That Love Is All There Is - Slytherin's Blood [MARAUDERS]

di Terre_del_Nord
(/viewuser.php?uid=52219)

Disclaimer: Questo testo proprietà del suo autore e degli aventi diritto. La stampa o il salvataggio del testo dà diritto ad un usufrutto personale a scopo di lettura ed esclude ogni forma di sfruttamento commerciale o altri usi improri.


Lista capitoli:
Capitolo 1: *** I.001 - HABARCAT - La Visita ***
Capitolo 2: *** I.002 - HABARCAT - Fratelli ***
Capitolo 3: *** I.003 - HABARCAT - Yule ***
Capitolo 4: *** I.004 - HABARCAT - PureBlood ***
Capitolo 5: *** I.005 - HABARCAT - Il Debito ***
Capitolo 6: *** I.006 - HABARCAT - Dissapori ***
Capitolo 7: *** I.007 - HABARCAT - I Compleanni di Casa Black ***
Capitolo 8: *** I.008 - HABARCAT - L'Aquila e il Cacciatore ***
Capitolo 9: *** I.009 - HABARCAT - Amicizia ***
Capitolo 10: *** I.010 - HABARCAT - La Fiamma di Habarcat ***
Capitolo 11: *** I.011 - HABARCAT - Nothing's gonna change my world ***
Capitolo 12: *** I.012 - HABARCAT - Il Tocco del Male ***
Capitolo 13: *** I.013 - HABARCAT - L'Anello di Lestrange ***
Capitolo 14: *** I.014 - HABARCAT - Herrengton Hill ***
Capitolo 15: *** I.015 - HABARCAT - Mirzam ***
Capitolo 16: *** I.016 - HABARCAT - Estate a Sherton Manor (1) ***
Capitolo 17: *** I.017 - HABARCAT - Estate a Sherton Manor (2) ***
Capitolo 18: *** I.018 - HABARCAT - Ricatti e Promesse ***
Capitolo 19: *** I.019 - HABARCAT - Corvina ***
Capitolo 20: *** I.020 - HABARCAT - Una Settimana e un Giorno ***
Capitolo 21: *** OB.001 - ORION - Desiderio - revisionato luglio 2018 ***
Capitolo 22: *** OB.002 - ORION - Rimorso - revisionato luglio 2018 ***
Capitolo 23: *** OB.003 - ORION - Amore - revisionato luglio 2018 ***
Capitolo 24: *** OB.004 - ORION - Rinuncia - revisionato luglio 2018 ***
Capitolo 25: *** II.001 - HOGWARTS - Sul Treno per Hogwarts ***
Capitolo 26: *** II.002 - HOGWARTS - Smistamento ***
Capitolo 27: *** II.003 - HOGWARTS - Reazioni ***
Capitolo 28: *** II.004 - HOGWARTS - Il Primo Giorno ***
Capitolo 29: *** II.005 - HOGWARTS - Lezione di Volo ***
Capitolo 30: *** II.006 - HOGWARTS - Compagni di Stanza ***
Capitolo 31: *** II.007 - HOGWARTS - Regole e Scelte ***
Capitolo 32: *** II.008 - HOGWARTS - The Sinner in Me ***
Capitolo 33: *** II.009 - HOGWARTS - Marauders ***
Capitolo 34: *** II.010 - HOGWARTS - Sogni ***
Capitolo 35: *** II.011 - HOGWARTS - Slytherins vs Gryffindors (1) ***
Capitolo 36: *** II.012 - HOGWARTS - Slytherins vs Gryffindors (2) ***
Capitolo 37: *** II.013 - HOGWARTS - 31 Ottobre 1971 ***
Capitolo 38: *** II.014 - HOGWARTS - Festa di Natale ***
Capitolo 39: *** II.015 - HOGWARTS - Un Gryffindor a Grimmauld Place ***
Capitolo 40: *** MS.001 - MIRZAM - Legami di Sangue ***
Capitolo 41: *** MS.002 - MIRZAM - Malleus Maleficarum ***
Capitolo 42: *** MS.003 - MIRZAM - Bellatrix Black ***
Capitolo 43: *** MS.004 - MIRZAM - Un Tempo per Vivere ***
Capitolo 44: *** MS.005 - MIRZAM - MorsMordre ***
Capitolo 45: *** MS.006 - MIRZAM - Black Butterfly ***
Capitolo 46: *** MS.007 - MIRZAM - Jealousy ***
Capitolo 47: *** MS.008 - MIRZAM - Breaking Down Your Will ***
Capitolo 48: *** MS.009 - MIRZAM - Nulla è come appare (1) ***
Capitolo 49: *** MS.010 - MIRZAM - Nulla è come appare (2) ***
Capitolo 50: *** MS.011 - MIRZAM - Nulla è Come Appare (3) ***
Capitolo 51: *** MS.012 - MIRZAM - Nulla è Come Appare (4) ***
Capitolo 52: *** MS.013 - MIRZAM - Il Velo e la Rosa ***
Capitolo 53: *** III.001 - STORM IN HEAVEN - Ciò Che Non Sai di Me ***
Capitolo 54: *** III.002 - STORM IN HEAVEN - Falling Down ***
Capitolo 55: *** III.003 - STORM IN HEAVEN - Il Dono ***
Capitolo 56: *** III.004 - STORM IN HEAVEN - Per il Cuore, Per il Sangue (1) ***
Capitolo 57: *** III.005 - STORM IN HEAVEN - Per il Cuore, Per il Sangue (2) ***
Capitolo 58: *** III.006 - STORM IN HEAVEN - Storm in Heaven (1) ***
Capitolo 59: *** III.007 - STORM IN HEAVEN - Storm in Heaven (2) ***
Capitolo 60: *** III.008 - STORM IN HEAVEN - Cuor di Coniglio ***
Capitolo 61: *** III.009 - STORM IN HEAVEN - Fede e Vendetta ***
Capitolo 62: *** III.010 - STORM IN HEAVEN - Gilbert Williamson ***
Capitolo 63: *** IV.001 - CHAINS - Vigilia di Natale (1) ***
Capitolo 64: *** IV.002 - CHAINS - Vigilia di Natale (2) ***
Capitolo 65: *** IV.003 - CHAINS - Mandato di Cattura ***
Capitolo 66: *** IV.004 - CHAINS - Alastor Moody ***
Capitolo 67: *** IV.005 - CHAINS - Nuovi Equilibri ***
Capitolo 68: *** IV.006 - CHAINS - Paternità ***
Capitolo 69: *** IV.007 - CHAINS - Chains ***
Capitolo 70: *** IV.008 - CHAINS - Devozione ***
Capitolo 71: *** IV.009 - CHAINS - Il Mantello dell'Invisibilità ***
Capitolo 72: *** IV.010 - CHAINS - Myrddin ***
Capitolo 73: *** IV.011 - CHAINS - Amicizie, Tradimenti, Alleanze ***
Capitolo 74: *** IV.012 - CHAINS - Il Processo ***
Capitolo 75: *** IV.013 - CHAINS - Resa dei Conti ***
Capitolo 76: *** IV.014 - CHAINS - Segreti, Bugie, Verità ***
Capitolo 77: *** IV.015 - CHAINS - Il Sangue di Salazar (1) ***
Capitolo 78: *** IV.016 - CHAINS - Il Sangue di Salazar (2) ***
Capitolo 79: *** IV.017 - CHAINS - Il Suono della Vittoria ***
Capitolo 80: *** IV.018 - CHAINS - Aquile e Lupi ***
Capitolo 81: *** IV.019 - CHAINS - L'Amore e la Morte ***
Capitolo 82: *** IV.020 - CHAINS - La Lunga Giornata di Sirius Black ***
Capitolo 83: *** IV.021 - CHAINS - La Scacchiera ***
Capitolo 84: *** IV.022 - CHAINS - L'Impostore ***
Capitolo 85: *** IV.023 - CHAINS - Doppio Inganno ***
Capitolo 86: *** IV.024 - CHAINS - Bramosia ***
Capitolo 87: *** IV.025 - CHAINS - La Morte Non è il Peggiore dei Mali ***
Capitolo 88: *** IV.026 - CHAINS - La Bacchetta di Regulus ***
Capitolo 89: *** IV.027 - CHAINS - Dietro le Quinte (1) ***
Capitolo 90: *** IV.028 - CHAINS - Dietro le Quinte (2) ***
Capitolo 91: *** IV.029 - CHAINS - Endgame (1) ***
Capitolo 92: *** IV.030 - CHAINS - Endgame (2) ***
Capitolo 93: *** IV.031 - CHAINS - Morvah (1) ***
Capitolo 94: *** IV.032 - CHAINS - Nel Nome della Madre (1) ***
Capitolo 95: *** IV.033 - CHAINS - Piani, Uomini e Giratempo ***
Capitolo 96: *** IV.034 - CHAINS - Morvah (2) ***
Capitolo 97: *** McP.001 - Lies - parte I ***



Capitolo 1
*** I.001 - HABARCAT - La Visita ***


NOTE INTRODUTTIVE

GENERE

Introspettivo, Romantico, Avventura, Drammatico, Guerra.
RATING
Generalmente Giallo e Verde, a volte Arancione per le scene più drammatiche.
PERSONAGGI
I Black, i Malfoy e i Lestrange; gli Sherton e la Confraternita del Nord (i miei personaggi originali); Lord Voldemort e i suoi Mangiamorte; Dumbledore e gli studenti di Hogwarts; il Ministero della Magia e il Primo Ordine della Fenice.
DESCRIZIONE
Ambientata nei primi anni 70, SLYTHERIN'S BLOOD parla della prima ascesa di Lord Voldemort. Gli eventi sono narrati in prima persona da vari personaggi, tra i quali Sirius, Regulus e Orion Black, Rodolphus e Rabastan Lestrange, Severus Snape, James Potter e Remus Lupin, Albus Dumbledore e i componenti della famiglia Sherton.
NOTE
1. Nel 2013 ho cambiato il mio nickname EFP da Meissa_s a Terre_del_Nord.
2. Ringrazio tutti coloro che leggeranno, commenteranno e/o metteranno tra i preferiti questa fic e naturalmente coloro che l'hanno già fatto...
3. Potete trovare info relative a That Love sulla mia pagina autore in EFP e su FB dove esistono una pagina e un gruppo dedicati alle mie storie.
DISCLAIMER
1. Quasi tutti i personaggi di questa storia appartengono a J.K. Rowling. La Confraternita, le leggende delle Terre del Nord, la famiglia Sherton e le loro vicende sono frutto della mia fantasia.
2. Storia scritta per divertimento, non a fini di lucro.

That Love is All There is
Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.001 - La Visita

I.001


Sirius Black
12, Grimmauld Place, Londra - ven. 18 settembre 1970

    “Non osare mai più parlare senza permesso! Non provare nemmeno a pensare senza permesso! O giuro che ti strapperò via il cuore insieme alla lingua! Non mi sono mai vergognata così tanto in vita mia! Non riesco a credere che tu sia mio figlio, il mio Sangue!”

Stavo riflettendo su quelle parole, simili a tante altre che negli ultimi mesi mi avevano già riversato addosso mio padre e mia madre, a turno, con lievi sfumature che, secondo i giorni, variavano dal desolato, all’arrabbiato, al minaccioso, quando il cerchio pallido del sole comparve da dietro il palazzo di fronte, pochi istanti prima di perdersi nelle brume ormai autunnali. Chiusi gli occhi e tirai un sospiro fondo: era finito un altro insulso giorno della mia vita e, finalmente, la nebbia si sarebbe ripresa Londra per la notte. Avrei voluto che si prendesse anche me.
   
    “Non torni a giocare?”

La voce di mio fratello mi strappò dal momento di autocommiserazione: la preoccupazione rendeva cupi i suoi occhi grigi mentre mi scrutavano, identici ai miei. Quello appena trascorso era stato un tremendo pomeriggio di settembre: Regulus ed io eravamo in camera nostra, all’ultimo piano della nostra abitazione, a giocare a "Scacchi Magici" sdraiati sul tappeto persiano in fondo ai nostri letti, in attesa di avere il permesso di scendere di sotto almeno per la cena. Come al solito, io avevo perso tutte le partite, anche quelle che Reg, per scuotermi, aveva cercato invano di farmi vincere: quel gioco mi entusiasmava poco, ma era l’unica cosa che potessimo fare quando eravamo entrambi relegati nella nostra stanza, in punizione. In realtà, quel pomeriggio, avevo solo sconvolto, senza volerlo, zia Druella, quando avevo chiesto notizie di Meda, che non avevo visto per tutta l’estate e di cui, ormai da mesi, non sentivo quasi più parlare. Mia madre ci aveva spedito subito in camera nostra e, una volta partita la zia, era salita per il castigo: una settimana confinato nella "camera di punizione" nel sottotetto. Reg, innocente, mi avrebbe fatto compagnia per il resto di quel pomeriggio, perché fosse chiaro, senza possibilità di equivoci, quello che ci si aspettava da noi, i figli di Walburga e Orion Black, ultimi rampolli ed eredi di una delle più nobili e antiche casate, il cui stemma, impresso ovunque in casa nostra, recitava “TOUJOURS PUR”: cieca obbedienza ai precetti della famiglia, anche quelli impliciti, anche quelli appena sussurrati. Secondo me, serviva anche ad infervorare il clima di rivalità tra noi fratelli: “Dividi et impera”.
Preda della noia, in quei tanti pomeriggi, perché ormai ce n’erano stati parecchi di pomeriggi simili nella mia vita, avevo memorizzato tutti i disegni ricamati sul tessuto del tappeto, e tutti quelli che ornavano le coperte, avevo fatto a Reg tutti i dispetti che conoscevo, per lo meno quelli che non lasciassero segni compromettenti troppo evidenti, ma quel giorno non mi andava nemmeno di minacciarlo, gli avevo solo intimato di starsene zitto e, in breve, non mi era rimasto altro da fare che andare alla finestra per vedere se la nebbia fosse già tornata a fagocitare il mondo. Ormai osservavo il buio avanzare su volumi e superfici come una macchia d’inchiostro svogliata, ammantando di uno strano colore grigio topo, che subito virava all’antracite, tutto quello che conoscevo. E, immediatamente dopo, quel colore carico si disperdeva nell’indefinito dei vapori che dal fiume salivano a ghermire la città, soffocandola nel suo abbraccio ovattato.
Il nostro palazzo si ergeva su una piazzetta lastricata, con un cespuglioso e incolto rettangolo di verde al centro, chiuso da una cancellata, circondata da case su tre lati, il quarto aperto sulla via principale da cui era separata agli angoli estremi da quattro lampioni accoppiati e, in mezzo, da quattro panchine e una fila di cinque alberi spennacchiati. Una piazza brutta e anonima, almeno per me: l’odiavo con tutto me stesso, soprattutto nei giorni umidi e freddi, quando nelle ore centrali, il sole lattiginoso a stento filtrava a lambirci l’anima, attraverso la nebbia spessa, dando a Grimmauld Place un’aura di malsana Magia. La nostra era una casa indistinguibile e non individuabile dall’esterno, dotata da mio padre dei migliori Incanti Oscuri destinati a proteggerla, così che risultasse impercettibile e imperscrutabile a chiunque ci vivesse vicino, ma assolutamente magnifica agli occhi di chi, Mago o Strega, sapesse come fare per vederla. Per me, però, non era una casa; per quanto fosse ricca, comoda e sontuosa, ai miei occhi era soltanto una prigione soffocante.
Stavo per tornare ai miei Scacchi, depresso ed anche più svogliato di prima, oltre che notevolmente affamato, quando la mia attenzione fu attratta dal rapido spegnersi dei lampioni che avevo visto accendersi negli ultimi minuti. Aguzzai lo sguardo e notai un contorno fluido: apparve dal nulla, dalla nebbia che ormai aveva vinto sulla luce e serrava di nuovo strade e palazzi come una morsa mortale, riprendendo corporeità gradualmente, mentre attraversava la fila d’alberi e la piazza, ed ora si muoveva con le fattezze di un uomo, diretto verso casa nostra: era intabarrato in un mantello scuro, con un cappuccio che gli nascondeva il volto; sembrava un sogno o il parto della mia fantasia sollecitata, già a quei tempi, da troppe letture gotiche. Quando sentii colpire il battente del portone secondo il codice stabilito e Kreacher spegnere i lumi a gas e correre con le sue gambette ossute all’ingresso, corsi a mia volta verso la porta della nostra stanza, rianimato da improvvisa curiosità, l’aprii piano, cercando di limitare qualsiasi rumore e imponendo il silenzio a Reg, che aveva ricominciato ad assediarmi con le sue lamentose domande.

    “Cosa fai Sir? Ci puniranno ancora di più se usciamo. Salteremo anche la cena!”
    “Zitto e seguimi!”

Apparve il broncio sul suo bel faccino e, come immaginavo, cercò di ribellarsi, ma quando vide che non mi lasciavo convincere a essere ragionevole, la curiosità vinse sulla paura, mi seguì nel buio della scalinata, ci affacciammo sul pianerottolo e scivolammo come spettri fino al secondo piano; lì ci appiattimmo a terra, con gli occhi a scrutare di là della ringhiera in ferro battuto, in tempo per vedere Kreacher chiudere la porta, riaccendere i lumi a gas e far strada all’uomo. Lo sconosciuto si sfilò il cappuccio mostrando una testa corvina, con i capelli lunghi un pò oltre le spalle, legati in una coda fermata da un nastro di seta nera, aveva il viso dall’incarnato leggermente abbronzato, dai tratti decisi ma regolari, con il naso diritto e nobile, gli occhi azzurri dal taglio felino, su cui balenavano inquieti riflessi color dell’acciaio, una barba corta e ricamata e dei corposi baffi curati: era Alshain Sherton, il miglior amico di nostro padre. Reg ed io ci guardammo, sui nostri visi c’erano dei sorrisi radiosi: delle tante persone che ci facevano visita, quella era l’unica che garantisse a noi ragazzi una serata all’insegna di racconti epici, fatti di leggende e avventura, niente sermoni formali, niente lezioni di etichetta, niente barbosissime ciance. Quando si tolse il mantello, mostrò il corpo asciutto e atletico che ben ricordavo: aveva una toga da mago verde scuro, attillata, lunga fino a metà gambe, a coprirgli solo in parte i pantaloni di alta sartoria, col colletto dal taglio orientale ricamato con inserti argentati, da cui occhieggiava una camicia di seta color perla, portava stivali e guanti di finissima pelle di Drago, neri; era, come suo solito, di un’eleganza sobria e austera, senza eccessi, a testimoniare la sua nobiltà di stirpe. Dall’angolo stretto della mia visuale non si poteva capirne la statura, ma sapevo già che era molto alto: quando si tolse i guanti, fui attratto dall’anello d’argento a forma di due serpi intrecciate, con uno smeraldo tra le bocche avvinte, all’anulare della mano destra, e dal bastone da passeggio la cui sommità d’argento era anch’essa a forma di testa di serpente, con due smeraldi come occhi. All’improvviso alzò il viso verso l’alto, forse per guardarsi attorno o, più probabilmente, perché si sentiva osservato; i nostri sguardi s’incrociarono per un attimo ed io provai l’istinto di ritirarmi timidamente, temendo più che altro un’altra raffica di punizioni da parte di nostra madre, se si fosse accorta della nostra presenza, ma lo sguardo dell’uomo mi bloccò, sul suo viso era apparso il sorriso noto e, fulmineo, strizzò l’occhio sinistro al nostro indirizzo.

    “Alshain!”

Prima la voce poi le fattezze di nostra madre irruppero nel mio campo visivo, interrompendo il silenzioso colloquio di sguardi e l’ospite, dopo un galante inchino con baciamano, scomparve dietro alla padrona di casa, in una stanza del piano terra, facendo attenzione a non tradirci. Reg ed io risalimmo senza far rumore e ci chiudemmo in camera, entrambi eccitati per quell’apparizione: era diverso tempo, troppo per i miei gusti, che Sherton non veniva a trovarci, ed entrambi, annoiati dalla monotonia della nostra vita, avevamo già iniziato a nutrire molte aspettative da quella visita.
La prima volta che lo vidi, cinque anni prima, avevo fantasticato che fosse un ricco mercante straniero cui nostro padre aveva commissionato chissà quali esotiche rarità, pagandolo -sapevo che ne sarebbe stato capace- cedendogli uno di noi due come schiavo, se non fossimo stati all’altezza del nostro nome: in cuor mio, già allora, avevo sperato di essere io il prescelto, pur di fuggire da casa nostra. Allora pensavo che non potesse essere altro che un uomo d’affari: di certo non era un parente stretto, perché li conoscevamo tutti, tantomeno poteva essere un amico, perché i miei genitori non ne avevano nessuno. Rendermi conto della realtà mi aveva letteralmente spiazzato. Stavamo immaginando quali novità si celassero intorno alla ricomparsa di quell’uomo avventuroso, che spesso si era fermato dopo cena solo per noi, per raccontarci fantastiche storie di Draghi, Eroi, Battaglie e Cavalieri, seduti in cerchio davanti al caminetto, quando Kreacher, il nostro Elfo domestico, viscido e odioso come sempre, entrò ammonendoci di renderci presentabili e di sbrigarci a scendere nel salotto, poiché avevamo appena ricevuto una visita importante. Fu una delle rare volte che eseguimmo un ordine di nostra madre di buon grado, quasi facendo a gara, tra noi, per arrivare di sotto per primo, ma alla fine, per evitare di rovinare tutto con una rissa e con un’altra giornata di punizione, ci accordammo per scendere insieme. Pur sapendo già che Sherton non badava troppo alle formalità, per ordine di nostra madre ci vestimmo come due damerini, pettinammo i capelli per bene all’indietro, camminammo tenendo un passo cerimoniale, mentre scendevamo la cupa scalinata di casa nostra “abbellita” da decine di quadri e ritratti di famiglia, da “trofei” di dubbio gusto, da arazzi arabescati e dal solito senso di claustrofobico soffocamento. Reg avanti di un gradino ed io subito dietro.
Il salotto in cui ci introdusse Kreacher era quello usato per accogliere e meravigliare gli estranei con la varietà e la ricchezza degli arredi, e la nobiltà delle nostre origini, avendo le pareti tutte ricoperte da arazzi in cui era stato tessuto il nostro albero genealogico: di solito era usato anche nelle visite ufficiali del "parentame" e, soprattutto, era lì che eravamo convocati, mio fratello ed io, quando i nostri genitori dovevano riprenderci e punirci, chiamando a testimonianza della nostra inadeguatezza tutto il peso del nostro Sangue, della nostra Casata, della nostra Stirpe. Quando entrammo, restai di stucco, mi sembrò di immergermi nel quadro babbano, eredità del trisavolo Phineas Black, che mia madre teneva nascosto in soffitta, maledicendo l’avo diseredato per gli Incanti che impedivano alla nostra famiglia di disfarsi di quell’orrore: ci accolsero la stessa fissità statuaria dei personaggi e la stessa innaturale atmosfera di cupo silenzio, come se in quei brevi istanti, prima del nostro ingresso, fosse accaduto qualcosa di spiacevole. Di solito la visita di Sherton era uno dei rari momenti in cui casa nostra si animava di un po’ di sincera allegria, ma quel giorno la Magia non gli era riuscita, perciò avanzai nella stanza, preoccupato. C’era il caminetto acceso, a causa dell’umidità della sera e della vetustà della casa, e quattro bracieri ardevano ai lati della porta d’ingresso, sulla tavola era stata sistemata una tovaglia ricamata riccamente, ed era stato servito tè con dei dolcetti e frutta secca e fresca in attesa della cena.
Mio padre, rientrato da poco da Nocturn Alley, indossava un’elegante toga nera sopra alla camicia antracite dai ricami argentati e ai pantaloni di alta sartoria, i suoi preziosi stivali di pelle di Drago e i capelli leggermente brizzolati riavviati all’indietro, a lasciar libero il viso dai nobili tratti, ed ora stava seduto nell’angolo più lontano della stanza, rispetto a chi entrava, sorseggiando il suo tè, con il “Daily Prophet”, i cui titoli richiamavano l’ultima prodezza di un Mago Oscuro e dei suoi seguaci, abbandonata sul tavolino più vicino, a dimostrazione di come la visita dell’amico avesse colto di sorpresa anche lui. Mia madre, bellissima e maligna, indossava un vestito borgogna, pieno di pizzi e ricami, lungo ed attillato, a fasciarne il corpo ancora perfetto a quarantaquattro anni, una miriade dei suoi amati gioielli, alcuni risalenti a sette secoli prima, e teneva i capelli raccolti in un rigido chignon. La trovai appollaiata su una poltrona vicino al caminetto, come un predatore che incombe sulla preda: sembrava che la visita di Sherton li avesse sorpresi mentre si preparavano a processarmi per l’odierna malefatta. Il nostro ospite, infine, era vicino a lei, in piedi davanti alla finestra, con una tazza in mano, e, assorto, guardava Londra dissolversi nella nebbia; si voltò verso di noi, ci sorrise avvicinandosi e ci abbracciò, scompigliandoci i capelli, sotto gli occhi imbronciati di nostra madre.

    “Come siete cresciuti! È così bello rivedervi!”

Era straordinariamente alto, la bocca dalle labbra piene e ben disegnate esaltate da un leggero pizzetto, portava un elaborato tatuaggio sul collo, sotto l’orecchio sinistro, a forma di serpe intrecciata ad una Runa, lo scorgevo tra la seta della camicia, e disegni simili erano tatuati alla base di tutte le dita, come ricordai quando ci strinse la mano, con la consueta presa energica e calorosa. Alshain Sherton era il miglior amico, anzi l’unico vero amico di nostro padre: benchè lontanamente imparentati, si erano conosciuti solo a scuola e, tra loro, papà era quello più grande d’età. Fino a pochi anni prima aveva vissuto a Londra in un palazzo nobile, ma babbano, poco lontano da casa nostra, a Essex Street, poi nel 1962, alla morte di suo padre, insieme alla sua famiglia aveva lasciato l’Inghilterra per trasferirsi a Herrengton Hill, la tenuta degli Sherton, nelle Highlands scozzesi. Ogni tanto lui e sua moglie erano tornati a Londra, per feste, inviti e ricorrenze, e per alcuni anni avevano tenuto ricevimenti nella loro dimora di Amesbury, nello Wiltshire. Non avevo mai visto la signora Sherton, di cui si diceva che fosse la più bella strega d’Irlanda. Una sera, dopo che Alshain ci aveva raccontato la storia di una bellissima dama, gli chiesi se assomigliasse a sua moglie, e lui, con sguardo sognante, mi rispose che la bellezza di Deidra Sherton andava al di là di quanto la mente umana potesse immaginare. Ci aveva parlato anche dei suoi figli, due ragazzi più grandi e una bambina della nostra età, che non avevamo ancora mai avuto l’occasione di conoscere. Negli ultimi due anni, poi, non l’avevamo più visto, fino a quella sera: Sherton aveva continuato ad invitare nostro padre a seguirlo nei suoi viaggi, ed erano partiti spesso insieme, ma gli unici contatti con il resto della nostra famiglia erano state lettere e regali, che non mancavano mai per feste e compleanni, o quando entrava in possesso di qualcosa che a suo avviso dovevamo avere.

    "Il signor Sherton è venuto per invitarvi a passare alcune settimane in Scozia la prossima estate," la voce di nostra madre ci investì acuta con una pesante nota sarcastica "e visto che vostro padre ed io stiamo crescendo due rammolliti indegni del nome della nostra Famiglia, abbiamo deciso di accettare l’invito, sperando che vi faccia bene. Mi auguro per voi che sappiate approfittare dell’opportunità che gentilmente vi è stata offerta, o potete star certi che ve la faremo pagare, in un modo che non dimenticherete mai più!”

Guardai Reg attonito: se da un lato si apriva dinanzi a noi la prospettiva di un’avventura straordinaria, con un uomo che avrei cambiato con mio padre in qualsiasi momento, dall’altro c’era la possibilità che tutto si trasformasse nella peggiore tortura ideata dai nostri genitori. Nostra madre evidentemente non era affatto contenta dell’invito, e se ci fossimo dimostrati entusiasti avrebbe trovato il modo di farci sparire il sorriso dalla faccia per mesi, prima e dopo la vacanza in Scozia.

    “Si divertiranno, due ragazzi della loro età sono sprecati in città, è normale che qui si annoino. A Herrengton, invece, vivranno con i miei figli, si troveranno bene e l’estate passerà anche troppo in fretta."

Sherton tornò a guardarci: aveva una strana luce negli occhi, come se fosse in grado di leggerci dentro, sentire le nostre paure e trovare subito il modo di tranquillizzarci. Sapeva incantare con le parole e con gli sguardi, aveva una voce calda, sensuale, parlava con calma, tenendo un tono molto più basso di quello dei miei, solo anni dopo ne avrei capito il motivo.

    “L’importante è che tornino Uomini,” la voce di nostro padre alla fine uscì, squittendo, dalla penombra “Uomini degni del mio Nome: a settembre Sirius andrà ad Hogwarts, l’anno dopo toccherà a Regulus. Non posso certo farmi rovinare la reputazione da queste due femminucce!”

Nostro padre aveva compiuto da poco quarantun anni, era arcigno e maligno come mia madre, sembrava quasi che si alimentassero i lati peggiori del carattere a vicenda. Era stato un bell’uomo, così alto, con i capelli mossi e bruni, e quei profondi occhi grigi che io e mio fratello avevamo ereditato, insieme al portamento elegante e la bellezza dei lineamenti, ma la sua avvenenza era presto sfiorita sotto l’attacco dei piaceri della tavola e dei suoi unici interessi: il potere e il denaro. Aveva una vera propensione alla meschinità, non sorrideva mai, non traeva mai piacere da nulla ed era spesso manovrato da nostra madre e aizzato da lei contro tutto e tutti. Assumeva una qualche scintilla di umanità e di vita solo in presenza di Sherton. Quando si alzò per raggiungere l’amico alla finestra, i suoi difetti si centuplicarono, per l’impietosità del confronto: nostro padre sembrava molto più vecchio di Alshain, benché avesse appena due anni in più.
Presto l’attenzione nei nostri confronti scemò: nostra madre ci lasciò per dare disposizioni per la cena, più per non averci davanti agli occhi e poter sfogare sui domestici la frustrazione di essere stata scavalcata dai due uomini nelle decisioni relative all’estate, che non per il reale desiderio di avere il nostro ospite ancora a lungo. Sherton, tra l’altro, aveva già detto che non si sarebbe trattenuto, quindi era inutile che recitasse la parte dell’operosa padrona di casa. Liberi dalla presenza di nostra madre, i due amici iniziarono a parlare con tono sereno e disteso della vita a Londra e di affari: quel giorno Alshain aveva partecipato ad una seduta del Wizengamot, al termine della quale avevano assolto, per assenza di prove, un Mago di Manchester, accusato di aver partecipato ad una "Caccia al Babbano". Nostro padre mostrò di non voler parlare di certi argomenti con noi tra i piedi, così la discussione scivolò rapidamente sul personale. Sherton aveva intrapreso i lavori di sistemazione della sua vecchia casa di Essex Street, riteneva che, visti i tempi, fosse ormai necessaria una sua presenza più attiva a Londra, nel frattempo sarebbe ritornato nello Wiltshire con i suoi familiari, almeno per l’inverno, visto che presto sarebbe nato loro un altro bambino.

    “Essex Street è troppo visibile e babbana! E’ questo che stai pensando, dico bene Orion?”

Sherton rise, prendendo in giro nostro padre, scimmiottandone le considerazioni tradizionaliste riguardo alle sue scelte spesso anticonvenzionali: si trovavano a volte in disaccordo su alcuni argomenti, ma tra loro l’amicizia e il rispetto erano autentici e incondizionati.
 
    “Sfotti, sfotti pure, se non ti avessi visto prendere le Rune con i miei occhi, non riuscirei a credere che sei davvero uno Sherton, razza d’un arrogante bastardo scozzese! Spero che tu prenda almeno delle contromisure! Non che mi preoccupi per te, sia chiaro, se anche ti capitasse qualcosa non sarebbe una gran perdita, è evidente, però sono in pensiero per i ragazzi e per Dei!”

Mio padre sorrise sprezzante all’occhiata benevola, eppure ironica, del suo amico, che ora era diventato un ghigno, sottolineato da un buffo sopracciglio alzato.
   
    “E smettila con quelle smorfie, sai quanto ti detesto quando imiti tuo “cugino”!”

Alshain proruppe in un’alta risata, cristallina e spontanea, papà, burbero come non mai, gli versò vero whisky babbano, che teneva nascosto in casa solo per le visite dell’amico, e Sherton parve apprezzare sorridendo, complice, finendola con l’imitazione di Abraxas Malfoy e levando il bicchiere a un muto brindisi. Mio padre lo guardò intensamente, poi la sua espressione truce si distese e gli occhi presero un calore che assumevano molto raramente.

    “Allora questo bambino… Ormai ci siamo quasi…”
    “Già, mancano poche settimane e... non era programmato, se è questo che ti stai chiedendo.”
    “Sì, sono passati dieci anni, se volevate verificare le Profezie, ci avreste provato prima, credo.”
    “Non tengo conto delle Profezie, lo sai, non ho mai voluto pensare a certe cose…”
    “Ora però, volente o nolente, ci starai pensando, ammettilo: se fosse femmina, lo sai meglio di me…”

Papà si interruppe e sorrise, levando il bicchiere brindò ad alta voce a Deidra Sherton e al bambino, Alshain lo seguì, ma il suo sguardo celava una certa tensione.
   
    “Per qualsiasi cosa, fai conto su di me, Alshain, tienilo sempre a mente.”
    “Ti ringrazio, Orion, ne approfitterò senza dubbio."

Mio padre cercò nuovamente di trattenere il suo amico, lo invitò a mangiare con noi e a passare da noi la notte, ormai era anche abbastanza tardi, scherzando sul fatto che casa nostra era più ospitale di Malfoy Manor, ma Sherton, con un sospiro di rassegnazione che sembrava dire "come darti torto", fece capire che non poteva cedere; si abbracciarono e si baciarono le guance, poi si rivolse a noi, accarezzandoci con lo sguardo.

        "Ora devo proprio lasciarvi, mi spiace, Abraxas ha chiesto di me, oggi, durante la riunione…”
        “Tienimi aggiornato sul bambino, mi raccomando. E vedi di non sparire di nuovo, per favore!”

Nostro padre gli fece l’occhietto e Alshain sorrise, cancellando l’espressione tirata che gli era ricomparsa in viso parlando di Malfoy. Osservandoli pensai che il tempo passato insieme a Hogwarts doveva essere stato meraviglioso per quei due, papà sembrava un altro quando era col suo amico, era così diverso dal solito che avrei anche potuto amarlo; era evidente che l’influenza nefasta di nostra madre non si estendeva fino al profondo del suo animo, ma nascosta in qualche piega del suo essere, c’era ancora quella parte di lui che aveva meritato l’amicizia di un uomo ai miei occhi tanto straordinario. Infine nostro padre diede un paio di colpi col bastone a terra e Kreacher accorse, pronto a servire. Alshain si riavvolse nel mantello, ci diede la mano con un sorriso che era una tacita promessa di libertà, fece un asciutto inchino a nostra madre, che, riemersa nella sala dell'Arazzo, sembrava ancora piuttosto astiosa e impaziente che se ne andasse, e si ricoprì il capo col cappuccio.

    “A presto.”
    “Sei sicuro di non voler usare la Metropolvere?”

Fece appena un cenno di diniego con la testa.

    “La detesto lo sai, poi stasera c’è il clima adatto per una bella passeggiata nei boschi!”
    “Come se non ci stessi mai!”

Rise osservando l’espressione attonita e orripilata di nostro padre: era evidente che, se non ci fosse stata nostra madre e avesse potuto parlare liberamente, papà gli avrebbe dato apertamente del pazzo. Lo accompagnammo alla porta e spegnemmo le luci, lui si fece avvolgere dalla nebbia che ormai spadroneggiava nella piazza, riuscimmo a seguirlo con lo sguardo solo fino all’ultimo gradino, quando ormai, complice la notte, aveva dissolto completamente la sua figura in quel profilo liquido e trasparente che era una delle abilità che più mi affascinavano in lui. I lampioni erano ancora tutti spenti, poi di colpo si riaccesero in rapida sequenza, ma la sua figura si era ormai persa, forse confusa nel buio lattiginoso della notte o inghiottita nel tronco di qualche albero. Una volta richiusa la porta, mentre mia madre si avviava con Regulus di sotto, in sala da pranzo, mio padre mi prese da parte: non mi urlò contro, né provò a picchiarmi, non commentò nemmeno in modo sarcastico le mie malefatte, si limitò a dire semplicemente che mi avrebbe frustato le chiappe a sangue, se avessi di nuovo molestato i nostri ospiti con le mie insolenze.

    “Io non ho molestato nessuno! Ho fatto quello che mi hai insegnato tu, ho soltanto cercato di essere gentile chiedendo alla zia delle mie cugine! Non ho fatto niente di male!”

Lo schiaffo arrivò rapido e potente, tanto che nemmeno finii la frase. Lo guardai stupefatto.
   
    “Te lo giuro, Sirius, te lo ficcherò in quella testa vuota dovessi scuoiarti vivo! Tu imparerai a comportarti da Black, fosse l’ultima cosa che faccio! Sei mio figlio, per Salazar, hai il mio stesso Sangue, sei l'Erede dei Black!”

Sconvolto, sfregandomi la guancia dolorante e in fiamme, mi avviai mestamente alla "camera di punizione", senza uscirne per oltre una settimana: quella sera finii a letto affamato e sconfitto, senza aver capito nulla di quanto era successo. Sapevo solo che mio padre aveva subito ristabilito l’ordine naturale delle cose, al 12 di Grimmauld Place, era come se Sherton non fosse mai entrato in quella casa. Eppure mi accorsi, e Regulus me ne diede conferma, che i nostri genitori dopo quella visita non si rivolsero la parola per giorni: l’argomento Sherton era davvero, a quanto pareva, l’unico su cui mio padre non ammetteva le intromissioni di mia madre.


*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine: Non sono al momento in grado di risalire alla fonte di questa immagine.

Ritorna all'indice


Capitolo 2
*** I.002 - HABARCAT - Fratelli ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.002 - Fratelli

I.002


Meissa Sherton
Herrengton Hill, Highlands - sab. 03 ottobre 1970

Quando vidi quel fagottino, roseo e paffuto, tra le mani grandi e forti di mio padre, non potevo credere che fosse un essere umano: sembrava una bambola, un po’ bruttina a dire il vero, col viso atteggiato a strane smorfiette, gli occhi chiusi e la lingua che spesso faceva bella mostra di sé. Per lo meno avevo smesso di odiarlo. Non potevo crederci, avevo desiderato per anni il suo arrivo, avevo immaginato, giocando con le bambole, come sarebbe stato avere un fratellino o una sorellina di cui occuparmi, avevo sognato di non essere più la piccola di famiglia ma, alla fine, mi ero ritrovata a pregare le divinità che conoscevo perché quell’essere ritornasse nel limbo delle anime nasciture. Mirzam sembrava non avere il coraggio di avvicinarsi, rimaneva in piedi vicino alla porta, in fondo al letto, in religioso silenzio, osservando a turno i nostri genitori, me e quella cosa che si agitava sbuffando. Quando si accorse che lo osservavo, però, mi sorrise e un guizzo della sua abituale ironia gli illuminò il viso, probabilmente evocato dal mio sguardo disorientato.

    “Quando sei nata tu, non eri molto più carina!”

Diventai porpora, mentre tutti ridevano e mio padre iniziava a raccontare dei particolari vergognosi su di me, troppo lontani nel tempo perché potessi ricordare e difendermi. Stando ai loro racconti, ero stata una tale piagnucolona, che, esasperati, avevano iniziato ad accarezzare l’idea di "smaterializzarmi" ad Amesbury tra una poppata e l’altra, mentre tutti loro tenevano al riparo le orecchie a Londra. Ero offesa dal comportamento traditore di mio padre e, in qualsiasi altra occasione, gli avrei messo su un muso altezzoso, ma sapevo perché faceva così: ridere con e dei suoi figli era un modo per stringerci a sé, esorcizzando il terrore che aveva provato. Mio padre era un uomo forte e coraggioso, che di certo non fuggiva di fronte a nulla, capace di far tremare le vene ai polsi a chiunque, solo con uno sguardo, ma quando si trattava della sua famiglia, e di sua moglie in particolare, quando c’era qualcosa che ci minacciava e che non poteva combattere o evitare, sembrava perdersi. Quel giorno, in realtà, ci eravamo persi un po’ tutti. La mamma ora sorrideva, ma era evidente quanto fosse stanca, il parto era stato lungo e travagliato: era pallida, con i lunghi capelli rossi raccolti in una treccia sfatta, le mani che le tremavano ancora un po’, gli occhi cerchiati, in cui lacrime di sofferenza e di gioia si mischiavano.

*

Da giorni c’erano state avvisaglie che annunciavano come imminente la nascita, ma il bambino fece sul serio solo la mattina del 2 ottobre. I Medimaghi furono chiamati a Herrengton a mezzogiorno: sembrava che tutto filasse liscio, che le cose si sarebbero risolte presto, poi il piccolo decise che nella mamma si stava bene e non sembrava più molto entusiasta all’idea di abbandonare quel caldo nido, sicuro e accogliente. Così si era girato in modo strano, rifiutandosi di uscire. Il travaglio si era protratto fino al giorno dopo, le grida strazianti di mia madre avevano riecheggiato nel maniero nonostante le Pozioni che dovevano placarle il dolore e facilitarle il parto; mio fratello camminava avanti e indietro per i corridoi, spiritato, poi iniziò a mandare Gufi alle zie e a nostro fratello, ad Hogwarts, per avvisarli e per avere qualcosa da fare, che non lo facesse pensare. Io ero rimasta impietrita, pressoché dimenticata nell’anticamera dei nostri genitori, assistendo al via vai dei Medimaghi e al loro parlare agitato, tipico di chi non sa cosa fare: ormai odiavo quel mostriciattolo che la torturava, tutti quanti eravamo felici del suo arrivo, tutti l’avremmo amato, e lui, ingrato, rendeva tutto difficile e terribilmente pericoloso.
Quando, all’alba, sentii il Medimago-capo dire che dovevano sbrigarsi a trovare una soluzione, perché un travaglio così lungo a trentanove anni poteva essere fatale, fui presa dal panico e crollai, iniziai a pregare Salazar che si prendesse il bambino ma mi lasciasse la mamma. Mio padre entrò in camera, preoccupato e provato, con un paio di Pozioni cui aveva lavorato per tutta la notte, nel sotterraneo, consultando i manoscritti dei nostri avi, convinto che in quella conoscenza antica ci fosse qualcosa che tutti stavano ignorando e che poteva invece essere fondamentale. Si chiusero nella stanza, le voci si fecero dei sussurri, le grida di mia madre si attenuarono appena un po’, Kreya ebbe l’ordine di portarmi al piano di sopra, lontana da tutto ed io, piangendo isterica, mi ritrovai in camera mia, disperata all’idea che non l' avrei più rivista. L’Elfa mi preparò tutto l’occorrente per un bagno rilassante, si avvicinò per aiutarmi a spogliarmi e per sciogliermi i capelli, ma io le sfuggii e, in piedi in mezzo al letto, le urlai contro, non volevo che mi toccasse, così presi una spazzola e gliela tirai addosso, trovando parziale sollievo alla mia angoscia solo quando vidi i suoi tondi occhi acquosi pieni di paura e di dolore.

    “Vattene di qui lurida Feccia! Vattene!”

Le scagliai addosso un paio di libri, un porta candele, una scatola portagioie, centrandola ripetutamente e facendola guaire di dolore, ma lei non poteva andarsene, perché era l’Elfa personale di mio padre e lui le aveva ordinato chiaramente di restare con me: si era rifugiata in un angolo, come un vecchio cencio, a subire lo sfogo della mia rabbia e del mio tormento, picchiandosi con i pugnetti ossuti perché non stava rispettando il mio ordine di togliersi dai piedi. I suoi grandi occhi erano ormai ridotti a due fessure piene di lacrime, cerchiate di nero, quando mi abbandonai sul letto, disperata, e uno strano torpore mi fece perdere coscienza: vagai tra sogni agitati, carichi d’angoscia, in cui prendevo l’antica spada dei nostri avi, che mio padre teneva in una delle sue stanze nella torre ovest di Herrengton, e con essa minacciavo il demone che faceva del male alla mamma.

    “Meissa.”

Aprii gli occhi con difficoltà, un pallido sole stava scivolando dietro gli alberi della collina di fronte, colorando di una sfumatura rosata le cime cariche della prima neve dell’anno, ancora fresca. Era pomeriggio inoltrato, Mirzam mi parlava dolcemente all’orecchio accarezzandomi la testa e spostando le ciocche corvine dalla mia faccia per darmi un bacio sulla fronte.

    “Mir…”

Non osavo aggiungere altro, avevo paura che fosse lì per portare brutte notizie: io avevo combattuto a lungo, con tutte le mie forze, con la spada di nostro padre, ma il mostro non temeva la lama.

    “Scendiamo di sotto, c’è qualcuno che vuole conoscerci.”

Sorrideva ma quasi non ci feci caso, la notizia che il bambino era nato non mi provocava gioia, ero come anestetizzata, non m'interessava più, non m'importava se era maschio o femmina, se era grande o piccolo, se stava bene, se era bello, io volevo sapere solo di nostra madre, se era andato tutto bene, ma il terrore che avevo nel cuore per la voce del Medimago che diceva “può essere fatale” faceva sì che non osassi fare domande. Mirzam aveva capito e mi sorrise di nuovo.

    “La mamma sta bene, non ti preoccupare, è stanca, starà a letto diversi giorni, certo, ma vedrai che gli "intrugli" di papà la rimetteranno in sesto e in un batter d’occhio sarà come nuova!”

Non aveva nemmeno finito di parlare, che mi ero già gettata tra le sue braccia, lasciando libero sfogo a tutta la paura che avevo provato; Mir mi accarezzava la testa, facendomi coraggio, rassicurandomi senza altre parole, ma solo col calore dei suoi gesti. Mi accorsi che tremava: anche lui era provato, aveva un amore sconfinato per nostra madre, ma si trattava di Mirzam Sherton, il primogenito di Alshain Sherton, a lui non era più permesso mostrare neppure un momento di debolezza, mai, con nessuno. Solo con me tornava ad essere semplicemente un ragazzo di vent'anni, solo con me gli era concesso preoccuparsi e spaventarsi, senza gli obblighi e le costrizioni derivanti dal nostro nome. Con me, quasi fossi un rifugio segreto, in cui era possibile custodire i propri pensieri più veri, poteva rivelare appieno la sua natura, anche quella più profonda, ricompensandomi con il suo sostegno e la sua protezione.

*

    “Ora è meglio lasciar riposare la mamma.”

La voce di mio padre mi riportò al presente, ci stava congedando: guardai il fagottino ancora una volta, guardai i miei genitori, mi alzai dalla sedia accanto al letto, e insieme a Mir ci avvicinammo alla mamma per darle un bacio sulla fronte e sulla guancia, mentre lei posava i suoi occhi stanchi e assonnati su tutti noi, accarezzandoci con il suo sguardo pieno d’amore. La tata uscì con il fagottino e mio padre incaricò mio fratello di spedire tramite Hermes, il suo Gufo Reale, una pergamena indirizzata ad Orion Black. Poi tornò a sedersi sul letto, accanto a nostra madre, prendendole una mano tra le sue e facendole poggiare il viso sul suo petto.

    “Il suo nome sarà Wezen, vorrei continuare la tradizione...”

La voce di mia madre uscì come un sussurro, mio padre annuì, la guardava rapito, a metà tra uno stupore religioso e una gioia inesprimibile, per averla accanto a sé; noi uscimmo, lasciandoli finalmente soli, a sorridersi, stanchi e radiosi. Solo in quel momento, libera finalmente dall’angoscia, mi resi conto che avevo un fratello. Di nuovo un fratello, di nuovo un maschio. Ero ancora l’unica bambina nata a casa Sherton negli ultimi duecento anni. La cosiddetta “Maledizione”, quella che per sette secoli aveva portato alla nascita di appena quattro femmine nella nostra famiglia, quella che per molti era vacillata quando ero nata io, una bambina, nel giorno di Habarcat, a quanto pareva non era sciolta come tutti quanti avevano sperato in quei dieci anni.
Tutta quella fatica e tutta quella paura non erano serviti a niente. 

***

Sirius Black
12, Grimmauld Place, Londra - sab. 03 ottobre 1970

La notizia ci arrivò il 3 ottobre, all’ora di cena: nostro padre era appena rientrato da uno dei suoi pomeriggi a Nocturn Alley e si era seduto sulla poltrona, con il "Daily Prophet" a far da paravento, così da isolarsi dalla quotidianità della sua famiglia, riunita nella stanza dell'Arazzo. Quando Kreacher gli consegnò la pergamena, la prese con sufficienza, infastidito per essere stato disturbato, l’aprì quasi schifato, come se fosse sufficiente toccarne un lembo per ammalarsi di un’infezione grave, ma appena saggiò la consistenza pregiata della carta, e posò gli occhi sul sigillo di ceralacca e sulla calligrafia nota, nobile come la mano che l’aveva tracciata, sorrise e si immerse nella lettura, al termine della quale guardò sua moglie con occhi turbati.

    “Avevamo torto, Walby, è un bambino, sano, perfetto, in salute, ma è un altro maschio!”

Mia madre, che fino ad allora non si era affatto preoccupata della lettera, si alzò dalla sua poltrona, attraversò la stanza con le sue movenze aristocratiche avvicinandosi lentamente al marito, prese il foglio, sempre con gesti curati e eleganti, si portò infine gli occhialini al viso e lesse con avidità: sul volto, di solito impassibile, c’era un misto di sentimenti contrastanti, su cui infine predominò un senso di delusione cocente. Si tolse gli occhiali e puntò i suoi cupi occhi azzurri sul viso ingrigito di nostro padre, le labbra appena increspate in un ghigno feroce, immobile sulla sua faccia dura come marmo. Si morse il labbro inferiore. Non l’avevo mai vista così partecipe per qualcosa, di solito affrontava tutto quello che ci circondava con aria annoiata, come se non esistesse nulla al mondo che meritasse la sua attenzione.

    “Alshain sembrava aver avuto occhio nello scegliere sua moglie! Una figlia femmina nel giorno di Habarcat, come diceva la Profezia, ma ora dopo dieci anni un altro maschio! Questa è una sconfitta, Orion! Ora è necessario che Mirzam si sposi il prima possibile, così da avere presto dei figli a sua volta e aumentare le probabilità, prima che nessuno creda più...”

Reg ed io, impegnati a leggere i racconti leggendari tratti dalla vita dei grandi Maghi dell’antichità, assistemmo a questa scena sdraiati a pancia sotto sul tappeto davanti al caminetto, senza capirci molto, tanto che provai a fare una domanda sul perché fosse tanto importante che nascesse proprio una bambina, ma mia madre, accusandomi di non sapere stare al mio posto e di impicciarmi sempre degli affari degli adulti, mi spedì a letto senza cena; Reg fu più furbo di me, rimase in silenzio, a fare da tappezzeria, con le orecchie ben tese per capire cosa stesse succedendo.
Un paio d'ore più tardi mi raggiunse in camera, mi passò un paio di fette di carne di tacchino, che era riuscito a nascondere per me in un tovagliolo, e si sedette sul mio letto, ad osservarmi con quegli occhi grigi che sembravano rimproverarmi sempre per qualcosa. Guardarlo era un po’ specchiarsi: mio fratello all’epoca mi assomigliava tantissimo. Era nato un anno dopo di me, era poco più basso e un po’ più magro, i nostri visi erano quasi identici, con gli occhi grigi, i tratti del viso, che tutti definivano molto belli ed eleganti, le bocche rosse e carnose, ancora bambine. Avevo dieci anni, lui ne aveva appena nove anni, eppure la vita a Grimmauld Place ci stava facendo diventare adulti molto in fretta: non volevo diventare come i miei genitori, mio fratello, i miei parenti. Ai miei occhi tutti loro sembravano morti, privi di anima e di passione, per qualsiasi cosa non fosse il nostro Sangue Puro; io, invece, mi sentivo vivo e volevo gridarla, la mia gioia di esserlo, e volevo sparire da quell’odiato arazzo, in cui non c’erano tracce di sanità mentale, a parte, forse, nei Black che avevano meritato, con la ribellione, di esserne cancellati. Mio fratello, forse, già all’epoca era attratto dal Buio, che si respirava a pieni polmoni tra le pietre e i velluti polverosi di quella vecchia casa malsana: probabilmente considerava missione della sua vita risarcire nostra madre di quello che le veniva tolto da un ingrato come me, perché più volte la mamma mi aveva accusato di essere un figlio tremendo, di farla soffrire indicibilmente con la mia indisciplina e la mia strafottenza, e Regulus sentiva, nel suo amore malato e totalizzante per quella donna orrenda e senza cuore, di doverla ripagare del dono d' averlo messo al mondo, realizzando i suoi sogni, diventando il figlio esemplare, la luce dei suoi occhi, il vero Sirius, la stella più luminosa e perfetta.

    “Non riesci proprio a tenerti fuori dai guai, Sir?"
    “E tu non riesci a farti gli affari tuoi, vero Reg?"

Mi guardò sbuffando, si sdraiò sul mio letto, le braccia incrociate dietro la nuca, a studiare le decorazioni del baldacchino; io, affamato, mi sbafavo senza indugi le due fette di tacchino.

    “A dicembre andremo a Amesbury, ci sarà una festa per il bambino degli Sherton. Nostra madre non voleva portarci, ma Alshain ci tiene e secondo papà è giusto che andiamo con loro, ci saranno davvero tutti. Solo che… Papà ha detto che se, prima e durante il ricevimento, non ti comporterai come si deve, non ti farà più uscire da qui fino alla partenza per Hogwarts.”

Lo guardai pensieroso, intenzionato a illuderlo che stessi ascoltando attentamente il messaggio che mi stava riferendo con tanto impegno, poi, quando vidi che era sollevato per aver eseguito il suo compito con dovizia e senza incidenti, attaccai, sputandogli addosso tutto il mio disprezzo, mischiato ai pezzetti di tacchino che avevo ancora in bocca. Lo lasciai basito.

    “Mi spieghi cosa ci guadagni a essere un ruffiano leccapiedi?”
    “E tu cosa ci guadagni ad essere un cretino? Ti piace star sempre chiuso in punizione o sei così stupido che non riesci nemmeno a fingere?”

Si era risollevato a sedere, guardandomi con i miei stessi occhi: lo disprezzavo, quando aveva ragione, quando mostrava di essere migliore di me. E ancora di più disprezzavo me stesso, perché, in fondo al cuore, avrei voluto una vita più semplice, chiudendo gli occhi e dicendo di sì. Come faceva mio fratello. Non potevo, però, fargliela passare liscia e non potevo farla passare liscia a me stesso. Era più forte di me.

    “Fammi capire: mi stai dicendo che dovrei essere un vigliacco come te?”

Mi alzai di scatto e lo squadrai con tutta la sufficienza e il disprezzo di cui ero capace, mai mi sarei piegato alla sua aria da bravo bambino. Regulus si sollevò in piedi a sua volta, mi fissò pieno di pietà, per qualche istante, mentre io gli rimandavo indietro un ghigno sarcastico, che voleva dirgli “Sei solo una femminuccia”. Fu allora che, all’improvviso, mi diede un pugno allo stomaco, senza battere ciglio, poi con la stesa calma irreale mi diede le spalle e se ne andò a stendersi sul suo letto.

    “Non mi trascinerai nel fango, Sirius! Non voglio essere una nullità, un pazzo, non voglio essere te! Io sono un Black, fiero d' essere un Black! Tu cosa sei? Cosa Merlino hai nella testa?”

Non lo ascoltavo e non pensai nemmeno a vendicarmi. Quel piccolo bastardo mi aveva colpito forte, rimasi piegato in due al bordo del mio letto per un tempo che mi parve infinito. Non immaginavo che, quando si arrabbiava davvero, potesse avere la forza di farmi davvero male, di solito lo battevo sempre io, lui mollava sempre per primo, perché non aveva abbastanza odio dentro di sé per andare fino in fondo. Non come me che vedevo in lui il modo migliore per sfogarmi di tutta la rabbia che provavo per quella famiglia che mi teneva prigioniero e mi rendeva infelice, e così colpivo e facevo male e facevo sanguinare e non mi importava niente, come se veder uscire quel Sangue, il mio stesso Sangue, mi servisse a dimostrare a me stesso che c’era vita, anche se non sembrava, in quella dannata prigione. Quel giorno, però, Regulus era diverso ed io non avevo idea di cosa fosse successo. In cuor mio sapevo che lui aveva ragione, la cosa migliore, anzi l’unica, che potessi fare per me stesso era cercare di imitarlo, tenermi lontano dai guai e sopravvivere in quella casa, almeno finché non fossimo riusciti a fuggire in Scozia da Sherton o fosse iniziata quella benedetta scuola, che m' avrebbe allontanato da tutti loro per anni, forse addirittura per sempre. Con difficoltà mi rialzai e mi lasciai scivolare sotto le coperte, senza più dire una parola; accanto a me, nel letto alla mia sinistra, sentii mio fratello rigirarsi per ore tra le sue lenzuola, incapace di trovare la pace tra le braccia di Morfeo, ma continuai a non dire nulla, era giusto che ciascuno di noi due affrontasse i propri demoni per proprio conto. Osservai la luna che si affacciava dietro le tende della nostra stanza, illuminando appena, in modo spettrale, quella che era la mia realtà, una gabbia ricca e sfarzosa, in cui nulla mi si attaccava addosso, nulla dava in qualche modo sollievo alla mia anima.
Perché ero così diverso dagli altri? Perché i discorsi di mio padre sull’importanza e nobiltà della nostra Famiglia mi annoiavano, invece di esaltarmi, com'era normale? Perché non riuscivo a provare il piacere che vedevo negli occhi di mia cugina Bella quando si commentavano allegramente le "Cacce al Babbano", anzi provavo un senso di rifiuto e disgusto? Perché non riuscivo a farmi amare da mia madre e non m' importava nulla che non mi amasse più? Mi chiedevo soltanto se m' avesse amato mai.
Una timida luce lunare illuminava appena, appoggiata sullo scrittoio, una foto scattata l’estate prima, nella nostra casa di campagna nel Cornwall: ero abbracciato a nostro padre insieme a Regulus, entrambi stranamente scarmigliati, radiosi e felici. Era una foto talmente strana per noi, che non avevo protestato quando mio fratello aveva insistito per metterla in un punto così visibile. Ci avevano permesso di fare quello che volevamo per un pomeriggio intero e noi, per una volta liberi e incuranti di tutto, avevamo corso a perdifiato per raggiungere la cima della collinetta, per poi gettarci ai piedi di una quercia centenaria. Per una volta nostro padre era stato un padre, aveva passato il suo tempo con noi e ci aveva raccontato di quando era ragazzo e come noi amava quella collina, ci insegnò che salendo fino al secondo ramo a destra, si poteva ammirare un panorama meraviglioso. Chiusi gli occhi e rividi nella mente la bellissima costa sinuosa, le barche sullo sfondo, la piccola cittadina babbana che placida si dispiegava sotto di noi, inconsapevole di tutti quegli assurdi discorsi sul sangue con cui mi ammorbavano la mente. E quella follia che m' aveva attraversato il cervello: mandare all’aria la mia vita, fuggire, diventare uno di loro, uno di quegli inutili, inferiori Babbani, che erano ai miei occhi il simbolo di tutta quella libertà che mi era tolta. Solo perché portavo un inutile, odioso, altisonante, ingombrante nome: BLACK.
Mi alzai e mi avvicinai alla foto, cercando di tornare a respirare, quei pensieri m stavano facendo fondere la testa, c’era qualcosa che non andava in me, io non potevo, no, non potevo dubitare di me e della mia Famiglia fino al punto di desiderare di essere…
   
    Merlino… A tutto c’è un limite, e quel desiderio è un chiaro indizio di follia. Devo smetterla, controllarmi, devo cercare di seguire quello che dicono i miei, cercare di imitare mio fratello. In fondo sembra più felice di me.

Presi la foto per ammirare meglio le nostre facce: eravamo davvero simili, a guardare bene c’era persino la stessa nota di follia e disperazione nascosta nei tratti aristocratici di Famiglia. Regulus era davvero più felice di me? O l’unica differenza tra noi era la straordinaria bravura di mio fratello nel dissimulare i propri sentimenti?



*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine: L'immagine che ho scelto per questo capitolo è elaborata da "My Little Brothers" che appartiene a Anne Flanders, la presi da DevianArt anni fa ma al momento non è più reperibile in rete.

Ritorna all'indice


Capitolo 3
*** I.003 - HABARCAT - Yule ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.003 - Yule

I.003


Sirius Black
Amesbury, Wiltshire - dom. 20 dicembre 1970

Il 20 dicembre, alle nove di mattina, scesi con Regulus, vestiti di tutto punto, nel salone principale: quel giorno si sarebbe tenuta la festa ufficiale per il bambino, in occasione del ritorno da Hogwarts, per Natale, di Rigel, suo fratello. Mio padre era andato subito dagli Sherton, addirittura il giorno dopo aver ricevuto la lettera, porgendo i nostri auguri, mentre mia madre si era trattenuta dal far loro visita, ripromettendosi di essere più presente dopo le festività di Natale. Mi guardai allo specchio nell’ingresso e mi sistemai una ciocca di capelli ribelli sulla fronte, squadrando Regulus che entrava nel salone: da quella sera non ci eravamo detti una parola, lui si teneva a debita distanza, temendo la mia vendetta, io lo ignoravo. Alla fine di quella notte burrascosa avevo deciso che avrei in parte seguito i consigli del caro fratellino, perché, per una volta nella mia vita, c’era qualcosa per cui valesse la pena impegnarsi. Inoltre certi pensieri che si facevano strada nella mia testa erano troppo spaventosi e sbagliati, anche per me. Quando entrai nella sala dell'Arazzo, trovai nostro padre, in un bel completo blu notte che lo affinava e ne esaltava lo sguardo, davanti al caminetto, con un sacchettino in mano, accanto a nostra madre, austera in un abito nero pieno di pizzi ed addobbata coi suoi gioielli più sontuosi: agguantò subito Regulus, il suo pupillo, appena ci vide, poi papà porse loro la polvere verdastra e, una dopo l’altro, pronunciando le parole "Sherton Manor, Amesbury" scandite bene, sparirono tra le fiamme. Mio padre mi fece una predica sui doveri dell’erede dei Black, sul rispetto, sulla nobiltà e sulla superiorità dei Purosangue, che non so cosa c’entrasse, visto che al ricevimento erano evidentemente invitati solo Purosangue, anzi Slytherins, proprio come noi; poi mi porse la polvere e sparii nel caminetto.
Mi ritrovai in una grandiosa sala, ampia e luminosa, costruita in pietra, con un pavimento decorato con marmi, disposti a mosaico, a rappresentare la Costellazione del Dragone; il soffitto era costituito da sette volte a crociera, poggianti su due file di otto pilastri che si innalzavano aprendosi in tante costoline; dal vertice di ogni volta scendeva un candeliere d’argento a dodici fiaccole, decorato con motivi serpenteschi. I due camini, posti ai lati corti della stanza, erano bocche spalancate di serpenti, con enormi smeraldi, al posto degli occhi. Sulle pareti lunghe c’erano otto ritratti per lato, raffiguranti alcuni antenati, incastonati in cornici di puro argento elfico, decorate ognuna con due serpi intrecciate, dagli occhi di smeraldo e il motto di famiglia ai loro piedi. Alshain Sherton, in una veste cerimoniale verde scuro con ricami d’argento, ci venne incontro per darci il benvenuto e ci abbracciò radioso, mia madre, stranamente affabile, gli diede un civettuolo bacio sulla guancia, chiedendogli di sua moglie e del bambino, complimentandosi e facendo un paio di battute, con cui sperava forse di estorcergli qualche indiscrezione.

    “Orion dice che è un bambino stupendo, almeno vi ripagherà in parte della delusione...”
    “Ti sbagli, Walby cara, tutti noi siamo felici e soddisfatti di questa nascita, più che felici!”

Alshain, pur affabile e gentile, chiuse rapidamente la questione, contrariato. Lo seguimmo nella stanza accanto, più piccola e intima, ma altrettanto bella e ricca, con il soffitto decorato a cassettoni d’argento, in cui erano rappresentate scene di caccia e di guerra e, alle pareti, una serie di affreschi che narravano la vita di Salazar Slytherin, mentre sul pavimento di marmo i mosaici raffiguravano questa volta le Costellazioni di Orione e dei Cani. Deidra e il bambino erano lì, su una poltrona davanti al caminetto, in attesa del nostro arrivo; nostra madre, continuando a fare quegli insoliti amorevoli complimenti, ci fece un cenno e noi, come paggetti, le consegnammo un pacchetto piccolo ma molto prezioso: quando Deidra l’aprì, trovò un ricco medaglione di bianco oro elfico, su cui erano incastonati dei diamanti di "javanna". Sherton fece un cenno di ringraziamento, Deidra, la cui bellezza era davvero indescrivibile, pur ancora molto pallida, rimase per un attimo senza parole, poi ci invitò a seguirla, in attesa dell’arrivo degli altri ospiti. Nostra madre non mollò la presa, interessata com’era ai loro figli.

    “Ho proprio voglia di vedere Meissa, Deidra, saranno quattro anni che non riesco più a incontrarla!”
    “Oh Walburga, mi spiace tanto, Meissa è raffreddata, non scenderà per il pranzo. Dovrai aspettare almeno fino a stasera, se vi fermerete per il rito. Ma venite di là con me, chiacchieriamo un po', è tanto che non abbiamo del tempo solo per noi. E anche io è da una vita che aspetto di parlare con questi due giovanotti. Dico bene Alshain?”
    “In realtà io avrei bisogno di parlare in privato con Orion, prima che arrivino tutti, torniamo tra cinque minuti..."

Deidra e nostro padre lo guardarono spiazzati, per un momento, quest'ultimo però, pur sorpreso e un po’ riluttante all’idea di non poter seguire subito la strega e il bambino, come si era aspettato, acconsentì cordialmente.

    “Mirzam intratterrà gli ospiti. Ormai scenderà a momenti con Rigel.”

Mia madre, cogliendo tutti di sorpresa, ci ordinò di restare lì e scivolò via dietro Deidra, Alshain, attonito per come ci aveva mollato, entrò con mio padre in una sala più piccola che si apriva dietro un’armatura, nascosta lungo il corridoio, promettendoci che sarebbero ritornati subito. Reg ed io tornammo nel salone di pietra, sollevati di non dover stare con nostra madre e subire un probabile interrogatorio, ma dubbiosi per il fatto di essere ora da soli, insieme, nella stessa stanza. Per fortuna, dopo poco, iniziarono ad arrivare altri invitati con i loro figli, accolti dal primogenito di Alshain, mentre dell’altro giovane non c’era traccia. Mirzam era un ragazzo di venti anni, alto quanto suo padre, portava i capelli scuri legati alla base della nuca in una coda corposa lunga fino a metà schiena; aveva lo stesso tatuaggio al lato del collo, il viso era più pallido, con delle timide lentiggini, gli occhi, più tondi, erano del colore della luna, c’era maggiore dolcezza nei suoi tratti, e sul volto aveva poco più di un accenno di peluria rossastra. Indossava un bell’abito cerimoniale di taglio classico, verde bottiglia, con intarsi serpenteschi intessuti d’oro, calzava stivali di pelle di Drago e sembrava non indossare gioielli. Ci salutò con appena un cenno del capo, con noncuranza, come se fossimo indegni della sua presenza, deludendomi, ma quando mi accorsi che teneva lo stesso comportamento formale anche con tutti gli altri ospiti, mi rasserenai: non ce l'aveva con noi. A mano a mano che le presenze aumentavano, decisi di allontanarmi da mio fratello per assistere in disparte a quel continuo apparire di Maghi e Streghe di alto lignaggio, allo sfoggio di sfarzo, eleganza ed autorità, apprezzando lo scarso interesse che tutti mostravano nei miei confronti: era una gradita novità, rispetto a quanto accadeva di solito a quel genere di feste. Quando vidi apparire i miei zii e le mie cugine senza Meda, mi sentii stringere il cuore, nessuno voleva dirmi cosa le stava accadendo, intorno a lei avevano eretto un muro.
Sospirando, sgattaiolai in giardino: Reg giocava a scacchi con uno dei Rosier, mio padre era con la sua cricca, mentre mia madre non aveva ancora mollato Deidra, a sottolineare con gli altri come fossimo la famiglia più vicina agli Sherton. Il parco era completamente innevato ed io, mentre la casa era piena di voci, di persone e di musica, mi diressi deciso sul retro, attratto da un silenzio irreale e ovattato: secondo le descrizioni di Alshain, doveva esserci un laghetto di ninfee, ora sicuramente ghiacciato, uno dei luoghi più intimi e suggestivi di tutta la tenuta; lì non sarebbero venuti a cercarmi, né si sarebbero accorti della mia assenza fin all’ora di pranzo: potevo starmene da solo, isolarmi da tutti e pensare agli affari miei. Avanzavo cauto nella neve, ogni tanto mi fermavo, e avendo sempre cura di non sporcarmi né bagnarmi i vestiti, mi allontanai dalla villa: durante una di quelle soste contemplative sentii delle voci nervose provenienti da un punto di fronte a me. Incuriosito m' avvicinai, appostandomi dietro a una siepe di sempreverdi, senza farmi notare e senza bagnarmi con la neve che m circondava.

    “Vieni qua, piccola Corvonero!”

Corvonero? Che cosa ci faceva una Corvonero nella casa degli Sherton la vigilia di Yule? Una voce maschile, profondamente sarcastica e strascicata emergeva dalle rive del laghetto, a pochi passi da me: mi sistemai meglio, così da sbirciare e capire cosa stesse accadendo, invano.

    “Vai al diavolo e lasciami in pace!”
    “Orribile, mia piccola selvaggia, davvero orribile ! Devi impegnarti ad imparare le buone maniere, sai ... sei già sgradevole alla vista, ora scopro che quando parli sembri ... un Troll, dico bene Bella?”

La risata di mia cugina sferzò l’aria, era agghiacciante. Mi accucciai contro i rametti della siepe e trovai un’apertura da cui sbirciare, mettendo a fuoco parzialmente la scena. Vedevo di profilo Bellatrix, vestita con un abito rosso e una mantellina di pelliccia, seduta scomposta sulla spalliera di una panchina di fronte al laghetto, i lunghi capelli scuri sciolti e mossi dal vento a incorniciarle il viso, in piedi accanto a lei, di ¾, un giovane alto, biondissimo, riccamente vestito con un elegante abito nero e un mantello di pelliccia con inserti d’argento, gli occhi di ghiaccio, i lineamenti affilati e perfetti, la nobile bocca sensuale che ghignava beffarda: Lucius Malfoy.

    “Se sono un Troll sono solo affari miei, Malfoy!”

La voce alterata del terzo personaggio sembrava quella di una ragazzina molto giovane, ma non mostrava esitazioni, era anzi furiosa e determinata; io cercavo di spostarmi per vedere chi fosse, ma quando mi resi conto che presto sarei finito nel campo visivo di Lucius, trattenni la mia curiosità e mi appiattii di nuovo contro la siepe, maledicendomi perché i risvolti dei pantaloni si era infradiciati a contatto con le foglie bagnate e le mie belle scarpe si erano leggermente infangate.

    “Questo, purtroppo per me, è ancora tutto da dimostrare…”

La voce del giovane era suadente ma tradiva rabbia, non riuscivo a non immaginarmelo con le fattezze di un serpente tutte le volte che ne sentivo parlare, ed ora, ascoltandolo, quella fantasia proruppe nel mio immaginario: cercai di concentrarmi ed aguzzare le orecchie, era sorprendente scoprire che qualcuno riusciva a far perdere la calma a quell’essere freddo e calcolatore.

    “Quanto è ribelle questo cucciolino spaventato!”
    “E tu taci, stronza!”

Alla risposta agitata e scomposta della ragazzina, Bella rise ancora più forte, la voce che faceva drizzare i peli della schiena, poi alzandosi avanzò verso di lei; Malfoy la seguì, mettendo in trappola la giovane.

    “Sarebbe bello cambiarti i connotati, scimmietta, ma ti farei un favore, persino un "DensAugeo" ti migliorerebbe!”

La voce di Bella, fino a quel momento simile a una cantilena, divenne cupa e feroce: da tempo pensavo che fosse completamente pazza, e quella scena non faceva che convircemene; Malfoy allungò una mano verso la ragazza sollevando delle ciocche corvine tra le sue dita guantate.

    “Hai ragione, non ci sono speranze: non sarà mai civilizzata, non sarà mai nemmeno al livello delle scarpe di un Malfoy!”

Si mise a ridere odioso e trionfante insieme a mia cugina, ma le risate non durarono a lungo: sentii il suono inequivocabile di uno sputo e, subito dopo, quello di piedi rapidi e leggeri che correvano nella neve, in direzione opposta alla mia. Scrutai meglio dalla siepe, sporgendomi persino un po’, e vidi Bellatrix rimanere attonita per qualche istante, per poi riprendere a ridere sguaiatamente, mentre un fiotto di saliva scivolava dalla guancia, a macchiare il bell’abito di Malfoy.

    “Lurida... !”

Il giovane era furioso e schifato, estrasse la bacchetta e si diede una ripulita, mentre Bella rideva tanto che sembrava stesse per soffocare.

    “Merlino, che ridere!”

Bella lo aiutò a sistemarsi il mantello e gli passò sensuale le mani nascoste nei guanti tra i capelli biondissimi, parlandogli divertita all'orecchio. A quelle parole, che non sentii, Lucius l’afferrò con rabbia, guardandola negli occhi come se la volesse fulminare. Bella sorrise, nei suoi occhi c’erano avidità e crudeltà pure. Sempre tenendole serrate le mani, Malfoy si inchinò, le sfilò i guanti neri e le baciò le dita una alla volta, poi la lasciò andare con delicatezza e, passato il braccio intorno alle spalle, provò a baciarle le labbra, ma lei si ritrasse.

    “Cattivo cattivo, Lucius, che non pensa già più alla sua piccola Cissa.”

Mormorò lei civettuola, a bassa voce, ma non tanto che non riuscissi a sentirla. Lucius si ritrasse di scatto, il viso rosso e gli occhi enigmatici persi in quelli divertiti di mia cugina. Bella gli prese la mano e se lo tirò dietro, verso la villa; io mi nascosi tra i ciuffi d’erba della siepe, cercando di sparire alla loro vista: ero perplesso da tutto questo e, soprattutto, ero curioso di sapere chi era la Ravenclaw che aveva sputato sul rampollo dei Malfoy, noto per essere pericoloso e vendicativo. Appena si furono allontanati, uscii dalla siepe, pregando che il disastro alle scarpe e ai pantaloni non fosse tale da mandare in bestia mia madre, poi ripresi a camminare, fin oltre un grande recinto di legno, seguendo le tracce della ragazza in fuga: non riuscivo a vederne la figura, in qualsiasi direzione guardassi. Ebbi paura per lei, forse era caduta e si era ferita. Come potevo trovarla e soccorrerla?

    “Tu sei Sirius Black, immagino...”

Mi voltai, sobbalzando un poco, verso quella voce ironica che aveva rotto la pace innevata: un ragazzino sui dodici anni, dai tratti inconfondibilmente Sherton, stava appollaiato sulla staccionata che avevo appena superato, a guardare bene sembrava proprio il recinto di un maneggio. Annuii e lui saltò giù, agile, cinto in un bel cappotto scuro attillato, la mano ornata da Rune tesa al mio indirizzo, il sorriso pieno e gli occhi d’acciaio di Alshain che occhieggiavano dietro ribelli capelli corvini, lunghi quasi fino alle spalle.

    “Mi chiamo Rigel, e sono qui per evitarti una settimana di punizione, se ti interessa...”
    “Una punizione? Ma che cosa…?”
    “Tuo padre ti sta cercando e promette fuoco e fiamme se non salti fuori, ma se fai come ti dico, forse riesci a cavartela con un giorno, due al massimo...”
   
Ammiccante, estrasse la Bacchetta dalla cinta e me la puntò addosso. Indietreggiai.

    “Che cosa credi di fare? Non puoi usare la Magia fuori dalla scuola, non sei maggiorenne!”
    “Credi che m’importi qualcosa del Ministero? Con tutti i Maghi che ci sono qui oggi, sfido chiunque a capire che sono stato io ad aiutarti con i calzoni e le scarpe! Piuttosto, fifone, vedi di stare fermo!”

Roteò appena il polso e mi ritrovai perfetto, come appena uscito di casa, poi mi diede le spalle per andarsene.

    “Aspetta!”
    “Dai, Sirius, se ci sbrighiamo posso far credere a tutti che eri dentro lo scantinato, c’è una porta che non si apre senza Magia: conoscendomi, nessuno dubiterà che sia stato io a chiuderti dentro per… diciamo... "sbaglio"!”
    “E perché lo faresti?”

Mi guardò sornione, scrollò le spalle ma non rispose, capii che era un piantagrane peggiore di me, il che mi diede la certezza che avrei preso due settimane di punizione, non un giorno, se mi avessero visto con lui.

    “Qui c’era una ragazzina, è scappata, temo si sia fatta male cadendo da qualche parte: dobbiamo trovarla!”
    "E tuo padre ti definisce una "mammola"? Hai dieci anni e già tendi agguati alle ragazzine!”

Non sapevo se sentirmi più offeso da mio padre o più esasperato da Rigel, che ora ghignava.

    “Guarda che non c’entro niente io, stava litigando con Malfoy e mia cugina Bella, poi è scappata e loro sono tornati in casa come niente fosse. Io sono arrivato fin qui per cercarla, ma non la vedo più.”

Rigel aveva smesso di ascoltarmi quando avevo pronunciato il nome di Malfoy: stringeva i pugni, tanto da sbiancarsi le nocche, e gli occhi avevano ormai un’aria truce che prometteva vendetta. Mi rispose con una voce sbrigativa e scocciata.

    “Da casa in questo momento manchiamo solo noi due, Black. Andiamo!”
    “Allora tu sai chi...”
    “Tuo padre dice la verità su di te: non sarai una "mammola", ma un impiccione lo sei di certo!”

Non lo disse con cattiveria, sul viso era ritornata l’espressione scanzonata, ma mi prese la mano deciso e mi trascinò verso lo steccato, fu allora che vidi le impronte della ragazzina finire lì. Mi guardai attorno confuso, non c’era nulla, a parte la staccionata.

    “E’ una Passaporta, sì, ma non dirlo a nessuno, per favore: io e mio fratello l’usavamo da piccoli se ci ferivamo nel parco.”

All’istante capii tutto, ero stato proprio un idiota a non esserci arrivato prima.

    “Era tua sorella vero? È lei che ha sputato in faccia a Malfoy!”

Mi guardò di nuovo, incredulo.

    “Gli ha davvero sputato in faccia?”

Annuii, paonazzo, temendo di aver fatto un' altra gaffe, ma lui si mise a ridere, orgoglioso.

    “Certo che era mia sorella! Salazar, avrei voluto vederlo, quel lurido pallone gonfiato!”.

Ero incuriosito, ma Rigel non aggiunse altro, mi prese la mano e l'appoggiò sul legno; subito mi sentii arpionare alla pancia, sbalzato in aria con quell’asticella che sembrava diventare fuoco puro tra le dita, e infine mi ritrovai steso a terra, in cantina, accanto a Rigel che, di nuovo in piedi, si sistemava i capelli e teneva il cappotto arrotolato sul braccio.

    “Lascia qui il mantello, ci penserà Kreya, e fai parlare me, tuo padre mi adora, ti assicuro che non ti torcerà un capello.”

Ritornai nel salone, un po’ sottosopra, due passi dietro a Rigel, raggiunsi subito mio fratello e mi resi conto, con sollievo, che davvero il più giovane dei fratelli Sherton aveva un ascendente notevole sui miei genitori: raccontò di avermi trovato di sotto, intrappolato dietro una porta che lui stesso aveva lasciato aperta per scherzo. Alshain, preoccupato per la mia scomparsa, si prese tutta la responsabilità, si scusò per l’incidente e fulminò Rigel con lo sguardo, ma mio padre, intuendo in parte la verità, mi lanciò un’occhiataccia. Poco dopo ebbe inizio il pranzo, l’unica cosa che dovevo fare a quel punto era far finta di non esistere, se non avessi combinato altri disastri forse per una volta me la sarei davvero cavata.
Il ricevimento si tenne nel salone grande fino a sera, noi ragazzini eravamo stati sistemati ad una lunga tavolata, mentre gli adulti e i ragazzi più grandi stavano al tavolo principale; rimasi in silenzio quasi tutto il tempo rispondendo a monosillabi a Reg che mi chiedeva dove fossi finito: mi conosceva tanto da sapere che avevo mentito e non era il caso di vantarmi, se non volevo mettermi nei guai o coinvolgere Rigel ancora di più. Speravo invano che il ricevimento finisse presto per potergli parlare ancora, inoltre ero incuriosito dalla bambina che aveva affrontato Lucius, ma Alshain si scusò con gli ospiti sostenendo che sua figlia era a letto raffreddata: vidi Bella e Malfoy sorridere perfidi e la cosa non sfuggì ai fratelli Sherton, che confabularono, lanciando occhiatacce all’indirizzo dei due. Malfoy rimase sempre con le mie cugine, il figlio minore di Lestrange e vari altri giovani, figli degli amici di mio padre: nessuno di loro ci fece più di un tiepido cenno di saluto, neanche dopo la fine del pranzo. Io, non avendo molto da fare, non staccai mai loro gli occhi di dosso, scoprendo che Cissa era letteralmente rapita da Lucius e che Bella la stuzzicava per questo, lanciando poi occhiate eloquenti al ragazzo: in quella stanza era più che evidente l’interesse ricambiato che Malfoy provava per la più giovane delle mie cugine; notai inoltre che il maggiore dei figli di Lestrange, più grande dei giovani presenti, non staccava gli occhi da dosso a Bellatrix, la quale invece, ogni volta che non si sentiva osservata, lanciava fugaci sguardi ammirati all’indirizzo di Mirzam, perso in pensieri tutti suoi.

    “Vieni a giocare con me in giardino?”

Da un po’ Regulus mi stava prendendo per la manica della giacca, e io continuavo a fingere di non essermene accorto, ma alla fine cedetti, purché non facesse più la lagna, attirando su di me gli strali di nostra madre: presi il mio mantello, che si era fatto portare speranzoso da un Elfo e lo seguii in giardino, sospirando esasperato.

    “Allora me lo dici dov’eri questa mattina? Perché lo so che quel ragazzo ha mentito per te.”
    “Certo, vado a dirlo a uno che mi tradirebbe dopo un secondo! E comunque è Rigel Sherton, non "quel ragazzo", e mi ha tolto dai guai, vero, al contrario di quello che avresti fatto tu. Sei dispiaciuto per questo?”
    “E perché l’avrebbe fatto?”

Il moccioso aveva la solita faccia da schiaffi, che mi ispirava sempre le mie performance migliori, ma non era quello il momento di agire.

    “Perchè al contrario di te non si diverte a vedermi nei pasticci! Mi puoi lasciare in pace adesso o devo sopportarti ancora a lungo?”

Senza aspettare una risposta avanzai nel giardino: ovunque c’erano "luci fatate" che rischiaravano il parco immerso nel buio del pomeriggio inoltrato, e panchine, siepi e fontane dai motivi Slytherin; una Magia diffusa teneva lontano il freddo invernale. Arrivato ai piedi di un imponente platano, alzai lo sguardo ad ammirare il maniero degli Sherton, probabilmente costruito nell’ottocento, con una meravigliosa veranda e le finestre a bow-window. Fu allora che vidi una figura alla finestra del secondo piano, rivelata dal chiarore della stanza alle sue spalle. Guardai con attenzione, sperando di cogliere qualche dettaglio in più, ma la tenda calò improvvisamente: chiunque fosse, si era accorto che mi ero fermato ad osservare.

    “Sirius, vieni corri!”
    “Che cosa vuoi ancora? Possibile che non puoi lasciarmi in pace un momento?”

Lasciai perdere la finestra e mi diressi scocciato verso mio fratello: non avrei avuto più pace per quel giorno, lo sapevo, ma dopo essermela cavata al mattino, era meglio non sfidare oltre la sorte.

    “Guarda laggiù, stanno duellando!”
    “Cosa ti inventi adesso?”
    “Scemo, laggiù! Non li vedi?”

Feci appena in tempo a voltarmi verso la zona più buia e nascosta, quando vidi due figure fronteggiarsi a suon di sinistri sibili e scintille di luce rossa che li illuminavano di un bagliore quasi satanico; uno scoppio più forte e una luce più intensa attirarono l’attenzione anche di chi ancora era in casa e rivelò l’identità dei contendenti: Rigel Sherton era finito a terra, nella neve, e provava a rialzarsi con difficoltà, mentre Lucius, in piedi, con un livido sulla faccia, si teneva il braccio sinistro, ferito all’altezza del gomito ed era stato appena disarmato. Urlando qualcosa di incomprensibile in gaelico, Mirzam, cupo come la notte più oscura, li raggiunse brandendo la Bacchetta nella mano sinistra, ponendo fine allo scontro, poi aiutò Rigel a sollevarsi; il fratello, pulendosi del sangue sulla guancia, guardava con disprezzo e sarcasmo all’indirizzo del cugino, con l’aria di chi aveva appena dimostrato qualcosa, ma Mirzam lo strattonò rispedendolo in casa e squadrò con disgusto Malfoy, mentre gli ridava la Bacchetta. Io sogghignai. Di certo non era stata una giornata esaltante per Lucius, dalla cui faccia ora era sparito il ghigno sprezzante: era stato messo in difficoltà davanti a tutti da un ragazzino ed ora filava in casa, stizzito, con Rabastan Lestrange che gli faceva scudo, in attesa che Malfoy senior finisse il rapido giro di imbarazzati saluti, per potersene finalmente tornare a casa. Mentre i bisbigli si alzavano tra i presenti, con le Streghe scandalizzate e i Maghi che commentavano chi con severità chi con chiaro entusiasmo, Alshain aveva lasciato i suoi ospiti per parlare con Mirzam, poi tornò a fare gli onori di casa rassicurando i presenti che si era trattato soltanto di una spiacevole disputa tra compagni di Casata, favorita dalle abbondanti libagioni. Gli ospiti sorrisero e ripresero le proprie ciance, a me però non sfuggì l’aria seria con cui Mirzam continuò a bisbigliare con suo padre: quando vidi Alshain rivolgermi uno sguardo preoccupato, mi fu chiaro che ormai sapeva la verità anche sugli eventi della mattina.
Col finire del pomeriggio, un po’ per volta, la maggior parte degli invitati salutò e se ne andò, finchè anche nostra madre ci chiamò per salutare e tornare a casa. Ormai mi avviavo mestamente al tedio di Grimmauld Place, quando Alshain invece di salutarci, ci invitò ad assistere con la sua famiglia al rito di Yule, che si sarebbe tenuto quella notte sulle rive di Loch Achall. Quando sentii mia madre accettare senza esitazioni, mi trattenni a stento dal gridare dalla felicità. Sicuramente c’era qualche losco motivo se Walburga Black era tanto entusiasta di quell’invito, ma a me in quel momento non importava nulla: per la prima volta avremmo celebrato il Natale secondo gli antichi Riti, il Solstizio di solito, a casa nostra, veniva ignorato e le festività natalizie si riducevano alla visita con scambi di regali ai vari zii e un sontuoso cenone a cui erano invitati amici e parenti. Nostro padre, un pò incerto all'inizio, finì col dare l'assenso definitivo poi, mentre nostra madre rimase in casa con i nostri ospiti a chiacchierare, ci invitò a seguirlo in giardino.
Nostro padre ci invitò a sederci accanto a lui, su una panchina.

    “Sono onorato di aver ricevuto quest’invito per voi due, sono poche le persone al di fuori della Confraternita del Nord a cui è concesso di assistere al Rito, quindi fate in modo di meritarvelo. Non tollererò nulla di anche solo lontanamente sconveniente! Se doveste disonorare il mio Nome, questa notte, passerete il resto dei vostri giorni in soffitta, a pane e acqua, sono stato chiaro?”

Annuimmo, non era una minaccia poi tanto diversa dalle solite.

    “Non stiamo andando a una cena tra amici, non saranno ammessi scherzi, risate, schiamazzi, non potrete allontanarvi da me e non potrete fare nulla senza il mio permesso, hai capito Sirius?”

Odiavo quando mi trattava da idiota di fronte a mio fratello, ma non era il caso di fare polemiche, quindi annuii. Mi guardò a lungo, ansioso, come per assicurarsi che potesse davvero fidarsi di me, poi si voltò verso Regulus, cui rivolse uno sguardo meno dubbioso.

    “Più tardi indosserete questi.”

Estrasse dalla "tasca porta-tutto" fissata all’interno della sua giacca due vesti cerimoniali bellissime, verdi scuro, con ricami Slytherin in argento: evidentemente sapeva dell' invito per lo meno dal giorno prima.

    “Quando arriveremo, ci troveremo subito nel bosco, che non è luogo per ragazzini incoscienti, qualsiasi cosa vediate o crediate di vedere, fate solo quello che faccio io, non costringetemi a farvi del male. Se avete domande…”
    “Padre, cosa c’è nel bosco?”

Mi osservò a lungo, incerto se fosse il caso di rispondermi.

    “A Loch Achall, come in tutte le Terre del Nord, c’è ancora una Magia Antica, diversa, no Regulus, non si tratta di Magia Oscura, ma anche Maghi con anni di esperienza, se non adeguatamente preparati, perdono se stessi, in quelle foreste. E i Maghi del Nord non vanno certo a dire in giro i trucchi per superare le prove. I miei inviti a comportarvi adeguatamente servono a non farvi correre rischi, non solo a non farmi disonorare da voi due. Adesso tornate dentro da vostra madre, è quasi ora di andare!”

