Storie originali > Fantasy
Segui la storia  |       
Autore: Elisa24g    02/04/2017    0 recensioni
La Signora del Vento non si scompose minimante, quel bambino non era il suo. Lei sapeva, come sua madre prima di lei, quale fosse il suo destino: era nata per regnare. La regina doveva essere potente, forte, veloce, molto più di tutti gli altri, e per fare ciò doveva nascere dalla Signora del Vento con un uomo di un villaggio vicino, da questa unione sarebbe nata una bambina, che avrebbe dovuto regnare dopo di lei; così le era stato insegnato. L'Uomo non era stato scelto bene, la colpa era degli Anziani e adesso lui era stato ucciso per pagare il sacrilegio. Un Uomo innocente.
Genere: Avventura, Fantasy | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: Non-con
Capitoli:
   >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Di lei si diceva che fosse una bella ragazza, resa triste dalla vita. Aveva lunghi capelli ramati, che teneva sempre intrecciati, e, come veste, indossava una tunica marrone, dalle maniche larghe.
Si diceva anche che fosse nata da qualche incrocio inumano: forse dall'unione di un uomo con un animale, o da un incesto, o una violenza. Fatto sta che era considerata un mostro dalla maggior parte delle persone.

Guardandola si rimaneva ammaliati dalla bellezza del suo viso, dal colore intenso dei suoi occhi, azzurri , con venature più scure, ma spostando lo sguardo agli arti ognuno rimaneva inorridito. Le gambe erano ricoperte da peli neri, lunghi, che la riparavano dal freddo, lo stesso si vedeva nelle braccia, e alle mani ed ai piedi, che erano sempre scalzi, aveva lunghe unghie affilate. Infine guardandole i denti, si provava  terrore, per quanto fossero aguzzi. Si, molti credevano che fosse nata da un animale.

 Non era cattiva, secondo alcuni, per altri invece era dotata di poteri spaventosi, da poter uccidere un uomo anche solo con la forza del pensiero. 

Viveva in una casa isolata dal resto della città, in un bosco, per sua scelta o per quella degli altri. Era sola e nessuno osava avvicinarsi.

I suoi genitori l'avevano abbandonata al suo destino molti anni prima, quando, appena nata, la Signora del Vento venne a dirgli che quella piccola bambina, ancora dalle apparenze umane, le apparteneva. 

<< Ma come? È nostra figlia! È nata dal ventre di mia moglie! Come può essere tua? >>urlò suo padre, cercando di difenderla.

<< Ella mi appartiene, e tu lo sai perfettamente! >> rispose la Signora del Vento.    

<< Cosa vuol dire? >> chiese sua madre, con voce timida, mentre stringeva al petto sua figlia.

<< Non sta a me raccontare le schifezze della sua famiglia>> disse indicando l'uomo, <> le venne risposto.

<< Cosa?! >> le sue parole erano così scioccanti, quasi da far ridere, da pensare che fosse pazza, eppure il suo viso sembrava sincero e, soprattutto, pericoloso.

<< Potete darmela adesso, o aspettare che lei vi uccida, questo sta a voi deciderlo; per me due vite in meno non fanno alcuna differenza. >> rispose con voce glaciale e sparì.

Rimasti soli, fissarono la piccola, dal viso dolce e paffuto, le gambette che si muovevano svelte ed i piedini così perfetti. Come poteva essere Figlia del Vento? Era figlia loro, non potevano esserci dubbi. Crederono che si fosse sbagliata, e decisero di allevare la loro piccola. 

I giorni seguirono le notti, e la vita continuò tranquilla. Poi, con il tempo, le gambe iniziarono a crescere, coperte da una pelle strana, morta, rimpiazzata poi da peli lunghi e neri. Sapevano cosa stesse succedendo, ne avevano sentito parlare nei racconti, nella mitologia, ma continuavano a fingere che non fosse vero, che si stessero sbagliando. Poi iniziò a camminare e correre, così veloce che sembrava volasse. La sua forza cresceva a dismisura, di pari passo con i suoi bei capelli. Sapevano che di lì a poco sarebbe stata pericolosa. 

Nei racconti, gli esseri nati metà Vento, metà uomo, erano crudeli, affamati di sangue e di violenza, così, con il cuore distrutto, un giorno la presero e la portarono alla casa nel bosco, lasciandola lì, dopo un anno dalla sua nascita. 

Poi arrivò la Signora del Vento e si occupò di lei: le insegnò come uccidere, come controllare gli animali, come dominare sul mondo. Era l'ultima nata, quindi sarebbe dovuta restare in quella casa ancora per qualche tempo, prima di poter uscire da lì e raggiungere gli altri, <>

Molte volte gli abitanti della città vicina avevano pensato di ucciderla finché si fosse trovata lì, in quella casa, ancora abbastanza innocua, ma la paura della Signora del Vento era troppo forte per potersi avvicinare.



Noi vivevamo proprio in quella città, a confine con il bosco. I piccoli andavano a scuola, mentre gli adulti cacciavano, coltivavano o allevavano bestiame. Era una delle poche cittadine che era sopravvissuta all'attacco della PrimaVera. Ci eravamo salvati non perché forti e valorosi, ma perché codardi.

Quando arrivarono i Figli, quarant'anni prima della nascita di questa bambina, giurammo fedeltà immediatamente, dichiarandoci loro servi. Le donne vennero violentate per dare alla luce i nuovi eredi, che vennero rapiti non appena nacquero.

