De Bello Fautore
Membro dal: 30/01/17
Nuovo recensore (11 recensioni)
 

Sono un ex studente del liceo che aveva 6 di latino 1.

Anni fa, mentre mi annoiavo tra i banchi tra uno Youtube Poop e una versione di Seneca, ho immaginato una storia buffa e assurda che ha come protagonisti degli improbabili ragazzotti, nostri antenati latini nella sorte e nella sventura. Le loro vicende erano, all'inizio, solo un inside joke tra me e il mio compagno di banco, finché non ho deciso di aprire una pagina di Word e dire “OK, forse è il caso che non rimanga solo verba volant”.

Da lì è nato il De Bello Fallico (il cui riferimento alla ben nota opera e al meno noto pamphlet si ferma nella condivisione del titolo), che narra le gesta e le miserie di un drappello di sfigati, una via di mezzo tra il gruppo de Il Grande Lebowski e quello della Guida Galattica per Autostoppisti, attraverso una narrazione (e meta-narrazione) fatta, in media, di una battuta azzeccata e di un'altra decina di battute che fanno ridere solo me.

Nel corso degli anni ho pubblicato e rimesso mano al testo più volte: inizialmente lo pubblicai su EFP Fanfiction con lo pseudonimo di Genkaku Shi (pensato quando credevo che Death Note fosse la più alta forma di narrazione distopica e che Bible Black non fosse un porno), e nonostante gli sforzi non sono mai riuscito a dargli una degna conclusione. Solo oggi mi sono deciso a pubblicarlo in versione definitiva.

I miei poeti latini preferiti sono Marziale e Carlo Maria Rogito.


  1. in realtà era un 5 fisso, ma al prof stavo simpatico. 

Il "De Bello Fallico" narra le gesta e le miserie di un drappello di sfigati intento a compiere la più ardua delle imprese: assassinare Giulio Cesare e diventare famosi su Internet.
Una storia demenziale, un contesto storico odiato dai liceali, un grande ritorno nei palcoscenici di EFP dopo anni di assenza, finalmente completo e in edizione restaurata come la migliore delle Pompei letterarie.
"Quale stoltezza, quale insanità mentale si celava in quella troia di mia madre! Proprio in cotal modo doveva nominarmi? Gnégné, come quegli assurdi comportamenti che si hanno verso i bambini, fingendo di provare ludo! Pompinus, come quelle mimiche facciali assunte nel tirare su il latte con la cannuccia!" (De Bello Fallico, Introduzione)
Autore: De Bello Fautore | Pubblicata: 09/03/17 | Aggiornata: 25/03/17 | Rating: Giallo
Genere: Avventura, Demenziale, Parodia | Capitoli: 14 | Completa
Tipo di coppia: Nessuna | Note: Nonsense | Avvertimenti: Nessuno
Categoria: Libri > Classici greci e latini |  Leggi le 4 recensioni