Nel salone, trovammo la mamma in piedi davanti al caminetto, già avvolta nella sua calda pelliccia, che chiacchierava con Alshain e Rigel, anche loro già pronti. Era il momento, mancavano solo un paio d’ore alla mezzanotte e gli altri si erano già smaterializzati: Alshain cinse suo figlio e si smaterializzò, mia madre si avvicinò a Reg, gli cinse le spalle con un braccio e si smaterializzò con lui a sua volta. Un attimo dopo mio padre fece lo stesso con me.

***


Sirius Black
Loch Achall, Highlands - dom/lun. 20/21 dicembre 1970

Mi ritrovai in una radura innevata, immersa nell’oscurità, rischiarata appena dalla luce di un quarto di luna, che occhieggiava dietro le fronde imbiancate. Mio padre non mi sciolse dal suo abbraccio ma mi tenne stretto a sè mentre, orientandosi solo con le stelle, prendeva deciso una direzione, al buio; io scrutai il nero della notte, guardandomi attorno confuso, sembrava che gli alberi al limitare sussurrassero qualcosa di importante, io tesi l’orecchio per ascoltare, ma ero lontano, dovevo penetrare tra gli alberi se volevo capire. Stavo per disobbedire senza saperlo, quando un rumore di passi soffici dietro di noi mi fece tornare in me, rivelandomi dove si trovavano mio fratello e nostra madre.

    “MUOVETEVI! E NIENTE DISTRAZIONI!”

Mi lasciavo condurre incerto da mio padre, aiutato dalla luce che emergeva dalla Bacchetta di mia madre alle nostre spalle, ora sembrava che le voci fossero meno sinuose, ma con la coda dell’occhio mi sembrava di vedere occhi che mi osservavano tra le piante e un paio di volte, ne ero sicuro, doveva essere emerso un Centauro o un’altra creatura simile tra i rovi. Mio padre mi strattonò e mi guardò severo e io smisi di distrarmi: per fortuna altre tre Bacchette si illuminarono e Alshain, con i suoi figli, avvolti nei loro caldi mantelli neri, ci vennero incontro, in silenzio, indicandoci con appena un cenno del capo la direzione; si muovevano con passo rapido e sicuro, facendo apparire delle "luci fatate" che si muovevano davanti a noi, per svelarci gli eventuali ostacoli e allontanando definitivamente le ombre sussurranti della notte. Camminammo per diversi minuti nel bosco, fino a raggiungere una radura più grande, circondata da alture aspre ricoperte di una vegetazione selvaggia, quando guardai nell’unica direzione aperta, mi accorsi che ci trovavamo su una spianata che aggettava su strapiombi a picco sul lago. Attorno a me, tra la neve e gli alberi, si ergevano numerose tende, ai cui ingressi scoppiettavano piccoli falò, e intorno, seduti su tappeti e pelli, con in mano ricchi calici di bevande fumanti, vidi Maghi e Streghe, vestiti con gli abiti rituali del Nord.
Raggiungemmo la nostra tenda, dove Kreya, l’Elfa, ci attendeva all’ingresso, prese i nostri mantelli e scomparve dietro a un sipario di broccato borgogna, di fronte a noi una tenda di leggeri veli semi trasparenti nascondeva una specie di salone, illuminato dai bracieri e addobbato dai colori della Confraternita, sulla sinistra un pesante drappeggio di seta verde scuro, con i due serpenti intrecciati degli Sherton, indicava l’area padronale: Mirzam e Rigel sparirono là dietro, mentre Sherton ci indicò sulla destra il sipario di seta verde con i ricami d’argento Slytherin destinato a noi. Dentro c’erano altri ricchi drappeggi che celavano le "vasche rituali", necessarie a eseguire la Cerimonia di Purificazione: dovevamo lavare i piedi per non violare la Sacralità della Terra, le mani per accettare puri il Dono del Fuoco e il Viso, per avere Occhi Nuovi quando fosse rinato il Sole. Eseguito il Rito, nostro padre, già nella sua sontuosa tunica verde, ci diede le vesti cerimoniali e una volta pronti, mi permise di cercare Rigel purché rimanessi nella tenda. Regulus decise di non seguirmi mentre io andavo in avanscoperta: non trovai il ragazzo, ma suo padre, di cui spiai la vestizione attraverso i veli del sipario.
Stava finendo il Rituale della Purificazione ripassando con un unguento incolore i tatuaggi che aveva addosso: le Rune alle mani e al collo erano solo una minima parte di quelle che gli ornavano il corpo, formando un racconto che si dispiegava raffinato ed enigmatico sulla sua pelle. Mentre mi chiedevo il senso di quei disegni e dove fossero i suoi familiari, indossò una tunica verde scuro, con i soliti inserti argentei, si pettinò e si passò qualcosa sugli occhi; conclusa la preparazione congedò Kreya, che l’aveva assistito, indossò il caldo mantello nero, si voltò e mi sorrise: non so da quanto si fosse accorto che ero lì a spiarlo, ma non sembrava infastidito. Uscimmo insieme dalla tenda, dove ci aspettavano Reg, mio padre e i suoi figli, e, in disparte, mia madre, la signora Deidra e la bambina, con il capo velato, tutti in silenzio. Alshain si diresse di nuovo nel folto del bosco, oltre il Cerchio delle Tende, da cui si levarono altre figure velate e uomini avvolti nei mantelli: alcuni, tra cui Mirzam, portavano delle lunghe spade al fianco, nascoste tra i tessuti.
A un cenno della mano di una Strega anziana, le donne rimasero indietro, formando un cerchio, nel buio, mentre il corteo di uomini e ragazzi proseguì fino ai piedi di una quercia, su cui spiccava un folto cespuglio di vischio. Ci disponemmo in circolo, un vecchio Mago fece tre giri attorno alla quercia, estrasse la spada e tracciò a terra il Cerchio del Sole, poi accendendo il falò in mezzo al cerchio, parlò in gaelico, rivolgendosi ai quattro punti cardinali: la cerimonia aveva inizio. Il Mago ritornò nel circolo, un altro, vestito di bianco, si avvicinò all'albero con una piccola falce dorata, e in gaelico ricordò la Morte del Vecchio Anno, la Fecondazione della Terra, la Nascita del Nuovo Anno; una Strega uscì dal bosco seguita da quattro ragazzine col capo velato, si disposero sotto il ramo della quercia con un panno candido così che il vischio tagliato non si macchiasse cadendo a terra, poi la donna porse un rametto di vischio ai presenti e "trasfigurò" per loro vino e focacce, mentre il Sacerdote tracciava in terra la Croce Celtica ed invocava gli Spiriti dei Padri. A quel punto il nostro falò fu spento e con un tizzone di esso, tornammo ad accendere il falò del Cerchio delle Donne, per festeggiare tutti insieme la nascita della luce intorno al fuoco: pronunciata la formula di benvenuto, iniziarono i brindisi e la distribuzione di dolci, le donne si scoprirono il capo e fu allora che, tra i canti rituali, le fiaccole e un’atmosfera quasi sacra, ammirai per la prima volta Meissa Sherton. Mirzam si staccò dal nostro gruppo, per unirsi agli altri giovani impegnati nelle danze rituali: crearono delle suggestive figure muovendo corpi e spade con eleganza, completando elaborati disegni tracciati nell’aria dalle spade, chiudendosi a formare stelle a cinque o otto punte, e lasciando a terra le tracce dei Cerchi del Sole e di altre figure Cabalistiche.

    “E’ bravo mio fratello, vero?”

Rigel mi distolse dalle mie fantasie, annuii ancora ammaliato dai movimenti delle spade, mi voltai e vidi nel suo sguardo la totale ammirazione per il fratello. Lo invidiavo: perchè non avevo con mio fratello un rapporto simile? Perchè Regulus doveva sempre remare contro, invece di fare fronte comune con me? Mentre mi raccontava il significato di quelle danze, mi ritrovai a lasciar scorrere lo sguardo alle sue spalle, alla ricerca di Meissa: era una bambina ancora minuta, con i capelli corvini, lisci, lunghi fino alla vita, del padre aveva il taglio allungato degli occhi, i lineamenti fieri, anche se ancora bambini, della madre aveva i colori, l’incarnato da bambola, gli occhi verdi come smeraldi, timide efelidi sul viso, a darle un’espressione un po’ monella. Sul suo collo e sulle sue dita c’erano le Rune di famiglia: sembravano arabeschi di seta nera sulla sua pelle diafana. Mi ritrovai a pensare che Malfoy doveva essere pazzo o cieco, se l’aveva definita un Troll, perché era una delle ragazzine più carine che avessi mai visto, di certo la più bella tra le figlie degli amici di mio padre. E sentii il rossore salirmi dal collo fino alla punta delle orecchie, quando mi accorsi che mi guardava, studiandomi come io stavo studiando lei.

    “Lei è Meissa, in realtà non serve presentarvi, vi conoscete dalla nascita...”

Deidra fece una presentazione poco formale per non imbarazzarci, io le strinsi la mano, aveva la pelle morbida e delicata che profumava di rose, un sorriso grazioso e gentile e gli occhi semplicemente meravigliosi, sembrava simpatica, però mi sentivo stranamente in soggezione e oltre ai saluti non mi veniva nulla da dirle. Al contrario, mio fratello sembrò entrare subito, stranamente, in armonia con lei. La Cerimonia del Solstizio aveva lasciato il posto a danze e convivialità ed io, attorno al fuoco, mi godevo la compagnia più rassicurante di Rigel, che mi spiegava quello che mi circondava, mentre i nostri genitori banchettavano chiacchierando con gli Sherton: Meissa sembrava affascinata da mio padre, che, in effetti, si comportava in modo parecchio inusuale, scherzava e faceva delle Magie per lei e sua madre, mostrando un’affabilità che con noi non aveva pressoché mai, Alshain chiacchierava con mio fratello e Mirzam era sotto lo strenuo attacco di nostra madre interessata ai suoi progetti futuri, gli chiedeva se avesse già in mente di darsi al Quidditch o se preferisse una carriera politica al Ministero, e, soprattutto, se aveva già progetti matrimoniali. Il ragazzo si destreggiò con abilità parlando dei suoi progetti come cercatore nel Puddlemere, dove anni addietro aveva giocato anche suo padre, ma parlando di matrimonio, perse la sua baldanza, assumendo un’espressione imbarazzata, che interessò parecchio mia madre.
A poco a poco il cielo iniziò a rischiararsi, ad est, preannunciando la nascita del nuovo Sole, i canti e i balli si interruppero, il Mago-Sacerdote si levò in piedi e declamò una preghiera al Sole per l’Anno che iniziava; tra i brindisi, il fuoco fu ridotto a tizzoni ardenti e distribuito. Quando la Confraternita si sciolse, i maghi si ritirarono singolarmente e a gruppi nel sentiero del bosco, chi diretto alla propria tenda, chi per smaterializzarsi a casa appena al di fuori del sacro recinto. Alshain abbracciò mio padre per le spalle e si avviarono alla tenda discutendo allegramente, seguiti da sua figlia e poi da sua moglie e nostra madre, sicuramente impegnate in pettegolezzi. Rimasti appena un po’ indietro, Mirzam ci dedicò la sua attenzione: non era affatto scostante e antipatico, era anzi simile a suo padre e a suo fratello, anche se un po’ più timido e riservato di entrambi.

    “Vi è piaciuta la festa di Yule?”
    “Oh sì, è stato meraviglioso e tu sei davvero bravissimo con la spada.”

Mio fratello lo guardava in adorazione e Mirzam non poté fare a meno di sorridere.

    “Lo pensi solo perché era la prima volta che vedevi qualcuno farlo! Volete osservarla meglio?”

Ci fermammo e lui estrasse la spada da sotto il mantello, lasciandocela ammirare.

    “E’ la spada degli Sherton, realizzata con i metalli della Madre Scozia da più o meno mille anni, ora è solo un bel cimelio, ma ha avuto i suoi momenti di gloria, contro Babbani e Rinnegati.”

Era antichissima, con lo stemma degli Sherton inciso sull’elsa, riccamente decorata con altri disegni serpenteschi e medievali, con smeraldi di varie dimensioni incastonati sul pomolo, al termine della guardia e sulla coccia, era lunga circa un metro e mezzo, bellissima e affilata, con la scanalatura in cui era inciso a caratteri gotici il nome del fondatore : “Hifrig Sherton”.

    “Sembra che i ragazzi abbiano legato, che cosa ti dicevo, Orion?”

Alshain si era girato verso di noi, entusiasta di vederci già così affiatati, nostro padre annuì, aveva fatto bene a fidarsi e, per una volta, sembrava orgoglioso e sollevato.

    “Sì, si comportano da Black, se adeguatamente motivati. Sarete nostri ospiti a Grimmauld Place per Natale, vero Alshain?”
    “Ti ringrazio, Orion, ma durante le festività saremo per lo più in Irlanda, dai parenti di Dei.”
    “Allora sarete nostri ospiti a Capodanno. Ci saranno molti amici, e Cygnus con Druella e le ragazze!”

Nostra madre lanciò uno sguardo penetrante a Mirzam quando pronunciò queste parole e lui arrossì leggermente; mamma sorrise, beandosi di aver centrato un difficile bersaglio.

    “Non ti prometto nulla, Walby, ad Hogmanay avrei già un impegno con la Confraternita…”
    “Ma non potete disertare Londra per tutte le festività! Non dopo tutti questi anni di esilio!Voglio organizzare una festa meravigliosa per il vostro ritorno! Inoltre sarebbe un peccato privare Mirzam delle occasioni che Londra può offrire in questi giorni, e sarebbe un peccato privare Londra di un giovane tanto bello e intrigante, che ha unito evidentemente il meglio dei genitori …”

Si avvicinò e gli accarezzò il viso, guadagnandosi un’altra occhiataccia dal ragazzo.

    “Puoi invitare Mirzam quando vuoi, non c’è bisogno nemmeno del mio permesso! Certo, se hai altri piani, mi appello al tuo buon Nome e all’intelligenza di mio figlio…”
    “Questo è chiaro! Allora mio caro, posso invitarti per Capodanno a Grimmauld Place?”
    “Veramente ho già impegni a Inverness per Hogmanay, mi spiace, signora Black.”
    “Impegni galanti?”

Mirzam non le rispose, il suo sguardo ormai era decisamente scocciato.

    “Pazienza Walby, sarà per un’altra occasione! Adesso è meglio andare, ci rivedremo a gennaio, vi auguro di passare delle buone feste!”

Alshain sorrise divertito, mia madre abbozzò un sorriso, mentre l’uomo le baciava le guance e Mirzam la guardava infastidito; la signora Sherton e mio padre avevano assistito alla scaramuccia in silenzio, attoniti come noi più piccoli. Dopo gli abbracci e gli auguri, ci smaterializzammo nelle nostre rispettive case: arrivati a Grimmauld Place, io e Reg andammo a riposare in camera nostra, non mi ero reso conto di quanto ero stanco fino a che non mi sdraiai nel mio baldacchino, ero sveglio in pratica da quasi ventiquattro ore, eppure non riuscivo a prendere sonno, perchè nella mia mente si agitavano i flash della giornata trascorsa e sentivo che c’era qualcosa che mi sfuggiva. Non avevo idea di cosa avesse in mente mia madre, ma era più che evidente che stesse tramando qualcosa.



*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 4
*** I.004 - HABARCAT - PureBlood ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.004 - Pureblood

I.004


Sirius Black
12, Grimmauld Place, Londra - ven. 25 dicembre 1970

Passammo il giorno di Natale a Grimmauld Place con lo zio e la sua famiglia e, di nuovo, non riuscii a vedere Andromeda: non capivo cosa le stesse accadendo, mi accorsi soltanto che nessuno ne parlava più, come se lei non fosse mai esistita. Ricordai il Natale precedente, già allora nessuno le rivolgeva la parola e lei aveva un aspetto piuttosto afflitto, tipico di chi passa giornate intere in camera propria a piangere. Con me era stata come al solito gentile e disponibile, ma non si confidò, mi aveva guardato come fossi l’unica persona che le era rimasta, timorosa di potermi in qualche modo perdere. A fine giornata, sorprendendola sola alla finestra di fronte all’albero di Natale, avevo preso coraggio e mi ero avvicinato: piangeva, non mi disse nulla, solo mi guardò amorevole e mi accarezzò i capelli.

    “Non cambiare mai, Sirius, fai questo per me, e ti prego, almeno tu, non odiarmi, se puoi.”.
    “Perché dovrei odiarti, sei l’unica persona con un cuore in tutta la famiglia!”.

Mio padre mi aveva chiamato dal salotto proprio in quel momento e Andromeda mi aveva invitato a tornare subito dai miei senza dire più nulla: da quel giorno non l’avevo più vista e ad un anno di distanza, in quella stessa stanza, mi ritrovavo a pensare al significato delle sue parole. Mi accorsi che mia madre mi stava osservando torva, forse aveva capito che stavo pensando a Andromeda, ma feci finta di nulla e continuai a comportarmi in modo dignitoso, quel giorno stavo riuscendo a superare incolume persino l’esame Bellatrix: la consideravo una pazza da sempre, ma da qualche tempo mi sembrava peggiorare, da quando parlava sempre di quel suo Lord Voldemort. Naturalmente ero abituato ai discorsi sulla superiorità del sangue, perché non c’era giorno che mio padre non dicesse sempre le stesse cose, ma papà, pur con tanti difetti, non era un fanatico sanguinario che farneticava di morte e distruzione. Persino quando parlava con mia madre delle Cacce al Babbano, mi illudevo che dicesse per scherzo: ero convinto che mia madre ne fosse capace, ma avrei giurato sulla mia testa che, mai e poi mai mio padre amasse davvero concedersi come divertimento una cosa del genere, non perché lo stimassi, ma perché nonostante tutto non aveva la faccia da assassino. Mia cugina invece si deliziava nel leggere e commentare di carneficine, violenze e torture, facendomi rizzare i peli sulla schiena: ero più che convinto che fosse capace di compiere azioni simili in prima persona, o addirittura che lo stesse già facendo.
Appena gli zii furono tornati a casa, mi fiondai in camera, nel mio letto: per Natale i nostri genitori avevano destinato la camera di fronte a mio fratello perché, a detta loro, ormai eravamo entrambi grandi abbastanza da stare ognuno per conto proprio, così da quella notte avrei dormito da solo. All’inizio avevo preso la cosa come un dono gradito, perché a lui sarebbe toccata la stanza più piccola e perché finalmente avevo un mio nido tutto per me, senza il rompiscatole tra i piedi tutto il tempo, però poi, nell’inusuale silenzio della mia stanza mi sentii perso e capii che d’ora in poi mi sarebbe stato ancora più difficile divertirmi in quella casa. Mi alzai e, avvolgendomi la coperta intorno alle spalle, guardai dalla finestra quella notte senza luna, in cui la neve scendeva in morbide giravolte illuminate dai lampioni babbani. Mi addormentai con la testa appoggiata al vetro dopo un po’, ipnotizzato da quella danza ovattata, perdendomi in un dormiveglia confuso in cui sogni e ricordi dolorosi si mischiavano. Quando il gelo che mi mordeva i piedi mi fece ridestare, mi decisi finalmente a tornare sotto le coperte: mi voltai e l’enormità della mia stanza, da cui erano spariti il letto e i mobili che ora erano nella stanza di fronte mi fece stringere di nuovo le viscere. Com’era possibile che invece di festeggiare mi trovassi a immalinconirmi così? Tra l’altro l’avrei rivisto di sotto già a colazione l’indomani e l’avrei trovato immediatamente insopportabile e avrei faticato parecchio per non insultarlo o fargli i dispetti. Accesi il lume accanto al letto deciso a leggere a qualcosa, distrarmi era l’unica soluzione, di certo quei pensieri strani su mio fratello erano dovuti agli eccessi alimentari della giornata appena trascorsa: avevo notato che quando avevamo ospiti, e la pressione e il controllo dei miei era superiore al solito, annegavo la noia nel cibo e nel succo di zucca.
Mi avvicinai alla scrivania e aprii il cassetto in cui avevo messo “Storia del Quidditch” che Sherton mi aveva regalato a Yule, e nel caos che mi si riversò addosso emerse anche la scatola delle foto, quella in cui raccoglievo le immagini troppo imperfette perché mia madre le accettasse nell’album di famiglia. La presi e andai a letto, lasciando il libro nella sua bella carta da regalo e rovesciando le foto tra le coperte alla ricerca di un ricordo piacevole: la maggior parte risaliva a qualche anno prima, ultimamente non amavo troppo l’idea di farmi fotografare, perché non sopportavo di dovermi mettere in posa, di dovermi pettinare come un cretino come piaceva alla mamma, di dovermi vedere come voleva che fossi. Quelle di quando io e mio fratello eravamo davvero piccoli erano strane, però, per lo più Regulus mi baciava una guancia e io gli spettinavo i capelli, sorridenti e felici. Che cos’era successo da allora? Guardai verso la porta, chissà se stava dormendo o anche lui si sentiva strano quella notte, forse dovevo alzarmi e andare a vedere, ma … no, non era il caso. Emersa dal caos sopra le coperte, una piccola striscia di carta da pacchi apparve tra le foto, la presi, ci misi un po’ a metterla a fuoco ma poi ricordai, era proprio lei, la carta di “Dulcitus” di due anni prima, il Natale del giuramento. Altro che preoccuparsi per il moccioso, tutti i problemi che avevo in quella casa nascevano da lui e quella carta ne era una delle tante testimonianze. Ripresi le foto e le ributtai alla rinfusa nella scatola, chiudendola con il laccio e avendo cura d lasciare fuori la striscia d carta di Dulcitus. Ora ricordavo perché l’avevo conservata, doveva tenermi fermo nella mia decisione, dovevo resistere…

*

Sirius Black
12, Grimmauld Place, Londra - mer. 25 dicembre 1968

    “Aspettami, aspettami Sirius!”

Quel pomeriggio di Natale, di ritorno dalla festa a casa dei Rosier, Andromeda era venuta a trovarci con i genitori e le sorelle, graziose quanto lei, ma non altrettanto simpatiche. Ogni nostra parola, anche la più gentile, rivolta a una di quelle due, era accolta con freddezza: le nostre cugine non erano entusiaste delle nostre visite se andavamo a trovarle, né venivano da noi volentieri; annoiate com’erano si capiva che ci consideravano solo due mocciosi di scarso interesse per ragazze raffinate, mondane e ambiziose come loro. E soprattutto, senza volerlo, ricordavamo costantemente loro come la famiglia di Cygnus avesse fallito nel disegno di dare un erede maschio alla nobile e antichissima casata dei Black. Andromeda era diversa: era la mia cugina preferita, quella che aveva per noi sempre un sorriso e una carezza, quella che da piccoli ci leggeva storie a letto per farci addormentare, e che si divertiva con noi, vestendoci o pettinandoci come delle bambole. Non l’avrei mai permesso a nessuno, sia chiaro, ma con lei era diverso.
Con Andromeda Black tutto era diverso. Era bellissima, come era naturale per una Black, con quei capelli neri e gli occhi di ossidiana blu, i tratti del viso regolari e perfetti. E dolcissimi. In questo non era una Black, no: sembrava che la natura avesse donato a quel corpo, già bellissimo a 15 anni, anche la generosità e la grazia di cui era privo il resto della mia famiglia. Era l’unica che conoscevo tra i miei parenti, ad avere un cuore che serviva non solo a pompare quel nostro aristocratico, purissimo, antichissimo sangue Black. Un cuore creato per amare.
Probabilmente ero innamorato di lei, come si può esserlo a otto anni della cugina più grande che si adora da sempre, quel tanto da farmi aspettare con ansia il suo ritorno da scuola, le visite reciproche, i pranzi per altro odiosi di famiglia. Quel tanto da farmi anche rendere conto che, benché felice di vederci, qualcosa era cambiato, qualcosa la turbava, muovendosi come una serpe velenosa in fondo alla sua anima e rendendo i suoi occhi meno luminosi e più tristi. Avrei voluto essere tanto grande e maturo da chiederle cosa avesse, darle la mia mano e giurarle che avrebbe potuto contare sempre su di me, ci sarei sempre stato, per lei. Ma avevo solo otto anni e mi animava solo una feroce rivalità con mio fratello, capace di spegnere qualsiasi raziocinio e mettermi inevitabilmente nei guai, fin da allora. E nulla avrebbe reso diverso quel giorno. Andromeda ci aveva portato per regalo una gigantesca scatola piena di cioccorane, Gelatine "Tuttigusti +1", e altre prelibatezze. Avevo sgranato gli occhi, felice e stupito, quando avevo visto il marchio di Dulcitus sulla carta che ricopriva la scatola: avevo saltato l’ultima visita a Diagon Alley due settimane prima, costretto a casa, in punizione, quindi ero preda di un violento desiderio represso. Quando Andromeda la porse a me, solo perché ero più vicino a lei di mio fratello, l’avevo afferrata subito, vorace, ed ero corso su per le scale, diretto in camera, senza nemmeno dire grazie, senza curarmi di nessuno, senza pensare di condividere con Regulus quel dono. Lui m rincorse subito su per le scale, scordandosi che ero più veloce e agile.

    “Tanto non mi prendi, tanto non mi prendi!”.

Ridevo superando due scalini per volta, il fiato grosso per la fatica e le risate con cui animavo le scale, sempre tanto oscure e opprimenti, mentre mio fratello arrancava sulle sue corte gambette da puttino.

    “Quando arriverai avrò già finito tutto!”.

Mi piaceva canzonarlo, adoravo fargli venire le lacrime agli occhi e vederlo piangere come una bimbetta: mio fratello non mancava mai di darmi delle straordinarie soddisfazioni, era la vittima perfetta! Soprattutto perché a quei tempi era l’unica vittima disponibile. Mi voltai, con il mio miglior ghigno canzonatorio stampato in faccia, in tempo per vedere i riccioli scuri di mio fratello sparire sull’ultimo pianerottolo, cui seguì il solito tonfo sordo, le solite urla del ritratto di non so quale austero trisavolo, e infine il pianto straziante di Regulus. Stavo scendendo con la derisione stampata in faccia per far si che alla sofferenza fisica del ginocchio sbucciato si aggiungesse la mia classica presa per i fondelli, quando la voce d nostra madre emerse dal salone, tre piani più in basso, attirata dalle urla da animale portato al macello del bamboccio.

    “Cosa hai combinato stavolta, disgraziato?”

Immancabilmente, secondo "Lady Walburga Black", se Regulus piangeva, era colpa mia. Mia madre e zia Druella salirono all’istante, i movimenti impediti dalle loro ricche vesti, trovando Regulus in lacrime, il ginocchio sinistro sbucciato e il nobile sangue Black che gli disegnava bizzarri ghirigori sulla pelle diafana della gamba. Ed io in piedi dinanzi a lui, la scatola di ciocco rane stretta al petto come un ramo a cui, naufrago, mi aggrappavo per non annegare: Mia madre mi strappò via la scatola e la diede a Regulus, lasciandomi in mano appena una striscia di carta, poi mi diede uno schiaffo che mi girò il viso dall’altra parte. Mi morsi il labbro inferiore per non piangere, non potevo farlo in pubblico, da bravo Black, ma se anche fossimo stati soli, non avrei versato una sola lacrima, per non darle quella soddisfazione.

    “Guarda cosa gli hai fatto!”.

Mi strattonò perché osservassi il sangue di mio fratello, il nobile sangue di un Black, versato e sprecato sul gradino di pietra antica, sibilandomi addosso, infuriata, con i bellissimi occhi azzurri accesi d’odio. Benché avesse un aspetto così terribile, io non avevo paura di lei, no, nemmeno allora; era finito persino il tempo in cui m sentivo male vedendo che non mi amava, che mi considerava “ imperfetto”, e come tale non meritavo di stare al suo cospetto. Osservai Regulus che ancora frignava e soffocai a stento il mio ghigno di scherno continuando a guardare tutti loro con la mia migliore espressione innocente e stupita, quella di chi è capitato lì per caso e non si cura affatto di ciò che gli altri pensano o dicono, o fanno. Decisi di stare lì dinanzi a tutti loro, a mio fratello, a mia madre e a mia zia, pronto alla punizione inevitabile, come se fosse qualcosa che non riguardava me: sapevo che il cucciolo era il suo prediletto, perciò qualsiasi cosa avessi fatto o non fatto, detto o taciuto, sarei stato punito, tanto valeva toglierle almeno la soddisfazione di vedermi piangere o ribellarmi. O supplicare.

    “Che cosa ho mai fatto per meritare un figlio come te! Fila in camera e non farti più vedere, ci penserà tuo padre a farti sparire quella faccia da schiaffi! Razza d’insolente!”.

Mi prese per un braccio e mi trascinò dentro la nostra stanza, sbatté la porta alle mie spalle e diede tre giri di chiave, borbottando qualcosa sulla mia indegnità, con mia zia che le dava ragione, comprensiva. Poi scesero tutti e tre per le scale, la voce di mio fratello rispondeva gioiosa ai complimenti di mia zia, impastata, si capiva benissimo che stava parlando a bocca piena, sgranocchiando la mia cioccolata. Sospirai, nonostante il freddo aprii la finestra poi salii sul mio letto, incrociai le braccia sotto la nuca e rimasi ad osservare il cielo terso che occhieggiava da fuori: una leggera brezza soffiava carica dei suoni e dei profumi di una giornata londinese di festa. Avevo appena otto anni ma avevo già capito: avevo l’aspetto e il nome di un Black, ma non ero uno di loro, e ne ero ben fiero. Non ero fatto per stare al 12 di Grimmauld Place, e giurai, sul mio nobile sangue, che avrei fatto di tutto, per fuggire lontano da lì, per sempre. Mi rilassai. Ora avevo un proposito, mi lasciai cullare in un tenue torpore, assaporando nella mia immaginazione quello che mi avrebbe donato la vita, se fossi fuggito verso la libertà. Persi i sensi e mi abbandonai a un sonno leggero in cui anche Andromeda, la sua dolcezza, il mio amore per lei, si dissolvevano. E mio fratello, e i dispetti che m’inventavo per lui, diventavano solo un eco lontano …

*

Sirius Black
12, Grimmauld Place, Londra - ven. 25 dicembre 1970

Mi alzai di nuovo, presi dello scotch magico dalla scrivania e fissai la striscia di carta accanto al mio letto, in posizione un po’ nascosta così che io la vedessi ma i miei non se ne accorgessero, ripromettendomi di trovare quanto prima nei libri di incantesimi una formula di adesione permanente, così che non potessero strapparla via mai più. Finito il lavoro guardai soddisfatto il risultato, ora la stanza era un po’ più mia, col tempo avrei aggiunto altre tracce di me, avrei fatto vedere chi ero, avrei fatto vedere che ero Sirius, non il figlio di mia madre. Ma dovevo anche essere cauto e resistere: altri sei mesi e sarei partito per la Scozia, altri nove e sarei andato a Hogwarts per diventare un vero Mago. E allontanarmi da tutti loro per sempre.

***

Meissa Sherton
Herrengton Hill, Highlands - sab. 03 gennaio 1971

    "Scacco matto!”

Ero il volto della felicità, avevo combattuto a lungo quella sera e ora, per la prima volta, uscivo vincitrice da una partita perfetta contro mio padre.

    “Partita da manuale! Complimenti!”

Si sporse sulla scacchiera e mi stampò un bacio sulla fronte: lo guardai, adorante. Mio padre avrebbe compiuto quarant'anni in primavera, aveva i miei stessi capelli corvini, lunghi, gli occhi color dell’acciaio, l’incarnato abbronzato dalla vita all’aperto, i lineamenti decisi e la bocca perfettamente disegnata, esaltata da una leggera barba e da corposi baffi con cui amavo tanto giocare quando ero più piccola. Era alto, forte, proporzionato, aveva una naturale distratta eleganza, anche vestito con semplicità, come in quel momento. Si alzò, rimestò la legna nel caminetto che riscaldava e illuminava la stanza: eravamo nelle stanze di mio padre, nei sotterranei della torre di nord-ovest, in cui passava ore a studiare libri di erbologia e pozioni e a consultare il futuro leggendo le antiche rune del Nord e le pietre veggenti ereditate dal nonno. Benché non ci avesse sprecato la sua magia, il fuoco si ravvivò immediatamente, spandendo ovunque il suo colore aranciato: sulle pareti di pietra, sui mobili antichi, sugli arazzi e le teche, sui libri di discipline magiche e di scienza babbana, sulle ampolle che occhieggiavano dall’altra parte della stanza, sulle foto che ritraevano me, i miei fratelli e i miei genitori, sugli antichi quadri da cui ci guardavano i nostri antenati. E su di me, che restavo sul tappeto persiano di fronte al caminetto, con la mente che vagava lontana, gli occhi persi nel buio senza stelle di quella sera. Fuori dalle finestre ad arco acuto, la neve ricopriva tutto il mio mondo di un’impenetrabile coltre: il giorno era finito da un pezzo, io e mio padre eravamo scesi lì dopo cena, lasciando in salotto mia madre con Wezen, Rigel in punizione nella sua stanza, e Mirzam diretto a Inverness. Un’ombra di tristezza attraversò il mio viso, erano finite le vacanze di Natale e quello era l’ultimo giorno nelle Highlands, l’indomani saremmo ripartiti: stavolta sarebbero passati tre mesi prima del nostro ritorno. Mi passai una mano su una ciocca di capelli, fermandola dietro all’orecchio, sperando di mascherare quel momentaneo turbamento; ma il gesto non sfuggì a mio padre, come non gli era sfuggita l’espressione che da giorni avevo in volto: stava in piedi alla finestra, con un bicchiere di vino italiano in mano e aveva appena acceso magicamente un giradischi babbano preso a Londra, da cui ora usciva una musica melodiosa, il “Notturno 72”.

    “Sono giorni che ti vedo preoccupata, non sorridi quasi più”.

Tornò accanto a me, mi prese per mano e m’invitò a sollevarmi dal tappeto su cui avevamo giocato a scacchi, si sedette sulla sua poltrona accanto al caminetto e mi fece sedere a mia volta sulle sue ginocchia. Ne approfittai, felice, e abbandonai subito la testa sul suo petto, un po’ perché mi piaceva stare con lui così, respirare il suo profumo e scaldarmi col suo calore, un po’ perché in quella posizione avrei potuto parlargli senza guardarlo direttamente negli occhi. Sapevo già che sarebbe andato a fondo di quella storia, a qualunque costo: probabilmente aspettava l'occasione da giorni. Da sempre era solito abbandonare qualsiasi suo impegno, anche quelli più importanti, per correre da me, ed anche per questo lo amavo infinitamente. Tenevo gli occhi abbassati sulle mie mani, giocando coi bottoni della sua camicia blu notte, e le mie guance arrossivano per la vergogna.

    “Dimmi cosa succede e farò di tutto per renderti il sorriso, lo sai, devi solo chiedere”.

Mi accarezzava i capelli, le sue mani erano grandi e forti e per alcuni anche pericolose, ma c’era solo infinita dolcezza, sempre e solo dolcezza, per me.

    “Non è nulla … sono solo triste al pensiero di lasciare Herrengton”.

M’interruppi subito, la voce mi era uscita simile a un sussurro. Mi arrischiai a guardarlo, manteneva l’espressione incoraggiante, ma non era uomo da lasciar correre su nulla, in un modo o nell’altro avrebbe saputo la verità.

    “Lo immagino, sono triste anche io, ma lo sai, per la mamma e per il bambino è più prudente restare a Amesbury durante quest’inverno”.

Annuii, avevamo fatto quel discorso molte volte, era ragionevole e giusto. Mentre il viso mi si colorava del rosso della mortificazione, mio padre tornò a guardarmi con attenzione.

    “Ed ora dimmi la verità, Meissa, perché ti conosco: quello che provi non è tristezza, ma paura, e io voglio sapere chi o cosa ti sta togliendo la serenità”.

Alzai di nuovo lo sguardo sul suo viso, Alshain vide nei miei gli occhi verdi di sua moglie che lo fissavano. Attese: conosceva il valore della pazienza, arma che tutti, amici e nemici, gli riconoscevano, come ne riconoscevano l’implacabile determinazione e l’assoluta razionalità.

    “Padre ... continuerai a volermi bene anche se… anche se… sì, anche se non finissi a Serpeverde?”.

Sentivo le parole uscirmi con difficoltà, quasi sputassi macigni, temevo di vedere rabbia in lui; ma per quanto scrutassi a fondo, in quegli occhi del colore del mare in tempesta non riuscivo a vedere altro che il riflesso di una ragazzina impaurita. Sembrò persino meravigliato che fosse quello il motivo dei miei turbamenti.

    “Chi ti ha messo in testa quest’idea? Certo che ti amerei ugualmente, sei mia figlia!”.
    “E’ per quello che si sono detti Rigel e Lucius…”.

La sua espressione cambiò, la mascella si contrasse e gli occhi s’incupirono: sapeva che c’era qualcos’altro nel mio turbamento ed era proprio ciò che aveva sospettato.

    “Uno dei due ti ha detto questo? Hanno cercato di convincerti di questo?”.

Non volevo mettere mio fratello di nuovo nei guai, dopo Yule era stato in punizione per tutte le vacanze, ma temevo di aver già compiuto il danno.

    “No, io ... ho sentito quando hai chiesto a Rigel cos’era successo alla festa, giorni fa …”.
    “Capisco. Allora è arrivato il momento di fare un certo discorso, noi due ….”.

Mi sorrise, mi passò la mano sul viso, in una tenera carezza, e mi baciò la fronte: era sereno ma anche un po’ triste, un tempo passava molte più sere davanti al fuoco con me, seduta sulle sue ginocchia, a tirargli i baffi. Allora lui era stato senz’altro più felice, proprio per merito della sua famiglia, che era tutto per lui; negli ultimi tempi i suoi affari e i suoi viaggi gli avevano rubato spesso questi piaceri, e il più delle volte, al ritorno, aveva un’espressione cupa e tesa. Mi chiedevo se vivere vicino ai Malfoy non avrebbe peggiorato le cose: non avevo idea di cosa stesse accadendo, ma anche un cieco avrebbe notato che il suo umore peggiorava ogni volta che incrociava Abraxas.

    “E’ passato molto tempo da quando ti ho parlato di mia madre, di Ryanna Meyer, ti ricordi in quale casa ha frequentato Hogwarts?”.
    “Non è stata a Serpeverde come te?”.
    “No, Mey, gli Sherton sono Serpeverde da sempre, certo, ma tua nonna, come quasi tutta la famiglia purosangue dei Meyer, era una Corvonero. Per questo, Lucius ti ha chiamato in quel modo, lo faceva anche suo padre con me, da ragazzini, prima del mio smistamento. Ma non è di lui che dobbiamo parlare. Guarda …”.

Si sporse a prendere un album di foto da un cassetto della sua scrivania, erano molto vecchie, e io non ricordavo di averle mai viste: conoscevo il viso di mia nonna perché ovunque a Herrengton c’erano i suoi ritratti, a dimostrazione di quanto mio nonno l’avesse amata, le immagini che sfogliavo ora, però, andavano ben oltre, perché l’autenticità e la spontaneità di quel sentimento scaturivano dalle risate, dai baci, dall’amore con cui guardavano i loro figli, dalla tenerezza con cui si tenevano per mano. Non stavano in una posa concordata, non stavano fingendo, erano veri, reali.

    “I miei genitori si sono amati davvero, per oltre 40 anni, anche se venivano da case diverse: da quell’amore sono nato io, e di conseguenza tu e i tuoi fratelli. Non avrei ereditato da loro niente di davvero importante, se i miei sentimenti per i miei stessi figli dipendessero dal colore di una cravatta, non credi? Tu sei mia figlia, Meissa, sei il mio sangue, sei forse quanto di meglio mi ha donato la vita. E’ ciò che hai nell’anima che conta per me, non i colori che avranno i tuoi vestiti”.

Mi accarezzò di nuovo il viso, e mi guardò in un modo che mi fece sentire una vera stupida, come potevo aver dubitato del suo amore per me? Come potevo aver creduto alle sciocchezze che Lucius Malfoy aveva detto a mio fratello, guadagnandosi tra l’altro un pugno in faccia? Sorrisi.

    “Allora ti ho rasserenato almeno un po'?”

Annui, senza parlare, lui mi diede un altro caloroso bacio sulla fronte.

    “E’ colpa mia se sei rimasta turbata, e ti chiedo scusa. Ho esagerato parlando come se fossi la futura Serpeverde di casa, ma sai … per intere generazioni nella nostra famiglia sono nati solo dei maschi, in sette secoli sono nate solo quattro bambine tutte poi smistate a Corvonero; poi dieci anni fa sei nata tu, nel giorno dell’equinozio di primavera, e sei cresciuta con un carattere forte, determinazione, ambizione, talenti degni di Salazar stesso.”.

Mi fece sedere sull’altra sedia, si alzò, rimestò il fuoco, si versò da bere e fece ripartire il disco. Andò alla finestra, osservando le stelle che finalmente facevano capolino tra le nubi.

    “Tutto questo, lo ammetto, mi ha esaltato, anche se, obiettivamente, vedo da me che stai sviluppando anche altre "virtù", che potrebbero diventare persino più rilevanti: non mi stupirei nemmeno di vederti a Grifondoro, sai? No, non fare quella faccia schifata, sto parlando sul serio. Ma basta divagare, il punto è che tu sei e sarai sempre mia figlia, indipendentemente dal risultato dello smistamento,finché rispetterai la nostra famiglia. Agli Sherton non interessano i dettagli, ma un’unica cosa, sostanziale e ben più profonda: credo tu sappia benissimo di cosa sto parlando...”.

Mi guardò a lungo, per farmi capire quanto importante fosse quel discorso.

    “… parlo della nostra natura magica, del nostro essere da sempre perfetti e puri: il mondo ci chiama “purosangue”, noi siamo purosangue, è questo che fa sì che il nostro potere sia massimo, intoccabile ed indiscutibile. Innumerevoli maghi e streghe potenti sono venuti a renderti omaggio al momento della tua nascita, come è accaduto quando è nato Wezen, e gli altri tuoi fratelli prima di te. Come può un neonato che non ha ancora manifestato alcun potere, meritare quegli onori, Meissa? Ovunque ti giri qua dentro, gli stemmi ti ricordano che la nostra è la famiglia de "Les Bien-Aimès", “i prediletti di Salazar”, ma onestamente, cosa ci fa essere tali dopo un millennio, se chi ha fatto la storia è ormai cenere da oltre 1000 anni? Cos'altro se non il nostro sangue, la sua purezza e perfezione? ”.

Avevo sentito mio padre fare discorsi simili ai miei fratelli, ma era la prima volta che lo faceva a me: non potevo crederci, mi trattava come un'adulta, mi considerava davvero sua pari; ero orgogliosa e spaventata allo stesso tempo, perché rendendomi consapevole diventavo anche responsabile.

    “Il tuo sangue è tutto, Meissa, rispettalo e vivi serena, tutto qua. Se poi hai dei dubbi vieni da me o da tua madre, e non badare alle ciance degli altri, ai loro stupidi pregiudizi. C'è altro di cui vuoi parlarmi?”

Mio padre bevve tutto d’un sorso il vino nel bicchiere, in silenzio, guardandomi dall’alto in basso intensamente, con un’espressione indecifrabile, poi sospirò e mi si avvicinò di nuovo. Avevo altro da chiedergli e lui lo sapeva, qualcosa che ascoltando i miei fratelli, mi aveva davvero messo il terrore addosso, ma non avevo il coraggio di chiedergli se fosse la verità. Non volevo sapere, volevo poter sperare ancora per un pò che fosse tutto uno scherzo. Provai a mentirgli.

    “No padre, solo … quando inizieremo la mia istruzione?”

Indagò i miei occhi, sapeva che avevo mentito, ma lasciò perdere. Gli baciai la mano che m aveva appoggiato sulla guancia, in una carezza.

    “In primavera. Fino a 11 anni non puoi sapere nulla di più, e non posso farti vedere nulla finchè siamo nel Wiltshire, col Ministero che... Ora torniamo di sopra, è tardi, dai”.

Si era rabbuiato ma quando gli sorrisi tornò sereno, mi alzai e lo aiutai a rimettere in ordine la scatola degli scacchi e i cuscini sul tappeto persiano, lui spense il fuoco, recuperò il mantello e se lo appoggiò al braccio, poi mi cinse le spalle mentre mi avvinghiavo al suo fianco, respirando il suo profumo e il suo calore; percorremmo il corridoio di pietra che si affacciava sulle scogliere e salimmo fino all’ala sinistra del chiostro che racchiudeva il cortile delle rose. Entrati nel salone salutai mia madre, poi salimmo fino alla mia camera, dove mio padre mi augurò la buona notte con un altro bacio sulla fronte e mi lasciò alle cure di Kreya, richiudendo infine la porta dietro di sé, con la bacchetta alla cintola e il suo inconfondibile profumo di cedro e sandalo. Mi guardai intorno: l’armadio e i cassetti erano vuoti, gli ultimi bauli erano stati portati via a novembre per il trasloco. Eppure, avevo il cuore più leggero, perché mio padre mi avrebbe amato per sempre: prima di spegnere la luce guardai il ritratto di mia nonna. Le sorrisi. Aveva creato l’uomo migliore e il destino me l’aveva donato per padre. No, non avrebbe fatto nulla che potesse ferirmi. Mai. Scivolai nel sonno. Ero serena, ero pacificata col mondo. Ero ancora troppo giovane per comprendere che quel discorso che mi aveva rasserenato aveva in sé qualcosa di temibile e oscuro, che presto avrebbe condizionato tutta la mia vita.

***


Meissa Sherton
Amesbury, Wiltshire - mart. 12 gennaio 1971

    "E’ metà gennaio e voi ragazzi non siete mai venuti a trovarmi. Devo offendermi seriamente?”

Orion Black esordì così quella sera, mentre stavamo tutti attorno al caminetto del salotto al termine della cena. Appena arrivato, con fare misterioso, aveva tirato fuori dal panciotto un pacchetto di cioccorane prese da Dulcitus per me, poi mi aveva sfidato a scacchi fino all’ora di cena, chiedendomi come stessi e raccontandomi di quando con mio padre aveva lanciato la polvere “fosforella” nei bagni dei prefetti l’ultimo anno, mandando fuori d testa il custode della scuola. "Zio" Orion era una presenza costante nella nostra vita nel Wiltshire, ed era forse l’unica persona che vedevo volentieri. Quell’uomo, distinto e falsamente burbero, era il miglior amico dei nostri genitori, il nostro padrino e una persona piuttosto buffa: con lui, le serate finivano sempre in sonore risate, ci raccontava degli aneddoti sulle gesta all’epoca della scuola, i dispetti ai danni dei Grifondoro, le vittorie della squadra di Serpeverde di cui nostro padre era stato cercatore, ci parlava di luoghi misteriosi e ricchi di fascino della scuola, di cui i miei fratelli avevano già approfittato grazie alle sue indicazioni, le scorribande nella foresta proibita e anche qualche poco ortodossa visita ad alcuni locali di Hogsmedge molto apprezzati dai ragazzi. Un clima ben diverso da quello che si respirava quando ci facevano visita altri conoscenti di mio padre: dopo un paio di giorni dal nostro arrivo, ci fece visita niente meno che il Ministro della Magia, con la scusa di un saluto di cortesia, in realtà per verificare con mio padre se ci fossero “falle” nella nostra sistemazione; dopo due ore di perlustrazione, durante le quali cercò invano di convincere papà a far sparire un paio di oggetti che teneva sottochiave in mansarda, se ne andò senza toccare un solo boccone della superba cena che Kreya aveva preparato per lui. L’atmosfera pesante che si respirava all’arrivo di Abraxas Malfoy, cugino di 2^ grado di nostro padre, non aveva però eguali: non sapevo ancora il perché, ma ogni volta che era prevista una sua visita mi mandavano subito in camera mia, sicché, benché fosse spesso da noi, io vedevo lo “zio” solo in occasioni ufficiali e ricorrenze. Di solito appena si ritiravano in sala da pranzo, io sgattaiolavo fuori e mi sistemavo sul pianerottolo del primo piano, spiando non vista: quelle cene trattavano per lo più argomenti che non capivo, per i quali lo “zio” si infervorava moltissimo, mentre nostro padre si mostrava sempre piuttosto scettico; sembrava che Malfoy cercasse di convincerlo a fare qualcosa, che tra l’altro turbava parecchio sia mia madre sia mio fratello, ma non riuscivo mai a capire di più, perché a quel punto mio padre lo invitava a seguirlo in salotto, gettava degli incantesimi “muffliato” e parlavano animatamente fino a notte fonda. In un paio di occasioni la discussione degenerò ancor prima di ritirarsi in privato, facendosi tanto accesa che sentii la voce di mio padre, come sempre calma ma gelida come la morte, invitare il cugino a sparire e non farsi rivedere prima di aver recuperato il senno. Dopo le visite di Malfoy, rimaneva pensieroso e turbato, per alcuni giorni usciva prestissimo e rientrava molto tardi, oppure restava a casa a parlare via camino con Orion Black, prendendo accordi per vedersi a Londra.

    “Mei è stata un po’ influenzata, Orion, non ci pareva il caso portarla a Grimmauld Place, hai due ragazzi anche tu!”.
    “Tutte storie, Dei, è da Yule che mi sfuggono, soprattutto Mirzam!”.

Mio fratello divenne porpora e finse di rivolgere l’attenzione alle fiamme del caminetto.

    “Terrò a bada Walburga, se è questo il problema, d’accordo? Ma per favore smettila di farmi questo torto”.

E sorrise vedendo l’occhiataccia che aveva rimediato da mio fratello.

    “Facciamo così: venite venerdì, ci saremo solo Walby, io e i ragazzi, e potremo parlare tranquillamente; il sabato successivo poi è il compleanno di Regulus, e lì mi offenderei davvero se lo mancaste, tra l’altro i ragazzi ci sperano tanto, sono ancora elettrizzati dalla Danza delle Spade, Mir, sembrano finalmente usciti dal loro stato catatonico!”.

Mio padre in piedi davanti al caminetto dapprima tossicchiò sommessamente poi si mise a ridere apertamente, scuotendo la testa sotto lo sguardo interrogativo del suo amico.

    “Ma quale stato catatonico, Orion! Siete voi due che li trattate come due principini! Troppe regole, troppa etichetta, sempre sotto una campana di vetro! Lasciali partire per Herrengton quest'estate e al ritorno non li riconoscerai!”.

Strizzò l’occhio al suo amico, che lo guardò scettico reprimendo a stento una rispostaccia.

    “Sì, lo so che farebbe bene a entrambi cambiare aria, e star lontano dalle sottane della madre, ma per carità non farmeli volare su quell’ippogrifo, è un uccellaccio demoniaco!”.
    “Alceos non è un uccellaccio, è il MIO ippogrifo e non lo farò di certo montare da due damerini inglesi qualsiasi!”.

Non riuscii a trattenermi, lasciando il nostro ospite e i miei allibiti: fu Orion a rompere il silenzio con una sonora risata mentre io diventavo viola di vergogna.

    “Ma senti che piccola scozzese impertinente! Sei proprio la degna figlia di tuo padre! Ma ricordatelo: quando sposerai uno dei miei figli, dovrai pagarmi profumatamente se non vorrai che gli riveli quanto hai appena detto! Damerini inglesi, roba da matti!”.

Il mio colorito peggiorò, da quando li avevo visti a Yule, pensavo che fossero carini, e mi auguravo che fossero anche simpatici, visto che avrei dovuto frequentarli spesso fino al ritorno in Scozia. Ma da qui a pensare che avrei dovuto sposare uno di loro…..

    “Hai perso la lingua eh! Lo immaginavo: sei rimasta colpita anche tu dal fascino di noi Black”.

Orion mi guardava gongolante, mentre la faccia mi andava in fiamme.

    “Basta con queste stupidaggini, Orion! E tu, fila in camera, è tardi!”.

Mi avviai, sorpresa dall’uscita urtata di mio padre, con un piccolo saluto intimidito a Orion, ma nel salire rimasi appostata sul solito pianerottolo, ad ascoltare.

    “Stai scherzando o sei impazzito? Era solo una battuta, Alshain! Cosa diavolo ti è preso?”.
    “Sono stanco di certi discorsi. Salazar! E’ solo una bambina!”.
    “Ma era uno scherzo, Al! Diglielo anche tu, Dei! Merlino santissimo! Solo una dannata battuta! Quante volte abbiamo detto sciocchezze simili e ci abbiamo riso sopra?! Dimmelo.... ma... Lasciamo stare, tu sei sempre più strano e io invece devo fare un discorso serio con Mirzam, non perdere tempo con un paranoico come te."

Sorseggiò il suo whisky e si ivolse a mio fratello che già aveva una faccia risentita.

    "Allora, ragazzo mio… mi è giunta voce che sei interessato a una delle figlie di Cygnus, e se è vero, come tuo padrino, sarei ben lieto di favorirti presso mio cognato, non che ce ne sia bisogno nel tuo caso, ma…. Io ho parlato chiaro, ora sta a te, è nel tuo interesse dire come stanno le cose, visto che tuo padre è così pazzo da lasciarvi liberi di decidere da soli”.
    “Ti interessa una delle figlie di Cygnus? Oh Mir, è stupendo, è una famiglia perfetta per noi!”.

Mia madre era sbalordita, e al tempo stesso entusiasta, ma Mirzam lasciando da parte la sua proverbiale educazione, si alzò ammutolito dal divano e scomparve per le scale con la rapidità di un fulmine, diretto nella sua stanza, senza salutare nessuno. Mia madre si morse un labbro per la vergogna. Mio padre e Orion assistettero sgomenti, per quanto era inverosimile una scena simile.

    “Salazar! Ti prego di scusarlo Orion, sono settimane che è turbato da qualcosa e non c’è verso di capire che cos’ha. Per favore, spiegaci cosa sono queste dicerie, perché noi non ne sappiamo nulla”.
    “Lestrange mi ha chiesto se è vero che vostro figlio è interessato a Bellatrix, perché vorrebbe chiederne la mano per Rodolphus”.
    “E perché Lestrange non l’ha chiesto direttamente a noi? E’ stato qui a dicembre al ricevimento, abbiamo parlato di tutto, poteva chiedermelo in faccia, invece di metterti in mezzo! Qualcosa non torna Orion, Mir e Rod hanno amici in comune, ne avrebbero parlato di certo e saprebbero entrambi come stanno le cose.”.
    “Ma se non parla nemmeno con voi! E’ peggio di un’ostrica, non sembra nemmeno tuo figlio! E comunque Lestrange, indipendentemente da quelloo che eventualmente direbbe tuo figlio, vuole assicurarsi di non pestare i piedi a te, ma non ha nessuna intenzione di affrontarti a viso aperto, lo sanno tutti che non vi potete vedere dai tempi di Hogwarts”.
    “Al diavolo Lestrange! Tu che ne pensi Dei?”.
    “Su Lestrange non ho idee, ma posso assicurarti che se Mirzam vuole una delle figlie di Cygnus, si tratta di una delle altre due. Orion, senza offesa, ma Bella .. diciamo che qualsiasi marito sarebbe solo un bel trofeo per lei, da tenere al secondo posto nel cuore, nella mente e magari anche nel suo letto. Mirzam è l’erede di Hifrig, per quante promesse gli abbiamo fatto, non lo lasceremmo mai a una donna così… volubile”.

Gli occhi di mio padre divennero particolarmente cupi, Orion stava per ribattere offeso ma si morse la lingua, finì di bere il suo whisky e fissò il fuoco: l’evidenza dei fatti lo schiacciava.

    “Pensi lo stesso anche tu, Alshain?”.

Papà si alzò di nuovo, il bicchiere di whisky in mano, per rimestare il fuoco.

    “Chi non desidererebbe delle nozze Sherton- Black? Ma Bella.. no, non è adatta a mio figlio”.
    “Ma se invece fosse proprio Bella, cosa faresti? Ti opporresti? Verresti meno alle promesse che hai fatto ai tuoi figli?”.
    “In casi come questo, sì, Orion, ritirerei la mia parola, per il bene dei miei figli sputerei anche sul mio onore….”.

Orion lanciò un’occhiata eloquente ai miei genitori, io non potevo credere di assistere a quella discussione, vedere i miei e il mio padrino mercanteggiare sul destino di mio fratello. Dopo non molto si salutarono, con la promessa da parte di mia madre che avremmo fatto loro visita quel venerdì: mi sentii gelare il sangue nelle vene, Walburga era una donna intrigante e impicciona, mi aveva osservata con un’attenzione maniacale a Yule. E io ne avevo paura. Quando vidi che Orion era sparito nelle fiamme, diretto a Grimmauld Place, e che i miei genitori spegnevano le lampade a gas, pensai di salire in camera, ma le voci dei miei mi bloccarono.

    “Tieni i miei figli il più lontano possibile da Walburga Black, Dei. Non devono circolare voci su nessuno di loro, su Meissa in particolare, siamo intesi? C’è già Malfoy impegnato a fare danni”.
    “Pensavo volessi che frequentassimo i Black, che i nostri figli facessero amicizia con loro”.
    “Sì certo, ma queste dicerie su Mirzam non mi piacciono, e anche se si tratta della famiglia di Orion, siamo cauti, d’accordo? Almeno finché non siamo sicuri…”.
    “Dovrei essere io la chioccia protettiva lo sai? Lasciali spettegolare, Al, lasciali dire, quello che conta siamo solo io, te e la nostra famiglia”.

Mia madre sorrise e lo baciò voluttuosa, lasciandolo un attimo interdetto, voleva davvero parlare con suo figlio, subito, ma poi la guardò, l’afferrò stringendola a sé e dal suo viso sparì l’espressione contrariata e qualsiasi turbamento. Parlarono sommessamente poi sentii la risata giocosa e affannata di mia madre, stranamente rossa in viso mentre mio padre le baciava dolcemente il collo e l’accarezzava attraverso il vestito.

    “Non vedo l’ora di filarcela in Scozia, stare per conto nostro, averti tutta per me, sempre!”.

Ogni parola era un bacio.

    “Oh Al… credo proprio che dovremmo farci piacere il Wiltshire ancora per un bel pezzo!"

Sorrise misteriosa e felice, mio padre la guardò interrogativo, poi si illuminò e le pose delicatamente una mano sul ventre, risero e ripresero a baciarsi ancora con più foga stringendosi forte l’un l’altra, mentre io filavo in camera mia incuriosita da quelle parole.



*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 5
*** I.005 - HABARCAT - Il Debito ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.005 - Il Debito

I.005


Alshain Sherton
Amesbury, Wiltshire - merc. 13 gennaio 1971

    Tic... tic... tic...

Sentii quel rumore scendere dalle scale e aprii gli occhi. La prima cosa che notai, con lo sguardo impastato dal sonno, fu il turbinio di fiocchi che volteggiavano nella notte. Rabbrividii. Non poteva essere più tardi delle 4 del mattino: nevicava ancora, era da quasi due settimane che non smetteva più.

    Tic... tic...

riecco il suono sottile, tesi l’orecchio, senza però comprendere cosa fosse: mi misi seduto nel letto, cercando di non svegliare Dei, e sperando di capire senza dovermi alzare, ma era impossibile, allora scivolai fuori controvoglia, avvolgendomi nella vestaglia e socchiudendo la porta della nostra stanza, senza fare rumore. Salii le scale, il passo leggero, raggiunsi la mansarda, aprii la finestra, e a quel punto al ticchettio si aggiunse il grido acuto del gufo che reclamava riparo, a squarciare definitivamente il silenzio della casa: il gufetto malandato e l’urgenza della missiva notturna rendevano inutile leggere la firma, perciò pregai in cuor mio che nonostante il baccano Dei stesse ancora dormendo. Invano.

    “L’ha colpita di nuovo, vero? Salazar, quel dannato mostro!”.

Trovai Dei seduta sul letto, combattiva ed intenzionata a perorare la sua causa: era l’unico argomento su cui da un pò di tempo non eravamo d’accordo. Mi vestivo, rapido, sia per il freddo, sia per chiudere quella discussione che sapevo già non avrebbe portato a nulla di buono, misi la giacca di lana sopra il gilet e la camicia di flanella, mi chiedevo se nonostante il pesante mantello il tutto sarebbe stato sufficente ad affrontare la tormenta: conoscevo tutti gli usi babbani, e non avevo problemi ad imitarli con successo, ma consideravo il loro modo di vestire del tutto inadeguato, sia esteticamente che sul piano pratico.

    “Calmati Dei, vuole solo parlarci.”.
    “Parto subito!”.
    “Sei pazza? Guarda che tempo! Vado io, se anche mi vedesse, suo marito non capirebbe chi sono, al contrario conosce te. Riuscirò facilmente a parlarle con un pretesto e farò quanto è necessario”.
    “Non puoi stregare quel bambino! Non ne hai il diritto, Alshain...!”.
    “Questo può deciderlo solo sua madre... e comunque quell' incantesimo è reversibile, Deidra, sappiamo farlo entrambi. Se fosse necessario, andremo nei prossimi mesi, una volta per settimana, per assicurarci che vada tutto per il meglio...”.
    “Ma lo sai anche tu che ci sono dei rischi! Non glielo devi nemmeno proporre, chiaro?... ”.
    “Sentiamo, per cosa credi che ci abbia contattato, allora? Che altro possiamo fare per lei secondo te, che non sappia fare anche da sola?“.

La voce le si abbassò di colpo, con un tono cospiratorio che le avevo già sentito.

    “Magari vuole che l’aiutiamo a liberarsi del babbano...”.

Mi sfuggì un verso di stizza, sapevo che saremmo arrivati a questo.

    “E perchè, di grazia, avrebbe bisogno di noi, per questo? Ti ricordi quanto era brava a preparare infusi, pozioni e veleni? Inoltre può denunciarlo o prendere suo figlio e andarsene, può difendersi, in mille modi, magici e non. Noi ... La mia famiglia non si sporca le mani con la feccia, Dei, soprattutto se non è necessario. Ed ora … non siamo noi ad essere in pericolo, o sbaglio?”.

Ecco. Me ne pentii all'istante. A forza d distrarmi c’ero caduto, questo era il terreno su cui Dei mi voleva attirare.

    “Ti sei già scordato cosa ha fatto quella donna per me, vero? Io no. So cosa avrei perso senza il suo aiuto. Io sono legata a quella donna da un debito: se mi chiedesse la mia stessa vita, io gliela darei. E tu? Credi davvero di non doverle nulla? Se la tua nobile morale te lo impedisce, Alshain, lo farò io, non c’è problema!”
    “Sai bene che ringrazio gli dei tutti i giorni per il suo aiuto, ma non toccherò un babbano, mai! E non permetterò nemmeno che lo faccia tu o chiunque altro della mia famiglia.”

Si sporse sul letto e con le mani nervose arpionò il lembo della giacca, mentre mi ero avvicinato per baciarla e salutarla: i suoi occhi erano un verde mare tempestoso.

    “La feccia non merita clemenza, Alshain, quando lo capirai? E quell’uomo meno di tutti gli altri. Perseguita il suo stesso sangue perché è come noi, è lo stesso odio che quasi distrusse la tua famiglia, secoli fa! Non è più tempo dei princìpi, non se c’è in gioco uno di noi”.

Le presi le mani, con dolcezza e decisione: anche se si trattava di lei, della donna che aveva dato un senso alla mia vita, non avrei mai piegato la mia volontà per nessuno. E Deidra lo sapeva.

    “Non è uno di noi, Deidra, ma un mezzosangue! Non scordartelo. Se sua madre, per prima, non avesse macchiato il suo onore legandosi ad un babbano, non esisterebbero questi problemi. Ora devo andare… ”.
    “Spero che tu sappia cosa stai facendo,Alshain.Scoppierà una guerra, lo sai, tutti i segni lo gridano, e prima o poi, dovrai schierarti anche tu. Abraxas ha ragione, non puoi continuare …”
    “Abraxas? Abraxas? Salazar ci scampi! Tempi cupi ci attendono se mia moglie arriva a dar ragione a un Malfoy! Non ho altro da aggiungere Dei! Riguardati e bacia Meissa per me!”.

Le diedi un bacio fugace, ma evitò le mie labbra, guardandomi come per accusarmi di orrendi crimini, e io mi chiusi in me, nel gelo che quando volevo, sapevo ancora crearmi benissimo, come tanti anni prima, nel mio cuore.

    “Vedrai, arriverà il momento che mi darai ragione”.
    “Quando accadrà, continuerò a seguire il mio istinto, Dei. A quanto pare è l'unica cosa che, finora, non mi ha mai tradito.”.

Con uno schiocco secco mi smaterializzai, mentre già i singhiozzi sordi di mia moglie impregnavano la stanza, in risposta alla durezza delle mie parole. C’era sempre stata armonia tra noi, e non le avevo mai dato motivo di piangere, ma negli ultimi tempi... Ero turbato, avevamo appena parlato di morte, di guerra. E avevamo parlato di Malfoy. Un brivido mi attraversò la schiena e sapevo che non dipendeva dal freddo. C’era qualcosa di diverso in quella casa quella notte, qualcosa di buio e gelido che mi era entrato nell’anima e le aveva tolto la gioia. Non bastava più l'amore tra noi? Se solo fosse già finito l'inverno! Dovevamo tornare a Herrengton al più presto, era l’unico posto dove eravamo felici, l’unico posto dove non si parlava di ammazzare qualcuno. L’unico posto dove nessuna guerra poteva toccarci.

*

Alshain Sherton
XX, località sconosciuta - merc. 13 gennaio 1971

Mi rimaterializzai nel boschetto che ricordavo. Nessuno in giro, era ancora presto e soprattutto era dannatamente freddo. Avevo girato il mondo in lungo e in largo arrivando alla conclusione che non esistesse un luogo più deprimente di quello, un ammasso di grigie case allineate, senza un’anima, con un monumentale rudere fatiscente che incombeva su tutto, ricordando a quei poveri diavoli il loro destino di inutili pedine intercambiabili. Attraversai il parco immerso nella neve e mi avviai come un disgraziato qualsiasi per le vie della città che si svegliava in quel momento. Avevo l’abitudine di portare sempre in tasca del denaro babbano, e Merlino solo sapeva se quella mattina mi avrebbe fatto comodo: avevo decisamente bisogno di un caffè nero e bollente, e magari, perché no, di un’abbondante fetta di torta di mele. Non discutevo mai con Dei, non ce n’era motivo, ma quando capitava era sempre per qualcosa di importante: in quei momenti arrivavano i dubbi, mi chiedevo se avessi mai conosciuto davvero chi era al mio fianco. Restavo sconnesso da me stesso per ore, a volte per giorni, e avevo bisogno di stupide forme di gratificazione elementari per superare quei momenti di depressione. Quando poi tornavo in me, sapevo di nuovo di non aver fatto nessun errore: Dei impersonava semplicemente il mio lato oscuro, nei momenti critici, perché mi mantenessi saldo sulla strada che avevamo scelto, insieme, tanti anni prima. Naturalmente non sapevo se fosse la verità, ma dovevo convincermene per riuscire ad andare avanti.
Entrai in un bar, mi sedetti ad un tavolo di formica bianca, che al solo tocco appiccicoso mi suggerì l’idea di andarmene, mi venne incontro una ragazzotta ammiccante nel suo trucco bistrato, l’abitino succinto che mostrava troppa carne e un odioso biascicare gommoso che insultava la lingua di Shakespeare. Avrebbe di certo ghignato come una deficiente appena m avesse dato le spalle, per i miei capelli lunghi, con la sua degna compagna. Mi strinsi ancora di più nel mio caldo mantello, quasi a farmi scudo, le ordinai secco il mio caffè e la mia fetta di torta, per togliermela subito dalla vista, mi appoggiai appena sul sedile di finta pelle arancione, usando il pastrano per evitare sgraditi contatti con le superfici immonde e alzando il bavero quasi fino alle labbra. Naturalmente, non tolsi i guanti. Guardavo oltre le vetrate del locale l’insulsa umanità di corsa, immersa nella neve, perso nei miei pensieri: era davvero necessario agire drasticamente con quel disgraziato? E perché io? Se era così esasperata dalla sua vita, perché lei, una strega capace, non era già arrivata da sola a quell’epilogo? La sua anima era tanto piegata all'uomo che aveva sposato da non riuscire a difendere nemmeno suo figlio? O tutto questo accadeva semplicemente perché era tempo di pagare? Una vita per una vita, anzi, una vita più la mia coscienza: poteva dirsi un prezzo equo per aver salvato mio figlio, senza tra l’altro averne l'obbligo. La torta non era oscena, forse perché, viste le premesse, ero rassegnato al peggio, bevvi il caffè, il calore mi rinfrancò e lasciate quelle luride monetine sul tavolo, affrontai la tormenta con maggior vigore. Erano le 6,30 del mattino, qualsiasi operaio, se non era già uscito per andare al lavoro, stava per farlo.
Benché quelle stramaledette costruzioni fossero tutte uguali, ricordavo bene quale fosse la casa, era proprio alla fine della "stecca": un tempo all’ingresso c’era un giardinetto curato, mi chiedevo se le sofferenze di quegli anni avessero inaridito il suo cuore e il suo giardino allo stesso modo. O se almeno una parte della sua fierezza fosse rimasta intatta. A Hogwarts era sempre stata magnifica ad erbologia, come a pozioni, ero ammirato dalla sua maestria nel distillare e dar vita a tutte quelle sostanze che mandavano in estasi il buon vecchio Slughorn. Ero stato persino invidioso di lei: era una purosangue certo, ma di natali ben lontani dall’essere nobili come i miei, eppure, proprio attraverso il suo esempio, quando era riuscita a superarmi in pozioni, la disciplina che era il vanto di Sherton e Meyer da generazioni e generazioni, appresi che a volte il sangue e la nobiltà non sono tutto. Arrivai al fiume proprio mentre il bastardo usciva di casa, arcigno e rubicondo, sbattendo la porta, mani in tasca e berretto calato sugli occhi, il corpo ricurvo su se stesso. Come aveva fatto a perdersi per un relitto come quello? Accesi un sigaro e aspettai sul ponte, mi passò vicino, l’olezzo di alcolici di bassa qualità m' intorpidì le narici, avrei voluto schiantarlo all’istante, rielaborargli il cervello e rimetterlo in libertà: così era già un’ameba, magari riuscivo a trasformarlo per lo meno in un essere umano! Il pullman che doveva portarlo al lavoro lo inghiottì rapidamente, dopodiché io attesi impaziente che sparisse all’orizzonte. Schiacciai nella neve fresca il sigaro e percorsi i metri che mi dividevano dalla casa: avevo esteso attorno a me un leggero "confundus", che intorpidiva per qualche istante la mente di chiunque m' avesse incrociato, non era propriamente legale, ma non era buona cosa neppure che c fosse in giro qualcuno col ricordo del mio passaggio. L’abitazione era come la ricordavo, con il vialetto tenuto in ordine, il tappeto con scritto “BENVENUTI” all’ingresso, le tendine di pizzo alle finestre. Tolsi i guanti e bussai. La via era quanto di più atrocemente babbano esistesse, ma oltre quella porta, rannicchiato, impaurito, forse ferito, c’era un bambino, e questo provocò un brivido nella mia coscienza: per quanto fosse solo un mezzosangue, una voce nella mia mente urlava che, prima di tutto, quello era un bambino dell’età di mia figlia. E alla fine, quando dopo una certa esitazione la mia mano, su cui erano impresse le nobili rune del Nord, toccò quella misera porta, avevo ormai chiaro quale fosse il mio compito, fin dove sarei arrivato perché quel ragazzino riuscisse a compiere il proprio destino.
La donna, ancora stretta nella sua vestaglia, l’aspetto sfatto di chi ha passato l’ennesima notte insonne, mi aprì, trattenendo a stento la sorpresa di vedermi; m' invitò a entrare con un cenno, ed io non mi tirai indietro, aveva ripreso a nevicare ferocemente, e il marito poteva essere non al lavoro ma nella bettola più vicina, a sbronzarsi per poi tornare da un momento all’altro, ancora più violento del solito. La seguii nell’angusto soggiorno che aveva visto tempi migliori, il mobilio rovinato, graffiato, le stoffe lacere e sporche. Su un sudicio ripiano cottura un bricco ribolliva di caffè pastoso, mi ripromisi subito di non accettare altro che acqua, poi ricordando malattie dovute alla sporcizia che avevano sterminato tanti babbani inglesi, pensai che forse avrei fatto bene a rifiutare anche quella. Mi accomodai su una sedia attorno al tavolo, dove ancora campeggiavano i resti della colazione dell’uomo: un bicchiere olezzante di whisky e una bottiglia scolata. La donna si affrettò a togliere tutto e ripulire il tavolo così che non mi sporcassi.

    “Il ragazzo?”.
    “E' di sopra, in camera sua, credo che si sia addormentato”.
    “Bene, possiamo parlare, allora.”

Annuì e si sedette di fronte a me, speranzosa e al tempo stesso a disagio. M' imposi di non guardarmi più intorno, né di indugiare su di lei: era stata una ragazza orgogliosa e suscettibile, nulla a quei tempi faceva presumere che potesse ridursi a quel modo. Si strinse ancora di più la pesante vestaglia addosso, con la mano tremante si aggiustò una ciocca corvina dietro l’orecchio, gli occhi bassi. Io allungai la mano per prendere quella che teneva abbandonata sul tavolo, a ricordo della vecchia confidenza che ci legava, lei, dopo un attimo di esitazione, mi lasciò fare.

    “Io... speravo che Dei mi avrebbe aiutata, quando avesse trovato tempo, ma… non avrei mai osato sperare che addirittura tu… e disturbarti addirittura fin qui, ora, con questo tempo! Per me!”.
    “Non dire sciocchezze, sai bene che basta un cenno… Inoltre questa storia è durata anche troppo, non riesco a capire come puoi…”.

Alzò su di me quegli occhi scuri che a volte mi avevano turbato, a Hogwarts: non era mai stata bella, ma avevo subito il suo fascino, il fascino ruvido di chi non ti adula nonostante il tuo nome, di chi non cede mai, meritando il tuo rispetto. Alla fine mi aveva persino teso una mano, sinceramente, quando ero stato io ad avere bisogno. E di questo, neppure Orion, il mio amico più caro, sapeva niente.

    “Eppure tu sei l’unico che potrebbe capire, Alshain, hanno bollato anche te come un pazzo!”.
    “Salazar! Anche alla pazzia c’è un limite, cosa credi? E ormai non siamo più dei ragazzini! Se non hai la forza di farlo per te stessa, dovresti almeno chiederti se è questo il meglio che puoi offrire a tuo figlio! Lui merita tutto questo? Non credo proprio!”.

Deglutì, sbiancandosi appena, e ritrasse la mano come le avessi dato uno schiaffo, tornando a stringere con tutte le dita il colletto della vestaglia.

    “E’ per lui che vi chiedo aiuto, infatti…”.

Inghiottii a stento, eravamo al punto; avrei dovuto prendere la decisione fondamentale, lì e subito, scegliere su quale lato del fronte volevo stare: si rimandano le decisioni fondamentali in eterno e poi di colpo, basta un solo gufo in piena notte... Mi alzai, estrassi un sigaro dal panciotto, lo accesi, raggiunsi la finestra e sollevai la tenda.

“… Preferisci che mi occupi di tuo figlio o di tuo marito?”.
"Non lo so, basta che lui non debba più sentirsi in obbligo di difendermi, non deve più accadere... ".

Rimasi alla finestra, dandole le spalle, così che non vedesse la mia espressione.

    “Potresti alterare la percezione e la volontà di tuo marito: potresti chiederlo al Ministero, testimoniando quanto è violento col ragazzo. Oppure potresti farlo da te, in certi casi non si può definirlo propriamente illegale, anche se va contro il trattato di non interferenza; e tu conosci le pozioni mi pare….”.
    “Non voglio che qualcuno al Ministero sappia, è già umiliante così... e … Salazar, che vergogna! La verità è che non pratico più, sono anni ormai, per paura… è come se una parte di me…”.
    “…si fosse spenta… Ora capisci cosa intendevo quando ti ho detto che ci rubano la nostra essenza, riducendoci a vuote larve ?”.

Mi voltai, era indifesa come 15 anni prima, quando in lacrime, a Temple Church, a Londra, mi aveva detto di essere stata cacciata di casa da suo padre anche lei, perché si era innamorata di un babbano. Quel giorno le avevo parlato da amico, perché era questo che eravamo diventati negli anni, ora però mi chiedevo se non avessi commesso un grave errore, l'evidenza dei fatti mi diceva che avrei dovuto fare di più per dissuaderla. Mi avvicinai di nuovo e l’abbracciai: Merlino se era magra, sembrava un cucciolo denutrito. Non eravamo mai più stati così vicini da quando al San Mungo mi avevano confermato che Mirzam era fuori pericolo, in seguito quello che più ci aveva uniti, era ciò che ci aveva allontanati silenziosamente tanto che, quando nacque, vidi in suo figlio solo un mezzosangue. E la cosa peggiore fu che non me ne resi nemmeno conto, né riuscii mai a spiegarmelo, completamente.

    “Farò tutto quello che mi chiederai. E Perdonami, se puoi”.

Si sollevò e m guardò, turbata, riprendendosi subito dal momento di debolezza.

    “Di cosa dovrei perdonarti? Hai detto la verità, mio figlio sta pagando per i miei errori”.
    “Non sono stato un buon amico, e tu questo lo sai, non mi sono mai preoccupato del ragazzo, non ho fatto nulla quando mi sono giunte voci, ho permesso che quell’uomo si approfittasse di te. Dovevo dissuaderti dallo sposarlo, è questa la verità!”.
    “Se mi avessi dissuaso, ora non avrei mio figlio, e lui è tutta la mia vita…”.

Annuii, sapevo cosa voleva dire, conoscevo quell’amore che t fa accettare tutto, io stesso avrei dato tutto quello che possedevo per un attimo di vita in più accanto ai miei figli.

    “Tu m hai sempre dato ottimi consigli, Alshain, sono io che non li ho ascoltati. Ed ho aspettato, per vergogna, per sfiducia, temendo che non saresti venuto. Tu invece saresti stato subito al mio fianco, proprio come hai fatto oggi”.
    “L’importante adesso è che tuo figlio non paghi ancora colpe che non sono sue, quanto a noi, renderemo conto a tempo debito dei nostri errori, ne sono certo”.

Ma non mi ascoltava più, si era staccata da me come colpita al volto, pallida, gli occhi allarmati.

    “Tu sei un mago, un mago vero, non è così?”.

Una voce nasale, intimidita, mi gelò all’istante, mi voltai e vidi nello specchio rotto dietro d me il riflesso di un ragazzino esile, ancor più smagrito nel suo pigiama slabbrato, nascosto dietro la porta che conduceva al piano d sopra; sulla sua faccia, pallida e impaurita, campeggiava un grosso livido a deturpargli la guancia sinistra. Salazar, come poteva definirsi uomo chi colpiva così il proprio figlio? Aveva gli occhi neri di sua madre, la stessa espressione acuta e sospettosa. Avrei preferito non incontrarlo, questo avrebbe complicato le cose, lo sapevo, ma ormai era andata.

    “Sì, sono Alshain Sherton, un amico di tua madre. Ora per favore torna d sopra con la mamma, lei ti dirà tutto quello che vuoi sapere. E per favore, promettile di non dire mai a nessuno, nemmeno a tuo padre, di avermi visto qui, oggi”.

Il ragazzino fece una smorfia di disgusto sentendo nominare il babbano, ma si capiva che la paura e la timidezza combattevano alla pari con una viva curiosità: non doveva avere molte occasioni per confrontarsi con gente che non fosse feccia, e probabilmente, dalla luce che aveva animato il suo sguardo, sua madre doveva avergli parlato di me e delle leggende che legavano la mia famiglia a Salazar stesso. Sparì per le scale controvoglia, seguito da sua madre a cui avevo fatto un cenno: stava a lei decidere cosa dire e cosa tacere, io avevo una semplicissima pozione da preparare, anche se mi ritrovai a distrarmi spesso. Mi tolsi il mantello e la giacca, estrassi le ampolle e gli ingredienti dalla tasca porta tutto del pastrano e per circa due ore trafficai nella cucina, dopo aver gettato un paio d incantesimi "muffliato" a porte e finestre. Quando la pozione fu pronta, non dissi nulla, non salutai nemmeno, magari ora che avevano di che sperare, erano tranquilli e finalmente si erano addormentati. Lasciai due righe di spiegazione sul filtro, con la promessa che io o Deidra saremmo tornati già durante la settimana, per prepararne ancora e per vedere se faceva il giusto effetto, o se era necessario potenziarlo. Quindi ripulii la cucina, feci sparire tutti i segni del mio passaggio e mi rivestii, uscendo in silenzio di nuovo nella tormenta.
Nel giro di pochi istanti, Eileen e Severus Snape mi videro dissolvermi nel volteggiare dei fiocchi di neve dalla finestra del piano d sopra.


*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 6
*** I.006 - HABARCAT - Dissapori ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.006 - Dissapori

I.006


Regulus Black
12, Grimmauld Place, Londra - ven. 15 gennaio 1971

Gli Sherton arrivarono sul presto, via metro polvere, un pomeriggio stranamente tiepido e soleggiato, tale da rendere ariosa e luminosa persino la nostra austera dimora: casa Black era una vera reggia, racchiusa in un palazzo di città, bellissima, ricca e nobile, ma un po’ seria, persino per me che facevo dei dettami dei miei genitori i pilastri su cui muovere ogni passo della mia esistenza. Quando apparvero dal caminetto del Salone dell’Arazzo, la luce naturale che filtrava dall’esterno attraverso i velluti e i broccati che addobbavano le finestre, sembrò intensificarsi, donando a tutte le cose, alla mia famiglia e a me una maggiore vita. Sapevo dalle storie di mio padre che la magia di Herrengton andava al di là di quella tradizionale, qualcosa che aveva a che fare strettamente con le forze della natura e il sangue degli “eletti”, e mi chiesi se magari anche quella luce fosse non soltanto una mia fantasia, ma l’effettiva espressione del loro potere, tanto ero affascinato da quelle leggende. Mia madre, in trepidante attesa, era andata subito loro incontro, abbracciando e baciando Deidra e sorridendo civettuola ad Alshain, poi, dopo aver preso per mano un’incerta Meissa, li aveva invitati ad accomodarsi per un the. Mio fratello ed io li attendevamo in piedi dietro alla poltrona su cui era seduto nostro padre, accanto al caminetto: come ci aveva insegnato papà, ci avvicinammo eleganti e aggraziati, nei nostri vestiti nuovi e più belli, Sirius in un completo blu, io vestito di grigio antracite, e rendemmo loro omaggio, facendo galantemente il baciamano alle nostre ospiti, sotto gli occhi orgogliosi dei nostri genitori e quelli divertiti di Sherton e sua moglie. Con mio fratello eravamo scesi già da oltre un’ora per essere istruiti di nuovo su ciò che avremmo potuto e dovuto fare e dire e, soprattutto Sirius, su ciò che mai e poi mai avremmo dovuto fare. Non capivo il perché, ma delle tante visite che ricevevamo, quella pareva innervosire seriamente mia madre, come se non avessimo invitato gli amici di papà, ma qualcuno che fosse più importante persino del Ministro della Magia. E notoriamente mia madre nemmeno di lui aveva alcuna soggezione! Inoltre gli Sherton in quel periodo erano venuti spesso a casa nostra, l’unica differenza era che quel giorno, per la prima volta, la figlia avrebbe accompagnato i genitori. Ed era impossibile che mia madre avesse timore di una ragazzina! Quale che fosse la ragione, da quando avevamo ricevuto il gufo in cui ci confermarono la loro presenza per quel venerdì, il pensiero degli Sherton divenne un’ossessione al 12 di Grimmauld Place. La mamma era diventata veramente maniacale nel curare i nostri aspetti, portandoci dalla sarta per provare vari vestiti nuovi e, a casa, facendoci sedere su più divani in più stanze, fino a scegliere quello accanto alla finestra del Salone degli Arazzi come scenario per quell’incontro: sembrava quasi che dovesse mostrarci nella luce migliore, come fossimo merce da vendere. E se nostra madre, in fondo, era sempre stata un po’ strana e ci aveva abituato a quelle scene surreali, questa volta nostro padre sembrava condividere le sue bizzarrie, arrivando a voler assistere alla prova dei vestiti in sartoria e dando personalmente suggerimenti e direttive su come voleva che ci presentassimo ai suoi ospiti. E ora finalmente eravamo tutti lì.
In un primo momento rimanemmo insieme nel salone, ma dopo un rapido scambio di chiacchiere e complimenti, nostro padre e il suo amico si ritirarono nello studio per parlare e fumare per conto proprio. Noi ragazzi, la signora Deidra e nostra madre rimanemmo nella stanza: io e mio fratello, come da accordi, ci sedemmo sul divano posto tra la finestra e l’arazzo, di lato a quello più lungo posto a guardare la parete su cui si accomodarono Meissa e sua madre. La mamma si arroccò di fianco alla signora Sherton, con la scusa di ammirare il bambino, ma probabilmente per avere una posizione privilegiata da cui sbirciare meglio l’aspetto, le azioni e le impressioni della ragazzina. Già a un primo colpo d’occhio le tre streghe erano una meravigliosa espressione della bellezza purosangue: mia madre era superba in un abito blu semplice ed elegante, che ne esaltava il fisico a dir poco perfetto ed era impreziosita come sempre dai suoi gioielli più belli; la signora Sherton aveva un magnifico abito ampio, verde smeraldo, elegante e sobrio, a stringere le forme ancora generose per la recente gravidanza e i capelli raccolti in uno chignon morbido, che metteva in risalto il candore della sua pelle e il collo da cigno, su cui faceva bella mostra di sé un medaglione con le serpi d’argento e smeraldo di casa Sherton. Sua figlia infine, come avevo già intuito la notte di Yule, sembrava un angelo, con i capelli raccolti in una treccia corposa, corvina, e il fisico minuto chiuso in un bell’abito borgogna. Per evitare di fare figuracce osservandola con insistenza, finsi di studiare l’arazzo che era appeso alla parete accanto a me: quell’intreccio di nomi, volti e date era la dimostrazione di come, benché ormai alla lontana, fosse il sangue, nobile e puro, oltre all’amicizia, a legare saldamente le nostre famiglie. Eppure non riuscivo a mantenere a lungo i miei proponimenti, non riuscivo a fare a meno di guardarla, di sottecchi o apertamente, e sentivo che le guance mi diventavano color rubino ogni volta che intercettavo i suoi occhi o che qualcuno nella stanza sembrasse intuire i miei pensieri. Il fatto era che non avevo mai visto una ragazzina così bella, certo le figlie di zia Druella erano giovani donne meravigliose, Bellatrix in maniera particolare era, secondo me, una gioia per gli occhi e forse la figlia di Sherton mi aveva colpito proprio perché aveva gli stessi colori della mia cugina più grande. Con, in più, quegli straordinari occhi verdi da cui a fatica riuscivo in quel momento a staccare lo sguardo.
Meissa si era seduta in silenzio sul divano di fianco al nostro guardandosi attorno curiosa, osservando attentamente noi, ma attratta soprattutto dall’arazzo su cui era ricamato l’albero genealogico della mia famiglia: immaginavo come dovesse sentirsi di fronte alla manifestazione della purezza e della nobiltà dei Black, anche se sapevo benissimo che la sua famiglia era una delle pochissime in Gran Bretagna a essere al nostro livello. Quando ci guardavamo, io cedevo sempre per primo, mentre lei sembrava sostenere tranquillamente il mio sguardo con aria impassibile, anche se avrei scommesso che volesse sorriderci, persino a Sirius, che aveva la solita faccia da idiota e non capivo se volesse deriderla, mettendo tutti quanti noi in imbarazzo, o per una volta avesse trovato chi suscitasse anche in lui l’orgoglio di essere un Black, che pareva non attecchisse mai in quella sua mente malata. A dire il vero ultimamente mio fratello sembrava essersi dato una calmata, e questo, unito al fatto che ora avevo una stanza tutta mia, aveva significato per me lunghe settimane di pace lontano dai guai che creava lui. Certo, non averlo più accanto, notte e giorno, significava anche annoiarsi più spesso e sentirsi a volte più soli, ma alla lunga era un prezzo equo per la tranquillità che ne avevo guadagnato: era meraviglioso sapere che non sarei più stato punito a causa sua! Smisi di preoccuparmi di mio fratello, che al momento manteneva quel basso profilo che nelle ultime settimane gli aveva garantito l’impunità, parlando solo se interpellato, lanciando sorrisi e fugaci occhiate interessate alla ragazzina, forse aspettandosi di riceverne a sua volta, invano.
La mamma in quel momento stava chiedendo a Meissa se trovava il Wiltshire bello come la sua Scozia e la ragazzina, abbastanza impacciata, non riusciva a essere convincente affermando che si stava divertendo. Sembrava proprio a disagio quando nostra madre la guardava e le rivolgeva la parola, e questo pareva mortificarla parecchio, ma io sapevo che persino alcuni adulti si sentivano in difficoltà con Walburga Black, e se solo fosse stata una cosa opportuna, le avrei detto apertamente di non preoccuparsi di nulla, perché tutti noi, in quella stanza, la trovavamo semplicemente deliziosa. Non potendo farlo mi limitai a sorriderle, ricevendo a sorpresa un sorriso come risposta: era bellissima, era davvero un angelo sceso a Grimmauld Place per rendere ancora più meravigliosa la mia vita già perfetta. Fu allora che voltandomi verso mio fratello mi accorsi della sua espressione strana, lo conoscevo abbastanza bene da capire che ne stava studiando una delle sue e mi si gelò letteralmente il sangue: avendo per anni subito ogni serie di dispetto, sapevo quale mente bacata si nascondesse dietro quell’aria da bravo ragazzino, e purtroppo, a parte i miei genitori che l’avevano inquadrato perfettamente, nessuno riusciva a credere che fosse una tale calamità. Piccoso com’era, c’era da aspettarsi che stavolta tirasse un brutto scherzo alla piccola Sherton, mettendoci tutti in ridicolo e magari mandando a monte la vacanza in Scozia, solo perché lei aveva sorriso a me e non a lui. Così, quando nostra madre e la signora Sherton ci diedero il permesso di invitare Mey a giocare con noi nella stanza a fianco, mi preparai al peggio.