 Gli Uomini del Vento erano potenti, muscolosi, dotati di una forza sovraumana, capaci di uccidere anche solo stringendoti la mano. Vestivano con pelli di animali, avevano capelli lunghi e sciolti al vento, loro alleato, e gli occhi colore del cielo. 
Presero le donne del villaggio e le portarono via, in massa. Lasciarono nella città solo gli uomini ed i bambini, persino le vecchie vennero prese. Le condussero nel bosco, e da lì lungo un sentiero che portava alla loro città, immensa. Le loro case erano diverse da quelle degli uomini. Non avevano porte o finestre sbarrate, erano aperte al Vento, senza tetto. Le strade erano attraversate da un lungo fiume, che scendeva contorto dal monte fino ad ogni casa. C'era una piazza ed un altare, dove la Signora del Vento ed il suo Uomo parlavano alle genti.  Volevano accrescere il loro regno, ed avevano bisogno di nuovi Figli. Così presero quelle donne, spaurite, indifese, che si battevano con i denti e con le unghie per evitare lo scempio che sarebbe accaduto di lì a poco. Sapevano cosa volesse dire arrendersi, perché tutto questo era già successo molti anni prima: le città che si erano opposte al loro volere erano state rase al suolo, mentre quelle che si erano arrese...

Dopo averle violentate le riportarono alle loro case, e non si fecero vedere per nove mesi, fino a quando vennero a riscuotere il loro premio. Per gli uomini la sorte era diversa, molto più felice. Nessuno di loro veniva ucciso o schiavizzato, gli uomini gli servivano a poco, avevano i loro, che valevano molto di più. Solo uno sarebbe servito, ma solo se fosse stato ritenuto degno. 

L'origine di questa bambina, metà umana, metà Figlia del Vento, fu diversa. 

La nuova regina sarebbe dovuta nascere dalla Signora del Vento ed un determinato uomo, con caratteristiche che solo gli Anziani saggi conoscevano. Una volta trovato, avrebbe dovuto lasciare la sua famiglia, la sua vita, per diventare uno di loro. 

 L'Uomo, suo padre, venne preso e portato tra loro; nei nove mesi di gravidanza gli fu insegnato a cavalcare, a combattere ed a parlare come loro. Per lui questo cambiamento non fu tragico, anzi. La vita che aveva prima non gli mancava affatto. Aveva una moglie che i suoi genitori avevano scelto per lui, una casa con del terreno da coltivare, una vita semplice, che però non gli dava alcuna soddisfazione. Gli piaceva saper combattere, sentirsi forte e padrone di sé e degli altri: lui era stato scelto, e tutti lo rispettavano. Si riteneva uno dei Figli del Vento, e la sua nuova vita gli piaceva molto.

Poi la Signora del Vento partorì.

<< Maschio >> urlò una delle Anziane dall'altare.

Di lì a poco vi fu il caos. Molti urlarono, rabbiosi:

<< L'avete scelto voi! E adesso ha dato un maschio!!Avevate detto che sarebbe stato l'uomo giusto! >>

<< Silenzio! Come osate contraddirci >> risposero gli Anziani. Erano vecchi e dalla pelle rugosa, molto magri e vestiti di tuniche bianche.

<< L'abbiamo scelto secondo la Sacra Legge! Se è nato un maschio vuol dire che così dev'essere! Darà alla luce una figlia e avremo lei. O un figlio e allora aspetteremo ancora finché la nuova Signora del Vento nascerà. >>, il silenzio cadde sulla piazza. Poi si alzò il Vento. Volò sopra le loro teste e raggiunse l'Uomo, che per tutta la durata della discussione aveva solo capito che era nato un bambino, era diventato padre, ma che questo, per qualche motivo non andava bene, e che, soprattutto, non aveva immaginato cosa gli sarebbe successo.  Il Vento si sollevò, forte e potente, lo raggiunse, lui divenne bianco, e morì. Poi andò dalla Signora del Vento, le prese il bambino dalle braccia e lo portò alle terre degli uomini.

La Signora del Vento non si scompose minimante, quel bambino non era il suo. Lei sapeva, come sua madre prima di lei, quale fosse il suo destino: era nata per regnare. La regina doveva essere potente, forte, veloce, molto più di tutti gli altri, e per fare ciò doveva nascere dalla Signora del Vento con un uomo di un villaggio vicino, da questa unione sarebbe nata una bambina, che avrebbe dovuto regnare dopo di lei; così le era stato insegnato. L'Uomo non era stato scelto bene, la colpa era degli Anziani e adesso lui era stato ucciso per pagare il sacrilegio. Un Uomo innocente.

Poi il tempo passò. 

Nel villaggio la vita riprese normalmente. Ogni donna odiò il proprio marito per averle costrette a sopportare quello che gli Uomini del Vento fecero loro, ed odiarono loro stesse, per non essere state in grado di difendersi e per non aver protetto in qualche modo il loro bambino.

 Eppure la vita andava avanti, le stagioni proseguivano e nascevano nuovi bambini. E del Vento nessuno sentì parlare per molto tempo.

NEL PROSSIMO CAPITOLO :
"Dall'ultima PrimaVera erano passati più di quarant'anni. E quella donna era comparsa nel bosco. Nessuno sapeva quando fosse nata, poteva essere una figlia dell'ultima strage, o di una nuova di cui non erano a conoscenza, ma comunque lei era lì, e sapevano che sarebbe stata crudele, come il resto della sua gente."
                   ~
Serin bussò alla porta. Era piccolo e magro. Aveva la mia età, i capelli neri arruffati e un volto affamato.

<< Vi prego...-disse a mia sorella- non abbiamo da mangiare.. >>
~~~
P.s. Sto cercando un titolo per questo capitolo... Qualche suggerimento?? :)
   
 
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
   >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Fantasy / Vai alla pagina dell'autore: Elisa24g