Serie TV > Once Upon a Time
Segui la storia  |       
Autore: NotEvenChip    03/11/2016    2 recensioni
In questa raccolta vedremo Belle e Rumple in veste di genitori. Piccoli momenti di vita dei nostri due neo-genitori preferiti!
Genere: Fluff, Romantico, Slice of life | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het | Personaggi: Belle, Signor Gold/Tremotino
Note: AU, Missing Moments, OOC | Avvertimenti: nessuno
Capitoli:
   >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Gold non fece in tempo ad accorgersi di nulla che un piccolo uragano entrò nel negozio e corse ai suoi piedi cercando di arrampicarsi sulla sua gamba. 

Spostò lo sguardo verso il basso e si accorse che quel piccolo uragano non era altro che il figlio, che tentava ora di nascondersi dietro alle sue gambe. 

“Ehi, piccolo! C’è qualcosa che mi devi dire? Hai combinato un guaio e stai scappando dalla mamma?”

“No!” urlò il piccolo Aiden. Pochi istanti dopo, mentre Gold prendeva il piccolo in braccio, entrò Belle di corsa nel negozio.

“Aiden!!! Mi hai spaventata a morte! Perché sei scappato nel bel mezzo del gioco? Ora Neal si aspetterà delle sincere scuse!”

“No!” urlò ancora una volta il piccolo e stavolta nascose la testolina sul collo del padre. 

“Ok figliolo. Mi vuoi raccontare cos’è successo?”

“Oh andiamo Rumple! Ogni volta che ne combina una delle sue corre tra le tue braccia e tu lo perdoni sempre! Credimi che questa volta le coccole non saranno sufficienti! Il piccolo Neal merita davvero delle scuse!”

“Mmmmh… Deve aver preso da qualcuno questa testardaggine, appena mi verrà in mente da chi, te lo farò sapere, cara”.

Belle sorrise ironicamente e si avvicinò al marito, appoggiando una mano sulla schiena del loro bambino sperando di calmarlo e di poterci parlare. 

“E va bene, cosa sarebbe successo questa volta? Lo vuoi dire solo al papà o dai una possibilità anche alla tua mamma?”

Aiden si sciolse dallo stretto abbraccio che stava dando al padre per guardare anche la madre. Entrambi i genitori notarono subito gli occhioni marrone scuro del bambino pieni di lacrime pronte ad esplodere. 

“Neal dice che la sua mamma e il suo papà sono Re e Regina e che lui potrebbe comandare anche me, che sono un bambino qualunque”.

Gold sbuffò una risata per poi essere fulminato dallo sguardo della moglie. Cercò di rimettersi subito serio e non seppe resistere dal baciare la guancia del suo bambino. 

Si spostarono al retrobottega e si sedette con il figlio sulle ginocchia e Belle al loro fianco. 

“Quindi è su questo che tu e Neal litigavate in biblioteca?” Chiese Belle prendendogli una manina tra le sue.

Aiden annuì e le lacrime cominciarono a scendere dal suo visetto. Gold gli sorrise attirando l’attenzione su di se’.

“Beh, figliolo, ora ti racconterò una cosa. Un dettaglio che forse ti sei perso in tutte le storie della buonanotte che ti racconta la mamma, sei pronto?”

Aiden annuì ancora una volta e si mise in ascolto del padre.

“Quando sono andato per salvare il popolo di tua madre, scegliendola come prezzo in cambio della mia protezione, tua mamma era la bellissima principessa di un piccolo regno e tuo nonno Moe non era altri che il Re… Se i miei calcoli sono giusti, tuo nonno è ancora un Re, tua mamma una principessa e questo fa di te… il prossimo erede al trono! Mi segui piccolo?”

Gli occhi di Aiden si illuminarono e scese dalle braccia del padre per mettersi di fronte ad entrambi i genitori. 

“Sono un principe anche io papà?” chiese speranzoso Aiden.

“Certo bambino mio… E quando ci siamo sposati, anche tuo padre è diventato un principe…” Intervenne Belle, guardando dritto negli occhi il marito.

“Cos… Cosa? No! Belle! Io sono il potente Signore Oscuro! Non posso essere un Principe allo stesso livello dei Char….” Notò immediatamente lo sguardo di disappunto negli occhi della moglie e del figlio e non finì la frase, rassegnato.

“Rumple...”

“Come papà? Non vuoi essere un principe con la mamma?” Ora il piccolo Aiden, stava diventato dubbioso e Gold non poteva certamente permetterlo.

“Ok, e va bene, sì… Sono il Principe di Avonlea, marito della bellissima principessa Belle e padre del futuro erede al trono Aiden“

Detto questo il piccolo Aiden si mise a ridere e volle abbracciare entrambi i genitori, per poi annunciare che sarebbe andato dritto da Neal a chiedere scusa e a dirgli che in realtà era un Principino anche lui e che ora, potevano giocare allo stesso livello. 

“Beh, pericolo sventato! Grazie a te, Rumple” Belle raggiunse il marito che stava osservando Aiden correre nella parte anteriore del negozio in attesa della madre per tornare in biblioteca. 

“ O forse dovrei dire Principe Rumplestilskin di Avonlea?”

“Attenta moglie, sai che di solito quello che gioca con le parole sono io. Per quanto mi riguarda preferisco Aiden Gold e basta”. Aggiunse Gold afferrando la moglie per la vita prima che potesse scapparle.

“Inoltre, l’ho fatto solo per nostro figlio, ho cercato di trovare una scappatoia per evitare una strage con i Charmings e noi non vogliamo che…” Il suo discorso venne interrotto dalle labbra della moglie sulle sue e si sciolse nel suo tenero bacio. 

“Grazie Rumple” gli sussurrò poi sulle labbra, notando con estremo piacere che nonostante tutti gli anni trascorsi assieme, era ancora in grado di emozionarlo e farlo leggermente arrossire.

“Ora torno in biblioteca a scusarmi per l’impulsività di nostro figlio, qualità che sono più che sicura che non ha preso dalla madre”

“Perché mi guardi così? Può benissimo averla presa da tuo padre!”

A quelle parole Belle rise e si diresse verso il figlio che scalpitava dal comunicare la notizia all’amico. Salutarono Gold e si avviarono nuovamente verso la biblioteca. 

 

Gold sorrise ripensando a quello che aveva appena raccontato al figlio. Se mai sarebbero ritornati nella foresta incantata avrebbero davvero regnato su Avonlea? Scosse ferocemente la testa, non avrebbe mai e poi mai regnato al fianco del suocero, poche cose erano sicure nella vita ma il Signore Oscuro un principe era sicuramente una di quelle.

 

 

 

 

 

 

*Pessima idea iniziare una seconda raccolta mentre se ne ha un’altra in corso ma quando immagino i Rumbelle genitori, li immagino distanti dai problemi che ora hanno nella serie tv. Li immagino una coppia ormai consolidata, consapevole dei pregi e dei difetti l’uno dell’altra e che grazie a questo riescono a gestire un figlio. Beh, la scelta nel nome è stata molto difficile, alla fine ho optato per un nome di origine scozzese e Aiden significa piccolo fuoco. Poteva esserci un significato più legato ai Rumbelle di questo?

Spero che i risultati della mia mente malata riescano a distrarvi dal dolore della ship al momento, anche se non dobbiamo temere! Torneranno a farci tremare il cuore anche in maniera positiva! A presto! 

 
   
 
Leggi le 2 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
   >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Serie TV > Once Upon a Time / Vai alla pagina dell'autore: NotEvenChip