    “Se vuoi puoi venire di sopra, il tempo che andiamo a prendere i giochi!”.

Aveva già fatto quattro o cinque gradini e la guardava con occhi invitanti, la tipica faccia con cui in genere abbindolava chi non lo conosceva, ma Meissa restava nell’ingresso, sembrava perplessa.

    “Ma Sirius, non possiamo…”.
    “Non badare al moccioso, dai, vieni!”

Sirius sapeva bene quanto me che non avevamo il permesso di invitare nessuno di sopra, né tanto meno mi sembrava conveniente che Meissa si avventurasse in casa d’altri senza il permesso di sua madre. La ragazzina sembrava combattuta, si guardò un paio d volte attorno, rivolgendo l’attenzione allo studio da cui arrivavano le risate di mio padre e di Alshain, e all’ingresso della sala in cui avevamo lasciato le nostre madri. E soprattutto aveva guardato poco entusiasta il portaombrelli all’ingresso e la cupa scalinata da cui facevano capolino ritratti di antenati e teche, in cui erano conservati, lei non poteva ancora saperlo, le teste mozzate di numerosi elfi che avevano servito la famiglia Black. Fu probabilmente il ghigno canzonatorio di Sirius a convincerla, perché all’improvviso, senza dire una parola, iniziò a salire i primi gradini: a quanto pareva non era il tipo che lasciasse cadere le sfide, o che volesse farsi etichettare come una ragazzina paurosa. A quel punto, poiché ormai tutto stava andando a favore di mio fratello, invece di far intervenire la mamma, decisi di raggiungerli e con un paio d balzi, dopo essermi portato al suo fianco, la sorpassai di qualche gradino, così che se davvero Sir aveva in mente qualcosa, sarei riuscito a interferire. Non che mi preoccupassi dei guai in cui poteva cacciarsi, ma non volevo assolutamente che Meissa pensasse male di tutti noi. Inoltre, se davvero mio fratello avesse fatto il matto, come temevo, se avessi subito al posto di Mey la pazzia di Sirius, sarei apparso agli occhi di tutti come un eroe, e questo mi avrebbe ripagato ampiamente anche dal prendermi un pugno sul naso o sopportare uno qualsiasi degli stupidi scherzi di quella canaglia. Iniziai a rallentarla e distanziarla da mio fratello, facendo il cicerone e raccontandogli qualche aneddoto buffo su alcuni dei nostri antenati che stavano russacchiando nelle loro cornici dorate, avendo ben cura che mai il suo sguardo finisse su qualche orrida testa d’elfo: fui talmente bravo, per un po’, che non solo riuscii a catturare la sua attenzione, ma di fronte alla trisavola Ursula e al vecchio Phineas, che dormivano letteralmente a bocca aperta, finimmo col ridere sonoramente, allietando la cupa scalinata, disturbando parte del parentame dipinto, e probabilmente facendo infuriare ancora di più mio fratello, che stava ormai un piano più in alto rispetto a noi.
Mi sentivo il più felice della terra, Meissa oltre a essere graziosa era anche simpatica e gentile ed io iniziai a lanciarmi nei sogni che ormai dalla notte di Yule caratterizzavano completamente le mie giornate. Come figlio di Orion e Walburga Black a dieci anni io avevo già tutto, ricchezza, bellezza, purezza, fama, reputazione. Sfruttando l’amicizia che ci legava agli Sherton, sapevo che un giorno, se solo l’avessi voluto e chiesto, mio padre avrebbe potuto intercedere per me presso il suo migliore amico ottenendo la mano di sua figlia per me. Era così che avveniva nelle famiglie come la nostra. E lei, la ragazzina che era già ora nelle mire e nei sogni di metà delle famiglie purosangue del mondo magico, a quel punto sarebbe stata al mio fianco per tutta la mia vita, rendendola meravigliosa, proprio com’era meraviglioso quel preciso istante. Nulla rendeva quel sogno privo di fondamento, vero, ma esisteva un unico, semplice e inesorabile dettaglio che poteva vanificare tutto, e in quel momento si trovava dieci scalini avanti a me: mio fratello, Sirius Black. Era lui il maggiore, quindi era lui l’erede della nobile casata dei Black, e questo era già un ostacolo non da poco, inoltre, se crescendo non avesse migliorato il pessimo carattere che si ritrovava, poteva costituire una specie di bomba a orologeria per la reputazione di tutti noi.
Fu così che mi distrassi. Pensando ai danni che poteva fare mio fratello al mio futuro. E proprio allora Sirius mi chiamò dal pianerottolo di sopra, io m sporsi, Meissa si voltò per vedere cosa volesse mio fratello e finì col trovarsi accanto al muro all’altezza dell’antenato Arcturus, che urlava smodatamente quando vedeva estranei avventurarsi fino al suo cospetto senza essergli prima stati presentati degnamente. A peggiorare il tutto, il ritratto era posto di fronte a una testa di elfo particolarmente orrida, Rubidius, sacrificato alle ire di mia madre poco prima della mia nascita. Tutto avvenne in pochi istanti, lo zio dal ritratto ululò, costringendo Mey a passare vicino all’elfo decapitato: la vidi sorpresa e sconvolta dalle urla, mettere a fuoco gli orridi resti del domestico e farsi pallida, incapace di pronunciare una qualsiasi parola. Al contrario di quanto temevo, non urlò isterica, né si mise a piangere, spaventata, era solo pietrificata dallo shock. Non riuscii a far altro che sussurrarle un timido “Scusa”, che forse nemmeno sentì, perché subito mia madre e la nostra ospite si affacciarono per capire cosa stesse accadendo e immediatamente la mamma m incolpò per aver attirato l’ospite lungo le scale, benché non ne avessi il permesso, mettendomi così in imbarazzo con Deidra e suo marito che era uscito, allarmato a sua volta, dallo studio di mio padre.
Intanto mio fratello era sceso dalla sua stanza con la scatola degli scacchi, si era avvicinato a Meissa, lanciandomi un’occhiata trionfale che sembrava dirmi “bravo il mio piccolo idiota!”, le aveva offerto la mano sorridente e la stava aiutando a tornare di sotto; mi si gelò il sangue quando vidi che lei gli sorrideva, anche se parecchio intimidita. Quando alla fine scesi a mia volta, sotto lo sguardo spietato di mia madre e quello sorpreso e forse deluso degli Sherton, trovai Mey seduta sul divano, ancora pallida e sovrappensiero, e Sirius seduto sul tappeto di fronte a lei, che cercava di corromperla dando fondo alla sua scorta di ciocco rane e tutti gusti +1. Mi avvicinai pentito e le chiesi nuovamente scusa, ricevendo un sorriso incoraggiante, che m risollevò dai 5 metri sottoterra in cui ero sprofondato: ora avrei potuto affrontare con coraggio e speranza anche la sala delle torture di mio padre, se ne avesse avuta una.
Il resto del pomeriggio trascorse così, ero in stato confusionale e mi vergognavo, ma nella mia mente iniziava a formarsi un’immagine; appena gli ospiti tornarono a casa, m preparai alla punizione e, infatti, rimediai da mio padre, ancora sconvolto per la figuraccia che gli avevo causato, quasi una settimana di confino in camera. Mio fratello mi guardò serafico, con una strana luce negli occhi mentre filavo per le scale, diretto in camera, dove mi tuffai nel mio baldacchino lasciando scorrere i miei pensieri. No, non era stato un caso, anche se nessuno poteva immaginarlo, la verità era che Sirius se l’era studiata da tempo, quella giornata: era cambiato, si era tranquillizzato dopo che io l’avevo colpito, lui non si era vendicato, né m aveva denunciato, mi aveva anzi ignorato per settimane. Ma solo uno stupido poteva pensare che fosse finita lì. Ed io ero stato uno stupido. No, Sirius me l’aveva fatta pagare, nel modo che finora non avevamo sperimentato mai, aveva giocato non di muscoli, come suo solito, ma d’astuzia, m aveva usato per i suoi giochetti e aveva fatto ricadere le sue colpe su di me. Era stato maledettamente bravo, non c’era niente da dire. Finita la punizione, lo vidi, dal modo in cui m squadrava di sottecchi, voleva capire se avevo intuito, ma non gli diedi soddisfazioni, mi mostrai un agnellino in balia della sua follia, confuso e incredulo, ma avevo ben chiaro il suo gioco.
E nei miei sogni, ora, accanto a Meissa, volava il demone della vendetta.



*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 7
*** I.007 - HABARCAT - I Compleanni di Casa Black ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.007 - I Compleanni di Casa Black

I.007


Sirius Black
12, Grimmauld Place, Londra - sab. 23 gennaio 1971

Per il 10° compleanno di Regulus si lavorò alacremente, per giorni, al 12 di Grimmauld Place: mia madre terrorizzò gli elfi, promettendo una decapitazione di massa se le cose non fossero state di suo gradimento, e poiché cambiava idea ogni mezzora, fu un’ardua impresa per loro mantenere la testa al proprio posto. Alla fine, però, casa nostra era davvero incantevole, ed io mi sentivo stranamente felice. Scendendo la scalinata vidi le orchidee annodate da nastri di seta verde/argento lungo i corrimani, le piante che decoravano ogni angolo, le luci fatate che svolazzavano nell’aria dando un’atmosfera strana per casa nostra, solitamente lugubre persino la mattina di Natale, e mi ritrovai a odorare, rapito, le rose di vario colore che allietavano tutti i punti strategici. La festa si sarebbe tenuta nel salone più grande, ma anche la Sala dell’Arazzo era stata addobbata e arricchita di fiori e luci: non sembrava più casa mia e, se non ci fossero stati i miei, mi sarebbe sembrata straordinariamente bella. Gli ospiti arrivarono alla spicciolata: i miei nonni paterni erano arrivati la sera prima e alloggiati nella camera degli ospiti, al secondo piano, i nonni materni si presentarono con zio Cygnus, zia Druella e Bellatrix. Zio Alphard apparve via camino e subito si imboscò con Crabble e Lestrange, elegantissimo, accompagnato da moglie e figli. Zia Lucretia e i parenti MacMillan arrivarono quasi per ultimi, in contemporanea. Mia madre era radiosa ma anche tesa, perciò decisi di apparire quando ero chiamato, e sparire se era la cosa migliore da fare: sembrava preoccupata per qualcosa, come se dalla buona riuscita di quella festa dipendesse la sua stessa vita, il che era assurdo perché era solo il compleanno di un bambino. Quando arrivarono gli Sherton rimasi piacevolmente meravigliato dal vedere la figura, peraltro abbastanza scocciata, di Mirzam: lo stato mentale di mia madre era peggiorato ulteriormente, presa tra l’entusiasmo per una presenza tanto attesa e la paura che qualcosa andasse storto. Lasciai da parte rapidamente queste considerazioni e feci la mia comparsa, ufficialmente per la gioia dei miei genitori, in realtà nella vana speranza di potermi accaparrare un po' dell’attenzione di Sherton o di suo figlio. Mio padre, non si sa per quale motivo già entusiasta di suo, ci sorrise orgoglioso quando vide me e mio fratello apparire senza bisogno di essere richiamati con urla o minacce, elegantemente e perfettamente vestiti, deliziosi nei gesti e nelle carinerie che facemmo agli ospiti, e galanti soprattutto con Deidra e sua figlia, Regulus per cancellare la sua bravata, io per consolidare il vantaggio acquisito una settimana prima.

    “I miei giovani Black!”.

Papà si mise tra mio fratello e me, poggiando raggiante le sue mani ingioiellate sulle nostre spalle, mentre salutava il suo migliore amico e la sua famiglia. Rivolsi loro il mio sorriso migliore ma mi resi subito conto che Meissa era completamente presa da Bellatrix, che la squadrava con un ghigno da belva, peggiorato ulteriormente quando vide mio fratello farsi avanti con aria contrita e in mano un mazzo di Aspodelus, i fiori del perdono. Per il resto della giornata, mentre l’attenzione di tutti era rivolta a mio fratello, cui furono regalati libri, dolci, giochi, denaro e alcuni oggetti particolari, come l’antico orologio da taschino di nonno Pollux, l’orrida collezione di boccette di zia Lucretia e la mia maestosa scatola di Dulcitus, mi godetti l’ottimo buffet e il succo di zucca, nel disinteresse generale, chiacchierando con zio Alphard, nonno Arcturus e ammirando Alshain, che ogni tanto mi rilanciava delle occhiate complici: ridacchiai tra me, osservandolo in quella folla di Black, sembrava un unicorno capitato in mezzo a un branco di ronzini. Mirzam, preso da una discussione divertente con Rodolphus Lestrange, di cui scoprii essere un buon amico, si teneva lontano dalle grinfie di mia madre, che non gli staccava gli occhi di dosso, e rifuggiva, chissà perché, la famiglia di zio Cygnus, evitando con particolare cura mia cugina Bellatrix.

    “Tua madre ti cerca, tesoro”.

Nonna Melania, stupenda nel suo abito turchese pieno d pizzi, mettendomi una mano ossuta sulla spalla, mi spinse attraverso la sala fino a mia madre che, seduta in poltrona, teneva banco tra le nostre ospiti più importanti, investendole con la sua falsa risata. Seduta dietro a sua madre, Meissa aveva un’espressione insofferente almeno quanto la mia, e sorrisi tra me e me, immaginandomela mentre sputava in faccia a Malfoy, quando mia madre mi riportò bruscamente alla realtà.

    “Sirius caro, invita la piccola Meissa a rivedere l’arazzo dei Black, temo si stia annoiando ad ascoltare noi vecchie comari...”.

Si rivolse a me con voce flautata, ridacchiando, ed io rischiai quasi di strozzarmi con la poca saliva che avevo in gola, imbarazzato e terrorizzato, quando Deidra fece cenno a sua figlia, dall’espressione interdetta almeno quanto la mia, di seguirmi nell’altra stanza.

    “Non fate i timidi, giocavate assieme anni fa, come dei veri demonietti, ricordi Deidra? Per me c’è un motivo se questa bellezza è venuta al mondo un mese dopo la nascita dell’erede dei Black!”.

Vidi Regulus sbuffare a quelle parole e non potei che trovarmi d’accordo con lui: come se non bastasse mia madre, nonna Irma ci mise del suo, facendo sì che Meissa le lanciasse uno sguardo carico d’odio, prendendo la mano che gli avevo porto non troppo convinta: appena mi passò accanto fui inebriato dal suo profumo di fiori; aveva una scamiciata verde scuro, vaporosa, sopra un abitino bianco di pizzo, con le maniche lunghe fino ai polsi e la gonna che arrivava a lambirgli le scarpe, cinta alla vita con una fascia di seta argentata, i capelli erano intrecciati, lasciando scoperto il viso dai tratti delicati. Al collo portava un ciondolo d’argento, due serpenti avvinghiati per le bocche, tra le quali era serrato uno smeraldo, sulle mani, oltre alle rune, spiccava una piccola fedina d’argento, antica, su cui era inciso lo stemma degli Sherton. Scivolammo fuori della stanza, sotto lo sguardo di tutti, i brusii compiaciuti di nonno Pollux e lo sguardo non troppo soddisfatto di suo padre: quando compresi quale fosse l’idea che serpeggiava tra gli ospiti, divenni porpora e m’impuntai non appena fuori dal salone. A peggiore il senso di soffocamento, Meissa mi guardava come fossi un pesce palla al punto che avrei desiderato solo correre in camera mia, a barricarmi dietro tonnellate di mobili. Ma sospirai e mi rifugiai nella galanteria, mio padre mi aveva insegnato perfettamente cosa ci si aspettava da un Black. E se avessi fatto disastri stavolta non mi avrebbe salvato nessuno dalla sua ira.

    “Hai sete? Kreacher ci porterà dell’altro succo di zucca, o qualsiasi altra cosa tu desideri”.

La guardai speranzoso, cercando di comportarmi come se fosse una situazione normale, non il peggiore test che mia madre potesse farmi di fronte a tutti. Meissa annuì e mi sorrise, io chiamai l’elfo e gli dissi di portarci del succo nel Salone dell’Arazzo, poi galantemente l'invitai nella stanza: quando entrai, mi accorsi con sgomento che non c’era nessun altro oltre a noi due, mia madre aveva organizzato la sua trappola per bene.

    “Come hai visto l’altro giorno, questo è l’Arazzo con tutti i componenti della famiglia Black, se vuoi te lo illustro”.

Indicai la parete di sinistra da cui si dispiegava in senso orario il nostro albero genealogico, poi mi ritrassi alle sue spalle, lasciandole la libertà di studiarlo come voleva, ma rimanendo comunque vicino se avesse voluto chiedermi informazioni: lei avanzò verso la parete, scorse lungo l’intera lunghezza, dandogli una rapida occhiata e, arrivata alla fine, si voltò con cipiglio aristocratico e autoritario. Mi preparai a recitare la storia che avevo propinato a vari altri ospiti nel corso degli ultimi mesi, sperando di non diventare rosso pomodoro sotto il suo sguardo altezzoso.

    “Le nostre famiglie…”.

Andai a indicare una delle zone più antiche, dove era ricordato un matrimonio che aveva legato gli Sherton ai Black nel XVI sec. Mi bloccai subito, non mi sembrava nè impressionata nè interessata, era anzi annoiata e inacidita per qualcosa. Mi diede di nuovo le spalle dirigendosi verso la finestra da cui suo padre, alcuni mesi prima, aveva osservato Londra sparire tra le nebbie, rientrando nella nostra vita dopo anni.

    “Guarda che lo so. Nel 1578 Iris Black sposò Reginald Sherton ed ebbero un figlio, Donovan Sherton, da cui deriva la mia famiglia, dal fratello di Iris, Castor Black, attraverso Phineas Nigellus Black, deriva doppiamente la tua. Recentemente ci siamo imparentati attraverso i MacMillan, tua nonna è la cugina di primo grado di mia nonna, Ryanna Meyer, tu e tuo fratello siete perciò miei cugini di terzo grado. Anche a Herrengton abbiamo questi arazzi, e l’altro giorno mi sono già annoiata a sufficienza a fingere di studiarlo. Perché tua madre ci ha spedito qua?”.

Sorrisi: non era arrogante con me, era infuriata con mia madre, proprio come me. Scoprire che arrossiva per rabbia, non per paura o vergogna, davanti alle macchinazioni di Walburga Black, me la fece sentire simile a me e l'ammirai: l’inizio era stato ruvido, la settimana prima, vedendola fare la smorfiosa con quel cretino di mio fratello, aveva perso molti punti ai miei occhi, ma ora mi accorgevo che avevamo qualcosa in comune, che potevamo essere amici, ne ero più che certo.

    “Li hai sentiti anche tu... io sono il primogenito di Orion Black e tu la preziosa figlia del suo migliore amico, e in questo momento, tutti i nostri parenti e tutte le persone che contano nel mondo magico sono di là a discutere del fatto che ci hanno visto andarcene via da soli, e staranno facendo duemila congetture su un nostro futuro glorioso”.
    “Starai scherzando! Mio padre non è uomo da fare o subire questi stupidi scherzi!”.

Mi guardava rossa in viso, con gli occhi che, se avessero potuto, mi avrebbero incenerito, saettando fiamme.Io volevo solo rassicurarla che la pensavo allo stesso modo, al contrario dei miei.

    “Il tuo magari no, ma puoi star certa che i miei adorano questi scherzi. E ti assicuro anche che per mia madre questi sono tutt’altro che scherzi”

Le offrii del succo, lei mi guardò perplessa, poi le apparve un ghigno sarcastico. Non bevve.

    “L’altro giorno l’avevo già intuito, ma ora so per certo che tu sei davvero come dice tuo padre!”

Arrossii mentre sorrideva strana: era un commento di mio padre che per una volta non aveva una valenza spregiativa o forse, anche per lei, il disprezzo di Orion Black era motivo di vanto? Provai a indagare, ma qualcosa mi diceva che forse avrei dovuto lasciar correre, non era saggio cercare di sapere cosa mio padre diceva di me agli estranei.

    “ Ovvero?”
    “Un ragazzino viziato e arrogante, che si crede di essere chissà chi. E ho visto benissimo da me cosa sei, nient'altro che un piantagrane, sei stato tu a mettere nei guai tuo fratello l'altro giorno!”.

Mi sembrò di avere addentato un limone: Salazar, allora l'avevo giudicata bene fin dal primo momento, quando avevo concluso che era graziosa, vero, ma tanto altezzosa da essere sospetta. E ora vedevo che era proprio così. Era identica ai miei, non era come suo padre.

    “Hai le idee confuse, Sherton se ti avveleni per i giochetti di mia madre e poi le dai ragione quando m considera un arrogante viziato!”
    “Parlo di tuo padre non di tua madre!”.
    “Allora, oltre che odiosa, sei pure tarda, se non capisci che quei due sono fatti della stessa pasta! La tua!”.

Non seppi se e cosa aveva da rispondermi, zio Alphard ci interruppe per dirci che dovevamo tornare nel salone: era il momento della torta. Mai interruzione fu più gradita, me ne andai di volata, lasciando da parte tutte le raccomandazioni dei miei e le norme e le etichette che apprendevo da anni. Per me, quella là, poteva anche andarsi a fare... un giro nel Tamigi! Per il resto del pomeriggio l’evitai come la peste, calorosamente ricambiato. Avrei dovuto passare l’estate con quell’arpia in miniatura? Merlino! Sarebbe stato come restare a Grimmauld Place! Fu allora che me ne resi conto: nulla mi garantiva che ora non sarebbe corsa a lamentarsi di me con Alshain, lui avrebbe ritirato l’invito e papà m avrebbe punito! Mentre mi angosciavo sempre di più, mio fratello trovò il modo di farle dimenticare la disavventura della settimana prima tanto che, fino a cena, rimasero a giocare a scacchi davanti al caminetto, mentre gli ospiti bisbigliavano del loro affiatamento e della mia aria da cane bastonato. Se non avessi rischiato la ghigliottina, avrei attuato un paio di micidiali vendette per rivalermi di tutti loro! Razza di cariatidi mummificate!

    “Sirius va a chiamare tuo padre e il signor Sherton, sta per essere servita la cena”.

Mi riscossi dai miei pensieri fumosi ed eseguii entusiasta gli ordini di mia madre, per mettere più distanza possibile tra me e l’orrida congrega: avevo ascoltato alcuni che dicevano che mi stavo facendo bello ed elegante, ma che avevo anche un pessimo carattere ed ora sentivo ribollirmi il sangue nelle vene. Mi avviai risoluto verso lo studio, al primo piano, a cui di solito non potevo neppure avvicinarmi: non mi ero accorto che Sherton e papà si erano ritirati in privato a fumare i loro sigari babbani, ma potevo comprenderli, era impossibile stare troppo a lungo in mezzo a quegli spaventapasseri senza avere crisi di rigetto.
Quando arrivai al pianerottolo mi fermai, si sentivano le loro voci oltre la porta, priva di protezioni muffliato e non sapevo cosa fare, restare ed essere accusato di spiare o entrare e disturbare. In entrambi i casi, mio padre aveva una buona occasione per punirmi, erano ormai settimane e settimane che non gliene davo più motivo. Attesi. La voce di Alshain si librava, ansiosa per qualcosa.

    “... per questo preferisce evitare chiunque: era un interesse serio il suo, ed io avevo accolto con gioia una prospettiva del genere, Salazar, poteva essere una soluzione perfetta! Così giorni fa, per assicurarmi che il padre non avesse già altri piani, sono andato a parlarci, non mi piace intromettermi, ma per Merlino! se non mi espongo per lui, per chi altro? Il padre, quando ha capito cosa volevo proporgli, mi ha guardato in lacrime, pieno di vergogna, e mi ha raccontato la verità, stava per prendermi un colpo all’istante e ancor peggio è andata quando ho dovuto riferirlo a Mirzam: è stato umiliante per entrambi, ammettere interesse per una ragazza che ... non farmelo nemmeno ripetere, per piacere!”.
    “Ti giuro che non avevo idea che fosse lei, Al, se avessi saputo! Ora penserai che volessi trascinare tuo figlio, il mio figlioccio in una situazione indecorosa! Ma te lo giuro…".
    “No, no, Orion, so bene che non avresti mai fatto volontariamente qualcosa che lo danneggiasse! non t accuso di niente, ci mancherebbe”.
    “Salazar, se non fossi stato così ottuso. E anche Walby! Eravamo convinti che fosse restio a esporsi per il carattere impetuoso della ragazza. In fondo però, fisicamente si assomigliano, sono sorelle…e…".
    “Ti ho già detto perché m opporrei all'altra, Orion, sono motivi seri che dovresti comprendere da te. E col padre ci siamo lasciati in amicizia, perciò chiudiamo qui questi discorsi, che col tempo potrebbero generare malintesi anche tra di noi”.
    “Hai ragione, la sorte di quelle ragazze infondo è problema del loro padre, non mio, io ho già i miei figli di cui occuparmi… Mi spiace solo che Mirzam abbia dovuto soffrire per quella snaturata!”.
    “Non crucciarti per lui, Orion, sarà presto solo un brutto ricordo, mio figlio ha il Quiddicht e tornerà presto sereno. Da te, però, voglio una cosa importante: devi promettermi che metterai un freno a tua moglie, non voglio che giochi ancora con i miei figli, per nessun motivo.“.
    “Lo sai che non posso impedire a mia moglie di macchinare, ma ti farò sapere qualsiasi cosa gli passi per la testa.”.
    “Vedrò di farmelo bastare, per ora…. Naturalmente, mi aiuterai anche a mandare a monte i suoi piani, se non sono di mio gradimento”.

Non sentii la risposta di mio padre: la porta si aprì di colpo e mi ritrovai di fronte a Sherton, sbalordito di vedermi, seguito da papà, poco contento d avermi trovato là dietro. Dovevo avere la faccia inebetita tipica di chi si è fatto beccare ad ascoltare tutto, senza capirci nulla.

    “Cosa ci fai qua? Piccolo ficcanaso! Lo sai che devi girare alla larga dal mio studio!”.
    “Io…. La mamma mi ha detto…per la cena…”.
    “Salazar! Non sa nemmeno spiccicare una parola di senso compiuto! Vedi perchè ti dico che mi fa sempre vergognare!?”.
    “Orion, sei tu la vecchia capra sorda! Tuo figlio ci ha portato un messaggio di tua moglie, aspettano noi per servire la cena! Andiamo Sirius, ho qualcosa per te…”.

Alshain mi sorrise e si sfilò dal panciotto un libercolo pieno di appunti scritti fitti fitti.

    “E' un prestito, me lo renderai a Herrengton; nel frattempo cerca di trarne beneficio!”.

Guardai la prima pagina, era una raccolta di incantesimi scritti da Alshain in persona: persi subito interesse per quanto avevo ascoltato, per Meissa, per mio fratello, là dentro c'erano cose meravigliose. Lo ringraziai: come al solito quell'uomo era riuscito a riportare il sole tra le ombre della mia vita.
Il resto della serata scivolò velocemente, tra brindisi, chiacchiere, risate, solo l’occhiataccia che si scambiarono i miei non prometteva nulla d buono. Quando la maggior parte degli ospiti tornò alle proprie dimore, e in casa rimasero solo i parenti più stretti, entrai nel Salone dell’Arazzo per salutarli, deciso a salire di sopra quanto prima: ero stanchissimo. Notai che Zio Cygnus aveva una faccia funerea e zia Druella sembrava sul punto di piangere, Bella stava alla finestra, con il solito cipiglio altezzoso, zio Alphard osservava il bicchiere di whisky, zia Lucretia andava avanti e indietro stringendosi le mani convulsamente, i nonni, gravi e arcigni non sorridevano più.

    “Prima che saliate di sopra, ragazzi, c’è una cosa importante che dobbiamo dirvi. Sedetevi.”.

Io e Reg ci guardammo e andammo a sederci sul divano, nostro padre si mise seduto, a capotavola, i gomiti sul legno antico, le dita delle mani intrecciate a sostenere il viso, gli occhi persi nell’arazzo. Era pallido, più vecchio di quanto non fosse.

    “Abbiamo aspettato, abbiamo pazientato, ma ora è il momento, o la vergogna ricadrebbe pesantemente su tutti noi. La decisione è presa. Andromeda non fa più parte della nostra famiglia, non è più figlia di Cygnus e Druella, non è più una Black. Per tutti noi non è mai neppure esistita”.
    "NO!".

Balzai in piedi, con le lacrime agli occhi, i pugni serrati sulla stoffa dei pantaloni, tremavo e guardavo supplice tutti loro, perché dicessero che non era vero. Reg mi guardò incredulo, nel silenzio generale, mia madre si avvicinò, e ci abbracciò, stringendoci forte al suo seno, ci avevano detto in passato cosa significasse quella formula, quando guardando l'arazzo avevo chiesto il significato di alcune macchie sul tessuto. E ora lo vivevo con i miei occhi. Nostro padre si alzò, si avvicinò alla parete, estrasse la bacchetta e fulmineo bruciò il viso di Andromeda, cancellandone anche il nome dall’arazzo.

    “Questo è il destino che attende chi tradisce il sangue dei Black: esilio e oblio”.

Poche, secche parole, pesanti come macigni: zia Druella non tratteneva più il lamento da bestia ferita. Nonna Irma la soccorse, uno dei pochi gesti di compassione che le vidi fare in tutta la mia vita.

    “Druella, Druella, respira, Salazar…. Kreacher portaci dell’acqua!”.
    “Tutte queste storie per una sporca traditrice del sangue!”.

Bella si voltò, gli occhi ardevano come fiamme, il ghigno le deformava i tratti del viso.

    “Come potete piangere per lei? Per una che giorno dopo giorno si fa disonorare da un sangue sporco, sputando sulle proprie origini! Per una che forse ha già nel ventre un bastardo mezzosangue, figlio della feccia! E' fuggita d casa, ha svergognato tutti noi e ancora, madre, tu piangi per lei?”.

Regulus si mise a frignare, nascondendo più a fondo il viso nel seno di nostra madre, le mani a tapparsi le orecchie, io guardavo Bella, con odio.

    "Stai zitta! sei solo una bugiarda! Smettila! Smettila!".

Non riuscivo a trattenermi più, volevo divincolarmi da mia madre, saltarle addosso e graffiarla, morderla, farla smettere di dire quelle bestemmie, ma l'unica cosa che riuscivo a fare era piangere e distruggermi nei singhiozzi.

    “Ora basta! Per Salazar, smettetela tutti e due! E tu, almeno tu, porta rispetto per il dolore d tua madre!”.

Zio Cygnus prese Bella per un braccio per trascinarla via e farla smettere, ma lei urlò più forte contro di me, deridendo il mio attaccamento per Meda. Ormai nessuno pensava più al compleanno di mio fratello, alla buona riuscita di quella giornata, io avevo lo stomaco chiuso, sapevo che, una volta solo, avrei pianto fino a vomitare l'anima. Tutte le domande avevano trovato le risposte: ora sapevo cosa turbava mia cugina, perché era scomparsa, perché la consideravano peggio che morta. Aveva tradito il nostro sangue, aveva sputato sulla nostra purezza, amando un sangue sporco: per alcuni, meritava la morte, per me.... non sapevo cosa pensare, per ora provavo solo dolore, perché non l'avrei più vista. Mai più. Mi rendevo conto dell’enormità di quello che era successo, e qualsiasi cosa avessi detto o fatto, la furia dei miei in quel momento mi avrebbe spazzato via, perciò mi chiusi nel mio dolore, sentendo però in me quella voce che da mesi faticavo a far tacere, una voce che gridava che era così che si doveva fare: rinunciare a tutto per il vero amore e la libertà. Attorno a me regnava il caos: zio Cygnus sbraitava ancora contro Bella, sfogando il dolore e la propria vergogna prendendosela con le parole irriguardose d sua figlia; zio Alphard e zia Lucretia erano attoniti, ma anche sollevati che non fosse capitata loro una disgrazia simile. I nonni piangevano. Zia Druella, pallida, sul punto di svenire era sostenuta da mia madre, che la accompagnò al divano, lì si accorse che eravamo ancora tra i piedi, così ci intimò di andarcene: avevamo assistito alla lezione, altro non dovevamo ascoltare.

    “Andate di sopra e riflettete sulla vergogna che si è riversata sulla nobile casata dei Black per colpa di quella snaturata! Ora da ciascuno di voi due, perchè è su di voi che poggia il futuro della nostra famiglia, ci si aspetta un segno forte: dovete dimostrare con la vostra vita che il nostro sangue non si è indebolito, che Noi siamo ancora “TOUJOURS PUR”, non dimenticatelo mai!”.

Salendo li sentii ancora discutere, nonno Pollux diceva a mio padre che per lo meno questa disgrazia era servita a dimostrare che io fossi a posto, visto che avevo appreso la notizia decisamente male, dimostrando tutto il mio disgusto per quella faccenda. Ero nauseato da tutti loro, era questo quindi il modo per ottenere il loro consenso, rinnegare l'unica persona della famiglia che m avesse amato mai... Mi facevano schifo, tutti, indistintamente. E quando sentii mia madre mi si gelò il sangue: quale devastante odio dimorava nel sangue dei Black? Mi rigirai nel letto per ore, insonne, piangendo e tremando d paura, con la voce di mia madre e dello zio che mi rimbombavano nelle orecchie.

    “Cygnus, sei un Black, non si torna indietro! Mi sono esposta in prima persona, per l’onore della tua casa, ma non è servito a nulla, anzi, per quella maledetta ho messo a rischio persino i miei piani! Se qualcosa andasse storto, se perdessi quanto m spetta a causa di questa storia, ricordati che tua figlia me la pagherà e tu non ti intrometterai! E' chiaro?”.
    “Puoi fare quello che vuoi, Walby, davvero, puoi anche ammazzarla come un elfo qualsiasi se ti diverte, io ho solo due figlie ormai, il resto per me vale meno della feccia!”.


***

Sirius Black
Zennor, Cornwall - dom. 21 febbraio 1971

Quando Kreacher entrò ad aprire le tende gli avrei volentieri tirato un pugno sul naso: stavo sognando di essere un famoso cercatore di Quidditch, che sollevava la coppa attorniato da una folla rumorosa e festante, una folla che mi chiamava solo Sirius, non Sirius Black. Stiracchiandomi tra le lenzuola di seta, guardai fuori: dopo settimane finalmente da qualche giorno non nevicava più, c’era anzi un bel sole alto nel cielo, a indicare una giornata rigida ma luminosa. Era il giorno della festa per il mio compleanno, avrei compiuto 11 anni l’indomani. Già da un paio di giorni eravamo a Zennor, la residenza estiva dei Black, nel Cornwall, dove erano stati invitati letteralmente tutti, per un ricevimento che, a detta di mia madre, sarebbe stato sulla bocca del mondo magico per almeno 20 anni, il tempo necessario a regalare a mia volta ai Black un erede. Inutile dire che la sola idea di tutto ciò mi mise addosso un senso di profonda disperazione. Non era solo colpa sua: nonostante il calendario dicesse che dovevo essere felice, non sapevo cosa provavo, preso com’ero tra pensieri tutt’altro che piacevoli. Dopo quanto era accaduto al compleanno di mio fratello, era stato un mese per me difficile, dovevo fingere di non essere triste, dovevo fingere di disprezzare mia cugina, e questo non era vero, anzi mi mancava sempre di più. Inoltre mi chiedevo come sarei sopravvissuto a due mesi in Scozia con Meissa Sherton: la odiavo per aver trasformato la prospettiva di una vacanza in un motivo d’ansia. Dopo quel giorno, l’avevo vista ad Amesbury, due settimane prima e la situazione era peggiorata ulteriormente. Quando arrivammo, apparve sulla scalinata simile a una principessina, con il vestito color rubino, senza maniche, sopra una tunica di pizzo, e i capelli legati in una treccia. Era odiosa, ma solo un idiota non poteva accorgersi di quanto fosse bella, così maledii me stesso per la mia debolezza, dovevo odiarla, quella piccola arpia, non farmi abbindolare da lei, come mio fratello.
Quel giorno, forse su invito di sua madre, Meissa era stata gentile anche con me, non solo con mio fratello, così alla fine mi ero fidato e li avevo seguiti nella stanza accanto a giocare, sperando di superare indenne la giornata e di far ricredere Meissa nei miei confronti: magari era solo prevenuta a causa di mio padre. Giocammo a biglie e provammo a fare piccole magie da principiante, trascorrendo serenamente quel pomeriggio almeno fino a quando, per far colpo, finii col provare una cosa letta nel libercolo di Alshain e colorai di blu la coda di Klothes, la sua gatta soriana, senza riuscire a riportare le cose come stavano. Mentre io maledicevo la mia incapacità di tenermi lontano dai guai e Reg cercava di trattenersi dal ridere, avendo dimostrato quanto fossi solo un pallone gonfiato, Mey perse il suo autocontrollo, mi urlò contro, disperata per il felino.
Deidra e mia madre, accorse per le urla, cercarono d rimediare, invano, finché la signora Sherton decise di cambiare la tonalità di grigio a tutto il pelo della gatta, sotto gli occhi disperati d Mey e la mia totale umiliazione: sarei stato per tutti, per sempre, un reietto avvelenatore di gatti da compagnia! Vedendomi afflitto, Deidra cercò di consolarmi, ricordandomi che situazioni del genere erano capitate a tutti ed io dimostravo di avere già l’inventiva tipica di un grande mago, mi mancava solo l'esperienza. Avrei voluto crederle, ma se anche fossi diventato un mago portentoso, la verità era che mai sarei stato nelle grazie dell’unica persona di cui m interessasse qualcosa! La realizzazione di quel pensiero mi spaventò, non potevo avere pensieri simili, non per quell’odiosa ragazzina, non per qualcuno che tra l’altro piaceva anche a mio fratello! Per il resto della giornata tra noi ragazzi l’aria fu elettrica: Mey voleva insultarmi, ma non poteva nulla, vista la posizione assunta da sua madre nei miei confronti, così si limitava a lanciarmi occhiate di fuoco, Regulus era preso tra il giubilo per la lezione che avevo rimediato, l’ilarità per il colore del gatto e la necessità d fingersi partecipe del dolore d Mey per approfittare fino in fondo del regalo che gli avevo fatto. Io ero schifato dall’assoluta sfacciataggine con cui aveva approfittato dei miei guai, e preoccupato per i pensieri che si stavano facendo largo nella mia testa. Tornati a casa, parlando con mio padre, appena tornato da un incontro con Lestrange, mia madre aveva descritto Meissa come futura fidanzatina di mio fratello: lo vidi compiaciuto nel sentire che tra il suo figlio più piccolo e la figlia del suo migliore amico c’era una certa alchimia, che se opportunamente favorita, poteva dare non poche soddisfazioni alla nostra famiglia. Mio fratello ascoltava compiaciuto tutto questo accanto a me, nascosti all’ombra del secondo pianerottolo, e per un attimo io pensai di considerare finita la mia vita. Rimisi a fuoco questo pensiero e mi ritrovai a rabbrividire. Cosa mi stava succedendo? Ero ossessionato da Mey, che odiavo, ma non potevo immaginare tanto vicina a me eppure irraggiungibile, perché di Reg; pressato dalla voglia di farla pagare a mio fratello, che mi guardava di sottecchi gongolante, e disperato al pensiero dell’incubo che sarebbe stata l'estate in Scozia. Finii col passare le giornate chiuso in camera mia, fingendo di studiare e lasciando in realtà vagare la mente in pensieri folli: m’immaginavo impegnato a fuggire in luoghi lontani affrontando avventure straordinarie …. ma alla fine, nella mente ,avevo sempre il viso di Meissa Sherton.
E quel giorno l’avrei dovuta incontrare di nuovo.

***

Meissa Sherton
Zennor, Cornwall - dom. 21 febbraio 1971

Odiavo Amesbury. Contavo i giorni che mi separavano dal ritorno a quella che era la mia unica, vera casa: saremmo ripartiti a metà marzo, per festeggiare il mio compleanno a Herrengton, dove m aspettavano i miei spazi infiniti, le nuvole del nord, i miei ippogrifi e le mille avventure che riuscivo a crearmi con facilità. Il Wiltshire si era rivelato una prigione piena di gente che non sopportavo; il malumore di mio padre inoltre peggiorava, sempre più spesso capitava che, leggendo la Gazzetta del Profeta davanti al caminetto, si alzasse di colpo e gettasse arrabbiato il giornale nel fuoco, borbottando, in gaelico, termini poco edificanti riferiti a un certo ”bastardo mezzosangue”. Poi filava d sopra, senza guardarci in faccia e rimanendo scontroso sempre più a lungo. La cosa peggiore però era che nelle ultime settimane avevamo frequentato spesso Walburga Black, una megera capace solo di impicciarsi dei nostri affari: sembrava avesse lasciato in pace mio fratello per concentrarsi su di me, e tenendo conto d quanto aveva detto suo figlio… Già, il suo detestabile figlio, Sirius: non mi ero mai sbagliata tanto su una persona, era altezzoso, antipatico, mi faceva i dispetti e combinava sempre guai, si era pavoneggiato davanti al suo stupido arazzo spiegandomi che sua madre aveva già pianificato le nostre vite, come se la volontà di noi Sherton non contasse nulla! E per finire, aveva anche mutilato la mia gatta! Mentre sprecavo gli ultimi mesi di libertà prima della partenza per la scuola, ero nella mia camera, a fantasticare: compiuti gli anni, mi aspettava una vita nuova, avrei sperimentato capacità che ancora non conoscevo, avrei provato la magia di mio padre, lui diceva che le mie potenzialità erano enormi, esaltate ulteriormente dall’essere nata il primo giorno d primavera. Kreya entrò, discreta ed efficiente, aprì l’armadio e tirò fuori un vestitino blu notte, regalo londinese di mio padre, mi aiutò a indossarlo, m pettinò e legò i capelli in una treccia, poi inchinandosi con i grandi occhi adoranti mi disse che ero attesa di sotto, in partenza per Zennor. Merlino! La festa di compleanno dell’odioso! Ero convinta che sarebbe stato il giorno seguente, ma dovevano avermi “ingannato”, perché negli ultimi giorni mi ero comportata in un modo che mio padre aveva definito“bizzarro”: avevo chiesto di poter evitare i Black, ma, secondo la mamma, mio padre c teneva molto che facessi amicizia con i figli di Orion. Ribattei che avevo fatto amicizia con Regulus, ma non sopportavo l’altro, talmente detestabile che avrei preferito non fosse invitato nemmeno a Herrengton per i riti del solstizio: i miei si erano scambiati uno sguardo strano, poi m avevano detto che entrambi i Black sarebbero rimasti in Scozia da noi per ben due mesi. Ed io lì, dopo lo smarrimento iniziale, avevo perso la testa, ribellandomi all’idea di avere quei due rammolliti in casa nostra per tutta l’estate, l’ultima che potevo passare in pace con la mia famiglia: mio padre a quel punto m aveva spedita in camera mia, in punizione, a scontare quegli sciocchi capricci da ragazzina viziata, decretando inoltre che avrei dovuto accompagnare mia madre durante i viaggi strani che faceva sempre più spesso negli ultimi tempi. Anche quella era una disgrazia dovuta a Sirius Black. E quel giorno l’avrei dovuto rivedere, Salazar! Pensai di fingere un malore, ma mia madre non m avrebbe permesso né perdonato un ammutinamento del genere. Così alla fine mi decisi a scendere, cercando di farmi forza.
Ci smaterializzammo, mia madre e Mirzam per conto proprio, io attraverso l’abbraccio di mio padre: arrivammo ai piedi di una magnifica scalinata, dietro d noi, a chiudere lo sfondo per 2/3, c’era un fitto bosco, da cui si snodava un viale alberato che arrivava fino alla corte ai nostri piedi, dinanzi a noi si apriva un meraviglioso portale di pietra, scolpito secondo motivi romanici, la cui porta reggeva un battente di bronzo con lo stemma dei Black. L’elfo domestico ci accolse, ci accompagnò attraverso un imponente atrio su cui s apriva una maestosa scalinata d marmo, quindi entrammo nel gigantesco salone: c investirono musica, risate, voci, odori di cibo, d persone, d profumi ricercati. La vista della signora Black mise fine alla speranza che fosse solo un brutto incubo: erano tutti lì, ancor più numerosi che alla festa di Regulus. Se la festa a Grimmauld Place era stata magnifica, quella di Zennor era letteralmente fastosa: compiere 11 anni era un traguardo importante tra i maghi, era l’ingresso in società, d lì a breve si era smistati a Hogwarts, dando un primo segno del ruolo che si sarebbe assunto nel mondo magico. C’erano tutti i loro parenti, e molte famiglie amiche, c’era un’aria anche più gioiosa dell’altra volta: ci avvicinammo per fare gli auguri a Sirius, dopodiché mia madre si avviò verso Walburga, con me al seguito, mio padre e Mirzam rimasero con Orion e Sirius. Io m guardavo attorno leggermente sperduta: Walburga stava seduta sul divano assieme a mia madre, aveva un abito lungo e nero, i capelli legati in una crocchia, il viso bello e altero pervaso dal solito senso di superiorità verso tutto e tutti, con la sua voce profonda e nasale si stava complimentando con la mamma facendo apprezzamenti sul suo aspetto, su come stava crescendo bene Wezen. Per me tutto questo, però, era solo un brusio confuso, rapita com’ero dalla figura di Sirius. Quel giorno indossava un completo verde scuro: era alto per la sua età, visto da lontano si poteva pensare che avesse già 13 anni, aveva i capelli lunghi e scuri, lievemente mossi, il viso dai lineamenti perfetti, gli occhi, color grigio cenere, sorridenti e vivaci, il naso dal profilo armonioso, e le labbra ben tornite e rosse. Appena aveva avvertito la mia presenza, mi aveva puntato gli occhi addosso, come un predatore fa con la sua preda. Regulus era la versione più piccola del fratello, senza ancora raggiungerne né la bellezza né la grazia: stava in piedi accanto al caminetto, insieme al figlio di Nott, intento a smontare un vecchio caleidoscopio di suo padre e sembrava non essersi neppure accorto del mio arrivo; meglio così, pensai, se continuava a passare tutto il tempo con me, sua madre sarebbe stata capace d designarmi già come la sua fidanzata ufficiale. Sospirai e dopo aver salutato con tutta la falsa gentilezza che possedevo le odiose megere presenti, m sedetti vicino a mia madre, lontana da attacchi, che non fossero le attenzioni odiose di Walurga. Bellatrix, presa dai suoi pensieri che sembravano tutt’altro che piacevoli, non m rivolse nemmeno un’occhiataccia: sorrisi tra me, forse in fondo c’era qualcosa di buono da festeggiare. Col passare delle ore, mentre la maggior parte dei ragazzini presenti era uscita nel parco a giocare, io rimanevo in casa, dando prova della mia affabilità e gentilezza, tutto pur di non dover affrontare quella peste di Sir, ma sapevo che non sarei riuscita a rimandare lo scontro in eterno.

    “Mi scusi Signora Sherton, Mey può venire a giocare in giardino con noi?”.

Eccolo: la voce alle mie spalle mi fece trasalire, soave, gentile, spudoratamente falsa, perfetta per ingannare gli adulti che lo trovavano un ragazzino delizioso, nonostante avesse dimostrato ampiamente la propria malafede. Che intenzioni aveva stavolta? perchè voleva attirarmi fuori? E, Salazar, quanto odiavo i ghigni ammiccanti di sua nonna e di qualche altra befana sua parente!

    “Vai pure Mey, è un peccato stare chiusi in casa con una giornata così bella”.

Dopo le nevicate abbondanti, negli ultimi giorni c’era stato sempre un bel sole, perciò Orion aveva voluto festeggiare il compleanno del suo primogenito nella loro casa nel Cornwall, dispiegando sulla tenuta un incantesimo che garantiva una temperatura primaverile. Uscii, come un condannato che va al patibolo, risoluta però a vendere cara la pelle: per lo meno dovevo provarci. Dal salone delle feste, una terrazza immetteva nel parco, racchiuso tra il bosco che avevo notato all’arrivo e la costa a picco sull'oceano, a garantire l’inaccessibilità della tenuta: mi resi subito conto che, così abbarbicato su una scogliera, il maniero assomigliava alla mia adorata Herrengton. Il terreno saliva lievemente, fino a formare una collina da cui s poteva ammirare il paesaggio, sovrastata nella parte estrema da un albero solitario; guardandomi attorno, raggiunsi la panchina sotto un platano, in una posizione riparata da cui fossi ben visibile agli adulti, rimasti in casa, ma defilata rispetto a dove giocavano i ragazzini, non volevo farmi notare da loro, erano insulsi piantagrane, come avevo sperimentato in quei due mesi di orrende visite agli amici di mio padre. Dalla mia posizione potevo ammirare il mare e le bianche vele che si muovevano leggiadre al largo: anche i babbani, quel giorno, approfittavano della bella giornata. Mi sedetti e chiusi gli occhi, beandomi del calore del sole sul viso, forse l’inverno era davvero finito, ed io, con la primavera, avrei ripreso a vivere.

    “Va tutto bene? Sei tanto silenziosa oggi!”.

Sobbalzai, non mi ero accorta che Sirius mi aveva seguito: mi stava sorridendo tranquillo, sembrava innocuo, avrei osato dire timido, forse voleva farsi perdonare per Klothes. Era il caso di dargli un’opportunità? Non mi fidavo di lui, ma se avessimo trovato il modo d firmare una tregua prima della mia partenza per la Scozia, forse l’estate non sarebbe stata l’inferno che si prospettava: feci buon viso, speranzosa. Quando però si sedette, e a sorpresa mi cinse le spalle con un braccio avvicinandomi a sé, facendo sfoggio del suo fascino infantile, occhi ridenti, voce canzonatoria e buon profumo, mi resi conto che aveva in mente un’altra delle sue diavolerie.

    “Cosa Merlino credi di fare, Black? Toglimi subito questa zampaccia di dosso!”.

Mi trattenni dal dargli uno schiaffo e cercai di reprimere l’inflessione allarmata nella voce. Ero allibita dalla sua sfacciataggine: speravo d'aver sfoderato il mio miglior cipiglio, bastava quello a mettere in fuga i rompiscatole come lui, l’avevo sperimentato con quel deficiente di Avery quando aveva provato a fregarmi la bacchetta giocattolo che mi avevano regalato i miei a Natale, era bastata un’occhiataccia, forse perché l’avevo già fatto cadere a terra il giorno del compleanno d Regulus, quando m aveva dato una spallata per tuffarsi sul buffet.

    “Salazar, Sherton, perché devi essere sempre così ostile con me?!”.

Ritrasse il braccio, sembrava triste e amareggiato, si mise a strappare ciuffi di erba dalla siepe dietro d noi, gli occhi persi chissà dove. Era incredibile, sapevo bene che era lui il pazzo, eppure mentre faceva quella faccia da cucciolo bastonato , sentivo io la necessità di giustificarmi… cosa Merlino voleva insinuare? Io non ero ostile con lui, era lui che si comportava…. Dovevo e volevo controbattere, e invece sospirai, piano, un “Salazar, sarei io quella ostile!” che forse nemmeno sentì. Dopodiché cambiò tutto. Cogliendomi alla sprovvista, Sirius si voltò di colpo e, attirandomi a sé, mi diede un bacio che per puro caso riuscii a deviare su una guancia, girandomi d scatto. Cercai di schiaffeggiarlo ma lo mancai, saltai in piedi, strofinandomi energicamente la pelle del viso col dorso della mano. Divenni rossa di vergogna al pensiero che qualcuno da casa avesse visto la scena: Merlino! Quelle vecchie megere avrebbero fatto i salti d gioia e applaudito. Che schifo!

    “Tu sei un pazzo, Black, davvero … sei completamente pazzo! E se vuoi saperlo, quello che hai fatto mi dà il ribrezzo ! E tu mi fai anche più schifo!!”.

Strinse i suoi occhi, sembravano fuoco e ghiaccio che si fondevano, mentre mi guardavano, il ghigno ormai noto a dargli l’aria pestifera da divinità dei boschi.

    “Hai ragione, devo essere pazzo a baciare te, una che non griderebbe se fosse stato mio fratello a farlo. In quel caso non t saresti nemmeno schifata, vero principessina?”.


Seduto, mi guardava divertito di sotto in su, mentre diventavo porpora. Non era vero! Merlino! Se anche fosse stato Reg, mi avrebbe fatto schifo lo stesso! Non mi era mai passato nemmeno lontanamente per la testa che Regulus potesse baciarmi! A dire il vero credevo che nessuno avesse il coraggio d farmi un affronto simile! Sirius era malato, quella era l’unica possibilità ed io…

    ”Hai perso la voce, Sherton? Chi tace acconsente, lo sai? O cerchi l’offesa suprema? Ma sai, per quanto tu possa sforzarti, non riusciresti mai a essermi più odiosa di così…”.

Sirius si alzò, canzonatorio, e questa volta lo centrai in pieno, lasciandogli l’impronta delle mie cinque dita sulla sua guancia sinistra; dopo lo shock del momento, cercò di prendermi per la treccia, ma io scappai via, verso casa, senza sapere dove nascondermi, sperando solo di trovare un bagno per lavarmi la faccia ed eclissarmi fino all’ora di cena. Merlino! Non riuscivo a credere che stesse succedendo a me: correvo, l’aria sembrava farsi spessa, palpabile, avevo difficoltà a respirarla, come se fossi salita tra le nuvole e di colpo fossi stata gettata a terra; ero talmente agitata da non riuscire a controllarmi, trovai un’entrata secondaria, m'intrufolai nella cucina degli elfi, chiesi e ottenni l’indicazione per un bagno e m ci barricai dentro. Poi furono solo oggetti che cadevano dalle mensole, acqua che usciva colorata dai rubinetti, ancora chiusi, tappeti che svolazzavo fino a posarsi sui ripiani più alti dei mobili che avevo intorno. Rimasi relegata in bagno per un tempo indefinito, fuori di me, in una specie di limbo. Poi sentii bussare alla porta, aprii e m ritrovai d fronte mio padre.

    “Che succede qui? Non credo sia stata Walby a far mettere le saponette lassù! Giusto?”.

Mi sorrise indicando un paio d saponette alla lavanda che occhieggiavano tra i cristalli lavorati a motivi floreali del maestoso lampadario. Entrò, s sedette alla consolle accanto a me, m posò una mano sulla testa, accarezzandomi, e con dolcezza m impose d guardarlo in faccia, ma io non volevo, avevo pianto. Mi tuffai tra le sue braccia, respirando il suo profumo a pieni polmoni e riprendendo a piangere in silenzio.


    “Cos’è successo Meissa? Cosa sono queste lacrime?”.
    “Nulla… è … ho litigato con Black, è … Sirius è odioso… e cattivo!”.
    “Capisco. E questo che vedo qua dentro cosa sarebbe? l’effetto della tua rabbia o del tuo dispiacere?”.

Mi sollevò appena un pò e mi sorrise. Mi guardai attorno: no, quella non era una stanza che aveva subito l’attacco di una strega arrabbiata, tutt’al più quello di una strega confusa. Molto confusa. Mi rifugiai di nuovo sul suo petto.

    “Non volevo…. Io… si è messo a girare tutto, ma… non l’ho fatto apposta!!”.
    “Capisco. Forse neanche Sirius voleva… ma ne parleremo a casa, con calma, ora sistemo qui, ti metto in ordine e usciamo, Orion deve fare un discorso, oggi è doppia festa”.

Tirai su col naso, mentre restavo affondata col viso sul suo petto, lui m massaggiava piano la schiena, ridandomi calore fino a che i singhiozzi repressi finirono e io ebbi il coraggio di guardarlo in faccia. Mio padre estrasse la bacchetta e con un paio di colpi riordinò la stanza, poi la rivolse a me, riannodò con cura la mia treccia, fece sparire dal mio viso le lacrime e gli occhi pesti di pianto, risistemò i miei vestiti, infine mi accarezzò il viso con la sua mano che mi dava sempre il coraggio di affrontare qualsiasi cosa. Lo guardai, era la persona più meravigliosa che esistesse.

    “Cosa si festeggia?”.

Mi aveva incuriosito, e la sua espressione carica d promesse alla fine m aveva in parte rallegrato.

    “Vedrai… è un evento importante, molto importante … forse ti farà persino sognare un pò. Ne hai davvero bisogno, piccola mia.”


Rientrai nel salone con lui, gli ospiti non si erano accorti della mia scomparsa, solo mia madre lanciò uno sguardo a mio padre, e lui gli rispose con un sorriso rassicurante, Sirius si avvicinò, io m’irrigidii e lo fulminai piena d’odio, ma Black guardò papà, supplice, divenne rosso in viso e mi disse alcune parole d scusa.

    “Mi sono comportato in maniera pessima, scusami, ti giuro sul mio onore che non succederà mai più”.

Mi tese la mano, avrei voluto insultarlo, non poteva giurare su un onore che non aveva, e schiaffeggiarlo di nuovo, magari, ma lo sguardo eloquente d mio padre m fece capire che dovevo accettare le scuse e non fare scenate lì. Acconsentii e mi rassegnai a sedermi accanto a lui, mentre Orion faceva cenno d volere l’attenzione d tutti noi: mi guardai attorno, il livello di eccitazione dei Black era superiore alla norma, c’erano pressoché tutti, parenti più o meno stretti, molte famiglie amiche. Il misterioso evento era fondamentale per i Black.


    “Sono veramente lieto di ospitare qui, in questo giorno già rilevante perché segna l’ingresso nella società magica di mio figlio Sirius, tutti quanti voi, amici e parenti, perché oggi ho anche l’onore di annunciare, io, a tutti voi, ufficialmente, il fidanzamento della nostra adorata Bellatrix, figlia di Cygnus Black e Druella Rosier….”

Guardai preoccupata all’indirizzo di mio fratello, nulla faceva presumere che c’entrasse qualcosa, non si erano visti altri Black oltre i figli e la moglie di Orion, a casa nostra, e ricordavo i discorsi dei miei genitori, poco entusiasti di Bella. Da allora non se n’era parlato più. Mirzam stava serio e compito accanto a nostro padre, guardando privo d emozioni palesi verso Cygnus e Bella. Quella megera non sarebbe stata una Sherton, no, mio padre e mio fratello non m avrebbero mai fatto un torto simile!

    “… con il nobile Rodolphus Lestrange. Un brindisi a questa felice unione, unione, ricordo, di due anime, certo, ma anche di due tra le più antiche e nobili e pure famiglie Slytherins che da sempre condividono valori, aspettative e progetti. Un brindisi a questa meravigliosa coppia!”.

Tutti applaudirono, io ripresi colore, mio fratello fece calorosi complimenti a un Rodolphus particolarmente emozionato, erano amici da una vita e benché non l’avessi visto che rare volte, sapevo che mio fratello lo frequentava spesso. Cygnus Black e Roland Lestrange si sedettero a firmare il contratto, redatto insieme, in privato, nei giorni precedenti, davanti a tutti noi, poi si strinsero la mano e tutti applaudirono, fioccarono baci e abbracci, complimenti e auguri: tutti erano radiosi e soddisfatti, soprattutto quando finalmente Rodolphus ebbe il “diritto” di baciare la sua fidanzata, a dire il vero non molto entusiasta né particolarmente felice. Passarono tra gli ospiti, parlarono per la prima volta come coppia con pressoché tutti noi, mio padre e mia madre fecero loro i complimenti, Rodolphus era raggiante, mentre Bella continuava a guardarsi attorno come assente, attratta solamente da mio fratello cui lanciava occhiatacce piene, sembrava, di risentimento. Il resto della serata scorse rapidamente: dopo il brindisi per Bella e Rod ci fu il banchetto finale, al termine del quale ce ne andammo subito perché mia madre era stanca. Evitai Sirius, snobbai suo fratello e, alla fine, salutai freddamente persino Orion, lasciandolo perplesso. A casa, stanca, mi ritirai subito in camera, evitando di parlare con mio padre dei Black: questa volta non me l’ero cavata con poco, non era stato solo un gioco, né un incantesimo finito male, o una disattenzione. Non potevo smettere di pensare a Sirius e al bacio che solo per caso era finito sulla mia guancia. In pigiama scesi dal letto, mi misi alla finestra finché non m si gelarono i piedi: era da lì, da quella finestra, che l’avevo visto la prima volta, lui era nel parco, era arrivato al platano e si era messo a guardare la casa, aveva alzato gli occhi verso la mia finestra ed io, dopo aver notato i suoi occhi stupendi alla luce delle torce, avevo abbassato in tutta fretta la tenda della mia stanza, col cuore che mi batteva stranamente più rapido.

    E oggi Sirius Black ha osato toccarmi e mi ha baciato!

    “Sei solo parte di un incubo, Black, presto tornerò alla mia vita, sarò felice e dimenticherò … tu tornerai nell’oblio che meriti, lontano da me e dai miei pensieri”.

Sospirai sollevata e mi ributtai sul letto, ma mi assalì presto una nuova ansia: potevo evitarlo facilmente per due mesi a Herrengton, era il mio regno, sapevo sparire persino agli occhi d mio padre quando volevo, ma dopo l’estate saremmo andati a Hogwarts e lì… quella scuola già m angosciava per tante cose, lo smistamento, Malfoy… Come sarei sfuggita alla pazzia di Sirius se fossi entrata anch’io a Serpeverde? Come avrei evitato per sette lunghi anni i suoi stupidi scherzi? E come potevo evitare che sua madre, con le sue macchinazioni, m rovinasse la vita per sempre?

***

Sirius Black
Zennor, Cornwall - dom. 21 febbraio 1971

    “Sirius, hai idea di dove sia finita mia figlia?”.

Stavo ritornando indietro, ancora confuso, con ancora le cinque dita d Meissa stampate in faccia, rosso come un papavero, furioso per come m aveva trattato, senza rendermi conto di come me la fossi cercata, quando a peggiorare le cose, sentii la voce d Sherton che m apostrofava senza tanti preamboli.

    “Io…ecco…. Lei…”.
    “A guardarti si direbbe che abbiate bisticciato di nuovo. Sai dirmi dove s’è nascosta?”.

Mi guardava divertito, ero ammutolito, m vergognavo come un ladro: compresi che non potevo dire la verità, nemmeno io sapevo perché mi ero comportato a quel modo, ma era evidente che non era il tipo di azioni d cui andare fieri e di certo non era il tipo d situazione su cui Alshain si sarebbe fatto una sonora risata. Anzi, se volevo uscire del tutto dalle sue grazie, il modo migliore era fare e pubblicizzare proprio il genere d bravate d cui mi ero reso protagonista quel giorno.

    “L’ho vista sparire là dietro, credo sia passata per le cucine… Signore….. io…Mi dispiace, sono stato un cretino, io.…. le ho tirato la treccia, e…”.
    “Non entro mai nelle beghe d voi ragazzi, Sirius, ma se accetti un consiglio, se hai qualcosa in sospeso con mia figlia, è meglio che la risolvi in fretta, il 1° di marzo torniamo a Herrengton, non hai molto tempo per chiarirti con lei. E usa prudenza, perché l’ho allevata come i suoi fratelli, sa difendersi molto bene! Ma a quanto vedo questo l’hai già sperimentato da te”.

Mi aveva afferrato il viso e stava ammirando il segno della mano ancora pulsante sulla mia faccia: non disse altro, se ne andò in silenzio, senza rimproveri nè domande, lasciandomi lì da solo, come uno stupido. Ed ora ero in camera mia, a ripensare a quel pomeriggio così ricco d eventi: avevo ricevuto molti regali, libri, giochi, dolci, vestiti, denaro e oggetti magici di origine più o meno discutibile, i miei m avevano trattato come fossi un figlio d cui essere orgogliosi, poi tutti si erano occupati del fidanzamento di Bella con quel cascamorto di Lestrange. Sicuramente erano una coppia di pazzi sanguinari ben assortita, almeno prendendo per buoni i discorsi recepiti sottovoce su Rodolphus da parte d qualche invitato. Mi stesi nel mio baldacchino, con in mano l’anello dei Black che m aveva regalato mio padre, lo rigiravo tra le dita, osservando lo stemma, ma vagavo in un brodo caotico d pensieri, che tornavano sempre a Meissa. Solo, lì, nel buio della mia stanza, m resi conto: Salazar, cosa diavolo avevo fatto? Dovevo chiederle scusa, scusa davvero, ero stato un villano, non m ero mai reso pienamente conto dell’enormità delle bravate che ero riuscito a combinare in quei due mesi. E la cosa straordinaria era che me l’ero sempre cavata senza punizioni d alcun tipo.  Avrei colto l’ultima possibilità prima della partenza degli Sherton, per mettere fine a quella disputa che avevo creato dal niente, non importava se mi avrebbe insultato, io non potevo lasciar andare Alshain con l’idea che fossi un vigliacco, meschino e bugiardo, e Meissa con la certezza che fossi, come m aveva definito, un arrogante viziato? Inoltre m tormentava da giorni una realtà, mi chiedevo perché non m avesse mai tradito: se s fosse lamentata d me con i suoi o con i miei genitori, a quest’ora mio padre m avrebbe impiccato in mansarda per gli alluci, anzi, per qualche altra estremità ben più dolorosa, era poco ma sicuro!. Perché non l’aveva fatto? Alshain aveva detto che l’avevano abituata a difendersi da sola dai fratelli, questo significava che magari avrebbe provato a vendicarsi da sola, non avrebbe agito come i fratelli Black, presso i quali la delazione era una pratica diffusa, anche se spesso controproducente, soprattutto se la utilizzavo io. Il giorno dopo, di ritorno a Grimmauld Place, nostro padre ci comunicò che eravamo invitati ad Amesbury per il sabato seguente e che gli Sherton sarebbero poi ripartiti in anticipo per la Scozia: m sentii sollevato, convinto che di lì a giugno sarei riuscito a chiudere nel cassetto gli strani pensieri che mi turbavano dalla notte di Yule. D’altra parte, avevo meno d una settimana per tentare d ricomporre i pezzi, e nessuna idea su come fare per farmi perdonare, risultando convincente. Regulus non prese bene l’idea che gli Sherton sarebbero partiti prima, tornò a incupirsi e provare scarso entusiasmo per tutto quello che facevamo: durante quelle uscite si era divertito e si era affezionata a Meissa, cosa davvero inusuale perché mio fratello difficilmente si appassionava a qualcosa o si legava a qualcuno che non fosse nostra madre. Sapevo che, come me, ormai viveva nell’attesa del viaggio nelle Highlands, e pur invidiandolo, per com’era riuscito a fare amicizia con Mey, provai pena per lui, perché io sarei presto fuggito a Hogwarts, mentre lui avrebbe dovuto affrontare i fantasmi della nostra famiglia ancora per un altro anno, tutto solo con nostra madre, nella nostra tetra casa.”.


*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 8
*** I.008 - HABARCAT - L'Aquila e il Cacciatore ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.008 - L'Aquila e il Cacciatore

I.008


Alshain Sherton
Amesbury, Wiltshire - mart. 23 febbraio 1971

Camminavo nel bosco, l’aria fresca del mattino mi accarezzava il viso: non c'era altro luogo al mondo come quello, dove mi sentissi altrettanto al sicuro e in pace con l'universo. Herrengton era la mia vita. Amavo quella sensazione di libertà, lontano da tutte le pressioni e le passioni, così indegne, così abbrutenti; mi arrampicai lungo il crinale, guardai in basso, il fiume iniziava già a ingrossare nel fondo valle dopo le ultime piogge. C’era elettricità, nell’aria e tutto intorno a me. Il cielo carico del mio Nord maturava la tempesta. Da ragazzo questa era l'atmosfera perfetta per farmi sentire un dio, il padrone del cielo e della terra, quasi ci fosse un collegamento viscerale tra le forze della natura e il potere che stava crescendo in me, anche se spesso non riuscivo a controllarlo appieno, mi soverchiava e mi lasciava esausto quando cercavo di piegarlo al mio volere. Ormai erano passati anni, quel potere adesso fluiva generoso in me, assecondandomi in ogni situazione, poteva darmi tutto, in realtà, ed io per questo lo rispettavo, attingendo al suo favore solo quando era davvero necessario.
Mi reimmersi nel bosco, diretto di buon passo alla Radura della Sorgente, quella parte del bosco tanto segreta e sacra che la sua esistenza da sempre era nota solo ai membri della mia famiglia. E a Salazar. Non la raggiungevo quasi mai, la Sorgente non era nostra, gli Sherton ne erano solo i custodi. Una volta all'anno andavo a riempire alcune ampolle con le sue acque, per celebrare i riti del Solstizio, o per mescolarci i colori e il mio sangue fino a creare l'inchiostro indelebile delle rune. Inoltre era l'acqua con cui andavano benedetti i "figli di Hifrig", secondo un rito che si ripeteva identico a se stesso da circa dieci secoli. A breve avrei bagnato con quell'acqua il mio quinto figlio, probabilmente l'ultimo. Sorrisi: dopo secoli avari, la vita era stata davvero generosa con me e con gli Sherton.
Quel giorno, però, non mi sarei spinto fino alla Sorgente, dovevo solo raccogliere delle radici e alcune piante di mola, che crescevano rigogliose lungo quei crinali: era necessario preparare la Pozione entro il prossimo novilunio, Mey stava diventando una donna e la scuola sarebbe iniziata presto. Non potevo crederci, la vedevo e sentivo ancora così piccola tra le mie braccia, invece era ormai tempo di procedere con gli incanti, concessi da Salazar stesso, per proteggere le figlie degli Sherton dagli occhi indegni.
Avanzai ancora, raggiungendo la parte più intricata e selvaggia del bosco, mi attardavo ad accarezzare gli alberi, o a cercare la presenza timida di un cervo o di uno scoiattolo.
Ma non ce n'erano. Mi fermai di colpo: c’era un innaturale silenzio attorno a me, l’aria era ferma, cupa, opprimente. Morta. C’era la morte attorno a me. Mi circondava. Era ovuque. Tutto era silenzio: non c'era più il sospiro del vento, nè il canto degli uccelli, nessun verso di animali nè la lontana risacca del mare.
Misi mano alla cintola, estrassi la bacchetta ed avanzai cauto, facendomi scudo con gli alberi, leggendo le tracce sul terreno e assaggiando la rugiada che imperlava le piante. Doveva essere occorsa una disgrazia "naturale", nessuno poteva penetrare nella foresta di Herrengton senza invito, e nessuno poteva arrivare vivo fin lì, la Magia Oscura di quei luoghi avrebbe ucciso chiunque non avesse avuto il marchio di Salazar. Ad una attenta analisi conclusi che ero davvero solo, qualsiasi cosa fosse successa era passata, ma qualcosa di turpe era accaduto e stava ancora accadendo, la Natura aborriva quei luoghi, che solitamente erano un inno al suo potere e alla sua bellezza.
Spaziai con lo sguardo fino alla Sorgente e alla fine vidi: mi dovetti sostenere a un tronco per non cadere, le ginocchia erano burro, il sangue si era fatto ghiaccio, le forze mi abbandonarono. Avrei voluto strapparmi gli occhi, per non vedere, e il cuore per non dover più vivere: la sciagura si era abbattuta su Herrengton. L'acqua sacra della Sorgente era sparita, al suo posto s'innalzava un'orrida pozza, nera di sangue putrido, che come una mano espandeva fuoco tutto intorno a sè, venefica e mortale. Gli alberi e le piante inaridivano al suo semplice passagio, morivano nelle sofferenze tutte le bestie che semplicemente la guardavano. E urlai tutto il mio orrore quando vidi che già si espandeva a est, scendendo in basso, verso la mia casa, verso mia moglie e i miei figli.
Feci per correre, impazzito dall'orrore e dalla consapevolezza di essere impotente di fronte a tutto questo, ma mi ritrovai circondato: un'onda di sangue e di fiamme si abbattè su d me e mi travolse, poi mi sentii avvolgere in un mantello, buio come la notte. E occhi di fiamma e lunghe dita bianche ghermirono il mio corpo...
Mi svegliai. Il corpo appiccicoso, madido di tiepido sudore, i capelli appiccicati al viso, il respiro corto come dopo una lunga corsa, il cuore ancora a mille. Uno strano sapore metallico sulle labbra. Con gli occhi sbarrati a poco a poco rimisi a fuoco, nella timida luce lunare, il mio letto, la mia camera, la mia finestra, il dolce soffio della brezza notturna, la morbida linea di mia moglie al mio fianco. Respirai a fondo, era stato solo un orrendo incubo e dovevo calmarmi, o avrei svegliato Dei, e Merlino solo sapeva se aveva bisogno di riposo e calma, non di un marito che le causasse continue e inutili preoccupazioni. Mi alzai, lasciai che la brezza che saliva dal mare accarezzasse il mio corpo nudo che lentamente tornava a un respiro calmo e sereno, osservai le stelle del Triangolo Estivo sopra di me, poi chiusi gli occhi e risi della mia paura. Salazar, che grande mago! Ora mi lasciavo terrorizzare persino dai sogni! Tornai indietro, nella penombra, presi da terra una bottiglia e bevvi un lungo sorso d’acqua magicamente fresca, mi sedetti sul letto e mi voltai verso mia moglie, per un bacio lieve sulla sua spalla, sfiorandola appena: era fresca come una rosa, nonostante il caldo. Sorrisi, feci scendere la mano teneramente fino alla curva della pancia, nel giro di un paio di mesi la nostra famiglia sarebbe stata allientata dalla nascita di un altro bambino…
E il cuore si fermò. Di colpo. Nemmeno io potevo riconoscere, come mia, la voce che usciva dal mio corpo, cupa, violenta, simile all'urlo agghiacciante di una bestia selvatica. Nella luce lunare, le mie mani erano rosse di sangue, un sangue di cui non conoscevo la provenienza, di cui non volevo riconoscere la provenienza. Guardai in basso, il materasso era un lago di sangue, il mio corpo era rosso di sangue. Appiccicoso di sanque. Alla fine, con le lacrime agli occhi, guardai Dei, che non si svegliava nonostante le mie urla. E vidi il suo corpo esanime, pallido, uno strano tatuaggio nero a forma di teschio a deturpargli il braccio sinistro... non l'aveva avuto mai.
Scivolai con lo sguardo più giù: non c’era più un bambino, ma solo una orrenda voragine d sangue….

*

    "Alshain!Alshain!"

I miei occhi erano sigillati, le mani serrate sul lenzuolo, come se non volessi far fuggire Merlino solo sapeva che cosa.

    "Alshain, che ti succede?"

Spalancai gli occhi , Deidra era accanto a me, la sua mano sul mio petto.
Le toccai il viso, e rapido scesi a guardare la pancia: era lì, il bambino ancora nemmeno si vedeva, ma era lì. E anche Dei era lì. E m guardava, e mi sorrideva, ed era ancora viva. Anche io allora potevo dirmi vivo.

    "Cosa hai visto stavolta Alshain?"

Aprii la bocca ma all'inizio non uscì suono, mentre gli occhi spaziavano confusi all’intorno.

    "La Sorgente era in fiamme, e un fuoco di sangue correva fino al maniero e io non riuscivo a fermarlo, nè ad avvertirvi."

Mi sfuggì una lacrima, ero ancora angosciato, sembrava tutto talmente vero, che avrei pregato tutti gli dei per il miracolo di averla lasciata ancora al mio fianco. Non potevo dirle altro, non volevo spaventarla, anche perchè non capivo il significato di quei sogni. Merlino, erano solo sogni! Sapevo però che lei aveva capito: quella era solo una parte della verità.

    "Nessuno può toccare la Sorgente o la nostra famiglia, Al, non finchè ci sarà il nostro amore a proteggerci".

Dei mi accarezzò di nuovo il viso e io baciai quella mano che sapeva da anni riportare la pace nel mio cuore; ero stato un giovane perverso e violento fino al giorno in cui non capii... Anzi, all’inizio avevo creduto che anche lei sarebbe stata solo uno sfizio come tanti. Ma poi… Quando i miei occhi si posarono sui suoi, tutti i veli si squarciarono. Fu come vivere una seconda nascita. Ruppi le catene, la brama di sangue, il potere e la violenza non contarono più nulla. Divenni umile, baciai la terra su cui si muoveva con leggiadria e grazia. Per molti, mi lasciai addomesticare, mettere il giogo. Io però non ero servo, né avevo il giogo, ero anzi finalmente libero da tutto quello che non faceva librare in alto la mia anima.
Le mani di Dei scesero sul mio corpo, ormai ne conoscevano ogni più intimo segreto, sapeva come rubarmi un sospiro, una lacrima, o la gioia più piena; io affondai la mano su quei capelli di rossa seta, saziando la mia fame e la mia sete in quelle labbra che mi avevano stregato. Aprii gli occhi e lei mi rispose subito, m lasciò indagare nel verde prato del suo sguardo, in cui amavo perdermi e ritrovarmi. Scivolò al mio fianco, trascinandomi con sé, il suo bel corpo diafano si tendeva al tocco delle mie mani e delle mie labbra, raccoglievano i miei sospiri e i miei baci, mentre le sue mani indugiavano tra i miei capelli, liberando la mia mente da tutto quello che era inutile e malsano. Avrei voluto tutto da lei, animato dalla mia consueta fame, ma mi sentivo ancora impuro a causa di quei sogni e non potevo macchiarla, così mi ritrassi, affamato e al tempo stesso sazio, mentre lei mi guardava ironica, ben sapendo quanto m costasse tirarmi indietro. E come il mio sguardo le stesse promettendo che presto m sarei rifatto di quella momentanea tregua. Mi baciò a lungo, con gratitudine, con la stessa passione che ci infiammava da più di venti anni, provocandomi ogni genere di emozione e guidando le mie mani su d sé.
Poi annebbiò la mia mente, come solo lei sapeva fare, trascinando via preoccupazioni, terrore, morte, sangue, fino a riaccogliermi sfinito e indifeso come un cucciolo al suo fianco.


***

Alshain Sherton
Amesbury, Wiltshire - giov. 25 febbraio 1971

Avevamo fissato la nostra “base” ad Amesbury fin da ragazzi: l’avevo comprata con i soldi che avevo ereditato alla maggiore età dal fratello della mamma, Tobias Meyer.Mio padre aveva fatto fuoco e fiamme: dopo la morte di nostra madre voleva tenere me e mio fratello accanto a sé ancora più strettamente, perciò sosteneva che almeno fino alla fine della scuola io non dovessi muovermi da Herrengton. Anche perché sapeva benissimo che appena avesse mollato un po’ le redini, io mi sarei preso ben altro.

    Deidra Llywelyn. La mia Dei...

Era già da un po’ che quegli occhi verdi mi turbavano il sonno e che lasciavo da parte tutto il resto, persino il Quidditch. Inoltre mi comportavo come un pazzo ogni volta che cercavano di riportarmi alla ragione, ogni volta che provavano a farmi riflettere sul “dovere”: dovevo accettare il matrimonio con Elladora Lestrange. Mi ribellavo, gli chiedevo perché dovessi subirla io, visto che anche mio fratello, che tra l’altro era il maggiore, era ancora libero da vincoli, ma soprattutto volevo sapere perché proprio lui, mio padre, che aveva vissuto la sua vita e il suo amore in piena libertà, costringesse me a un’esistenza di dolore e di rinunce.A volte, ancora, ripensavo al giorno in cui avevo offeso a morte Elli dicendole che mai e poi mai avrei avuto una vita con lei, che mi sarei ucciso piuttosto, dopodiché lei aveva urlato e pianto a tal punto che suo fratello me l’aveva giurata. Mio padre, invece, per far capire che la mancanza di rispetto partiva solo da me, non da tutta la nostra famiglia, mi prese a cinghiate alla presenza d tutti quanti: a ricordo di quella giornata surreale, avevo un paio cicatrici ancora visibili sui polpacci. Due giorni dopo mio fratello annunciò il suo matrimonio con Elladora e mio padre mi cacciò di casa. Con la mente di allora, quello era stato il più bel giorno della mia vita, ero finalmente libero; l’unico dispiacere per me era non poter più mettere piede a Herrengton, ma verso la mia famiglia non avevo mai avuto dubbi o ripensamenti… Almeno fino alla nascita d Mirzam.
Tirai una profonda boccata, di tutti i vezzi babbani, quello del tabacco era l’unico - insieme all’arte e alla musica, e, d’accordo, anche alle auto veloci - che su di me avesse un certo fascino, o almeno l’unico che potessi rivelare in pubblico senza rischiare di essere guardato con sospetto. Merlino, Herrengton era il baluardo di Serpeverde nelle terre del Nord, era disdicevole, e di questi tempi, persino pericoloso, che io, l’attuale Custode mi concedessi piaceri così poco ortodossi, anzi, chiaramente filo babbani, ma a me piacvevano solo quelle cose, non i babbani che le avevano create, era difficile però da spiegare. A casa mia, comunque, non avevo problemi a concedermi quei sigari provenienti da Cuba, quell’ottimo vino italiano, quella musica celestiale, di cui godevo ampiamente allungato di fronte al caminetto, davanti al fuoco schioppettate, sdraiato sopra al divano, con i piedi poggiati in alto, a occhi chiusi … L’unica variante altrettanto intrigante era starsene nudo tra le coperte con Dei. Sorrisi.

    “Prima o poi ti accorgerai che non hai più l’età per fare queste cose da ragazzino! Come ti salta in mente di venire in questa catapecchia in pieno inverno? Ci saranno 150 cm di neve là fuori, questa è una ghiacciaia, non una casa!”
    “Smettila di rompere, Orion, questo è uno dei pochi momenti di piacere che riesco a concedermi ormai”
    “Lo so da tempo che sei un pazzo, ma, Merlino, pensavo di averti insegnato almeno il concetto di piacere: allora a cosa son servito fino adesso? Il piacere lo puoi ricavare dall’alcool, dal cibo, da una sana scopata, se vogliamo rimanere nelle cose elementari, non passando il tempo in una catapecchia come questa, dimenticata da dio, da solo, in mezzo alla neve. E Salazar, conciato così, ti beccherai un colpo, come minimo!”

Orion era seduto sulla poltrona dietro di me, si era sollevato appena per ravvivare il fuoco con la bacchetta, era sempre stato dannatamente freddoloso e ultimamente la cosa stava peggiorando, così vedermi in quel capanno gli mandava letteralmente il sangue al cervello. Eppure era necessario.

    “Non sono solo, mi pare, o hai una così bassa considerazione di te? Sarebbe una novità non da poco, signor Black! E poi, sentitelo, parla di scopate, lui, che si sente nudo e si vergogna come un ladro, se sta due secondi senza giacca e panciotto!”

Ghignai.

    “Certo, lo ammetto, a me non piace andare in giro mezzo nudo come fai tu, io ci tengo a essere sempre impeccabile, le vesti rivelano le condizioni del mago… dovresti averlo ben chiaro anche tu ormai! E almeno, io, non mi sono consacrato ad una sola donna per tutta la vita come hai fatto tu, a che età? un anno?”

Risi sul serio, stavolta aveva detto una sciocchezza dietro l’altra!

    “Non posso crederci! Tu credi davvero a questa stupidaggine dell’aspetto? Salazar, ma sei davvero Orion, o piuttosto Walburga, Black? E quanto all’essersi consacrati, m spiace, ma la tua è tutta invidia…. Tanto più che te la sei cercata! Ti ricordi chi me l’ha presentata? Sei tu che sei stato tanto stolto da fartela soffiare da sotto il naso!”

Risi d nuovo.

    “Vero! Sei sempre stato un bastardo immorale, ma pensavo che almeno l’amicizia per te fosse sacra!”
    “E lo è, Orion, te lo giuro, sei più di un fratello per me, ma mi conosci, non c’è nulla che conti per me, se il prezzo è rinunciare a Dei!”

Mi voltai verso di lui e gli sorrisi, Black fece altrettanto: erano quasi trent’anni che ci conoscevamo, per me era davvero più di un fratello, erano poche le cose che non sapeva di me, ed io avevo l’intima presunzione di sapere tutto di lui. Prese il foglio d carta che aveva scarabocchiato fino a quel momento, lo appallottolò e me lo tirò in piena faccia.

    “’Fanculo Sherton!”

Si versò altro whisky e si allungò meglio sulla sua poltrona, con il sigaro in bocca e gli occhi persi nel fuoco del caminetto. Avevamo deciso di passare due giorni lì, lontano da tutto e tutti, per parlare dei più recenti eventi in pace, ufficialmente eravamo andati a Glasgow per affari, non avevo detto la verità nemmeno a mia moglie, anche se forse visto il livello di agitazione che mi era rimasto dopo quella notte, sospettava che non era per affari se ero sparito con Black. Quella piccola casa da guardiacaccia, al margine settentrionale della tenuta di Amesbury, era ignota pressoché a tutti, io stesso ne avevo scoperto l’esistenza solo diversi anni dopo l’acquisto, per caso: mi ero perso nel bosco, a caccia di un boccino. Non l’avevo raccontato mai, non ci avrei fatto una bella figura, e soprattutto quel segreto mi serviva. L’assoluta discrezione, unita all’insieme di sortilegi e magia oscura che avevo intessuto tra quegli alberi e quelle pietre, ne faceva una specie di fortino a prova di nemici, l’ultima ancora di salvezza cui aggrapparsi se fossimo stati attaccati. Avevo persino creato delle “passaporta” apposite, da usare solo in caso d necessità, che collegavano quella piccola casa alle mie dimore abituali, così da riuscire a mettere al sicuro la mia famiglia in tutta fretta.

    “Io non avrei mai avuto le @@ che hai dimostrato tu, non sarei mai riuscito a rispondere picche a mio padre, perciò, se proprio doveva averla qualcuno, era meglio fossi stato tu…”
    “Sì, certo, raccontatela così, come se fosse stata una tua concessione….”
    “Uff…. Almeno concedimi un’illusione, no? Cosa ti costa!”

Risi e mi tirai su a sedere sul divano, quel dannato damerino non aveva poi tutti i torti, in effetti l’ultima volta la schiena mi si era bloccata per un paio d giorni, e non era stato molto piacevole.

    "Insomma vuoi smetterla di fare il gradasso e vestirti come Merlino comanda?"

Mi diedi un’occhiata addosso, il sigaro in bocca e il bicchiere in mano, non avevo come lui giacca, panciotto, cravatta e tutto il resto, solo una camicia e dei pantaloni, mi pareva fin troppo nell’intimità della mia casa."

    “Salazar, Orion, ma chi sei? Dico davvero! Va bene gli scherzi, ma ormai sembri tua madre o Malfoy …“
    “No ti prego, non offendermi così, puoi dirmi tutto ma non che ti ricordo tuo cugino! Salazar, se assomigliassi a lui ti concederei di uccidermi all’istante!"
    “Possiamo metterlo per iscritto?”

Ci guardammo e ridemmo ancora più sonoramente, mi andai a sedere sulla poltrona accanto a lui, mi diede una pacca entusiasta sulle spalle, come suo solito, e continuammo a ridere come due adolescenti, fino ad avere le lacrime agli occhi.

    “Salazar, ti ricordi quando alla fine di un pomeriggio come questo…"
    “Finimmo con il riempire di "rane schioppiette" gli schedari del custode?! Salazar, mai viste delle fiamme così belle, e che faccia quando ritrovò tutte le cartelle bruciacchiate!"
    “Non le nostre, le ho rubate, prima, e le ho conservate da allora, stanno a Zennor, protette da vari incanti."
    "Ahahahah! Merlino, ma tu seiun pazzo, Orion! Immagina se Walby scoprisse per caso che sei stato tu, all’epoca, a farle….."
    “Shh….”

Mi guardò complice, Merlino se c’eravamo divertiti a Hogwarts! In un certo senso mi rattristavo un po’, pensando a quanto dovesse fingere nella vita di tutti i giorni. Salazar, se avessi sposato Elli, probabilmente anch’io avrei dovuto fingere così. Gli versai un altro generoso bicchiere e feci altrettanto per me, poi mi rimisi tranquillo e buono davanti al caminetto, ignorando per l’ennesima volta la corrispondenza con scritto “URGENTE” che mi era arrivata da qualche giorno.

    “Non dovresti rispondergli?”
    “Malfoy deve smettere di pensare che se mi dice "SALTA", io salterò.”
    “Davvero ancora s’illude di questo? Allora è anche più ottuso di quanto immaginassi!”
    “Sai com’è fatto: è sempre stato prepotente con me, e non t’illudere che suo figlio sia diverso. Ha già iniziato, sia con Rigel che con Mey”
    “Mia nipote Cissa è completamente cotta di lui? Per carità è un ottimo partito, ma io sinceramente speravo in una scelta più… diciamo saggia, ecco.”
    “Beh, se le interessa il discorso puramente economico e di prestigio, in effetti, non credo possa trovare di meglio. In Inghilterra almeno…. Se pensa di trovarci anche la felicità, però, mi spiace per lei, perché si sbaglia di grosso! È una ragazzina ingenua, sicuramente presa dal bell’aspetto di quel damerino, ma se riuscisse a guardare dentro quell’anima, son sicuro che anche lei scapperebbe a gambe levate!”
    “Se pensi questo di lui per mia nipote, immagino quanto tu sia contento di quel famoso accordo di tuo nonno: Abraxas lo ricorda a tutti ogni volta che non sei presente!”
    “Vigliacco! Bastardo maledetto! Fa così perché lo sa: se lo dicesse davanti a me lo crucierei sul posto! Preferirei finire i miei giorni ad Azkaban per averli sterminati tutti, uno ad uno, che rispettare quell’accordo! Mia figlia non si chiamerà Malfoy! Tu mi sei testimone, Orion, M-A-I!”
    “Dai calmati adesso, credo anche sia meglio far sparire quest’alcool!"

Cercai di bere un altro sorso, ma Orion si allungò verso di me e mi portò via il bicchiere, prese la bacchetta e allontanò tutto quello che di alcolico c'era nelle vicinanze. Guardai deluso il whisky che spariva, e sospirai, sotto gli occhi preoccupati di Black. Tirai l’ultima boccata, poi schiacciai il sigaro su un posacenere a forma d serpe, al centro del tavolino, quindi ne accesi un altro e mi alzai, avvicinandomi al caminetto, posando una mano sulla mensola e guardando con più attenzione nel fuoco: c’era qualcosa di davvero attraente ora, in quelle fiamme. Anche Orion si alzò e andò alla finestra: nevicava di nuovo, immaginavo che a Herrengton non sarei potuto andare con Meissa da nessuna parte per giorni, tanto valeva restare qui, ma, ormai non era più possibile.

