Storie originali > Romantico
Segui la storia  |       
Autore: _Francy93_    20/03/2017    0 recensioni
Tratto dal primo capitolo:
Avevo sette anni quando mi innamorai, per la prima volta, del nuovo compagno di classe.
Beh, forse innamorata non era la parola giusta. Chiamiamola semplice cotta da bambina.
Allora non conoscevo il vero significato celato sotto quella parola tanto piccola che a solo pronunciarla diventava grande come il mare.
Genere: Romantico | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno | Contesto: Contesto generale/vago
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Buonasera a tutte!
Sicuramente non ci saranno tante persone a seguire la storia ma io ci tenevo a continuarla e spero tanto che prima o poi arriveranno nuove persone a recensire :)
Ora vi lascio e buona lettura!!

 


Capitolo 26

 
Finalmente era arrivato il momento che tanto aspettavo: quel giorno sarebbe arrivato Andrea e dopo tanto tempo saremmo stati un po' insieme.
Ero emozionata e non vedevo l'ora di andare all'aeroporto a prenderlo!
Volevo essere carina, quindi decisi di truccarmi un po' (anche se io non ero affatto il tipo che si truccava troppo): misi un po' di ombretto, lucidalabbra e phard. Indossai i vestiti che avevo scelto il giorno prima e fui pronta per uscire.
Arrivata all'aeroporto, mi misi a guardarmi intorno per vedere se riuscivo a scorgerlo tra la folla.
Quando finalmente lo vidi, sorrisi anch'io ricambiando il suo sorriso e gli corsi in contro gettandogli le braccia al collo. Lui rise e mi strinse forte a sè.
<< Mi sei mancato tanto!>> dissi stringendolo più forte.
<< Anche tu mi sei mancata>> rispose lui baciandomi il collo.
E sempre restando abbracciata a lui lo baciai.
Quanto mi erano mancate le sue labbra...
Il suo sapore di menta...
Quanto mi erano mancato abbracciarlo, stringerlo a me...
Insomma, mi era mancato tutto di lui!
Ci staccammo dopo un tempo che mi sembrò lunghissimo e lui iniziò a guardarmi tutta fino a che non parlò:
<< Sei bellissima>> disse accarezzandomi il volto.
Io arrossii: << Grazie... è merito del trucco però...>> risposi ma lui negò: << Assolutamente no>> disse baciandomi la fronte: << Non è merito del trucco. Tu sei bellissima già al naturale ma non te ne rendi minimamente conto>> continuò  respirando il mio profumo.
Dio, quanto mi era mancato!
Dopo tutte quelle effusioni, decidemmo di andare via a piedi restando abbracciati.
Ogni tanto lui mi baciava; che fossero le labbra, la fronte o la testa non aveva importanza perchè io mi godevo al massimo ogni contatto. Non avevo la minima intenzione di perdermi niente nel periodo in cui era con me.
<< Senti tesoro, adesso vado a casa mia a posare le valige, mi faccio una doccia e mi riposo un po'. Così poi più tardi ti passo a prendere e stiamo ancora insieme. Va bene?>> mi disse dopo un po'.
<< Certo>> risposi con un bacio. << Allora ci vediamo dopo>> finii e lui mi baciò ancora prima di andare.
Tornai a casa felice e aiutai mia madre con il pranzo.
Non vedevo l'ora di stare di nuovo con Andrea.
Quel pomeriggio, Andrea mi venne a prendere e mi portò a casa sua, quella in cui viveva prima di trasferirsi a Londra e che aveva deciso di non vendere. Diceva che sarebbe stata utile per quando aveva le ferie dal lavoro e tornava qui ogni volta che poteva.
Passammo il tempo a chiacchierare su come andavano le cose e a baciarci, fino a che non ci stavamo per lasciare andare. Ma lui si fermò.
<< Sto correndo troppo.... forse è meglio se mi.....>> ma non lo lasciai finire.
<< No>> dissi. << Non serve che ti fermi. Sono pronta>>
<< Sei sicura?>>
Quella sarebbe stata la mia prima volta e se c'era una cosa su cui ero certa era che non c'era altra persona con cui avrei voluto fare l'amore.
<< Si, sono sicura>> affermai. << Solo.... fai piano, ti prego. Non l'ho mai fatto prima>>
Lui mi sorrise: << Sarò delicato, promesso>> mi rispose baciandomi, poi mi prese in braccio e mi portò nella sua stanza. Mi misi a ridere.
<< Cosa c'è?>> domandò.
<< Addirittura in braccio?>> dissi io.
<< Si, che c'è di male? Voglio che la tua prima volta sia speciale e perfetta>> mi rispose appoggiandomi sul letto.
<< Tu sei speciale e perfetto>> dissi attirandolo a me e baciandolo.
Tra baci e carezze ci alternavamo: lui mi toglieva la maglia ed io gli toglievo la sua, poi passò ai pantaloni ed io feci lo stesso. Anche il mio intimo e il suo sparirono.
Cominciò a baciare il mio corpo centimetro per centimetro, facendomi provare delle sensazioni e delle emozioni incredibili che mai avevo provato.
Una volta arrivato alle labbra mi guardò intensamente negli occhi: << Se ti faccio male dimmelo e mi fermerò>>
<< Okay>> risposi e si posizionò fra le mie gambe.
Con estrema delicatezza cominciò a penetrarmi, cercando di non farmi male; iniziai a provare un leggero fastidio ma era sopportabile.
Quando poi il fastidio aumentò leggermente, gli chiesi di fermarsi.
<< Ti sto facendo troppo male?>>
<< No... un po' di dolore la prima volta è normale..... aspetta...>> gli dissi e aspettammo qualche minuto. Poi:
<< Continua...>> dissi. Lui mi guardò.
<< Se non vuoi ci fermiamo, non preoccuparti. Basta dirmelo>>
<< No, continua ti prego... è tutto okay adesso>>risposi, lui mi baciò e riprese da dove si era fermato.
Fu davvero delicato, esattamente come mi aveva promesso.
Ad ogni spinta lo stringevo di più a me, provavo emozioni forti e amplificate  una sensazione nuova: mi sentivo completa.
Al termine dell'amplesso, Andrea si stese accanto a me e mi strinse forte a sè.
<< Ti amo>> disse baciandomi il capo.
<< Ti amo anch'io>> risposi baciandogli il petto nudo e poco dopo mi addormentai.

