umoristico e simil autobiografico (poichè credo che ci sia anche la dovuta finzione) ecco, "Una Domenica da Call Center" è il racconto che mi ha fatto scompisciare di più dalle risate, tra l'altro le citazioni cinematografiche, in primis la serie Fantozzi le ho trovate riuscitissime!!!
Una cosa però mi lascia da pensare:
ma i call center chiamano pure di Domenica? A me non mi è mai capitato, forse dico un eresia ma non penso che nei giorni festivi gli operatori chiamano per proporre loro offerte telefoniche, però se hai voluto scegliere la Domenica per una tua personale scelta narrativa, chiudo un occhio, nulla di grave e la bandierina verde resta sempre positiva; magra consolazione visto che la bandiera del Bologna è stata abbassata dopo la sconfitta con l'Atalanta.
Il racconto, come ribadisco è divertentissimo, una sorta di FantoLambertini" sia per il sollazzo che avevi in atto e per la gravosa telefonata in quanto mi hai ricordato Filini in cui avverte la Pini che in "programma" ci sarebbe stato un film cecoslovacco su ordine del potentissimo professor Guidobaldo Maria Riccardelli. :-)
Beh... almeno non ti sei mosso da casa, immagino però il disturbo da parte dell'operatrice, inoltre a gravare la situazione il Bologna stava perdendo, della serie:
"Male per dio!"
Lo so che è brutto dirlo, ma io di solito chiudo in faccia il telefono agli operatori di qualsiasi ente, solo una volta mi sono intrattenuto con operatore della Compass per un prestito (anche senza busta paga) ma poi vedendo i tassi non proprio agevolati, lo lasciai perdere, non prima di una serie di bla bla bla... o tentativi da parte di Paolo (questo era il suo nome) affinchè mi convincessi.
Comunque, questo vostro scambio tra te e l'operatrice, come ripeto, mi ha davvero fatto ridere, lo so, non si ride sulle disgrazie altrui ma mi era impossibile non farlo, del resto anche le tue osservazioni sono gagliarde.
Il fatto che l'operatrice storpiasse il tuo nome, è una chicca, vero Lamborghini? (la mia azienda automobilistica preferita!!!)
Certo che però questi operatori, quando "attaccano"..."attaccano" nel vero senso della parola, del resto a parte che devono fare il loro lavoro, c'è da dire, se non erro, che la loro retribuzione, dipende dai contratti andati a buon fine.
Il mestiere in qualità di call center, lo fece Isabella, la mia ex, però in ambito alimentare ovvero vini e formaggi calabresi/siciliani oppure in altri settori e mi confermò che stare appresso un telefono non è facile, in quanto essere insistenti e sfacciati è un elemento necessario se si vuole fare affari.
Poi si stancò, anche perchè il suo vero mestiere come ben sai è la parrucchiera, mi disse comunque che qualche soldino a casa lo portava sempre nonostante si rilevava tedioso lavorare in quel modo.
Io sono stato Tim (Burton :D :D :D) per molti anni, poi passai a Vodafone dopo essere stato convinto da una operatrice di nome Alessia, (mi ricordo ancora il suo nome) non era male (parlo della compagnia telefonica, che hai capito? :D :D :D) ma trovai di meglio alcuni mesi fa con CoopVoce che con 10 euro al mese ho tante agevolazioni. (non sto facendo pubblicità occulta, attenzione!)
Comunque, una Domenica all'insegna della rottura di palle, anche per via della partita!!!
Pazienza, la lattina di Coca Cola immagino che si sarà pure "sventata" cioè che ha perso frizzantina, tu vestito col pigiama da Star Wars sei passato al lato oscuro e le caramelle ti saranno andate di traverso... vero "ragioniere"?
Fede, hai colorato questo mio pomeriggio grigio di scazzo, dico davvero, mi hai piacevolmente "intrattenuto" bravo, tra l'altro hai scritto e rappresentato bene.
Purtroppo la tua squadra del cuore ha perso però perlomeno "vinci" questa recensione positiva.
Attendo il "sequel" con gli operatori Enel Energia e cerca di staccare cellulari e telefoni la prossima volta, specie quando giocano i Rossoblù!!! :D :D :D
Ti auguro buona Domenica amico mio!!!