    "Ora basta con le buffonate, Sherton, c’è un motivo serio se siamo venuti a parlare qui. Tu sei proprio sicuro?"

Mi voltai, iniziai a slacciare la camicia e la gettai sul divano; Orion si era girato a guardarmi, si avvicinò e mi mise la pesante mano ingioiellata sulla spalla, mi osservò con attenzione, sfiorò la pelle con timore reverenziale, poi si staccò come percorso dalla corrente e mi guardò con occhi allarmati.

    “Salazar. Erano trent’anni che non lo vedevo più…. Il marchio è tornato... allora Lui è davvero tra noi, l’Erede di Salazar è tornato?”

Annuii, con occhi turbati.

    “Mi fido di te, Orion, questa storia non deve uscire da qui, lo sapete solo tu e Dei. Non l'ho detto nemmeno a mio figlio!”
    “Nessun altro sa cosa vuol dire questo marchio, vero?”
    “La leggenda la conoscono in molti, ma solo i membri più anziani della Confraternita sanno distinguere questo marchio dalle altre rune.”
    "Merlino… lo sai che non ci pensavo più da anni? È stato il più grande spavento della mia vita: ti conoscevo di nome, ma non ti avevo parlato mai, eri sempre con i ragazzi del Nord, non legavi con gli altri. Poi, quel pomeriggio, dovevo lavarmi le mani, ero stato a erbologia, entrai e sentii l’acqua aperta nelle docce, ed era strano, vista l’ora... Mi accorsi di tutto quel rosso, per terra, sembrava, anzi era sangue; sono entrato e, Salazar, ho temuto che fosse come l’anno precedente, quando era morta quella Mirtilla. Quando ti ho riconosciuto, ho urlato, ti ho preso in braccio e mi sono messo a correre per i corridoi, fino dal professore, da Dumbledore. Ero sotto shock, credevo fossi morto…"
    “E così mi hai salvato la vita, Orion, e sei diventato il mio amico più caro.”

Ci guardammo, non servivano altre parole, tra noi.

    “Non ho mai capito cosa fosse quel sangue, non ho mai avuto il coraggio di chiedertelo…. Se non eri ferito, perché diavolo c’era tutto quel sangue?”
    “Perché io non avevo mai avuto il marchio fino a quel momento, Orion: qualcosa o meglio, qualcuno, in quella scuola, l’ha, come dire, acceso, incidendolo in qualche modo nella mia carne. È sparito due anni più tardi, quindi secondo me, ad accenderlo è stato qualcuno che si è diplomato l’anno di Walby.”
    "Ed ora, dopo anni di silenzio, è riapparso, insieme a quello strano sogno?"
    “Già.”
    “Hai idea di chi possa essere?”
    “Più che un’idea, è una certezza, Orion, ma non ho le prove! Per averle, dovrei accettare le lusinghe di Abraxas.”
    “Perché mai Malfoy dovrebbe saperlo? Io non credo si tratti di lui! È impossibile, non sono legati in nessun modo ai Gaunt. Tu credi soltanto che lui sappia, pensi che lui conosca la sua identità, giusto?”
    “Orion, pensaci. Ti ricordi quanto erano amici, con quel mezzosangue? Malfoy è un purosangue, di quelli tosti, tra l’altro, senza dubbi né indugi, l’ho visto con i miei occhi, quanto è radicata in lui la fede di Salazar: per lui la caccia al babbano è sacra quanto per me lo è mia moglie. Allora come mai si è associato a quel mezzosangue? Riddle doveva per forza avere qualcosa di importante, di molto importante, per riuscire ad avvicinare Abraxas ed entrargli così profondamente nell’anima. E non solo a lui. Orion, secondo me in questi anni ha agito nell’ombra, si è preparato, si è rafforzato, ed ora è qui. Di nuovo.”
    “Io non ho mai visto Riddle da nessuna parte, è sparito dopo Hogwarts, dicevano addirittura che era andato a fare il garzone da Sinister! Suvvia, come puoi pensare che si tratti proprio di lui?”
    “Può essersi cambiato nome, Orion, e io credo anche di sapere che nome sta usando adesso!”
    “Parli di Lui? Davvero credi che Lui abbia il sangue di Salazar nelle vene? Cosa farai?”
    “Tu cosa pensi di fare Orion? Perché ti assicuro che verrà a bussare anche alla tua porta! Il tuo nome ha troppo peso al Ministero per non cercare di coinvolgerti…”
    “Sì, è vero, ma sei tu ad avere per le mani Herrengton, Alshain, non io. Se quello che immagini si avvererà, se le tue supposizioni sono giuste, si creerà una spaccatura tra gli Slytherins se non lo sosterrai, se non ti unirai a lui. E Merlino solo sa cosa potrebbe accadere a quel punto…. Un bagno di sangue! sarebbero travolti tutti, anche i purosangue! E la tua famiglia si ritroverebbe in mezzo!”
    “Non m piegherò mai a un mezzosangue, Orion!”
    “Salazar! Sappiamo entrambi la verità, e anche Abraxas, purtroppo, la conosce molto bene: tu hai un prezzo, come tutti... Non ti concederanno altre scelte, ti colpiranno in quello che hai di più caro per averti dalla loro, è così che va letto quel dannato sogno.”
    “Lo so, ed è per questo che ho bisogno del tuo aiuto.”

Lo guardai, Orion aveva capito cosa stavo per chiedergli, e mi implorava che non facessi sul serio, con occhi carichi di terrore.



*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).
1. Il titolo parla di Alshain e Orion: Alshain è infatti una stella della costellazione dell'Aquila, mentre Orion è il nome di un'altra costellazione.
2. Il Marchio che Orion vede sul corpo dell'amico non è il Marchio Nero dei Mangiamorte, ma un segno che, nel corso dei secoli, permette agli eredi di Salazar di riconoscere l'unico e solo erede di Hifrig (di questo si parlerà a lungo a tempo debito).
3. Il sogno iniziale di Alshain termina con il braccio di Deidra deturpato dal Marchio del Signore Oscuro. Questo non significa che sul braccio della Strega ci sia veramente quel segno o che ci sarà in futuro.

Valeria



Scheda
Immagine: non ho ancora ritrovato la fonte di questa foto.

Ritorna all'indice


Capitolo 9
*** I.009 - HABARCAT - Amicizia ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.009 - Amicizia

I.009


Severus Snape
Spinner's End, località sconosciuta - giov. 25 febbraio 1971

    "Corri! Corri! Prendilo!"
    “Sbrigati, Sam, ci sta scappando!”
    “Ora lo blocco io!”

Sentii la "manona" di Eddy Thompson che mi ghermiva il retro del misero cappottino, tirò e udii il rumore inconfondibile della stoffa della fodera che si strappava. Mia madre mi avrebbe rimproverato, me lo meritavo: sapevo quanto costava la stoffa, e quanti pochi soldi ci restavano. Ma in quel momento dovevo scappare, o sarebbe stata la fine per me, se mi avessero raggiunto. Non l'avevo fatto apposta, non me l’ero cercata, io non me la cercavo mai, eppure anche quel giorno, appena era suonata la campanella della pausa pranzo, i soliti prepotenti mi avevano preso di mira, mi avevano accerchiato e, oltre a farsi beffe di me, come sempre, avevano cercato di picchiarmi. Io non l’avevo fatto apposta nemmeno quando Roger Templeton mi si era gettato contro, cercando di tirarmi un pugno in faccia, ma stranamente i lacci delle sue scarpe si erano annodati tra loro ed era caduto con un tonfo sordo in mezzo alla neve: in quel frangente ero scappato, mentre i teppistelli venivano investiti dalle risate di tutti i ragazzini del cortile. Anche i suoi: un timido sorriso aveva illuminato per un attimo la mia ennesima giornata buia. Era quello che mi capitava sempre, se Lily Evans era presente.
I cinque bulli non l'avevano presa affatto bene e a quel punto, per riportare in alto il proprio nome, avevano dato inizio al gioco più popolare della scuola elementare di "Hollies Way": "Caccia al ragnetto" detta anche “Caccia al gufetto". Mi chiamavano così dal primo giorno di scuola, per via del mio aspetto malatino, capelli neri e untuosi, colorito pallido, per non dire giallastro, fisico da moscerino, abiti sempre inadatti, o troppo grandi o troppo corti. E le cose erano peggiorate ulteriormente quando fu evidente che ero il più bravo della classe. Correvo: m’intrufolai tra il cortile e il capanno del custode, sentii le voci avvicinarsi, saltai la recinzione, camminai sul muretto, superai anche quello e mi ritrovai finalmente fuori dalla scuola. Misi ancora più urgenza nelle mie gambe e voltai l'angolo: mia madre mi avrebbe punito, la maestra l'avrebbe informata che ero scappato e, soprattutto, stavolta avevo perso anche la cartella con tutto quello che c'era dentro. Eppure non era proprio il caso di tornare indietro, dovevo tenermi alla larga per quel giorno, tra l’altro non era la prima volta che capitava, sapevo a cosa andavo incontro. Rallentai, fino a fermarmi, non avevo più fiato, mi piegai a metà, le mani sulle ginocchia, a bocca aperta, sperando di raccattare più ossigeno che potevo: fu allora che mi saltarono addosso, quei maledetti si erano mossi, silenziosi e rapidi, tagliando per il sottopasso. Che stupido a non averci pensato io! Mi misero subito sotto, di sicuro mi avrebbero rotto di nuovo il naso e incrinato qualche costola, Eddy era una balena, a dieci anni pesava già oltre ottanta kg: era di questo che si pavoneggiava sua madre nel quartiere, soprattutto quando incrociava la mia. Il pugno arrivò alla faccia ed io presi a contare nella mia mente, avevo scoperto che pensando ai numeri, a volte, mi estraniavo a tal punto da me stesso da non percepire più come mio il corpo che veniva pestato. 1, 2....Non dovevo piangere. 3.... 5.. non dovevo...

    "Brutte canaglie che state facendo! Mariniamo la scuola eh! Andiamo a rubacchiare in giro? Ora chiamo la polizia!”

Jeffrey Coltrane uscì dal suo negozio di idraulica all’angolo e li mise in fuga, brandendo il vecchio fucile da caccia che aveva ritirato fuori da quando, per quattro volte di seguito, dei giovinastri gli avevano depredato il magazzino. Era un burbero misantropo, con una fosca nomea, sembrava che avesse ammazzato due persone da giovane e solo grazie al buon cuore del vecchio padrone del negozio aveva da decenni quel posto, prima da garzone poi da gestore. Quando mi vide al suolo, immobile, mi raccolse su, prendendomi per il bavero, poteva sollevarmi con una mano sola: a me, da sempre, da quando mia madre me ne aveva parlato la prima volta, ricordava un gigante.

    "Ah, il figlio di Prince... sei strano proprio come tua madre, eh?"

Mi diede una pacca sulla schiena e mi portò dentro, mi versò una tazza di brodo caldo e un'aletta di gallina. Mi guardò mangiare con una strana espressione, sembrava quasi che mi misurasse.

    “Non ho di meglio, a te servirebbe carne vera, ma vedi d mangiare almeno questo o quelli là son capaci di spezzarti la schiena.”

Rimasi a mangiare in silenzio anche due patate e una carota, mi versò un’altra scodella di brodo, poi si alzò, andò nel retro e tornò con un fiascone di acqua ossigenata.

    “Non ho di meglio!”

Mi strofinò energico sul sopracciglio pesto, bruciava come l'inferno. Infine, sempre di mala grazia, mise un cerotto, dandomi l’aspetto di un "ragnetto corsaro".

    “Vedi di tenerti alla larga da quelli, Prince, altrimenti, prima o poi, qualcuno chiamerà i servizi sociali e tua madre non avrà più nemmeno te.”

Mi rivolse uno sguardo profondo. Si diceva che la sua sventura fosse iniziata proprio perché la sua famiglia era troppo povera e l’avevano affidato ad un istituto da cui era scappato, dandosi poi alla macchia per anni, crescendo come un selvaggio. Lui non poteva sapere che io non ero destinato a niente di tutto ciò: io avevo la scuola di magia di Hogwarts, a cui ero iscritto dal momento della mia nascita, da bravo mago...

    “Nessuno mi porterà via da mia madre!”
    “Certo, certo, figliolo, nessuno… a parte Dumbledore!”

Lo disse in un soffio, e a me quasi cadde la tazza di mano, mi sembrò che mi facesse l'occhietto con aria burbera.

    “Come ha detto?”
    “Nulla! Ora vattene e dammi retta, tieniti lontano dai guai, settembre non è poi così lontano, no? E se ti trovassi ancora nei pasticci con quelli là, portali fino da me, che ci penso io! Quando passi da queste parti, puoi fermarti per una tazza di brodo, o per guadagnare qualche soldo aiutandomi in negozio, non ho più venti anni e tu almeno non staresti per strada!”

Era ormai il primo pomeriggio, in quel mentre entrarono un paio di clienti, mi squadrarono in malo modo, sapevo benissimo che avevamo una cattiva nomea nel quartiere, a causa di mio padre sempre ubriaco, che perdeva un lavoro dopo l’altro, ma non sapevo perché se la prendessero anche con la mamma: lei si faceva gli affari suoi, non dava fastidio a nessuno, non era come certe madri che per procurarsi soldi... Non aveva mai fatto nulla che potesse indurre chicchesia a dubitare di noi, di cos'eravamo davvero… Eppure, quei maledetti babbani ci deridevano, ci isolavano... ci odiavano. Uscii per strada, mi guardai attorno, i miei aggressori erano ormai spariti da un pezzo, per fortuna era una giornata rigida e ventosa, secca, col sole gelido che ormai iniziava a scendere dietro al rudere della vecchia ciminiera. Niente pioggia. Camminavo, solo, lungo i binari della ferrovia, arrampicandomi sui terrapieni ancora innevati, guardavo la città che si dispiegava come una lumaca pigra lungo le rive del fiume. Ormai la giornata scolastica era conclusa, potevo avviarmi lentamente verso Spinner’s End, per quel giorno nessuno a casa si sarebbe accorto della mia fuga, con un pò di fortuna avrei potuto persino nascondermi in camera fino al mattino dopo, nessuno avrebbe notato subito quei lividi. Finii col restare fuori a bighellonare, sperando di non incontrare di nuovo i bulli e riuscire a trovare qualche buona scusa da raccontare alla mamma. Per lo meno da qualche settimana sembrava che mio padre nemmeno mi vedesse. Non più, dopo quella notte, in cui mi aveva fatto un occhio nero perchè avevo difeso la mamma. Ero certo che l’amico di mia madre c’entrasse qualcosa con lo strano torpore di mio padre, ma lei non m diceva nulla, anzi s’incupiva ogni volta che gliene parlavo: le avevo chiesto perché quel mago era stato da noi, perché non ci aiutava se era davvero nostro amico, perché non chiedevamo a lui quello che ci era necessario. Fu l’unica volta che mia madre mi diede uno schiaffo, ricordandomi che i Prince non chiedono l’elemosina a nessuno, e di scordarmi anche di aver visto quell’uomo quella mattina. Sapevo, però, che, da quel giorno, quasi tutte le settimane, il mercoledì veniva da noi una donna dai capelli rossi, che s’intratteneva in casa per un paio d'ore e di cui mia madre si rifiutava di dirmi qualsiasi cosa. Ero certo che si trattasse di una Sherton, avevo visto le sue mani tatuate, sbirciando, non visto, dal corridoio quando era arrivata, subito prima che mia madre chiudesse a chiave la porta che dalle camere immetteva nel soggiorno.
Fin da piccolo la mamma mi aveva raccontato di Hogwarts, la scuola di magia, mi aveva fatto leggere i libri d pozioni e di erbologia ed era stato su uno dei suoi libri che avevo letto per la prima volta quel nome, Alshain: non capivo perchè l'avesse scritto, sapevo solo che era una stella della costellazione dell’Aquila, e non conoscevo nessun uomo che portasse un nome del genere. Mia madre mi parlò del suo compagno di scuola solo molto tempo dopo: era un mago della sua stessa età, era stato il più forte cercatore di Quidditch della scuola nel periodo che vi avevano studiato, ed anche uno dei ragazzi più ambiti, proveniente da una delle più nobili e antiche famiglie Serpeverdi del Nord. Non aveva delle foto di Sherton, perciò avevo fantasticato a lungo sul suo aspetto e sulle leggende che circolavano su quella famiglia, legata a Salazar stesso fin dalla notte dei tempi.
Avevo fantasticato anche sulla mia vita: come sarebbe stata se mia madre avesse sposato un altro mago, e non un babbano come mio padre? Vedere quel famoso mago, quella mattina, in casa nostra, mi aveva aperto il cuore, era la prova che presto la mia vita sarebbe cambiata, che Hogwarts era reale e aspettava solo me.

    “Attento a non cadere di sotto!”

Mi voltai di scatto e quasi caddi sul serio: Lily Evans era lì, ai piedi del terrapieno con i suoi magnifici occhi verdi e quella nuvola di capelli simili a seta rossa, sotto un cappellino di lana color panna: una fata che irradiava ovunque un’aura di bellezza e magia. Era già bellissima a dieci anni e immaginavo come sarebbe stato un giorno vivere accanto a lei, meravigliosa come la strega che faceva visita a mia madre. Sua sorella era poco lontana e ci guardava storto.Cercai di darmi un contegno e scivolai con quello che era il massima della mia grazia, ovvero ben poca; con sollievo vidi che reggeva la mia cartella. Non ci potevo credere! Mia madre non avrebbe dovuto vendersi quel poco che aveva per ricomprarmi i libri! E, soprattutto, Lily Evans pensava tanto a me, da togliermi da quel pasticcio e venirmi addirittura a cercare!

    “Questa è tua…”

La ringraziai con un cenno, e m misi a guardare dentro, c’era proprio tutto.

    “Ti fa tanto male?”

Con la mano sollevò una ciocca dei miei capelli, scoprendo il livido incerottato.

    “No, non è nulla”

Le scansai ruvido la mano, con la solita voce saccente. Mi morsi il labbro pieno di vergogna: Merlino, perchè uscivo sempre così dannatamente spocchioso con lei, che era l’unica persona che si mostrava sempre gentile e meravigliosa con me?

    “Vai a casa? Se vuoi, ti accompagnamo”
    “No Evans, allungheresti la strada per niente e non m pare il caso…”

Vidi lo sguardo sempre più risentito e acido di sua sorella: no, non era proprio il caso. Lily si avvicinò al mio viso e mi sussurrò piano con una volce dolcissima e ridente. Quasi svenni.

    "Io sono una strega, Severus, posso fare qualunque cosa… l’hai detto tu!”

Tirò fuori un righello dalla cartella e sotto gli occhi atterriti di Petunia si mise a fendere l’aria, ridendo aggraziata, simulando al tempo stesso la stoccata di un fiorettista e il morbido movimento di polso con cui, secondo mia madre, si doveva muovere la bacchetta.

    "Per la strada potresti raccontarmi di Hogwarts, no? Hai già ricevuto la lettera? Sono così curiosa, lo sai? Chi pensi verrà a parlare con imiei genitori della scuola?”

M'investì con mille parole, di cui capii appena le prime tre, ero in un mondo tutto mio, in cui esistevano solo quegli occhi, quella risata e quella voce melodiosa.

    "Severus?"

Divenni porpora, lei rise della mia faccia mortificata e sua sorella si incupì anche di più, camminando dieci passi avanti a noi, come se portasse un palo alla schiena, tanto era dritta e scocciata. Da quando l’anno prima, mentre giocava con Petunia, avevo fatto irruzione nel parco definendola una strega, Lily Evans aveva mostrato interesse per me. Lei, l’unico essere umano al d fuori d mia madre. Mentre sua sorella non poteva vedermi, come quasi tutti gli abitanti di quella insulsa cittadina di provincia. Non che mi importasse di Petunia e di cosa pensavano i babbani come lei. Io ero felice, non potevo crederci! Avevo osservato Lily varie volte per la strada, mentre s avviava a scuola, l’avevo persino seguita e spiata spesso, soprattutto nel parco, rischiando più volte di essere scoperto e per questo perseguitato anche di più, ma alla fine avevo capito: dopo un' attenta analisi, mi ero reso conto che non erano i miei occhi a sbagliarsi, nè la mia mente a sperare. No. Lily Evans era davvero una strega, lei era come me. Poco importava se, come diceva mia madre, lei era solo una sangue sporco. Lei era come me. Saremmo partiti insieme per Hogwarts, saremmo entrati insieme nella casa d Salazar e la mia vita sarebbe finalmente cambiata, basta con le umiliazioni, i pestaggi, la miseria. Basta con la schifosa vita da babbano di mio padre, io sarei stato un mago, e la cosa migliore d tutte, avrei avuto la piccola Lily accanto a me.

    “Lo sai che la prossima settimana arriverà il circo? Ci saranno anche le giostre! Vuoi venire insieme a noi?"

Ero convinto di vedere le stelline nei suoi occhi verdi, non sapevo come facesse, ma ogni cosa che guardava o toccava, sembrava illuminarsi come le vetrine dei negozi a Natale. Ma io non potevo andare alle giostre, anche se avrei voluto, non avevo i soldi.

    "Dai, dai Severus, dimmi di sì! Sarà bello, vedrai!"

Risalimmo lungo il pendio del terrapieno e avanzammo verso il fiume, mi aveva preso per mano, era morbida e calda, e il suo buon profumo m inebriava, dandomi una volta tanto l’aspetto radioso tipio di un bambino di undici anni. Si stava ormai facendo buio, eravamo arrivati sul ponte, di fronte al parco, bastava attraversarlo per entrare nella mia via, a Spinner's End.

    "Allora verrai con me Sev?"

Petunia pistacchiava nervosa i piedi sull'asfalto, di là del ponte le luci della mia casa m avvisavano che stavo per andare incontro a un brutto quarto d'ora.

    "D'accordo, Evans!"

Lily iniziò a saltellare contenta, m gettò le braccia al collo e mi stampò un bacio sulla guancia, poi disse qualcosa che non capii, tipo "a domani" o "ciao": io nn sentivo più niente, solo il caldo umido d quelle labbra sul mio viso, la mia faccia in fiamme, il cuore a mille. Attraversai volando il ponte, qualsiasi cosa fosse successa, ormai non importava.
Lily Evans mi aveva dato un bacio.


***

Meissa Sherton
Amesbury, Wiltshire - sab. 27 febbraio 1971

Il parco era nuovamente nascosto sotto una coltre di soffice neve ed io stavo da sola in prossimità del laghetto ghiacciato, a pensare; era l’ultimo giorno “inglese”, l’indomani saremmo partiti. Non sapevo perché mio padre avesse deciso di anticipare di due settimane il nostro rientro in Scozia, tra l’altro era stato anche annullato il mio viaggio con la mamma e Wezen in Irlanda, sarebbe partito solo Mirzam, al nostro posto. Sembrava che da qualche settimana si fosse inasprita una specie di guerra tra babbani in quelle terre, e mio padre non voleva che corressimo rischi inutili: i Llywelyn, la famiglia di mia madre, abitava da nove secoli a sud/est di Doire, in un piccolo villaggio fondato nella notte dei tempi, lungo il fiume Foyle. Fissavo i miei pensieri, disegnando con un bastoncino delle figure geometriche sulla neve: ero entusiasta e al tempo stesso spaventata, avrei iniziato prima i preparativi per Habarcat, con papà, a Herrengton. Per quanto mi sforzassi di immaginare, non riuscivo a farmi un’idea del tipo di prove che mi attendevano.

    “Ciao.”

Mi voltai, Sirius Black era di fronte a me, con un mantello blu scuro e l’aria beffarda. Di colpo la giornata si fece fosca. Tornai ad occuparmi delle greche che stavo disegnando: l’ultima volta che ci eravamo visti… era meglio non ripensarci più… sentii il suo solito passo baldanzoso sulla neve soffice e mi misi subito sulla difensiva.

    “Che cosa vuoi Black? Non sono più in vena di sopportare i tuoi patetici scherzi, ti avverto!”
    “Volevo parlarti, prima che partissi.”

Si avvicinò ancora un pò. Tornai a guardarlo, con l’aria omicida delle migliori occasioni.

    “Io non ho nulla da dirti, Black, e non mi interessa sentire quello che vorresti dirmi tu. È meglio se torni dentro, al caldo, da tuo fratello e tutti gli altri!”
    “Regulus è rimasto a casa, ieri ha avuto un piccolo scontro con la mia... bacchetta. È stato tuo padre a dirmi dove potevo trovarti…”

Gli sfuggì un ghigno perfido. Io non sapevo cosa mio padre ci trovasse in quell’idiota, però, con quella frase, Sirius aveva trovato il modo sottile e vigliacco per dirmi che dovevo ascoltarlo per forza. Incrociai le braccia al petto e lo guardai, desiderosa che quella farsa finisse presto e mi lasciasse finalmente in pace. Fu allora che notai che teneva qualcosa sotto il mantello: mi preparai al peggio, ma ero sollevata di essermene accorta in tempo, forse non potevo evitare l’inevitabile, ma almeno non gli avrei dato la soddisfazione di vedermi spaventata.

    “Non so quali diavolerie tu abbia architettato stavolta, Black, ma ho visto che hai nascosto qualcosa là sotto.”

Volevo sembrare decisa, ma mi accorsi di avere una sfumatura supplichevole nella voce, e me ne vergognai. Sirius, con faccia annoiata, aprì appena il mantello mostrando un sacchetto di cioccorane.

    “Giusto, il mio regalo di arrivederci per te, principessa, per renderti più dolce il viaggio, e convincerti a perdonarmi, se vuoi”.

Ero rimasta sorpresa, pensavo che questo non fosse da Black, non mi sembrava il tipo da chiedere perdono, ma preferivo non abbassare la guardia, anche l’ultima volta sembrava intimidito e indifeso, e invece...

    “Non le hai avvelenate, vero?”

Lo guardai sospettosa, facendo capire che non mi vendevo per tanto poco e non mi fidavo affatto di lui.

    “Soddisfatta?”

Rispose ridendo, porgendomi il sacchetto con malagrazia dopo averne mangiate un paio e aver finto di rimanere avvelenato all’istante, strabuzzando gli occhi e strappandomi un sorriso, per quanto era buffo; poi si diresse verso il laghetto, in silenzio. No, Black non era come tutti gli altri, aveva chiesto scusa, aveva fatto un’offerta, a modo suo, e ora stava a me decidere. Non era il tipo da genuflettersi per ottenere il mio perdono, e forse meritava di ottenerlo proprio perché non era un patetico “molliccio” come tanti che avevo incrociato, che tremavano davanti al nome d mio padre.

    “D’accordo Black, Ti posso concedere un’altra possibilità, anche perché non voglio che tu mi rovini l’estate, quando verrai a Herrengton. Se non mi farai altri stupidi scherzi, avrai il mio perdono pieno, alla fine dell’estate.”

Mi sorrise mentre mi prendeva la mano che gli avevo offerto, la sua presa era energica, ma anche gentile: il patto era sancito, mi chiedevo se avesse tanto onore da rispettare l’impegno.

    “Ti va di giocare a scacchi magici con me?“
    “No, non mi piacciono gli scacchi, io non sono come mio fratello.”

M diede le spalle e si mise a fissare il laghetto ghiacciato. Certo che era proprio strano!

   
Ti prenderai un malanno, se resti qui, tra poco riprenderà a nevicare! Non importa se non vuoi giocare con me, ma ti conviene seguirmi. Se passiamo da quella porta saremo subito al riparo".

Gli indicai la porta a vetri del salone che usavamo d’estate, posto sotto la mia camera, acconsentì, probabilmente solo perché la neve già cadeva sempre più fitta. Vidi che mi seguiva incerto.

    “Sei sicura di potermi invitare?”
    “Io non sono come te!”

Ghignai e me lo lasciai dietro mentre salivo la scala, correndo stranamente felice. Sirius non aveva mai visto quella parte della villa, era stato sempre e solo nelle stanze aperte agli ospiti durante le feste e i ricevimenti: la scalinata che portava alle stanze padronali assomigliava oggettivamente a quella di Grimmauld Place, con appesi alle pareti tutti quei ritratti di maghi e streghe del passato che seguivano il passaggio e bisbigliavano dietro a quanti si avventuravano lungo i gradini, ma confrontando il tutto con la casa dei Black, ad Amesbury c’era molta più luce e un maggiore senso di calore e intimità. Arrivati in cima alle scale, i miei pensieri su quale fosse l’elfo più orrido che avevo intravisto esposto a Grimmauld Place furono interrotti: Sirius sembrava rimasto inebetito davanti al ritratto di mia nonna, Ryanna Meyer, una strega dai capelli corvini e gli occhi d’acciaio, che lo guardava con aria severa e altezzosa. Sembrava rimasto senza fiato.

    “Chi è la donna del ritratto?”.
    “Dovresti riconoscerla, è Ryanna Meyer, la mia nonna paterna”.
    “Merlino, Meissa, le assomigli tantissimo!”

Non riusciva a staccarle gli occhi di dosso, estasiato. Sorrisi, timida: lui non poteva saperlo, ma dicendomi una cosa simile mi aveva fatto un complimento enorme, perché nella nostra famiglia e nelle terre del Nord la bellezza di mia nonna era ancora leggendaria.

    “Andiamo dai, prima che qualcuno ci veda per le scale.”
    “Allora stiamo davvero infrangendo qualche regola di casa Sherton, principessa! Che dici? Sarò all’altezza della sala delle torture di tuo padre?”

Mi fece un occhiolino, complice, ed io trattenni a stento un’altra risata mentre aprivo la porta e mi affrettavo ad entrare, chiamai subito Kreya. Sirius mi seguì curioso e si ritrovò nella mia stanza dei giochi, che assomigliava a una gigantesca casa delle bambole, in cui i colori pastello, soprattutto il rosa e il giallo chiaro, dominavano su tutto.

    “Lo sapevo, ecco la prova che sei una bambola animata! Qual è il tuo angolino?”.
    “Sei sempre il solito villano, sei proprio senza speranza!”.

Gli voltai le spalle fintamente offesa, rivolgendogli a bassa voce un paio d insulti giocosi in gaelico, fingendo di prendermela con me stessa per essermi illusa.

    “Non vale, Sherton lo sai che non conosco lo scozzese, non mi provocare!”

Mi guardava innocente, ma ero sicura che avesse capito che stavo giocando, forse conosceva abbastanza del mio dialetto da capire che non l’avevo affatto insultato. Divenni rossa, Merlino, cosa stavo facendo? finsi di non averlo sentito, gettai il cappotto su una sedia, e mi rivolsi a Kreya.

    “Se cercano Sirius digli che sta giocando qui con me, l’ho invitato altrimenti diventava un pupazzo di neve!”

Lo guardai deridendolo, poi congedai l’elfa con tono autoritario e Sirius trattenne a stento una risatina di scherno.

    “Cos’hai da ridere adesso ? Ti sembra una cosa tanto divertente?”
    “No, è che... Se lo dicessi io, invece di rassicurarsi, si materializzerebbero tutti quanti in camera mia in un attimo!”
    “Certo, tu sei un criminale degno delle prigioni di Azkaban!”

Risi acida e gli diedi le spalle.

    “Ah davvero? E tu cosa saresti? Se m’ hai invitato nelle tue stanze benchè mi consideri adatto a Azkaban, sei già folle d’amore per me, è questa la verità! Immagino quanto sarà contenta mia madre quando glielo dirò!”.

Rise sarcastico e io divenni color peperone, non sapevo se di rabbia, di paura o di vergogna.

    “Quale amore, Black?! Ho dato ospitalità a un reietto, che stava morendo di freddo nel mio giardino!”

Mi voltai a guardarlo con aria di sfida, mentre Sirius, appoggiato ancora alla porta della camera, rispondeva con occhi sempre più divertiti. Merlino… che stavo facendo? Una volta avevo visto Rigel comportarsi così con la figlia di Emerson e Mirzam l’aveva poi preso in giro per giorni dicendo che ci aveva “flirtato”! Ormai di color rubino, mi avvicinai alla libreria, dandogli le spalle, se l’avessi guardato ancora non sarei più stata capace di parlare.

    “Vuoi vedere l’album del Quidditch o sei talmente “inutile” che non ti piace nemmeno quello? Preferisci tenere su la porta, Black?”
    “L’album del Quidditch di tuo padre?”

Annuii e Sirius smise di fare immediatamente l’idiota, si tolse il mantello, stranamente entusiasta, lo buttò su un’altra sedia, avendo cura di togliere la bacchetta che dal giorno del compleanno, benché non potesse usarla, teneva sempre con sé: trattenne di nuovo un sorriso perfido ripensando, probabilmente, che il giorno prima non aveva fatto molta attenzione mentre giocava con la bacchetta davanti a Regulus. Gli feci segno di sedersi mentre io provavo a salire sulla sedia per prendere l’album, su un ripiano, troppo alto.

    “Aspetta!”

Sirius si avvicinò, salì sulla sedia al mio posto, si sporse sulla mensola e indicò il libro, io annuii e lui lo prese. Balzò dalla sedia, e con un inchino mi consegnò il libro.

    “Al tuo servizio principessa!”

Non potei fare a meno di ridere.

    “Non c'è nulla da ridere, Sherton! Quando voglio sono davvero un Black, ricordatelo!”

Mi fece l’occhietto. Cosa Merlino voleva dire? Ricordai che la mamma, parlando con mia zia, diceva sempre che i Black facevano scuola, per eleganza e galanteria: avevo già notato che i figli di Walburga erano sempre perfetti rispetto a molti nostri coetanei, ma non avevo mai considerato che fossero due Orion Black in miniatura. E di Orion Black si diceva che fosse stato uno dei più famosi dongiovanni di Hogwarts, ai suoi tempi, anche più di mio padre. Sirius si mise ad ammirare l’album di papà, in cui erano raccolte alcune foto di quando era il cercatore di Serpeverde a Hogwarts: notai che si soffermò su una foto in cui festeggiava la vittoria con Orion, papà reggeva la coppa e Black la sua scopa. Sirius aveva un’aria strana, era sparita la sua proverbiale aria canzonatoria, sembrava quasi triste.

    “Sirius? Va tutto bene?”
    “Cosa? Ah sì, sì, certo, sto benissimo, se tu sei accanto a me, mia dolce principessina!”

Mi prese la mano e me la baciò, io la ritrassi attonita, non capivo quegli sbalzi d’umore.

    “Smettila Black, io non sono una di quelle frignanti ragazzine inglesi che frequenti a Londra!”. 
    “Salazar, sei già gelosa Sherton? Dimmi di sì e ti giuro che non guarderò mai più in tutta la mia vita un’altra ragazza, giuro!“

E fece il segno del giuramento magico sul suo petto.

    “Quanto sei scemo! Volevo solo dire… che …”
    “Che?"

Salazar, in che situazione mi ero messa, e ora cosa gli dicevo? Sirius mi guardava con un'aria strana, non capivo più se era davvero interessato o si stava preparando a ridere, per come m ero messa nel sacco da sola.

    “Perché sei così triste? Perché la foto dei nostri genitori t ha spento il sorriso?”
    “E perché dovrei dirlo a te?”

Il sorriso radioso gli sfiorì subito sulle labbra e rimase un attimo pensoso, come quel pomeriggio sotto al platano.

    “Perché se vuoi posso essere un’amica per te….”
    “Cosa ti fa credere che io ne abbia bisogno, Sherton?”

Stavo per rispondergli male, picchiarlo anche, perché se continuava così, forse mi sarei messa a piangere. Perchè doveva essere così odioso anche adesso che gli parlavo col cuore in mano?

    “Perché tu mi hai seguito quel giorno nella neve, senza nemmeno sapere chi fossi, perchè hai avuto paura per me, pensando che mi fossi ferita. Rigel mi ha detto tutto. Sarai anche pazzo e scemo, Black, ma … io nn dimentico.”
    “Forse... se avessi saputo che eri tu…."

Mi guardò divertito, a me salirono le lacrime agli occhi.

    "No, scusa, non è vero. Mi sono preoccupato davvero quel giorno. E sono stato davvero fiero di te, quando li hai messi in riga… Sai, penso sarà un’estate entusiasmante per noi, Meissa, perchè io ti dimostrerò di meritare il tuo perdono e tu ... diventerai mia amica.. Ci stai?”
    “Sì. Ci sto.”

Mi guardò, serio, ma presto la luce giocosa ebbe la meglio e non potemmo evitare di ridere come mai avevamo fatto finora.

    “Comunque, Sherton, non credo m vedrai spesso a Herrengton, conto di andare in giro per boschi con tuo padre e i tuoi fratelli, lascerò che sia Regulus a frignare attorno alle tue gonne!”

Rise di nuovo.

    “Tu per i boschi di Herrengton, Black? Merlino! Devo ridere? Tu ti perderai già nel cortile, altro che boschi! E poi ti illudi che mio padre porti a zonzo voi, lasciandomi a casa? Tu non hai proprio capito nulla di quello che ti aspetta, Black, quest’estate mio padre ti rimetterà in sesto quel tuo cervellino malato! Ecco quello che ti succederà!”
    “Vogliamo scommettere, Sherton?”
    “E cosa vorresti giocarti, Black?”

In quel momento, Kreya si materializzò nella stanza ormai satura della nostra strana complicità, facendoci sussultare: dovevamo scendere, i suoi erano pronti per ritornare a Grimmauld Place; Sirius mi diede la mano, col suo solito sorriso radioso.

    “Sai, Mey, magari mi sto sbaglaindo, ma ho la sensazione che qualsiasi cosa accadrà, io e te saremo amici per sempre!”

Il momento zuccheroso passò subito, lui mi diede un bacio sulla mano e mi guardò strano, io gli lanciai uno dei miei soliti sguardi di sfida: tornammo rapidamente ad essere noi stessi, in silenzio seguimmo Kreya fino nel salone dove ci aspettavano i suoi genitori. Mi spaventò, come sempre, l’aria compiaciuta con cui m guardò Walburga, ma stavolta c'era qualcosa di nuovo che mi rendeva allegra. Sirius Black era stato sincero, e di certo saremmo diventati buoni amici.



*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 10
*** I.010 - HABARCAT - La Fiamma di Habarcat ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.010 - La Fiamma di Habarcat

I.010


Meissa Sherton
Herrengton Hill, Highlands - sab. 20 marzo 1971

L’aria sferzava il mio viso, la libertà mi correva incontro, sentivo la forza di Alceos trasmettersi a tutto il mio essere mentre si librava sulle coste irte e sul mare in burrasca. Aprii le braccia reggendomi con le gambe in una morsa feroce sul suo corpo massiccio, liberando la mia energia e felicità in un urlo che fu inghiottito dalla risacca del mare...

Mi svegliarono e per qualche istante non capii dove mi trovassi, ancora persa nell’immagine estatica del mondo nelle mie mani. Avevo passato la notte lontana dalla mia casa, lontana da tutto ciò che conoscevo e che mi era caro, in una cella angusta posta nel sottotetto dell’antica Torre di Guardia, nell’intrico della foresta di Herrengton, a quasi un giorno di viaggio dal maniero: era la stanza che per prima sarebbe stata baciata dalle luci del giorno. Non era ancora sorto il sole, ma non l’avrei comunque visto, ero cieca, gli occhi nascosti da una benda, a rappresentare la mia ignoranza: potevo, anzi, dovevo sentire solo con la pelle quell’alba, l’ultima prima dell’equinozio di primavera, percepirne la sua incompiutezza, la sua imperfezione, paragonandola al giorno seguente, quando sarei tornata a vedere la luce e questa si sarebbe svelata a me nella sua pienezza, perfetta come la consapevolezza che stavo per raggiungere. Mia madre mi invitò con lievi tocchi a scendere dal giaciglio, mi aiutò a vestirmi con una tunica cerimoniale, spoglia, priva degli ornamenti che ero solita portare durante i riti: quel giorno ero solo me stessa, non era importante di chi fossi figlia, a quale famiglia appartenessi, ero in gioco solamente io, dovevo fare i conti solo con la mia coscienza. Mi prese la mano e mi condusse per i corridoi e le scale, giù fino nei sotterranei: sentii il freddo umido delle stanze non raggiunte mai dal calore del sole, l’odore muschiato e umido della pietra a contatto della nuda terra.
Ero costretta a muovermi con circospezione, acuendo tutti i sensi, per capire attraverso i movimenti e le pressioni della mano di mia madre sulla mia, quale fosse il tragitto corretto: aveva l’obbligo di non parlarmi già da una settimana, ma nei giorni precedenti poteva almeno darmi degli ordini; quell’ultimo giorno, invece, l’imposizione del silenzio doveva essere tassativamente rispettata, nulla poteva aiutarmi se non la forza che dovevo trovare in me stessa. Erano cinque anni che mi preparavo a quel momento. Quando arrivammo alla fine del nostro tragitto, mi resi conto di aver abbandonato dietro di me gli angusti corridoi e le celle sotterranee, per arrivare in un ambiente più vasto, in cui si trovava una fonte d’acqua: ne sentivo il rumore mentre cadeva da una media altezza in una vasca, il rimbombo tipico di quel suono che si diffondeva in un ambiente molto vasto e vuoto. Mia madre battè le mani e sentii attorno a me i passi rapidi e leggeri delle nostre elfe, si presero cura di me, mi spogliarono e mi guidarono alla sorgente: l'acqua profumava di rose, la vasca era di freddo marmo, come mi resi conto quando mi ci ritrovai immersa fino alle caviglie; le mani di mia madre mi spinsero avanti, finchè il liquido gelido arrivò a coprire prima il mio ventre, poi le mie spalle, infine la testa. Trattenni il respiro e m immersi completamente: dovevo contare per qualche minuto prima di tornare a respirare. Quando riemersi, la mamma iniziò a recitare ad alta voce una nenia, di cui non capivo tutte le parole: ero ancora troppo giovane per conoscere bene la lingua dei padri, l’avrei imparata nel corso dei successivi cinque anni, ma almeno riconoscevo i termini più importanti: "consapevolezza", "forza", "conoscenza", il nome druidico della mia famiglia, il nome druidico di mio padre e quello di mia madre, il mio nome, il nome dei miei fratelli. Deidra Sherton stava offrendo al "Cammino del Nord" la sua unica figlia, affinchè con la mia vita onorassi il percorso scelto dalla mia gente fin dalla notte dei tempi.
Quando tutte le promesse furono recitate, sentii librarsi nell’aria l’aroma delle piante sacre bruciate e spente nell’acqua della Sorgente, che da quella grotta sgorgava e affluiva in superficie in un punto che nessuno di noi avrebbe mai conosciuto, se non nel momento in cui fosse stato nominato da nostro padre nuovo Custode di Herrengton: nessuno a parte lui, l’erede di Hifrig Sherton, conosceva l’identità del Custode, e, alla sua morte, l’avrebbe rivelata solo a colui che lui stesso avrebbe designato. Gli aromi delle piante si dispersero nell’aria, la cenere si depose sul fondo della vasca, i miei capelli furono annodati in una treccia, fermata con un nastro di seta argentato e impreziosito da piccoli smeraldi, il mio corpo fu rivestito da una semplice tunica di lino tinta di verde scuro, stretta alla vita con una fascia in tutto e per tutto identica a quella che avevo tra i capelli, al mio collo fu posto il medaglione donato da Salazar alle figlie di casa Sherton per il giorno di Habarcat, un intricato gioco di foglie d’argento che si annodavano intorno alle spire di un serpente dagli occhi di smeraldo. Il mio viso fu pulito e truccato magicamente con le piante rituali, il capo coperto da un velo leggero, che celava completamente il mio viso, simile a un velo da sposa, dopodiché, tutta la mia figura fu ricoperta da un mantello nero, dotato di un cappuccio, con gli intarsi d’argento a formare il disegno della Serpe sulle maniche e lungo tutti i bordi. Era quasi mezzogiorno quando il rito della Vestizione fu completato, allora fui lasciata sola, accanto alla vasca della Sorgente, a meditare sugli insegnamenti che mi erano stati impartiti in quegli ultimi anni, senza acqua né cibo, in attesa che fosse il tempo di scendere nella grotta di Salazar, dove il mattino seguente sarebbe avvenuto il Rito dell'Equinozio. I fumi delle piante bruciate riempirono i miei polmoni ed entrai in una specie di trance. Attraverso il velo percepivo il corso del Sole, la cui luce si diffondeva nella grande sala sotterranea mediante una fenditura che rompeva la continuità solida della volta di pietra. Completamente sola, sentivo nelle orecchie la voce di Herrengton che mi diceva perchè era giusto cedere, a cosa avrei dovuto rinunciare accettando il Cammino, nella mia testa ripetevo come una nenia cosa avrei raggiunto col mio sacrificio. Un lampo nero squarciò la visione di quello a cui mi avevano preparato le lezioni di mio padre, rossi occhi da serpe mi fecero vacillare per un attimo. Strinsi le mani fino a conficcare le unghie nella carne, facendole sanguinare. Dopo quella che sembrava un'eternità lo respinsi nelle tenebre.
Attesi la mezzanotte in preda a una specie di delirio, la vigilia si sarebbe presto conclusa e sarei stata condotta finalmente alla grotta di Salazar, scendendo sempre bendata, attraverso il sentiero rituale, senza poter fare uso di magie o di aiuti esterni, ma usando solo le mie risorse fisiche e mentali.

***

Sirius Black
12, Grimmauld Place, Londra - dom. 21 marzo 1971

Dalla loro partenza, tre settimane prima, degli Sherton non avevo saputo più nulla, pensavo che probabilmente non li avrei più rivisti prima dell’estate, anche se mi sarebbe piaciuto fare a Meissa gli auguri per il suo compleanno e vedere i famosi riti di Habarcat: non ne avevo mai sentito parlare fino a pochi mesi prima, ma ero convinto che fossero qualcosa di eccezionale, come tutto ciò in cui in qualche modo era coinvolto Alshain. Fu perciò con notevole stupore ed entusiasmo che ascoltai nostro padre quella sera.
   
    "Andrete a dormire subito, appena avrete finito di cenare, domattina, all’alba, verrete a Herrengton con me, ci materializzeremo direttamente lì, la tenuta è aperta tutta la notte per il rito.”

Non dormii, preda di un indescrivibile entusiasmo. Un'ora prima dell'alba, Reg ed io fummo ben lieti di vedere Kreacher venirci a chiamare, ci fiondammo di sotto, assonnati e confusi, certo, ma soprattutto molto interessati: nostro padre ci fece indossare dei mantelli neri con il cappuccio, identici al suo, a parte per la taglia, poi ci avvolse in un abbraccio stretto e immediatamente sentii la sensazione strana, soffocante, e, ahimè, prolungata, vista la distanza, tipica di quando ci smaterializzavamo. Al termine di quel "viaggio" mi ritrovai in riva al mare, le tenebre iniziavano a diradarsi per far spazio all’alba, davanti a me c'erano decine di barche, ancorate alla riva; mentre mi guardavo attorno, avido di immagini e curioso di vedere per la prima volta quella terra sacra e leggendaria, riconobbi tra i maghi che salivano sulle imbarcazioni zio Cygnus, in compagnia di Lestrange, ed altri uomini che avevo spesso visto ospiti di mio padre. Degli Sherton, però, non c’era nessuna traccia.

    “Salite, svelti.”

Nostro padre ci spinse a forza su una delle ultime imbarcazioni, a quanto pareva eravamo in ritardo e per un soffio riuscimmo a trovare ancora una barca vuota. Come ci mettemmo seduti tutti e tre , l'imbarcazione si mise in movimento, sembrava trascinata da una corda invisibile che ci portò velocemente a largo, poi risalì nuovamente il litorale. La costa era irta e selvaggia, sembrava difficile riuscire a raggiungerla via terra, non presentava nè insenature, nè approdi, alla fine scorsi una coppia di speroni rocciosi conficcati nell'acqua a formare una specie di arco stretto: la barca sembrava diretta in quel punto. Sorrisi tra me al pensiero che quello fosse solo l’inizio di una lunga stagione di avventure.

***

Meissa Sherton
Herrengton Hill, Highlands - dom. 21 marzo 1971

Allo scoccare della mezzanotte Mirzam introdusse due anziani maghi del Nord, i custodi del rito, nella sala della Sorgente e dopo che questi mi rivolsero le domande rituali che rompevano momentaneamente il voto di silenzio, mi condussero, attraverso un sentiero indicato da fiaccole di cui percepivo il ribervero da dietro le bende, fuori da quella che era la parte più segreta della tenuta. Fuori: un brivido mi percorse la schiena. Avrei dovuto attraversare i boschi che abitualmente non avevo ancora il premesso di affrontare, superandone i pericoli e le difficoltà estreme, senza più la mano di mia madre a guidarmi, senza ancora parole umane a incitarmi. In quel frangente ero cieca e sorda dinanzi a tutto, fuorchè davanti alla voce di Herrengton, che parlava alla mia anima con voci molteplici indicando al mio cuore come dovevo muovere i miei passi per completare la tappa del percorso che stavo seguendo. Se facevo la scelta giusta, Herrengton accendeva le pietre di luce verde a confermarmi nel mio passaggio. Le riconoscevo dal calore, attraverso i piedi nudi. Ci vollero circa tre ore per uscire dall’intrico del bosco, ne rimaneva appena poco più di una per scendere la strada stretta e tortuosa che portava alla grotta sulla spiaggia: per mia fortuna, però, nn era troppo ripida, percui mi mossi con passo prudente, ma senza più la paura di sbagliare o di ferirmi. In realtà, sotto di me, nel buio, si aprivano baratri e abissi, il mare e la sua scogliera di irte rocce: se avessi mosso un passo nella direzione sbagliata sarei caduta in un volo di decine di metri, per poi sfracellarmi tra quelle guglie affilate. Herrengton però guidava con perizia i miei passi, perché quella terra non reclamava il mio sangue, ma il mio rispetto, la mia fiducia e la consapevolezza del legame che mi univa a lei.
Arrivata alla grotta, in tempo utile, mentre mia madre e Mirzam si sistemavano ai lati dell’altare, i maghi mi spinsero al mio posto, di fronte all’ara eretta ai piedi di un gigantesco serpente di pietra: lì mi attendeva mio padre, come capii riconoscendone subito il profumo inconfondibile, pur nell’effluvio di svariate erbe bruciate nell’aria. Si avvicinò e, secondo il rito, mi chiese chi fossi, cosa volessi da Habarcat e cosa fossi disposta a donare a Herrengton per ottenere ciò che aveva chiesto. Pregai tra me di avere una voce tesa e sicura e iniziai a recitare nella lingua dei nostri padri, che appena conoscevo, i nomi druidici di tutti noi, poi dissi di essere lì per chiedere che i miei passi fossero mossi dalla luce della conoscenza e che in cambio avrei messo la mia vita al servizio di Herrengton. Papà completò quella parte privata del rito recitando una preghiera antica in gaelico, dopodiché mi sollevò il cappuccio, sentii il suo profumo avvicinarsi al mio viso, le sue labbra morbide posarsi sulla mia fronte, sugli occhi, le orecchie e le labbra, pronunciando in un soffio la formula rituale “Apriti al cammino della Conoscenza”, quindi si inginocchiò davanti a me e si abbassò a baciare i miei piedi. A questo punto, mio padre si rialzò e, riabbassato il cappuccio del mio mantello, prese il pugnale, incise con la mano sinistra il proprio palmo, prese delicatamente il mio e l’incise a sua volta; lì unì portandoseli infine alle labbra. Mia madre si avvicinò per annodare le nostre fronti con dei nastri di seta argentata, con un altro nastro cinse i palmi feriti, quindi Mirzam versò, da una ampolla raccolta alla Sorgente, l’acqua di Herrengton sulle mani unite e quello che rimase fu fatto bere per metà a mio padre e per metà a me: aveva il sapore di rose. Sentii il sangue non fluire più dalla mia mano e il dolore affievolirsi fino a sparire. Le ferite si sanarono immediatamente. Quindi fui sciolta da mio padre e presi posto alla destra del serpente. In quel momento sentii lo sciabordio di barche sull’acqua e il suono di passi sui ciotoli: la spiaggia si stava riempiendo di imbarcazioni e presto avrebbe avuto inizio la parte finale del rito dell’equinozio.

***

Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - dom. 21 marzo 1971

Passammo attraverso l’arco marino e penetrammo in una grotta, avvolti dalla luce di bracieri accesi: davanti a noi decine e decine di barche riempirono il bacino d’acqua, vidi che tutti, anche nostro padre, prepararono oli ed essenze che sarebbero state bruciate e disperse tra le onde. Alcuni scesero a terra. Sulla spiaggia, intorno ad un altare d’argento, cinque vecchi maghi si apprestavano a compiere sacrifici alla prima luce del sole; tra loro non vidi Sherton, che ritrovai quando diressi lo sguardo verso un rialzo sormontato da un gigantesco serpente di pietra: il nostro ospite era dinanzi ad un'ara, tra due anziani maghi, dietro di lui, accanto alla serpe, c'era una figura velata. Ancora più indietro riconobbi Deidra, completamente vestita di nero, coi lunghissimi capelli rossi che sbucavano da sotto un cappuccio che le nascondeva il viso, e Mirzam, a capo scoperto, vestito con un' elegante tunica cerimoniale color smeraldo.

    “Mentre sull’altare in basso sarà compiuto il sacrificio dell'Equinozio, la figlia di Alshain sarà guidata dai due maghi nella parte finale del rito privato di Habarcat, sotto la supervisione dei suoi familiari: saranno bruciate erbe e schiacciate radici, il cui succo sarà amalgamato col sangue di Alshain e l’acqua di Herrengton, l’inchiostro ricavato sarà usato per intingervi la testa di serpente degli Sherton. Con esso i maghi disegneranno le rune sui piedi di Mey, a quel punto le sarà tolto il velo che la ricopre e potrà essere baciata dai raggi del sole nascente.”

Nostro padre, senza che avessimo chiesto nulla, iniziò a spiegarci a bassa voce i cerimoniali a cui stavamo assistendo.

    “Ma non sono dolorosi quei tatuaggi?”
    “Sì, Sirius, perchè è solo con la sofferenza che si cresce; ma non ti preoccupare, parte del potere delle piante usate è proprio quello di anestetizzare il dolore, asciugare e purificare subito la ferita così che il disagio sia solo momentaneo e non ci siano spiacevoli conseguenze. Ora però fate silenzio e osservate.”

In tutte le imbarcazioni si accesero fuochi magici in cui furono bruciate piante, essenze, vari ingredienti, molti depositarono piccole barchette realizzate con foglie, con una candela al centro e delle parole scritte in piccoli straccetti di pergamena, poi le abbandonarono sull’acqua e queste, come comandate da un’unica regia, si diressero verso est, velocemente, correndo verso il sole, in tempo per farsi bruciare dal disco di Fuoco che emergeva dal mare. Io mi arrischiai a scrivere delle note di speranza riguardo a una maggiore armonia al 12 di Grimmauld Place, anche se in cuor mio non credevo affatto che bastasse così poco per riportare mio padre e mia madre alla ragione. Contemporaneamente sulla spiaggia i cinque maghi anziani intonarono dei canti in gaelico, bruciarono a loro volta piante e sostanze magiche, sviluppando una cortina di fumi rossastri e ipnotizzanti, bruciarono delle polveri sui bracieri, facendo cambiare il colore della fiamma, che da rossa divenne verde: era il segnale. Sotto il serpente di pietra, Sherton e i due vecchi iniziarono a recitare una strana litania, bruciarono piante, mischiarono gli ingredienti con i pestelli poi uno dei due incise con una sottile lama il palmo di Alshain, facendo scorrere poche stille di sangue nel composto. Mi guardai attorno, intercettai la figura di Abraxas Malfoy, che, tra i pochi ad essere scesi a riva, se ne stava defilato sul lato sinistro della grotta, ai piedi del rialzo di pietra: sembrava ipnotizzato da quello che succedeva e, osservando le sue labbra, notai che recitava qualcosa che non era per niente simile al canto che tutti gli altri stavano ripetendo, visto che non rispettava le pause del canto generale. Chiedendomi cosa stesse combinando e provando degli autentici brividi di terrore, tornai a guardare Sherton che stava offrendo il suo bastone ai maghi, i quali estrassero dal legno la testa argentea del serpente e la bagnarono nel miscuglio ottenuto, poi tolsero il mantello alla ragazzina, che avevano sollevato ritta sull’ara, e impressero i denti del serpente sulla carne delicata dei suoi piedi. Con mio sommo stupore, Meissa non proferì verbo, né provò a divincolarsi, ma immaginai il suo viso rigato da alcune lacrime di dolore, anche se non ne avevo la certezza. Finita la tracciatura delle rune, le tolsero il velo che le copriva il capo, ma le lasciarono ancora la benda sugli occhi. Voltandomi verso il mare, vidi che ormai il sole stava uscendo completamente dall’acqua e la grotta si stava riempiendo dei primi bagliori del nuovo giorno. I canti s’interruppero di colpo, i fuochi furono spenti con incantesimi, dalla bocca del serpente di pietra vidi evaporare un tenue alito verdastro che si dissolse nella tenue luce della grotta. Fu allora che fu tolta anche la benda e vidi gli occhi di Mey, truccati per il rito, senza alcun segno di pianto. Qualcosa dentro di me, a dire il vero, non ne aveva mai dubitato.

***

Meissa Sherton
Herrengton Hill, Highlands - dom. 21 marzo 1971

Lentamente la maggior parte delle barche si ritrasse dalla spiaggia della grotta, gli occupanti delle poche imbarcazioni rimaste scesero a terra e andarono verso i maghi che avevano celebrato il rito. Mio padre prima di iniziare a fare gli onori di casa, si avvicinò a me per stamparmi un bacio sulla fronte, poi passò un braccio intorno alla vita di mia madre e andò con lei ad occuparsi degli ospiti. Il fior fiore delle famiglie Slytherins, del Nord e non solo, era ai piedi del serpente di Salazar: vidi subito Malfoy e Lestrange, sapevo quanto poco era felice mio padre di averli dovuti invitare ma in quell'occasione non aveva scelta, non poteva negare l'accesso a Herrengton a nessun purosangue Serpeverde nel giorno di Habarcat. Scorsi poi i Duncan, i MacPherson, gli Emerson, Cygnus Black; della maggior parte degli altri sapevo di averli sicuramente già visti, ma non ne ricordavo i nomi. Mirzam, che per quel giorno aveva il compito di farmi da cavaliere, mi prese per mano e con lui iniziai a scendere le scale che conducevano in basso, vidi che osservava un vecchio mago piuttosto basso e panciuto, mi sussurrò in punta di denti senza farsi notare “E' il professor Slughorn”, annuii ma la mia attenzione era attirata da tre figure che ancora stavano in disparte, due ragazzini e un adulto: benché non ne avessi la certezza, mi rallegrai, convinta che fossero Orion e i suoi figli, le poche facce simpatiche in quella giornata che minacciava di essere un vero strazio per me. Speranzosa, mi ritrovai a sorridere ai nostri ospiti sotto lo sguardo compiaciuto di tutti gli astanti, probabilmente convinti che il mio fosse un sorriso che rivolgevo a tutti loro secondo le etichette, a dimostrazione che, come tutti dicevano, oltre alla bellezza stavo prendendo da mia madre anche la grazia e la gentilezza.
Il signor Lestrange, seguito da suo figlio Rodolphus, fu il primo a venirci incontro e a farmi un inchino con baciamano, mettendomi in incredibile imbarazzo: sapevo che con il rito di quell’anno entravo di fatto nella società magica, ma non ero di certo pronta ad assistere di colpo a scene come quella, da parte di uomini che avevo temuto fino al giorno prima. In breve divenni del colore di un pomodoro maturo per la delizia di tutti gli ospiti. Le cose peggiorarono ulteriormente quando ci venne incontro Abraxas Malfoy, che rivolse al mio indirizzo il suo miglior sorriso accattivante e un altrettanto galante baciamano, mentre fulminò con uno sguardo strano mio fratello al mio fianco. Lo guardai, per capire, ma Mirzam era al disopra di tutto, mostrandosi freddo e distaccato come suo solito. Quando dovetti affrontare Cygnus e Mac Pherson le cose andarono decisamente meglio e in breve ripresi un colore normale. La mia presentazione pubblica durò ancora per diversi minuti: varie facce mi sorrisero, molti uomini con i loro figli, non ancora o non più in età da Hogwarts, mi baciarono la mano e si presentarono, come Leobald Duncan, Feynart MacMillan o Ronan Emerson, infine fu il turno del professore Slughorn, che avrei ritrovato dopo pochi mesi a Hogwarts, in qualità di insegnante di pozioni. Per ultima, la figura ancora avvolta in un mantello nero, che avevo notato all’imboccatura della grotta, si avvicinò coi due ragazzini: l’uomo, sotto il sorriso compiaciuto di Alshain, si scoprì il capo, dimostrando che non mi ero affatto sbagliata. Solo con notevole concentrazione riuscii a guardare Sirius con lo stesso sguardo semplicemente cordiale che avevo rivolto finora a tutti i nostri ospiti, perché, quando finalmente risentii la sua voce e rividi il suo sguardo, il cuore perse di nuovo un battito e non potei che dirmi felice del fatto che mio padre avesse invitato Orion e i suoi figli, quel giorno, a Herrengton.
Quando finalmente la parte imbarazzante della giornata si concluse, ed era ormai mattino inoltrato, Alshain salutò molti degli invitati che si smaterializzarono direttamente dalla spiaggia, poi invitò al maniero quanti erano rimasti, per parlare d’affari, prima dell’inizio del banchetto: materializzò una coppia di lampade ad olio che fungevano da passaporta tra la grotta di Salazar e il cortile delle rose e i nostri ricchi ospiti, guidati da mia madre, presa in una apparentemente divertente discussione con Orion, iniziarono ad avviarsi. A me fu chiesto di rientrare assieme a mio padre, avendo per la prima volta l’incarico di chiudere con lui l’accesso alla grotta, così fui costretta a rimanere sulla spiaggia ancora per un po’, sotto lo sguardo di persone che mi incutevano un certo terrore. Mirzam, vista la mia faccia, si affrettò ad intrattenere i Lestrange e si avviò in breve con loro al castello, mio padre come al solito fece finta di non essersi accorto che Malfoy lo attendeva al varco. In qualità di padrona di casa non potevo fare quello che volevo e in quel momento avrei solo voluto parlare con i Black e andarmene via di lì con loro, per fargli vedere la mia Herrengton e sfuggire a quelle arpie: Regulus continuava a guardarsi intorno per non guardarmi diritto negli occhi, Sirius sembrava essersi accorto che ero in imbarazzo, quindi faceva lo sfrontato per provocarmi. Mi sarei vendicata alla prima occasione! Mi ero imbambolata al pensiero della lezione da dargli, dimostrando così di essere una vera Sherton, quando mio padre mi si avvicinò, mi abbracciò e si preoccupò che avessi ancora le forze sufficienti a concludere i riti della grotta.

    “Meissa, è ora, recitiamo la formula che hai imparato e poi risaliamo a casa. Te la senti? O ti danno fastidio le rune?”
    “No, va tutto bene, padre, sono solo un po' stanca.”
    "Sì, lo immagino, ma prima del banchetto avrai tempo di riposarti, non temere. Il peggio è passato."

Mi sorrise, poi prese la bacchetta da una tasca interna del mantello, iniziò a volteggiarla in aria accompagnandola con una serie d incantesimi silenziosi: gli stendardi di Salazar svanirono, i fuochi nei bracieri si spensero, i due altari scomparvero alla nostra vista. Disegnò delle rune a terra, orientandole secondo i quattro punti cardinali e mentre lo faceva, lo presi per mano recitando con lui le parole che sapevo a memoria: dal mare si levò una nebbia verde che presto invase tutta la grotta, saturando l’aria. Risalimmo al serpente di pietra, disegnammo di nuovo le rune e l’onda verde giunse a lambire la volta di pietra della grotta.

    “Andiamo, i vapori venefici tra poco renderanno del tutto irrespirabile l’aria qui dentro.”

Ci avviammo lungo il sentiero che si affacciava sulle guglie acuminate dei faraglioni, lo stesso che avevo percorso bendata poche ore prima, risalimmo con facilità tutto il percorso, fino a giungere al margine della foresta.

    “Ora tieniti forte a me, non puoi proseguire a piedi.”

Ci smaterializzammo, per ricomparire nei cortili del maniero: senza gli incanti di protezione che erano stati gettati su di me per affrontare il rito della notte, infatti, non avevo ancora le forze sufficienti a fronteggiare la Magia Oscura che permeava la foresta di Herrengton.

***

Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - dom. 21 marzo 1971

    “Hai visto quanto è bella la figlia di Sherton?”

Ero seduto con mio fratello su una panchina di un immenso giardino tutto circondato da roseti e siepi disegnate con cura, con un piccolo laghetto nel mezzo. Mi voltai appena verso di lui, vestito come me con una bella tunica verde "slytherin" e vidi il mio caro fratellino con gli occhi sognanti persi nel vuoto: ghignai appena un po’, pronto a prenderlo in giro, ma m scoprii senza parole, in effetti era da un po’ che la pensavo come lui.

    “Non ti sarai preso una cotta per quella smorfiosa, vero Reg? Credo ti convenga metterti il cuore in pace, al banchetto Sherton annuncerà il fidanzamento di quella ragazzina con uno dei figli di qualche suo ricco amico scozzese!”
    “Perchè deve essere uno scozzese? Anche noi, Sir, siamo figli di un amico di suo padre, magari toccherà in sposa a uno di noi due!”

Lo guardai stranito, mi era passata per la testa quell’eventualità diverse volte nelle settimane passate, la nostra famiglia non aveva nulla da invidiare agli altri, anzi, e tenendo conto di quanto fossero amici Orion e Alshain… ma avevo parlato in quel modo solo per prendere in giro mio fratello, avevo sempre immaginato che quello, magari, sarebbe stato un discorso che avremmo affrontato da grandi. Mi si chiuse per un attimo lo stomaco al pensiero che potesse essere quella la ragione della nostra presenza in Scozia: cosa avrei fatto se fosse davvero andata così? Cosa sarebbe successo se l’avessero destinata a me, se si fosse realizzato quello che al momento era un mio sogno, ma che magari mi sarebbe sembrata solo una prigione mortale nel giro di qualche anno? E se invece fosse toccata a Regulus? Se già da quel giorno mi avessero detto che non avevo speranze, che dovevo rinunciare al mio sogno per sempre? Non sapevo cosa augurarmi e non sapevo cosa dire a mio fratello, sembrava che lui ci sperasse davvero: non potevo credere che fosse disposto a farsi pianificare così la vita, senza reagire. Sbuffai e mi alzai perdendo lo sguardo nell’oceano infinito che si dispiegava sotto di noi, con un senso di oppressione nel petto.

    “Prega che tu ti stia sbagliando, Regulus, perché per quanto sia bella, Meissa Sherton non vale quanto la nostra libertà!”

***


Meissa Sherton
Herrengton Hill, Highlands - dom. 21 marzo 1971

Mia madre mi raggiunse in camera, lasciando per un po’ mio padre a tenere a bada i nostri preziosi invitati: non avevo memoria dei riti di Rigel di un paio di anni prima, né di altre giornate come quella, di solito mio padre non dava feste a Herrengton, teneva le sue riunioni e i suoi ricevimenti a Inverness, dove non portava mai con sè i suoi figli, a parte Mirzam. Mi fermai in piedi in mezzo alla stanza, di fronte al letto, mia madre mi aiutò a togliermi i vestiti del rito, sapevo che non mi avrebbe lasciato nelle mani di nessuna elfa per quel giorno: mi accarezzò il viso e mi osservò attentamente mentre restavo completamente nuda, sciogliendo la mia treccia e affondando le mani tra i miei capelli corvini, quasi a saggiare la pregevolezza di una seta. Mi aiutò a entrare nella vasca e si preoccupò personalmente dell’acqua, dei Sali e delle spugne.

    “Aspettavo questo giorno da undici anni, Meissa, non sai quanto sono orgogliosa di te”.

Mi baciò la fronte e intanto massaggiava con cerchi sempre più lenti le mie spalle. Mi rilassai completamente, ad occhi chiusi. Rimanemmo a lungo in silenzio. Quando ormai l'acqua iniziava a intiepidirsi, mi fece alzare, mi avvolse nel telo e mi aiutò a uscire, poi si inchinò davanti a me, per controllarmi i nuovi tatuaggi sui piedi, io mi misi seduta sul letto e sollevai appena le gambe, così che potessi vedere anche io alla luce che entrava dalla finestra quei strani arabeschi che d’ora in poi avrebbero ornato la mia pelle candida.

    “Ti fanno male?”
    “No, sento solo una specie di pizzicore sotto la pelle.”

Divenni un po' rossa di vergogna, mentre mia madre lasciava perdere i miei piedi e continuava a perlustrarmi, facendo scivolare le sue mani morbide e al tempo stesso decise lungo le mie gambe, come se dovesse accertarsi della robustezza di un purosangue. Mi fece sollevare le braccia, controllandomi il busto, fermandosi a verificare da vicino dei piccoli nei che avevo distribuiti qua e là, quindi si alzò e dandomi la mano mi fece mettere di nuovo in piedi, mi fece girare e perlustrò palmo a palmo la mia schiena, quasi a cercare qualcosa e premendo sulle scapole, così che assumessi la postura su cui mi faceva esercitare per ore e ore ogni giorno. Alla fine di quello strano esame, mi fece voltare di nuovo e questa volta osservò attentamente il mio viso, seguendo con la punta delle dita i miei contorni e poi i disegni delle mie efelidi sul naso e gli zigomi.

    “Di mio hai solo gli occhi e queste lentiggini, sei una Sherton perfetta.”

Mi guardava piena di orgoglio, mio padre l'amava da una vita e lei l’aveva ricompensato con una figlia femmina, per di più perfetta, come il cognome che portava. Passò la punta dell’indice sinistro su un neo isolato e sui tre nei che si posizionavano poco più in basso in linea sull’ultima costola.

    “Meissa, testa di Orione, porti una ricca cintura e accarezzi…”

Sollevò il dito e lo riadagiò su un altro neo allineato poco più distante, sempre parlando in gaelico.

    “… Sirio, il suo cane fedele”.

Non capii una sola parola, a parte i nomi che aveva pronunciato; mi baciò la fronte e mi fece sdraiare tra le lenzuola di seta del mio letto, compresi che era inutile fare domande, iniziò subito a massaggiarmi dolcemente la schiena, finchè non mi abbandonai nell’abbraccio di Morfeo.

***

Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - dom. 21 marzo 1971

    “Muoviti Sirius!”

Stavo sognando ad occhi aperti, tutto preso, come gli altri ragazzini della nostra età, dalla performance sulle scope da Quidditch di Mirzam Sherton e i suoi amici di Inverness: era più che evidente il motivo per cui, dalla prossima stagione, sarebbe entrato nelle file del Puddlemere United. Mio fratello, per una volta, sembrò gradire anche meno di me l’interruzione di nostro padre e pigramente si avviò al suo seguito, rivolgendo più e più volte ancora la sua attenzione a quello che accadeva nel parco. Subito ricordai di cosa stavamo parlando io e Reg prima della piacevole distrazione e mi si strinse di nuovo lo stomaco: se non avessi rischiato una punizione immediata, sarei fuggito in bagno a vomitare persino l’anima. Mi resi conto di essermi sbiancato e che papà mi osservava chiaramente scocciato: sentirmi i suoi occhi addosso non fece che peggiorare le cose.

    “Salazar, si può sapere cos’è quella faccia adesso? Siamo a una festa, Sirius, non ti sto portando al macello!”

Mi agguantò, sistemandomi con mala grazia la camicia e riannodandomi la cravatta, quasi volesse strangolarmi, mi girò su me stesso, spianando la giacca, come se io non fossi dentro quel vestito, finendo poi col darmi una pesante manata in mezzo alle spalle che per poco non mi buttò a terra; quindi passò ai capelli: con un leggero colpo di bacchetta li sistemò in maniera che scendessero morbidi sul collo, lasciando libera la faccia, come i suoi.

    “Per fortuna il materiale di base è buono, perché se dovessi contare solo sulle vostre qualità personali, Merlino ce ne scampi! Non ho idea da dove siate saltati fuori, così diversi da me, razza di rammolliti!”
    “Padre, perché la mamma non è qui?”

Regulus riuscì a bloccare la serie d’improperi di nostro padre sul nascere, in questo era sicuramente più abile di me.

    “Al rito della Grotta non possono partecipare altre donne, oltre a quelle di casa Sherton: è una tradizione fissata qui a Herrengton dallo stesso Salazar. Non ti preoccupare però, figliolo, tua madre ci raggiungerà per il banchetto: il resto della giornata è un semplice incontro d’affari tra galantuomini. Il compleanno di Meissa è solo una scusa per trattare con la Confraternita del Nord, alcuni approfitteranno anche per saggiare l’eventualità di un accordo matrimoniale, Mirzam è uno degli scapoli più ambiti, ed anche per Meissa alcuni potrebbero già farsi avanti. Non noi, noi non le staremo col fiato sul collo, perchè è tutto inutile, cari miei, so per certo che Alshain intende lasciar decidere i figli da soli, quando sarà il momento. Niente politica!”

Tirai un sospiro, nessun cappio sul mio collo per quel giorno! Purtroppo per me, però, quel sollievo non passò inosservato a mio padre.

    “Quello cos’era, ragazzino? Credi di poter guardare dall’alto Meissa o la sua famiglia? Non sei degno di allacciarle nemmeno le scarpe, altroché! Mi vergogno, sì, mi vergogno a stare qui con voi due, gli altri presenteranno fior di ragazzi, io dovrei proporre due, due… ragazzine frignanti, ecco! Roba da pazzi… Se le cose non cambieranno, in futuro, da voi due otterrò solo di farmi ridere in faccia!”

Reg, piccato, stava per ribattere, io gli diedi una leggera gomitata e con sguardo truce lo convinsi a desistere, non so se per impedirgli di mettersi nei guai o per evitare che mostrasse quanto fosse già, al contrario di me, ben lieto di farsi intrappolare. Ci avviammo dietro nostro padre, che evidentemente conosceva quel castello come le sue tasche, verso il grande salone dei ricevimenti: scendemmo lungo una galleria coperta in cui facevano bella mostra di sé gli antichi ritratti di famiglia, ci affacciammo in un portico, attraversammo parte di un chiostro e rientrammo nella zona settentrionale del castello. Al pensiero che a breve avrei rivisto anche nostra madre, mi riprese la nausea. Percorremmo un’altra interminabile, maestosa galleria sul lato nord orientale, costruita in tempi più recenti: il soffitto non era a volte di pietra, ma a cassettoni dorati, impreziositi con scene mitologiche e decori floreali intervallati da motivi serpenteschi; affacciava sui magnifici giardini di Herrengton, una vera e propria teoria di archi di rose dalle molteplici tonalità pastello. All’interno, le finestre erano incorniciate in telai dorati, riccamente ornati e, tra una e l’altra, c’erano dei piccoli piedistalli su cui si muovevano putti anch'essi dorati che sostenevano delle candele profumate; sull’altro lato c’erano i ritratti degli Sherton del XVI secolo, stando alla tipologia delle acconciature e delle vesti, alternati a specchi in cornici d’argento, cesellato con i classici motivi slytherin. C’erano anche delle poltrone di stile francese, dai morbidi velluti smeraldo, e delle consolle su cui poggiavano degli oggetti d’argento elaborati, dalle forme bizzarre di cui non capivo la natura né l’utilità, e straordinari vasi di cristallo pieni di fiori. A metà della galleria, nostro padre si fermò, là dove la serie di dipinti s’interrompeva per lasciare spazio a una grande porta vetrata, celata da una ricca tenda di broccato verde, con disegni in argento, aperta in due morbide ali che facevano intravvedere una gigantesca sala, più antica del resto di quella porzione di costruzione. Era completamente in pietra, destinata probabilmente alle serate di gala, chiusa da tre archi ogivali che creavano una specie di sipario, a celare il fondo della stanza: ci invitò a entrare, avanzando imperioso fino al centro della sala e rimanendo in religioso silenzio. C’erano cinque magnifici lampadari di cristallo di scuola veneziana che scendevano dal soffitto a botte, tutto affrescato con un cielo stellato in cui erano visibili le costellazioni rappresentate in forma antropomorfa, e, lungo le pareti, erano affissi arazzi molto simili a quello di Grimmauld Place, su cui erano tessuti quelli che sembravano degli alberi genealogici.

    “Quanto è grande la famiglia degli Sherton?”

Guardavo quella sequela di nomi e facce, impressionato dalla moltitudine di dati che probabilmente dovevano risalire alla notte dei tempi, visto quanto erano numerosi. Non avevo mai visto nulla di simile.

    “Questo non è l’albero genealogico degli Sherton, Sirius, questo è uno dei capolavori dell’arte magica di Salazar stesso: in questi arazzi sono tessuti gli alberi genealogici di tutte le famiglie purosangue esistenti. E’ una delle cose più preziose di Herrengton, una delle principali reliquie di tutti noi Slytherins. Non sei nessuno se non appari in uno di quegli arazzi. Ricordatelo sempre!”
    “Quindi ci siamo anche io e Sirius?”
    “Naturalmente, Regulus!”

Si avvicinò alla parete di sinistra, fino a metà della sala, alzò la mano fino all’altezza del suo sguardo, seguii le linee morbide che le sue dite tracciavano sul ricco arazzo, lessi il mio nome e quello di mio fratello, poco distante, tracciati con la calligrafia ben nota di Alshain Sherton, con lettere d’argento venate di rosso. Impallidii, preso da un sospetto.

    “Sì, Sirius, hai capito bene, i vostri nomi sono stati tracciati con l’argento e il sangue di Herrengton.”

Rabbrividii.

    ”Venite, c’è un’altra cosa importante, in questa stanza.”

Ci dirigemmo in fondo al salone, oltrepassammo il velo degli archi ogivali e scoprimmo che un pesante tendaggio di broccato celava una piccola cella: sembrava costruita nella notte dei tempi, la pietra era vecchia e povera, nettamente diversa rispetto a quanto avessi visto fino a quel momento. Tutto sembrava annerito da un incendio. Mi attrasse un bagliore e nostro padre ci fece segno di seguirlo fino all'antichissimo caminetto: era sovrastato da un dipinto di Salazar Slytherin stesso, molto vecchio, malconcio e reso nero dai secoli. Quando papà ci disse che quello era l’unico focolare in cui le fiamme non si spegnevano da circa mille anni, capii e lo guardai con devozione. Mi avvicinai, e vidi con i miei occhi che davvero quel fuoco non bruciava con il solito colore rosso aranciato, ma di uno strano bagliore verde azzurrino: era la “fiamma di Habarcat”, una delle reliquie più preziose per le famiglie Slytherins. La leggenda, che i nostri genitori ci avevano raccontato più volte fin da quando eravamo in fasce, diceva che Hifrig Sherton bruciò tutto ciò che possedeva, persino le assi della sua catapecchia, per proteggere dal freddo un Salazar arrivato ferito sulle rive di Herrengton, ormai prossimo alla morte; con questo sacrificio garantì la sopravvivenza del grande mago, il quale, una volta rimessosi, lo ricompensò con la fiamma di Habarcat, così che Hifrig e la sua discendenza non soffrissero mai più il freddo né la fame. In questo modo nacque la predilezione di Salazar nei confronti di quella famiglia e da quel momento gli Sherton furono innalzati agli onori della storia. Naturalmente quel dono rese anche particolarmente difficile la loro vita nel corso dei secoli, costringendoli a entrare in guerra più volte per difendersi.

    “Orion, siete qui, allora!”

Zio Cygnus, accompagnato da Avery e Rosier, comparve sull’ingresso della sala, nostro padre uscì immediatamente dalla cella del caminetto e smise di occuparsi di noi, per seguire i tre diretti al banchetto, costringendoci quasi a correre dietro di lui, per non perderci. Quando finalmente raggiungemmo la meta, rimasi senza fiato: mi resi subito conto che, per la nobiltà delle famiglie presenti, e lo sfarzo delle pietanze e degli arredi, quella festa faceva impallidire anche i più sontuosi incontri mondani che i miei genitori e i miei zii davano a Londra. Guardandomi intorno scorsi in pratica quasi tutti gli ospiti fissi della maggior parte delle nostre feste: l’unica a non essere ancora scesa era Meissa. Alshain, già bloccato tra un vecchio mago dalle fluenti chiome candide come neve, che scoprii essere il decano della confraternita del Nord, il signor Lestrange e Barthemius Crouch, fu raggiunto da nostro padre e da nostro zio; sua moglie stava intrattenendo allegramente i coniugi Malfoy e il signor Zabini, mentre Mirzam era impegnato in una fitta discussione con Rodolphus Lestrange ed altri giovani, tenendosi come sempre accuratamente alla larga da mia cugina Bellatrix. Intercettai con lo sguardo la figura altezzosa di mia madre, elegantemente vestita con un bell’abito smeraldo con intarsi argentei, che la fasciava morbidamente e lasciava in vista il suo decolté generoso, portava i capelli raccolti in un intrico di riccioli e perle, al collo un medaglione antichissimo della nostra famiglia. Accanto a lei, nostra zia Druella, in un bell’abito rubino, indossava quasi tutti i gioielli di famiglia e sembrava essersi ripresa egregiamente dalla storia di Meda. Per un attimo mi rattristai, pensando a mia cugina e sperando che la sua vita non fosse miserabile come tutti dicevano.
La stanza era semplicemente magnifica, con il pavimento di marmi policromi smeraldo, nero e argento, che rappresentavano un’elaborata geometria cabalistica, incentrata sul disegno della serpe di Salazar; alla parete, a destra rispetto a quella da cui eravamo entrati, si ergevano tre imponenti caminetti di marmo nero, intarsiati d' argento e tutti sormontati da serpenti con gli occhi di smeraldo. Le altre due pareti, orientate a sud e sudest, erano quasi completamente vetrate, con tutti gli infissi d’argento a motivi serpenteschi, le tende di broccato smeraldo con intarsi d’argento, tirati per permettere la visuale su quella meraviglia di colori e profumi che era l’antistante magnifico giardino all’italiana, dominato da una coppia di maestose fontane a forma di serpenti intrecciati e una teoria di tritoni serpenteschi ai bordi dei vasconi. Al centro della stanza era posto un tavolo sontuosamente addobbato, i centritavola floreali, composti di orchidee purpuree e gigli, erano intervallati da candelabri d’argento e smeraldi, i piatti erano di finissima ceramica cinese, con disegni dragoniani, le posate erano anch’esse cesellate con motivi slytherin. Dal soffitto scendevano dei lampadari ancora più sontuosi di quelli del salone degli arazzi: anche qui smeraldi, cristallo e argento si fondevano in un’alchimia unica, fatta di eleganza e ricchezza, infine il soffitto era caratterizzato dall’affresco dell’albero genealogico dei soli Sherton, con i nomi realizzati con argento fuso e i visi ottenuti con mosaici di perle e pietre preziose. Dopo un tempo che mi parve interminabile, in cui le voci e le risate avevano preso possesso indiscusso della grande sala e dal giardino arrivava tenue e rilassante la musica suonata da un’orchestra di strumenti incantati, Meissa fece il suo ingresso, accompagnata da uno dei suoi cugini irlandesi, un ragazzo sui venti anni dai capelli rosso fuoco, e Alshain ordinò di dare via al banchetto. I padroni di casa erano naturalmente a capotavola, i nostri genitori si sistemarono alla sinistra della signora Sherton, di fronte a noi e a Mirzam, Meissa era a destra di Alshain, rispettivamente accanto ai Lestrange e di fronte a Malfoy, in mezzo si distribuirono tutti gli altri. Reg ed io godemmo così della compagnia e delle chiacchiere del giovane Sherton che si mostrò molto amichevole e gioviale, e di fatto ci fece scordare completamente la presenza odiosa e claustrofobica di nostra madre. Meissa, isolata da tutti gli altri da quegli ospiti così importanti, sembrava notevolmente insofferente per la situazione in cui si trovava. Appena rientrata dalla grotta, si era ritirata nella sua camera, per smettere i vestiti cerimoniali, ed ora si era presentata con un bell’abito di taglio orientale, di taffetà rosso veneziano, con dei sottili ornamenti serpenteschi sul collo e le maniche, i capelli neri raccolti in una coda e il solo medaglione di Salazar a ornarle il collo. Quel giorno compiva undici anni: gli ospiti non le toglievano gli occhi di dosso, sia perché era evidentemente già piuttosto aggraziata, sia perché quasi tutti la vedevano come il mezzo per imparentarsi con uno dei maghi più ricchi e potenti della Gran Bretagna.
Il pranzo si protrasse per tutto il pomeriggio, con le pietanze servite con indicibile lentezza, per permettere agli invitati di parlare di tutto e di più, per tutta la giornata: la signora Sherton intrattenne con grazia e affabilità i suoi ospiti, Alshain concesse la sua straordinaria eloquenza a tutti, cercando di non favorire troppo nostro padre nei confronti degli altri. A un certo punto noi ragazzi ottenemmo, con mio sommo sollievo, il permesso di uscire in giardino e il mio umore migliorò ulteriormente quando Mirzam attirò su di sé, di nuovo, l’attenzione di noi più piccoli, affascinati dalle sue prodezze sulla scopa. Meissa, consapevole di essere costantemente osservata da tutti, rimase in casa ed approfittò del posto vuoto lasciato da suo fratello per rifugiarsi da sua madre: benchè preso da Mirzam, non mi sfuggì l’occhiata amorevole che Orion le diede quando finalmente la ragazzina riuscì a sedersi vicino a Deidra, e l’aria di familiarità che sembrava essersi creata tra di loro. Ero letteralmente sconvolto, era la seconda volta che lo vedevo comportarsi così: lontano da Grimmauld Place, nonostante la presenza oscura della mamma, stentavo a riconoscere in lui mio padre. Alla fine del lungo banchetto, quando ormai il sole di cui avevamo salutato la nascita era tramontato, con un brindisi Alshain augurò un lungo anno di prosperità a quanti avevano partecipato a quelle lunghe ore di festa, quindi il mago recitò una specie di preghiera nella lingua druidica cui risposero a tono tutti gli astanti, compresi quanti non facevano parte della stretta cerchia dei maghi del Nord. Sceso il silenzio nella sala, Meissa fu invitata da suo padre ad alzarsi e, con una voce che sembrava quella di una ninfa dei boschi, intonò una struggente canzone di quelle terre selvagge, sotto lo sguardo orgoglioso dei suoi familiari e quello perdutamente affascinato degli invitati. S’inchinò, accolta da un applauso, quindi levò il suo calice e fece a tutti il suo migliore augurio di prosperità e felicità, quindi ottenne di potersi congedare scortata da Mirzam, stanca e provata dai riti degli ultimi due giorni.
I maghi del Nord, che erano lì per la cerimonia più che per le conseguenze politiche di quella giornata, iniziarono ad avviarsi ai due camini laterali per tornare a casa via metro polvere, dopo aver salutato e ringraziato con reverenza gli Sherton: a sera ormai inoltrata, eravamo rimasti davvero in pochi. Alshain si alzò e fece segno ai suoi ospiti di andare a parlare in giardino, ormai illuminato da una quantità di fiaccole che galleggiavano magicamente nell’aria, la signora Sherton rimase in casa ad intrattenere le ospiti, Mirzam, appena ritornato, si avvicinò a me e mio fratello, sorridente, e ci invitò a vedere dalla torretta i fuochi magici che chiudevano i festeggiamenti. Incuriositi, decidemmo di seguirlo, sicuri che quell’ennesima sorpresa di Alshain sarebbe stata fantastica. Ripercorremmo la galleria attraversata con nostro padre, superammo il porticato, uscimmo dal chiostro e risalimmo in un torrione, fino ad una balconata: ad attenderci c’era Meissa, seduta tranquillamente su una poltroncina; appena ci sedemmo anche noi, Kreya si presentò con delle deliziose coppe di gelato alla frutta e panna, che rallegrò ulteriormente l'atmosfera. Dopo poco iniziarono i fuochi magici, che illuminarono tutto il castello e il mare di fronte a noi di varie serie di brillanti girandole: sotto i nostri sguardi ammaliati, tutto il mondo divenne color oro e poi argento, mentre le luci turbinavano a formare un gigantesco serpente che si attorcigliava su se stesso, poi esplodeva in una miriade di fiori blu elettrico, viola, fucsia, giallo e verde. L’ultima raffica di fuochi non si era ancora estinta che subito comparvero decine di piccole rose di un intenso colore rubino che sbocciavano aprendosi sempre più e rilasciando una delicata sinfonia, mentre dai petali altre luci sinuose uscivano e si annodavano tracciando il nome di Meissa. Esplosero infine anch’essi in una nuova pioggia d’argento. Ero incantato, come mio fratello, completamente preso da tutta quella meraviglia. Meissa era accanto a Mirzam, appena più avanti rispetto a noi, commossa stringeva forte il braccio di suo fratello. Mi chiesi quanto quel pranzo avesse influito sul suo futuro, se, nonostante quanto ci aveva detto nostro padre, in quel momento Alshain e i suoi ospiti non stessero decidendo del suo avvenire. Con un’ultima raffica di variopinte farfalle di luce, i fuochi e quella giornata si conclusero: Deidra, riapparsa tra noi senza che ce ne accorgessimo insieme a nostra madre, ci invitò a tornare a Herrengton Hill per l'estate, poi io e Reg salutammo Meissa e Mirzam. La mamma abbracciò la signora Sherton e baciò Meissa, diede la mano a Mir, poi ci strinse a sè e ci smaterializzammo diretti a Grimamuld Place.

***

Alshain Sherton
Herrengton Hill, Highlands - dom. 21 marzo 1971

    “Una festa magnifica, Alshain!”

