Biancarcano
Membro dal: 18/12/16
Nuovo recensore (7 recensioni)
 

Quando ero piccola non avevo alcun timore di maneggiare gli oggetti: quando una cosa si rompeva, c'era mio padre lì pronto ad aggiustarla. «Aggiusta papà», dicevo. Poi, crescendo, scoprii che dovevo cavarmela da sola, ma provavo sempre e comunque ad aggiustare le cose, a farle funzionare, come le persone, anche quando erano crudeli con me: gli davo sempre un'altra opportunità.
Storia partecipante al contest Tutto fa un po' male indetto da S.Elric_
Autore: Biancarcano | Pubblicata: 18/01/17 | Aggiornata: 18/01/17 | Rating: Arancione
Genere: Angst, Introspettivo, Triste | Capitoli: 1 - Flashfic | Completa
Tipo di coppia: Nessuna | Note: Nessuna | Avvertimenti: Contenuti forti, Tematiche delicate
Categoria: Storie originali > Introspettivo |  Leggi le 1 recensioni

Come una furia corse verso la costa e lì la vide. La nave era enorme: attraccata all'imboccatura della foce, come una fiera che l'aspettava dopo la foresta, per mangiarla, per divorarla, per strozzarla tra le sue fauci, e poi farla esplodere nel sangue. Ma ad Isabelle non importava. I marinai erano stati ammoniti, frustati, e ora se ne stavano dentro la nave.
Storia partecipante al contest "è una storia sai..." indetto da Najara87
Autore: Biancarcano | Pubblicata: 10/01/17 | Aggiornata: 10/01/17 | Rating: Rosso
Genere: Drammatico, Mistero, Storico | Capitoli: 1 - One shot | Completa
Tipo di coppia: Nessuna | Note: Nessuna | Avvertimenti: Contenuti forti, Violenza
Categoria: Storie originali > Avventura |  Leggi le 2 recensioni

Attorno a sé le persone si diradavano come fiori in un campo dormiente. Sfregavano le mani, si calcavano il cappello sulla fronte, respiravano formando nuvolette di fumo grigio. Le bancarelle luminose se l'erano lasciate alle spalle assieme a tutti i bambini festanti e urlanti. Le scatolette colorate che nascondevano segreti erano una trappola per turisti che ormai Erzsebet era abituata a vedere. Barnabás proseguiva silenzioso accanto a lei. Barnabás ricordava molto meno della loro storia. Era freddo e distaccato, ma Erzsebet era determinata a risvegliare in lui il calore che lei ancora sentiva. Per questo aveva organizzato per loro una giornata al Castello per sentirne la storia, per ammirarlo e vederlo con occhi diversi.
Storia partecipante al contest "Inverno, Neve e Vacanze " indetto da Jadis_ sul forum di efp
Autore: Biancarcano | Pubblicata: 03/01/17 | Aggiornata: 03/01/17 | Rating: Verde
Genere: Malinconico, Mistero, Sovrannaturale | Capitoli: 1 - One shot | Completa
Tipo di coppia: Het | Note: Nessuna | Avvertimenti: Nessuno
Categoria: Storie originali > Storico | Contesto: Epoca moderna (1492/1789) | Leggi le 1 recensioni

Storia partecipante al contest “Divinità dell’Olimpo” Indetto da Dollarbaby sul forum di EFP.
Avrebbe voluto contatto con la terra che tanto amava, ma purtroppo era inverno e non poteva andare fuori in giardino. Però poteva distendersi sul pavimento, cercare le tubature calde e rimanere a contemplare un silenzio che in realtà non c'era, ma era solo nella sua testa. Come un serpente strisciò in cerca delle venature di calore, ma lei era un animale a sangue freddo. Riusciva a scaldarsi solo con il caldo, ma il suo caldo era immaginario. Era ancora tutto nella sua testa. Un Prometeo danzante girava attorno al fuoco della conoscenza e lei, così giovane, lo aveva già scoperto.
Autore: Biancarcano | Pubblicata: 29/12/16 | Aggiornata: 29/12/16 | Rating: Arancione
Genere: Drammatico, Malinconico, Triste | Capitoli: 1 - One shot | Completa
Tipo di coppia: Het | Note: Lime | Avvertimenti: Contenuti forti, Tematiche delicate
Categoria: Storie originali > Drammatico |  Leggi le 1 recensioni

Storia partecipante al contest "Magiche Emozioni” Indetto da Dollarbaby sul forum di EFP.
Era il 1666 e i teatri erano stati riaperti da poco. I monatti, come abili commediografi, scrivevano i loro versi sulle strade. Gli abitanti, come tanti attori, sfilavano camminando come morti viventi. La morte l'aveva fissati lì con uno spillo, come tanti copioni messi al servizio della pubblica visione. Tutti dovevano comunque chinare il capo sotto la falce della morte che mieteva il grano della miseria. Non uno, né ricco, né povero, era risparmiato dal tristo mietitore. La Peste era una figura di donna con gli occhi cavi, con le labbra cadenti.
Autore: Biancarcano | Pubblicata: 22/12/16 | Aggiornata: 22/12/16 | Rating: Arancione
Genere: Drammatico, Storico, Thriller | Capitoli: 1 - One shot | Completa
Tipo di coppia: Het | Note: Nessuna | Avvertimenti: Contenuti forti, Tematiche delicate
Categoria: Storie originali > Storico | Contesto: Epoca moderna (1492/1789) | Leggi le 1 recensioni