De Bello Fautore
Membro dal: 30/01/17
Nuovo recensore (11 recensioni)
 

Sono un ex studente del liceo che aveva 6 di latino 1.

Anni fa, mentre mi annoiavo tra i banchi tra uno Youtube Poop e una versione di Seneca, ho immaginato una storia buffa e assurda che ha come protagonisti degli improbabili ragazzotti, nostri antenati latini nella sorte e nella sventura. Le loro vicende erano, all'inizio, solo un inside joke tra me e il mio compagno di banco, finché non ho deciso di aprire una pagina di Word e dire “OK, forse è il caso che non rimanga solo verba volant”.

Da lì è nato il De Bello Fallico (il cui riferimento alla ben nota opera e al meno noto pamphlet si ferma nella condivisione del titolo), che narra le gesta e le miserie di un drappello di sfigati, una via di mezzo tra il gruppo de Il Grande Lebowski e quello della Guida Galattica per Autostoppisti, attraverso una narrazione (e meta-narrazione) fatta, in media, di una battuta azzeccata e di un'altra decina di battute che fanno ridere solo me.

Nel corso degli anni ho pubblicato e rimesso mano al testo più volte: inizialmente lo pubblicai su EFP Fanfiction con lo pseudonimo di Genkaku Shi (pensato quando credevo che Death Note fosse la più alta forma di narrazione distopica e che Bible Black non fosse un porno), e nonostante gli sforzi non sono mai riuscito a dargli una degna conclusione. Solo oggi mi sono deciso a pubblicarlo in versione definitiva.

I miei poeti latini preferiti sono Marziale e Carlo Maria Rogito.


  1. in realtà era un 5 fisso, ma al prof stavo simpatico. 

Il "De Bello Fallico" narra le gesta e le miserie di un drappello di sfigati intento a compiere la più ardua delle imprese: assassinare Giulio Cesare e diventare famosi su Internet.
Scegliendo questa storia, troverete:
- Un'avventura demenziale ricca di battute, gag ricorrenti, personaggi assurdi e citazionismo non richiesto;
- Un contesto storico odiato dai liceali, ma decisamente rivisitato per andare incontro ad ogni gusto, e senza triggerare nessuno;
- Tette;
- (No scherzavo, niente tette);
- (Però descrizioni di tette);
- Roba che dovrebbe far ridere.
Da leggere responsabilmente. Non assumere in concomitanza con altre lingue morte. Se il problema persiste, consultare il professore di latino più vicino a voi.
"Quale stoltezza, quale insanità mentale si celava in quella troia di mia madre! Proprio in cotal modo doveva nominarmi? Gnégné, come quegli assurdi comportamenti che si hanno verso i bambini, fingendo di provare ludo! Pompinus, come quelle mimiche facciali assunte nel tirare su il latte con la cannuccia!" (De Bello Fallico, Introduzione)
Autore: De Bello Fautore | Pubblicata: 09/03/17 | Aggiornata: 25/03/17 | Rating: Giallo
Genere: Avventura, Demenziale, Parodia | Capitoli: 14 | Completa
Tipo di coppia: Nessuna | Note: Nonsense | Avvertimenti: Nessuno
Categoria: Libri > Classici greci e latini |  Leggi le 4 recensioni