Abraxas si mise seduto al mio fianco, sul divano, nel salottino privato in cui c’eravamo rifugiati al termine della festa: gli sorrisi freddo e lo osservai senza particolare interesse, mentre giocherellava con il suo bicchiere pieno di Whisky incendiario. Dietro di lui, Orion e Lestrange confabulavano davanti al caminetto. Mirzam era ancora di sopra con i ragazzi, mentre Rod era rientrato già da un po’ dalla sua passeggiata nei giardini con Bella e se ne stava seduto in disparte, rimuginando nessuno sapeva cosa. Mi alzai, un po’ per staccarmi di dosso la figura di mio cugino, un po’ per assicurarmi che in giardino fosse ancora tutto in ordine: i giovani nipoti di Deidra erano sempre un po’ troppo confusionari, anche per i miei gusti piuttosto permissivi. Sentii una presenza al mio fianco ma non mi voltai.

    “La volevo ringraziare per l’invito, signor Sherton, per me che non avevo mai partecipato ai riti del Nord, è stata una giornata davvero interessante!”

Mi voltai e sorrisi a Rodolphus. Da sempre i Lestrange non mi piacevano, ma da quando Mirzam me l’aveva portato a casa, durante le prime vacanze di Natale dall'inizio della scuola, l’avevo considerato come un figlio: gli versai un altro bicchiere di whisky e posandogli una mano sulla spalla raggiunsi suo padre e Orion, sotto lo sguardo seccato di Malfoy.

    “Spero che la giornata sia stata proficua per tutti voi!”

Sorrisi sornione ben sapendo che Orion aveva agganciato sul finire della giornata Emerson, per un paio d buoni affari.

    “Immagino che ora ci chiederai una percentuale sui profitti come provvigione!”

Lo guardai divertito.

    “Non ci avevo pensato, Black, ma, in effetti, è un’idea interessante...”

Orion faceva sempre così, ormai questi siparietti erano una costante nella nostra amicizia.

    “Sono contento che la giornata sia stata vantaggiosa per tutti voi, ma credo ci sia ancora un contratto di cui dovremmo parlare, dico bene Sherton?”

Seccato mi voltai, deciso a chiudere la questione una volta per tutte. Abraxas fece subito sparire il sorriso dal mio viso, avevo capito benissimo dove voleva andare a parare, ma ero pronto e adesso che si trovavano tutti lì avrei chiuso questo discorso una volta per tutte: ero stanco dei suoi continui agguati ogni volta che ci s’incontrava a Londra.

    “Quale contratto Malfoy? Te l’ho già detto, non hai denaro a sufficienza per farmi vendere le Pietre Veggenti di mio padre!”

Sorrisi e ammiccai a Orion, che faceva “No” con la testa.

    “Sai che me ne faccio di quelle Pietre? Non fingere di non aver capito, sai benissimo che non erano certo gli affari con la Confraternita del Nord ad averci invogliati a venire sin qui, oggi!”

Li squadrai e vidi che sul viso di Lestrange c’era una chiara conferma di quanto aveva appena detto Abraxas. Orion impassibile fingeva di essere in trepidante attesa a sua volta, ma era l’unico a sapere già cosa avevo da dire, ed era l’unico, almeno speravo, a condividere le mie opinioni.

    “Oggi tutto si è svolto secondo tradizione, Sherton, almeno da quanto so della tua famiglia, che in parte è anche la mia. Negli ultimi sette secoli, in occasione del rito di Habarcat, alla presentazione pubblica della ragazza è sempre seguito un accordo matrimoniale.”
    “Vero, perché l’ultima Sherton cui è toccata la presentazione ufficiale a undici anni è vissuta in un’epoca in cui tutte le ragazze si sposavano a quell’età, oggi per fortuna si pensa a studiare, giocare, dedicarsi a una passione. Le tradizioni sono fatte per essere superate, migliorate, o semplicemente disattese. Lo sai.”
    “Che cosa significa? Parla chiaro per una volta, so quanto sai essere machiavellico!”
    “Ti sto dicendo che ho già deciso con chi fare il contratto.”
    “E con chi, di grazia? Non ci sono altre famiglie alla nostra altezza!”

Il classico pallore di Malfoy virava ormai a un rosa acceso, gli occhi non erano più due placidi laghi d montagna, ma un mare in tempesta, le mani erano esangui mentre stringeva in maniera parossistica il suo bastone: ero più che convinto che me l’avrebbe volentieri spaccato in testa. Bevvi un piccolo sorso del mio Whisky e lo guardai calmo sapendo che così l’avrei fatto avvelenare ancor di più.

    “Il contratto lo farò con mia figlia, sarà lei a decidere, quando sarà il momento. Mi spiace deluderti, Malfoy, ma non ci saranno accordi del genere né stasera, né in tempi brevi, probabilmente non ci saranno mai.”
    “Vuoi lasciare una decisione fondamentale per le nostre famiglie nelle mani di una ragazzina? È questo che vuoi farmi credere? No, non è possibile, tu menti, sei pazzo, è vero, ma non fino a questo punto!”
    “Ti sto dicendo la verità Abraxas, dovresti smetterla di prendertela così tanto. Dai un valore esagerato a queste cose, non siamo più in guerra, non siamo più in un tempo fatto di sangue e omicidi, oggi i nostri problemi si possono risolvere in maniera diversa. Le nostre famiglie si possono legare con alleanze e affari, senza sacrificare la felicità dei nostri ragazzi. Se chiedessi a tuo figlio cosa ne pensa, credi davvero che farebbe salti di gioia all’idea di un matrimonio del genere? Questi ragazzi magari sono già innamorati di ragazze molto più vicine a loro per età e interessi, ragazze altrettanto nobili, ricche e potenti. Tu saresti stato contento, Rodolphus? Sinceramente!”

Lo fissai e in quegli occhi di ossidiana blu balenarono per un momento comprensione e vergogna.

    “Rodolphus ormai non ha più interesse, è vero, ma io ho anche un altro figlio…”

Guardai Lestrange, disgustato, non avrebbe mollato, lo sapevo, la loro famiglia non mollava mai con noi Sherton, si doveva sempre arrivare alle maniere forti per liberarsi dal loro assedio e, Merlino mi era testimone, avrei fatto di tutto pur di non permettere una bestemmia di quel genere: mai mia figlia si sarebbe chiamata Lestrange.

    “Basta con le ciance, qui parliamo della purezza di sangue, Sherton, non di amore, nobiltà o ricchezza, lo so bene anch’io che questo si può ottenere con un qualsiasi buon matrimonio, che ci sono meravigliose ragazze purosangue là fuori. Ma non hanno il vostro sangue, quel sangue puro che non si mescola al nostro se non raramente: per secoli voi Sherton avete preso il meglio delle nostre famiglie, vi siete rafforzati con il sangue di tutta la Gran Bretagna, ma in cambio non avete dato che quattro ragazze. Non parliamo poi della forza e del potere dei figli che avrà un giorno, tua figlia è nata a Habarcat, tutti conoscono le leggende… tanto più che ormai non esistono nemmeno discendenti purosangue dei Gaunt…”.
    “Già, su questo, immagino, tu avresti molto da dire, non è vero Abraxas?”

Non riuscii a reprimere come volevo lo sguardo disgustato che le parole di Malfoy mi avevano tirato fuori, gli avrei volentieri scagliato addosso tutto quello che avevo sottomano.

    “I miei figli, tutti i miei figli, sono persone, Malfoy, non bestiole da mettere in vendita al miglior offerente per migliorare il pedigree delle vostre belle famiglie purosangue; se, nel passato, alcuni Sherton hanno considerato i propri figli come merce di scambio, beh, saranno all’inferno per pagare anche questo crimine, con tutti gli altri. Le cose con me sono cambiate, rassegnati!”
    “Alshain, ascolta, non ne avremmo dei vantaggi solo noi, Malfoy ha ragione, noi abbiamo bisogno di sangue nuovo, è vero, ma anche voi Sherton, relegati qui, ai confini della civiltà, un matrimonio del genere vi riporterebbe al centro del mondo magico, vita pubblica, Ministero, potere: vi hanno privato delle femmine proprio per costringervi all’isolamento, ora che ne hai una da gestire, dovresti pensare al bene di tutta la tua famiglia, non solo al suo. Pensaci, noi potremmo offrirti un sostegno enorme, soprattutto nella tua battaglia per Hogwarts.”
    “Dovreste avere a cuore il futuro dei purosangue indipendentemente da cosa potrei darvi in cambio. Dovreste sostenermi contro quel dannato Dumbledore e la deriva di Hogwarts, per voi stessi, non pensando di fare un favore a me. Io non metterò mai Meissa in mezzo a questa storia. Mai!”

Lestrange sapeva essere convincente, peccato che con me scegliesse sempre i tasti sbagliati, gli diedi le spalle, mi persi nelle fiamme del caminetto, volevo chiudere il discorso e andare a dormire, iniziavo a essere davvero stanco.

    “Tra cinque/sei anni magari sarò qui con uno di voi a festeggiare un fidanzamento, voluto dai nostri ragazzi, e non imposto da me… magari i nostri figli con i sentimenti sapranno arrangiarsi meglio di quanto noi potremmo fare con la politica. Sarebbe molto più soddisfacente per tutti.”
    “Se la pensi così, dovresti essere semplicemente onesto e dire di aver già deciso, senza impegni presi ora, l’unico tra noi ad avere figli non ancora sposati tra sei anni sarebbe Black: infatti, è l’unico a non sembrare agitato.”

Abraxas mi fissava risentito, mentre Lestrange fulminava a sua volta Orion. Finii il mio bicchiere e sospirai, mi ero illuso che dicendo che non mi opponevo per principio, che non avrei lottato contro qualcosa che fosse nato dal caso, si sarebbero rilassati ma non avevo tenuto conto di quanto Abraxas riuscisse a essere paranoico.

    “Ti sbagli Malfoy, io non ho accordi con Sherton, per la mia famiglia è importante la casa di appartenenza a Hogwats, non potrei impegnare nessuno dei miei figli prima di vedere il risultato dello smistamento di Meissa. Scusami Alshain, tua figlia è deliziosa e la vostra è una famiglia cui tutti vorrebbero imparentarsi, ma in genere le vostre figlie non finiscono nella casa di Salazar, ed io voglio nipoti serpeverde al 100%.”
    “Non mi offendo, Orion, lo so… E spero davvero di non aver offeso nessuno di voi, ma intendo rispettare la parola data a mia figlia, e garantire così la sua felicità.”
    “Beh, se dovessimo guardare alla parola data, “cugino”… sai bene che da oltre un secolo c’è un accordo tra le nostre famiglie, tua nonna era una Malfoy per un motivo preciso, mi sembra!”
    “Io rispetto gli impegni che prendo di persona, non quelli ereditati dal passato e con questo considero chiuso il discorso”.
    “Come sempre, riesci a piegare come ti pare anche i concetti di Onore e Onestà. Complimenti, Sherton, sapevo dall’inizio che sei solo un bastardo! Non è la prima volta, che lo dimostri, tra l’altro. Se mia sorella Elladora è morta, è solo colpa tua.”

Con Lestrange ci guardammo con odio, Abraxas battè il bastone tre volte e ordinò a Doimos, il mio elfo, di riportargli il mantello, se ne sarebbe andato subito, aveva perso fin troppo tempo quel giorno, nemmeno mi salutò, seguito da Lestrange e suo figlio che mi sorrise appena. Orion mi si avvicinò senza parlare, dandomi il tempo di riassumere il controllo di me. Sospirai.

    “I loro discorsi hanno una logica, Alshain, lo sai, io stesso la penso come Malfoy, le nostre famiglie s’imparentano sempre tra loro, i ragazzi sono più deboli di fisico e instabili di carattere.”
    “Dovrei mettere su una fabbrica di ragazze Sherton per risanare la malandata progenie dei purosangue britannici? Il problema si ripresenterebbe la generazione seguente, te ne rendi conto? Non farmi ridere Orion, questo discorso non ha senso, queste pratiche barbariche non hanno senso, io voglio per i miei figli, tutti, nessuno escluso, quello che ho avuto per me: la libertà.”
    “Libertà che ti sei pagato a caro prezzo se ben ricordo. Non dovresti darle tutto per scontato, Alshain, cosa succederebbe se tua figlia approfittasse della libertà che decanti e si mettesse con un mezzosangue o un babbano o un traditore del sangue puro? Hai visto la nostra Meda…”
    “Non può mettersi con babbani o mezzosangue, lo sai, c’è la protezione di Salazar, per quello... quanto ai rinnegati, posso solo sperare di averla educata bene.”
    “E se cercassero di prendere con la forza quello che non possono ottenere con un contratto?”
    “Salazar, Orion, ma come fai a pensare a queste cose? Ha undici anni! Ha l’età di tuo figlio! Perché tu non hai già intrappolato Sirius con qualche nobile purosangue di Londra?”
    “Forse perché spero per lui che sia abbastanza bravo da conquistarsene una che vive a Herrengton Hill… conosco le regole del gioco, Alshain. E conosco te.”
    “Se solo quel dannato smistamento per una volta andasse come dovrebbe… Sarei libero anche legalmente da quel contratto, i nostri figli starebbero insieme, e, se è tuo figlio, Sirius la proteggerebbe, ne sono più che certo, nemmeno Dumbledore potrebbe danneggiarmela, a quel punto.”

Orion rimase in silenzio a lungo, osservando le fiamme nel caminetto, poi si voltò, sulla faccia l'espressione risoluta che ben conoscevo, quella che usava sempre, a Hogwarts e poi da adulti, quando sapevamo di averla combinata grossa ed era necessario un piano astuto per toglierci dai guai.

    “So che non hai fatto nessuna promessa, apertamente, a Meissa, perciò quello che ora ti proporrò non la sconvolgerà. Senza impegni, s'intende. Se entrerà a Serpeverde, a tredici anni annunciamo un falso fidanzamento tra i nostri ragazzi, se nel frattempo non si saranno innamorati davvero, a diciassette anni saranno liberi di scioglierlo. In questo modo l’avremo tolta dalla piazza e quei galantuomini non romperanno oltre!”

Sorrisi, sapevo che prima o poi ci avrebbe provato anche lui, e immaginavo che me l'avrebbe proposta come qualcosa che solo un pazzo avrebbe potuto rifiutare. Qualcosa che non andava a suo vantaggio, qualcosa inventata solo per farmi un piacere.

    “Lo dico sempre. Tu sei Walburga travestita da Orion! Non sarebbe male come offerta, ma credi che Walby lascerebbe i ragazzi liberi di tirarsi indietro? Se firmassi un contratto con Walby, mi ritroverei peggio che con Malfoy. Non sono uno stolto, Orion!”
    “Ma tu puoi sempre contare su di me, al contrario di Walby, mi pare…”

Sorrisi di nuovo. Questo era vero, avrei potuto affrontare un drago sicuro che Orion al momento opportuno sarebbe saltato fuori a salvarmi.

    “Devo imparare a dirti di no, Orion, o Merlino solo sa cosa potrei concederti un giorno, razza di un inglese depravato!”

Gli sorrisi e Black sospirò, scuotendo la testa e insultandomi come solo lui aveva il permesso d fare.

    “Ci rifletterò, questo te lo prometto. Poi staremo a vedere come va lo smistamento, e consulterò un legale, oltre a Meissa, naturalmente.”

*

    “Se ne sono andati tutti?”

Immaginavo che Deidra ormai dormisse, ero entrato nella stanza in punta di piedi, dopo essermi spogliato e fatto un bagno nella stanza accanto. M’infilai sotto le lenzuola, accolto dal tenero abbraccio del mio amore.

    “Sì, Orion è stato l’ultimo.”

Dei mi accarezzava i capelli, mentre io le sfioravo i lineamenti del viso con la punta delle dita, si avvicinò di più a me, con un movimento felino mi fu sopra, e appoggiò il suo capo sul mio petto. Le baciai il naso e poi le mani, che mi misi sul cuore.

    “E hai subito chiuso la tenuta?”
    “Sì, non aspettiamo altri ospiti mi pare.”
    “Allora perché sei preoccupato?”
    “Sono solo stanco, non preoccupato.”
    “Non puoi mentire con me, Alshain, lo sai.”

La baciai, sorridendo ai suoi occhi interrogativi e un po’ ansiosi.

    “Sono solo stupidaggini”
    “Di cosa avete parlato?”
    “Indovina? Sul finire Abraxas ha tirato fuori il discorso del matrimonio combinato.”
    “E immagino che Lestrange gli abbia dato man forte… “

Si staccò da me, rimettendosi a sedere sul letto, guardandomi con aria interrogativa. Io rimasi steso a osservare gli intarsi dorati del nostro baldacchino, sospirando: avevo appena visto sparire la possibilità di abbandonarmi a Morfeo in tempi brevi o di dedicarmi a qualche interessante attività amorosa con mia moglie.

    “… e tu sei uscito col discorso della felicità dei ragazzi, immagino!”

Mi tirai su a sedere anch’io, sistemandomi il lenzuolo sul ventre con noncuranza: non dormivamo assieme da tre notti e benché non mi fossi illuso di riuscire a dedicarmi con lei alle attività che preferivo, avrei desiderato fare qualcosa di più piacevole che parlare ancora di Malfoy.

    “Sì, ho detto chiaramente che non intendo sentire questi discorsi per almeno sei anni.”
    “Pensi sia una buona idea?”
    “Credevo condividessi la mia posizione.”

Avevamo parlato a volte del futuro dei ragazzi, riguardo a Mirzam e Rigel avevamo deciso da tempo di lasciar loro l’opportunità di vivere nella maniera che preferivano, e secondo me l’accordo andava esteso anche a nostra figlia. Purtroppo in alcune occasioni mi ero già reso conto che Deidra, pur libera come me dagli obblighi e dalle convenzioni, tendeva a comportarsi secondo i peggiori canoni sociali quando si trattava di nostra figlia.

    “Tra sei anni Malfoy e Lestrange saranno sicuramente sposati, se non ti accordi prima Meissa potrebbe perdere l’opportunità d legarsi a una di quelle famiglie così importanti… "

Sbuffai e m alzai dal letto, m avvicinai alla consolle e mi versai un bicchiere d’acqua, l’offrii a Deidra ma lei negò con la testa.

    “Non ci posso credere, parli come Abraxas, lo sai?”
    “Secondo me dovresti prendere tempo, dire che intendi ascoltare il parere di Meissa e pertanto che si potrebbe parlare di un fidanzamento tra due o tre anni, non negare la possibilità a priori, dovresti darle almeno l’opportunità di conoscerli, ora è una bambina, la sola idea la spaventerebbe, ma quando avrà quattordici anni… “
    “Deidra, ma cosa dici? Quei ragazzi sono troppo più grandi di lei… E non mi piacciono!”
    “E i figli d Orion sono troppo piccoli… sei suo padre, nessuno ti andrà mai bene, Alshain, è nella natura di un padre comportarsi come fai tu… “
    “I figli di Orion già vanno meglio, sono piccoli adesso, piccoli come Mey, sono coetanei, come lo siamo io e te… e visto che non m è sembrata in questi ventuno anni un’esperienza negativa, mi auguro qualcosa di simile per tutti i nostri figli…”
    “Lo sai vero che se Meissa finisse a Corvonero, Walby non permetterebbe mai a Orion d impegnare uno dei loro ragazzi con lei? La conosci meglio di me… cosa resterebbe allora a Meissa?”

Mi ristesi a letto, mi sembrava di avere un dejavu, solo che la voce e il viso di Deidra erano assolutamente più attraenti di quelli di Malfoy e Lestrange.

    “Cosa resterebbe a Mei? La possibilità di scegliere un purosangue tra le famiglie rimaste, senza le tare ereditarie dei nostri cari intimi amici, ti può bastare? Non sarebbe disgustoso un ragazzo come William Emerson, non credi? E soprattutto avrebbe almeno altri sei anni di felicità. Te lo immagini cosa farebbe se andassimo lì a dirle: "È vero, dobbiamo rispettare quel dannato contratto, tu sei destinata a Malfoy da prima che nascessi” anch’io mi andrei a buttare dalla rupe più alta di Herrenton al suo posto!”
    “Salazar, Alshain, non dobbiamo dirglielo adesso… ma devi renderti conto che tolte quelle poche famiglie di cui stiamo parlando, tutti gli altri sarebbero inferiori a lei per nobiltà, ricchezza e purezza.”
    “Anche mia madre era considerata inferiore a mio padre per nobiltà e ricchezza, e così anche la tua famiglia, mi pare, ma questo non ci ha impedito di essere felici! O no?”
    “Meissa è una femmina! Conta di più con chi si sposa!”
    “Salazar! Non ci posso credere! Dove è finita la donna che ho sposato? Tu preferiresti vederla infelice accanto all’algido Lucius Malfoy o insieme a Rastaban cuore d’inferno Lestrange, piuttosto che con un ragazzo, forse meno importante di lei, ma che bacerebbe la terra su cui cammina? È davvero questo che vorresti per tua figlia?”
    “Perchè non apri gli occhi? Lucius è perfetto per Meissa. Solo perché con suo padre tu non vai d'accordo, non significa che Lucius sia il demonio che immagini!”
    “Stiamo parlando di quel Lucius Malfoy che voleva colpire alle spalle con una "Cruciatus" nostro figlio Rigel? Ti rendi conto che stiamo parlando di quel Lucius? Vuoi sapere come la penso io Dei? Che preferisco ucciderla con le mie mani, piuttosto che darla a quelle bestie! Questo non è un modo di dire, Dei, questa è una promessa… Meissa non sarà mai una Malfoy…”

Dopodiché, lasciando Dei in lacrime, per la prima volta in ventun' anni presi una coperta dall’armadio e andai a dormire nelle mie stanze.



*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010). L'immagine di inizio capitolo è stata realizzata per me da Ary Yuna (che ringrazio), potete trovare i suoi lavori su DeviantArt e nella sua pagina Artista su FB.

Valeria



Scheda
Immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 11
*** I.011 - HABARCAT - Nothing's gonna change my world ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.011 - Nothing's gonna change my world

I.011


Meissa Sherton
Herrengton Hill, Highlands - mer. 14 aprile 1971

    “Allora ti piace proprio tanto questo disco!”

Mi sollevai a sedere sul divano, sorpresa di trovare Mirzam sulla porta, appoggiato di schiena, con l’aria divertita e il suo bel sorriso: il giorno dopo l'equinozio si era tagliato i capelli, ora erano lunghi al collo, mossi, di un caldo castano ramato. Indossava un paio di pantaloni scuri e una camicia grigio perla lasciata aperta fino a metà del petto, portava la giacca di alta sartoria appoggiata alla spalla e la cravatta slacciata al collo. Non mi aspettavo di vederlo prima del mattino seguente, sapevo che aveva una nuova ragazza e che era letteralmente cotto di lei. Eppure era lì, sulla soglia della Sala dei Trofei, in cui mi ero rifugiata da circa un’ora, di ritorno dal viaggio con la mamma nel Devonshire, per leggere i libri di mio padre e ascoltare un po’ di musica: me lo permetteva solo là dentro, dove gli incantesimi di protezione erano superiori a quelli di tutto il resto della tenuta, nulla di quello che si trovava in quella stanza poteva essere portato fuori, mai. Mai quelle cose dovevano cadere sotto lo sguardo di qualcuno che non appartenesse alla nostra famiglia.

    “Sei tornato?”
    “Eggià”
    “Pensavo che questa fosse la ragazza giusta, Mr. Farfallone!”

Gli feci l'occhietto e lui mi rispose con aria divertita, ma senza alcun cenno di vergogna sul viso. Era sempre il mio Mirzam, ma ormai era un uomo. E sembrava decisamente stanco.

    “Piccola insolente, quando toccherà a te, non avrò pietà, ricordatelo!”

Si avvicinò e mi appioppò un bel bacio sulla guancia, inondandomi del suo profumo, intenso e discreto, ed io gli risposi con una carezza sul viso: adoravo mio fratello, era il mio cavaliere dalla lucente armatura, che mi difendeva sempre, soprattutto quando Rigel era odioso con me. Sembrò leggermi nella mente e mi sorrise ancora di più, con una luce negli occhi che stava a significare che mi sarebbe stato accanto ogni volta che ne avessi avuto bisogno.

    “Allora com’è andata stavolta con la mamma?”

Mi alzai e cercai di nuovo con attenzione l’inizio della traccia di “Across the universe”, poi tornai a sedermi accanto a Mirzam sul divano. Sbuffai appena un po’, rilassandomi solo quando nell’aria si librò la voce di John Lennon.

    “La solita noia, Mir, non capisco perché debba andarci. Perché non posso stare qui con te?”
    “Lo sai ci è toccato a tutti, a turno, ora tocca a te, ma entro l'estate sarà tutto finito. E’ una specie di tradizione per papà, prima d andare a Hogwarts è necessario che tu lo faccia, poi capirai”.
    “Odio tutti questi misteri. Perché nostro padre non deve essere come tutti gli altri, tutti dicono che i babbani sono inferiori a noi, eppure non hanno bisogno di darne prova pratica ai figli!”
    “Al tuo posto non mi lamenterei di papà, se avessimo un padre uguale a tutti gli altri, quel disco te lo potresti sognare, per esempio, e non solo quello!”.

Mi guardò serio, mi sarei volentieri morsa la lingua: aveva ragione, se avessimo avuto per padre Orion Black o, peggio, Abraxas Malfoy… sentii un brivido lungo la schiena, Mirzam mi guardò comprensivo.

    “Si hai ragione, però a volte mi chiedo perché noi dobbiamo essere così diversi dagli altri”.
    “Tu sei la "principessa degli Slytherins", mia cara, come potresti essere uguale agli altri?”

Mi sorrise ed io diventai di fuoco, mentre la sua risata riempiva la stanza.

    “Non ripeterlo mai più, sei crudele, lo sai!”
    “Te l’ho detto, me la sarei legata al dito e mi sarei vendicato!”
    “Ma come fai a giocare su questo?”
    “Perché, piccola mia, tu sarai davvero la "principessa degli Slytherins", tra pochi mesi entrerai nella casa di Salazar, e da quel momento ti prenderai tutto quello che più desideri dalla vita”.

Si fece serio e mi strinse con ancora più calore a sé.

    “Adesso non sto scherzando Meissa, lo credo davvero, certo non importa dove finirai, perché ti vorremo sempre e comunque bene, ma io sono più che convinto che sarai una Slytherin, non chiedermi come lo so, me lo sento e basta.”
    “Tu sei l’unico che ci crede, Mir, gli altri sono tutti rassegnati, nessuno crede che io possa riuscirci! Tutti mi dicono di non pensarci perché sono sicuri che fallirò”.
    “Non è così Mey. Mamma e papà vorrebbero che tu vivessi questi ultimi mesi qui a Herrengton in tranquillità e serenità, così capiresti cosa desideri davvero per te stessa, non per far contenti gli altri. Ti sei mai chiesta se è per te stessa che vorresti entrare a Serpeverde? Sei sicura che quella sia la casa dove vorrai restare per sette anni? Vivere tutta la tua vita secondo i suoi principi e i suoi valori? Tra l’altro se finissi a Serpeverde, per un intero anno, dovresti vedere Lucius Malfoy tutti i giorni. Sei sicura di volerlo?”.

Fu come addentare un limone, il senso di disgusto e di rabbia mi accese il viso di mille colori.

    “Visto? Rifletti bene prima d esprimere un desiderio, sciocchina, lo sai che il mondo vive solo per accontentarti e fare ciò che desideri”.

Mi toccò la punta del naso, come faceva da quando ero piccola ed io mi rilassai nel suo abbraccio: non ero sicura di cosa volessi davvero per me, in genere pensavo che fosse giusto quello che per me desideravano gli altri, anche se sapevo che era un ragionamento sbagliato.

    “Mir, spiegami, perché a casa nostra ci sono così tanti oggetti e libri babbani? Se sono inferiori a noi… perché nostro padre ci permette di leggere e usare certe cose?”
    “Innanzitutto ricordati di non dire MAI a nessuno a scuola che papà ha queste cose, lo sai che molti cercano solo una scusa per romperci le scatole, ok? Poi è sempre meglio conoscere quanto più possibile del mondo: supponi che per qualche motivo tu debba stare tra i babbani per qualche tempo, se non sapessi nulla di come vivono, finiresti nei guai in pochissimo tempo. Quello che insegnano a scuola sui babbani è ridicolo, con questi libri e questi oggetti puoi avere un’idea realistica di come si vive lontano dal mondo magico. Papà è un uomo che pensa a tutto, desidera che siamo pronti a qualsiasi cosa ci riservi il futuro”.
    “Perché? Che cosa deve succedere in futuro, Mir?”
    “Ma nulla sciocchina! Ho detto così per dire! Potrebbe capitare che un giorno tu voglia farti una vacanza tra i babbani, per esempio, magari solo per assistere a un concerto dei tuoi cari Beatles, sarebbe strano, ma non impossibile, e papà non te lo vieterebbe di sicuro, lo sai, è sufficiente che tu faccia quel tuo bel faccino che conosciamo tutti tanto bene!”
    “I Beatles si sono sciolti, non ci saranno più concerti cui assistere, Mir”.
    “E allora? Ti appassionerai a un altro gruppo, cambia poco! Con quel faccino, cambia davvero poco”.

Si era alzato, dandomi le spalle, e si era messo a osservare il mare: aveva un’espressione seria che non gli avevo visto mai, un misto di tristezza e turbamento. Represse a stento una smorfia di dolore ed io mi preoccupai, volevo capire cosa gli fosse successo, ma Mirzam sospirò, e si diresse verso la porta.

    “ Ho chiesto a Donovan Kelly la mano di sua figlia Sile, ci sposeremo il prossimo Yule, volevo che fossi la prima a saperlo. Ci vediamo a cena, sorellina!”

Mi lanciò un bacio in punta di dita e scomparve diretto alle scale. Rimasi impietrita sul divano a fissare il punto da cui mi aveva salutato. Non era vero che nulla avrebbe cambiato il mio mondo…

    Mirzam non sarà più soltanto mio...

***

Meissa Sherton
Herrengton Hill, Highlands - mer. 21 aprile 1971

Quella mattina mio padre mi raggiunse in camera mia molto presto, mi disse che dovevo andare con lui e che saremmo rimasti da soli tutto il giorno: sfuggire al controllo serrato di mia madre, che alternava lo studio di pozioni e di canto alle orride visite a insulse cittadine babbane o ai nostri parenti, fu per me un toccasana. Adoravo il bosco, i suoni della foresta, gli animali straordinari che vivevano a Herrengton e, soprattutto, ero ormai impaziente di vedere cosa mio padre doveva insegnarmi. Mio fratello lo chiamava “Corso accelerato di magia primordiale”, o semplicemente “Corso di magia Sherton”. Anche mio padre si mostrò contento di passare quella giornata insieme a me: dal ritorno a Herrengton non c’erano state molte occasioni per stare soli e anche lui si rendeva conto che a breve avrebbe dovuto lasciarmi andare, che per 7 lunghi anni non sarei stata più in quella casa se non per brevi periodi …. Se mi fossi sposata presto come avevano fatto i miei genitori, forse non avrei più vissuto a Herrengton, se non pochi giorni all’anno. E questo lo sapevamo entrambi. Al solo pensiero mi rattristai di nuovo. Camminavamo nella boscaglia, mio padre aveva come sempre il passo rapido e leggero di chi preferisce la vita all’aperto, la bacchetta legata alla cintola , una tunica sopra i pantaloni, i capelli legati in una coda e una specie di bisaccia da cacciatore, in cui c’era tutto e di più, tanto era sempre 100mila volte più capiente di quanto si potesse immaginare dall’esterno. Portava in spalla anche una vecchia scopa da Quidditch con cui aveva fatto allenare i miei fratelli negli anni passati e fischiettava un motivetto che non conoscevo; ogni tanto si voltava a guardarmi, sorridente, aveva qualche piano in mente, e la curiosità finì col distrarmi dai miei pensieri malinconici.

    “Credo che qui possa andare.”

Si fermò nel mezzo di una radura, davanti a noi si apriva la faggeta di Herrengton , con i suoi percorsi tortuosi, a est si aprivano gli spazi sconfinati del mare e delle isole; un vento si levava frizzante dal mare, molti metri sotto di noi, e sembrava trasmettermi un’energia strana.

    “Oggi vediamo cosa succede quando sali su una scopa da Quidditch.”

Lo guardai stranita e in parte delusa, non avevo mai apprezzato il gioco, che invece rendeva tanto entusiasti mio padre e i miei fratelli, meno che mai pensavo che la famosa lezione che aspettavo da mesi fosse qualcosa del genere, nemmeno avevo mai provato a volare!

    “Non puoi avere paura di una scopa Mey, ce l’hai nel sangue!”

Mi diede la scopa e riluttante feci i gesti che mio padre mi suggeriva, tenni la scopa al mio fianco, la chiamai, e finalmente sentii il legno nervoso sotto la mie dita.

    “Ora prova a montarci sopra, tenendola salda e cercando di rimanere coi piedi per terra.”
    “Ma…”
    “Non ci sono “ma”, Meissa, prova… io sto qui. Tra pochi mesi dovrai farlo a scuola e di certo, se proprio devi cadere, è meglio che tu abbia solo me a farti da pubblico.”

In effetti non era una idea saggia aspettare di essere ad Hogwarts, di fronte ai figli scemi dei suoi amici, per provare a salire su una scopa. L’inforcai, la sentivo nervosa sotto di me e iniziai ad aver paura, ma per non deludere mio padre, strinsi i denti e riuscii a domarla, o almeno era quello che speravo.

    “Bene, ora vediamo cosa succede se ti dai una spinta per salire.”

Sapevo già che sarei caduta subito, iniziai a sudare freddo, ma non volevo fare una figuraccia di fronte a mio padre e cercai d non mostrarmi spaventata. Stranamente non caddi, anzi, dopo lo stupore iniziale mi sentii libera ed euforica, con la sensazione di sapere bene cosa dovevo fare. E miracolosamente, anche la scopa sembrava sapere benissimo cosa volevo da lei! Mi alzai di più, mentre mio padre mi guardava sorridente, mi mossi delicatamente verso gli alberi di faggio, quasi meravigliandomi di riuscirci, poi presi coraggio e provai ad allontanarmi, salire, ritornare indietro, feci un paio di giri intorno alla posizione iniziale e, infine, scesi lungo la collina. Era facile, era divertente, era assolutamente grandioso! Mi librai di nuovo, questa volta più in alto: mai mi ero sentita così felice, per la prima volta sentivo di essere nel mio elemento, vedevo gli alberi dall’alto, scesi rapida per raccogliere per la mamma un fiore che ammiccava rosso tra il verde acquoso dell’ultima rugiada. Fu allora, forse per troppa sicurezza e incoscienza, che persi il controllo della scopa e mi ritrovai catapultata a terra, a pochi metri dal fiore che m’aveva fatto esagerare… Mio padre corse lungo il fianco della collina per vedere se stavo bene, si chinò su di me mi asciugò una lacrima sulle guance e mi diede un bacio

    “Ti fa male qualcosa?”
    “Il piede…”

Trattenni altre lacrime a stento, mentre mio padre mi risistemava con delicatezza il tallone e la caviglia.

    “Nulla di grave, hai solo preso una botta. Niente male come primo volo: io la prima volta mi sono rotto un polso e distorto una caviglia!”

Sorrise, avevo temuto di averlo deluso, invece era felice e soddisfatto.

    “Hai il volo nel sangue, piccola mia, con qualche altra lezione farò di te una campionessa!”

Mi prese in braccio e con un incantesimo proiettò davanti a sé la scopa, mentre risalivamo la collina. Affondai il viso sul suo petto, i piaceva incredibilmente il suo odore, era forte e bellissimo, nessuno dei suoi amici, neanche quelli che arrivavano alle cene vestiti superbamente, riuscivano a eguagliarne eleganza e bellezza. Avevo perso i miei occhi verdi in quelli azzurri di mio padre.

    “A cosa pensi topolina?”

M’aveva sempre chiamata con quel buffo soprannome, che adoravo, quando eravamo soli.

    “Che ho il padre più bello e forte e meraviglioso del mondo!”

Papà rise e la sua risata riempì la valle: aveva 40 anni da pochi giorni, ma sembrava un ragazzo, pieno di fiducia nella vita e di felicità per la sua meravigliosa famiglia, aver saputo che Mirzam si sarebbe sposato entro l’anno con la figlia di uno dei nostri migliori amici irlandesi, lo aveva riempito di entusiasmo e speranza.

    “Dovrò far sapere a tua madre che ha una rivale che le insidia il mio cuore, allora!”

Mi baciò di nuovo. Ritornati alla radura, mi rimise a terra, con una paio d’ incantesimi silenziosi distese un plaid e tirò fuori dalla bisaccia il necessario per la colazione.

    “Come ti sei sentita mentre volavi?”
    “Era stupendo, era come se fossi fatta d’ aria e di libertà!”

Mio padre capiva la sensazione, era per questo che adorava il volo almeno quanto vivere in quei boschi, lontano da tutto ciò che attraeva tanto i suoi amici.

    “Hai apprezzato il senso della libertà al primo colpo, quando avrai assaporato anche l’ambizione, sarai una campionessa di Quidditch degna del mio nome…”

Si distese sul plaid e si rilassò al sole tiepido del mattino mentre non perdeva una mia mossa, un giorno mi disse che mi considerava la parte più bella di sè, la sua opera d’arte….

    “D’ora in poi lavoreremo molto insieme Meissa, voglio che tu sia preparata quando andrai a scuola…”

Sorrisi tra me, quindi era arrivato il momento, non riuscivo a trattenere la felicità e l’eccitazione.

    “Padre, io sto già facendo esercizio di pozioni…”
    “Sai bene che devo insegnarti cose che a scuola non ti faranno nemmeno vedere, loro seguono il programma del Ministero, io invece devo insegnarti cosa significa essere una Sherton, devo fare di te una Sherton a tutti gli effetti…”

Sapevo che quando era a casa mio padre passava molto tempo nel suo laboratorio nel sotterraneo della villa, dove, al contrario dei miei fratelli, non avevo mai avuto il permesso di entrare, finora, quello che mi stava dicendo era ciò che attendevo da una vita. Papà sorrise di nuovo, mi leggeva tutto quanto avevo nel cuore.

    “Sì, tesoro, ormai sei grande abbastanza per vedere il mio piccolo parco giochi domestico, e non solo quello…”

Si risollevò e mi prese le mani nelle sue.

    “Sarai la migliore del tuo corso, saprai fare incantesimi che gli altri nemmeno si sogneranno mai, e finalmente ti insegnerò a piegare le cose anche senza una bacchetta, forse è ciò che più può esserci utile in futuro… tu hai il fuoco di Salazar nel petto, piccola mia, non è qualcosa che tutti possono vantare, ed io t aiuterò a tirarlo fuori. Verrai da me per un paio di ore tutte le sere, prima d andare a dormire.”

Mi diede un nuovo bacio sulla fronte, poi mentre ancora lo guardavo rapita, fece sparire i resti della colazione e mi fece segno di alzarmi, il piede non faceva più male, potevo seguirlo senza difficoltà, dovevamo arrivare prima di mezzogiorno alla radura dei threstal nel profondo del bosco. Avanzammo come prima, in silenzio, mio padre ogni tanto mi chiedeva di chi fosse una certa orma o a cosa servisse una certa pianta, io rispondevo sempre bene, erano anni che lo seguivo e conoscevo Herrengton come le mie tasche. Arrivammo su uno degli speroni di roccia che scendevano apicco nel mare, mi diede l’acqua certo che ormai avessi sete, si sedette su una roccia appena muschiata e mi guardò con attenzione, mentre io in piedi, spaziavo con gli occhi verso l’orizzonte, privo di nuvole.

    “Volevo chiederti una cosa, Meissa, a proposito del giorno dell’equinozio”
    “Cosa padre?”

Cercava di apparire sereno e distaccato, ma sentivo tensione repressa a stento nella sua voce.

    “Cos’hai visto mentre eri da sola nella grotta della sorgente?”
    “Quello che mi hai detto tu. Ho sentito delle voci che mi invitavano a non farlo, a rinunciare. Perché?”
    “Nient’altro?”
    “Non capisco…”
    “Quando sei scesa nella grotta di Salazar, bendata, ho preso il tuo palmo per inciderlo con la lama, e ho visto chiaramente che ti eri ferita le mani, come se avessi stretto i pugni tanto da affondare le unghie nella tua stessa carne. Voglio che mi dici perché l’hai fatto. Non ti ho mai chiesto nulla di più, nelle scorse settimane, per non turbare tua madre, ma ora…”

Deglutii, non ci avevo voluto pensare, non gliel’avevo voluto dire, non potevo dirgli che mi ero spaventata, che non mi ero sentita pronta.

    “Ho visto un’ombra, ma non so cosa fosse, e occhi rossi di fuoco, e poi me stessa in un giardino che non conoscevo, ho iniziato a pensare forte a te come mi avevi detto di fare e sono riuscita a tornare indietro”
    “Vorrei che mi descrivessi quegli occhi...”

Ci pensai un attimo, per riportare alla mente quell’immagine sfocata, ma non c’era nulla di più nella mia mente.

    “Non ricordo altro, solo che erano occhi rossi, come quelli di un serpente, e nel giardino, c’erano decorazioni slytherins ovunque.”

Mio padre mi guardava attentamente, la sua mascella si contrasse più d una volta. Poi chiuse gli occhi abbandonò a terra tutto quello che aveva tra le mani, alzò le braccia al cielo volgendosi verso est ed iniziò a cantilenare. Dopo lo shock iniziale mi resi conto di comprenderlo, stava lanciando una maledizione antica contro un uomo, non avevo mai visto mio padre fare nulla di simile. La sua voce era irriconoscibile, mi fece gelare il sangue nelle vene.

    “Meissa!”

Lo guardai, mi resi conto che lo stavo fissando impietrita.

    “Chi è quell’uomo? Chi è Tom Riddle?”
    “Tu che ne sai di Tom Riddle?”
    “Ti ho appena sentito fare il suo nome, gli stavi lanciando una maledizione”
    “Salazar… tu hai capito quello che stavo dicendo?”
    “Sì, certo che ti capisco, non sono sorda!”
    “Ti rendi conto, Meissa Deidra Sherton, che tu mi stai parlando in serpentese mentre io, tuo padre, ti sto parlando in serpentese?”
    “Che cosa?”

Si avvicinò a me, osservandomi con attenzione, come se non mi riconoscesse come sua figlia.

    “L’avevi già fatto? Avevi già parlato ai serpenti?”
    “Io non so parlare ai serpenti!”
    “Lo stai facendo anche in questo momento!”
    “Ma…”
    “Vieni con me.”

Mi prese per mano, senza tante cerimonie, anzi in maniera piuttosto brusca e con un “bop” ci smaterializzammo. Mi ci vollero alcuni secondi per ricordare, per capire dove fossimo, non andavamo molto spesso in quella parte della costa di Herrengton. I caratteristici faraglioni creavano un paesaggio quasi irreale, la spiaggia, invece che di sassi e sabbia, era costituita da lingue di calcare che affioravano timide dal mare. Mio padre si tolse la tunica ed entrò in acqua facendomi segno di seguirlo, rabbrividii al solo pensiero.

    "Chi è Riddle?"
    “Le parole non servono a nulla, Meissa, è la magia ciò che conta… e ora abbiamo un motivo in più per darci da fare!”
    "Dimmi chi è, dimmi cosa vuole da noi.”
    “Meissa, ora basta, vieni qui e dimostrami cosa riesci a fare senza alcun insegnamento."

Lo guardai sempre più confusa, non avevo idea di cosa volesse da me. L’acqua era gelida, i vestiti s’inzupparono immediatamente, incollandosi addosso come una morsa di ghiaccio. Sarei sicuramente morta assiderata.

    “Padre…”
    "Hai mai giocato con l’acqua, pensando semplicemente a cosa provano le tue dita mentre la toccano?"

Non capivo, mi sembrava uno scherzo, un tragico e assurdo scherzo, mio padre doveva essere impazzito, io morivo di freddo e lui parlava la lingua dei pazzi.

    "Io non capisco..."
    “Rispondimi… Non hai mai giocato con l’acqua fino a notare qualcosa di strano?”
    “No, non ho mai pensato all’acqua, mentre la toccavo. Padre, sto morendo di freddo... ti prego…"
    "Fallo per me ora, non pensare al freddo, non ti succederà nulla… fidati di me, hai visto, sulla scopa è andato tutto bene, no?"

Era in piedi di fronte a me. Mi prese la mano e la portò a sfiorare appena la superficie, lo guardai, aveva chiuso gli occhi e sembrava completamente rilassato e distaccato dal mondo. Quasi in trance.

    "Non guardare me, io non esisto, esiste solo la materia che stai toccando, devi concentrarti su di lei."

Chiusi gli occhi anch’io e cercai di sgombrare la mente, non dovevo pensare al freddo, non dovevo chiedermi più nulla su Riddle. Mi concentrai sulle onde che mi lambivano, sulla sensazione che irradiavano sulle mie dita e sul mio corpo, sembrava una morbida carezza. Mio padre mosse la mia mano, come se volesse disegnare una forma sinuosa nell’acqua, e per un attimo mi sembrò che la materia liquida diventasse qualcosa di più tangibile, che mi entrasse sotto pelle e scivolasse attraverso le vene dentro il mio corpo. Aprii gli occhi allarmata: avevo sentito materializzarsi quella sensazione dentro di me, fino a percepire qualcosa che si muoveva nel mio stomaco.

    “Vedi? Ora sai di cosa parlo…”

Non aspettò che gli rispondessi, si sedette sul bagnasciuga e mi fece cenno di sedermi ai suoi piedi, con la testa e la schiena accostati al suo petto, mi prese le mani e fece in modo che le poggiassi appena sulle sue, così da sfiorare la superficie, chiusi gli occhi e mi concentrai, fino a non sentire più il freddo che mi penetrava le ossa e le membra.

    "Io sono qui, dietro di te, a proteggerti, lasciati andare e ascolta il mare."

Sentivo la risacca incunearsi tra le nostre mani, nella piccola cavità formata tra le nostre dita. Smisi di pensare, ascoltando solo la brezza che mi accarezzava, il respiro dell’oceano e il cuore di mio padre che pulsava sulla mia schiena. Qualcosa mi diceva che dovevo muovere le mani, come per disegnare dei piccoli arabeschi sull’acqua, papà immerse le sue appena un po’ di più, così da lasciarmi un contatto maggiore e più libero. Sentivo in me la capacità di rendere materiale l’immateriale, apri gli occhi e vidi che dove stavo giocando, l’acqua era diventata più densa, malleabile, il colore era quello cangiante del metallo, sembrava una gigantesca bolla di mercurio in attesa di una forma definitiva. Sollevai la destra e continuai a muovere le dita tracciando disegni in aria, la sinistra uscì dall’acqua tirando via quella bolla che si contorceva in alto, di fronte a me, al gioco delle mie mani. Mi sollevai in piedi, e girando attorno a me stessa in cerchio, scrissi il mio nome nell’aria con le dita, mentre la massa si contorceva assumendo la forma del mio viso.

    “Padre!”

Mio padre era ancora seduto nell’acqua e stava sorridendo, mentre mi osservava. Ero al tempo stesso sbalordita, spaventata ed eccitata.

    "È un bel gioco, vero Meissa?"

Alzò le mani a sua volta e vidi al largo innalzarsi una colonna d’acqua che turbinò a formare un piccolo vortice tra cielo e mare.

    "Pensa cosa potrei fare con quella colonna, se qualcuno fosse qui a spaventarti, come quel giorno nella grotta…"

Lo guardai, lo stomaco stretto nella morsa della paura. Avevo sempre immaginato che mio padre, come tutti i maghi, riuscisse a dominare appieno le proprie forze e quelle della natura solo se aveva una bacchetta in mano. Evidentemente non era così.

    "Questo non è un gioco, vero?"
    “No, Meissa, questa è la magia di Herrengton, la magia dei nostri avi, quella magia primordiale che ci trasmettiamo da millenni col sangue, da prima che qualcuno venisse a colonizzare l’isola, da prima che i fondatori creassero Hogwarts, quella magia che ha spinto Salazar Slytherin dalle paludi del Norfolk fino a queste coste, solo per cercarci. Per cercare i Maghi e il Cammino del Nord. È questa la magia che imparerai a usare, d’ora in avanti. La magia che difenderai a costo della vita.”

Abbassò le mani, riportando in quiete la superficie del mare, tutto intorno a noi. Camminammo nell’acqua fino ad averla all’altezza del mio stomaco.

    "Prendi da te stessa concentrazione e forza e prova d nuovo."

Immersi di nuovo le mani, appoggiandole a quelle di mio padre, mi concentrai sollevandole infine di colpo, un muro d’acqua si era formato poco lontano da noi, incombendo minaccioso: per un attimo mi paralizzai di paura, non sapendo cosa fare e temendo di perdere il controllo. Mossi le dita e quello si contorse di conseguenza. Mio padre era dietro di me, appoggiai la schiena al suo corpo perché mi sorreggesse, ma sapevo che non avrebbe fatto altro, dovevo cavarmela da sola.

    "Cosa vuoi farne, Meissa? Schiantarlo contro i tuoi demoni o contro te stessa? O preferisci lasciarlo andare?”

A sorpresa, mise la sua mano sinistra sulla mia pancia, sembrava bruciarmi la pelle, come fuoco, e risalì di qualche centimetro, fino a raggiungere la giuntura inferiore delle costole all’altezza dello stomaco, premendo sul diaframma e togliendomi il respiro. Non potevo respirare, non potevo allontanarmi, dovevo risolvere la situazione per forza. Mossi la mia destra per allontanare la colonna e la sinistra per difendermi, come se costruissi un muro e la massa d’acqua si spostò più indietro. Abbassai di colpo le mani e il volume si disperse: avevo capito, dovevo volerlo davvero. La pressione di mio padre sul diaframma diminuì all’istante.

    "Molto bene, adesso devi combattere quello che faccio io!"

Con un gesto rapido creò un nuovo turbine, più veloce e potente, che sembrava volerci colpire in pieno. Alzai a mia volta le mani di scatto, mentre la pressione di mio padre sul diaframma aumentò di nuovo strappandomi un grido sordo. La mia colonna si alzò di colpo andando a schiantarsi e riducendosi in schegge liquide, annullando il turbine.

    "Ogni volta che lo rifaremo, io sarò più resistente e tu soffrirai un po’ di più, Meissa, ma alla fine mi vincerai, anche se io dovessi resisterti come un leone. Tu sei nata per essere più forte di me.”

Mi voltai a guardarlo, ma lui si stava già allontanando per riprendere la spiaggia, rimasi indietro, perplessa, chiedendomi come ciò fosse possibile. Uscito dall’acqua, prese la bacchetta e si asciugò, poi, appena gli giunsi accanto, la puntò verso di me, risistemandomi vestiti e capelli.

    “Chiunque ti chieda qualcosa, noi oggi siamo stati a provare la scopa da Quidditch…”
    “Ma la mamma e Mirzam…”
    “Per ora non devono saperlo nemmeno loro, soprattutto del Serpentese, siamo intesi?”
    "Ma..."
    "Siamo intesi, Meissa?"
    “Sì.”

Mi diede la mano e iniziammo a camminare lungo la spiaggia, decisi a tornare a casa senza smaterializzarci di nuovo.

    "Che cosa succederà una volta che avrò il controllo dell’acqua?"
    "Ci sono tante altre cose che devi imparare a controllare..."
    “Altre?”
    “Sarebbe solo un gioco se fosse tutto qua, non credi? Quello che imparerai quest’anno, ti servirà a controllare presto anche te stessa."
    “Che cosa vuoi dire?”
    “Dovrai imparare a fare questo, consapevolmente e volontariamente, senza errori…”

Sotto i miei occhi, stupefatti, mio padre si trasformò in un magnifico gatto tigrato, mi chinai ad accarezzarlo e lui iniziò a fare le fusa: non potevo crederci, avevo già letto degli animaghi, ma non avevo mai sospettato che qualcuno nella mia famiglia lo fosse. Tornato in sé, mi sorrise, beandosi della faccia sconvolta che di sicuro dovevo avere in quel momento.

    “Tu sei un animago? Perché non me l’hai mai detto prima?”
    “No, Meissa, non sono un animago, sono, anzi, io e voi ragazzi, siamo dei maghi animorfi.”

Non finì nemmeno la frase che prese le sembianze di una serpe e, subito dopo, diventò un’aquila: tutto questo mi sconcertò, avevo letto degli animaghi e sapevo che potevano assumere un’unica forma, solo dopo un lungo e difficile studio, quello che avevo visto fare a mio padre andava ben al di là di quanto c’era scritto sui libri.

    “Io non capisco…”
    “Ci sono molte cose che non sai ancora Meissa, non potevo dirtelo prima perché solo adesso sei abbastanza grande da capire che certe cose non vanno raccontate a nessuno, mai, nemmeno a chi ci sta vicino, come amici e parenti. Conosci le leggende sui Maghi del Nord: per secoli abbiamo fatto di tutto per screditarle, al punto che oggi tutti credono che si tratti solo di dicerie, nessuno che non sia di queste terre crede più che certe storie siano dotate di un qualche fondamento. Ora, con il rito di Habarcat, hai raggiunto l’età necessaria per sapere che invece la realtà è questa.”
    “Vuoi dire che le leggende che riguardano Hifrig Sherton e Salazar Slytherin non sono prive di fondamento, ma sono reali?”
    “La maggior parte, sì. Col tempo ti dirò tutto quello che devi sapere. Quello che devi imparare da subito, però, è che a Herrengton tu sei al sicuro da qualsiasi attacco, la magia tradizionale qui non ha valore, quando è usata per minacciare uno Sherton. Fuori dalle terre del Nord, invece, se qualcuno dovesse minacciarti o spaventarti, la magia di Herrengton può farti fare qualsiasi cosa utile a metterti in salvo, anche se non fossi ancora in grado, coscientemente, di evocarla o controllarla: possiamo smaterializzarci, assumere una forma magica, possiamo persino volare e spezzare catene di costrizione magica. Solo un mago eccezionalmente potente potrebbe toglierci la capacità di farlo, ma, nella storia, solo Salazar Slytherin è stato capace di mettere un freno a questo tipo di magia.”

Lo guardavo stupita, quello che mi stava dicendo mi apriva un mondo, quello che mi stava dicendo, significava che eravamo molto al di sopra di quello che avrei mai imparato a Hogwarts, e la cosa più stupefacente, non era affatto necessario studiare per impararla, perché ero…

    “Starai pensando che è tutto meraviglioso e facile, ma non è così, Meissa, nei tempi che viviamo, queste nostre capacità sono il sistema perfetto per finire ad Azkaban e non uscirne mai più. Non c’è bisogno che ti spieghi perché devi, in tutti i modi, evitare di metterti nelle condizioni di dover usare Habarcat: in gioco c’è la vita d tutti noi. Molti scambierebbero questo che è un dono naturale, per Magia Oscura. Io, tua madre e tuo fratello potremmo finire in prigione e voi ragazzi sotto la tutela del Ministero. Prima che tu vada a Hogwarts devo insegnarti a nascondere tutto questo, devo insegnarti a non avere paura di nulla e di nessuno, così che tu non debba mai svelare al mondo in nessun modo come siamo davvero... vuoi farmi delle domande?”
    “La mamma…”
    “Tua madre, come me, non ha idea di cosa sei in realtà capace di fare, io stesso non avevo idea che tu parlassi il serpentese, per esempio.”
    “Sembra tanto grave che io sappia parlarlo…”
    “No, non è grave, ma nessuno deve sapere che sai farlo: molti maghi oscuri erano rettilofoni e quegli ignoranti del Ministero potrebbero farsi idee sbagliate su d te e su di noi.”
    “Vuoi dire che noi siamo maghi Oscuri?”
    “No. Meissa, nessuna magia è cattiva per principio, dipende dall’uso che ne fai. La maggior parte dei maghi ha stabilito di bollare come cattive alcune pratiche magiche, che in realtà non sono pericolose o malvagie, se esercitate con criterio. Io non sono una persona malvagia, Meissa, non intendo fare del male a nessuno, a meno che non si tratti di persona o mago che vuol danneggiare la mia famiglia. Detto questo, però, non accetto che sia un branco di barbogi ignoranti a decidere per me quello che devo o non devo studiare, conoscere e praticare. Io sono nato libero e seguirò solo la mia coscienza, fino alla morte.”
    “Quindi parlare il serpentese…. non è cosa malvagia, ma devo nasconderlo per non subire i pregiudizi degli altri?”
    “Esattamente, è solo un dono di Salazar, come tanti altri. Hifrig sposò la sorella di Salazar, e da allora, godiamo di alcune caratteristiche di quel mago.”
    “Noi però non siamo i suoi eredi…”
    “Certo che no, Meissa, noi siamo ben fieri di essere gli eredi di Hifrig e i custodi di Herrengton, le responsabilità che abbiamo sono più che sufficienti, te lo posso assicurare. Poi a suo tempo ti dirò anche altre cose, che ti faranno essere fiera di quello che sei, e felice di non avere poi molto a che fare con Salazar...”.
    "Ma..."
    "No, ora basta, per oggi basta davvero, ora torniamo a casa e ci rilassiamo un pò.... che ne dici di darmi la rivincita a scacchi?"

Annuii e gli sorrisi. Mio padre mi abbracciò e continuammo a risalire la spiaggia, dinanzi a noi si apriva la boscaglia e un lungo percorso in salita di almeno tre ore per raggiungere il maniero: mi guardò complice e capì subito che dopo tutte le emozioni di quel giorno, quello che desideravo era solo un bel bagno caldo e uno dei dolci di Kreya, così mi strinse ancora di più a sé e con un nuovo “bop” ci ritrovammo nel cortile delle rose, finalmente a casa.

*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010). 

Valeria



Scheda
Immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 12
*** I.012 - HABARCAT - Il Tocco del Male ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.012 - Il Tocco del Male

I.012


Meissa Sherton
Spinner's End, località  ignota - sab. 22 maggio 1971

Erano passati appena due giorni dall’ultima visita a Spinner’s End, e di nuovo mi trovavo in quel parco, su un’altalena rossa, con grosse chiazze di vernice scrostata, all’ombra di un albero frondoso, mentre un vento odioso imperversava sollevando mulinelli di sabbia e foglie secche: anche quel giorno avrei aspettato impaziente le 17, quando mia madre sarebbe uscita dalla casa color topo di Eileen Prince, di là del ponte. In quel momento osservavo due bambini di circa nove anni mentre tiravano sassi dal greto del fiume; odiavo stare lì, in quel vecchio parco giochi di un insulso quartiere fuori mano, dove c’erano solo insetti fastidiosi, quello stupido fiume arido e senza pesci e quella strana ciminiera che svettava all’orizzonte, in mezzo a quelle case tutte uguali, anonime e disperate. Erano ormai settimane che arrivavamo in quella città e in quello schifoso quartiere, ma non ne conoscevo la ragione, sapevo solo che mia madre doveva incontrare la donna della casa color topo, e passare qualche ora da lei. Non avevo il permesso di stare là dentro con loro, né quello di parlare con qualcuno: la noia regnava sovrana e avevo la terribile certezza che quella tortura sarebbe durata almeno fino alla mia partenza per Hogwarts. Mi diedi un’altra spinta, più vigorosa, per prendere un po’ più di slancio. Nel giro di appena tre mesi la mia vita sarebbe cambiata enormemente, addio agli spazi aperti della Scozia, avrei passato gli ultimi giorni di libertà, prima dell’inizio della scuola, a Londra, a Essex Street: questo mi faceva sopportare anche meno il tempo sprecato lì, in quella terra di babbani e di miseria. Sospirai. Scesi dall’altalena, alla ricerca di un luogo più riparato, che fosse sempre a portata di sguardo dalla signora Shener, una maganò che fingeva di essere la mia tata in quegli inutili pomeriggi, ma abbastanza lontano perché non le fosse facile vedere bene cosa stessi facendo. Mi sistemai meglio la gonna a quadrettini, aveva preso una piegaccia su quell’altalena, e camminai spedita verso un cespuglio, sicura di essere sola, finché voci semi soffocate, provenienti da una siepe davanti a me, non mi bloccarono. C’era davvero mancato poco, stavolta!
Sbirciai di là della siepe: erano i soliti due, un ragazzino e una ragazzina, forse della mia età, o poco più grandi. Li avevo osservati da lontano, spesso, nelle settimane precedenti, ma sembrava che loro non si fossero mai accorti di me, impegnati com’erano a confabulare. Una volta, avevo visto il ragazzino girovagare nel parco tutto solo e mi ero avvicinata un po’ di più, volevo parlargli, invitarlo a giocare con me, tanto per passare il tempo più velocemente, ma avevo finito col perdere il coraggio, avevo l’ordine di non avvicinarmi a nessun babbano; decisi d farmi avanti quando c’erano entrambi, magari lei, che aveva una risata così simpatica, mi avrebbe invitata a giocare con loro. Signora Shener permettendo. Mi voltai, la tata era completamente presa dal suo lavoro a maglia e mi stava dando la schiena; forse quella era davvero l’occasione buona. Sbirciando da dietro la siepe, notai subito il ragazzino voltato di spalle, con uno spolverino scuro e informe, lei invece era di fronte, ma non mi stava guardando, presa com’era dai discorsi del compagno: aveva i capelli color rosso scuro, gli occhi verdi, le labbra rosse che risaltavano sulla pelle di porcellana, sembrava una di quelle stupende bambole che mi regalava la mamma. Mossi un passo verso di loro, ma prima mi voltai verso il ponte, proprio nell’attimo in cui mia madre usciva da quella casa e, al solito, quell’altra donna, magra e giallastra, dai capelli lunghi e neri, l’accompagnò circospetta fino al vialetto, poi tornò indietro, gracchiando qualcosa ad alta voce e rientrando subito in casa, quasi temesse chissà cosa. La Shener risistemò il suo lavoro a maglia nella borsetta, si alzò dalla panchina e si guardò intorno per cercarmi. Allora mi ritrassi, per correre incontro a mia madre; l’ammirai: alta, con i capelli rossi lunghi fino a metà schiena, gli occhi verdi carichi di luce, l’incarnato dolcemente ambrato, le mie stesse diffuse efelidi, che le davano un aspetto da ragazzina, la figura slanciata e armoniosa, nonostante la maternità, tanto da illuminare la strada con le sue semplici movenze. Sembrava non toccare nemmeno i piedi per terra. E soprattutto, mentre si avviava sul ponte per raggiungermi, aveva un sorriso d’amore stampato sul viso: ero felice, nel giro di pochi secondi avrei finalmente affondato il viso nella curva calda e profumata del suo collo. Fu allora che, mentre mia madre si era chinata a baciarmi, intravidi attraverso quei capelli rossi e setosi, la figura sgraziata del ragazzino che attraversava di corsa il ponte accanto a noi: visto così da vicino, sembrava un ragnetto e mi accorsi di quanto assomigliasse alla donna della casa.

    "Andiamo".

Mia madre si sciolse dall’abbraccio. E fu come se cadesse un velo.

*

Aprii gli occhi, ero stesa ai piedi di un cespuglio di sempreverdi, incapace di muovermi, e sentivo freddo sulle braccia, il sole stava scendendo rapidamente oltre la linea degli alberi: con una fitta di terrore mi resi conto che non ero con mia madre, né tantomeno ero a casa mia. Non sapevo dove fossi, non sapevo che ore fossero, e mentre il buio e una strana nebbia m’inghiottivano, notai che le siepi assumevano i contorni di serpenti e una figura, vestita con un lungo mantello oscuro, si avvicinava a me, gli occhi che saettavano fiamme. Aveva il viso pallido e smagrito, le dita delle mani, lunghe, bianchissime, scheletriche… il suo profilo era simile a quello di un serpente.
Gridai. Ma la voce non uscì dalla mia bocca.

*

    “Sei tu Meissa ?”

Ero ferma e immobile davanti a un cespuglio, come impietrita, non sapevo come ci fossi finita, né che ore fossero, non sapevo che fine avesse fatto l’uomo col mantello oscuro. Mi resi conto di riuscire a muovermi, così, lasciando cadere i fiori che stringevo ancora in mano, senza ricordarmi di averli raccolti, mi voltai, presa dal panico, verso quella voce, amorfa e trascinata, e intercettai due occhi color della notte, su un viso che poco per volta prendeva forma: capelli nero corvino appiccicati alla pelle pallida, le labbra esangui, strette, sotto un naso grande. Mi allontanai appena e lo misi a fuoco del tutto: era il ragazzo-ragnetto, che mi osservava con un’espressione indefinibile.

    "Si".

Tremò la mia voce, la voce della colpa; lo guardai titubante, non sapevo cosa sarebbe successo, non capivo che cosa mi fosse accaduto.

    "Tua madre ti cerca da quasi un’ora, non è per niente contenta".

Piatto come prima, nessuna nota nella voce. Prima ancora di riemergere dalla boscaglia, mi resi conto di averla fatta grossa. Il fiume non si vedeva proprio dalla siepe dove mi aveva trovata il “ragnetto” e stando alla posizione del sole erano le 18 passate. Avevo perso più di un’ora della mia vita, eppure ero convinta di essermi voltata verso il ponte mentre mia madre usciva da quella casa, e sapevo di non essere sola, e… Quando arrivai dinanzi a lei, in mezzo alle altalene, il volto di mia madre era segnato da un’aria dura che ne distorceva l’armonia, la Shener aveva un segno rosso sulla guancia destra e i suoi occhi mi fiammeggiavano contro, pieni di rabbia e di risentimento. Mi resi conto dei problemi che avevo causato, ma non feci in tempo a dire “scusi”, che la mano di mia madre mi colpì con violenza e il bruciore di una frustata si diffuse sul mio viso accaldato. Chinai il capo in segno di pentimento e m’imposi di non piangere, non avevo il permesso di farlo di fronte agli estranei.

    “Venite dentro e prendete un te, così ci calmiamo tutti.” La voce della donna dai capelli neri era piatta come quella di suo figlio.

Mia madre tradiva ancora un misto di collera e di preoccupazione repressa, ma non mi rivolse nemmeno una parola, ci incamminammo verso la casa color topo, la donna dai capelli neri aprì la porta e ci immergemmo in una fresca penombra, con un’occhiata ordinò a suo figlio di fare il tè, e c’invitò a sederci su un divano, che aveva visto tempi migliori, col semplice gesto della mano.

    “Non devi disturbarti, Eileen, ora ce ne andiamo.“
    “Nessun disturbo. Sev, quando hai fatto, puoi accompagnare Meissa di sopra, mentre io parlo ancora un po’ con la signora Sherton”.

Con un semplice gesto del capo, la mamma mi accordò il permesso e bevuto il tè, scivolammo lungo l’oscurità delle scale, diretti al piano di sopra, lasciandoci alle spalle le voci delle nostre madri. La camera di Sev era immersa nella penombra: era piccola e odorava di buono; per essere la camera di un ragazzino, e per di più di un ragazzino come quello, era tutto in un ordine perfetto, quasi irreale. Era rimasto appoggiato alla porta, avvolto dall’ombra più densa, a guardarmi, quasi ad aspettare un commento: aveva un paio di jeans, stropicciati e un po’ corti per lui, e ora che aveva tolto lo spolverino, mostrava una t-shirt che ne sottolineava estremamente il corpo esile e ossuto. I suoi occhi, seminascosti tra i capelli in disordine per la corsa, erano profondi e neri, carichi di mille domande, ardenti, per non dire famelici: non avevo idea di quali domande vorticassero dentro di lui. O meglio, un'idea, anzi un timore, l’avevo. Forse stava pensando che avevo un’espressione insolita. Se sua madre gli aveva detto qualcosa di noi, di certo si aspettava di vedere sulla mia faccia altezzosità e boria, invece dovevo sembrare un animale spaventato: e lo ero, perché non riuscivo a rendermi conto di come avessi fatto a perdermi un’ora della mia vita, e dove fossi finita poco prima che Severus mi ritrovasse, e soprattutto chi fosse quell’uomo dal mantello scuro.

    Che fosse di nuovo Riddle?

Di fronte a quei pensieri angoscianti, persino la punizione, che di sicuro mi avrebbero inflitto i miei per essere sfuggita al controllo, sembrava una stupidaggine: eppure sapevo che per situazioni come quella, dagli Sherton il perdono non era di casa. Tornai a valutare quell’assurdo ragazzino babbano: di sicuro aveva notato qualcosa di strano perché quando mi aveva trovata dietro quel cespuglio mi ero voltata con occhi pieni d’angoscia.

    “Come ti chiami?”

La voce mi uscì come un sussurro.

    “Severus, Severus Snape”.

Tirai un sospiro, feci qualche passo verso d lui e gli offrii la mano, con un altro sospiro profondo.

    “ Io sono Meissa Sherton, ma puoi chiamarmi Mey, se vuoi.”

Mi prese la mano, sorpreso, quasi ipnotizzato: sapevo di profumare di fresie già a distanza, e probabilmente gli sembravo una bambola, con le lunghe ciglia nere che mi ombreggiavano gli occhi verdi, il vestitino a scacchi bianchi e rosso, e i capelli raccolti in una treccia nera e grossa che mi arrivava fin oltre metà schiena.

    “E tu puoi sederti... se vuoi”.

Con un passo mi lasciò alle sue spalle, aprì le imposte della finestra e la camera fu invasa dall’ultimo raggio del sole al tramonto. Quando si voltò m vide ancora in piedi che guardavo il giradischi sul suo tavolo e quasi lo sfioravo con la punta delle dita, a seguirne la forma, assomigliava a quello di mio padre, quello che usavo sempre per sentire i dischi che mi aveva regalato; mi accorsi all’ultimo momento di essere osservata con attenzione e subito ritrassi la mano, quasi fossi stata scottata dal fuoco.

    “Non sai cos’è, vero?”

Rimasi interdetta, certo che sapevo cosa fosse, anche se non potevo dire di saperlo. Quello che però non capivo era perché mi facesse quella domanda. Lui sapeva qualcosa di me? Si era accorto di qualcosa quel pomeriggio? Quelli come lui e sua madre come sapevano di quelli come me?

    “Ti sei mangiata la lingua? Quello serve a sentire la musica, ma voi di sicuro avete altre cose per sentirla.”.

Stavo sognando? Quel ragazzo sapeva davvero che io, beh, sì, ero diversa dagli altri?

    “Ti stai chiedendo se, e come, so che non sei una babbana, giusto?”

A quella parola trasalii.

    “Certo che lo so, lo so perché non sono babbano nemmeno io, solo mio padre lo è, la mia mamma invece è come me, come noi.”

E sottolineò “noi” trascinando le lettere.

    “Tu non lo sei? Io credevo ….”.
    “Inoltre ormai ho undici anni” disse con tono pomposo interrompendomi “quindi quest’anno finalmente andrò a Hogwarts. E tu? Hai già 11 anni?”

Allora era vero! Lui sapeva! Tirai un sospiro di sollievo, ora tutto era più semplice. Sentii il mo viso riprendere colore e lui m guardò con sarcasmo.

    “Purosangue! Sarai stata terrorizzata più al pensiero di stare da sola con un babbano che all’idea della punizione che ti attende a casa!”

Tornai a guardarlo bene, quello era proprio un ghigno, un ghigno ironico che gli attraversava la faccia. Poi rimase di fronte alla finestra, mi diede le spalle, con la luce che sembrava affinarlo anche di più, rendendolo ancora più spigoloso.

    “Sì, ne ho già compiuti 11, partirò anche io per Hogwart a settembre”.

Feci un passo verso di lui. Severus si voltò, sempre con quel ghigno sul viso.

    “Che cosa stavi combinando dietro a quel cespuglio, con quei fiori?”

Mi accesi di un color rosso pomodoro.
   
    “Nulla”
    “Stavi provando a fare magie, vero?”

Deglutii e abbassai gli occhi.

    “Per favore non dirglielo, già mi punirà per essermi allontanata!”.
    “Che cosa pensi ti faranno?”
    “Non lo so, forse non mi farà più venire qua con lei, e mio padre mi porterà a cena dai suoi odiosi amici, sa che non mi piace andarci…“

Pronunciando quelle parole, una smorfia di disgusto m attraversò il viso ormai pallido.

    “Non sono gravi punizioni, mi pare che tu non ti diverta molto a seguire tua madre qui e non credo che sia così disgustoso andare a cena dai tuoi ricchi amici.”
    “Io mi diverto qui!”
    “Davvero? Ti ho visto in giro per il parco i giorni scorsi, sembravi un animale in gabbia.“.

E sbottò in una risata senza gioia, mentre riguadagnava il centro della stanza e m squadrava con superiorità e un leggero disprezzo, le braccia incrociate sul petto.

    “Sempre meglio qui che a Malfoy Manor, mi fa venire i brividi!”

Sev non poteva sapere di cosa e di chi stessi parlando, ma fui contenta di averlo lasciato sbigottito, almeno per qualche istante.

    “E la tua amica con i capelli rossi? È una strega anche lei?”.

Cercai di guadagnare un vantaggio mentre sembrava ancora un po’ dubbioso. Era odiosamente arrogante.

    “La mia amica?”
    “Sì, certo, credi che solo tu abbia osservato me in quel parco?”

Severus notò i pugnetti che serravo sulla stoffa della gonna, gli occhi luminosi e pungenti, la voce chiara e decisa mentre un alito di vento m muoveva un ricciolo di capelli corvini vicino all’orecchio; lo dissi proprio con quell’altezzosità che immaginava dovesse sempre avere una come me.

    “Sì, anche lei fa magie, anche se è nata babbana”.

Una nota di sfida nella voce. Questa volta fu lui a godere del mio stupore.

    “Non so perché, però è così. Immagino che per voi purosangue sia un trauma che anche il sangue impuro …”.

Non finì la frase, pensava di avermi fatto arrabbiare abbastanza anche senza concludere.

    “Parli come mio padre ….”.

La voce mi tremava, ma non di rabbia, e la cosa lo lasciò per un attimo di nuovo spiazzato, forse pensava che avrei attaccato dicendo che erano menzogne, come immaginava facessero sempre quelli come me, e invece … era forse rassegnazione quella nota in fondo alla mia voce?

    “Perché, tu forse la pensi in modo diverso da lui?”

Si avvicinò di nuovo alla finestra, questa volta non sembrava sarcastico e distaccato, ma davvero curioso di cosa potessi rispondergli.

    “Io …. Io non lo so, non ci ho mai pensato per davvero”.

E mi misi a guardare il parco giochi di là del fiume, con un’espressione che Sev non riusciva proprio a decifrare. Non riuscivo a capire nemmeno io.

    “Mey, scendi, andiamo”.

La voce di mia madre ruppe il silenzio sceso tra noi ragazzi, ed io riguadagnai svogliatamente la porta. Un “In bocca al lupo per la punizione” detto con gentilezza mi raggiunse proprio all’ultimo istante, facendomi sussultare. Non me lo sarei mai aspettato, era stato così acido con me! Mentre me ne andavo, mi accorsi che immaginavo con piacere Sev che si girava verso di me, in tempo per vedere la mia treccia corvina sparire giù per la scala: probabilmente tutto si sarebbe aspettato, quel giorno, tranne che Meissa Sherton gli avrebbe fatto visita e gli avrebbe parlato di magia nella sua stanza.

***

Regulus Black
Lacock, Wiltshire - dom. 30 maggio 1971

Fin da piccolo mi era sempre piaciuto far visita a zio Cygnus: la casa, assolutamente maestosa, era immersa in un parco magnifico, scenario perfetto per interminabili giornate di giochi e risate con mio fratello e le nostre cugine. Con Meda in particolare. Mi sparì subito il sorriso dalla faccia, secondo nostra madre era un delitto verso il nostro sangue persino pensarla. Mi guardai attorno: era una bella giornata di fine maggio, le rose dello zio profumavano e abbellivano con i loro diversi colori ogni angolo, il sole era una calda carezza sul mio viso. Quel giorno Black Manor, nei dintorni della cittadina di Lacock, nel Wiltshire, avrebbe ospitato un evento importantissimo: la mia adorata Bellatrix avrebbe finalmente sposato Rodolphus, il primogenito ed erede dei nobili Lestrange. Era un momento importantissimo per i Black, dopo lo scandalo di Andromeda, alcune malelingue avevano scommesso che i Lestrange si sarebbero tirati indietro, alcuni dicevano che avrebbero fatto come gli Sherton. Dai discorsi dei miei genitori, però, avevo scoperto che la verità era ben diversa: Mirzam Sherton, infatti, non aveva rifiutato Bellatrix per lo scandalo, lui avrebbe voluto Meda per amore, non per il nome, perciò non poteva sostituirla con Bella nella propria vita. Ora era tutto passato, anche Mirzam si era fidanzato e aveva annunciato il proprio matrimonio per la fine dell’anno, quello perciò sarebbe stato un giorno di festa per tutti. E noi Black, per l’ennesima volta, saremmo stati invidiati da tutti, tutti ci avrebbero guardati sognando, invano, di poter essere come noi. Ero soddisfatto di questo, soddisfatto di me, soddisfatto di essere un Black: il mondo intero non poteva fare a meno di girarsi per ammirarci, quando entravamo in una stanza.
Calciai un sasso sul vialetto e seguii le risate di Barty Crouch jr. e mio cugino Jimmy Rosier, che si rincorrevano nel prato. Mio fratello come sempre mi aveva lasciato solo non appena eravamo arrivati; non avevo idea di dove fosse, ma di sicuro stava facendo qualche danno: da quando aveva quella dannata bacchetta - che ancora non poteva nemmeno sfiorare, a dire il vero - non faceva altro che combinare disastri e, dopo la miracolosa tregua invernale, era tornato a passare la maggior parte del suo tempo libero in punizione nel sottotetto. Mi avviai annoiato verso casa, al contrario di Sirius, a me piaceva anche restare dentro, per ammirare e magari toccare gli oggetti strani e misteriosi che occhieggiavano qua e là, come falsi soprammobili, un po’ ovunque: quello era, in realtà, l’unico modo per me di finire nei guai, lasciarmi attirare da uno dei tanti pericolosi giocattoli dello zio. Nostra madre ci aveva preceduti nel Wiltshire da un paio di giorni, per aiutare suo fratello e sua cognata nei preparativi, io e Sir eravamo arrivati con nostro padre solo quel mattino. Zio Cygnus aveva subito attirato papà e gli altri ospiti in discorsi d’affari, sembravano tutti alquanto entusiasti per qualcosa ma ancora non ero riuscito a capire cosa fosse. Inoltre sapevo di dovermi tenere alla larga dalla mamma, perché le donne di famiglia erano ancora impegnate con mia cugina e nella sistemazione degli ultimi dettagli, per impedire che Bella avesse una delle sue proverbiali crisi di nervi. Però magari, se avessi promesso di fare il bravo come mio solito, forse nessuna di loro avrebbe avuto il coraggio di cacciarmi, così mi decisi a entrare. In realtà quel giorno ero un po’ triste: se anche Bella usciva dalla mia vita per sposare il suo fidanzato, per me si prospettava un lungo anno di solitudine, con Sirius e Cissa e la maggior parte dei miei amici a Hogwarts, erano pochi, infatti, i ragazzini della mia età o più piccoli che ero solito frequentare.
In casa assistetti alla classica scenata di mia madre contro un paio d elfi, rei di non aver sistemato un centrotavola a dovere. Scivolai rapido su per le scale, avendo cura di non farmi notare, attratto da quella che sembrava la voce di Cissa, che riecheggiava al piano di sopra: non la vedevo da Natale e avevo voglia di abbracciarla, di farmi abbracciare, di assicurarmi che almeno lei non sarebbe sparita dalla mia vita, non erano stati mesi facili a Grimmauld Place, dopo la storia di Meda e mio fratello non era esattamente la persona più indicata per farsi consolare. A pensarci, però, era strano, Narcissa doveva essere a scuola, tanto più che quello per lei era l’anno dei G.U.F.O. Avanzai lungo il corridoio, ovunque i ritratti dei miei parenti mi osservavano arcigni e come sempre ostili, chissà perché poi, ma io ero sereno e felice, perché quello che avevo sentito erano indubbiamente la voce e la risata di mia cugina, provenienti dalla stanza di Bellatrix. Bussai e intanto mi specchiai in uno dei duecento specchi distribuiti lungo il corridoio, sistemandomi i capelli di nuovo troppo lunghi, in modo da lasciar scoperti i caratteristici occhi di famiglia. Appena la porta si aprì mi sembrò di essere al cospetto di angelo: Narcissa Black, bionda, alta e armoniosa, con due occhi azzurri come il mare, era sempre dolcissima con me. Mi rivolse subito il suo meraviglioso sorriso ed io mi tuffai tra le sue braccia, facendo attenzione a non pestarle il magnifico abito pervinca che aveva già indossato per la cerimonia.

    “Regulus! Finalmente! Siete arrivati adesso?”
    “Sì, con papà ci siamo materializzati da circa una mezzoretta…”
    “Cissa, fallo entrare!”

Bellatrix era seduta, circondata da tre elfe affaccendate, aveva una lunga veste bianca di pizzo, semplice e lineare, attillato, a esaltarne la figura esile e perfetta, sopra quell’abito cerimoniale, che teoricamente avrebbe dovuto vedere solo il suo sposo alla fine della giornata, una volta che fossero stati nell’intimità della loro casa, sarebbe andata la veste matrimoniale, verde slytherins, costituito da un corpetto riccamente decorato, che scendeva poi in un suntuoso tripudio di stoffe, veli e pizzi. Stavano finendo di acconciarle i capelli, lunghi, lisci e neri, annodandoli con nastri e fiori.

    “Salazar, sei bellissima!”

Era una visione per gli occhi, mi sarei voluto mettere a piangere, attaccandomi alle sue gonne per farle giurare che non sarebbe andata di sotto, che non avrebbe sposato quell’odioso pallone gonfiato, un inetto che non meritava nemmeno di farsi calpestare da lei!

    “Hai perso la lingua?”

Mi sentii le guance in fiamme e mi guardai subito le scarpe, Bella rise, di quella sua risata strana, che spaventava quasi tutti, ma che, non sapevo il perché, nel mio cuore infiammava sempre un senso di felicità e appagamento. Quando sorrideva, era stupenda e pericolosa, la sua era una bellezza molto diversa da quella di Cissa: se Narcissa Black era la dimostrazione dell’esistenza del paradiso, Bella era il motivo per cui valeva la pena dannarsi per l’eternità, vendersi persino l’anima. Sapevo bene, già allora, che era una creatura pericolosa, venefica, ma assolutamente e inevitabilmente indispensabile, pena la disperazione eterna. Riuscivo a capire benissimo perché Rodolphus Lestrange, dopo essere riuscito a legarla a sé con il fidanzamento, fosse improvvisamente diventato un uomo felice. E quel giorno sarebbe diventato, ai miei occhi, l’uomo più fortunato della terra.

    “Sirius che fine ha fatto? Non si sarà fatto mettere in punizione anche oggi!”
    “No, no, è qui, da qualche parte, però è sparito appena siamo arrivati…”
    “Quell’idiota! Crescerà mai? Dammi retta, Cissa, quello là troverà il modo di farsi diseredare come la sua adorata Meda, prima dei vent’anni!”
    “Bella!”
    “E non fare il tuo faccino scandalizzato, Cissa! Tu non c’eri: dovevi vederlo, frignava come una ragazzina per quella sciocca… Che vergogna! Io non so che cos’ha… per fortuna c’è Regulus…”

Divenni rosso peperone.

    “… perché se il futuro dei Black dipendesse solo da quello là, allora saremmo messi davvero male…”
    “Lascia perdere nostro cugino Bella, è solo un ragazzino, ne ha di tempo per crescere, ancora… Tu invece non ne hai quasi più, tra meno di un’ora s’inizia, quindi sbrigati a prepararti!”

Cissa mi prese per mano ed io mi feci guidare, docile, fino nella sua stanza, mi misi seduto sul suo letto, odorava di lei, tutto profumava di fiori come lei, là dentro. Controllò di nuovo la sua figura allo specchio, riaggiustò un ricciolo che sembrava ribellarsi all’acconciatura e intanto mi osservava divertita attraverso lo specchio, mentre io prendevo una delle sue bambole dal comò e mi perdevo a osservarla.

    “Non ti sarai messo a giocare con le bambole!”

Mi sorrise ancora più divertita ed io mollai il pupazzo all’istante: ero color fuoco. Cercai di fare il sostenuto e di iniziare discorsi importanti, suscitando ancora di più il suo sorriso.

    “Avevo paura che non c fossi, oggi, che non avresti potuto lasciare la scuola, anche se solo per un giorno.”
    “Oh no…. Il preside è stato informato per tempo e ci ha accordato un giorno di permesso. Si rendono conto anche loro che è un evento davvero importante…”
    “Ci ha accordato?”
    “Sì, oggi ci sarà anche il fratello di Rodolphus, Rabastan, è potuto tornare a casa anche lui per il matrimonio.”
    “Ah…credevo…”
    “Credevi?”

La guardai vergognoso, e quasi soffiavi le parole tutte attaccate.

    “ChefossivenutaacasaconMalfoy…”

Cissa diventò rossa più di me ed io, se possibile, peggiorai ulteriormente, abbassai gli occhi a guardarmi nuovamente le scarpe, mentre lei, un po’ a disagio, tornava di nuovo a sistemarsi la stessa ciocca di capelli dorati.

    “No, Malfoy è rimasto a scuola, non ha motivi ufficiali per farsi rilasciare un permesso di questo genere, lui.”
    “Ma un giorno ti fidanzerai con Lucius, vero?”

Cissa mi guardò di nuovo attraverso lo specchio, era ancora un po’ rossa di vergogna, ma il suo era lo sguardo fiero dei Black. Mia cugina, con me, era solita mostrarsi per quello che era davvero, una giovane donna ben consapevole del proprio valore e di quello che desiderava nella vita; con me difficilmente interpretava il ruolo che rifilava a tutti, quello della ragazzina infantile e civettuola, spesso un po’ svagata, che faceva credere a tutti quanti di trovarsi di fronte una persona molto più debole e ingenua di quanto in realtà fosse.

    “Un giorno…forse… Se smetterà di comportarsi da sciocco e dimostrerà di meritarmi ...”

Tirai un sospiro di sollievo, almeno lei, ancora per un po’, non me l’avrebbero portata via!

    “Ora andiamo, la cerimonia si terrà tra poco, dobbiamo ricevere anche noi qualche ospite. Ti va di farmi da cavaliere?”
    “E me lo chiedi?”

Mi alzai di scatto e mi avvicinai a lei, alla toilette, mi sistemai di nuovo la cravatta e i capelli, con le dita, Cissa allora prese la sua spazzola e mi pettinò, mi sistemò il colletto della camicia e spianò per bene la mia giacca.

    “Sei proprio un bel ragazzo Reg, sei proprio un Black, perfetto!”

Mi stampò un bacio sulla fronte e alzandosi mi prese per mano. La seguii felice ma ero anche un po’ turbato, ripensando alle parole di Bella e poi alle sue. C’erano giorni in cui non sopportavo Sirius, c’erano validi motivi per cui gli avrei volentieri rotto il naso, ma quello che aveva detto Bella era terribile; peggio ancora, se si fosse avverato, se Sirius fosse stato davvero tanto pazzo da farsi buttare fuori dalla famiglia, mi rendevo conto che per quanto io avessi fatto per renderla felice, mia madre sarebbe morta dal dolore e dalla vergogna. Per altro non riuscivo a immaginarmi mio fratello con una babbana, no, quello era l’unico modo per farsi diseredare dai miei, e Sirius non poteva essere tanto scemo da fare una cavolata del genere!

    “Che cos’hai, Reg? Sei diventato tanto silenzioso!”
    “Ripensavo alle parole di Bella, io non voglio che Sirius…”
    “Lasciala perdere, Bella non diceva sul serio, è solo agitata per la cerimonia…”
    “Sicura?”
    “Ma certo cucciolo mio, poi lo sai, non è mai stata contenta che Sirius le preferisse Meda, è per questo che bisticciano sempre quei due… ma ti assicuro che gli vuole bene, forse non tanto quanto ne vuole a te…”

Si fermò e mi accarezzò di nuovo il viso, ed io le baciai la mano delicata.

    “… e poi stai tranquillo, tua madre non permetterà mai a tuo fratello di mettersi davvero nei guai, la conosci… e Sirius… non è cattivo, né pazzo, è solo un ragazzino vivace, ma vedrai, appena entrerà a Serpeverde, gli sarà subito ben chiaro chi è e cosa deve fare della sua vita per essere davvero felice…”

Ero ancora un po’ turbato, ma mi fidavo di lei; avanzai al fianco di Cissa fino a raggiungere zio Cygnus e salutare con lei gli ospiti. C’erano davvero tutti: i nostri parenti, i parenti dei Lestrange, alcuni provenienti persino dalla Francia, gli amici di zio Cygnus e di mio padre, gli amici dei Lestrange. Notai Malfoy e tirai un sospiro di sollievo quando vidi che Lucius davvero non aveva ricevuto lo stesso permesso di Cissa: l’austero mago ci salutò appena, puntando direttamente verso Lestrange senior, sembrava avessero affari importanti da discutere, in privato. Vidi poi gli Avery e i Crouch, i Parkinson e i Zabini; allarmato mi chiesi se per caso gli Sherton non sarebbero venuti: mia madre diceva sempre che il signor Sherton non poteva vedersi con il padre di Rodolphus, ma non potevo credere che per questo motivo avrebbe mancato di rispetto a mio zio, non presentandosi al matrimonio di sua figlia.

    “Cerchi qualcuno Reg?”

Cissa mi guardava ammiccante, di certo conosceva già la mia risposta. Io divenni rosso: potevo dire di cercare mio fratello, ma era evidente a tutti che di solito non ne sentivo la mancanza, così m’impappinai, strappandole infine una risata giocosa.

    “Non cercherai Meissa Sherton, vero?”

Non finì nemmeno la frase che ero già di un violento rosso porpora, le mani sudate e avevo serie difficoltà a respirare: i suoi magnifici occhi azzurri sembravano analizzarmi come fosse un legilimens, mi sentivo nudo e indifeso davanti a lei.

    “Allora mamma ha ragione: zia Walby sta facendo il diavolo a quattro perché vuole accaparrarsela per te! E a quanto pare, se ci riuscisse, ti farebbe davvero felice!”
    “A me non interessa!”

Cercai di mostrarmi fiero e determinato, ma la voce mi uscì squittendo, facendomi sprofondare in un baratro di vergogna.

