Storie originali > Commedia
Segui la storia  |       
Autore: MissLadyGaye95    16/03/2017    0 recensioni
Dopo la tragica scomparsa di Simone Marella una leggenda del wrestling scomparso per via di un famoso criminale di wrestler, Anthony Carelli precedentemente chiamato Santino Marella si ritrova dopo un'infanzia terribile e un'adolescenza tragica, all'età di ventotto anni a scoprire che il suo vero padre è un certo Simone Marella e quindi, Anthony Carelli non può essere il suo vero nome anche se il suo patrigno si chiama David Carelli.
Purtroppo, Anthony non potrà avere delle idee chiare a proposito del suo vero padre fino a quando non sarà entrato nella più famosa federazione del wrestling americano ed è una cosa del tutto impossibile finché la madre e il patrigno gli fanno praticare basket per obbligo, a scopo di tenerlo lontano dal mondo del wrestling.
Eppure, nonostante le voci di fama che girano su di Anthony in tutta la federazione del wrestling ovvero che Anthony sarà quello che fermerà il famoso criminale di wrestler, il povero Anthony non sarà preso in simpatia dalla maggior parte dei colleghi perché fa troppo il pagliaccio durante i match e la cosa non va a suo vantaggio.
Anthony vivrà anche una storia d'amore. Ma riuscirà a fermare il criminale?
Genere: Commedia, Fantasy, Romantico | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: AU, Missing Moments, OOC | Avvertimenti: Contenuti forti, Triangolo
Capitoli:
 <<    >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

 

Otto

 

Come ben sapete la mattina seguente di lavoro cominciò con il piede sbagliato per Santino perché il solito John Cena aveva trovato una nuova scusa per deprimere Santino. Il nostro John Cena si era accorto che in due match che ha affrontanto Santino il giovane è uscito sempre da vincitore e in modi del tutto sleali: il primo match contro Big Show è riuscito a vincere grazie a Bobby Lashley, il secondo contro lo stesso Bobby, John Cena non aveva ancora capito che cosa fosse andato storto a Bobby se per caso si era sentito male o altre cose del genere.

Santino che quella mattina era tutto felicissimo per il suo fantastico appuntamento con Beth di ieri sera e pensava solo a quello, non sapeva che cosa avesse in serbo il nostro John Cena per uno come lui. Peccato che John Cena gli era andato incontro più incazzato di sempre.

« Adesso che cosa ho fatto? » si chiese Santino, sorpreso dal mal umore di Cena.

« Che cosa hai fatto? Hai vinto due match in modo sleale! » disse John Cena furioso.

« Ci risiamo! Il solito Cena che non si fa gli affari suoi » continuò Santino credendosi simpatico.

« Signor Marella, in questa federazione ci sono alcune regole e di certo, rubare i match facendosi aiutare da qualche amico non è una di queste ma quello che di più mi fa incazzare è il fatto che sei stato ammesso in questa federazione per un match che hai vinto barando, quando tutti gli altri membri di questo posto, l'ammissione se la sono sudata per una vita » disse John Cena molto arrabbiato.

« E con questo? Dove vorresti andare a parare Cena? » chiese Santino.

« Voglio che tu questa sera ti batta contro di me. Dimostrami che è solo una mia impressione e che tu hai sconfitto Big Show e Bobby perché ti sei impegnato davvero e non barando » concluse John Cena.

« Accetto la sfida. Cena! » concluse Santino.

Santino andò nello spogliatoio preoccupato. Non sapeva nemmeno lui come avrebbe potuto sconfiggere John Cena. Le altre due volte aveva avuto solo fortuna ma ci scommetteva che Cena non lo avrebbe lasciato vincere come niente. Quello gli avrebbe spaccato la faccia in mille pezzi. Cominciò a pensare che l'unico modo per evitare il match contro John Cena fosse quello di fingere una febbre improvvisa ma era poco credibile: lui non aveva la febbre e non era uno studente ai tempi di scuola inoltre, alla WWE c'era un medico e lo avrebbero mandato immediatamente a farsi vedere.

Dopo qualche minuto, Santino sentì bussare alla porta del suo spogliato. Era Beth che era preoccupata per lui.

« Santino, santo cielo! Sono molto preoccupata per te. Ho saputo che ti batterai contro John Cena... è vero? » chiese Beth.

« Si, Beth! Tranquilla però... Santino ha la situazione a suo vantaggio » rispose Santino che in realtà se la faceva sotto come un tacchino, il giorno del ringraziamento.

« Sei sicuro? Non voglio che ti succeda qualcosa di tremendo. Per una volta che c'è qualcuno con cui è piacevole parlare, non voglio che succeda qualcosa di brutto proprio a quella persona » disse Beth, mettendosi leggermente a piangere.