Non sapevo per quanto avevo dormito ma quando mi svegliai mi accorsi che Andrea si stava rivestendo.
Osservavo la sua schiena nuda e le sue spalle forti ed erano assolutamente perfette.
Sentendosi osservato, si voltò verso di me.
<< Ehi, ben svegliata>> disse e mi diede un bacio che ricambiai con piacere.
<< Ciao>> risposi baciandolo ancora. << Ti stai rivestendo>>
<< Si, perchè? Vuoi fare il secondo round?>> disse sorridendo per poi baciarmi il collo.
<< Spiritoso... Mi piacerebbe ma non adesso, mi sento un po' indolenzita e vorrei farmi una doccia. Posso usare il tuo bagno?>>
<< Certo che puoi! Ehm... amore stai bene?>>
Non risposi subito, cercai di metabolizzare come mi aveva chiamata. Aveva sempre detto "tesoro" mentre adesso mi aveva chiamata.....
Amore.
<< Ripetilo>> sussurrai.
<< Cosa? Stai bene?>>
<< No, non quello... ripeti come mi hai chiamata>>
Sorrise: << Amore>> e avvicinandosi di più a me ripetè: << Amore>> e l'abbracciai forte. Dopo un po' lo lasciai andare e mi diressi in bagno ma prima dissi: << Sto benissimo e tu sei stato perfetto!>> gli mandai un bacio e chiusi la porta.
Feci una doccia rinfrescante, poi indossai i vestiti di prima e mi sedetti sul letto.
Ancora non riuscivo a credere che fosse successo veramente, ma quando il mio sguardo si posò su una macchiolina rosa capii che non era stato un sogno.
<< Che ne dici di restare a cena qui da me?>> chiese Andrea risvegliandomi dai miei pensieri.
<< Okay ma devo avvertire casa prima>> risposi.
<< Va bene... cosa fai?>> disse e venne a sedersi anche lui.
<< Niente... osservavo questa>> dissi, lui si sporse un po' per vedere a cosa mi riferivo e sorrise stringendomi da dietro.
<< Sono felicissimo di essere stato il primo. Ora sei completamente mia>> affermò. Io sorrisi e gli baciai una guancia. << Già. Avevi dei dubbi, forse?>> e lui negò con la testa.
Per cena aveva ordinato due pizze e degli stuzzichini. Trascorremmo una serata bellissima.
Dopo aver cenato, decisi di andare a casa e lui si offrì di accompagnarmi.
<< Non serve, tranquillo! Dico davvero ma grazie del pensiero>>
<< Sicura?  Guarda che lo faccio con piacere>>
<< Lo so>> e lo baciai. << Ma davvero non serve. Ci vediamo domani?>>
<< Va bene, allora non insisto più. A domani, amore. Ti amo>> e mi baciò a lungo, come se non volesse lasciarmi andare.
<< Ti amo anch'io. A domani>> lo salutai e tornai a casa.
<< Sono tornata!>> annunciai e salutai mia madre.
<< Tutto bene?>> domandò.
<< Certo, perchè?>>
<< Sei diversa>> affermò lei.
<< Ma no, sto benissimo! Ora vado a letto, buonanotte!>>
<< 'Notte>> e mi guardò come qualcuno che sapeva tutto.
Che avesse capito?














Eccomi qua!
Dopo tanto tempo sono tornata con un nuovo capitolo ;)
Spero davvero tanto che prima o poi qualcun altro passi a leggere la storia perchè ci tengo tanto ^^
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Alla prossima!!!

 
  
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Romantico / Vai alla pagina dell'autore: _Francy93_