    “Sì, lo vedo in questo preciso istante…”

Rise ancora, lasciandomi indietro come un idiota.

    “Guarda i tuoi amici sono già con tuo padre e tuo fratello…”

Mi riconsegnò a mio padre, poi tornò da Bella, prima che facesse una strage di elfi, scomparendo in una nuvola vaporosa di ricci dorati e profumo di fiori delicati.

***

Meissa Sherton
Lacock, Wiltshire - dom. 30 maggio 1971

Avevo sempre pensato che mio padre e i miei fratelli fossero gli uomini più belli del mondo, ma quel giorno non potei fare a meno di ammettere quanto Rodolphus Lestrange fosse affascinante, di una bellezza meno perfetta, vero, di sicuro diversa, ma era comunque molto attraente, di certo al livello di Orion Black quando aveva la sua età. Sapevo bene che era amico di mio fratello, ma non ci frequentava quasi per niente, vederlo così in sintonia con Mirzam mi fece capire che esisteva tutto un mondo tanto vicino a me, ma di cui io non sapevo praticamente nulla. Quel giorno mi resi conto anche che Rodolphus non era poi tanto più grande, le rare volte che l’avevo intravisto, forse a causa dell’aria un po’ burbera, mi era sempre sembrato molto più vecchio, ma ora, grazie alla felicità sincera che lo pervadeva, si vedeva benissimo che aveva solo tre o quattro anni più di Mir. Era alto, senza esagerazione, forte e ben piantato, senza essere grasso, aveva i capelli bruni, gli occhi simili a ossidiana blu, i tratti decisi e ben scolpiti. Si diceva che la loro famiglia fosse di origini francesi, ma mio padre sosteneva che i Lestrange erano sempre stati gente del Norfolk e infestavano le isole britanniche come un’erba cattiva fin dalla notte dei tempi. E se lo diceva mio padre, c’era da crederci.
Prima del banchetto gli adulti chiacchierarono a lungo, io come tutti gli altri ragazzini, decisi di godere della magnifica giornata di sole giocando nel parco. Mi sarebbe piaciuto parlare con Sirius, ma com’era già accaduto a Habarcat, sembrava far finta che non esistessi, appena arrivati ci aveva salutato, poi era sparito, mentre suo fratello Regulus non si era visto affatto. Morale, mi stavo annoiando a morte, perciò approfittai della momentanea scarsa attenzione di mia madre e mi allontanai, sapevo dai racconti di Sirius che Cissa aveva un gatto e chiaramente quel giorno non l’avrebbero tenuto in casa: non mi fu difficile trovarlo, girovagando per i cortili interni al maniero, e mi fermai in un chiostro a giocare con lui in attesa della cerimonia. Dopo la disavventura di Spinner’s End, ero stata in punizione, cosa rara per me: mio padre mi aveva proibito le sue stanze, quindi niente musica per due settimane. Pur sapendo che mi sarei salvata, non avevo detto la verità, non volevo turbare la mamma, preferivo stare in punizione che vederla preoccupata. Ma con mio padre era diverso: mio fratello diceva che papà era il miglior legilimens della sua generazione, ma che non praticava la sua arte nei nostri confronti, perché aveva metodi altrettanto infallibili per strapparci la verità, senza doverci far del male o violare le nostre menti. In quei giorni avevo scoperto che era il suo sguardo deluso l’arma che poteva usare contro di noi: non avevo detto nulla, eppure avevo la certezza che sapesse la verità.
Anche quel giorno, a Lacock, era particolarmente nervoso: l’avevo sentito lamentarsi di qualcosa con Orion Black, gli aveva detto che non gliel’avrebbe perdonata, che se avesse saputo che c’era anche Lui, lì quel giorno, non avrebbe portato me e la mamma. Non l’avevo mai visto così arrabbiato e Orion aveva fatto davvero fatica a difendersi, dicendo che non lo sapeva neppure lui, che la lista completa degli ospiti di Lestrange era stata un mistero fino a quella mattina. Mio padre aveva sbuffato qualcosa in gaelico e gli aveva intimato di sbrigarsi a fare quello che gli aveva chiesto, che c’era tempo fino ad agosto, o non se ne sarebbe fatto più nulla, non avrebbe più rispettato il patto. Ero triste e preoccupata: non avevo mai visto mio padre arrabbiato con Orion né Black così spaventato, non volevo che la loro amicizia finisse, perché sarebbe stata la fine anche della mia amicizia con Sirius e Regulus. Non sarebbero più venuti da noi per l’estate…

    “Gli Sherton e i gatti! Dovrebbero scriverci un trattato…”

Ero seduta su una panchina, con Basquiat, il gatto tigrato di Narcissa Black che mi faceva il panettiere sulle ginocchia, nel luogo del maniero forse meno visibile rispetto a dove si teneva il ricevimento. Alzai gli occhi: un giovane sui quindici anni stava appoggiato a una delle colonnine di pietra del chiostro millenario, una buffa smorfia sul viso dovuta al sole che gli si specchiava in faccia, la camicia fuori dai pantaloni per metà, la cravatta slytherin sciolta e la giacca sulle spalle, ribelli riccioli castano scuro a incorniciargli un viso d’angelo, illuminato da due occhi di ossidiana blu, dall’espressione tutt’altro che serafica. Sembrava reduce da una corsa o da qualche altra attività animata all’aperto, di certo non sembrava pronto per una cerimonia così importante. Lo guardai ostile, odiavo quando qualcuno mi coglieva alla sprovvista, quando qualcuno mi metteva in difficoltà, come stava facendo quel tizio, che sembrava conoscermi, mentre io non avevo idea di chi fosse.

    “E tu saresti?”

I miei fratelli mi avevano insegnato ad attaccare sempre per prima quando il mio avversario non meritava un comportamento cerimonioso da parte mia, e quello era evidentemente la situazione adatta, perché quell’idiota era stato tanto scortese da spaventarmi e non presentarsi.

    “Rabastan Lestrange per servirla, madamigella Sherton…”

Un inchino cerimonioso seguito da una risata beffarda semi soffocata: lo guardai meglio, vagamente disgustata, era evidentemente fuori di sé, come quei meschini babbani dei racconti di mio padre, quando eccedevano nel consumo di alcool e avanzavano barcollanti per le strade. In effetti, non poteva che essere il fratello di Rodolphus Lestrange, per l’esattezza la versione più giovane di circa dieci anni dell’ uomo che avevo ammirato al mio arrivo. Quest’individuo, però, al contrario del fratello, aveva qualcosa di selvaggio e ribelle in sé, qualcosa che urlava “non fidatevi di me”.

    “Ero proprio curioso, e a Natale mi eri sfuggita, non mi andava di aspettare fino a settembre per scoprire come fossi!”

Lo guardai sbalordita, quindi stava dicendo che mi aveva proprio cercato, che non era lì per caso. Il livello della mia inquietudine si alzò ulteriormente.

    “Io non sono sfuggita a nessuno. E ora, con permesso…”
    “Ti posso riaccompagnare dagli altri, se vuoi… così capisco se sei come dice tuo fratello…”
    “No grazie, dubito che Mirzam abbia parlato di me con chicchessia… senza dirmelo, poi…”
    “No, parlavo di Rigel… siamo compagni di Quidditch a serpe verde…”

Feci una faccia ancora più disgustata, se era stato Rigel si spiegavano tante cose, tra idioti, in effetti, non poteva essere nata altro che complicità… Rabastan si ricompose, si passò la mano tra i capelli e mi guardò con fare serio, io restavo guardinga sulla panchina, valutando quale fosse la migliore via di fuga. Era bene essere pronti a tutto.

    “Devo averti spaventata. Scusa… non volevo… è che sto talmente tanto con tuo fratello che mi sembra di conoscerti…”
    “Io non ti conosco e non m’interessa conoscerti, anzi, mi hai già stancata! E per chiarire, io non ho paura di nessuno… Lestrange!”

Lasciai andare il gatto di Narcissa, mi alzai, guardandolo con sguardo fermo, lui mi rimandava un’occhiataccia divertita; feci finta di non aver paura passandogli vicino: non aveva fatto nulla di strano, era solo uno sciocco, ma qualcosa in lui mi metteva sinceramente i brividi.

    “Anche sull’ostilità tra Sherton e Lestrange dovrebbero scriverci un trattato, eppure i tuoi fratelli sono la dimostrazione che non siamo poi così cattivi, visto che sono i nostri migliori amici.”
    “Dei miei fratelli, forse… Ma non i miei…”

Lo fulminai come per dirgli “Togliti dai piedi, idiota!”, alzò le mani e mi lasciò passare: ero abituata ai ragazzi idioti, ma mi ero sempre illusa che, a parte mio fratello Rigel, che era un cretino integrale, crescendo migliorassero… poi pensai a Lucius Malfoy e mi fu chiaro quanto la mia fosse solo una pia illusione. Uscii dal chiostro, avanzai per i corridoi senza aver troppa cura di dove stessi davvero andando e quando mi fu più che evidente che non mi stesse seguendo, mi misi a correre per tornare prima possibile dai miei familiari: no, non dovevo più farlo, non potevo allontanarmi da sola, non in giornate come quella, in cui c’erano tante persone che non conoscevo, in una casa che non avevo visto mai. Non volevo ammetterlo nemmeno con me stessa, ma quell’essere, viscido, mi aveva fatto gelare il sangue come l’uomo mascherato delle mie visioni. Mi ero persa nei miei pensieri e in quei corridoi: camminavo incerta, credevo di essere ormai fuori e invece mi si aprì un nuovo chiostro davanti, per un attimo ebbi paura che stessi perdendo di nuovo il contatto con la realtà come a Spinner’s End, avevo paura di riconoscere in quel chiostro il giardino dei miei incubi, iniziai a sudare freddo, non sapevo più da che parte dovevo andare. Tornai indietro, ripercorrendo un lungo corridoio con i famigerati ritratti dei Black appesi un po’ ovunque, il soffitto fatto a volta a botte, con la pietra tessuta a spina di pesce; girai a sinistra e finalmente, attraverso le colonnine tortili che decoravano la finestra, vidi il giardino allestito per la festa. Sorrisi: che sciocca ero stata! Ripresi a correre radente il muro, felice: c’era anche Sirius con mia madre e mio fratello, mio padre di sicuro stava con Orion da qualche parte a parlare d’affari. Non notai perciò la porta che si apriva d colpo, la centrai in pieno, finendo a terra, tramortita.

    “Salazar! Si è fatto male Milord?
    “No Malfoy, stai tranquillo… non si può dire lo stesso di lei invece…”

Sentii una leggera risata agghiacciante, poi una mano gelida come la morte mi afferrò per il braccio, aprii appena gli occhi e mi trovai a specchiarmi in uno sguardo strano, simile a quello di un serpente: sapevo di conoscerlo, ma non capivo, avevo la testa confusa, mi resi conto chiaramente solo che qualcosa nel mio stomaco si stava muovendo, come con mio padre a Herrengton, sulla spiaggia.

    “Merlino, è la figlia di Sherton, non è morta, vero?”
    “No, Abraxas, tranquillizzati, ha solo battuto la testa.”

Staccai con difficoltà i miei occhi da quelli strani, allungati, affascinanti che sembravano leggermi l’anima e li rivolsi all’altra figura, imponente, di nero vestita, tanto bionda da sembrare una mattina nordica.

    “Zio...”
    “Salazar ti ringrazio, mi ha riconosciuto!”

Lo zio e l’uomo dalla mano gelida mi aiutarono a rialzarmi, mi sembrava che tutto girasse e soprattutto continuavo a sentire quella strana voce sibilante che m diceva cose strane in testa. Lo guardai di nuovo: era completamente glabro, pallido, con quegli inquietanti occhi allungati da serpente, gli stessi lineamenti erano simili a quelli di un rettile, era magro, quasi scheletrico, eppure emanava una forza e la sensazione di un potere straordinario, era vestito con un lungo mantello nero, che lo avvolgeva completamente, il capo coperto da un cappuccio. Ero certa che lui capisse che lo stavo ascoltando, anche se le sue labbra, così sottili da sembrare inesistenti, non si muovevano, lesse la mia paura nei miei occhi quando ripeté più volte

    “… ho un messaggio per tuo padre…”

Mi stringeva la mano, mi sentii priva di forza, anche se ci provavo, non riuscivo a staccarla dalla sua, guardai Abraxas, quasi per chiedere aiuto, ma sembrava non rendersi conto di quello che mi stava accadendo, lo zio anzi mi parlava, ma io non capivo cosa dicesse, nella testa rimbombava solo quella voce fatta di pensieri e non di aria, sibilante…

    “… Mi incontrerai tre volte, tre occasioni avrai e alla terza morirai… se tuo padre …”

    “Meissa!”

Il contatto s’interruppe, la voce di mio padre pervase l’aria ed io tornai a respirare, uscii da quella strana bolla incorporea e senza tempo in cui mi ero ritrovata prigioniera, mi staccai da quella presa, trovandola docile e subito lo raggiunsi correndo felice verso di lui.

    “Che cosa le stavate facendo?”
    “Alshain, era caduta… Milord la stava aiutando a rialzarsi quando sei apparso anche tu…”
    “Va tutto bene Meissa? Ti fa male qualcosa?
    “No padre… io… devo essere scivolata a terra, o essere finita contro la porta mentre la stavano aprendo, stavo correndo da voi, avevo… mi sono resa conto che era tardi…”

Mio padre mi strinse la mano e m’impose di precederlo, dando rapidamente le spalle a quei due, senza rivolgergli più nemmeno una parola.

    “Alshain aspetta, dovremmo parlarti…”

Abraxas si mosse rapido fino a raggiungerci, pose la mano sull’avambraccio di mio padre, scoprendo appena la pelle del suo braccio sinistro, nascosto come sempre tra pizzi e merletti: percepii qualcosa di nero che macchiava come inchiostro la sua pelle candida, ma non capii cosa fosse, ero però certa che non si trattasse di una runa simile a quelle della nostra famiglia. Mio padre guardò quella cosa che appariva tra i pizzi e puntò uno sguardo disgustato negli occhi chiari come laghi di montagna di Abraxas Malfoy.

    “Non ora, Malfoy, non qui… non con Dei o la bambina in giro… è chiaro?”
    “Sì, scusa … Hai ragione…”
    “E prega che non ci siano conseguenze, cugino, o tu sarai il primo a pagare”

Questo lo disse a voce ancora più bassa, con tono tagliente che raramente gli avevo sentito, mi si gelò il sangue come quando, per la prima volta, l’avevo sentito parlare in serpentese. Ci allontanammo, lasciandoci Abraxas e il suo strano compagno alle spalle.

    “Padre… Chi era quell’uomo?”
    “Zitta e muoviti… faremo i conti a casa, Meissa… Non è certo così che ti ho educata, andare in giro per le case altrui a impicciarti degli affari che non ti riguardano!”
    “Ma padre….”
    “Non so cosa ti passa per la testa, ragazzina, ma è ora che impari un po’ di disciplina! Io e tua madre non ti abbiamo certo insegnato a comportarti in modo da farci sparlare dietro!”
    “Ma cosa…”
    “Cosa diavolo facevi con Rabastan Lestrange da sola qui in casa?”

Era furibondo, mai l’avevo visto così arrabbiato con me.

    “Ero in uno dei chiostri interni, giocavo col gatto di Narcissa e… è apparso quel tizio, io l’ho lasciato indietro per tornare da voi, poi… devo essermi persa…”
    “Stai alla larga da quel ragazzo, intesi? E non mi riferisco solo a oggi….”
    “Ma…”
    “Meissa, non sto scherzando… non voglio che tu gli parli ancora, mai più… è chiaro? E guai a te se ti allontani di nuovo da me o da tua madre!”

Mi strattonò malamente fin dalla mamma, alla quale mi affidò dicendole qualcosa all’orecchio, lei mi fulminò severa, poi entrambi guardarono all’indirizzo del giovane Lestrange con fare poco amichevole. Per il resto della giornata mi sembrò di stare in prigione, anche Orion prese bonariamente in giro mio padre, dandogli della chioccia e papà lo fulminò con un’occhiataccia. Dopo un po’ tutti si sistemarono ai propri posti, l’orchestra iniziò a suonare una musica molto bella, Rodolphus attendeva all’altare con accanto mio fratello a fargli da testimone, in una bella veste tradizionale verde, riccamente decorata con motivi slytherin in argento, una fascia di seta alla vita, una camicia di seta barocca, la barba tagliata più corta del solito, i capelli mossi lunghi fino al collo, le mani cariche di anelli. Aspettava la sua sposa radioso, sotto gli occhi compiaciuti di suo padre e sua madre, e quando finalmente Bella fece il suo ingresso, coperta da un velo di pizzo antico, con la sorella che sembrava un angelo a tenerle lo strascico, tutti persero letteralmente la parola. Il giardino era stato decorato con archi d’argento che sorreggevano fiori e puttini dorati che tiravano petali al passaggio di ospiti e sposi, noi tutti eravamo seduti su panche abbelliti da bouquet di rose, provenienti di certo dalle coltivazioni di Cygnus Black, a tutti noto per la sua passione per quel tipo di fiori. Il celebrante era vestito con una ricca veste cerimoniale dorata e un buffo copricapo a tre punte, che risultava ancora più ridicolo se abbinato a quegli strani occhialetti che portava sul naso: quell’immagine mi distolse dal pensiero di quello strano uomo col mantello e dalle parole che avevo sentito nella mia testa. Di certo me l’ero solo immaginate.
Furono recitate le frasi che da un millennio sancivano i patti matrimoniali nel mondo magico, tra le famiglie purosangue in particolare, Bella s’impegnava al rispetto del suo sposo, Rodolphus si faceva carico della sua sicurezza e felicità. Si scambiarono gli anelli, Bella sembrava decisamente più sicura e determinata, Rodolphus si fece sopraffare dall’emozione, quando le prese la mano ed ebbe un attimo di esitazione nell’infilarle l’anello. Quando finalmente il celebrante formulò l’ultima frase con cui si annunciava l’indissolubilità di quell’unione, l'abbracciò con passione, sollevandola quasi da terra e le diede un bacio lunghissimo, al punto che mi chiesi se non volesse per caso asfissiarla e ucciderla all’istante. Distolsi lo sguardo, disgustata, io non avrei mai permesso a Sirius di farmi una cosa del genere… Divenni rossa all’istante, era assurdo che io pensassi a quel dannato damerino inglese in quei termini, che io mi immaginassi di … Cercai di far sparire il rossore dalla mia faccia, risollevai il viso, mi guardai attorno, e subito diventai di nuovo rosso fuoco quando mi accorsi dello sguardo di Rabastan Lestrange fisso e canzonatorio su di me.

*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine: non sono ancora risalita alla fonte di quest'immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 13
*** I.013 - HABARCAT - L'Anello di Lestrange ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.013 - L'Anello di Lestrange

I.013


Sirius Black
Sheringham, Norfolk - lun. 14 giugno 1971

    “Sirius vieni qui, devo parlarti…”

*

Raramente mio padre mi chiamava nel suo studio, anzi era raro che mi parlasse proprio in privato, salvo quando doveva punirmi. In realtà erano un paio di settimane che si comportava in modo strano, dal matrimonio di Bellatrix per l’esattezza. Quel giorno era stato sovrappensiero per tutto il tempo: non che di solito fosse una persona particolarmente allegra, ma quel giorno, di colpo, si era come spento, sembrava non trovare piacevole nemmeno la vicinanza di Alshain o di Deidra. Sul finire della giornata, poi, quando gli sposi si erano ritirati nello studio di zio Cygnus a salutare privatamente gli invitati, per poi partire per il Norfolk, aveva fatto in modo di separarsi da mia madre e mio fratello ed era andato a salutare Rod e Bella, portandosi dietro soltanto me.

    “Questo è un mio dono personale per voi due, miei cari…”

Aveva estratto qualcosa dal panciotto, sembrava un libercolo antico, custodito all’interno di una specie d’astuccio meraviglioso, di pelle decorata in oro.

    “Zio ma… è meraviglioso…è… non dovevi…”

Bella aveva gli occhi che esprimevano avidità pura, e suo marito era letteralmente imbarazzato.

    “So che hai una passione per questi gingilli, Rodolphus, non che ora tu abbia tempo da sprecare in queste cose…”

Li guardò ammiccante, Bella si finse in imbarazzo, in realtà non avevo mai visto una sposa meno pudica di lei, Rodolphus, al contrario sembrava davvero preso tra due fuochi: era chiaramente colpito dal dono, ma iniziava a scalpitare per godere dei diritti di un marito. Quel giorno, negli abbracci e nei baci che si erano scambiati, era stato più che palese a tutti quanti, che non fosse per il nome o la purezza di sangue di Bella che aveva fatto di tutto per sposarla, quello che gli interessava era il corpo di mia cugina, a cui non aveva smesso di lanciare sguardi famelici per tuta la giornata.

    “Signor Black… questo è il dono più straordinario, dopo Bellatrix s’intende, che la sua famiglia mi fa. Non so come potrò sdebitarmi…”
    “Te lo dono con tutto il cuore, ragazzo mio… voi siete il futuro delle nostre famiglie, rendeteci fieri di voi più di quello che già siamo oggi… e... quando capiterò nel Norfolk, mi farai ammirare la splendida collezione di libri che vi ha donato tuo padre…”
    “Ne sarò più che lieto, signor Black... Non sapevo che fosse un collezionista anche lei. Perché non me ne hai mai parlato, Bella?”
    “No, no, non sono un vero collezionista, non ancora almeno: ho solo poche piccole sciocchezze, anche se spero di iniziare quanto prima a mettere insieme qualcosa di valore. Sai bene anche tu, Rodolphus, di questi tempi un galantuomo deve occuparsi di questi gingilli: danno un’aura, come dire, di maggiore rispettabilità…”

Rise pesantemente, sotto lo sguardo incuriosito di Bella e i cenni d’assenso di Lestrange.

    “Se vuole iniziare a mettere insieme qualcosa di valore, credo che debba assolutamente trattare con mio padre, nessuno più di lui ha fiuto e gusto per queste cose, gliene parlerò quanto prima…”
    “Ti ringrazio, ma ci penserò io, Rod, non ti preoccupare, hai di meglio da fare che perdere tempo parlando di cianfrusaglie con me…”

Un nuovo sorriso mellifluo e complice, e un brindisi a festeggiare nuovamente la coppia: io avevo assistito alla scenetta surreale in piedi, accanto alla porta dello studio. Conoscevo abbastanza mio padre da sapere che stava architettando qualcosa ai danni di Lestrange senior e Bella mi guardò complice, probabilmente stava pensando alla stessa cosa. Niente male: Rod si era portato in casa una pazza, un’arpia, che dimostrava, fin da subito, quanto prendesse sul serio l’impegno di rispettare e sostenere il suo sposo. Se non fosse stato a sua volta un maniaco omicida, un pazzo, oltre che un idiota borioso, avrei quasi avuto pietà di lui, ma visto che essere meschino fosse a sua volta… mi limitai a pensare che mai mi sarei messo nella mia vita in condizioni analoghe.

    “Venite a trovarci presto, siamo intesi zio? Anche tu Sirius, e fai il bravo, mi raccomando…”

    Annuii e le baciai le guance in segno di pace: lei iniziava, bene o male, una nuova vita, non l’avrei più vista tanto spesso e in fondo volevo davvero che ci lasciassimo il passato alle spalle.

    “Sei meravigliosa, Bella! Ti auguro tanta fortuna e tanta felicità…”

Mi sorrise, sembrava quasi sincera, in quel momento assomigliava tantissimo a Meda, e un senso di tristezza e di paura mi prese: non volevo che mia cugina andasse via con quell’uomo, mi metteva i brividi, ero certo che portandola via avrebbe fatto sì che la perdessimo e che lei si perdesse per sempre.

    “Dovete venire a trovarmi presto, promettetelo…”

Annuii ancora, poi diedi la mano a Rodolphus, che già da un po’ me la offriva.

    “So che starai dagli Sherton quest’estate, ragazzo… vedrai, ti divertirai un mondo con Mirzam, trasformerà te e tuo fratello in due campioni di Quidditch!”

Mi spettinò i capelli e mi baciò la guancia, feci finta di essere felice, in realtà avevo solo voglia di raschiarmi via la pelle della faccia, mi faceva ribrezzo!

*

    “Allora… mi stai ascoltando o dormi in piedi?”

Lasciai perdere i ricordi di quel giorno e prestai tutta la mia attenzione a mio padre: ero seduto alla sua scrivania, nella penombra del suo studio, era una bella mattina di giugno, papà era alla finestra e guardava fuori, il profumo della città, della primavera inoltrata, i suoni bizzarri e confusi entravano raccontando un mondo così vicino a me eppure totalmente ignoto.

    “Sì, scusami padre…”

Andò alla scrivania, aprì il primo cassetto ed estrasse un foglio di pergamena antica, lo sbirciai curioso, visto che mio padre lo teneva in modo che non vedessi bene. Mi osservò attentamente, quasi considerasse la bontà dei suoi pensieri, poi sospirò e mi porse il foglio. Era davvero antico, pergamena di ottima qualità, disegno a sanguigna e carbone tracciato a mano con una calligrafia che non conoscevo.

    “Devi guardare questo disegno e memorizzarlo, voglio che tu non abbia dubbi, osserva per bene tutti i dettagli…”
    “Un anello? Perché devo memorizzare il disegno di un anello?”
    “Sirius, è una cosa importante che deve restare tra te e me, non deve saperne nulla nemmeno tua madre. Pensi di riuscire per una volta a guadagnarti il pane che mangi?”

Lo guardai offeso, stavo per ribattere, ma il suo sguardo perentorio mi fece desistere e gli concessi tutta la mia attenzione.

    “Questo pomeriggio mi seguirai da Roland Lestrange nel Norfolk, devo trattare un affare con lui, tu starai tutto il tempo al mio fianco e osserverai tutto con attenzione, perché poi devi fare una cosa per me, una sola semplice cosa…”
    “Di cosa si tratta?”
    “Lestrange forse ci mostrerà un catalogo e alcuni oggetti, io voglio che tu osservi tutto e mi faccia un segno di nascosto se vedi questo anello: se c’è, devi memorizzare dove si trova. So che quando vuoi sei un osservatore attento. Nessuno sa che sei abile in questo, voglio che tu sfrutti questa tua dote oggi per me…”
    “Io non capisco, perché non fai vedere questo anello a Lestrange e non chiedi direttamente a lui?”
    “Salazar! Sirius, non farmi perdere la pazienza! Devi individuare quest’anello, devi osservare per bene Lestrange quando lo rimetterà a posto, voglio che tu sappia dirmi tutto quello che ti chiederò quando saremo soli, senza indugi…”
    “Cos’è, hai intenzione di rubare a Lestrange questa brutta verghetta di ferro? Siamo messi così male, padre?”

Mi sembrò di aver fatto una battuta tanto divertente, per quanto era surreale un’ipotesi del genere, ma quando osservai mio padre, mi morsi immediatamente la lingua: mi osservava allibito, pensai che m avrebbe preso a schiaffi e mandato a marcire nel sottotetto vita natural durante. In effetti, non gli avevo mai risposto in quel modo prima d’allora ed ero stato punito spesso per molto meno.

    “In realtà, lo farai tu… per me…”
    “Che cosa? Ma stai scherzando! è illegale… è…”
    “Tu ruberai quest’anello, Sirius, e metterai al suo posto la copia che ho fatto preparare apposta…”

Tirò fuori dal panciotto un piccolo astuccio, l’aprì e apparve una piccola verghetta di ferro, annerita dal tempo, in tutto e per tutto uguale a quella del disegno.

    “Ma cosa significa tutto questo?”
    “Vedi di fare le cose per bene, Sirius, o la Scozia puoi scordartela…”
    “Non è giusto! Io non voglio…”
    “La vita non è mai giusta, Sirius, ora poche storie, memorizza questo dannato disegno e fai come ti ho detto: non è un gioco, da quest’anello può dipendere la mia stessa vita, e probabilmente anche la tua e quella di tua madre e di tuo fratello…”

Stavo per dirgli “allora rubatelo da solo!” poi pensai che, in fondo, quello era pur sempre mio padre e Lestrange era solo un maledetto bastardo suo pari. Inoltre quell’anello non sembrava poi così importante e prezioso, se anche fosse sparito Lestrange nemmeno se ne sarebbe accorto. Mi chiedevo soltanto perché interessasse tanto mio padre, e in che senso la nostra vita dipendesse da quell’anello. Alla fine, dopo un paio di ore passate insieme in silenzio, mi lasciò andare a mangiare: forse mio padre era semplicemente sbronzo e all’ultimo, ci avrebbe ripensato…
Non appena arrivammo a Lestrange Manor, che aveva un aspetto fosco come il suo padrone di casa, mi sentii lo stomaco in subbuglio: al contrario di quello che avevo sperato, sembrava che mio padre facesse sul serio. I due maghi discussero a lungo, lamentandosi apertamente della politica filobabbana del Ministero e della scuola diretta dal famigerato preside Dumbledore, io mi annoiavo seduto di fianco a mio padre, aguzzavo le orecchie solo quando parlavano di cose che mi sembravano interessanti, come Mirzam Sherton e il matrimonio di mia cugina. In quelle due settimane da sposati, Bella aveva già fatto impazzire i domestici, dimostrando di essere una terribile padrona di casa, feroce e puntigliosa, e suo marito la adorava letteralmente anche per questo. Lestrange senior si augurava che quanto prima da quella unione arrivassero dei nipoti, io, tra me, pensavo a quanto sarebbero stati sventurati quei ragazzini, con due mostri simili per genitori.

    “Ma veniamo a noi, Orion. Rodolphus mi ha detto che sei interessato al collezionismo: cos’è ti sei fatto affascinare dai vezzi di Sherton?”
    “No, no, nulla del genere, lui sta spendendo vere fortune in oggetti che possono interessare solo a lui, è fissato con tutte quelle reliquie di famiglia…”
    “Già, un atteggiamento davvero strano: per fortuna o per disgrazia, hanno risorse quasi infinite, chiunque altro a quest’ora si sarebbe già ridotto sul lastrico con quel genere di vizi.”
    “A me interessano solo gli anelli, come puoi ben vedere.”

Mosse con noncuranza le mani, superbamente ingioiellate come sempre.

    “Orion, non hai dita a sufficienza, sei già stracarico! Cosa te ne fai? Io ti avrei suggerito libri, o degli oggettini che…”
    “Mi piacciono, Roland, non posso farci nulla, in particolare quelli elaborati, antichi, lo sai che ho una vera passione per l’arte romanica…”
    “Già, come darti torto? Quella tua casa, a Zennor, è magnifica in effetti… quindi anelli antichi… forse ho qualcosa per te: come di certo sai, viaggio molto e ho numerosi contatti, conosco almeno tre ottimi collezionisti che tengono materiale davvero pregiato, con una storia dietro, e non mi riferisco a storielle di pseudo anelli di Salazar o di altri fondatori...”
    “Anelli di Salazar? Che buffonate, chiunque con un minimo di preparazione sa che di anelli di Salazar ne esistono al massimo due, uno devono averlo i Gaunt…”
    “E l’altro, se davvero esiste, ce l’ha il tuo caro Sherton… gliel’hai mai visto? o è una leggenda anche quella?”
    “Non mi risulta che abbia anelli tanto preziosi da potersi dire di Salazar… l’unico anello che porta….”
    “È una stupida verghetta di ferro…. Aspetta…”

Mio padre mi diede di nascosto una gomitata, io, semiassopito da quei discorsi noiosi, ridestai rapidamente la mia attenzione. Roland Lestrange tornò con un vecchio libro, lo sfogliò rapidamente e, scelta la pagina, la porse a mio padre.

    “Non ha un anello come questo?”
    “Sì, mi pare di sì, o meglio, lo aveva. Da almeno tre anni non gli vedo più anelli in mano…”
    “Come sospettavo… Quello non era l’anello di Salazar, ti pare che Salazar potente com’era, si sarebbe accontentato di una stupida verghetta di ferro?… Ma quel dannato scozzese ci tiene che la gente lo creda…”
    “Che cosa vuoi dire?”
    “Credo che il tuo Sherton stia inventandosi delle reliquie inesistenti, non ne ho ancora capito il motivo ma deve essere così…”
    “Non ti seguo Roland…. Perché dovrebbe inventarsi delle reliquie, se a Herrengton Hill hanno già Habarcat?”
    “Non lo so, ma è strano… prendi quest’anello: tu dici che non lo ha più da tre anni, e guarda caso da tre anni mi fa una corte serrata perché gli venda un anello simile, che la mia famiglia ha dalla notte dei tempi, uno stupidissimo anello di ferro, privo di qualsiasi valore commerciale o storico. E non so nemmeno come abbia saputo che ce l’ho proprio io…”
    “Se è così fissato e non vale niente, perché non glielo vendi, facendogli il prezzo che vuoi tu? Tanto ne ha di oro da sprecare…”
    “Ma non lo so, per ripicca forse, o perché voglio capire che cosa ci nasconde… Altrimenti, sai che me ne faccio di quel pezzo di ferro?”
    “Davvero buffa questa storia, quasi quasi provo a farmi raccontare cosa c’è sotto…”
    “Ecco, bravo! poi lo racconti anche a me… Dev’essere un pazzo, oppure, ed è quello che temo, è dannatamente furbo… ha qualcosa in mente, me lo sento…”
    “Per curiosità, posso vederlo questo famigerato anello? Magari riusciamo a scoprire l’arcano, conosco Alshain meglio d te, magari c’è un segno , una runa particolare che tu non capisci ma io si…”
    “Massì, guarda: se non sapessi che quel bastardo troverebbe il modo di prendertelo, te lo regalerei, pur di togliermelo di torno.”

Aprì un cassetto della scrivania e tirò fuori una scatolina senza pretese, dentro c’erano centinaia di anelli di ferro, semplici, alcuni rovinati, privi di qualsiasi attrattiva o valore.

    “A riconoscerlo… questa robaccia andrebbe mandata in fonderia per farci un bel lucchetto…”

Si sorrisero, ma io in quel marasma di ferro riconobbi all’istante l’anello in questione, allungai la mano e lo presi, ammirandolo alla luce del sole pomeridiano.

    “Salazar! Complimenti, ragazzo, hai un occhio di tutto rispetto, mi hai risparmiato una bella gatta da pelare!”

Glielo porsi e Lestrange lo diede a sua volta a mio padre. Orion se lo rigirò in mano per qualche minuto, fingendo di studiarlo, mentre il mago rimetteva nella scatola gli altri anelli.

    “Io non vedo nulla di strano; hai provato a arroventarlo sul fuoco? magari …”
    “Fuoco, acqua, magia, non sente niente: è e resta un insulso pezzo di ferro!”
    “Mah… posso dirti solo che non è il genere di anelli che mi interessa trattare con te, non hai nulla di più interessante?”
    “Ma certo, Orion, vieni, andiamo nel mio regno, lontani da questo ciarpame!”

Mio padre mi disse di rimanere lì e Lestrange non ebbe niente da ribattere: non potevo crederci, avevo l’occasione di fare lo scambio senza nemmeno dovermi ammattire o rischiare chissà che cosa. Presi l’anello che avevo in tasca e lo deposi sul tavolo, erano davvero identici, lo misi al posto di quello di Lestrange, facendolo finalmente sparire nelle mie tasche. Il fatto che mio padre m’avesse chiesto di rubare era grave, ma sapere che l’aveva fatto per Alshain, in parte mi consolava: forse c’era un motivo nobile dietro a tutto questo. Guardai l’anello fasullo, chissà qual era il segreto: non mi sembrava da Sherton impuntarsi così tanto per qualcosa di nessun valore, chissà se quello era davvero l’anello di Salazar. Dopo circa mezzora, mentre me ne stavo sulla terrazza a godermi quel timido sole di fine primavera, i due maghi tornarono entrambi soddisfatti: mio padre aveva pagato una bella somma per un paio d’anelli d’argento, che dovevano essere i primi pezzi di una maestosa collezione. Mi chiesi se era davvero sua intenzione continuare con quella pagliacciata o se avrebbe fatto cadere tutta questa storia non appena avesse dato l’anello al suo amico; magari avrebbe continuato solo per mantenere le apparenze e non rendersi sospetto.

    Lestrange scoprirà mai lo scambio? E capirà che sono stato io?

Se la prima eventualità si fosse realizzata, la seconda sarebbe stata matematica e questo non mi rallegrava di certo: se era come suo figlio, quell’uomo era davvero pericoloso. Quindi Orion Black aveva davvero messo in pericolo la mia vita per fare un favore al suo migliore amico? Mi chiedevo tutto questo rigirandomi insonne nel letto con l’anello in mano; mio padre bussò piano alla porta e rapidamente entrò, non lo faceva mai: aveva la sua ricca vestaglia color verde slytherin, i capelli legati in un codino, notai che era dimagrito un po’, mi chiesi se era per vanità o per qualche preoccupazione.

    “Hai niente per me?”

Allungai la mano, e gli porsi l’anello.

    “Molto bene, questo lo darai a Sherton da parte mia, la mattina successiva al tuo arrivo… e bada che non t veda nessuno, né tuo fratello, nè qualcuno della sua famiglia, intesi?”
    “Sì… ma volevo sapere…”

Mio padre non ascoltò nient’altro, rapidamente fu alla porta, mi lasciò così, in silenzio, con l’anello in mano e duemila domande in testa.


*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 14
*** I.014 - HABARCAT - Herrengton Hill ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.014 - Herrengton Hill

I.014


Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - ven. 18 giugno 1971

Alla fine il giorno era arrivato: non potevo davvero crederci. Il mattino successivo alla visita a Lestrange, mentre, ancora dubbioso, facevo colazione lentamente, sperando invano di poter rimanere da solo con mio padre e ottenere da lui qualche risposta, Kreacher arrivò tutto trafelato, con una lettera di Alshain Sherton stretta nel pugnetto ossuto: ci comunicava che era tutto pronto per la nostra vacanza e che sarebbe venuto a prenderci personalmente quello stesso venerdì. Quando mi resi conto che era ora di partire, invece di essere preso dall’eccitazione e dalla felicità, sentii farsi largo un terrore sordo: ero convinto che io non sarei partito, perché in quei pochi giorni poteva capitare di tutto, mia madre poteva inventarsi una punizione per qualcosa, io potevo mettermi nei guai, ammalarmi o ferirmi… finii col passare i giorni che mi separavano da quel venerdì con un’ansia tremenda, che probabilmente mi avrebbe fatto ammalare sul serio.
Non dormii neppure la notte della vigilia: agitato, camminavo avanti e indietro nella mia stanza, guardavo fuori dalla finestra ogni pochi minuti, immaginando che Sherton arrivasse in piena notte e portasse via solo Reg, finché, sfinito, mi appoggiai allo stipite della finestra e finii col cedere lì alla stanchezza. All’alba, accarezzato dalle prime luci, mi ridestai di soprassalto, impaurito e allucinato, con la testa gonfia e confusa, con le orecchie tese per recepire qualsiasi brusio, mi lavai, mi diedi una sistemata ai capelli, mi misi una camicia pulita, che, fresca di bucato, mi avevano portato gli elfi nottetempo, e attesi, seduto in fondo al letto: se fossi andato a svegliare Regulus o fossi sceso di sotto prima del tempo, avrei dato a mia madre la scusa per punirmi. Di colpo sentii qualcuno bussare alla porta, tre, quattro volte, poi il vecchio Kreacher entrò, grugnì qualcosa, deluso di avermi trovato già in piedi e di non avermi potuto svegliare con il suo orrido ghigno e i vacui occhi a palla, quindi prima d andarsene mi disse in malo modo di scendere di sotto. Nel soggiorno trovai i miei, come sempre arcigni, mio fratello, sceso poco prima di me, insonnolito e confuso, e Alshain Sherton, vestito con un elegante abito color crema, ancora più bello che al matrimonio di mia cugina. Cercai di non far trasparire l’eccitazione che provavo: per la prima volta nella mia vita, stavo per fuggire dal 12 di Grimmauld Place e dai suoi orrendi proprietari, per quasi due mesi. Non era la vacanza in sé, né il fatto che sarei stato con Sherton, era proprio l’idea di non vedere mio padre e mia madre per tutto quel tempo che mi rendeva felice: a quel punto riuscivo ad avere persino pensieri amorevolmente fraterni per Regulus.

    “Ragazzi mi raccomando, non mettetemi in imbarazzo, non combinate guai, o vi giuro che vi sprofondo nelle segrete di casa Sherton con le mie stesse mani, una volta per tutte!”.

Nostro padre ci gracchiava contro, ma né io né mio fratello lo stavamo più a sentire: ci sembrava di partecipare a un sogno, Alshain sembrava un cavaliere uscito da una favola per liberarci e presto anche noi saremmo stati protagonisti di fantastiche avventure al suo fianco. Il nostro sorriso era davvero compiaciuto e solo in parte offuscato dall’aria funerea stampata sul viso della mamma; inoltre ci ritrovammo piacevolmente incoraggiati quando Alshain ci rivolse una risata canzonatoria, commentando la comparsa dei nostri bagagli.

    “Ragazzi, non è necessario che portiate con voi altro, oltre voi stessi, quello che indossate adesso, e i ricambi che ho concordato con vostro padre. A Herrengton c’è tutto quello che può servirvi a passare le prossime settimane senza annoiarvi, non vi preoccupate.”

Sì, stavamo davvero per uscire dall’orbita delle assurde fisime di nostra madre! Niente regole, niente etichetta, niente ciance, per ben due mesi! Alshain si voltò sorridente verso nostra madre, che finse di guardare altrove, e parve rimanerne deluso, ma non sorpreso, fece un cenno a nostro padre che gli porse poco convinto un vecchio calzino rattoppato, di lana a righe rosse e verdi: l’avevo notato stranamente abbandonato sul divano, una vera indegnità per i canoni della nostra famiglia, meritevole di uno dei classici attacchi isterici e di folle rabbia per cui mia madre era tristemente famosa tra i nostri domestici. Capii solo allora che si trattava della passaporta creata apposta da Sherton non solo per portarci a Herrengton, ma anche, e forse soprattutto, per prendere in giro il carattere così poco scherzoso dei miei genitori: così bizzarra e fuori dagli schemi, contrastava infatti completamente con la nobile altezzosità di casa Black.

    “E tu questa la chiameresti passaporta?”
    “Orion, in qualche modo dovevo dimostrarti che non è l’aspetto a rendere migliore la magia...”

Gli fece un occhietto e mio padre sbuffò esasperato, di certo quella era una discussione che noi non capivamo ma che apparentemente li coinvolgeva già da un pò.

    “Bene, ragazzi, ora prendete un lembo del tessuto e tenetelo stretto, e occhio a non mollare mai la presa fino all’arrivo”.

Per congedarsi, Sherton salutò mia madre con un inchino e il solito bacio della mano, ma lei sdegnosa non parve perdonarlo, urtata com’era per la sfacciataggine del calzino e chissà per cos’altro, poi, quasi di forza, abbracciò mio padre, che cercava di mediare tra la scontentezza della mamma e la solarità dell’amico, optando infine per un’espressione scontenta, come se gli importasse davvero che stavamo partendo. Quando alla fine si guardarono, però, vidi nei suoi occhi la luce diversa, la luce vitale, quella che assumeva solo con Alshain, come se riconoscesse se stesso solo in quei momenti, attraverso il suo amico. Gli prese le mani tatuate e le ammirò, lo guardò negli occhi, avvicinò il viso all’orecchio sinistro dicendo qualcosa che nessuno di noi comprese, Sherton fece un cenno di assenso e, quando si staccarono, sorrisero entrambi. Vidi, in mio padre, l’espressione serena e giovane, che gli ero riuscito a scorgere solo in qualche vecchia foto: fu allora che ricordai… Quando avevo cinque anni, giocando, avevo trovato una foto di scuola di mio padre, diciottenne, abbracciato a un ragazzo magro e già un poco più alto di lui, vestiti entrambi con la divisa di Serpeverde. Orion teneva con la destra una scopa da Quidditch, che non poteva essere la sua, poiché sapevo che non aveva mai gareggiato, e con l’altra faceva il gesto V di vittoria da dietro la spalla del suo amico, che reggeva a sua volta una coppa. Erano radiosi e felici. Era la stessa foto che avevo visto ad Amesbury il giorno della partenza di Mey… lei mi aveva chiesto perché ero triste... e mi aveva offerto la sua amicizia. Non ci avevo pensato in quei due mesi, avevo fatto in modo di non pensare mai a lei in tutto quel tempo, di evitarla e ignorarla se c’erano le condizioni per incontrarsi. Da allora non le avevo più parlato... Perché mia madre diceva sempre a mio padre che doveva fare di tutto per averla... per Regulus. E sapevo che la mamma otteneva sempre tutto. Ora l’avrei rivista… mi avrebbe perdonato per quei mesi di silenzio? E saremmo stati davvero amici? Mentre ero perso nei miei pensieri, Sherton si mise al mio fianco e toccò a sua volta la parte del calzino adiacente a quella che avevo impugnato io: subito si chiuse il nostro cerchio e di colpo sentii uno strano calore emergere dal tessuto, tutto iniziò a girare attorno a me, ero come preso all’amo, sembrava che qualcosa mi avesse ghermito all’altezza dello stomaco, vorticai e resistetti a stento dal mollare la presa. La cosa durò per un tempo che mi parve interminabile, non immaginavo che fosse così difficile trattenere un oggetto così insulso, finché alla fine mi sentii cadere dall’alto, la presa allo stomaco finì e il calzino smise di scottarmi in mano.
Mi ritrovai piegato a terra con mio fratello di fianco a me, sotto la luce di un pallido sole e una corona di montagne aspre e brulle tutto intorno a noi. Mi alzai e cercai di mettere a fuoco: dall’ombra capii che eravamo sul fianco occidentale di una montagna e precisamente su una specie di mulattiera; in basso si apriva una valle, separata dal piede del monte dal letto di un fiume turbinoso che faceva quasi da confine con la civiltà, e punteggiata da sparute abitazioni e qualche campo coltivato. Noi eravamo molto più in alto, circondati da boschi su tre lati e il quarto era appunto quella specie di strapiombo di roccia bianca e levigata a picco sul fiume. Per un attimo fui preda delle vertigini, con la sensazione di essere senza scampo, poi notai che la stradina in cui ci trovavamo proseguiva e si snodava tra gli alberi e che il nostro ospite si stava già avviando in quella direzione. Reg era stupito come me, entrambi immaginavamo di ritrovarci subito nel salotto degli Sherton, non in mezzo al nulla, ma mi guardò impaziente e mi sibilò un “MUOVITI!” per non rischiare di rimanere indietro a causa delle mie indecisioni, anche perché, se l’avessimo perso, non sapevamo come fare per andare avanti o tornare indietro. Mi passai le mani sui pantaloni e la camicia, sperando di togliere un po’ di polvere e non apparire come un barbaro quando fossimo arrivati a casa Sherton, e mi avviai con Regulus, all’avventura, quasi trotterellando. Appena entrammo nel bosco, vedemmo che Alshain si era fermato ad aspettarci, si era tolto le vesti eleganti con cui si era presentato a casa nostra e aveva iniziato a indossare dei pantaloni più comodi e semplici, e una specie di tunica corta, rimanendo per un attimo a torso nudo. Ci invitò a fare altrettanto cambiando le nostre scarpe e i nostri indumenti con quelli che ci offrì; mentre, vergognandomi, mi spogliavo, notai che, sul corpo temprato dalla vita all’aperto, portava numerosi tatuaggi: una serie di rune erano collegate dalle spire di un serpente lungo tutta la spina dorsale, altre serpi cingevano rune lungo le braccia e le gambe, avevo intravisto qualcosa durante la sua vestizione a Yule, ma lì, nella luce soffusa della boscaglia, avevo una vista d’insieme di quel gioco di arabeschi sulla sua pelle. Mi chiedevo se anche Meissa avesse il corpo decorato in quel modo.
Per almeno i due terzi del viaggio, Sherton si mostrò poco loquace: per un po’, ricordando come nostro padre si lamentasse spesso delle nostre vane chiacchiere, immaginai che quella fosse la nostra prima lezione, sicuro com’ero che quella “vacanza” fosse una specie di scuola di correzione ideata dai nostri genitori con la complicità del loro amico. Per nostra fortuna, però, l’amico in questione era anche l’unica persona che conoscessimo, in grado di farci apprezzare la vita e dimostrarci che era degna di essere vissuta.
In breve fu chiaro anche il concetto di “femminucce rammollite” con cui ci bollava sempre nostro padre: mentre Sherton si muoveva agile su quel percorso aspro che si apriva tra i boschi, saltava i ruscelli, s’inerpicava tra lingue di roccia, io e Reg annaspavamo. Avevamo i piedi feriti, nonostante le calzature più adatte, le braccia e il viso graffiato dai rami e dai rovi, i pantaloni prestati già impolverati e infangati da alcune cadute. Mio fratello aveva la faccia di chi trattiene ormai a stento le lacrime, lo guardai storto e con un paio di grugniti, articolare le parole era ormai un’impresa troppo difficile e faticosa, gli feci capire che era probabilmente ciò che si aspettava da noi nostro padre e, forse, persino Sherton. Così stringemmo i denti e proseguimmo. Con molta difficoltà gli stemmo dietro fino a raggiungere una specie di sbalzo di roccia, sempre sul lato ovest della montagna, da cui ammirammo un panorama maestoso e riprendemmo fiato. Il sole era salito a segnare quasi mezzogiorno, la verde pianura era molto più in basso di prima, la voce del fiume non era più percettibile, dinanzi a noi le montagne che ci avevano accolto all’arrivo come una corona inviolabile, si aprivano in inaspettati altopiani, boschi e radure.
Sherton ci offrì dell’acqua e estrasse, da una piccola bisaccia, un unguento con cui ci curò i piedi piagati. trasse poi dalla bisaccia più capiente che portava alla cintola, del pane e della carne secca, e la distribuì insieme a frutta selvatica che aveva raccolto mentre salivamo fin lì.

    “Herrengton è molto lontana?”

Con voce degna di un fantasma, Reg manifestò quanto fosse preoccupato, sinceramente lo ero anch’io: nulla intorno a noi, infatti, faceva pensare che dopo tutta quella fatica ci fossimo avvicinati a una qualche forma di civiltà, anzi, da lì, non si vedevano più nemmeno le sparute casette di prima. Dov’era lo splendido maniero che avevamo visto durante la festa di Habarcat?

    “Tutto questo è Herrengton, da quando siamo entrati nel bosco e ci siamo tolti le vesti stiamo facendo la via più sicura per arrivare a casa senza doverci inoltrare nel fitto della foresta, per ora non siete adatti a quella strada.”.

Io e Reg ci guardammo, entrambi non osavamo immaginare cosa potesse essere la foresta di Herrengton, se quell’odissea senza fine in cui ci eravamo imbarcati e da cui difficilmente saremmo usciti vivi, era da considerarsi la strada più sicura e alla nostra altezza. Non appena finimmo tutto il cibo che ci era stato offerto e l’unguento fece effetto, ci rimettemmo in viaggio, sempre in silenzio: la strada penetrava di nuovo nel fresco del bosco e scendeva a nord est, orientandosi poi sempre più verso nord, infine virò dolcemente a est rialzandosi un poco; era quasi metà pomeriggio quando ci fermammo in una nuova radura, in attesa di non si sapeva bene che cosa. Quel tratto del percorso correva su una cresta di roccia che sovrastava il mare, sembrava un’enorme bolla di mercurio appena increspato da timide onde, su cui si rifletteva il cielo grigio azzurro come gli occhi del nostro ospite. Mi affacciai appena dallo strapiombo e vidi che la montagna scendeva perpendicolarmente nel mare, senza creare una spiaggia, ma innestandosi sulla superficie liquida con faraglioni di roccia liscia e bianchissima, caduti a conficcarsi nel mare nella notte dei tempi. Non era possibile sentire che in lontananza il suono della risacca, e si percepiva appena il bianco della spuma che s’infrangeva sulla roccia. Che fossimo sopra la grotta di Salazar? Era quello l’arco marino da cui eravamo entrati? Mi resi conto che già ero rapito dalla vastità di quegli spazi infiniti, nonostante la totale stanchezza ammiravo i silenzi, i colori, le forme di quella terra selvaggia e indomita, e persino quel suo essere in realtà così terribile e pericolosa. Preso da ammirazione per il mondo che esisteva fuori della mia casa, non mi accorsi subito che di fronte a noi, alti nel cielo, erano apparse un paio di figure oscure che s’ingrandivano sempre più, si muovevano nella nostra direzione e tendevano a scendere di quota. Quando finalmente li misi a fuoco, per un attimo mi spaventai, non avendo idea di cosa fossero, poi capii: erano due ippogrifi, che si preparavano a planare dinanzi a noi. Su uno dei due, stupenda visione di una giovane amazzone, stava Meissa vestita in un modo bizzarro, per niente simile agli abiti tutti vaporosi e eleganti che avevo imparato ad associare alla sua persona: portava dei pantaloni di pelle scamosciata, degli stivaletti e un un pesante spolverino, anch’esso d pelle. I bei capelli corvini erano annodati in due trecce che scendevano alte ai lati del viso, le mani erano protette da guanti.
Una volta a terra, Sherton offrì del cibo a Ipnos, l’ippogrifo arrivato da solo, e una volta reso mansueto, sistemò me e mio fratello sulla sua schiena salendo poi a sua volta dietro di noi, mentre Meissa riprese il volo da sola, precedendoci sicura. Per me era un’esperienza assolutamente nuova ed unica: dapprincipio sentii forte la morsa della paura, soprattutto quando la bestia si staccò dai confini terrestri e si librò sopra il mare, diretta a est, poi mi resi conto della magnifica sensazione del vento sulla mia pelle, lo scenario da favola che mi circondava, il calore dell’ippogrifo e la strana e nuova sensazione che mi dava il contatto tra le mie mani e il suo piumaggio. Meissa volava per lo più davanti a noi, ma a volte virava e si metteva al nostro fianco, facendoci coraggio con un sorriso o chiedendoci se ci stavamo divertendo: allora tutta la mia tensione spariva ed io sorridevo come difficilmente mi capitava di fare. Col tramonto che iniziava a rosseggiare dietro di noi, diretti verso un cielo sempre più cupo, gli animali smisero di sovrastare il mare e ripresero a costeggiare gli speroni di roccia, salirono ancora un po’ di quota e puntarono decisi verso est. In basso vedevo la foresta che si faceva più selvaggia e inespugnabile, finchè, mentre gli ippogrifi iniziavano a scendere volteggiando, sotto di noi si aprì all’improvviso una radura segreta, che sembrava essere la nostra destinazione finale. Smontammo dagli ippogrifi, che Sherton ricompensò subito con del cibo, quindi si voltò verso di noi, prese la bacchetta che portava alla cintola e fece un paio d’incantesimi pulenti per toglierci un po’ di polvere e di sudore da dosso. Ci ridiede le nostre vesti e le nostre scarpe, si rivestì anche lui, rimise nella sua capiente bisaccia tutto quello che non ci serviva più e ci avviammo nel bosco, sempre diretti a est, su una stradina di terra battuta, che presto divenne un sentiero lastricato. Meissa ci precedeva a una certa distanza, sembrava che avesse anche più fretta di noi di tornare a casa.
Gli alberi a mano a mano si diradarono, la vegetazione selvaggia fu sostituita da ampi giardini, con i fiori sistemati ordinatamente, le siepi tagliate secondo giochi geometrici, i roseti in fiore. C’erano delle fontane e delle statue qua e là, delle panchine sistemate negli angoli più affascinanti, con vista sul mare, ovunque c’erano bracieri accesi, che illuminavano il tragitto, la sera calava inesorabile intorno a noi. Infine scorgemmo l’ombra del maniero, sovrastato dalle sue 5 torri, spuntare tra gli alberi, mentre ci incamminavamo sotto una specie di teoria di profumati archi fioriti, che collegava quei giardini esterni con quelli più prossimi alla casa. Ora finalmente riconoscevo la magnifica dimora degli Sherton. Un porticato si aprì davanti a noi al termine delle arcate, entrammo e lo risalimmo tenendo la sinistra, fino a penetrare in una specie di chiostro che circondava un cortile pieno di roseti: su di esso si apriva una scalinata di pietra a due ali, che si congiungevano in una terrazza le cui pietre si sistemavano a disegno, a formare una coppia di serpenti avvinghiati a reggere una gigantesca sfera, forse di giada o di un altro minerale verde, non poteva essere uno smeraldo, impossibile che ne esistesse al mondo uno così grande. Sotto, il motto di famiglia degli Sherton recitava “LES BIEN-AIMES ”, i prediletti. Da un paio di porte laterali sbucarono Kreya e Doimòs, mentre Meissa sembrava essersi già volatilizzata.

    “Ora seguite Kreya e datevi una rinfrescata, tra mezzora sarà servita la cena, vi prego di essere puntuali, anche se siamo solo noi tre, così poi potrete andare a riposare, ne avete sicuramente bisogno, oggi è stata dura per tutti e soprattutto per voi due che non siete abituati”.
    “Noi 3? E Meissa?”
    "Meissa e gli altri non staranno con noi fin dopo il solstizio, devono aiutare Mirzam a prepararsi per il suo rito…"

L’elfa ci fece strada lungo un corridoio orientato a sudovest, interminabile, in cui ammirammo una vera e propria galleria di ritratti degli antichi Sherton, in cui tutto dalla struttura muraria nel suo complesso al più piccolo dettaglio dei bracieri, celebrava la natura Slytherin di quella famiglia; arrivati in fondo alla galleria coperta, salimmo nella torre di sudovest lungo una scalinata che era ampia e luminosa anche a quell’ora della sera, soprattutto se messa a confronto con quella di casa nostra: anche qui c’erano bracieri accesi e ritratti appesi alle pareti, tutti accomunati da uno stemma in cui campeggiavano i serpenti argentei dagli occhi di smeraldo e la dicitura “les Bien-Aimès”, ma non c’erano animali o elfi morti impagliati ed esposti, come a Grimmauld Place. Arrivati al primo piano, la scalinata s’interrompeva in un ampio atrio, che dava su una terrazza con vista sul mare, e immetteva negli appartamenti destinati agli ospiti: fummo condotti in una grande camera a due letti, in cui erano già sistemate le nostre cose, e scoprimmo di avere a disposizione un bagno, molto più grande di quello a noi riservato a Grimmauld Place, e un immenso patio finestrato che si apriva a sud verso il bosco, con al centro una grande vasca piena di acque calde, circondate da rocce: io e Reg ci spogliammo sperando di tuffarci subito in quella meraviglia, immaginando già la nostra stanchezza scivolare via come per incanto e guardando storto Kreya quando ci ricordò che era tardi e che dovevamo solo lavarci, vestirci e andare a cena, i giochi li avremmo fatti a tempo debito. Sui nostri letti, enormi e circondati da ricchi baldacchini dorati, erano già pronti i nostri vestiti, con nostra gioia e sorpresa, Kreya non insistette perché ci pettinassimo come damerini. L’elfa ci aspettava sulla porta e, quando fummo pronti, ci avviammo dietro di lei in sala da pranzo; dalla terrazza scendemmo le scale, passammo dentro la lunga galleria e giungemmo alla scalinata principale, quella interna alla torre centrale, che avrebbe portato in alto agli appartamenti della famiglia Sherton e al primo piano alla grande sala da pranzo usata dalla famiglia: trovammo Alshain seduto ad uno scrittoio, stava firmando una pergamena, con la sua classica calligrafia inclinata ed energica, la arrotolò e la legò alla zampa di un gufo che poi liberò alla finestra.
La stanza era dominata da un enorme caminetto, in marmo nero, sovrastato da un ritratto di un uomo e una donna, eleganti e austeri: lui aveva gli occhi color dell’acciaio di Alshain, lei, Ryanna Meyer, che avevo già visto nei ritratti di Amesbury, con gli stessi capelli corvini del figlio, era la donna più bella che avessi mai visto fino a quel momento. A chiudere la composizione, in basso, c’erano due ragazzini, uno sui dieci anni e l’altro intorno ai cinque, probabilmente Sherton e suo fratello: notai che le mani di tutti loro erano tatuate, tutti avevano anche la runa impressa sul collo e che il padre portava all’anulare destro l’anello a forma di serpenti intrecciati con lo smeraldo stretto nelle bocche che ora aveva Alshain. Perché mio padre aveva detto a Lestrange che Sherton nn portava anelli? Ricordavo benissimo d avergli sempre visto quell’anello da quando lo conoscevo, però, in effetti, quell’anello spariva tutte le volte he si presentava ad un evento pubblico. Era davvero strano…
Come ci vide entrare, Sherton ci fece cenno di sederci, alla sua sinistra: il tavolo da pranzo era in legno di mogano, rettangolare, riccamente intagliato, e presentava altri quattro coperti e relativi posti vacanti, due a sinistra al nostro fianco, uno all’altro capotavola e l’ultimo a destra di fronte a noi, i posti vuoti della moglie e degli figli di Alshain; tutte le posate erano d’argento finemente cesellato, i piatti erano di ceramica finissima, con dei motivi floreali ricercati, la tovaglia era anch’essa ricamata con motivi floreali. Tutta la stanza era in pietra con il soffitto a costoloni e volte a sesto acuto, il pavimento era ricoperto di tappeti tessuti con ricercati disegni orientali, il mobilio era ridotto all’indispensabile, facendo risaltare ancora di più i dettagli di tutto il resto, come i bracieri cesellati con i soliti motivi serpenteschi. Con il gesto convenuto Alshain ordinò ai domestici di servirci la ricca cena, costituita da carne arrostita, molta verdura e a chiudere una torta deliziosa. Reg ed io eravamo assolutamente sazi e sfiniti, consapevoli di non aver mai mangiato così bene, quello che però mi aveva lasciato notevolmente stupito era che ci fossimo scambiati pochissime parole per tutta la serata: era molto strano, perché di solito Alshain con noi era molto simpatico e allegro.
Quando la cena ebbe termine si alzò e si mise a sedere su un'antica poltrona di fronte al caminetto e sembrò perdersi nei giochi delle fiamme, io e Reg ci guardammo, non sapevamo cosa fare, se prendere quel gesto come il suo modo di congedarci, o se dovevamo rimanere, se potevamo parlare o restare in silenzio. Fu allora, quando meno ce l’aspettavamo, che, rimestato appena il fuoco, si voltò di nuovo verso di noi, con un’espressione accogliente e ci chiamò a sederci su due poltrone di fronte a lui. Era arrivato il momento della storia e quello era già sufficiente a farci riprendere dalla stanchezza del viaggio e dai miei dubbi: invece delle solite storie di maghi leggendari, di guerre ed eroi, ci raccontò la storia di una nuvola. Una semplice, innocua, nuvola. Una nuvola considerata da tutti la più bella, la più nobile e la più importante, tanto che lei se ne gloriava e si isolava sempre di più, ritenendo le altre indegne di farle compagnia. Un giorno incrociò il vento e gli chiese annoiata se conoscesse un luogo in cui le nuvole erano alla sua altezza. Il vento le disse di sì e la nuvola si lasciò convincere a farsi trasportare lontano, nelle Highlands, con la promessa di trovare un luogo e una compagnia degne della sua nobiltà. Una volta arrivata però, non solo non trovò alcuna nuvola, ma il vento smise di soffiare, così rimase da sola, intrappolata nelle Terre del Nord, dove passò la sua vita a meditare sull’importanza dell’umiltà.

    “Di qualsiasi cosa abbiate bisogno, ricordate che Kreya sarà a vostra disposizione e me lo riferirà subito, ora, però, vi consiglio di andare a riposare, se volete passate nel patio, le proprietà dell’acqua vi faranno dormire meglio. Domani avrei piacere di portarvi con me, qindi dovreste svegliarvi presto. Ora, se volete, potete scrivere a casa, vi ho assegnato un paio di gufi per la corrispondenza, li troverete sulla terrazza della vostra camera.”

Avevo la sensazione che volesse restare solo il prima possibile, quindi feci un cenno a Reg, ci alzammo e ci congedammo secondo i cerimoniali che ci avevano insegnato i nostri genitori, strappandogli un sorrisetto divertito. Seguimmo Kreya per non perderci fin dalla prima sera e, accogliendo il consiglio del nostro ospite, ci spogliammo e ci tuffammo nelle acque del patio, sentendo la stanchezza perdersi nella carezza di quell’acqua profumata di fiori. Giocammo un po’ a schizzarci, le nostre risate risuonarono e riecheggiarono nella stanza illuminata anch’essa dai bracieri: non sarei mai più uscito da lì, se non fosse stato per l'elfa che si presentò con degli accappatoi e ci tirò fuori quasi di peso. Ci asciugammo e ci preparammo per la notte, ci sdraiammo sotto le morbide coperte, ognuno nel proprio baldacchino e iniziammo a chiacchierare sulle meraviglie viste e vissute quel giorno, celando a mio fratello le perplessità sui silenzi di Alshain e sull’assenza degli altri, ma presto sentii la voce di Reg farsi sempre più flebile e confusa, fino a spegnersi nel sonno. Solo con i miei pensieri, rimasi a contemplare la luna che faceva capolino dalla finestra: sembrava che lì il cielo fosse più terso, che le stelle brillassero di una luce più intensa e decisa, anche l’aria sembrava essere diversa, e soddisfare meglio la mia necessità di respirare. Mi rotolai nel letto, trovando difficoltà ad addormentarmi, preso com’ero da mille particolari che mi solleticavano curiosità e fantasia: quella costruzione doveva avere mille anni, la pietra era più vecchia di qualsiasi cosa io avessi mai visto fino a quel momento, mi immaginai quali e quante persone, quali e quante storie potevano essere passate in quella mia stessa stanza, quali intrighi e passioni avevano avuto luogo a pochi centimetri da me.
La camera era ampia, con un soffitto decisamente alto, coperto da quattro volte a crociera, che poggiavano su una rosa di nove pilastri, otto addossati alle pareti e uno in mezzo alla stanza, costituiti da fasci d nervature che s spingevano in alto ad aprirsi come petali di un fiore. I due letti erano affiancati, ed entrambi erano orientati in modo da avere di fronte le grandi vetrate ad arco ogivale che s aprivano verso est, così da essere baciati presto dalle prime luci dell’alba, mentre sul lato sud s apriva la porta che comunicava con il patio, a nord c’erano le finestre da cui in quel momento ammiravo il cielo stellato e la porta che dava sulle scale. Accanto ai letti una porta immetteva sulla terrazza. Era davvero tutto meraviglioso, lì, molto diverso da casa nostra, ma c’erano tante domande che si agitavano nella mia mente, e mi toglievano il sonno, lottando e vincendo per ore sulla fatica. Non potevo smettere di pensare alla storia della nuvola, era semplice ed anche scontata, ma non riuscivo a capire perché ce l’avesse raccontata, quale messaggio voleva davvero trasmetterci: fin da quel primo giorno avevo la convinzione, magari errata, che in tutto quello che Sherton faceva o diceva ci fosse un significato pregnante, nascosto sotto la semplicità visibile in superficie. Quando alla fine riuscii a perdere i sensi, i miei sogni agitati furono popolati da ippogrifi che mi lasciavano cadere in volo sulle scogliere, da immagini di mio padre che piombava in Scozia solo per sprofondarmi nelle segrete umide e anguste, piene di serpenti, di casa Sherton. E dal viso di mia madre, che si stagliava su tutti i ritratti della scalinata del maniero scozzese, inseguendomi in una atroce fuga.

***

Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - sab. 19/20 giugno 1971

Mi svegliai sudato e confuso, quando non era ancora l'alba e sul mare s’iniziava appena a cogliere il rosa del sole nascente; mi alzai, mi lavai e mi vestii, presi in mano le scarpe e sgattaiolai fuori, senza far rumore, per non disturbare mio fratello che, al contrario di me, sembrava dormire sereno, in pace col mondo. Scesi le scale, uscii nel cortile delle rose e da lì raggiunsi il giardino esterno, lasciandomi ritemprare dal fresco del mattino, restando sempre un po’ agitato: non sapevo bene nemmeno io che cosa stavo cercando, provavo ancora una strana sensazione di soffocamento. Arrivai al limitare del giardino, scavalcai il muretto e guardai di sotto, verso il mare e le scogliere, decine e decine di metri più in basso: pensai per un momento che quello poteva essere un buon posto per sparire, tutti avrebbero detto semplicemente “che terribile disgrazia!”Con la punta della scarpa mossi appena la terra per vedere con quanta facilità tutto quanto potesse franare, ma quando spostai deciso il piede in avanti, verso il vuoto, ecco che mi sentii risospingere indietro, senza che dinanzi a me ci fosse apparentemente nulla.

    “E’ meglio giocare con l’acqua del patio, Sirius!”.

Mi voltai spaventato: Sherton era improvvisamente seduto su una panchina dietro di me, sembrava essersi materializzato dal nulla, fumava una strana pipa, nella sua sontuosa veste da camera, tutto vestito di verde, con i capelli legati in una spessa coda e i piedi nudi, tatuati anch’essi come le mani.

    “Non riuscivo a dormire, così…”

Mi giustificai, pensando che si stesse chiedendo cosa ci facessi già in piedi. E soprattutto in quel posto.

    “Capita quando si dorme lontano da casa, poi probabilmente avrai mille domande in testa, è abbastanza normale non riuscire a dormire.”

Alshain non mi guardava nemmeno, preso da un puntino nel cielo e dalle sue nuvolette di fumo, ma sembrava che per lui fossi un libro aperto. Avevo molte domande da fargli, ogni volta che avevo provato ad affrontare con mio padre il discorso Sherton ero finito in castigo, con l’accusa di non essere capace di farmi gli affari miei, ma ora era lì di fronte a me, eravamo da soli e non volevo più rimandare. Era dall’autunno precedente che aspettavo quel momento.

    “Cosa mi ha trattenuto dal cadere?”

Alshain mi guardò serio.

    “Volevi per caso cadere?”
    “Certo che no!”

Ma in cuor mio non ne ero poi così sicuro. Non capivo cosa mi fosse passato per la testa, io non volevo di certo buttarmi di sotto, allora perché… Era chiaro che non l’avevo convinto, ma Alshain tornò comunque a guardare il cielo, con un’espressione grave e seria.

    “Quando sono tornato qui, nove anni fa, con la mia famiglia, la prima cosa che ho fatto è stata creare una protezione magica che cingesse la tenuta, così che nessun estraneo potesse vederci, sentirci o disturbarci, e che impedisse a chi è dentro di farsi del male, per esempio cadendo di sotto accidentalmente o volontariamente. Nel punto in cui ti trovi in questo momento sono avvenute fin troppe disgrazie.”

Mi fissò addosso i suoi penetranti occhi azzurri, come se volesse leggermi nell’anima. Sentii la faccia in fiamme e chinai lo sguardo, a osservare la punta dei miei piedi.

    "La protezione naturalmente vale solo per chi ha il segno che gli Sherton tracciano sui loro cari, io lo impressi su te e tuo fratello al momento della vostra nascita, perché siete i figli dell’uomo che tengo nel cuore più di un fratello, e farò di tutto per proteggervi, ricordalo sempre!”

Quelle parole ebbero su di me l’effetto che mio padre invano aveva cercato di ottenere con gli schiaffi per anni: di colpo compresi l’importanza di molte cose a cui teneva tanto, come la famiglia, la responsabilità, l’amicizia e il rispetto delle promesse. Alshain era già tornato a guardare il cielo, assorto in chissà quali pensieri, ed io mi stavo domandando ancora di più la vera ragione della nostra presenza in Scozia, cosa ci attendeva nelle settimane successive.

    “Ora dovresti rendermi qualcosa che mi appartiene…”

Misi la mano in tasca, in silenzio, tirai fuori la verghetta di Lestrange e gliela posi nel palmo aperto, senza esitazioni, ma volevo delle risposte.

    “Che cos’ha di tanto speciale quest’anello da giustificare un furto?”

Mi guardò di nuovo e sorrise, rigirandosi tra le dita quello stupido oggetto.

    “Appartiene alla mia famiglia dalla notte dei tempi, Sirius, ci è stato rubato durante le antiche guerre e da allora non facciamo che cercarlo. Lestrange l’aveva per puro caso e per puro caso ho scoperto che ne era lui in possesso. Ora grazie a te è tornato a casa…”
    “Ma Lestrange dice che …”
    “Quest’anello non ha alcun potere, se sta in mani sbagliate, Sirius, solo il legittimo proprietario può sfruttarne i doni. La leggenda, oramai nota a pochi, narra che con quest’anello Hifrig Sherton sposò la sorella di Salazar Slytherins e che in esso è stato racchiuso poi da quel grande mago un prezioso dono di nozze. Per impedire che l’anello fosse rubato ne sono state create altre due copie, una delle quali ti è servita per riprenderti l’originale. L’altra è sempre rimasta qui.”
    “Qual è il dono di nozze? E chi è il legittimo proprietario?”
    “Ho solo una teoria e devo verificarla. Secondo me, comunque, si tratta solo di un dono simbolico. Sei deluso?”
    “Un po’, credevo…”
    “Quello che hai fatto è molto importante per me, Sirius, e te ne sarò sempre grato, non era giusto che quello che appartiene a questa Terra rimanesse lontano da qui, tenuto in poco conto, come fosse una cianfrusaglia qualsiasi…”

Si alzò, mi passò la mano intorno alle spalle e mi guardò negli occhi.

    “Ora andiamo. Tra oggi e domani dovremo trovare tutto l’occorrente per il rito di Litha che avverrà tra due giorni. Kreya ha già preparato i vestiti adatti a te e Regulus, vai a cambiarti e fai colazione, si parte tra un’ora e stanotte si resta a dormire fuori.”

Asciutto ed essenziale, se ne andò appena disse queste parole, lasciandosi quasi sparire tra le piante, senza alcun rumore, come se i suoi piedi non toccassero terra, ma si muovessero su una nuvola. Assistetti a tutto questo affascinato e confuso, perso in una specie di tranche, quando però interpretai quelle parole, mi preoccupai di nuovo: a stento ero sopravvissuto alla giornata precedente e ora mi diceva che saremmo subito ripartiti, mi chiesi se Reg sarebbe stato in grado di affrontare un’altra strapazzata del genere, in fondo eravamo entrambi poco più che bambini. Al dunque, però, la giornata si rivelò migliore di quanto avessi immaginato. Partimmo diretti a sudovest, uscendo dalla torre sud, leggeri, solo noi tre, per quella che apparve da subito, con mio grande sollievo, semplicemente una passeggiata per i boschi: quella parte della tenuta, il giorno prima inaccessibile, vista dal basso sembrava meno aspra e selvaggia, fatta di morbidi declivi in cui i boschi non erano inespugnabili barriere di verde e le sorgenti d’acqua parevano moltiplicarsi magicamente. In seguito scoprii che questo era il vero volto di quella terra, mentre il giorno precedente avevamo subito un’illusione magica, creata ad arte da Alshain per proteggere la sua famiglia da occhi estranei.
Sherton parlò per tutto il tempo, descrivendoci le proprietà delle piante che incontravamo e arricchendo le descrizioni con racconti e aneddoti che esaltavano la mia fantasia: in particolare mi colpì la pianta del sambuco, legata alla storia dei fratelli Peverell e i doni dati loro dalla Morte, tra i quali appunto una bacchetta dai poteri straordinari fatta col legno di quell’albero. Notai che il nostro ospite aveva molto insistito con quella storia e in particolare non sulla bacchetta ma sull’anello dato al secondo fratello, come se avesse un’importanza superiore a tutto il resto. Forse era suggestione per tutto quello che di strano e meraviglioso stavamo vivendo, ma mi convinsi ancora di più che nulla accadeva per caso, che c’era un piano ben preciso sotto. Al contrario di me, Reg non sembrava molto entusiasta: non riusciva a capire l’utilità di tutto questo cercare, quando, come ci insegnava nostro padre, era sufficiente tirar fuori i galeoni per avere quelle piante e i loro estratti senza sforzo. Mi vergognai per l’ottusità di mio fratello, ma Alshain lo guardò senza meravigliarsi, forse vedeva in lui la versione “in fieri” del suo miglior amico, quindi gli accarezzò bonariamente la testa e, canzonandolo un po’, gli rivolse una gran risata:

    “Con i galeoni non si compra il piacere di giornate come questa, ragazzo mio!”

Mi domandai come mai quell’uomo che, stando ai discorsi di Lestrange, aveva anche più denaro di nostro padre, non avesse la sua stessa ossessione per i soldi e, almeno fino a quel momento, sembrasse utilizzare anche la magia solo quando era assolutamente indispensabile. Ci fermammo a mangiare in una radura, ed io rimasi con i sensi in allerta per tutto il tempo, sperando di riconoscere subito un’orma o un canto e fare bella impressione su Alshain. Alla fine, scoprii un paio di orme fresche e ottenni da Sherton delle interessanti spiegazioni, anche se erano solo impronte di scoiattolo. Nel pomeriggio ci affidò l’incarico di raccogliere le foglie di alcune piante che ci aveva descritto e scovare anche delle radici utili al rito: ero sicuro che ci stesse proponendo subito una verifica per stabilire quanto avevamo capito dei suoi discorsi.

    “In cosa consiste il rito, signore?”

Reg, sempre timido con chiunque, sembrava libero da tutte le sue paure e condizionamenti e mi ritrovai a essere fiero di lui: sarebbe stato bellissimo se quell’estate avesse aperto gli occhi e fosse saltato dalla mia parte della barricata, se invece di avere una piattola per fratello, avessi avuto finalmente un amico e un confidente. Sarebbe stato bellissimo poter...

    “Festeggiamo Litha, l’inizio dell’estate: di solito si cacciano e si offrono in sacrificio dei cervi. In più è celebrato il rito del Cammino di alcuni membri della mia famiglia, come negli altri Sabbat: questa volta è il turno di Mirzam.”

Ci guardò e capì che non sapevamo nulla di questi argomenti. Sospirò appena.

    “Nelle Terre del Nord ci sono da sempre dei riti che la mia famiglia ama celebrare ancora, mentre in altre parti della Gran Bretagna sono ormai in disuso da secoli, anche tra i maghi più tradizionalisti. Secondo questi riti, nel corso della nostra vita, ogni cinque anni compiamo un passo nel nostro Cammino della Conoscenza: Meissa ha preso le sue rune a Ostara, che per noi Slytherins coincide con la festa di Habarcat: era il suo terzo rito. Mirzam ha compiuto ventuno anni in maggio, festeggerà perciò a Litha il suo quinto rito. L’anno prossimo toccherà a me e a mia moglie. I riti e le prove che li precedono servono a potenziare le nostre capacità, sacrificando qualcosa di noi stessi e testimoniando la nostra adesione agli antichi precetti. Le piante che stiamo raccogliendo servono al rito, inoltre voi, con la vostra presenza, sarete testimoni e questo legherà ancor di più le nostre famiglie: anche vostro padre ha presenziato per me, quando ho compiuto ventuno anni”.

Come avevo intuito, tutto quello che stava succedendo non era casuale, ma aveva un senso e una ragione, che andavano di là della nostra vita, si legava a riti sacri che nascevano nella notte dei tempi, e quell’uomo, misterioso e affascinante, ci stava dando l’opportunità di assistere a tutto questo perché eravamo legati a lui, fin da prima della nostra nascita. In uno stato d’animo particolare, in preda a una specie di mistica illuminazione, come può spesso capitare a undici anni, quando elevi a tuo eroe un uomo di tale carisma, trovai subito le piante richieste, presi le foglie come indicato e ne raccolsi una parte per me, deciso ad appuntare tutto quanto ci diceva Sherton, appena fossimo tornati al maniero, ormai sicuro che un giorno ne avrei ricavato benefici. Alshain non disse nulla quando capì le mie intenzioni, ma vidi uno strano sorriso aleggiargli sotto i baffi, non so se di soddisfazione o perché mi trovava buffo. Alla fine aiutai anche Reg, più per far colpo su Sherton che non per amore di mio fratello. Era ormai sera quando, tornando all’accampamento con le ultime radici, ci accolse una gradita sorpresa: Alshain, infatti, aveva montato una tenda per la notte, piuttosto rustica ed essenziale all’esterno, ma grande e piena di comodità all’interno, tanto che sembrava una tenda da sultano, con cuscini, tappeti, letti morbidi e colorati. Mi sorprese un po’ però quando capii che lui avrebbe dormito fuori, vicino al fuoco, sulla nuda terra: avevo notato che amava lavita spartana, ma mi sembrava assurdo che rimanesse fuori con quel freddo. La cena fu a base di piccola selvaggina, catturata da Alshain mentre noi eravamo impegnati nella nostra ricerca e arrostita sul fuoco, ma il momento più bello fu appena dopo, quando Sherton iniziò a raccontarci la leggenda di quella sera: questa volta ci raccontò di epiche imprese e di maghi leggendari, un momento di rara bellezza, sia perché aveva una capacità interpretativa degna di un teatrante, sia perché mai i nostri genitori si erano presi la briga di passare il tempo a raccontarci storie. Quando ci ritirammo a dormire, finalmente ero rilassato e mi lasciai andare a un buon sonno ristoratore, abitato da sogni incentrati sui racconti d Alshain e non sui miei incubi e le mie paure; anche Reg, dopo quella giornata di nervosismo e insofferenza, che imputavo alla stanchezza non del tutto smaltita del giorno precedente, si era parzialmente placato e prendemmo sonno relativamente presto, mentre dall’esterno si stagliava sulla tenda l’ombra di Sherton, seduto davanti al fuoco a fumare la sua pipa.

*

Il mattino seguente, ci svegliò il profumo di porridge, mangiammo anche frutta fresca e ripartimmo, appena Alshain smontò magicamente la tenda e cancellò le tracce del bivacco: questa volta ci dirigemmo verso la costa, che raggiungemmo scendendo per molte decine di metri lungo un profondo canalone, ripido e pericoloso. All’arrivo ci ritrovammo in una piccola baia, protetta a est e ovest da ripide scogliere e a sud costituita da un’ampia spiaggia di ciottoli che si disperdeva rapidamente nei boschi per poi risalire verso una nuova cintura di rocce e alture, da cui eravamo appena scesi. Si era ormai fatto quasi mezzogiorno e dopo un pasto frugale, ci incamminammo lungo la spiaggia, risalendola sul lato nord occidentale fino alle scogliere verticali aspre e irte di ostacoli, dove Alshain eresse di nuovo la nostra tenda, poi affrontammo gli scogli resi scivolosi dai muschi e dall’acqua, ci arrampicammo di nuovo tra le rocce lungo un sentiero invisibile che Sherton però conosceva a memoria. Dopo circa un paio d’ore ci ritrovammo in una spiaggia minuscola protetta da un anfiteatro di rocce, alcuni faraglioni e archi marini, conficcati nel mare: ero certo che fossero i faraglioni che avevo ammirato dall’alto due giorni prima, dalla radura in cui ci avevano raggiunto gli ippogrifi. La spiaggia di ciottoli e rocce era interrotta, divisa in due parti da una lingua di mare che la penetrava profondamente, con le acque turbinose che finivano col nascondersi entro l’imboccatura di una grotta semisommersa: vi si accedeva con estrema difficoltà, in parte camminando nell’acqua, in parte nuotando, in parte arrampicandoci di nuovo sulla roccia scivolosa, fino ad approdare su una seconda spiaggia interna più ampia, fatta di detriti marini e, nei punti più reconditi, da stalattiti e stalagmiti, con la parte centrale del soffitto costituito da una pietra quasi perlacea, su cui si rifletteva l’azzurro verdastro dell’acqua e del cielo. Così buia non l’avevo riconosciuta subito, ma alla fine capii che era la spiaggia in cui era stato celebrato il rito di Meissa.
Alshain si tolse la tunica che portava incollata addosso, bagnata, rimanendo a torso nudo con i soli pantaloni, anch’essi fradici, estrasse dalla cintola la sua bacchetta, ce la puntò addosso e ci asciugò corpo e vesti all’istante. Sistemati noi, si asciugò a sua volta poi mosse la bacchetta e invocò “INCENDIO”: dodici bracieri si accesero in cerchio tutto attorno a noi, e altri sette si accesero sul rialzo di granito, su cui si ergeva l’altare di marmo nero e la gigantesca serpe di pietra, dalla testa d’argento e dagli occhi d smeraldo, con le fauci spalancate. Inorridii e sentii i peli della mia schiena rizzarsi, sembrava vero e feroce, pronto ad abbattersi su di noi. Sherton ci sorrise incoraggiante, mentre dalla volta faceva calare sette stendardi di Salazar Serpeverde tutto intorno al serpente di pietra, mentre tra i dodici bracieri si materializzava un altare d’argento finemente cesellato con motivi serpenteschi, su cui era inciso il motto di famiglia.

    “È quasi tutto pronto, qui avverranno i sacrifici e saranno bruciate le piante che avete raccolto. Tutto questo accadrà domattina all’alba. Ora dobbiamo procurarci un cervo, in attesa che arrivino gli altri.
    “Ci saranno tanti maghi come l’altra volta?"
    “Non tanti come quel giorno, solo i maghi del Nord e alcuni miei parenti.”

Alshain si avvicinò, ci circondò le spalle con le sue braccia e ci smaterializzammo, non capivo per quale motivo non l’avessimo mai fatto finora, ma mi ripromisi che glielo avrei chiesto quanto prima: ricomparimmo in una radura, dal rumore del mare capii che eravamo a pochi metri in linea d’aria dalla grotta, ma diversi metri più in alto. Di fronte a noi si apriva di nuovo il bosco e Alshain si diresse nell’intrico di alberi, aprì la bisaccia che aveva legato alla cintola, estrasse dei lacci e si mise a trafficare in prossimità dei piedi di alcune piante, depositando delle esche, poi ci fece cenno di inoltrarci con lui in mezzo a dei cespugli da cui era possibile controllare le trappole, si sedette a terra, distribuì le uova, alcune fette di carne salata e della frutta, tutto estratto come sempre dalla sua bisaccia senza fondo. Con la schiena appoggiata all’albero, di fronte a noi, molto più vicino di quanto non l’avessimo avuto mai in quei tre giorni, potevo studiarne con attenzione tutti i particolari del viso e del corpo: sembrava più giovane della sua età, soprattutto per l’espressione del suo sguardo, combattiva ed energica, non era molto muscoloso ma straordinariamente tonico, il corpo snello, quasi come quello di un ragazzo, i suoi capelli non avevano ancora un solo filo grigio. Mi affascinavano soprattutto i suoi tatuaggi, come quello che portava al centro del petto, ora potevo vederglielo benissimo, sembrava una specie di candelabro, pieno di righe orizzontali che s’incurvavano a forma di corna di antilope. Alshain si accorse dell’attenzione quasi morbosa con cui l’osservavo, ma fece finta di nulla, probabilmente in attesa che trovassi il coraggio di chiedergli quello che mi passava per la testa. Piano piano, senza che me ne rendessi conto, mi assopii nel tepore estivo del sottobosco, in quella tenue luce che filtrava tra gli alberi, e nel sonno agitato del pomeriggio mischiai l’immagine di Sherton giovane con la coppa in mano, il serpente di pietra e le nuvole che correvano per i cieli della Scozia sospinte da un vento truffaldino. Era quasi metà pomeriggio quando i miei sogni confusi si bloccarono, sentimmo un fruscio e dalla nostra postazione fu facile vedere le ampie corna ramate di un magnifico cervo piuttosto giovane e dal manto rossiccio, Alshain fulmineo si erse e lanciò un “PETRIFICUS” che immobilizzò l’animale nell’atto di cibarsi da un albero. Rimasi sorpreso, ero convinto che fossimo lì per uccidere e mi colpì profondamente anche il gesto carico di tenerezza con cui l’uomo si chinò sull’animale: gli accarezzò il muso terrorizzato quasi a volerlo rassicurare, poi con estrema delicatezza se lo mise sulle spalle, e ci disse che era ora di procedere sulla via del ritorno. Questa volta non ci smaterializzammo, ma prendemmo un sentiero tra gli alberi che lentamente e con poca pendenza portava alla spiaggia della tenda.
Approfittò del viaggio, che affrontammo con estrema lentezza e calma, per descriverci i riti cui avremmo assistito quella notte, raccontandoci alcune leggende legate al solstizio d’estate. Quando arrivammo, era ormai il tramonto e la spiaggia era ora ben diversa dal mattino, ovunque erano state erette tende, ovunque si stavano accendendo falò e numerosi maghi nei loro mantelli chiacchieravano tra loro in piccoli e grandi crocchi. Non c’erano facce a me note e, soprattutto, notai di nuovo che quasi nessuno aveva con sé mogli o figlie. Due streghe giovani e molto belle si avvicinarono e fecero grandi sorrisi ad Alshain il quale ricambiò con freddezza, queste si allontanarono ghignando e si avvicinarono a un altro gruppo di maghi, che le accolsero tra risa e abbracci affettuosi, offrendo loro da bere: guardai interrogativo il nostro ospite, il quale sospirò amareggiato.

    “Secondo la tradizione non è permesso l’ingresso alla spiaggia e alla grotta a donne che non appartengano a Herrengton, durante i riti. Quanto avete appena visto dimostra che c’è molto lavoro da fare anche nella Confraternita del Nord, per riportare decoro e rispettabilità nella società magica”.

Raggiungemmo in silenzio la nostra tenda, dove Sherton depositò a terra il cervo, proprio all’ingresso: Kreya ci attendeva con la cena di pesce appena preparata. Al termine, compiuta anche la vestizione, era ormai passata la mezzanotte, Sherton congedò Kreya, prese un sontuoso mantello nero, se lo gettò addosso, ci pose le braccia a cingerci le spalle e uscimmo dalla tenda.

    “Gran bell’esemplare”.

Un vecchio, grassoccio e piuttosto basso, stretto, come pressoché tutti i presenti, in una magnifica veste smeraldo, con un cappello a punta, i pochi capelli argentati arruffati, i baffoni stile tricheco che pendevano ai lati del naso, gli occhi azzurri acquosi, stava quasi sull’uscio, ammirando il cervo catturato da Alshain. L’avevo già intravisto a Habarcat, ma non gli avevo dato troppa importanza.

    “Professore!”