« Ehi! Stai tranquilla, non mi succederà niente di terribile. Posso sapere una cosa però? Ci tieni proprio così tanto a me? » chiese Santino, sorpreso dalla reazione di Beth, alla notizia del suo combattimento contro John Cena.

« Non riesco a stare tranquilla, Santino » disse la ragazza sempre più preoccupata.

Per provare a far stare tranquilla e serena la ragazza, Santino fece un gesto inaspettato: diede un bacio sulla fronte a Beth.

« Adesso, sei più tranquilla? » domandò Santino.

Beth era in stato di shock. Si chiedeva se fosse vero che Santino le aveva dato un bacio sulla fronte.

« Forse presto assaggerò anche le tue labbra » disse Santino facendo l'occhiolino a Beth.

Beth si riprese dal bacio sulla fronte di Santino e decise di ricambiare, dandogli un bacio appassionato sulle labbra.

« Meglio anticipare, non posso aspettare a lungo » concluse Beth, dopo averlo baciato.

Ora mai Santino era decollato in un altro pianeta. Non era più tra i vivi ma la sua mente aveva raggiunto il paradiso. Decise di dare ancora un altro bacio a Beth, sempre sulle labbra.

« Le tue labbra sanno di miele, come mai tutta questa dolcezza? » domandò Santino.

« Perché ti amo » ammise Beth.

Santino era tremendamente con la testa fra le nuvole e lui stava sicuramente sognando.

« Anche io ti amo e ti ho amata da quando ti ho vista la prima volta » ammise Santino.

« Allora dai amore mio! Vai a vincere contro John Cena. Fallo per me » disse Beth.

« Cercherò di fare il possibile per batterlo. Ah! Beth, vorrei invitarti a cena da me una sera. Ci stai? » chiese Santino.

« Va bene amore » disse Beth, uscendo dallo spogliatoio di Santino.

La giornata trascorse tranquillamente e per Santino arrivò l'ora del match contro John Cena. Santino era troppo contento per ciò che era successo con Beth e al rientro a casa avrebbe fatto una telefonata a sua madre per avvisarla della novità. Ora mai Santino si immaginava anche il suo matrimonio con Beth ma era consapevole che non avrebbe potuto prendere moglie fino a quando non avrebbe sconfitto Undertaker e sempre, se ci sarebbe riuscito a sconfiggerlo perché Taker era un nemico della quale lui non sapeva ancora niente, tranne che era il responsabile della morte di suo padre.

Come al solito l'entrata di Santino era stata annunciata con la canzone "Buongiorno a te" di Pavarotti, subito dopo l'entrata di John Cena con la sua "My time is now". Santino avvicinandosi al ring si era accorto che John Cena aveva un'aria molto arrabbiata e la sua espressione era tipica di uno che ti sta minacciando di spaccarti la faccia.

Il nostro Santino però aveva ancora il coraggio di presentarsi bello e divertito sul ring senza prendere sul serio l'incazzatura di John Cena, che non vedeva l'ora di suonargliene di santa ragione.

« Che hai da ridere, Marella? » chiese John Cena infuriato.

« Mi fa ridere la tua faccia, sembri uno a cui è morto il gatto » rispose Santino divertendosi.

« Ah si? Te lo do io qualcosa su cui ridere... » disse John Cena, lanciando il microfono e buttandosi verso Santino.

Santino cominciò a correre come un tacchino all'interno del ring. Se la stava facendo davvero sotto dalla paura e pensò che forse non avrebbe dovuto accettare la sfida contro John Cena ma così, l'avrebbe data vinta a Cena e lui preferiva evitare che ciò accadesse sul serio. Marella decise di scappare fuori dal ring e John Cena invece che fermarsi sul ring e aspettare di vincere per il conteggio fino a dieci, desiderava tanto suonargliene a Santino che finì per rincorrerlo.

Dopo qualche minuto i due si erano ritrovati dietro le quinte e Santino si sentiva un po' stanco di correre ma non doveva fermarsi perché affrontare veramente John Cena era l'alternativa peggiore e desiderava uscire intero da quel match senza qualche osso rotto.

Eppure anche questa volta, Santino ebbe uno dei suoi colpi di fortuna si era diretto verso delle scale che andavano in discesa e John Cena talmente era preso a rincorerlo non si accorse che stava cominciando una scala e fini per rotolare come un salame giù dai gradini.

« Che tu sia maledetto Marella! »

Non appena Santino si rese conto che il suo avversario non aveva forze per risalire le scale decise che quella era la volta buona per avviarsi al ring e vincere il match per via del conteggio. Infatti, Santino si aggiudicò la vittoria per conteggio dell'arbitro.


Angolo autrice: Vi chiedo scusa se l'entrata di Marella è la canzone "Buongiorno a te" di Pavarotti ma l'ho fatto per un motivo che svelerò alla fine della storia. Saluti.     

   
 
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<    >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Commedia / Vai alla pagina dell'autore: MissLadyGaye95