Si abbracciarono, baciandosi le guance, gli occhi erano pieni d’affetto.

    “Sono felice che sia dei nostri, quest’anno. Ragazzi, vi presento Horace Slughorn, professore di pozioni a Hogwarts, questi sono i figli di Orion, Sirius e Regulus Black.”.

Il professore annuì e sorrise.

    “Eccellente, finalmente ho il piacere di incontrarvi”.

Ci strinse con energia la mano, mentre i suoi occhi inquietanti sembravano trapassarci non solo le vesti, ma anche la carne, e un sorriso ambiguo gli si stampava in volto.
   
    “Mi raccomando, ragazzi, ascoltate con attenzione il signor Sherton, è stato uno dei migliori studenti che abbia mai avuto nella mia lunghissima carriera, e ora voi, stando al suo fianco, avete l’opportunità di conoscere una magia antica che nelle scuole spesso ormai non s’insegna più”.

Poi tornò a guardare il nostro ospite, serio e vagamente incupito.

    "Hai già visto i segni, Alshain?”
    “A Londra, e a Herrengton ci sono già, Horace, Deidra ha da poco visto un altro segno durante il suo viaggio in Galles, che si aggiunge agli altri già noti, sarebbe bene se qualcuno andasse a controllare Godric Hollow, ma credo non ci siano più dubbi, ci siamo”.
    “Capisco. Non pensi che sarebbe meglio se i ragazzi stessero con me durante la cerimonia? Tu sarai impegnato e c’è già molta confusione sulla spiaggia. Da solo non riuscirai a tener tutto sotto controllo stanotte. Sai già se Abraxas verrà?”

Un’ombra passò sul viso del nostro ospite.

    “E’ mio cugino, nulla può impedirglielo. Comunque sì, è una buona soluzione, in attesa che anche Orion ci raggiunga; ragazzi, quando ve lo chiederò, andrete col professore, vi spiegherà tutto quello che accadrà, mentre io sarò impegnato durante il rito. Siamo intesi?"

Rispondemmo in coro con un sì deciso, finora non ci aveva dato mai veri ordini, era stato gentile e disponibile, anche se avrei preferito non mollarlo un attimo, doveva avere una buona ragione per farci quella richiesta. Inoltre fino a quel momento non mi era passato per la testa che nostro padre potesse raggiungerci per il rito e l’idea di rivederlo così presto mi gettò per un attimo nel panico totale. Slughorn si allontanò con un sorriso e andò a salutare altri maghi che a mano a mano si materializzavano sulla spiaggia, noi restammo con Sherton, seduti su una sontuosa pelle di drago stesa da Kreya di fronte al fuoco: la spiaggia era ormai piena di tende, si erano accese decine e decine di fuochi, alcuni intonarono antichi canti, che Alshain ci traduceva. Piano piano ci addormentammo, di nuovo accoccolati al suo fianco, protetti dal suo calore e dal suo mantello, proprio come dei cuccioli, questa volta sognai di salire le scale che portavano alle stanze private degli Sherton, aprivo una porta che dava su una stanza completamente vuota, dominata solo da un camino gigantesco dove mi aspettava un vecchio mago dai capelli candidi come neve, lunghi fin oltre la cintola, tondi occhialini calati sul naso ricurvo, mi faceva segno di entrare e mi metteva l’anello di Lestrange all’anulare della mano destra, dopo avermi inciso sul petto una gigantesca runa. Non so quante ore passarono, ma di colpo mi svegliai, notai che gli occhi di Alshain, di solito persi in pensieri lontani, quella notte erano particolarmente vigili e attenti, mentre la bacchetta, sempre portata con indifferenza alla cintola, era nella sua mano: la osservava con attenzione, ogni tacca, ogni rilievo, ogni incisione, era seguita con cura maniacale sia con lo sguardo sia con la punta delle dita.
Mi stirai, suscitando la sua attenzione, lo sguardo preoccupato sparì dal suo viso, mi osservò sorridente, chiedendomi se ero stanco, io negai con la testa, cercando di apparire convincente. Quell’uomo mi sconvolgeva: in quella sera così importante stava lì con noi a proteggerci, a prendersi cura come mai Orion aveva fatto, invece di occuparsi di quella gente certamente più importante che due mocciosi come noi, come di sicuro avrebbe fatto nostro padre.

    “Signore, perché noi non ci siamo materializzati qui direttamente dalla villa, mentre questi maghi possono materializzarsi tranquillamente sulla spiaggia?”.

Sherton sorrise capendo la mia confusione e mi guardò direttamente negli occhi:

    “Quando il signore di Herrengton non è nella tenuta, lascia eretta una protezione completa contro gli estranei: per questo abbiamo usato una passaporta per venire fin qui da Londra. Quando siamo entrati nel bosco, mi sono spogliato non per non sporcare le vesti ma per farmi riconoscere, attraverso i tatuaggi, così che la foresta si aprisse a me. Analogamente, la grotta di Serpeverde è accessibile a tutti solo dopo che il signore di Herrengton ha fatto il suo ingresso e ha tolto alcuni incanti: per tutti gli altri, fin quando non ho acceso i bracieri ed estratto gli stendardi, la grotta non solo era inaccessibile, ma era persino non individuabile. E sarà sempre così. Se ad esempio un giorno l’ultimo degli Sherton morisse senza indicare un successore e un custode, nessuno riuscirebbe più a trovare la grotta di Serpeverde, e tutta la tenuta di Herrengton pur sopravvivendo, per il resto del mondo sparirebbe nel nulla.”.
    “Ma siamo a una festa, signore, perché sono necessarie tante protezioni?”
    “Questo luogo detiene un grande potere, Sirius. Un potere che attira molti, benché non sia qualcosa che si possa acquisire con la semplice volontà, né con la forza. Purtroppo nel corso della tua vita avrai modo di comprendere che ci sono maghi innocui e maghi molto pericolosi, molti di questi sono tali non tanto per il potere che hanno, ma perché spesso non usano la razionalità nell’agire, ma solo l’istinto. Altri sono pericolosi perché conoscono solo alcuni tipi di magia, e si scordano del valore e della potenza della magia più grande.”
    “Qual è la magia più grande?”
    “L’amore. Ricordalo sempre Sirius, la magia più potente, quella che ti dà la forza di affrontare le situazioni difficili e sconfiggere anche i nemici più forti di te, è sempre l’amore.”

Mentre parlavamo, e i discorsi finivano in meandri che non avrei mai immaginato di affrontare con lui, la notte era quasi giunta al termine. Fu allora che udimmo degli schiocchi, più rumorosi di tanti altri che avevamo sentito fino a quel momento, tanto che persino Reg, ancora immerso nel sonno, si ridestò. Tra noi si materializzarono cinque maghi avvolti in pesanti mantelli neri, con i cappucci che nascondevano i visi ma che lasciavano intravvedere, nel mago più corpulento, una criniera biondissima, quasi bianca: a quell’apparizione Alshain serrò con determinazione la bacchetta, i suoi occhi divennero dei laghi oscuri, con i lampi delle ultime fiamme del bivacco che vi si specchiavano in modo sinistro. I nuovi arrivati si guardarono intorno, fino a che quello più grosso non mise a fuoco la figura di Sherton, quindi, mentre gli altri rimanevano in disparte, avanzò, con incedere imperioso, verso di noi: era molto alto, massiccio, completamente vestito di nero, elegantissimo, ostentatamente ricco, con un bastone da passeggio con l’impugnatura a forma di testa di serpente, molto simile a quella che avevo visto nelle mani di Alshain a Grimmaul Place, gli occhi d ghiaccio e una barba bionda, lunga fino alla cintola come i suoi lunghissimi capelli. Alshain si alzò, e per un attimo io sentii la morsa della paura attanagliarmi il corpo dallo stomaco alle gambe, temendo che quel mago fosse uno dei soggetti malvagi e pericolosi di cui mi aveva appena parlato, arrivato lì proprio per fargli del male, ma con sorpresa notai che sul viso del mio ospite comparve rapidamente un ampio sorriso, aprì le braccia e accolse con un abbraccio caloroso il nuovo arrivato, che nel frattempo si era ormai sfilato il cappuccio. Solo in quel momento forse frastornato dai racconti di Alshain, compresi che quello era soltanto Abraxas Malfoy.

    “Cugino, questa notte sei una visione per gli occhi! Come sempre del resto!”.

Alshain sorrise, era abituato ai complimenti dell’elegantissimo cugino Malfoy.

    “Deidra non è ancora arrivata?”
    “Ho visto i suoi segni, tra poco sarà qui. Vieni. Conosci già i figli di Orion, Sirius e Regulus Black, vero?”

Nostro padre aveva un rapporto d’odio-amore con Malfoy: titoli come “il maledetto bastardo” avevano risuonato innumerevoli volte lungo la scalinata di casa nostra, e per un bel pezzo furono all’ordine del giorno, all’epoca in cui diversi suoi affari sfumarono a causa dell’interferenza di quell’uomo. Ultimamente però avevano spesso fatto affari insieme, e ora che preferiva averlo come alleato invece che come avversario, i toni si erano notevolmente addolciti, ora nostro padre lo definiva addirittura “quel genio”, ma qualche volta, se riusciva a metterlo nel sacco a sua insaputa, lo irrideva dandogli dell’idiota. L’avevo visto più o meno di sfuggita diverse volte, ultimamente anche troppo spesso per i miei gusti, e ogni volta ne avevo percepito la pericolosità, i suoi occhi di ghiaccio erano come privi di vita, sembrava un serpente, come quello della grotta, temibile e pronto a colpire, ma soprattutto, ora, avevo idea che fosse davvero un individuo senza scrupoli, se persino Sherton mi era sembrato a disagio al suo arrivo. Abraxas ci diede la mano e sembrò quasi soppesarci, come se solo osservandoci fosse capace di penetrare nella nostra mente e scovare chissà quale segreto: nostra madre una volta ci minacciò di metterci nelle mani di un feroce legilimens, e per un momento mi percorse la schiena un brivido di fredda paura all’idea che quell’uomo fosse riuscito davvero a leggere quello che avevo pensato fin dal suo arrivo.

    "Sì, certo che ci conosciamo, anche se forse solo ora mi rendo conto di quanto assomigliate al buon vecchio Orion alla vostra età. Beh salutatemelo, ragazzi, e ditegli che presto andrò a fargli visita”.
    “Non ce ne sarà bisogno, Orion ci raggiungerà quanto prima, potrai parlarci di persona.”

Malfoy sorrise, viscido, Alshain guardò prima lui poi la nera figura che era rimasta in disparte a osservare tutta la scena, dopo che gli altri tre, che calatisi i cappucci riconobbi come Lestrange con i due figli, e lì un brivido mi percorse la schiena, fecero un segno di saluto a Sherton e si mischiarono alla folla dei maghi.

    “Abraxas…. Sono contento che sia qui anche Lucius, puoi dirgli che avrò piacere di riceverlo alla fine del rito, così chiuderemo quel discorso tra gentiluomini…”
    “Sarà da te appena lo vorrai, ora vado a salutare gli altri, a più tardi.”

Alshain annuì, si abbracciarono di nuovo, poi Malfoy raggiunse suo figlio. Sherton lo seguì con lo sguardo fino a che non arrivò a destinazione, si volse verso Slughorn, il vecchio sembrava aver visto bene tutta la scena, si avvicinò discreto fino a portarsi dietro il nostro ospite, nell’ombra si dissero poche parole, poi Alshain si volse verso di noi e ci affidò alle sue cure.

    “Mi raccomando, non allontanatevi dal professore. Horace li affido a te come fossero i miei, mi raccomando”.

Ci passò la mano sui capelli e ci baciò sulla fronte, poi con uno schiocco si smaterializzò.


*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine: ho scattato questa foto a Butt of Lewis durante le mie vacanze scozzesi (2014)

Ritorna all'indice


Capitolo 15
*** I.015 - HABARCAT - Mirzam ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.015 - Mirzam

I.015


Alshain Sherton
Herrengton Hill, Highlands - 18/21 giugno 1971


Hogwarts, Highlands - maggio 1949
Dal Lago Oscuro iniziavano a salire i primi rumori della natura al risveglio, la timida luce del sole, sorto da poco, filtrava basso tra i tronchi degli alberi, e mi accarezzava le palpebre, ridestandomi. Mi stirai appena e felice sentii, sotto il mantello, il corpo caldo e nudo ancora accoccolato di fianco al mio: era la prima volta che mi facevo cogliere dall’alba accanto alla ragazza con cui mi ero addormentato. Aprii gli occhi e subito mi specchiai nei suoi, verdi come l’Irlanda che l’aveva creata, non dissi una parola, semplicemente raggiunsi con le labbra quel naso deliziosamente lentigginoso, mentre con le braccia l’attiravo di nuovo a me. Come aderiva perfettamente il suo corpo al mio… non l’avrei mai lasciata andare...
    “Dobbiamo tornare al castello… o tra poco si sveglieranno tutti e si accorgeranno che abbiamo passato la notte nel bosco.”
    “E allora?”
La interruppi con un altro bacio carico d’inviti sottintesi mentre le mani percorrevano la sua schiena perfetta e con occhi divertiti sondavo i suoi, straordinariamente indomiti, come sempre.
    “Alshain Donovan Sherton…. Anche se ho passato la notte con te, io non sarò il tuo trofeo del mese di maggio, quella che esibirai e di cui tutti qui a Hogwarts parleranno finché non passerai alla prossima, quella…”.
Mi misi a ridere, quando s’infervorava per qualcosa, le sue lentiggini erano ancora più deliziose, se poi si accompagnavano a quello sguardo che prometteva atroci vendette… perché in quel momento quella leggiadra creatura, l’unico motivo per cui valesse la pena respirare, mi stava letteralmente fulminando con gli occhi, mentre con i pugni serrati cercava di scostarsi allentando la mia presa.
    “Mi spiace, Deidra Eavan Llywelyn, ma è inevitabile: tutti parleranno di te, e anche a lungo, e non perché questa mattina tutti si accorgeranno che hai accettato di seguirmi nel bosco, ma perché tu sei la prima e l’unica ragazza cui chiederò di sposarmi, tutti i giorni della mia vita, finché non ti avrò sfinita e avrò ottenuto il tuo sì….”


Rimestai la legna e mi voltai verso i miei ospiti, facendo cenno ai figli di Orion perché si sedessero vicino a me: quella sera non gli avrei raccontato una storia delle solite, ma qualcosa di completamente diverso. La storia di una nuvola e della sua stupida vanità di purosangue…

***

74, Essex Street, Londra - novembre 1949
    “Mia piccola strega intrigante, cosa tieni nascosto dietro alla schiena? Sai bene che le tue vesti non sono un nascondiglio sicuro, se il tuo rivale sono io…”
La risata di Deidra echeggiò nell’austera dimora dei Meyer, al 75 di Essex Street, mentre fuggiva per le scale; io la raggiunsi divorando i gradini con un paio d balzi e, come sempre, l’avviluppai tra le mie braccia, intrappolandola proprio di fronte alla stanza in cui ero nato, nella casa dei miei nonni.
    “Allora… che… cosa… nascondi... là… dietro…”
Ogni parola era un bacio che si andava stampando un po’ ovunque, visto che Dei continua a ridere e a divincolarsi; alla fine riuscì a portare le mani sul mio viso e mi accorsi che aveva gli occhi lucidi… Mi si strinse un attimo il cuore: perché era triste? Avevo mancato forse in qualcosa, senza accorgermene?
    “Seguimi…“
Mi prese per mano e mi trascinò dietro di sé, nella mia vecchia camera, mentre oramai ero nella confusione e nella paura più totali: la stanza, in cui non entravo da tempo, era sempre la mia, eppure c’era anche qualcosa di diverso, una presenza e un'atmosfera diversa, qualcosa che non capivo…
    “…Ti sta bene se tuo… se nostro... figlio... occupasse la tua stanza?”
Il mio cuore esplose in una miriade di stelle: quelle che illuminavano il firmamento erano nulla rispetto a quelle che mi pulsavano nello stomaco. Salazar! Avevo sentito bene?
    “Vuoi… vuoi dire che … vorresti mettere in cantiere un bambino... insieme… con me?”
    “No, non con te, borioso principe scozzese, no… ma col mio amore, con lui sì… e non è solo che lo vorrei, Al, è che l’abbiamo già… è già qui, tra me e te…"
Mi prese la mano e se la portò al ventre… Non potevo crederci, avrei avuto un figlio… Il mio primo figlio…


Sirius e Regulus erano appena andati a dormire, Kreya mi aveva confermato che era tutto a posto, mi tolsi gli occhiali, chiusi il libro che ormai da qualche minuto fingevo d leggere, spensi il fuoco nel caminetto con un colpo di bacchetta e scesi diretto alla torre ovest, nelle stanze in cui erano conservate le vestigia del passato. Appoggiai le mani sul legno antico, facendomi riconoscere attraverso le rune e, senza chiavi o incanti, entrai.

***

Herrengton Hill, Highlands - 20 maggio 1950
Erano due anni che non mettevo piede a Herrengton.
    “Non sei più persona gradita nella mia casa!”
Mi aveva detto questo mio padre, quando aveva deciso di cacciarmi. Eppure avevo deciso di affrontarlo a viso aperto perché, anche se quel fatto non poteva cambiare nulla tra noi, non volevo affidare la notizia a un freddo scarabocchio d’inchiostro sulla carta. Inoltre mia madre riposava in quelle terre ed io volevo dirglielo di persona, a qualsiasi costo: era già difficile stare a kilometri di distanza, non poter mai portare un fiore sulla sua tomba. Io dovevo farglielo sapere… Si era appena fatto giorno quando Doimòs mi vide all’ingresso del cortile delle rose, completamente fradicio, sotto la pioggia battente, si mise a urlare tutto entusiasta e mi strappò un sorriso: faceva sempre così, da quando non ero altro che un ragazzino, ogni volta che tornavo a casa. Ma al contrario delle altre volte, non potevo seguirlo, senza prima avere il permesso di mio padre. Poco dopo, invece di vederlo tornare con un sorriso triste sul volto e un NO come risposta, vidi proprio lui, il mio vecchio, apparire nella sua piena magnificenza entro la cornice di pietra del portale, l’espressione dura illuminata da un tono di sorpresa e curiosità, trattenute a stento. Sapeva. Mi conosceva bene, mi aveva cresciuto incapace di piegarmi per chiedere perdono o ottenere un favore, se ero lì doveva essere per qualcosa di davvero importante, presi sicurezza e mi avvicinai, inchinandomi davanti a lui, prendendogli la mano con l’intenzione di baciargli l’anello com’era d’obbligo per chiunque fosse delle Terre del Nord ma non fosse di famiglia, qualora fosse al cospetto del Signore di Herrengton. Non me lo permise, m’invitò invece ad alzarmi, mi guardò negli occhi, scrutandomi, come se volesse carpire tutta la verità su quegli anni in cui ci eravamo allontanati… alla fine non potei fare a meno di abbracciarlo e lui annullò tutto il gelo che era tra noi e mi riaccolse, senza chiedere nulla, senza mettere condizioni. Mi baciò la guancia, io avvicinai la bocca al suo orecchio e gli dissi il motivo per cui ero lì. Allora tutto il male, tutto l’odio, tutte le incomprensioni si sciolsero nelle nostre lacrime di felicità.
Perchè quel 20 maggio 1950, alle 3 del mattino, Mirzam Alshain Sherton era venuto al mondo…


Estrassi la spada di Hifrig dalla teca di vetro, la lama affilata aveva protetto la nostra gente per secoli, ora dopo generazioni tornava nelle mani di uno Sherton nel giorno più importante della sua vita, quello della consacrazione al Cammino del Nord. L’ammirai, facendo scivolare con cautela la mano lungo il freddo metallo. Per un giorno intero, non sarebbe stata solo un bel ricordo del passato, spada e braccio si univano di nuovo nella lotta. Alla forza e precisione di quella lama stavo per affidare la vita di mio figlio.

***

74, Essex Street, Londra - aprile 1954
    “Noooooo… Voglio salire anch’io sulla scopa!”
    “Tesoro, tu ce l’hai già la scopa…”
    “NO! Io voglio una scopa vera, come quella di papà!”
Risi, mentre mi perdevo nella figura affascinante di mio figlio che, affondato tra le coperte, faceva impazzire mia moglie, dimostrando tutto il carattere impossibile di un vero Sherton: la voce gli usciva ancora impastata, il naso era ancora rosso e gli occhi po’ febbricitanti, ma il cipiglio di famiglia era comunque intatto. Mi avvicinai al suo letto con ancora in mano la scopa e il boccino che avevo catturato ponendo termine alla partita. Dei mi rivolse uno sguardo implorante aiuto. Sorrisi. Mirzam si tirò su di scatto dalle coperte e mi si slanciò al collo, era un pulcino, un pulcino di quasi quattro anni, l’orgoglio di tutti noi, con quegli occhi di luna e i capelli ancora straordinariamente chiari.
    “Questo è un anticipo per il tuo compleanno, Mir: ora se fai il bravo, non fai impazzire la mamma e te ne stai qui al calduccio sotto le coperte finché non ti sei rimesso del tutto, ti prometto che per il tuo compleanno avrai anche una vera scopa. Ci stai?”
Gli spettinai appena i capelli, mentre Dei seduta sul letto al suo fianco prese il boccino come se fosse un’ancora di salvezza e glielo porse, strappandogli un sorriso solare sul faccino smunto dall’influenza. Fece di sì col capo, il primo di una lunga serie di patti era siglato. Mir si placò all’istante, si rimise buono sotto le coperte e Dei gli sistemò la riversina con cura, poi tornò a sedersi accanto a lui. Io mi rincantucciai sulla poltrona vicino alla finestra, al suo fianco, con un libro di fiabe in mano. Per tutta la vita non m ero mai chiesto cosa fosse la felicità, avevo tutto e non mi ponevo nemmeno il problema, avanzavo tra le cose e le persone come se tutto mi fosse dovuto, senza apprezzare niente, ma ora sapevo senza ombra di dubbio di cosa fosse fatta la felicità vera, si era appena ricomposta davanti ai miei occhi, come tessere di un puzzle, attorno a quel letto. Un figlio, una madre e un padre, che leggevano fiabe sognando una scopa da Quidditch: era questo solo questo, in fondo, la vera felicità.


Mi rimaterializzai all’ingresso della torre di guardia, la notte era oscura, ci avvicinavamo al novilunio, la foresta poteva avvantaggiarsi anche di quell’aiuto dal cielo, mi affrettai a entrare, non c’era tempo da perdere, salii rapido fino all’ultimo piano, bussai appena e entrai, senza attendere il permesso.

***

74, Essex Street, Londra - giugno 1958
Alzai al cielo la mia mano sinistra, mostrando a tutti il boccino appena catturato, anche i Tornados erano stati battuti, il campionato di fatto oramai era nostro. Johnny Fiztgerald, Digsy Cameron e Rodney Stenton mi furono subito addosso per portarmi in gloria, ma i miei occhi corsero alla tribuna, per intercettare lo sguardo di Dei e le urla di Mirzam dagli spalti… Non li avevo visti mentre ero in campo, era impossibile che mi fossero sfuggiti, ma la partita era stata breve e concitata, e forse… invece restai deluso… Perché Dei e Mir non erano lì come sempre a sostenermi?Una inquietudine strana mi prese allo stomaco, all’improvviso anche i festeggiamenti doverosi mi davano noia e fastidio. Qualcosa non andava, Dei non aveva mai mancato una mia partita da quando stavamo insieme e Mirzam aveva pregato per due settimane per potermi vedere, quell’anno era stato così impegnativo per me che spesso ci vedevamo solo alla fine della partita e il giorno seguente. E a questo si aggiungeva la sua evidente gelosia per il bambino che presto sarebbe nato.
    “Vieni Al, Robbins ha promesso venti casse di firewhisky per festeggiare subito negli spogliatoi…”
    “No Rod, mi spiace, non prima di aver ritrovato mia moglie…”
    “Sarà dentro con gli altri, dai! Non avrai deciso di fare il musone proprio oggi?”
    “No ti dico”
Filai rapido negli spogliatoi, quasi gettando a terra chiunque mi fosse di fronte, presi la bacchetta e feci un incanto di pulizia e asciugatura rapida, m vestii e ripresi la mia scopa, nessuno, di quanti avevo interrogato, aveva visto l’ombra di Dei e Mir.
    “Ma così si fa? Sei il re della festa e scappi come un ladro?”
    “Devo tornare a casa… sento che è successo qualcosa…”
    “Tutte scuse, dillo che vai a festeggiare in privato a casa tua! D’altra parte con una moglie come quella nessuno di noi starebbe qui a festeggiare negli spogliatoi….”
    “Sì, sì, molto divertente…”
Li lasciai ai loro schiamazzi, e con uno schiocco mi materializzai a Essex Street. Di Dei non c’era traccia, cercai ovunque un segno di cosa fosse successo, invano, tutto faceva supporre che fossero partiti per vedere l’incontro come da accordi: perché allora non erano allo stadio? Presi gli specchi comunicanti di mio padre per chiamarlo, poteva scoprire qualcosa guardando nelle sue pietre, ma non ce ne fu bisogno, un piccolo gufetto malandato che non avevo mai visto prima, apparve alla finestra della mansarda, portando un messaggio
    “Deidra e Mirzam sono al San Mungo, vieni prima che puoi. Eileen Prince.”
Non mi diedi nemmeno il tempo di farmi prendere dagli abissi della disperazione. Mi smaterializzai all’istante.


Mirzam era in piedi accanto alla finestra, in attesa, i bei capelli raccolti in una coda, abiti comodi a strati, per affrontare il caldo e il freddo, uno spolverino a proteggerlo anche dalla pioggia, lo sguardo di chi è pronto per le ore d’inferno che lo attendevano. Come facevo a non essere orgoglioso d lui in quel momento? Erano ventuno anni che aspettavo quel giorno, il giorno in cui avrei presentato a Herrengton la mia creatura, il giorno in cui mio figlio si staccava per sempre da me per iniziare davvero la sua vita di uomo
   
    “Padre!”

Lo abbracciai, era alto quasi quanto me, ormai. Decisi di dirgli subito le cose impersonali, ammantandole d’importanza, perché in quel momento sarei stato capace di mostarmi fragile, di manifestare le mie emozioni e quello non era proprio il momento di lasciarsi andare.

    “Credo di averti detto tutto, Mirzam, sai quali sono le condizioni, conosci i rischi, più o meno hai un’idea di cosa ti aspetta durante e alla fine della prova, voglio solo ricordarti che puoi ancora scegliere di non farlo, non è obbligatorio, nessuno direbbe nulla se…”
    “Io sono tuo figlio, ho sempre beneficiato di questo, di ciò che tu e la nostra terra mi avete offerto, ora è giusto che anche io dimostri di saper affrontare l’anima di Herrengton, perché solo così la saprò difendere un giorno, se fosse necessario.”

Lo abbracciai ancora più forte.

    “Lo so, l’ho sempre saputo, da quando ti ho preso in braccio la prima volta…”

Osservai con attenzione quegli occhi color della luna, l’unica eredità della nostra antenata Malfoy si era concretizzata proprio nel mio primogenito: davvero bizzarro.

    “Ora ti smaterializzerai nella grotta della Sorgente, lì prenderai quello che t serve, ti ho lasciato anche la spada di Hifrig, potresti averne bisogno. Non so quali creature il Consiglio del Nord ha liberato nella foresta, quelle autoctone le conosci e sai affrontarle, le altre, credo di averti preparato almeno teoricamente… Mi raccomando, qualsiasi cosa accada, non farti aiutare dai centauri, quando è toccata a me per poco non sono finito nello strapiombo per le loro folli indicazioni.”

Annuì e mi sorrise, per anni mi aveva fatto raccontare quella storia e altre simili prima di addormentarsi.

    “Ma la scopa posso portarla, vero?”

Sorrisi…. Era esattamente la stessa domanda che avevo fatto io a mio padre a suo tempo, non glielo avevo mai detto: come faceva a saperlo?
   
    “Puoi portare tutto quello che vuoi, Mir, tranne la bacchetta, sai che sarebbe inutile e dannosa in questa prova…”

Lo baciai e lo guardai annuire, poi con uno schiocco si smaterializzò davanti ai miei occhi. Strinsi le mani quasi a ferirmi, avrei voluto poter andare con lui, difenderlo come avevo sempre fatto… Un senso di vuoto sconosciuto mi stringeva lo stomaco. Non era più mio. Da quel momento non era più un figlio, ma un uomo.

***

Ospedale San Mungo, Londra - giugno 1958
    “Che cos’è successo?”
    “Babbani, dei maledetti criminali babbani…”
    “Babbani? Che cosa vuoi dire Eileen, che cosa c‘entrano i babbani? E come stanno mia moglie e mio figlio?”
    “Dei è stata gettata a terra …”
    “Salazar… Dei è incinta… Cosa ne è del bambino?”
    “Non lo so… Davvero Al, non lo so… so solo quello che ho visto: tua moglie a terra, tuo figlio che si lanciava contro uno dei due per difenderla e quello che lo colpiva con almeno tre coltellate… Non sapevo nemmeno che fossero loro, io… ho estratto la bacchetta di nascosto e …”
    “Oh, Eileen…”
    “Stai tranquillo, Alshain, vedrai che si sistemerà tutto, vedrai...”
Mi abbracciò, cercando di farmi coraggio, mentre io perdevo tutta la forza e la speranza su quella poltrona in sala d’attesa… Merlino santissimo!, Quanto era grave la situazione? E come avevano fatto i babbani a vederli e attaccarli? Mi rialzai, mi sentivo una belva in gabbia, nessuno sapeva ancora darmi una risposta, persi il controllo e devastai la vetrina della sala d’attesa, spaccandoci addosso il tavolino e tagliandomi il palmo della mano. Alla fine dopo ore interminabili, il Medimago uscì, dicendo che Dei e il bambino erano fuori pericolo, l’avrei potuta vedere anche subito, Mirzam invece era ferito gravemente e le sue condizioni erano ancora incerte.
    “Al vedrai, ce la farà anche lui, è forte, è tuo figlio…”
Ero di ghiaccio: avevo sempre pensato che tutto mi sarebbe sembrato semplice, una volta che fossi stato assicurato sulle condizioni di Dei, e invece non… non mi sentivo nemmeno sollevato, perché il pensiero di Mirzam ferito era... Merlino, perché non me ne ero mai reso conto? Era questo, quindi, il vero significato di essere un padre? Questo soffocamento e questa cupa disperazione al pensiero che non l’avrei più avuto al mio fianco? Al pensiero che non ci sarebbero più stati progetti con lui? Non gli avrei più insegnato a salire su una scopa, né l’avrei portato con me a conoscere e amare la nostra terra? Non ci sarebbe più stato il mio Mirzam, a cui insegnare quello che avevo capito del mondo, del nostro mondo, da crescere come me contro i pregiudizi e i limiti che il resto del mondo ci imponeva? Ero annichilito. Mai nella mia vita mi ero sentito così, mai.
Eileen m guardava smarrita, probabilmente ai suoi occhi ero irriconoscibile.Mi feci forza e recuperai la mia maschera.
    “Ti ringrazio, davvero, comunque andrà a finire questa storia, Eileen, sappi che oltre a essere amici, ormai io sarò sempre in debito con te, perché non avrò mai da darti quanto mi hai appena ridato tu… Di qualsiasi cosa tu debba aver bisogno, io e Dei saremo sempre al tuo fianco… non dimenticarlo mai…”
    “Non è per questo, lo sai…”
    “Lo so, ma voglio che tu ne tenga comunque conto, Eileen…”
Mi accompagnò fino alla stanza di Dei, ma non volle entrare, ci abbracciammo sulla porta, regalandomi un timido sorriso di incoraggiamento.


Sirius era esattamente dove immaginavo si trovasse: in bilico sul crinale più pericoloso di tutta la tenuta. Da quanto sapevo di lui da suo padre, non ne rimasi stupito, e mi dissi che avevo fatto bene a innalzare le difese di Herrengton appena Mirzam era partito, quella notte. Amavo Orion, era più che un fratello per me, ma era evidente che con i suoi figli era un perfetto incapace. Mi dispiacque per lui, ma appena guardai quel ragazzino negli occhi, capii che i miei progetti sarebbero andati in porto molto più facilmente del previsto, proprio grazie all’inettitudine del mio migliore amico. Tutto iniziava in quel momento, mentre tendevo la mano e l’anello finalmente tornava a casa. Sirius Black non poteva sapere, ma mi aveva appena aiutato a dare scacco ad un re. Ed ora la caccia era aperta.

***

King's Cross Station, Londra - 1 settembre 1962
    “Mi raccomando, Mirzam, quest’anno cerca di dar retta ai professori e pensa anche a studiare, non solo a svolazzare sulla scopa!”
Mio figlio più grande mi rivolse un’occhiata che prometteva solo monellerie e subito mi sfuggì dalle mani per andare ad abbracciare il suo grande eroe, Rodolphus Lestrange. Dei sospirò, quel ragazzino, a parte la scelta delle amicizie, ogni giorno diventava più simile a me: di certo nel giro di nemmeno un anno sarebbe entrato come cercatore nella squadra delle serpi, e appena finita la scuola, nel Puddlemere, al mio posto, perché nemmeno io ero così bravo alla sua età. Sul binario 9 e 3/4 incrociammo Cygnus, sua moglie e le sue figliolette, quell’anno entrava ad Hogwarts anche Bellatrix, la maggiore: anche se quelle fantasie non mi piacevano troppo, perchè amavo la libertà e la desideravo anche per loro, tante volte mi ero già ritrovato a immaginare un futuro in cui Mirzam e Rigel erano sposati a due delle sorelle Black e la mia piccola Meissa… beh per lei avevo sempre pensato al figlio di Orion, appena i MediMaghi mi avevano detto che straordinariamente era nata una bambina, quanto aveva festeggiato il mio vecchio a quella notizia… Tormai al presente, era un peccato, sì, davvero un peccato che Orion non fosse lì, che avesse avuto un figlio così tardi rispetto a me: sarebbe stato bello se i nostri ragazzi fossero diventati amici come eravamo noi due… Avrebbero potuto fare grandi cose insieme.


Il rumore inconfondibile di un cervo che si muoveva guardingo nella boscaglia mi richiamò al presente, lanciai un petrificus a fior d labbra, la bestia rimase immobile e indifesa. Mi avvicinai e vidi i suoi occhi terrorizzati, l’unica cosa ancora viva in quel corpo “Non voglio ucciderti, stai tranquillo, mi serve solo un poco del tuo sangue…”. Sangue. A volte mi sentivo un vampiro… il pensiero tornava sempre e solo sangue… Me lo caricai sulle spalle e invitai i ragazzi a seguirmi, ormai era tutto pronto, tra poche ore tutto sarebbe finito… Sempre e solo sangue…

***

Amesbury, Wiltshire - gennaio 1971
    “Andromeda è molto affascinante e non ha i grilli per la testa che ha sua sorella. Sono felice della tua scelta, Mir, davvero. Andrò a parlare con suo padre oggi stesso, non ci sono problemi.”
    “A dire il vero… io credo che un problema ci sia...”
    “Un problema? Di che genere? Non credo che Cygnus possa lamentarsi della proposta che vorresti fargli…”
    “Rigel dice che ci sono strane voci a scuola. Anche Rodolphus dice che …”
    “Di cosa stai parlando?”
    “Se hai notato, durante le feste di Natale, Meda non era mai con gli altri Black… Non credo siano solo voci…”
    “Di grazia, mi spieghi cosa vorresti dire? Lo sai che non amo i pettegolezzi e non m’interessa approfondire queste cose, ma la situazione cambia radicalmente se d mezzo ci sei tu….”
    “Alcuni dicono che Meda abbia fatto amicizia con un nato babbano. Persino sua sorella Bellatrix lo dice.”
    “E quindi? Mirzam… per favore… tu sei mio figlio, non il figlio di Lestrange o di Black, mi pare di averti già insegnato la differenza tra amicizia, che per noi Sherton è sempre lecita, e gli altri rapporti, che invece sono leciti solo con determinate famiglie...”
    “Io credo sia qualcosa di più di un’amicizia lecita…”
    “Se lo ritieni possibile… allora non so a cosa serva questa conversazione: perché continui a curarti di lei se pensi stia con un SangueSporco? La questione, dovrebbe essere chiusa, a questo punto, nn credi?”
    “Io penso a lei da … dalla fine della scuola… è così bella… e… non è una idiota come le sue sorelle e la maggior parte delle altre ragazze serpeverdi che ho conosciuto a scuola, che mi ronzano intorno solo perché sono tuo figlio…”
    “Non è comunque un motivo sufficiente per impelagarsi in una situazione dubbia… Tra l’altro hai appena vent’anni, non è urgente programmare un tuo matrimonio, mi pare, hai tutto il tempo per trovarti una ragazza migliore di lei… Salazar… ora inizio anche a capire perché Walburga ci teneva tanto a incastrarti… lurida...”
    “Tu non capisci… io…”
    “Questo discorso è chiuso, Mirzam, come non vorrei quella pazza di Bellatrix in giro per casa, tanto meno potrei lasciare che una ragazza discutibile sia la moglie dell’erede di Hifrig… ti rendi conto che se ora andassi da Cygnus, è più che naturale che te la rifilerebbero bella e infiocchettata…”
    “Questo lo so…. Infatti io… ormai è da un pezzo che ci ho messo una pietra sopra, ma devo sapere la verità, lo capisci? Non posso vivere col dubbio che siano solo voci… se non fosse vero, io avrei rinunciato a lei per niente…”
Lo guardai, mentre bevevo del Whisky babbano con indolenza….
    “Tu non hai rinunciato a niente Mirzam, se fosse amore, a quest’ora m avresti già atterrato con un pugno per gli insulti che le ho rivolto, infischiandotene delle conseguenze… se fosse davvero amore, non te ne importerebbe niente del sangue, delle chiacchiere, della terra a cui dovresti rinunciare per lei…. Assolutamente niente! Non staresti qui a chiedermi di andare da suo padre per sapere la verità, saresti già alla sua porta, e lo chiederesti a lei, guardandola negli occhi, fregandotene dei pettegolezzi che ne nascerebbero….”
    “Io non sono te…”
Lo guardai con un sospiro. E risi degli scherzi del destino.
    “Sì, purtroppo me ne sto rendendo conto…”


Con uno schiocco Malfoy e Lestrange, accompagnati dai rispettivi figli, apparvero sulla spiaggia, io serrai la mano sulla bacchetta, che già stavo studiando attentamente da un po’. Tirai fuori la mia facciata migliore, da bravo padrone di casa. Probabilmente quella era l’ultima volta che ci vedevamo tutti e tre lì, in apparente amicizia. Presto non sarebbe stata più solo una vecchia rivalità, ma le sponde opposte della vita a dividerci. Sapevo che stavano tramando contro di me, almeno quanto io stavo tramando contro di loro. sorrisi tra me… Ma solo io avevo capito che comunque avessimo giocato quella partita, l’unico a uscirne vincitore sarebbe stato uno sporco Mezzosangue. Mi alzai e andai incontro ad Abraxas Malfoy.

    “Cugino, questa notte sei una visione per gli occhi! Come sempre del resto!”…

***

Herrengton Hill, Highlands - 21 giugno 1971

Mirzam era finalmente di fronte a me, completamente avvolto nel mantello rituale: mi avvicinai e secondo il rito, gli chiesi chi fosse, cosa volesse da Salazar e cosa fosse disposto a donare a Herrengton per ottenere ciò che aveva chiesto. Rispose nella lingua dei nostri padri, dicendo il proprio nome druidico, il nome della sua famiglia, dei suoi genitori e dei suoi fratelli, offrì il proprio cuore a Herrengton chiedendo in cambio il sostegno dei padri e della madre terra perché lo aiutassero a vivere unendo razionalità e coscienza. Recitai una preghiera antica, dopodiché sollevai leggermente il cappuccio che nascondeva il volto di mio figlio, posando le labbra sulla sua fronte, sugli occhi bendati, sulle orecchie, sulle labbra, e mi chinai a baciargli il petto all’altezza del cuore. Presi il pugnale, incisi con la mano sinistra il mio palmo, presi la mano sinistra di mio figlio, l’incisi a sua volta e unii i palmi. Rigel versò da l’acqua di Herrengton sulle mani unite e bevemmo quello che rimase nel contenitore. Quando poi si avviò la cerimonia al cospetto di tutti i maghi, Mir, accanto a me sotto il serpente di pietra, bruciò le piante che avevamo raccolto io e i figli di Orion, mischiò gli ingredienti con i pestelli mentre i due vecchi maghi incisero con una sottile lama uno degli zoccoli del cervo, facendo scorrere poche stille di sangue nel composto. La bestia fu quindi lasciata andare, riguadagnando la libertà, come le avevo promesso. Preparato il composto che aveva al tempo stesso funzioni rituali e lenitive, porsi il bastone ai maghi, estrassero la testa argentea del serpente e la bagnarono nel miscuglio, tolsero il mantello a Mir, sollevando il velo che lo copriva fino al torso, e lì notai immediatamente i graffi e le unghiate, forse aveva affrontato un orso, proprio come me 19 anni prima. I vecchi incisero la runa a pochi centimetri dalla base del collo, giù fino alla V rovescia che segna l’attaccatura inferiore delle costole: appena la testa di serpente fu messa a contatto della pelle, il disegno prese forma, come se fosse stato già tracciato, senza che la mano del vecchio dovesse intrattenersi a fregiarlo. L’inchiostro magico si diffuse seguendo nitido e sicuro il disegno invisibile e apparirono le righe e le ali ricurve sulla pelle di mio figlio che, naturalmente, non proferì verbo. Anche se per esperienza sapevo quanto quelle tracce che incidevano la carne e quel liquido che andava a mischiarsi al suo sangue provocassero un dolore indicibile. Quando il disegno fu completato, la grotta ormai si stava illuminando delle prime luci del nuovo giorno. Mirzam aveva appena pagato il suo primo vero debito di sangue a Herrengton.
Ora c'era solo una giornata di stupide e false chiacchiere e un' inutile festa.


*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 16
*** I.016 - HABARCAT - Estate a Sherton Manor (1) ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.016 - Estate a Sherton Manor (1)

I.016


Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - mer. 23/24 giugno 1971

Nei giorni successivi il solstizio, mio fratello ed io ci accorgemmo rapidamente che gli Sherton erano quanto di più lontano dalla famiglia Black potesse esistere sulla faccia della terra: se Alshain ci aveva conquistato già da tempo con il suo modo di fare avventuroso e affascinante, sua moglie si dimostrò da subito la persona più dolce e gentile che potessimo immaginare, l’incarnazione stessa del concetto di madre. Era bella, regale, una vera principessa Slytherin, trasudava nobiltà ed eleganza da qualunque gesto, riusciva a rendere speciale anche un vestito semplice, adatto alla quotidianità della sua casa, e appariva magnificente e meravigliosa anche quando non si ricopriva di gioielli: riusciva a farci sentire al cospetto di una dea, senza averne anche l’altezzosità e la crudeltà, qualità che ero abituato ad associare alle streghe Slytherins, almeno basandomi sull’esempio delle donne di casa Black. Deidra era originaria dell’Irlanda settentrionale e faceva parte dell’antichissima famiglia purosangue dei Llywelyn: era coetanea di Alshain, si erano conosciuti a Hogwarts, dove entrambi erano stati nella casa di Salazar. Alta e sinuosa, con i lunghi capelli rossi, leggermente mossi, che le incorniciavano un viso delicato, perfetto come porcellana, punteggiato da timide efelidi, aveva gli occhi più verdi degli smeraldi di Alshain, lunghe ciglia castane che li ombreggiavano, le labbra rosse e turgide, che nascondevano un sorriso perfetto; aveva la freschezza di una ragazzina, come se in quella famiglia avessero fatto tutti un patto con qualche forza della natura affinché il tempo passasse per loro più lentamente. Anche con i figli l’esperienza fu da subito positiva. Rigel Sherton, tredici anni da compiere in autunno, secondo anno appena concluso a Hogwarts, nuovo cercatore della squadra di Quidditch di Serpeverde, alto già fino al mento di suo padre, occhi azzurri, capelli neri tagliati al collo, quindi corti rispetto ai canoni familiari, era fisicamente la copia perfetta di Alshain alla sua età. Ci trattò esattamente come mi aspettavo dopo quel primo fugace incontro invernale: non solo da amici, ma da fratelli. Era il ragazzo più vitale che avessimo mai conosciuto, brillante, appassionato di sport e di musica, ci confidò di essere persino in procinto di debuttare con il suo gruppo musicale, a Hosmedge, non appena avesse trovato il locale adatto. Mirzam ridendo disse che suo fratello era la copia, in tutto e per tutto, del loro vecchio, pronto a sfruttare qualsiasi talento scoprisse di avere solo per far turbinare i cuori delle ragazzine della scuola. Rigel non negò, anzi ci invitò a unirci a lui al nostro ingresso nella mitica scuola. Dovevo ammettere che l’idea di entrare a Hogwarts, nei mesi precedenti, da un lato mi aveva dato speranza, perché era piacevole la prospettiva di una fuga da casa lunga almeno sette anni, d’altra parte mi aveva provocato spesso ansia e preoccupazione: immaginavo una specie di carcere, almeno da quello che si deduceva dalle descrizioni di mia madre, ma ora, stando a Herrengton, quello spettro sembrava essersi disperso nella tenue luce dei mattini scozzesi. Addirittura non vedevo l’ora di andarci: non mi ero mai reso conto dei vantaggi che conseguivano dall’essere un Black, solo stando a Herrengton capii che non era solo una circostanza nefasta, come mi appariva dal loculo che era la mia camera, ma che la mia famiglia, in fondo, era una delle più rispettate e il nostro uno degli ingressi più attesi a Hogwarts in generale e a Serpeverde in particolare.
Passammo quei primi giorni per lo più a Cape Ham, una magnifica radura che si apriva sul mare, a imparare l’arte del volo, usando i manici che di certo non mancavano in quella casa e assistendo alle performance di quei ragazzi che a caccia del boccino erano delle vere e proprie forze della natura. Non avevano ancora la classe e il fascino del loro padre, e a inventare storie non erano altrettanto bravi, ma rimediavano facilmente raccontandoci molte avventure che avevano come scenario abituale i sotterranei di Serpeverde e come trama i divertenti dispetti che gli slytherins mettevano in atto contro i griffindors. Avevo rapidamente imparato a stare sulla scopa senza tanti problemi, sostenuto dallo sguardo compiaciuto del nostro mentore, oltre che dai fischi d’incitamento dei ragazzi: mio fratello dimostrò da subito una particolare propensione alla caccia al boccino e Rigel ne era davvero entusiasta, perché sapeva che nel giro di pochi anni Serpeverde avrebbe avuto bisogno proprio di allevare un cercatore nuovo, ed era il caso di scoprire un talento fin da subito. Io non rivelai doti particolari, ma vista la mia pigrizia, non mi vedevo impegnato in estenuanti allenamenti alle prime luci dell’alba, per cui non mi rammaricai più di tanto nel rendermi conto che, forse, nel mio rapporto col Quidditch, sarei rimasto soprattutto un appassionato tifoso. E comunque era ancora tutto da dimostrare: personalmente mi sentivo portato per fare il cacciatore, o meglio ancora, il battitore, sghignazzai al pensiero di quanti avversari avrei potuto “legalmente” atterrare. Il nostro battesimo della scopa era stato deciso già il secondo giorno dopo il solstizio: eravamo partiti tutti insieme, Alshain, i suoi tre figli, mio fratello ed io, per una scampagnata di due giorni fino a Cape Ham. Meissa camminava sempre dieci passi davanti a noi, ma a volte tornava indietro per parlare con Mirzam, ignorando totalmente Rigel e noi Black. Mi sembrava che la sua voce fosse più squillante di quanto ricordassi e, soprattutto, suscitava in me un senso di gioia e serenità solo a sentirla, ed anche conciata come una piccola selvaggia, manteneva la grazia con cui vestiva quei begli abiti con cui l’avevo conosciuta l’inverno precedente in Inghilterra. Vederla muoversi tra quei boschi dimostrava quanto fosse la perfetta figlia di Sherton: era una specie di amazzone in miniatura, capace di farci fare una figura miserrima, vista la velocità con cui si muoveva tra gli ostacoli, la resistenza alla fatica, la rapidità con cui trovava le radici e le foglie richieste da suo padre. Mi consolai pensando che quello, in fondo, era il suo mondo, non il mio, e che aveva nel sangue, dalla nascita, tutto quello che io avevo appena iniziato a conoscere. Con questi pensieri rassegnati stavo rientrando alla base con solo la metà delle piante richieste da Alshain, sudato e afflitto, al termine della prima giornata di viaggio, quando sentii una mano sulla mia spalla: era lei, si era avvicinata silenziosa come un fantasma e quasi, dallo spavento, feci cadere tutto.

    “Non sei male, Black, la pianta di mola è difficile da trovare sui crinali esposti a questi venti, ma hai avuto fortuna, a volte serve più quella che l’esperienza, possiamo fare uno scambio?”

La guardai stupito, non credevo, in virtù della nostra vecchia scommessa, che mi potesse proporre uno scambio così vantaggioso: mi offriva tre delle piante che mi servivano in cambio di una sola pianta di mola. Feci un cenno d’assenso con il capo, e atteggiai la bocca a una smorfia che voleva essere un sorriso, senza riuscirci. Fatto lo scambio, cercai di essere gentile e ringraziarla, ma lei mi aveva già lasciato indietro, impegnata a scovare tra i cespugli l’ultima radice che le serviva per completare la raccolta. Quella sera mangiammo la selvaggina che Mirzam e mio fratello erano riusciti a catturare, un paio d lepri di Mirzam e una piccola quaglia di Reg: per i nostri standard era un vero miracolo, perché prima di allora, avevamo avuto difficoltà persino a catturare Sebast, il vecchio gatto pigro di nostra madre. Alshain aveva montato la tenda, che stavolta aveva due ingressi e due zone non comunicanti, una per noi ragazzi e una per sua figlia, lui invece dormì con Mir intorno al fuoco, dopo essere rimasto per ore a parlare con lui fitto fitto sotto le stelle. Fu durante quella cena che iniziammo a parlare di Quidditch e del Puddlemere United, la nostra squadra del cuore, in particolare, con enorme soddisfazione di Alshain, che vi aveva giocato per anni; Alshain e Mirzam, a distanza di venti anni, erano stati entrambi cercatori per la squadra di Serpeverde, riportando la conquista di due coppe della casa a testa. E ora Rigel era avviato sulla stessa strada.

    “Credo di aver visto una foto di nostro padre, che festeggiava la vittoria con lei, signore, lui aveva in mano la scopa e lei teneva la coppa.”.
    “Ah sì, ho capito di quale foto parli, era la prima coppa che ho vinto da cercatore, avevo appena sedici anni e Orion diciotto, finiva gli studi quell’anno. È stato un bel modo per festeggiare una fine e un inizio. L’anno successivo diventai capitano della squadra di Serpeverde e riportammo una seconda vittoria, l’ultimo anno invece, non ho combinato granché, avevo impegni più importanti.”.

La voce gli morì in un sorriso enigmatico, guardò Mir e vidi un’espressione che non dimenticherò mai più, Mirzam sorrise e lo guardò a sua volta, complice, anche Meissa e Rigel sorridevano: in quella casa c’era un clima di cospirazione tra padre e figli che noi nemmeno immaginavamo potesse esistere, né riuscivamo a capire che cosa ci fosse da ridere a perdere una coppa di Quidditch. Dovevamo avere proprio la faccia da idioti se Mirzam si sentì in dovere di darci spiegazioni.

    “Dovete sapere che nostro padre giocava a Quiddicht per un unico motivo, mettersi in mostra e far strage di cuori tra le ragazze d Hogwarts – iniziò con tono chiaramente canzonatorio - ma come spesso accade a quelli come lui, a forza d sfarfalleggiare, è incappato nei verdi occhi di nostra madre, e a quel punto ha completamente perso ogni cognizione del mondo, oltre naturalmente alla coppa di Quidditch”.

Alshain sorrise, solo allora mi resi conto che Mirzam doveva essere nato pochi mesi dopo che Alshain e Deidra erano usciti da Hogwarts, e sentii la mia faccia diventare porpora, avendo finalmente capito la portata di quei sottintesi.

    “E’ vero, dopo aver incrociato gli occhi di mia moglie, la mia vita è cambiata radicalmente e auguro a tutti voi di vivere un giorno un momento come quello. Tutto quello che vi turba e vi spinge a fare cose assurde sparisce dalla vostra mente e nel vostro orizzonte c’è solo la persona che vi accende l’anima. L’unico pensiero che vi tiene in vita è trovare la strada per ottenere il suo cuore.”

Quella notte, nella tenda della radura, non riuscii a prendere sonno, immaginavo come dovesse essere provare un sentimento come quello, talmente forte da cambiare persino il tuo carattere, spingerti lontano da quello che sempre era stato importante per te, portarti contro la tua famiglia, per raggiungere un sogno di felicità. Dentro di me sentii che avrei voluto tutto questo un giorno anche per me, perché non potevo sopportare l’idea di una vita segnata solo dalla convenienza e dal denaro, come avveniva nella mia famiglia, dove c’era tutto quello che apparentemente era importante, ma dove non esisteva amore, in nessuna forma. Rimasi stupito nel rendermi conto che in quei pochi giorni avevo sentito parlare del vero amore molto più che in tutta la mia vita: mi chiesi una volta di più come quell’uomo potesse essere amico di mio padre, perché evidentemente impostavano le proprie esistenze secondo principi e valori diametralmente opposti. Il giorno seguente, mi svegliai con difficoltà, e rimasi un po’ indietro, meditabondo; Reg stava già chiacchierando con Rigel, guardandolo con occhi estasiati, sembrava che quei due si capissero al volo, e passandogli vicino sentii che il giovane Sherton gli stava promettendo di dargli lezioni di volo quanto prima. Meissa era ancora in disparte, ed io ero già pronto ad approfittare del momento di quasi solitudine per avvicinare e parlare con Alshain, quando Mirzam, fino a quel momento sparito nel nulla,ricomparve con un gufo reale sulla spalla e un biglietto per suo padre. Alshain lo lesse e i suoi occhi non tradirono emozioni, poi ci guardò tutti e con uno dei suoi soliti sorrisi invitanti ci propose un cambio di piano.

    “Ragazzi vi va di partire per il Devonshire, o preferite la prima lezione di volo?”

Ci guardammo, non sapevo cosa scegliere, ed anche mio fratello era evidentemente in conflitto: con Alshain qualsiasi scelta portava a un’avventura, sapevamo già che ci saremmo divertiti a Cape Ham, ma probabilmente, se ci proponeva quel viaggio, anche quella scelta doveva avere in sé qualcosa d’interessante. Ancora preda dell’indecisione, mi accorsi che Meissa si era incupita un poco, sembrava l’unica a sapere già come sarebbe andata a finire.

    “Indecisi eh? Allora per questa volta Meissa andrai da sola, Mirzam tu l’accompagnerai a casa, noi quattro invece andremo a volare un po’. Ci vediamo stasera, e, Meissa, ricordati di ascoltare tua madre, e non dar confidenza a nessuno, siamo intesi?”.
    “Si padre.”

Si avvicinò e lo baciò, un po’ triste per la repentina conclusione della sua avventura con noi, ma già proiettata nel suo nuovo impegno. Ero incuriosito, non avendo idea di cosa Meissa e sua madre sarebbero andate a fare nel Devonshire, così non mi resi subito conto che la ragazzina si era avvicinata a me e Reg, se non quando, a sorpresa, ci prese per mano. Chiusi gli occhi, per respirare il buon profumo di rose che emanava senza farmi distrarre dal suo sguardo, sentii la sua mano calda e vibrante tra le mie dita, lei avvicinò il suo viso alle nostre facce, a turno, dicendo soltanto, in un soffio.

    “Guarda in alto”.

Aprii gli occhi e alzai il viso verso il cielo, vidi che stava facendo scendere una cascata di fiori variopinti sulle nostre facce, in un turbine di petali e raggi solari. Mi voltai di nuovo verso di lei, sorrideva nel sole, mi parve che ci fossero persino più fiori variopinti nei suoi occhi verdi. Mi sentii al tempo stesso felice e perduto. Non capivo nulla, né di me stesso né del mondo attorno a me. Quando poco dopo la vidi smaterializzarsi tra gli alberi insieme a suo fratello, sentii una strana stretta allo stomaco, insopportabile. In quel momento il Quidditch mi apparve una delle cose più stupide della terra.

***

Meissa Sherton
Herrengton Hill, Highlands - giov. 8 luglio 1971

    “Sei solo una ragazzina stupida e capricciosa!”
    “E tu sei un idiota! Ti odio!”

Io e Rigel ci stavamo rincorrendo attorno al tavolo della sala grande, voleva afferrarmi e riprendersi la vecchia sciarpa di Serpeverde di nostro padre che mi aveva dato a Natale, sostenendo che me l’avesse data solo in prestito, quando tutti sapevano che me l’aveva regalata.

    “Me l’hai regalata, R-E-G-A-L-A-T-A!”
    “E cosa te ne faresti su nella torre di Corvonero!?”

Mi fermai di colpo, lo fissai con odio e lo caricai, prendendolo di sorpresa e atterrandolo, gli ero sopra e mi ritrovai a tempestarlo di pugni senza forza, era evidente che non gli stavo facendo male, ma mio fratello mi guardava come se stesse vivendo un sogno, qualcosa d’irreale, d’impossibile: forse aveva capito che su quel punto non era una buona idea farmi arrabbiare. Ma non era paura o rimorso quello che gli leggevo negli occhi, era solo una cosa: pietà. E questo mi faceva crescere ancora di più la rabbia in corpo. In quel momento i fratelli Black entrarono per la colazione, io mi sollevai da Rigel e rossa in viso cercai di recuperare un minimo di contegno, mentre mio fratello si risistemava la camicia e si pettinava i capelli con le dita. Notai lo sguardo a metà tra l’incuriosito e l’ironico negli occhi del maggiore dei Black e lo fulminai a mia volta con uno sguardo truce che voleva semplicemente significare “FATTI I CAVOLI TUOI, SCIOCCO DAMERINO INGLESE!”. In quel momento non m’importava che fosse il ragazzino più bello che avessi mai visto nella mia vita. Mia madre e Mirzam entrarono subito dopo, la scena che si presentò loro in sala sembrava tranquilla, nulla lasciava intuire il caos che si era creato pochi istanti prima del loro arrivo, a parte la sciarpa di nostro padre che, nella concitazione finale, era stata gettata da Rigel in alto perché non la prendessi e ora svolazzava appesa su una coda di serpe che ornava un candelabro. Ma era evidente dai loro visi tirati che ci avevano sentito, sicuramente le nostre urla erano risuonate in buona parte della torre. Mia madre si sedette al suo posto, semplicemente bellissima e austera, in un elegante abito turchese, leggero e ampio, che ne nascondeva le forme morbide e arrotondate dalla gravidanza, i capelli raccolti in uno chignon fermato da dei nastri con delle perle. Mio fratello Mirzam l’aiutò ad accomodarsi, come faceva sempre mio padre quando era a casa, poi si sedette al suo posto, subito seguito da Rigel e dai fratelli Black, tutti alla sinistra del posto vuoto di mio padre, io mi misi alla sinistra di mia madre, all’altro capo del tavolo. Gli elfi ci servirono la colazione mentre nella sala non volava una mosca, avevamo il permesso di parlare solo dopo che i nostri genitori ci avessero dato il buon giorno, ma quella mattina mia madre sembrava presa in tutt’altri pensieri e sembrava non vederci neanche, alla fine ci diede il buon giorno per abitudine, senza curarsi effettivamente di noi. Poco dopo Hermes, il gufo reale di nostro padre, bussò alla nostra finestra, Mirzam si alzò per recuperare la lettera e la porse a nostra madre, che con una certa impazienza celata dai suoi modi sobri e aristocratici, si dedicò alla lettura: era evidente che le notizie non erano quelle che si aspettava e che si augurava, il suo viso fu attraversato da un velo di preoccupazione, celato a stento. Si pulì le labbra con delicatezza, fece dardeggiare i suoi occhi su tutti noi, ci rivolse la parola, chiedendo ai fratelli Black se avessero dormito bene e poi volgendosi a Mirzam lo invitò a portare i nostri ospiti a Cape Ham, dove c’era una meravigliosa radura perfetta per gli allenamenti di Quidditch. Quindi, rimasti soli, si dedicò a me e a Rigel, con occhi che di colpo avevano perso tutta l’amorevolezza che di solito riversava su di noi.

    “Siete indegni di sedere alla mia presenza, siete due ingrati. Per tutto il giorno resterete in camera vostra a riflettere su quello che significa essere fratelli in questa casa”.
    “Scusa, madre”

Rigel mostrò il suo miglior faccino da bravo ragazzo, quando faceva così nostra madre non riusciva a negargli nulla, io e Mirzam eravamo convinti che fosse il suo preferito tra noi, così come io ero la preferita di mio padre, anche se non si poteva dire che i nostri genitori tramutassero quelle preferenze in ingiustizie.

    “Stavolta non ve la caverete con poco, ci avete messo in imbarazzo di fronte ai figli di Walburga Black, vergognatevi! E ora sparite dalla mia vista”.

Me ne andai avvilita in camera mia, al terzo piano della torre, mi tuffai sul letto e mi misi a giocare con i capelli: stavolta l’avevamo fatta grossa. Non osavo immaginare che punizione i miei ci avrebbero dato, difficilmente venivamo puniti, ma quando capitava era tremendo, perché non venivamo picchiati, certo, né offesi o umiliati, ma il senso di delusione nei loro sguardi, il gelo nella voce, la privazione di gesti calorosi, di baci e abbracci, era qualcosa di più doloroso degli schiaffi. Non sapevo cosa stesse capitando a Rigel, ma io non fui convocata per il pranzo e nemmeno per la cena, Kreya mi portò semplicemente del porridge e della frutta, non mi fu permesso di tenere i candelabri accesi e, di fatto, fui costretta a smettere di fare qualsiasi cosa al calare del sole e finii con l’andare a letto prestissimo. Quello che più mi turbava era non sapere se mio padre fosse tornato, mi mancava terribilmente e avevo la brutta sensazione che i suoi viaggi a Londra, stranamente frequenti dopo il matrimonio di Bella e Rod, non avessero nulla a che vedere con la casa, ma con qualcosa che turbava anche la mamma. Non riuscivo a dormire, stavo con l’orecchio teso per percepire i passi di mio padre sulle scale, ma ormai era evidente che anche per quella sera non sarebbe tornato; mi alzai dal letto e mi misi alla finestra, a osservare la luna che si avviava alla sua totale pienezza. Di colpo sentii dei passi dietro la mia porta, l’uscio che si apriva lentamente e una figura alta che si affacciava nella penombra.

    “Padre?”
    “Allora sei ancora sveglia…”
    “Mir?”

Mio fratello prese la bacchetta dalla cintola e invocò un silenzioso INCENDIO rivolgendosi al candelabro sul mio scrittoio, si mosse fino a sedersi sul divanetto che troneggiava nella parte della stanza destinata allo studio e ai giochi.

    “Vieni qua!”

Mi scostai dalla finestra e raggiunsi Mirzam sul divano, sapevo che sarebbe arrivata la ramanzina anche da lui, sapevo che dovevamo tutti impegnarci a non far arrabbiare o turbare la mamma, e che quando papà non c’era, mio fratello doveva prendere anche quel tipo di decisioni al suo posto, così che non dovesse prenderle lei.

    “Domani ti sveglierai all’alba e passerai tutto il giorno nelle cucine ad aiutare i domestici, inoltre non verrai all’isola di Fair con noi il giorno della partita. E niente dischi fino ad agosto.”

Disse tutto questo guardandosi le mani, poi alzò il viso e mi fulminò con i suoi occhi tanto chiari da sembrare due laghi in pieno inverno.

    “Ora vai a dormire, e rifletti bene su quello che hai fatto questa mattina, sull’umiliazione che ha provato nostra madre per colpa tua e di quell’altro disgraziato. Sai quanto sono pomposi e odiosi i signori Black, pensa come ci prenderanno in giro quando i figli racconteranno di questa vostra bella esibizione!”
    “Mir, io... ”
    “Non so che farmene delle tue scuse, ragazzina e comunque non è con me che devi scusarti, ma con nostra madre e nostro padre. Sembra quasi che non teniate per niente alla nostra famiglia, sempre a comportarvi da stupidi bambocci viziati.”

Si era alzato e si era affacciato alla finestra, se era difficile vedere arrabbiati i miei, vedere arrabbiato e deluso Mirzam era anche peggio. Chinai il capo e non riuscii a trattenere le lacrime.

    “Vuoi che la punizione duri più a lungo Meissa?”

Negai con la testa.

    “Allora risparmiami le tue lacrime, sono inutili, bisogna pensare prima di agire… inoltre sono da deboli, e tu sei una Sherton, anche se a volte non ti comporti come tale, quindi guai a te se ti mostri debole con chicchessia, persino con me che sono tuo fratello!”

Mi asciugai le lacrime e lo guardai: quanto era gelido! Non sembrava nemmeno lui.

    “A domani Meissa.”
    “Mir?”
    “Non cercare di impietosirmi, le punizioni le ha decise papà, io sono solo il portavoce.”
    “No, non è per quello, io… Mir, perché papà non è ancora tornato? Che cosa sta succedendo?”
    “Aveva numerosi impegni, dovrà stare via diversi giorni ancora.”
    “E tu non dovresti essere con lui? Di solito lo segui sempre quando va a controllare la casa.”
    “Non è andato a Londra per la casa.”
    “E per cosa, allora?”

Tornò da me senza rivolgermi nemmeno uno sguardo, si chinò a prendere un bicchiere e si versò dell’acqua dalla caraffa che Kreya mi aveva portato poco prima che Mirzam entrasse, chiedendomi con un cenno del capo se ne volessi un bicchiere anch’io.

    “Un affare urgente al ministero, non so nulla di più.”
    “E perché avrebbe mentito alla mamma?”
    “Ora che aspetta il bambino, è meglio che stia tranquilla, no?”
    “Mentendo la fa stare tranquilla? Credi che lei non abbia capito che era una bugia?”

Sorrise senza convinzione.

    “Se vuoi la mia opinione, non credo che abbia mentito alla mamma, lei è l’unica persona cui lui dice sempre tutta la verità.”
    “Non è così, ultimamente lui ci tiene nascosto qualcosa, quando torna da Londra è sempre triste e nervoso.”
    “Uhm… e cosa ci nasconderebbe di preciso, sentiamo?”
    “Non lo so, ma sono certa che c’entrano i Malfoy.”
    “Non so se sei peggio tu o Rigel, con questa fissazione per i Malfoy. Basta Mey, papà è andato a una serie di stupide riunioni del ministero e del Wizengamot, probabilmente vorrà anche arringare il consiglio nella speranza di far destituire, una volta per tutte, quello sporco mezzosangue di Dumbledore da preside di Hogwarts, e gli risponderanno picche. Al termine di queste giornate così divertenti, si annoierà a morte con i Black e i loro discorsi di nobiltà ed etichetta. A questo punto, dopo aver passato una serata terrificante con loro, son più che convinto che si sbronzerà con il whisky babbano che Orion tiene in casa apposta per lui, ricordando i bei tempi andati. Tutto qua. Credo che un programma simile sia più che sufficiente per farlo sentire depresso e nervoso, tenuto soprattutto conto che a nostro padre non piace stare lontano dalla mamma per più di un secondo. E che al ritorno deve anche vedere le facce di due mocciosi che lo fanno vergognare di fronte al suo migliore amico, che di certo non eccelle nell’arte di educare i figli. Ti basta? A letto ora!”.

Attese finché non m’infilai a letto poi mi diede un bacio sulla fronte, spense la luce e scivolò via, nel tenue chiarore del corridoio. Io sospirai, pronta ad affrontare una lunga notte insonne. Qualsiasi cosa dicesse, anche se mio fratello non mentiva mai, ero più che convinta che il nervosismo e le assenze di mio padre dipendessero da Abraxas Malfoy e dal misterioso uomo vestito di nero che mi aveva preso per mano.

***

Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - giov. 15 luglio 1971

Quel pomeriggio, con Mirzam che aveva raggiunto Alshain a Londra e costretti a giocare nel maniero, a causa della pioggia, me ne stavo nella nostra camera con Rigel intento a spiegare gli schemi di Quidditch di Serpeverde a mio fratello. Era diverso tempo che non mi annoiavo così tanto, l’ambiente chiuso mi provocava un forte mal di testa, quindi li salutai e me ne andai nel patio, a nuotare un po’, sicuro che mi sarei rilassato e sarei di nuovo stato meglio. Di solito non perdevo mai tempo a specchiarmi, conoscevo la mia faccia e ne ero abbastanza soddisfatto, ma quel giorno indugiai a guardare l’immagine che l’acqua mi rispediva indietro: ero già un po’ diverso dal momento della partenza, ero sicuramente più magro e un po’ meno pallido, e stavo perdendo l’aria bambinesca da bambolotto che mia madre si vantava avessi ancora. Sicuramente non sarebbe stata contenta al nostro ritorno, era chiaro che stavamo crescendo, anche i miei capelli si erano un po’allungati, mi arrivavano quasi alla base del collo, mori e leggermente mossi, di solito, ma l’umidità di quell’ambiente me li arricciava in modo più evidente. Chiusi gli occhi e per un attimo immaginai di vedermi riflesso con i tatuaggi degli Sherton sul corpo: anche se ancora non avevo avuto modo di fare domande, sarebbe stato un onore portarli, non sarei più stato un bambino, non sarei più stato solo il figlio di mia madre, ma sarei stato me stesso. Mi tuffai, e lasciai che tutti i pensieri sparissero nel morbido cullare di quell’acqua dal profumo di rose. Avevo sempre pensato che non fosse molto mascolina, un’attività come quella, ma stando accanto agli Sherton aveva aperto gli occhi su molte cose, darsi alcuni piaceri non significava essere deboli femminucce, come sosteneva mio padre, l’essere forti, l’essere maschi si dimostrava in modi meno superficiali, più concreti, ed io avrei dimostrato a me stesso e agli altri quello che valevo davvero. Con i fatti, non con le parole. Uscii dall’acqua e mi misi l’accappatoio addosso, entrai in camera e mi vestii mentre gli altri ancora parlavano di Quidditch.

    “Sai Sirius, ti starebbero davvero bene un paio dei nostri tatuaggi, non sei messo male per essere un inglese!”

Rigel mi strizzava l’occhio, sorridente, mi resi conto solo allora che mi ero spogliato in presenza di estranei, io che mi vergognavo perfino con mio fratello, e capii che forse non era solo una mia impressione, quei giorni a Herrengton mi stavano davvero trasformando. Arrossii un po’ ma gli sorrisi a mia volta. Appena rivestito, li salutai dicendo che sarei andato a fare un giro nel chiostro. Quando arrivai alla scalinata che portava agli appartamenti degli Sherton, sentii la voce d Deidra uscire dalla sala in cui mangiavamo tutti insieme fin dal primo giorno, perciò salii un ramo di scale e l’andai a salutare. Stava sistemando alcune copertine acquistate per il neonato, seduta su una poltrona vicino al caminetto, i capelli legati in una treccia, appoggiata sulla spalla destra, aveva un abito verde, stretto appena sotto il seno, e largo sotto, come avevo visto portare a tante donne nel suo stato. Meissa controllava Wezen che gattonava felice, seduta sulla poltrona di fronte a sua madre: aveva un vestito rosso senza maniche, legato ai fianchi con una cinta di seta bianca, i capelli sciolti e lunghi fino a metà schiena. Mi appoggiai allo stipite della porta e le salutai, Deidra m’invitò a entrare.

    “Vuoi del tè, Sir?”
    “Sì grazie, signora Sherton.”

Entrai, mi piaceva quel quadretto familiare, così inusuale per me, mi chiesi se la nostra vita al 12 di Grimmauld Place sarebbe stata diversa se avessimo avuto una sorella, che magari avrebbe addolcito un po’ nostra madre. Poi pensai alle mie cugine e capii che probabilmente una sorella non avrebbe cambiato nulla, nel nostro sangue c’era una specie di veleno che ammorbava tutto. Senza accorgermene dovevo avere fatto una faccia pensierosa perché Deidra si alzò, mi mise un braccio attorno alle spalle e mi accarezzò i capelli, mentre Kreya mi saltellava attorno servendomi il tè.

    “Perché tu e Meissa non giocate un po’? Herrengton può essere divertente anche se non si può andare all’avventura per i boschi, ci sono stanze segrete e passaggi misteriosi, in questo castello pieno di storia. E' diventata la principale residenza degli Sherton dopo l’investitura di Salazar, le leggende dicono che c’è nascosto addirittura un tesoro. Magari, se siete fortunati, sarete proprio voi due a trovarlo... ”

Aveva un’espressione amorevole e piena d’interesse nei miei confronti, io annuii, e vidi che anche a Meissa non dispiaceva l’idea. Si alzò e mi venne incontro, investendomi con il suo delicato profumo di fiori, mi prese per mano e mi trascinò via, senza una parola, mentre Deidra tornava a occuparsi dei corredini. Scendemmo le scale e arrivammo nel chiostro, da lì potevamo raggiungere qualsiasi punto del maniero, il posto ideale per definire il nostro piano d’attacco: c’era un’aria decisamente più fredda del solito e la pioggia continuava a scendere copiosa, ma stranamente mi sentivo accaldato come se avessi corso fino a quel momento. Prendemmo l’ala destra del portico, quella in cui non ero andato mai fino a quel momento, e da dove spesso di notte avevo visto comparire la figura inconfondibile di Sherton, intabarrata in una magnifica veste nera e argento, di ritorno da chissà dove, quando mi affacciavo dalla finestra per ammirare la luna di Herrengton, in attesa di prendere sonno.

    “Dove andiamo Mei?”
    “Non sei mai stato nella Sala dei Trofei, giusto?”
    “No, che cos’è?”

Già immaginavo una stanza in cui Alshain aveva raccolto tutti i premi conquistati durante le sue stagioni di Quidditch a Serpeverde e, in seguito, quando per circa dodici anni era stato un giocatore professionista nella squadra del Puddlemore United.

    “E’ la sala in cui sono raccolti i cimeli che mio padre sta recuperando in giro per il mondo, che testimoniano il nostro passato, di solito sta via mesi interi a cercarli anche in regioni lontane.”

Ero incuriosito, Sherton ci aveva raccontato d’innumerevoli meraviglie, ma dei cimeli di famiglia, che potevano avere circa mille anni di storia, non ci aveva ancora raccontato nulla. Entrammo in una sala dal soffitto altissimo, sostenuto da costoloni di pietra che si ramificavano in alto come le fronde di un albero e s’intrecciavano come ricami. Ero sconvolto dalla bellezza e dalla forza di quelle colonne, sembravamo formiche che camminavano tra alberi giganteschi. Tutto intorno a noi c’erano armature, spade, elmi, scudi, su cui erano impressi serpenti dagli occhi di smeraldo. Alle pareti c’erano arazzi con scene di guerre e di caccia, ritratti di antenati, quadri di ogni epoca e di valore inestimabile.

    “Durante le antiche guerre la nostra famiglia è stata razziata di tutto e ora, per la prima volta dopo secoli, mio padre si sta impegnando a recuperare quanto più possibile.”

Come ci fu spiegato da Sloughorn la notte del solstizio, la famiglia Sherton era antichissima e da sempre onorata in tutta la Scozia per il potere e il coraggio. Intorno all’anno 1000, poi, il giovanissimo Hifrig Sherton diede ospitalità e salvò Salazar Serpeverde, diventandone un valido assistente: il grande maestro lo insignì del titolo di prediletto ed elevò Herrengton a “santuario” della propria ideologia magica. Da allora tutti i suoi discendenti, les Bien-Aimès, erano sempre entrati nella casa di Serpeverde a Hogwarts, accumulando sempre più potere e prestigio, generazione dopo generazione. Ma nella guerra tra i maghi del Nord, iniziata nel 1251, gli Sherton subirono duri e devastanti attacchi, durante i quali i rami cadetti furono distrutti, e di quella famiglia forte e numerosa, in tutta la Scozia, rimase un solo nucleo: quello originario, quello di Herrengton.

    “Mi sa che tuo padre ha una marea di soldi! Il mio li spreca solo in sciocchezze!”

Pensai sconsolato a quello che mi aspettava una volta tornato a Londra, a quelle visite a Nocturne Alley, a quegli squallidi oggettucoli orridi e pericolosi, le uniche cose che gli interessavano, oltre ai suoi affari.

    “Per quel poco che lo conosco, Orion è la persona meravigliosa di cui mi parla sempre mio padre…”
    “Forse era così quando andavano a scuola, ma ora è cambiato, gli interessano solo gli affari”.

Mi chiedevo cosa sapesse Mey di mio padre che io non conoscevo, ricordai lo sguardo carico d’affetto che Orion le aveva riservato alla fine del banchetto, a Habarcat, di ritorno dalla passeggiata in giardino. Rimasi sovrappensiero, poi, dopo aver superato quella galleria piena di meraviglie, ci fermammo davanti a una pesante porta di quercia, che si aprì al solo tocco delle sue mani.

    “Come hai fatto?”
    “Sono le rune, fanno si che tutte le protezioni della tenuta mi riconoscano come una Sherton e mi lascino passare”.
    “È a questo che servono?”
    “Sì anche, ma non solo.”

Entrammo, la stanza era molto più intima e raccolta, c’erano un caminetto acceso e un tappeto persiano, un paio di poltrone e una teca che conteneva lo scudo del primo discepolo di Salazar, fatto con una rara lega di argento e scaglie di drago, legate dagli elfi in una magica combinazione. E tutto intorno teche con ampolle, e libri antichi e arazzi, e quadri di antenati, e le foto della sua magnifica famiglia.

    “Questa è una delle stanze private di mio padre, qui tiene tutto ciò che conta per lui.”

Mi guardai attorno: quell’uomo era proprio diverso da mio padre, non c’erano oggetti preziosi messi lì solo per far mucchio, tutto quello che si trovava là dentro era un oggetto prezioso per il suo valore simbolico, più che per il valore materiale. Scorsi i titoli dei libri, una ricca raccolta di testi di erbologia e pozioni, rimasi in parte sorpreso, perché avevo sempre pensato che quell’uomo fosse interessato soprattutto alle arti oscure, come papà. Mi guardai attorno e vidi oggetti strani, mai visti prima, di cui non immaginavo assolutamente l’utilità, Mey mi gettò un’occhiata allarmata quando mi avvicinai a uno di essi, perciò mi ritrassi subito, non volevo di certo metterla nei guai. Mi avvicinai a lei e le presi le mani, stranamente mi lasciò fare, anche se mi guardava con occhi indagatori: erano fredde e pallide, le rune sembravano strani anelli di seta arabescata che portava con grazia su tutte le dita. Mi chiedevo dove le donne avessero gli altri tatuaggi, dopo aver visto i corpi di suo padre e dei suoi fratelli semi nudi, non potevo credere che anche a loro fossero imposti negli stessi posti.

    “Ti ha fatto male?”
    “Non molto, ero preparata”.
    “Come ti sei preparata?”
    “Non posso dirtelo, è un segreto.”

Si allontanò, prese una scatola dal ripiano sopra il caminetto e si sedette sul tappeto.

    “Ti va di giocare a scacchi magici con me?”

Non era il gioco che più mi entusiasmava, e lei lo sapeva, in genere rimediavo solo figure meschine, ma pur di stare da solo con lei, avrei fatto anche il pagliaccio, così mi tolsi il maglione che ancora avevo addosso e lo appoggiai sulla poltrona, rimanendo in camicia poi mi sedetti di fronte a lei. Notai che sul tappeto erano sistemati anche dei cuscini: dalla posizione di questi ultimi sembrava che il compagno di giochi di Mey fosse un adulto, d’altra parte in quella casa erano tutti straordinariamente alti, a parte io e mio fratello; per un attimo mi resi conto di essere stupidamente geloso di chi poteva godere della compagnia di Meissa, e questo pensiero mi dipinse la faccia di porpora, oltre ad arrestarmi il respiro. Mi convinsi che la cosa migliore fosse andarmene, ma non riuscivo a trovare una scusa che non mi rendesse ulteriormente ridicolo.

    “Ci giochi con tuo padre qui?“.

Cercai di fare l’indifferente, ma c’era una nota d’impazienza nella mia voce e il rossore che mi saliva dal collo verso le orecchie sembrava inarrestabile.

    “Sì, mi sta insegnando da qualche mese”.

Un po’ sollevato dalla risposta, le porsi uno dei sacchettini che Rigel mi aveva regalato.

    “Sono davvero belli questi pezzi… ma ti avviso, io non sono un granché a scacchi, per farmi perdonare preventivamente della mia inutilità, ti va una tutti gusti più uno?”
    “Grazie“

Mi parve che Meissa arrossisse un pochino, mentre cercava di scegliere quella col colore meno disgustoso; io sistemavo i pezzi sulla scacchiera, esaminando i volti dei vari elementi, preso dalla bellezza dei dettagli dei visi, delle vesti, delle barbe e dei capelli: ero convinto che il re nero fosse stato intagliato sulle fattezze di Alshain Sherton, tanto era attraente. Mey si accomodò meglio sui cuscini, dall’altra parte della scacchiera, mi osservava con attenzione ed io cercai di fingere indifferenza, ma sembrava proprio che lei stesse approfittando dell’occasione per studiarmi a fondo. Sapevo che non l’avrei scampata, mi ero comportato malissimo con lei a Habarcat e al matrimonio di mia cugina, ignorandola completamente, e in quei giorni lì a Herrengton, lei mi stava ripagando con la stessa moneta.

    “Volevo chiederti scusa per come mi sono comportato con te… voglio dire…”
    “Penso che tu abbia fatto la cosa giusta, Sirius, non credo sia il caso di far pubblicità alla nostra amicizia.”
    “Che cosa vuoi dire? Ti vergogni di essere mia amica?”

Ero sconcertato.

    “Voglio dire che con tutte le megere pettegole che c’erano a quelle feste, un sorriso o due risate avrebbero causato troppe chiacchiere… mi ricordo cosa mi hai detto alla festa di Regulus, che idee ha in testa tua madre…”

Mi fissò con quei meravigliosi occhi, e pensai che avrei dovuto davvero baciarla davanti a tutti, così che fosse chiaro che ero più che disponibile a diventare una pedina nei giochi dei miei genitori… magari così avrebbero deciso di cambiare programmi…

    “Mio padre ci ha detto che a undici anni, di solito, qui al Nord, si decide il futuro dei figli… avevo paura a chiederti cosa avevano deciso per te…”

I nostri sguardi s’incrociarono, e rimasi con il respiro a metà.

    “Beh, se ti avessero incastrato, Black, a quest’ora lo sapresti anche tu, non credi?”

Mi guardò perfida e sprezzante, ed io peggiorai ulteriormente il mio colorito violaceo.

    “Non volevo dire questo… a chi ti hanno promessa?”
    “Perché me lo chiedi?”

Diventai di fuoco e abbassai lo sguardo, ma per fortuna lei ora guardava il caminetto e non si accorse di nulla, io rimasi in silenzio.

    “A nessuno, mio padre ha deciso di rimandare tutto a dopo il mio smistamento a Hogwarts…”

Allora avevo ancora speranze... Iniziammo a giocare, con poco entusiasmo, io ero sempre molto indeciso nelle mosse.

    “Ti piace stare qui?”
    “Sì, qui c’è sempre qualcosa da fare, e i tuoi sono magnifici”.

La guardai, sostenendo con coraggio il suo sguardo indagatore, mentre declamavo il mio entusiasmo per Herrengton.

    “Anche noi tra alcune settimane ci trasferiremo a Londra.”

Rivolse l’attenzione alla scacchiera, muovendo pigra un pedone, sembrava triste, ed io potevo capirla benissimo, Londra era una prigione per chi aveva conosciuto la vera libertà.

    “Per tua madre e il bambino?”
    “Sì, c’è il rischio che il bambino nasca prima del tempo, è ancora presto, vero, ma è già successo con me e Mirzam, e stavolta lei ha quasi quarant’anni. E visto com’è stato difficile l’anno scorso con Wezen, sarebbe bene che ci trovassimo il più vicino possibile al San Mungo.”
    “Sì, è giusto”

Ora aveva tutto un senso, Sherton amava quei luoghi più di se stesso, ma di sicuro l’amore per Deidra andava molto al di là, e non poteva fare qualcosa che la mettesse in pericolo o comunque in condizioni di disagio per una sua semplice passione.

    “Sirius?”

Cercai di riprendermi, non ero affatto in me e lei di nuovo mi osservava attenta, dimentica quasi degli scacchi, che per me erano invece l’unica scusa rimastami per non doverla guardare.

    “Tu cosa sai di Hogwarts?”.

Questa era una domanda facile, capace di distogliermi dal baratro dell’imbarazzo in cui ero ormai scivolato definitivamente, perciò mi ripresi un pò, cercando di recuperare il mio miglior tono canzonatorio, quello che avevo esercitato a lungo con mio fratello, ma senza grandi risultati stavolta.

    “Mmm, vediamo, è un posto dove si studia, si fa amicizia con altri maghi e si gioca a Quidditch, i tuoi fratelli non ti hanno spiegato niente?”
    “A me interessano quelle cose che loro non mi racconterebbero.”
    “Eheheh, già, bella risposta, è quello che piacerebbe sapere anche a me. Ora vuoi deciderti a muovere quella torre?”

Riprendemmo a giocare, ma Meissa era ancora distratta, perse dei pedoni, poi di nuovo tornò alla carica, a me del gioco non importava nulla, ma cercavo di resistere, così da poter stare con lei ancora un po’. La sua mente era lontana, visto che ormai guardava assorta il caminetto, senza più curarsi di altro, quasi riuscisse a vedere tra le fiamme qualcosa a me invisibile. Era enigmatica come suo padre, forse tra i suoi figli era quella che per carattere gli assomigliava di più.

    “A me interessa sapere se esiste un modo per essere smistati in una casa invece che in un’altra.”

Il discorso era interessante, per un attimo smisi di pensare agli occhi di Meissa e mi concentrai sulle sue teorie.

    “Credi che sia possibile farsi smistare a piacere?”
    “Non lo so, magari un sistema c’è, basta trovarlo. Tu se potessi scegliere, dove vorresti essere smistato?”

Riflettei un attimo, l’idea di finire in un posto in cui non ci fosse Rigel Sherton non mi sembrava molto allettante, in quel momento, perciò non ebbi molte esitazioni.

    “I miei sono tutti di Serpeverde, non credo sia possibile cambiare il proprio destino, credo sia come il sangue che hai nelle vene, non puoi sceglierlo... poi spero davvero di finire nella casa di tuo fratello, è un ragazzo davvero simpatico!”
    “Mmm, sì, a volte ….”

Capii di aver fatto una gaffe, dopo la zuffa cui avevamo assistito io e Regulus, i due fratelli Sherton erano stati confinati in punizione in camera per due giorni. Tornai a parlare delle Case.

    “E tu ? Dove vorresti essere smistata? Serpe verde immagino!”
    “Già, ma la mia famiglia è la prova che non sempre basta il sangue.”

Sorrise triste.

    “Io non vorrei deludere mio padre.”
    “Credo che tuo padre non condizioni a queste cose l’amore che prova per i suoi figli”.
    “Me l’ha detto anche lui spesso, e proprio per questo vorrei dargli qualcosa di così importante.”

Se avessi potuto scegliere la famiglia in cui nascere, avrei scelto la tua: non lo dissi ad alta voce ma lo pensai, lo pensavo da settimane e questo mi rendeva doloroso il passare dei giorni, perché mi aspettava un ritorno a casa insopportabile, ora che conoscevo un altro modo di vivere. Mi guardò sorridente come se avesse intuito e al solito, persi la cognizione d quello che stavo facendo, così in tre mosse m diede scacco. Rise divertita, ed io mi resi conto che Reg non era affatto uno scemo se perdeva la testa per lei: io senza accorgermene, ero a buon punto nella fase di cottura, non c’era notte in cui non sognavo i suoi fiori che mi scendevano sul viso, il sole e i suoi magnifici occhi. Respirai a fondo, mi sembrava di essere in apnea da ore, le orecchie quasi mi ronzavano. Nella mia vita avevo già perso molte partite e in seguito ne persi ancora e ancora, ma quella fu la prima su cui riflettei davvero a lungo, in seguito, e che ricordai per anni. Non capii mai come avessi fatto a non vedere in quale trappola Meissa mi stesse mettendo, benché sembrasse non occuparsi affatto della partita. Mi sentii giocato come un pollo e l’ammirai, per la capacità di tessere trame anche mentre pensava a cose così importanti: io, al contrario, non riuscivo a portare a termine un progetto, nemmeno se m’impegnavo solo su quello. Era proprio una slytherin, nessun dubbio.

    “Accidenti, sei proprio una strega!pretendo la rivincita una di queste sere sappilo!”

Meissa rise ancora liberamente, ed io fui sollevato nel vedere la sua preoccupazione, che in fondo era un po’ anche la mia, allontanarsi dal suo viso. Meissa mi aveva fatto riflettere, io davo per scontato che sarei finito a Serpeverde, perché tutti i Black finivano lì, ma se fosse accaduto qualcosa di strano? Se le mie difficoltà con mio padre non fossero che un sintomo del fatto che non ero come tutti gli altri? Che avrebbe detto mio padre se non fossi entrato a Serpeverde? Era possibile?

    “Sir?”

Mi ridestai dai miei pensieri opprimenti, la paura di mio padre e delle sue reazioni scomposte era ancora bella vivida in me, quindi Herrengton non mi aveva ancora plasmato del tutto.

    “Hai mai visto i babbani?”

M’incupii. Mey stava risistemando i pezzi nella scatola, mi dava le spalle mentre trafficava intorno al caminetto.

    “Sicuro, qualche volta, uscendo a Londra con i miei.”
    “Voglio dire, hai mai avuto a che fare con loro?”
    “Scherzi? A mia madre verrebbe un colpo, fosse per lei, finirebbero tutti al rogo.”
    “Che ne dici di vederli da vicino? Tanto a scuola ci sono anche i loro figli, lo sai no?”
    “Certo che lo so, ma non mi pare che qui in giro ci siano dei babbani.”

Ero guardingo, dopo l’esperienza a scacchi m’aspettavo che mi tendesse una qualche trappola senza che me ne rendessi conto.

    “Qui no, ma dove devo andare domani sì, che ne dici di venire con me?”
    “Io?”
    “Vedi qualcun altro qui, Black?”

Sembrava impaziente di strapparmi un sì, ma volevo capirci qualcosa d più, l’argomento babbani era un campo minato per la mia famiglia, e avevo sentito Alshain ordinare a sua figlia, esplicitamente, di non dare confidenza agli estranei, non sarebbe stato un gran risultato farmi coinvolgere in qualcosa con i babbani, soprattutto col rischio di vedere mia madre venirne a conoscenza.

    "Mi spieghi qualcosa di più o è un segreto?"
    "Mi terresti compagnia in un parco giochi, mentre mia madre fa visita a una sua vecchia amica. Pensi si possa fare?”

Celava a stento l’impazienza ed anche un po’ d’irritazione, in quei giorni mi ero accorto che aveva un bel caratterino, riusciva sempre a ottenere ciò che voleva, rigirandosi i fratelli e suo padre a piacimento.

    “Io e te da soli in mezzo ai babbani?”
    “Ma no, sciocco, c’è anche un’amica di mia madre, si occuperà lei della nostra sicurezza!”
    “Devo solo tenerti compagnia?”
    “Sì.”

Ormai tamburellava impaziente le dita sulla mensola del caminetto, decisamente scocciata per il mio scarso entusiasmo e la mia indecisione. Non ci vedevo nulla d'irragionevole, di sicuro, se mia madre l’avesse saputo, non ci avrebbe trovato nulla da ridire, anzi, forse se non l’avessi fatto, mi avrebbe dato del villano, visto che gli Sherton mi stavano dando ospitalità da quasi un mese senza volere nulla in cambio. Sicuramente, appena fossi stato lontano da Meissa, mi sarei reso conto che quello era il mio modo di pensare, non quello di mia madre, ma al momento feci finta di nulla e accettai.

    “Allora va bene, magari ci portiamo gli scacchi o le biglie per passare il tempo, ok? O c’è qualcos’altro che possiamo fare?"
    “Vedremo domani, intanto grazie.”

Mi sorrise, finalmente allegra.

    “Ora è meglio se torno indietro…”
    “Ti senti proprio a disagio qui!”

Mey mi guardava trionfante e beffarda, o almeno era questa l’impressione che avevo, io al contrario mi sentivo piccolo piccolo.

    “Beh, sai com’è, l’hai detto tu, questa è una delle stanze private di tuo padre, poi vorrei tornare da mio fratello prima che inizi a cercarmi e scopra che sono qui, credo abbia una mezza cotta per te e non vorrei…”

Mi morsi la lingua, avevo fatto una gaffe spaventosa, avevo appena rivelato un segreto di mio fratello proprio all’unica persona che non doveva saperlo. Meissa sorrise.

    “Non ti preoccupare, tuo fratello ha smesso di pensare a me da quando Rigel e Mirzam hanno iniziato a insegnargli a giocare a Quidditch.”
    “Tu che ne sai? Non vi siete mai parlati, in questi giorni, mi pare…”

La guardai incredulo e sospettoso, ero convinto che si stesse facendo beffe di me, ma lei continuava, come se nulla fosse, a risistemare i cuscini e ogni tanto mi guardava di sottecchi.

    “Vi ho osservato…”
    “Vuoi dire che ci spii?”
    “No, vi osservo, quando si hanno due fratelli, basta poco per capire certe cose, sai?”

Mi si avvicinò, sparandomi addosso quei penetranti occhi verdi, facendomi sentire inerme; cercai di reagire, fingendomi baldanzoso e polemico ma tremando in cuor mio.

    “Non ti credo!”

Meissa rise di nuovo e a me venne di nuovo caldo, era meglio uscire di lì, mi sentivo come un topo nelle zampe giocose di un bellissimo ed enigmatico gatto.

    “Devo andare davvero, vieni via anche tu?”
    “Sì”

Attraversammo di nuovo la galleria, salimmo le scale e raggiungemmo il chiostro, in silenzio, io ancora turbato da quello sguardo indagatore, Mey persa in pensieri tutti suoi; risalimmo il porticato di destra e arrivammo ai piedi della scalinata, era il momento di salutarsi.

    “Ci vediamo più tardi, a cena. Grazie della partita!”

Le presi la mano e le diedi un bacio, come avevo visto fare a mio padre e ad Alshain, attesi che salisse da sua madre e me ne andai, raggiungendo di corsa la mia stanza. Aprii la porta e richiudendola mi appoggiai ad essa, mentre ancora Rigel e Regulus ragionavano sugli schemi. Se davvero ci osservava e capiva, ed ero certo che non mentiva su questo, di sicuro adesso stava ridendo di me, e di quanto ero debole di fronte ai suoi giochi. Decisi che era necessaria una buona scusa per non restare solo con lei il giorno dopo in quel parco. Ma in cuor mio ero determinato a non lasciarmi sfuggire la possibilità di passare ancora qualche ora da solo con lei.

***

Sirius Black
Spinner's End, località ignota - ven. 16 luglio 1971

Quella notte non dormii. Quando scendemmo a cena, trovai Alshain appena tornato con Mirzam da Londra: aveva ancora il suo mantello nero sopra una tunica tradizionale nero-argento, i capelli legati in una coda bassa, guanti e stivali di pelle finissima. Stava davanti al caminetto con sua figlia sulle ginocchia e l’aiutava a scartare un regalo che le aveva appena portato, un grazioso ciondolo d’argento che subito lei si mise al collo. A noi ragazzi aveva portato un po’ di leccornie di Dulcitus e gli inviti per assistere alla partita del Puddlemere United, che giocavano nell’isola di Fair una decina di giorni più tardi contro una locale squadra scozzese: le urla e i fischi di entusiasmo miei e di Reg durarono oltre un’ora e a letto passammo un tempo interminabile a commentare e sognare come sarebbe andata. Poco prima di salire in camera a cambiarsi per la cena, Alshain mi diede il permesso di andare con Deidra il giorno dopo, avremmo usato la metro polvere fino al caminetto della signora Shener, una maganò che viveva tra i babbani e che avrebbe finto di essere la nostra tata per quella giornata. Il mattino dopo Kreya mi fece trovare un paio di “jeans”, una maglietta a righe con le mezze manichette, un paio di scarpe “da tennis” e Alshain mi impose un incantesimo ai capelli, così che sembrassero più corti; Meissa era vestita quasi come me, jeans blu e maglietta rosa a tinta unita, scarpe da ginnastica e i capelli parzialmente legati in una treccia. La signora Sherton vestiva invece un classico abito color malva, ampio, da strega, sotto un mantello nero con ricami d’argento: al contrario di noi, non sarebbe uscita per strada.

    “Ecco qua, siete pronti. Mi raccomando: non date confidenza a nessuno e non fate magie.”

Sherton ci abbracciò, da com’era vestito capii subito che con Mirzam, Rigel e Regulus sarebbero andati ad allenarsi a Quidditch a Cape Ham, e per un attimo provai un senso d’invidia per mio fratello, ma non ebbi il tempo di ripensarci, perché Alshain prese il sacchetto della metro polvere e ce la porse, noi ne prendemmo a turno un pizzico dicendo la destinazione prescelta. All’arrivo mi trovai in una stanza microscopica, piena di oggetti stranissimi, con un odore nauseabondo. Di fronte a me c’erano due donne: una buffa signora di mezza età, vestita di grigio, un cappellino tondo con dei fiori appiccicati sopra e una strana borsetta da cui uscivano un paio di ferri lunghi e stretti, l’altra, sciatta, con la pelle giallastra, i lunghi capelli neri, unti, attaccati alla faccia, il naso aquilino e la voce gracchiante. Quest’ultima, Eileen Prince, ci diede nervosamente la mano, impaziente di andarsene via camino con la signora Sherton, lontano da lì. La signora Shener ci fece subito segno di seguirla: Mey mi prese per mano e ci avviammo fuori dalla casa, attraversammo un rachitico giardinetto, uscimmo da un cancelletto e ci ritrovammo sulla strada principale. Camminammo per qualche metro, attraversammo un ponte su un fiume sonnolento e ci volgemmo in direzione di una macchia di alberi che si vedeva qualche decina di metri più in là, alla destra del ponte. Tutto intorno a noi c’erano casette a due piani, piccole e malconce, come quella da cui eravamo appena usciti, con un minuscolo giardino che dava sula strada, tutte con buffi tendaggi ricamati alle finestre, quasi tutte con un gatto spelacchiato che ronfava sul gradino davanti alla porta. Sullo sfondo, l’unica cosa che emergeva da quella marea di case tutte uguali, era una costruzione a forma di torre, piuttosto alta e tozza, sembrava abbandonata al suo destino da anni. Quando arrivammo al parco, la signora Shener si mise seduta su una panchina e tirò fuori il suo lavoro a maglia, Meissa che sapeva già cosa ci aspettava, tirò fuori dal paniere della tata una coperta, e la stese a terra, così che potessimo sederci.

    “Come si chiama questo posto?”
    “La via in cui siamo apparsi si chiama Spinner’s End, il resto… non lo so, so solo che è un classico quartiere operaio babbano.”
    “Operaio?”
    “E’ un quartiere di gente che qui dorme soltanto, un tempo lavorava in quella torre grande laggiù…”

Vidi la sinistra torre grassoccia che incombeva sulla cittadina. Che significava? Cosa ci facevano i babbani là dentro?

    “Mi sembra un posto triste. Vieni sempre qui quando parti con tua madre?”
    “No, andiamo anche a Doire, il villaggio in cui è nata, nell’Irlanda del Nord, un paio di volte siamo state a Godric Hollow, il villaggio natale di Grifondoro. E un po’ qua e là.”

La cosa si faceva sempre più complessa e m’incuriosiva. I miei non mi portavano mai da nessuna parte.

    “Perché fate tutti questi viaggi?”
    “Mio padre cerca i segni…”
    “I segni?”
    “Mio padre dice che ci sono dei segni utili a capire il nostro tempo, che questo è un momento importante, in cui possono cambiare tante cose. Io devo crescere ancora per imparare a riconoscerli, ma mio padre ha detto che quando sarà il momento me li spiegherà…”

La guardai perplesso, ogni domanda ne generava almeno altre venti, avere a che fare con Sherton era entusiasmante, ma per certi versi anche esasperante, non c’erano mai risposte nette.

    “Se passi così il tuo tempo quando venite qua, non ti annoi?”

Ero attonito e di nuovo mi ritrovai a invidiare mio fratello che in quel momento stava svolazzando sui boschi di Herrengton libero e felice.

    “Sì, per questo ti ho chiesto di venire oggi con me, da sola sarei impazzita, almeno ho qualcuno con cui parlare e giocare…”

Si era sdraiata sulla coperta, a guardare il cielo, io stavo ancora seduto, felice in cuor mio che avesse chiesto proprio a me di farle compagnia, poi mi sdrai anch’io, sicuramente ci sarebbe stato qualcosa di positivo in quella giornata, prima o poi, ma in quel momento non potevo che considerare strana quella situazione. Osservai due nuvole panciute, mi accorsi che inclinando la testa di venti gradi una assumeva il profilo del tondeggiante professor Sloughorn.

    “Guarda quelle nuvole, come si rincorrono! Forse una delle due si farà ingannare dal vento e rimarrà intrappolata in Scozia…”
    “Mio padre ti ha già raccontato la storia della nuvola allora…”

Mi stava puntando addosso quei suoi occhi che mi facevano sprofondare, così continuai a fissare il cielo, mentre una brezza leggera ci accarezzava appena la faccia: per un attimo tutto quello che avevo intorno smise di esistere, mi sentivo leggero come quella nuvola, libero di vagare dove volessi, mi sembrava di avere in quel momento tutto quello che mi era necessario per vivere.

    “Sì, ma non so se l’ho capita, cioè, l’ho capita, ma non so perché ce l’ha raccontata…”
    “Perché siamo come la nuvola, così sicuri della nostra superiorità, che cerchiamo sempre qualcuno alla nostra altezza, ma così, spesso, ci isoliamo dalle persone sincere e ci mettiamo nelle mani di chi magari vuol solo farci del male…”

La guardai confuso, quel discorso non aveva senso.

    “Sicura che sia questo il significato? Perché allora è strano che ci racconti quella storia, visto che lui crede strenuamente che siamo superiori agli altri.”
    “Non è strano, lui ci invita a non esagerare nella fiducia verso chi ci sta attorno e si dichiara come noi, perché potrebbero mentire…”
    “I maghi pericolosi…”

Con un brivido mi tornò in mente la cupa apparizione di Abraxas Malfoy la notte del solstizio, ogni volta che pensavo a qualcuno di temibile mi tornava in mente quell’uomo.

    “Hai già esplorato questo luogo?”

Meissa si sollevò a sedere e con le sue dita affusolate indicò in direzione del ponte.

    “Laggiù c’è il fiume, potremmo andarci quando c’è meno sole, anche se non c’è molto da vedere, di là invece ci sono delle siepi, dei sentieri tra gli alberi, la mattina è ok, ma di pomeriggio, spesso, ci sono ragazzi e ragazze, che si strusciano e si baciano.”

Fece una smorfia disgustata, e continuò a guardare in quella direzione, io chiusi gli occhi e cercai d immaginarmi la scena, non riuscivo a metterla a fuoco completamente, ma mi risvegliava una certa curiosità. Non avevo una gran confidenza con le ragazze, di fatto l’unica ragazzina, a parte le mie cugine, che conoscevo un po’ di più era proprio Mey, sentivo il viso in fiamme ogni volta che pensavo a lei o mi accorgevo che mi osservava, e non potevo immaginarmi mentre la baciavo senza provare un senso di totale smarrimento e desiderio. Se non lo facevo era solo perché le avevo dato la mia parola che non ci avrei provato mia più.

    “Sono quelli i babbani a cui non dobbiamo dare confidenza? Credo abbiano di meglio da fare che curarsi di noi…”
    “Ci sono anche alcuni bambini, spesso giocano qui, su quelle altalene scrostate, poi ne ho visti due…”

Si interruppe di colpo e arrossì un poco.

    “Due come?”
    “Nulla, non giocano come gli altri, si nascondono tra le siepi e parlottano…”
    “Si strusciano pure loro?”

Risi, le immagini che mi venivano in mente in quel momento erano davvero ridicole. Riaprii gli occhi e la guardai, era assorta e lontana. Stava sempre seduta con le gambe incrociate, il corpo leggermente proteso in avanti, stranamente per lei, che stava sempre composta, aveva un profilo perfetto, la treccia che le nasceva dalle tempie scendeva fino a metà schiena, mentre il resto dei capelli, sciolti, danzavano mossi dalla brezza e le solleticavano il viso…. Gli occhi avevano lo stesso taglio di quelli di Alshian, erano allungati, non tondi come quelli dei suoi fratelli, l’incarnato era quello della madre, con le stesse timide efelidi… mi accorsi da quello scorcio che aveva delle ciglia lunghe e ricurve, sembrava davvero una bambola, e quelle labbra… sembravano delle ciliegie pronte per essere assaggiate. Mi sollevai di colpo anch’io, mi sentivo lo stomaco sottosopra come se fossi su un mare agitato, mentre lei, ignara di tutto, continuava a parlare.

    “No, sono piccoli, piccoli come noi, lui… ha l’aria di saperla lunga, lei ha i capelli rossi come mia madre, è graziosa e non perde una parola di quello che lui le dice.”
    “Potremmo andare a scoprire cosa combinano.”

Mi accesi all’idea d’aver trovato qualcosa d’interessante da fare e che mi distraesse dal pensiero delle ciliegie.

    “Non credo sia il caso, Sirius.”
    “Dai. Gli diciamo che vogliamo giocare, se hanno qualcosa da nascondere ci diranno di no, perché non ci vorranno tra i piedi, altrimenti vedremo come giocano i babbani.”
    “Magari oggi nemmeno vengono.”

Meissa sembrava quasi che lo sperasse, non era convinta, così capii che come me, anche lei aveva paura, a mettersi contro le raccomandazioni dei suoi genitori, forse era meglio desistere.

    “Vuoi giocare a scacchi intanto?”
    “Mio padre non me l’ha lasciati portare, dice che sono diversi da quelli che usano loro, possiamo usare solo le biglie…”
    “Uffa, ma perché tua madre ti porta qui? Con tutto quello che c’è a Herrengton!”
    “Devo vedere quanto i babbani siano inferiori a noi…”

La guardai stupito.

    “Ma la storia della nuvola allora? Ho capito, al contrario di tuo padre, tua madre ha le stesse idee dei miei…”
    “… Ti sbagli, Sirius, mio padre è ancora più fissato di lei, tutti gli anni fa fuoco e fiamme al consiglio per chiedere che Dumbledore, il preside di Hogwarts, sia sollevato, così che si metta fine alla presenza di babbani e mezzosangue in quella scuola di magia.”

Sospirai.

    “Sì, riconosco lo stampo, mio padre la pensa allo stesso modo…"
    “E tu?”
    “Io cosa?
    “La pensi pure tu così?”
    “Non lo so, Meissa, non ci ho mai pensato... però se un uomo come tuo padre la pensa in quel modo, forse è una posizione che ha una sua logica.”

Rimanemmo in silenzio per qualche minuto, consapevoli di parlare di cose che non comprendevamo appieno e che condividevamo più per abitudine che per convinzione.

    “Diciamo alla Shener che ci spostiamo in quell’ombra laggiù. Possiamo pure vedere se ci sono animali, cercare le tracce…”
    “Sir, non t arrendi mai!”
    “Sono sotto di tre piante ancora, ricordi?”

Mi guardavo intorno sperando di trovare qualcosa di notevole da osservare, mentre Mey aveva già trovato l’oggetto delle sue attenzioni: rimase, infatti, seduta immobile a osservarmi, beffarda, mentre mi agitavo in giro per nulla. La Shener ci diede un cenno di assenso, c’inoltrammo nei viottoli erbosi: ci impiegai poco a capire che quel parco non nascondeva nulla d entusiasmante, quindi iniziai a cercare un posto adatto a giocare a biglie.

    “Guarda Mey!”

Mi ero immerso in un altro anfratto, Meissa si voltò interrogativa ed io mi misi un dito sulle labbra per dirle di stare zitta: ci abbassammo tra i cespugli.

    “Sono i due che mi dicevi?”

Tornai a sbirciare tra il fogliame, rimettendo a fuoco due ragazzini seduti sull’erba che parlottavano animatamente: non mi sembravano molto entusiasmanti ma potevamo mettere in atto il piano che le avevo proposto, eravamo lontani dalla Shener, nessuno ne avrebbe mai saputo nulla…

    “Dai Mey, andiamo a chiedergli di giocare con noi!”
    “No, meglio di no, Sir, sono babbani!”

La guardai deluso, aveva un’espressione strana, allarmata, sembrava più spaventata di prima all’idea di parlare a quei due ragazzini. Iniziavo a perdere la pazienza, era necessario trovare qualcosa da fare, o la giornata sarebbe stata un incubo: presi la coperta e la sistemai a terra, ai piedi di Meissa e mi sdraiai sopra.

    “Che fai?”
    “L’unica cosa che si può fare qui, riposarmi e chiacchierare con te!”
    “Sei proprio pigro, Black!”

Sorrisi. Meissa si staccò dalla siepe e si sedette vicino a me, spiluccava fiori e foglie dalla siepe, come in trance, all’inizio non mi resi conto, ma poi capii.

    “Smettila Mei, lo sai che ci sono dei babbani qui vicino!”
    “Shhhh…”

Prese un fiore rosso tra le dita e me lo appoggiò sulla faccia, lo sentii zampettare e con un tremito volare via: era diventata una farfalla dai colori tenui dell’arcobaleno, con due bolli ai lati, color verde smeraldo.

    “Sei davvero brava. Io al massimo riesco a far esplodere le cose quando mi arrabbio…”

Meissa mi sorrise e si sdraiò sul plaid accanto a me, a osservare le nuvole che si rincorrevano sopra le nostre teste. Sentivo il calore del suo braccio e della sua gamba sinistra a contatto del mio braccio e della mia gamba destra, e il suo profumo di fiori che s’irradiava tutto attorno a me… Scivolai in un torpore leggero, mentre pensavo che la felicità in fondo fosse solo questo: un calore e un profumo che ti arricchiscono la vita e ti portano via dall’infelicità. All’improvviso sentii delle urla e mi ridestai, ci avvicinammo alla siepe e guardammo in direzione del trambusto: c’erano i due ragazzini di prima ma era arrivata anche un’altra bambina, sembrava più grande, cavallina e legnosa. Lui doveva averle fatto qualcosa, un dispetto odioso, la ragazzina più grande aveva gridato spaventata e poi gli aveva urlato contro parole incomprensibili da dove ci trovavamo, allora anche la più piccola gli aveva messo il broncio ed era scappata, lasciandolo da solo, lì, con l’espressione tipica di chi ha appena rotto il giocattolo più bello che ha.

    “Che cosa pensi sia successo?”
    “Credo non apprezzi essere disturbato quando sta con quella ragazzina, e l’altra deve averlo fatto arrabbiare… ma non ho idea di cosa possa averle fatto, stavamo dormicchiando, m pare…”
    “Io non stavo dormicchiando!”

Mey era rossa di vergogna e di stizza, con i pugnetti chiusi stretti ai fianchi, mi guardava ostile, con aria vagamente minacciosa, nei suoi occhi verdi c’era tutta la determinazione tipica della sua famiglia, io le risposi con tutta la mia capacità canzonatoria e stavolta mi riuscì appieno. Non mi ero mai sentito così libero e felice e ora avevo preso una sfrontatezza che mi era usuale solo con Regulus.

    “Ti ho addirittura sentito russacchiare!”
    “Quello eri tu, non io!”
    “Ma sentitela come rigira la frittata!
    “IO NON RUSSACCHIO!”
    “Ok ok… me lo sarò sognato. Chiedere alla Shener se ci porta a fare un giretto in questa città? Magari mangiamo qualcosa... inizio a essere un po’ affamato.”

Mey prese il plaid e ancora offesa si diresse dalla nostra tata con aria imbronciata, tutta impettita, lasciandomi indietro. Mentre cercavo invano di tenere il suo passo, vidi all’improvviso uscire da una siepe il ragazzino, da solo: con quell’aria cupa, non sembrava molto socievole, e visto così da vicino, con quel vestito scuro e informe, la sua figura sgraziata lo faceva assomigliare a un ragnetto. Magro allo spasimo, il naso un po’ grosso, i capelli lisci e neri, i vestiti troppo grandi per lui, aveva un cipiglio arrabbiato e assomigliava alla donna della casa, ne aveva la stessa aria austera. Immaginai che fosse suo figlio. Andando contro le raccomandazioni degli adulti, mi avvicinai per parlargli, ma come gli fui vicino quello mi sibilò.

    “TOGLITI DAI PIEDI, IDIOTA!”

Con una spinta rabbiosa mi costrinse a farmi da parte, lasciandomi indietro. Rimasi inebetito, mai nessuno mi aveva trattato in quel modo, nemmeno mio fratello, cui pure avevo dato spesso dei validi motivi. Lo guardai allontanarsi e quando mi accorsi che davanti al ragazzo, a pochi metri, c’era un pezzo d legno che avrei potuto usare per vendicarmi, provai a concentrarmi un po’.

    “Sir, andiamo, tra poco inizierà a piovere!”

Meissa mi distolse dai miei propositi, m’incamminai con lei e la tata verso l’uscita del parco: la prima cosa che notai fu che, ovunque guardassi, c’era una malsana aria di trascuratezza, che faceva sembrare ben curata persino Grimmauld Place. Le casette a due piani con giardino e gatto spelacchiato sullo zerbino sembravano ripetersi e moltiplicarsi all’infinito, creando un serpente di mattoni rossicci che si ergeva seguendo la curva sinuosa del fiume. Di verde ce n’era pochissimo, dalle case uscivano odori molesti che solo con molta fantasia potevano essere collegati all’idea d piatti commestibili; c’era un rumore di fondo caotico su cui spesso si levavano suoni grida e lamenti: era la prima volta che m’immergevo in un quartiere babbano e avevo il tempo d’attraversarlo e studiarlo un po’, e quello che percepivo era un’atmosfera di decadenza e disperazione. Quando uscimmo da quelle vie anguste e c’immettemmo in una strada più grande, vedemmo numerose auto, con i loro gas di scarico puzzolenti, negozi dalle vetrine illuminate anche di giorno, persone vestite tutte uguali, con lunghi spolverini color cammello e ombrelli neri attaccati al braccio e una valigetta nell’altra mano. La signora Shener si affacciò sulla strada, levò il braccio e dopo poco un’auto si fermò, ci fece salire, la tata diede un indirizzo all’autista: vidi la città scorrere al di là del finestrino, la pioggia rendeva le cose e le persone infinitamente tristi e disperate. In quei volti, vacui e senza anima, capii per quale motivo i babbani erano inferiori, e come fosse stata un’usurpazione costringerci alla clandestinità mentre loro che avevano il resto del mondo, non riuscivano a superare la loro condizione d’inferiorità pur avendo tante risorse per evolversi. Ci fermammo di fronte un negozio, con i tavolini all’aperto e una tenda che riparava da pioggia e sole, ci sedemmo e dopo poco arrivò un giovane brufoloso, vestito di bianco e nero, che prese l’ordine per il pranzo e dopo poco tornò con bistecca, patatine fritte e insalata, una caraffa di acqua e della birra leggera. Ormai avevo bollato quel posto come insignificante e noioso e la giornata come una vera perdita di tempo, ero impaziente di tornare a casa, anche ascoltare mio fratello e Rigel discutere degli schemi di gioco sarebbe stato meglio.

    “Per quante ore dovremo stare ancora qua?”
    “Partirete verso le 17.”
    “Ma sta piovendo! Non possiamo stare nel parco: dove passeremo tutto il resto del tempo?”

La prospettiva di altre quattro ore lì mi faceva impazzire e la mia disperazione forse trapelò troppo, perché Mey mi guardò come se l’avessi appena tradita, in fondo mi lamentavo platealmente di dover onorare un impegno preso con lei.

    “Ho una sorpresa per voi due, qualcosa che non avete mai visto, ma che è molto apprezzato dai vostri coetanei babbani.”
    “Ah sì, buoni quelli! Ho incontrato un tizio nel parco, mi ha insultato e mi ha dato una spallata e…”
    “E stavi anche per vendicarti con quel bastone, giusto?”

Mey candidamente stava rivelando il mio segreto, sotto gli occhi atterriti della Shener. Le rivolsi un’occhiataccia, era palese che volesse tradirmi per la mia mancanza di tatto, m chiedevo cosa sarebbe successo.

    “Tu come lo sai, Meissa?”

La Shener era ancora più preoccupata, rendendosi conto che era coinvolta pure la figlia di Sherton.

    “Ho visto tutto, infatti l’ho chiamato per evitare che si mettesse nei guai.”

La Shener era piuttosto indispettita della nostra mancanza di responsabilità e di ubbidienza, ma ci promise di non dire nulla ai nostri genitori, a patto che d’ora in poi ci fossimo comportati bene.

    “Andiamo a vedere un film al cinema, mi raccomando di non fare altri danni.”
    “Cos’è un film?”
    “Ora lo vedrete…”

*

Passammo le successive due ore in una sala, al buio, piena di poltroncine, di odore di tabacco e sudore raffermo e con qualche sparuto gruppetto di ragazzini rumorosi, raccolti in “piccionaia”: la storia parlava di un pilota che acquistava un catorcio e riusciva a vincere anche le gare più difficili. Praticamente patetico!

    “Allora ragazzi, come vi è sembrato?”
    “Si divertono con poco i babbani!”

Cercavo di fare l’indifferente e anche l’indispettito, per mascherare la gioia del tempo passato al buio, a respirare l’odore di Mey e godere della sua vicinanza… a circa metà del film avevo sentito nel buio la sua mano cercare la mia sul bracciolo, l’avevo lasciata fare, facendole capire che non ero più arrabbiato con lei. Quando la luce era tornata nella sala, le nostre mani erano ancora intrecciate e lei mi aveva guardato con un senso di gratitudine e un leggero rossore sul viso, ci separammo in tempo per non essere visti dalla tata e per il resto del pomeriggio facemmo gli indifferenti, davanti alla coppetta di gelato al cioccolato e fragola che la tata ci offrì di ritorno al fiume, in attesa di tornare a Herrengton. Affrontai il resto del pomeriggio sospeso tra le nuvole, non mi davano più fastidio il caos e la meschinità di quei luoghi, non trovai più tanto orribile la casa della maganò quando ci ritornammo da lei per usare il suo caminetto. Quando mi ritrovai d fronte ad Alshain, nel suo salotto, non ero ancora pienamente in me. Mio fratello e Rigel stavano giocando a scacchi magici stesi sulla pelle d’orso, mentre fuori pioveva a dirotto, Alshain poco prima del nostro arrivo doveva essere allo scrittoio accanto al caminetto, come indicavano ancora i rotoli d pergamena e la piuma appoggiati là sopra. Odorava di sale, il che m fece capire che mi ero perso non il Quidditch ma una bella giornata alla spiaggia.

    “Com’è andata la giornata?”

Sherton ci diede appena il tempo di salire a lavarci e cambiarci poi pretese un resoconto dettagliato imponendo che non fosse servita la cena finché non avesse saputo tutto: io ero famelico, dopo aver sputato quella parvenza di pranzo nel tovagliolo e aver consumato il gelato ormai da un pezzo, quindi affrontai la decisione rassegnato, ma anche spaventato perché temevo che avesse saputo del mio tentativo di aggredire un ragazzo babbano, o della storia del cinema. Invece era interessato solo a conoscere le nostre impressioni e notai che uscì compiaciuto, quindi ordinò che fosse servita la cena, particolarmente ricca e abbondante e si congedò da noi piuttosto presto, apparentemente perché impegnato con la corrispondenza o per parlare in privato con sua moglie. Mey mi salutò e andò di sopra, lasciando i signori Sherton seduti davanti al caminetto, Mirzam prese il sacchetto della metro polvere e dopo averci salutati se ne andò, forse dalla sua Sile che ancora non avevamo mai visto, Rigel, Reg ed io infine scendemmo nel chiostro, dove li lasciai ai loro schemi di Quidditch e mi avviai alla mia consueta nuotata serale nel patio. Dopo alcune settimane, quel rito non era più un semplice gioco da bambini, era diventato un’esigenza fisica: mi piaceva stremarmi, vedere quanto resistevo alla fatica e m’imponevo di resistere sempre un po’ di più. Era uno dei metodi che potevo usare per dimostrare a mio padre quanto ero diverso da quello che pensava, non ero un rammollito, non ero…

    “Sirius!”

Avevo appena finito di percorrere quella vasca per la terza volta, quando trovai Alshain Sherton al bordo che mi aspettava, in piedi, vestito con pantaloni neri e una camicia color antracite, di taglio babbano, i capelli lasciati sciolti, con stivali nascosti sotto il tessuto dei pantaloni che aveva indossato per la cena.

    “Signore…”

Ero stupito di trovarlo lì, sembrava impegnato quando c’eravamo congedati e soprattutto non aveva dato l’idea di volermi parlare ancora per quella sera. L’atmosfera fredda mi fece capire che forse non era una visita piacevole quella che mi stava facendo. Uscii dall’acqua, rimasi in piedi di fronte a lui che mi squadrava con uno sguardo leggermente alterato, mi porse l’asciugamano e attese che mi dessi un’asciugata, aspettandomi di fronte alla finestra, ad ammirare la luna che era tornata a farsi strada tra le nuvole: da lì poteva osservare anche il chiostro, i bracieri ne delineavano la forma, espandendo giochi d luci e ombre da sotto le volte d pietra. Si voltò di nuovo verso d me, che ormai quasi asciutto aspettavo d capire cosa stesse succedendo. Sembrava davvero arrabbiato.

    “Che cosa vi avevo detto stamani prima della partenza, Sirius?”

Non feci nemmeno in tempo a rispondere.

    “Mi pare di avervi raccomandato di non dare confidenza a nessuno!”
    “Ma signore…”
    “Nessun ma, Sirius…”
    “Io non ho…”

Alshain mi squadrò, guardandomi poi dritto negli occhi, e costringendomi al silenzio e ad abbassare lo sguardo, nei suoi occhi pareva danzare lo stesso rossore dei bracieri.

    “Sei solo un ragazzino, Sirius Black, non hai disciplina e dimostri di non avere idea di cosa potresti fare anche senza volerlo… non dovevi rivolgergli nemmeno la parola…”
    “Ma signore…!”
    “Tu non puoi sapere come reagisce un babbano, nemmeno se fai un gesto innocuo e gentile. Nn puoi fidarti d loro, sono malevoli, sono crudeli e disonesti!”
    “Ma era un ragazzino!”
    “Ce l’hanno nel sangue, Sirius… e mi pare che tu l’abbia visto da te, o sbaglio? Non ti contesto di aver pensato alla vendetta, l’errore è stato metterti nelle condizioni di subire un’offesa da lui…. Immagino che a casa, quando ti arrabbi o sei triste, ti capiti d fare qualcosa anche senza volerlo: lo sai da te che non sei capace di governare queste capacità…. Cosa sarebbe successo se Mey non t avesse chiamato? Se avessi perso il controllo di quel pezzo d legno, chi l’avrebbe governato? Chi avrebbe posto un limite alla tua rabbia? Una maganò?”

Era tornato a guardarmi indagatore, ora non sembrava tanto adirato quanto sconvolto proprio come me: iniziavo a capire, a rendermi conto di quanto ero arrivato vicino a una tragedia, a quanto avessi messo in pericolo lui e la sua famiglia, che così gentilmente m avevano ospitato in quelle settimane. E per cosa? Per togliermi una curiosità su un babbano? Ero ammutolito: era molto diverso dal modo di mio padre di rimproverarmi e umiliarmi, lui si limitava a punirmi, Sherton aveva la capacità d farmi rendere conto di come una leggerezza potesse trasformarsi in una catastrofe non solo per me, ma per quanti amavo.

    “Mi dispiace, non mi son reso conto… io….”
    “Meriteresti di non venire con noi alla partita del Puddlemere United, ma sarebbe palese a tutti che sei in castigo, invece questa è una questione tra te e me, perché mi hai molto deluso Sirius. Passerai almeno un’ora al giorno con me nei sotterranei o dove t’indicherò, so che ti piace dormire al mattino, quindi scenderai all’alba, ti assicuro che diventerai più responsabile!”

M diede d nuovo le spalle, continuando a giochicchiare con il pollice sull’anello all’anulare.

    “Signore?”
    “Non sono ammesse repliche alle mie decisioni in questa casa, Sirius.”
    “No, io… Volevo scusarmi…”

Alshain mi guardò, non era più adirato ma non c’era ombra della benevolenza che di solito mi dimostrava, e questo m ferì più di tutto: se perdevo l’appoggio e la stima di quell’uomo, ero finito, e mi maledii ancora d più per la mia dabbenaggine.

    “È il caso che tu vada a dormire ora. Ci sono domande?”
    “Sulla punizione?”
    “Su quello che è successo oggi, sulla punizione, su quello che vuoi. Penso avrai domande su Spinner’s End…”
    “Non ho trovato molto interessante la giornata a dire il vero…”
    “E allora perché volevi parlare a quel ragazzino?”
    “Perché era strano, c’era qualcosa di strano in lui…”

Stava per aggiungere qualcosa ma poi ci ripensò, si voltò e andò di nuovo verso le finestre che circondavano il patio, guardando le stelle, nel cielo finalmente libero da nubi.

    “Hai visto qualcosa di strano in particolare o è solo una tua sensazione?”
    “No, non ho visto nulla, stavo sdraiato con Mey fino a poco prima…”
    “Cosa hai detto?”

Mi squadrò interdetto ed io divenni di nuovo porpora.

    “Io e Mey eravamo sul plaid e guardavamo le nuvole, stavamo parlando della favola che ci ha raccontato la prima sera qui…”

Alshain si lasciò sfuggire un sorriso sotto i baffi, era la prima volta che sorrideva da quando era apparso nel patio, mentre io ero preda della confusione più totale, con le guance in fiamme, le parole che mi uscivano balbettando e gli occhi che non riuscivano a sostenere il suo sguardo.

    “Ah sì, la nuvola… Capisco… Era bello il film?”

Ero sicuro che il peggio dovesse ancora venire, mi chiedevo come sapesse tutte quelle cose, le mie azioni, i miei pensieri, anche quelli più segreti, se, come temevo, fosse stata Mey a raccontargli tutto. Ero infuriato con me stesso, di nuovo quella ragazzina mi aveva giocato, ed io che non avevo occhi che per lei, che stupido!

    “Nn è stata Mey a dirmi del tuo scontro con quel ragazzo, sapevo già che sarebbe successo prima che partiste.”

Sorrideva, stavolta bonariamente, come tutte le volte in cui m raccontava qualcosa ed io cadevo vittima del suo fascino e della mia infinita curiosità.

    “So leggere gli indizi, per questo so dove cercare i cimeli del passato della mia famiglia, o sapevo che ti avrei trovato sul bordo del precipizio il mattino dopo il tuo arrivo, o che avresti voluto picchiare il figlio d Eileen Prince fin dalla prima volta che v foste incontrati, oltre a tante altre cose…”

Diventai rosso porpora. Chissà cosa racchiudeva quel “tante altre cose” ... Di nuovo non’ombra cupa gli attraversò il volto.

    “Da quando sei qui, ti chiedi se c’è un motivo preciso per cui vi ho invitato, ci abbiamo girato attorno parlando, varie volte: Walburga non è stata mai entusiasta d questa storia, vista la mia cattiva nomea, ma tuo padre ha voluto me come vostro padrino, tuo e di tuo fratello, quado siete nati…”

Non potevo crederci, era la cosa più meravigliosa che avessi scoperto nella mia vita. Ne ero felice, dopo la giornata noiosa, l’incontro col babbano, la ramanzina di Sherton e il suo sguardo duro, scoprire che era non solo un amico ma il mio padrino mi ridava fiducia nel futuro. Mi fiondai su di lui per abbracciarlo, m era mancato davvero tanto, anche se in fondo era passato pochissimo da quando c'eravamo congedati dopo cena.

    “Non lo sapevi… dovevo immaginarlo… questo significa che ho precise responsabilità verso di voi, e ho promesso, quando eravate piccoli, che nel tempo che mi resta da vivere vi avrei insegnato tutto quello che so, tutto quello che a scuola non insegnano più, come se foste due dei miei figli.”
    “La magia oscura degli Sherton?”
    “No Sirius, non si tratta di magia oscura… o meglio, non solo… sentirai molte cose sulla mia famiglia e su di me crescendo, lo so, ma non tutto quello che sentirai corrisponde al vero, anzi… tu sei una delle poche persone cui ho dato e darò modo d conoscermi per quello che davvero sono, solo tu e pochi altri conosceranno la verità.”

Sorrisi, era un grande onore, e sapevo che su questo non mi avrebbe di certo mentito.

    “Perché mio padre ha dovuto delegare te per insegnarci? E’ davvero così poco potente come mago, da dover…”
    “Non dire sciocchezze Sir, voi Black siete tra i maghi più puri e potenti, è solo che… tuo padre ha, come dire, perso di vista la strada che porta diritto al cuore dei suoi figli: è come un fiume, ricco di acqua ma… c’è una roccia che gli impedisce di fluire come dovrebbe… io vi aiuterò a togliere quella roccia, perché voglio bene a tutti e tre.”

Si avvicinò, mi scompigliò i capelli e fece per congedarsi.

    “Personalmente non credo che mio padre si meriti un amico come te…”
    “Personalmente non credo che tu conosca davvero tuo padre e ora vai a dormire, è il caso che tu ti riposi, domattina ti aspetto presto nei sotterranei, ricordatelo!”

Me ne tornai in camera, mi rivestii e mi sdrai sul letto, Regulus era già nel mondo dei sogni, sembrava una bambola di cui vedevo a malapena i riccioli neri e morbidi disfatti sul cuscino. Osservai la luna e m resi conto di quanto quella giornata fosse stata lunga e pregnante per la mia vita. Sherton era il nostro padrino, aveva assunto fin dalla nostra nascita l’impegno di prendersi cura di noi, niente e nessuno ci avrebbe mai diviso: ero felice, come mai, eppure, continuava a risuonarmi sinistra la frase ”nel tempo che mi resta”. Da giorni ormai ero convinto che sapesse ben più di qualcosa sul futuro di tutti noi. E dall’aria cupa che gli avevo visto in alcune circostanze, avevo il sospetto che nel futuro non ci fosse solo gioia e serenità. Mi addormentai con un dolore sordo nello stomaco, la voglia d piangere e la terribile consapevolezza che, quando aveva cercato di confortarmi, mi avesse mentito.


*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine: non ho ancora ritrovato la fonte di questa immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 17
*** I.017 - HABARCAT - Estate a Sherton Manor (2) ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.017 - Estate a Sherton Manor (2)

I.017


Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - mar. 20 luglio 1971

Mi svegliai con notevole anticipo, mi lavai e mi vestii rapidamente, avendo cura di non svegliare mio fratello. Scesi nel chiostro e mi diressi secondo il tragitto già fatto un paio di giorni prima con Mey in quella che era la zona destinata alle attività personali di Alshain. Scesi due piani, mi avviai per il lungo corridoio con le altissime volte di pietra, osservai la pesante porta che Mey aveva aperto grazie alle rune e che celavano la stanza in cui avevamo giocato per ore a scacchi, quindi presi un corridoio secondario che l’altra volta nemmeno avevo notato, lo percorsi fino in fondo, dove trovai una ripida scala a chiocciola, anch'essa di pietra, che sembrava non terminare più. Infine mi trovai di fronte a una piccola porticina come mi aveva detto Alshain, l’aprii con qualche difficoltà e m’incamminai nel bosco, diretto a un capanno da guardiacaccia, dove Sherton mi aspettava. Così mi aveva lasciato scritto su un foglio di pergamena, attaccato alla porta della nostra stanza. Il bosco si stava appena risvegliando, ovunque era una sinfonia di versi di uccelli ed altri animali che salutavano la rinascita del sole; la terra era umida, sia per la pioggia pesante del giorno precedente, sia per l’umidità del mattino. Mentre camminavo, mi accorsi quasi del respiro della terra: si manifestava in una specie di nebbia leggera e impalpabile, che, come un tappeto, si affacciava tra ciuffi d’erba, radici di alberi, sassi… All’improvviso sentii muoversi qualcosa dietro di me, mi voltai e tra gli alberi vidi la schiena nuda di un uomo: pensando fosse Alshain, tornai indietro e mi avventurai tra gli alberi, ma non trovai nulla; temendo di perdermi, tornai al tragitto originario, quello che mi era stato indicato, sperando di trovare presto la capanna, perché c’era, evidentemente, qualcosa di sinistro attorno a me, un respiro strano, una magia antica, che mi stava facendo vedere cose che non esistevano. Come la notte di Yule a Loch Achall. In quel momento non potevo saperlo, ma non ero solo in quella zona del bosco, Alshain mi aspettava come concordato nella radura dei tresthal, dove andava a nutrire quelle bestie e gli ippogrifi tutte le mattine; ma c’era anche qualcun altro. Quando vidi la scena rimasi a bocca aperta, cercai riparo dietro a un folto cespuglio di erbe selvatiche, facendo in modo che nessuno si accorgesse di me.

***

Abraxas Malfoy (pov in 3^ persona)
Herrengton Hill, Highlands - mar. 20 luglio 1971

Abraxas Malfoy aveva pensato che fosse meglio muoversi già dalla sera prima: conoscendo le abitudini di villa Sherton, sicuramente avrebbe trovato Alshain nel bosco, di primo mattino, con qualcuno dei suoi dannati animali esotici che riportava sempre dai suoi continui viaggi in giro per il mondo. In questo modo non gli avrebbe dato il tempo di nascondersi dietro la sua facciata di gentile ospite, non avrebbe avuto Deidra, o i figli, o uno dei suoi dannati ospiti tra i piedi. Era la cosa migliore, visto che ormai il tempo stringeva e i discorsi erano troppo importanti per farsi distrarre da inutili chiacchiere e da falsa cortesia. Si era materializzato, come sempre, a metà della salita che portava alla tenuta, passando da ovest, attraverso quei boschi che erano quasi una fissazione per Sherton: non era possibile avvicinarsi alla casa senza essersi prima annunciati. Di fatto, a dire il vero, in quel punto non era ancora nella tenuta, ma al limitare. Per fortuna, col tempo, e dopo vari tentativi falliti, aveva trovato il modo di “tracciare” suo cugino: riusciva a vederlo, a sentirlo; ma, senza la sua presenza, non sarebbe riuscito a penetrare in quell’intrico arboreo. Abraxas Malfoy non sapeva quale incanto avesse fatto suo cugino, ma quel bosco era una fortezza inespugnabile per chiunque tentasse di entrare senza avvisare. All’epoca di suo padre, le cose non erano così: chiunque poteva introdursi e materializzarsi a pochi metri dal maniero, ma da quando Alshain aveva trasferito lì la sua famiglia, aveva protetto tutta la tenuta con una serie d’incanti complicati, a dimostrazione di cosa fosse davvero importante per lui. E quel dannato Sherton, benché sembrasse interessarsi solo di cose inutili, era straordinariamente abile con certi trucchi di Magia Oscura, di cui vanamente Abraxas aveva cercato di venire a capo, negli ultimi nove anni.
Si preparò alla salita. Non pioveva più a dirotto, com’era accaduto per tutta la giornata, il sole stava mandando il suo ultimo bagliore da dietro le colline. Per un attimo si fermò ad ammirare il paesaggio: in basso scorreva un fiume, di solito sonnolento, ma ora, le prime piogge, che annunciavano l’imminente fine dell’estate, l’avevano ingrossato, era limaccioso e carico di forza. Tutto attorno, le colline avevano perso i toni brillanti della primavera, gli alberi avevano iniziato a spogliarsi, dalle poche case che punteggiavano il paesaggio, di sera, filavano in alto timide scie di fumo. L’aria si presentava umida e il respiro della terra si manifestava in una sottile nebbia che avvolgeva Malfoy e gli dava l’aspetto di uno spettro. Provò un moto di disgusto per i suoi antenati: con maggiore abilità, già nel passato, quella terra poteva essere dei Malfoy, insieme a tutte le meraviglie che vi erano custodite.
Si diede una mossa: probabilmente, se non si fosse perso prima, avrebbe impiegato ore a raggiungere suo cugino. Avanzava nella desolazione, con la mente libera di rammentare il passato: anche la sua famiglia, originaria della Francia, aveva vissuto nell’antico villaggio magico di Herrengton, nella notte dei tempi, ma dopo le persecuzioni subite dai babbani nella prima antichità cristiana i suoi se ne erano andati e avevano creato una nuova magnifica vita altrove, a sud, mentre della gloria del passato, lì, a Herrengton, non era rimasto altro che la foresta, qualche rovina e la casa degli Sherton, diventata nei secoli successivi una vera reggia, che troneggiava sulla vallata, oltre che uno dei principali santuari di Serpeverde. In un remoto passato Malfoy e Sherton si erano già imparentati, ma per generazioni gli Sherton erano stati solo una delle tante famiglie di maghi purosangue e di una certa ricchezza, che si era legata con qualche matrimonio alla sua stirpe, ben più ricca e antica. Le cose cambiarono solo quando Hifrig Sherton salvò Salazar e fu accolto nella cerchia di Serpeverde, dove manifestò le sue particolari doti di mago oscuro, elevandosi al rango di prediletto di Salazar stesso. Da allora le due famiglie si equivalsero, i rapporti tra loro divennero davvero tra pari: la sua famiglia aveva complottato nell’ombra durante il medioevo per rovesciarli, arrivando, insieme ad altri, a gettare delle maledizioni per frenare l’ascesa degli Sherton, anche se ufficialmente, nel corso dei secoli, erano sempre stati alleati. Negli ultimi tre secoli c’erano stati cinque matrimoni importanti che rinsaldarono tra loro i legami di sangue, oltre che di amicizia, l’ultimo fu quello tra la sorella di suo nonno ed Elija Sherton, nel 1893, da cui nacque il padre di Alshain.
Da quando era ragazzino, Abraxas aveva fatto sempre ciò che era richiesto alla sua famiglia: sostenere ufficialmente i cugini, e lavorare nell’ombra per la loro caduta, per rimettere le mani su Herrengton e tutto quello che vi era custodito. Si poteva dire tranquillamente che l’incidente di caccia che era costato la vita a Elladora Lestrange e suo marito Ronald Sherton, vent’anni prima, fosse stato finora uno dei risultati più proficui della sua attività personale. Soprattutto perché Alshain Sherton da sempre riteneva responsabile Roland Lestrange di quanto era successo a suo fratello e sua cognata, morti senza aver lasciato eredi alla famiglia. Abraxas e Ronald erano coetanei, cinque anni più di Alshain, e i “cugini” erano, di fatto, cresciuti insieme, insieme avevano studiato a Hogwarts, naturalmente entrambi nella casata di Salazar, dove mostrarono tutte le qualità che si convenivano a degli slytherins: ambizione, forza, spregiudicatezza, astuzia. Entrato a sua volta a Serpeverde, Alshain subì invece il fascino e il carisma di Orion Black, più che quello di suo cugino, diventandone presto il più caro amico… Tra Abraxas e Orion non era invece mai nato nessun rapporto di vera amicizia, soprattutto per il legame che Abraxas aveva stretto con Tom Riddle, suo compagno di studi e personalità sicuramente predominante. Col tempo Malfoy e Black si erano sempre ignorati, tranne nelle occasioni in cui Alshain Sherton era riuscito a organizzare imprese che potessero interessare a entrambi, o negli ultimi anni, quando si erano interessati allo stesso tipo di affari. Ora tutto questo era uno svantaggio, perché, purtroppo, Orion continuava ad avere molto peso nelle decisioni di suo cugino, e quello che doveva proporgli quel giorno non era il genere di cose che piacessero a Black, uomo che preferiva farsi gli affari propri e tenere sempre il piede in più scarpe. Malfoy strinse il pugno sul manico del suo bastone: avrebbe volentieri dato una lezione a quel Black, peccato fosse necessario tenerselo buono, per via di tutti i soldi e le conoscenze utili che aveva. E soprattutto perché Alshain non doveva avere motivi per sospettare di lui, di suo cugino. Non ancora, almeno.
Abraxas aveva camminato tutta la notte per il bosco, aveva saltato ruscelli, aveva superato rocce, si era ritrovato all’improvviso su strapiombi che avrebbero potuto proiettarlo in acqua molti metri più in basso, ponendo così fine alla sua vita e alle sue macchinazioni. Poi si era buttato nell’intrico arboreo più denso, quello che sicuramente era possibile attraversare solo in volo sulle possenti ali di un ippogrifo o di un tresthal: sapeva che suo cugino ne aveva diversi… Avanzò per ore, senza avere nessun tipo d’orientamento se non le rare stelle che riusciva a scorgere, a volte, di là delle fronde, e soprattutto quella voce in testa che gli diceva quale direzione tenere per raggiungere Alshain. Si era reso conto che ormai stava per albeggiare e che probabilmente si era perso, quando, all’improvviso, riconobbe nella nebbia leggera del mattino le fattezze di Sherton: era nella radura a occuparsi dei threstal, proprio come aveva immaginato. Salazar, come poteva un mago della loro stirpe abbassarsi al livello di un guardiacaccia? Lo squadrò da dietro gli alberi, non visto: quando era nella quiete del suo bosco, Sherton restava per lo più vestito come un volgare plebeo, con quella specie di tunica da lavoro e i pantaloni macchiati di fango, mentre lui, Abraxas, oltre a non porsi mai in certe situazioni, non si mostrava mai in pubblico senza il suo mantello nero e il bastone da passeggio, sembrava sempre pronto per un ricevimento, e soprattutto, anche dopo aver affrontato una notte di delirio, come quella appena trascorsa nei boschi di Herrengton, non aveva mai nemmeno un capello fuori posto. Era però vero che anche con gli abiti da lavoro, Alshain aveva sempre un aspetto attraente: aveva ereditato la bellezza di sua madre e la forza e la determinazione di suo padre; aveva un’eleganza innata, ulteriormente curata e sviluppata nel tempo dalla volontà di conquistare il cuore di Deidra Llywelyn. Anche in quello Sherton era stato diverso dagli altri: nelle loro famiglie per lo più si celebravano matrimoni d’interesse, che garantissero potere, purezza e ricchezza alle famiglie magiche, Sherton invece si era ribellato, l’aveva spuntata ed era riuscito a fare tutto quello che voleva, senza mai pagare pegno. Anche ora, che era a capo della famiglia più influente tra quelle del Nord, Alshain continuava a fare tutto quello che voleva, occupandosi solo dei suoi divertimenti, della sua famiglia e disinteressandosi quasi completamente di politica magica.

    “Buongiorno Malfoy, sei venuto a farti turbare dalle mie imbarazzanti abitudini, di prima mattina?”

Alshain lo accolse con un sorriso cordiale e con la solita espressione canzonatoria, l’aveva imparata da quel Black sicuramente, ma Abraxas non aveva tempo per i giochetti, quello che aveva in mente era più importante, lasciò perciò da parte la sua maschera più cortese e ben disposta, e lo affrontò di petto.

    “Lo sai, mi lascia sempre stupito il tempo e la pazienza che metti in questo genere di attività inutili, potresti farle fare a qualcuno che lavora per te, che abbia mani più adatte a tutto questo.”

Era piccoso e provocatorio al punto giusto, ma Alshain non sembrava disposto a cedere subito, anzi continuò sulla scia dell’ironia e della cordialità.

    “Mio caro cugino, tu perdi di vista il piacere delle piccole cose, la libertà, la natura, l’odore del bosco in una mattina d’estate, sei troppo preso dai tuoi intrighi ormai, che non vedi più nulla… per questo hai bisogno di sensazioni sempre più forti per entusiasmarti…”

Alshain si voltò e tornò a dare in pasto al suo ippogrifo la carogna di una volpe.

    “Pensavo che avessi già fatto per molto tempo tutto quello che volevi nella tua vita, e che a quarant'anni, ormai, ti saresti deciso a prendere in mano il ruolo che ti compete.”

Era serio, la questione era seria.

    “Allora sei venuto qua solo per farmi la paternale! Non sapevo che mio padre si fosse reincarnato in te…”

Tornò a guardarlo, gli occhi freddi e l’espressione a sua volta seria, un cenno di sfida nella voce.

    “Sentiamo, cosa dovrei fare per ottenere il tuo rispetto, cugino, e farti dormire sereno, la notte, invece di costringerti a un faticoso viaggio notturno, per essere qui all’alba? Cosa non sto facendo che invece è mio dovere fare?”
    “Lo sai: ti occupi troppo poco dei problemi delle nostre famiglie, anche se è un problema anche tuo, non partecipi alle riunioni del consiglio, anche se sei consigliere anche tu, ti si sente solo quando qualcosa non va a Hogwarts, solo quando hai qualcosa da dire contro quel dannato Dumbledore…”
    “Naturale, quello è l’unico ambito che suscita il mio interesse, cugino, visto che ho un figlio là, e presto ci andrà anche un’altra mia figlia. È questo che è importante per me, non gli intrighi che tu e i tuoi amici ponete in atto per avere più potere!”
    “Dovresti avere più a cuore la questione del potere, Alshain, perché è qualcosa che si perde se non si cura, dovresti deciderti a mettertelo in testa! I problemi di noi purosangue non si risolvono solo occupandosi di quella dannata scuola, è evidente che il Ministero è ormai alla deriva, bisogna fare qualcosa, prendere decisioni importanti, e tu hai delle qualità tali che potresti essere di notevole aiuto in tutto questo: incanti con le parole almeno quanto incanti con la magia, il tuo passato da giocatore di Quidditch fa di te un portavoce ideale anche tra più giovani, poco interessati alla politica. Non scordiamoci poi il peso del tuo nome, Alshain! Per la nostra causa la tua voce o il tuo silenzio sono decisivi sia per vincere sia per restare sconfitti!”

Abraxas si era preparato a lungo il discorso, sperava d essere stato sufficientemente appassionato e aver solleticato le corde dell’orgoglio e del compiacimento, non si aspettava una resa immediata certo, suo cugino era estremamente orgoglioso e testardo, ma sperava di strappargli almeno la promessa di una riflessione, la promessa di un incontro.

    “Nostra… Nostra causa… Ti manda lui, giusto? E’ per lui che sei qui, è per lui che affronti la notte, la pioggia e la foresta…”
Alshain era straordinariamente sveglio e con quella domanda mise subito fine a ogni speranza di poter ragionare sulla questione amichevolmente: in tutta la vita era sempre andato diretto al sodo, e in Malfoy tutto questo non poteva non accrescere ancora di più la rabbia.
    “Alshain!”
    “Abraxas, sai che odio quando giri intorno alle cose, ti ha mandato lui, è così? Crede davvero che mandare avanti mio cugino mi renda più malleabile?”

Distolse lo sguardo e si mise ad accarezzare la testa dell’ippogrifo, gli occhi persi a frugare in un punto in mezzo agli alberi, in silenzio. Quando si voltò di nuovo verso d lui, gli occhi di acciaio erano seri e determinati, ogni cellula del suo corpo rivelava tutta l’autorità del suo carattere e del suo sangue, a contrastare l’umiltà delle vesti.

    “Lo ripeto anche a te, Abraxas, visto che il tuo "padrone", per quanto sia eccezionalmente potente, non pare dotato di un udito altrettanto eccezionale: non m’interessano i suoi progetti, si faccia chiamare come vuole, non m'importa. Per me resta sempre e soltanto Tom Riddle! Ti ho già garantito che non mi schiererò contro di lui, che se accadrà l’inevitabile, io resterò neutrale, è il massimo che posso promettervi.”
    “Quando ti ha detto che il suo nome era Tom Riddle?”
    “Stolto, sei tu che me ne dai conferma, adesso, con le tue parole…”
    “Maledizione, Sherton! D’accordo… d’accordo, poco importa, avevo… avevo la facoltà di dirtelo, prima o poi… e non è questo il punto… ti rendi conto che solo lui può fare la differenza? Che solo unendoci a lui, possiamo mettere fine alla deriva del Ministero? Fine alle scorrerie dei babbani?”

Abraxas si avvicinò tanto da far innervosire l’ippogrifo, ma Alshain riportò alla calma l’animale con un semplice sguardo… poi tornò a prestare attenzione al cugino, parlando con calma, ogni parola era misurata, e aveva l’effetto d'un macigno.

    “E tu ti rendi conto che stai mettendo te e la tua famiglia nelle mani d'un Mezzosangue? Che stai chiedendo a me, tuo cugino di mettere la mia vita e quella della mia famiglia nelle mani d'un mezzosangue? Di un mezzosangue, capisci! Abraxas, lo sai, non mi fido d lui, se parlassimo di un tuo progetto, se fossi tu a capo di questa impresa, non ci penserei nemmeno un istante. Avrei messo tutto da parte e sarei stato al tuo fianco già da un pezzo… Ma con lui no: è diverso, non è uno di noi, e... Per il sangue che ci lega, Abraxas, ti consiglio di riflettere con molta attenzione prima di fare azioni che mettano a rischio te e la tua famiglia…”

Malfoy era da sempre più che convinto della propria posizione, ma quell’accenno all’essersi piegato a un volgare Mezzosangue, per un attimo, gli fece rivoltare lo stomaco… ma fu solo un attimo, perché subito tornò in sé.

    “Non gli dirò quello che mi hai detto, ti voglio troppo bene…”

Gli diede le spalle, stanco e rassegnato, conosceva suo cugino: era la persona più ostinata che conoscesse.

    “Fai come credi Abraxas, io non ho paura di lui, e la prossima volta che vuoi venire a trovarmi, abbi la decenza di non intrufolarti più come un ladro, come hai fatto oggi.”

Anche Alshain era stanco, stanco di affrontare da mesi in modi diversi sempre la stessa questione, ogni volta che s'incontravano a Londra: era un assedio continuo, che poneva in difficoltà anche il rapporto con sua moglie, poco lieta, come lui, che sulla loro famiglia si fosse concentrata l’attenzione di quel mago oscuro potente e privo di qualsiasi scrupolo: soprattutto perché Alshain Sherton sembrava tutt’altro che ben disposto persino ad ascoltarlo.

    “Credo dovresti, invece, avere paura di lui, Alshain: non è una minaccia, bada bene. È una semplice constatazione: lui sa sempre trovare i punti in cui siamo più deboli, e sa usarli molto bene a suo vantaggio!”
    “Noi siamo purosangue, Malfoy, noi non abbiamo paura di nessuno, la mia casa è sempre aperta per te, sappilo… ma per favore, finiamola con questo discorso. Deidra aspetta un bambino, non voglio che sia ancora turbata da questi argomenti, tanto il mio pensiero lo conosci già e conosci me.”
    “Se qualcosa nel piano cambiasse… non saresti disposto almeno ad ascoltare, senza promettere nulla? Almeno riflettici! Per il tuo bene Alshain, e per tutti quelli che ami, almeno ascoltalo…”

Alshain rimase turbato da quella specie di supplica, per un attimo gli passò per la testa che Abraxas non fosse andato lì all’alba, a sporcarsi i piedi nella terra umida del bosco per perorare la causa di Riddle, ma per dare un consiglio a lui, per metterlo in guardia su un qualche pericolo che forse stava sottovalutando. Tom Riddle era di sicuro un pazzo, ma sarebbe stato così pazzo da mettersi contro di lui, di affrontarlo apertamente? I Malfoy e gli altri maghi così legati alla sua famiglia, davvero avrebbero voltato le spalle a uno Sherton per volere di un mezzosangue? Pensò a certi discorsi di suo padre e capì che tutto era possibile, c’era talmente tanto in gioco. Sherton sorrise a Malfoy e lo abbracciò.

    “Abraxas, ti prometto che cercherò d'impegnarmi di più nel consiglio, che mi interesserò di più ai problemi di noi purosangue, che farò pesare il mio nome per sostenerti, perché è mia volontà, non solo mio dovere farlo. Ma non sosterrò lui.”

Malfoy rispose all’abbraccio, guardando il cugino con rispetto, gli diede un bacio e si allontanò lasciandosi portar via dalla smaterializzazione che Alshain gli aveva momentaneamente concesso. Sperava sinceramente che quella promessa fosse sufficiente a prendere altro tempo, e trovare così un modo definitivo per convincere Alshain Sherton ad aderire alla causa di Lord Voldemort. In fondo quel pazzo di suo cugino gli piaceva, e non aveva intenzione, non ancora almeno, di toglierlo di mezzo, anche perchè era convinto che fosse sincero quando gli diceva che se fosse stato lui a capo dell’impresa, gli avrebbe dato un sostegno incondizionato… No… Alshain era un uomo leale, poteva sempre tornargli utile, prima o poi.

***

Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - mar. 20 luglio 1971

    “Ora puoi uscire da quel cespuglio!”

Alshain guardava di nuovo nella mia direzione: non immaginavo da quanto tempo sapesse che ero lì, io mi sollevai timidamente, con una faccia stralunata e carico di domande. Mi dava di nuovo le spalle, intento a finire di dar da mangiare agli ippogrifi.

    “Sia chiaro che quello che hai visto e sentito lo terrai per te, non ne farai parola con nessuno dei miei familiari e non voglio nemmeno che ne parli con i tuoi, prima che l’abbia fatto io, siamo intesi? Non farmi ricorrere all’Oblivion, non voglio usare il mio potere contro di te, lo sai.”

Annuii, mi terrorizzava troppo Malfoy per avere la benché minima voglia di parlare di lui con qualcuno. Alshain tirò fuori le ultime volpi dal sacco, poi accarezzò la testa degli ippogrifi e si allontanò per raggiungermi, prese la bacchetta e fece scorrere acqua da una roccia, dove si lavò accuratamente le mani.

    “Come avrai capito non faremo pozioni stamattina, al contrario, nella prossima ora, devi trovarmi dieci tracce di animali e saper riconoscere di chi si tratta.”

Ero felice, quel genere di cose non poteva certo chiamarsi punizione: avevo Alshain tutto per me, senza nessuno che mi rompesse le scatole, e potevo godermi il bosco solo con lui… peccato soltanto che ancora mi tremavano le gambe per quello che avevo appena visto e sentito. Nemmeno Alshain aveva voglia di parlare: si mise seduto su una roccia, impegnato a giochicchiare con la bacchetta, ogni tanto guardava nella mia direzione, rispondeva a monosillabi alle mie domande su quello che mi aveva detto di fare, e per lo più guardava davanti a sé, in un punto in cui non c’era nulla. Probabilmente stava riflettendo su quanto era successo quella mattina. Impugnò un bastone e iniziò a tracciare dei simboli a terra, ogni tanto si fermava, li guardava e li cancellava con la punta, poi ricominciava, come se cercasse di ricordare a memoria qualcosa, che però gli sfuggiva nella sua interezza. Io intanto avevo finito di cerchiare con i sassi le ultime due impronte che avevo trovato, mi avvicinai a lui e gli dissi che avevo finito. Sherton si alzò, mi circondò le spalle con il braccio e mi seguì in quel breve tratto di boscaglia, ascoltando attento le mie spiegazioni.

    “Hai fatto un buon lavoro, Sirius, a quanto pare, per lo meno quando andiamo in giro per i boschi, mi ascolti!”

Sorrideva ma aveva il sorriso tirato, lo sguardo un po’ stanco: quel giorno non sembrava un ragazzo come il solito, potevo persino vedere qualcuna delle rughe che iniziavano a segnargli il viso. Mi chiesi se non stesse male.

    “Che cos’è successo stamattina?”

Alshain non mi guardava e, dall’espressione, capii che non aveva assolutamente l’intenzione di rispondermi, era però costretto dalla nostra amicizia a darmi una qualche soddisfazione, così era alla ricerca delle parole più semplici e definitive, per dirmi quello che gli sembrava la cosa migliore, e chiudere la questione in fretta.

    “A quanto pare mio cugino ha trovato un modo per non perdersi nella foresta, magari è stata solo fortuna, ma devo verificare: finché si tratta di lui, non c’è problema, ma... Devo trovare un rimedio, non posso permettere che entrino facilmente anche altre persone.”
    “Come Riddle?”

Alshain sospirò e mi guardò a fondo.

    “Non adesso Sirius, per favore!”

Era stanco come mai l’avevo visto, mi morsi il labbro, rabbioso con me stesso per averlo messo in difficoltà: lo vedevo vulnerabile e sapevo che non era il tipo di situazione che gli piacesse. Mi diede le spalle, fece alcuni passi tra gli alberi, appoggiandosi ai tronchi e guardandoli con amore, come fossero persone di famiglia, probabilmente quel contatto gli serviva per ritrovare la calma e il suo solito autocontrollo, perché quando si voltò, di nuovo, verso di me, aveva la solita espressione sicura e serena.

    “Hai già sentito parlare di Voldemort prima d’ora, vero Sirius? Da un po’ alcuni lo chiamano addirittura Lord...

Sorrise, un riso privo di gioia e carico di disprezzo e sarcasmo. Un brivido mi percorse la schiena: le rare volte che avevo sentito i miei parlare di lui quando eravamo ancora svegli, ascoltando di nascosto i loro discorsi, poi non ero riuscito a dormire per diverse notti di seguito. Anche mio padre lo temeva, benché fosse simile a lui per alcuni modi di ragionare, Orion Black era spaventato e confuso quando leggeva i fatti riportati sulla “Gazzetta del Profeta” che lo riguardavano, perdeva baldanza e il suo sguardo urlava terrore. Mi avvicinai, abbassando la voce, come se quel mostro potesse essere nascosto lì, in mezzo a quegli alberi.

    “Che vuole da te "Tu sai Chi"?”

Alshain mi accarezzò con lo sguardo, mi cinse le spalle con suo braccio e mi portò fino a un tronco riverso a terra, dove ci sedemmo, da quel momento non mi staccò più gli occhi da dosso, la sua faccia divenne seria e composta, lo sguardo tranquillo e altero, come suo solito.

    “Avere il mio sostegno significa poter accedere alla grotta di Salazar e di fatto avere ai suoi piedi tutta la Confraternita dei Maghi del Nord; inoltre, dove sono io, c’è anche tuo padre.”
    “Mio padre? Che può volere da lui? Noi, noi… non siamo…”
    “Sirius, come fai a non renderti conto di quanto potere ha tuo padre? Quanto conta la sua parola? Cosa recita il vostro stemma? TOUJOURS PUR! Così perfetti, così puri: poche famiglie sono al vostro livello, anche tra i purosangue c’è una gerarchia, pochi sono al livello di Malfoy, Black, Lestrange… questo fa sì che, come me, tuo padre possa muovere le opinioni degli altri anche stando in silenzio. Voldemort ci vuole per dire che anche gli Sherton e i Black lo sostengono: se così fosse, tutti gli altri, gli indecisi, si legherebbero subito a lui. Avere il sostegno di due delle famiglie purosangue più potenti della Gran Bretagna significa avere il Ministero, e non solo quello, ai suoi piedi. Ma finché io e tuo padre non accetteremo... molti rimarranno cauti nelle loro scelte."
    “Quindi gli avete detto chiaramente di no? Ma lui vi darà la caccia per questo! Ci darà la caccia a tutti quanti!”

Ero allarmato, spaventato a morte, non avevo mai immaginato che quel mostro potesse costituire una minaccia anche per noi, che eravamo puri e non plebaglia babbana.

    “Sono uno Sherton, Sirius, non intendo piegarmi, a meno che non abbia altra scelta. Però capisco che uno scontro diretto… personalmente …. Merlino! mi faccio schifo anche solo a dire questo…. Forse verrà il giorno in cui dovremo essere possibilisti, prendere tempo e... concedere solo il minimo indispensabile, trovare in questo modo la maniera di usare Voldemort, invece di farci usare da lui.”
    “Tu e mio padre avete intenzione di …?”
    “Oh no, Sirius, non voglio coinvolgere Orion in tutto questo! Anche perché, se davvero un giorno facessi quello che ho in mente, è bene che uno dei due resti fuori per tirar via l’altro, se le cose si mettessero male…”

Capivo. Sapevo bene chi dei due sarebbe rimasto fuori, a orchestrare nell’ombra. Era la prima volta che sentivo qualcuno parlare di Voldemort non in preda alla paura o all’eccitazione, ma facendo piani che vedevano una fine al suo periodo di saccheggi e incursioni: non era difficile immaginare che Sherton avesse un piano anche per questa situazione, e la mia ammirazione per lui non smetteva mai di aumentare. Mi sentivo orgoglioso ancora di più di averlo al mio fianco, nella mia vita. All’epoca non mi ponevo nemmeno la questione che potesse non avere forza e fortuna a sufficienza per combatterlo, tanto ero convinto della sua invincibilità.


***

Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - ven. 23 luglio 1971

Avevamo giocato a Quidditch tutto il giorno, a Cape Ham. Dopo la visita inattesa di Malfoy, quel mattino nel bosco, c’era stata un po’ di agitazione al Manor, Sherton e Mirzam avevano discusso a lungo insieme, poi erano spariti per un giorno intero: non ne sapevo il motivo, ma ero certo che fossero andati a gettare dei nuovi incantesimi tutto intorno ai boschi di Herrengton, per impedire che qualcuno potesse di nuovo entrare nella tenuta di nascosto. Il sorriso era poi tornato rapidamente e quel giorno era stato davvero eccezionale: ero riuscito a volare come non mai, sentendomi nel mio elemento, avevo passato il mio tempo con le persone che ammiravo di più, con la ragazzina che mi faceva battere il cuore più velocemente e anche mio fratello, cosa che avveniva davvero raramente, quel giorno aveva riso di cuore ed io ero davvero felice anche per lui. Non tornammo a casa, quella sera, avevo capito fin dalla metà del pomeriggio che Sherton aveva qualcosa in mente per noi: ci spingemmo fino alla spiaggia, dove Alshain si preoccupò di allestire la tenda e accendere i falò.

    “E’ ancora presto per la cena, abbiamo tutto il tempo per rilassarci un po’, io mi faccio una bella nuotata…”

Reg ed io ci guardammo, anche per mio fratello l’idea era allettante, così tirammo fuori i pantaloncini che avevamo portato nelle nostre bisacce e andammo di corsa a cambiarci nella tenda, io appena un po’ indeciso all’idea del freddo che ci attendeva, Regulus invece completamente entusiasta. Al ritorno scoprimmo che Alshain e Rigel non ci avevano aspettato, avevano lasciato appena le camicie sulla spiaggia e si erano tuffati, erano arrivati già quasi alle secche, coprendo la distanza con l’agilità dei delfini. Mirzam e Meissa erano invece ai margini meridionali della spiaggia, chiaramente occupati a complottare qualcosa come loro solito. Arrivati alla zona bassa, Rigel e suo padre emersero dalle acque baciate dal sole quasi al tramonto, sembravano quei guerrieri antichi di cui Sherton ci raccontava le gesta attorno al fuoco, il ragazzo ci salutò con un caloroso cenno della mano, sorridente e radioso, con l’entusiasmo contagioso che lo caratterizzava sempre.

    “Non avrete mica paura, no?”

Tornò a tuffarsi ancora. Reg si avviò verso le secche, era bravo a nuotare; anche a me piaceva, avrei volentieri passato tutta la vacanza nella piscina del patio, ma in quel momento, poco convinto del calore dell’acqua, mi facevo alcuni scrupoli, più che altro per pigrizia. A dire il vero avrei preferito raggiungere Mei e Mirzam, ma il fatto di essere in pantaloncini mi metteva un po’ in imbarazzo.

    “Sirius, dai, non fare il guastafeste, è bellissimo qui!”

La voce di Reg, così piena di entusiasmo, finì col convincermi: avrei preferito rimandare a un’altra occasione, certo, ero stanco e mi facevano male le gambe, vero, e soprattutto non ero completamente presente a me stesso, però non volevo tirarmi indietro. Al contrario di quanto accadeva quando ero a Londra con mio padre, a Herrengton cercavo sempre di affrontare tutto quello che mi veniva proposto.

    “Fa’ come preferisci, Sir, se sei stanco, resta a riposarti, se ci ripensi, noi siamo sempre qua.”

Alshain mi diede le spalle e si occupò di Regulus, appena arrivò alle secche, lo vidi dargli la mano per aiutarlo a uscire dall’acqua, lo spettinò, lo cinse con un braccio all’altezza delle spalle e iniziarono a passeggiare tra le acque parlottando, osservando il fondale e ridendo. M’ingelosii subito: anche se era stupido, da parte mia, non mi piaceva quando Alshain mostrava verso mio fratello lo stesso atteggiamento paterno che riservava spesso a me. Quello mi diede la scossa finale, mi avventurai nelle acque anch’io, non potevo rimanere sulla spiaggia, seduto a disegnare stupide greche sulla sabbia bagnata, a guardarli giocare, con Alshain che insegnava a Reg a prendere dei pesci a mani nude o a migliorare il suo stile di nuoto. Mi sarei sentito solo, e benché a Grimmauld Place ci fossi abituato, a Herrengton non riuscivo proprio a sopportarlo. Alshain mi aiutò a rimettermi in piedi, dandomi la mano come aveva appena fatto con Reg: fu il sorriso con cui mi accolse, che gettò lontano la fatica che mi sentivo dentro. Ritornammo circa un’ora più tardi, con un bel bottino di pesci, pescati da Alshain e Rigel, un po’ con la magia un po’ con l’abilità, e di straordinarie conchiglie variopinte, che avrei conservato a ricordo di quella magnifica estate. Rigel mi salutò ridendo e andò di corsa nella tenda a cambiarsi, insieme a mio fratello: non mi ero mai reso davvero conto di quanto Regulus si fosse affezionato a quel ragazzo, all’inizio dell’estate ero convinto che sarei stato io a passare tutto il tempo con il figlio più giovane di Sherton. Alshain prese un asciugamano e si avvolse con quello, mi turbava sempre vederlo usare così poco la magia nei piccoli gesti quotidiani, a quanto pareva non si era accorto che non ero nella tenda con mio fratello. Ero rimasto indietro a perlustrare la spiaggia, ancora fradicio, trattenevo a stento i brividi, ma non volevo cedere, per insano orgoglio e sfida con me stesso: avevo raccolto un paio di stelle marine, altre conchiglie variopinte, dei sassi strani, e ora li stavo osservando estasiato dalla complessità e dalla precisione di quelle forme.

    “Non devi rimanere sulla spiaggia così, prenderai freddo!”

Mi si parò di fronte, mi avvolse in un asciugamano e finì di asciugarmi i capelli con la bacchetta, costringendomi ad alzare la faccia e guardarlo in viso: mi fissò a lungo diritto negli occhi, indagatore.

    “Che cosa ti turba, Sirius?”

Non capivo come avesse indovinato il mio stato d’animo. Protestai, a metà tra l’annoiato e lo scocciato.

    “Non ho nulla”
    “Non sei molto bravo a mentire, Sir, dovrai metterci un impegno maggiore nelle prossime settimane, o avrai qualche problema a Hogwarts.”

Mi diede le spalle, diretto a sua volta nella tenda, non appena Reg ne fu uscito vestito.

    “Non dovresti usare la legilimanzia con noi! Non è giusto!”.

Alshain si voltò, mi guardò sorpreso da quell’accusa che, me ne rendevo conto da solo, era un’idiozia: con tre figli, non era necessario usare un’Arte Oscura per capire un ragazzino della mia età, ma ormai avevo fatto la mia brava figuraccia. Eppure Sherton non rise della mia accusa, anzi la sua risposta fu dannatamente seria.

    “E’ vero, sono un legilimens, Sirius, ma ho giurato alla vostra nascita che vi avrei sempre rispettato come se foste figli miei. Non ve lo farei mai, nemmeno se me lo chiedesse vostro padre in persona. Merlino mi è testimone, non tradirei mai la parola data.“

Entrò nella tenda, tutto d’un pezzo, senza lasciarmi il tempo né di replicare né di scusarmi. Passai quasi tutta la serata in silenzio, mentre gli altri continuavano a parlare di quanto avevamo visto sul fondale o di com’erano andati gli allenamenti quel giorno, Alshain non raccontò nemmeno la classica storia intorno al fuoco, preso nei suoi pensieri. Da parte mia, mi sentivo talmente un idiota, che non vedevo l’ora di andarmene avvilito nella tenda, a dormire, rabbioso con me stesso per la mia stupidità e soddisfatto solo della prelibata cena di pesce che avevamo consumato. Come mi alzai per dileguarmi, però, Alshain mi afferrò per un braccio e mi trattenne.

    “È presto per dormire, Sirius, stasera ho ancora qualcosa in programmaper tutti voi.”

Lo guardai interrogativo, anche Regulus si mise attento ad ascoltare, incerto su quanto sarebbe accaduto, si era accorto da solo che era calato uno strano silenzio tra me e il nostro ospite. I figli di Alshain invece sembravano a conoscenza di quale fosse il misterioso programma. Alshain e Mirzam presero dalla bisaccia senza fondo dei piccoli mantelli per noi più piccoli e li distribuirono, sistemarono dei caldi plaid sulla sabbia, coprirono il fuoco così che non irradiasse la sua luce in giro e sistemarono dei cuscini presi dalla tenda, così che potessimo sdraiarci comodamente. Ci ritrovammo immersi nell’oscurità e nel silenzio, rotto solo dal suono della risacca.

    “Sono giorni che attendo una serata limpida come questa…”

Alshain fece segno a me e Reg di accomodarci, ci porse una calda coperta con cui ci avvolse e si sdraiò supino a sua volta, poco distante, alle nostre spalle, a guardare le stelle; Mirzam fece lo stesso con i suoi fratelli. Nonostante i vari strati di tessuto e la distanza, potevo chiaramente percepire il profumo e il calore di Sherton, mi pervase lo stesso senso di appartenenza e protezione che avevo già provato la notte del solstizio. In un lampo tutto il gelo che avevo provato a cena si dissolse e mi tornò il sorriso. Alshain indicava le varie costellazioni polari, l’Orsa Minore e la Maggiore, il Dragone, il triangolo estivo e di ognuna di esse raccontò alcuni miti, travolgendoci con la straordinaria vitalità e passionalità della mitologia greca: non avevo ancora mai ascoltato quelle storie, quindi fui profondamente impressionato da leggende piene di avventura, eroismo, brutalità ed esaltazione. Mio fratello guardava il cielo con occhi sognanti, e capii che, come me, difficilmente avrebbe scordato quella notte a Cape Ham.

    “Perché nelle nostre famiglie abbiamo tutti i nomi presi dalle stelle?”

Vidi Mirzam e Rigel sorridere, poco distante da me, Meissa rivolgermi un’occhiata incuriosita, mentre suo padre mi rispondeva.

    “Per i Black è tradizione ormai da generazioni usare nomi di Stelle e di Fiori, ma non ho mai chiesto a Orion com’è nata quest’abitudine. Nella famiglia Sherton non c’era quest’uso, il nome Alshain è stato scelto da mia madre perché amava la Persia e la sua cultura. I miei figli, invece, hanno tutti i nomi delle stelle di Orione e del Cane proprio per onorare l’amicizia che mi lega a vostro padre: spero di tramandare ai miei discendenti anche così il legame d'amicizia che esiste tra le nostre famiglie.”

Le stelle continuavano il loro movimento perenne, inseguendosi e alternandosi: i fratelli Sherton si alzarono e ci augurarono la buona notte, per loro una serata come quella non era una novità, io e Regulus invece insistemmo per rimanere fuori ancora e Alshain non si negò. A poco a poco iniziò a parlare con un tono di voce via via più basso, mentre sentivo che il respiro di Reg accanto a me si faceva estremamente regolare e ormai scivolava nel sonno.

    “Tuo fratello si è addormentato, credo sia meglio non disturbarlo oltre e provare a dormire anche noi.”
    “Ora lo sveglio e lo porto dentro: rotolandosi ti ha bloccato un braccio con la testa, non può dormire usandoti come un materasso!”

Alshain rise di gusto.

    “Sir, quando vuoi sei davvero comico, sai? Lascialo stare, io ci sono abituato, finiva sempre così con i miei figli, nelle serate come questa, e tra poco con Wezen e col nuovo bambino, si ricomincerà da capo, stasera tuo fratello mi aiuterà a ripassare l’argomento.”

Aveva gli occhi luminosi, e questo mi provocò un’invidia terribile, mai avevo visto mio padre così compiaciuto al pensiero di stare con noi, già immaginavo le urla se uno di noi due si fosse comportato con lui prendendosi tutte le libertà che ci stava concedendo Alshain. Mi morsi un labbro e cercai di cacciare l’immagine di mio padre inferocito, chiedendogli qualcosa del bambino.

    “Quando nascerà?”
    “Tra la fine di agosto e i primi di settembre.”
    “Immagino già che sarà straordinario come Rigel o Mirzam, un altro figlio di cui sarai orgoglioso.”

Sorrisi, con una punta di amarezza, dovuta al fatto che mai mio padre mi avrebbe guardato con gli occhi che aveva Alshain per i suoi figli.

    “Già, invece io vorrei tanto che fosse un’altra bambina...”

Mi voltai, mi aveva stupito quella risposta appena sussurrata, sembrava che il tradizionale autocontrollo avesse ceduto per un istante all’emotività che, avevo notato, a volte sgorgava libera dal profondo del suo essere. Volevo chiedergli il perché, tanti enigmi erano legati a quella risposta, ma finii solo col guardarlo interrogativo: aveva già tre figli, vero, ma non conoscevo una sola famiglia magica che nella medesima situazione non si augurasse e si esaltasse al pensiero dell’ennesimo maschio.

    “Dormi, Sirius, domani mattina partiremo presto.”

Presi sonno con difficoltà, anche perché lentamente Reg si mosse usandomi come cuscino, esattamente come aveva fatto fino a quel momento con Alshain. Fu un sonno irregolare, senza sogni, estremamente agitato, al punto che molto prima del sorgere del sole, mi svegliai definitivamente. Uscii piano dal bozzolo di coperte con cui ci aveva avvolto Alshain, facendo in modo di non svegliare Reg e m’immersi nel fresco della notte. Notai che Sherton non era più accanto a noi, né vicino al fuoco, mi guardai attorno e non lo vidi da nessuna parte: la cosa mi stupì non poco, ma non mi misi a cercarlo, perché volevo godermi da solo quel silenzio. C’era un cielo oscuro, punteggiato da meravigliose stelle, quelle miriadi di stelle che ora conoscevo un po’ meglio e che sembravano quasi cadermi addosso. Mi sedetti vicino alla riva, l’acqua ritmicamente mi solleticava i piedi e rifluiva via. Ero attonito per quella meraviglia, per quella comunione con l’universo, da quando ero a Herrengton mi capitava spesso di sentire quella specie di vibrazione, avevo come la sensazione che il mondo mi parlasse attraverso il soffio della brezza, lo sciabordio della risacca, quasi portandomi in una specie di trance. Ero sul punto di perdere coscienza, cullato da quei suoni, quando per la prima volta mi accorsi di Sherton che, silenzioso come suo solito, si muoveva alle mie spalle, simile a un’ombra: lo percepii chiaramente e mi voltai stupito verso di lui. Il suo sguardo era non meno sbalordito.

    “Non immaginavo che fossi già entrato così in sintonia con questa terra da riuscire a sentirmi nonostante un incanto di silenzio.”

Alshain mi sorrise e si sedette accanto a me, guardava al largo, dove spuntava alto sull’orizzonte il triangolo estivo, sembrava stranamente compiaciuto, come se avesse scoperto qualcosa di prezioso e inaspettato, qualcosa che desiderava ma che non osava sperare.

    “Non riesco a dormire, mi sento inquieto, senza un motivo apparente.”

Mi voltai di nuovo verso di lui, Alshain stava con gli occhi socchiusi, con il viso rivolto ora all’Aquila e alla sua stella, lasciandosi accarezzare dalla leggera brezza della notte. Annuiva leggermente, apprezzando la mia sincerità, seppur tardiva.

    “Stai crescendo Sirius. Non è facile il periodo che hai davanti, ma non per questo devi temerlo, a volte ti sembrerà terribile, inutile negarlo, ma sarà anche meraviglioso, e come tutti noi che ci siamo già passati, lo apprezzerai appieno solo quando l’avrai alle spalle. Cerca di goderne, nel bene e nel male, in questo modo non ti troverai a rimpiangerlo per tutta la vita.”

Mi guardava ora, c’era una malinconia nuova in quegli occhi, come se invece di vedere me, stesse guardando qualcos’altro, un’ombra del passato. Mi chiedevo di cosa potesse avere nostalgia un uomo così, che apparentemente aveva tutto quello che si poteva desiderare. I miei occhi si persero sul suo viso, come facevo di solito, appena ne avevo la possibilità, facendo poi scivolare lo sguardo sul suo corpo vestito solo da un paio di pantaloni, nonostante la frescura della notte; mi lasciai catturare come sempre dal tatuaggio che gli decorava il petto, ne rimasi quasi ipnotizzato, senza rendermi conto che ormai lo fissavo. Alshain sorrise, allungò un braccio verso di me e mi arruffò i capelli con affetto.

    “Sei più simile a tuo padre di quanto entrambi vogliate o possiate immaginare, lo sai?”

Rosso di vergogna per la mia indelicatezza e sfacciataggine, cercai di togliergli gli occhi da dosso.

    “Che c’entra mio padre adesso?”
    “Anche lui era ipnotizzato da questi tatuaggi, anzi, a volte gli capita ancora adesso.”
    “Mi spiace, io non volevo…”
    “Smettila di vergognarti della tua curiosità, Sirius! Non sei a Londra, qui nessuno ti chiede di essere qualcosa di diverso da quello che sei! Dovete ritrovare la spontaneità e la fiducia in voi stessi, tu e tuo fratello! Tutte le panzane londinesi sulla convenienza e l’etichetta vi danneggiano. Devi ricordartene con gli estranei soltanto, e solo nelle occasioni in cui è davvero necessario comportarsi in un certo modo. Per il resto del tempo devi essere solo te stesso, sempre.”

Mi osservava con occhi fermi e seri, ed io mi meravigliavo che mi stesse chiaramente dicendo di disobbedire ai miei genitori, che con il loro insegnamento non facevano che istigarmi a mentire e a fingere di essere qualcosa di diverso da quello che mi sentivo nel cuore e nell’anima. Ascoltare quello che diceva Alshain era qualcosa di assurdo e impensabile. Forse avevo capito male.

    “Qualsiasi cosa tu voglia chiedermi, Sirius, non devi avere timore di offendermi o di apparire impiccione, la curiosità è una virtù, qui a Herrengton...”

Feci un sospiro fondo, stavo stringendo della sabbia in mano e la facevo fluire via, un gesto stupido che però un poco mi calmava, guardavo le onde che s’infrangevano ai miei piedi, poi i piedi di Alshain, ora nascosti tra acqua e sabbia.

    “Non riesco a non osservare i tuoi tatuaggi, soprattutto quello che porti al centro del petto.”

Lo fissai di nuovo in viso, ma lui guardava sempre lontano, come se si stesse preparando a raccontarmi una favola di cui cercava la trama tra le stelle.

    “È giusto che sia così, Sirius, è la sua funzione, deve mandare un messaggio, e tu a quanto pare l’hai compreso. Di tutti i tatuaggi del Cammino del Nord, è quello più importante, è il primo che si prende una volta raggiunta la maggiore età, quando si è ormai pienamente consapevoli.”
    “Quindi ogni tatuaggio ha un valore diverso?”
    “Certamente. Questo al collo decreta a quale famiglia del Nord appartieni. Con le rune delle mani consacri le tue opere materiali al Cammino, tutto quello che farai, sarà eseguito secondo il principio della Conoscenza, le rune ai piedi invece servono a muovere il tuo corpo secondo i principi del Nord. A sedici è tatuata la spina dorsale, per impegnare la tua forza e la tua solidità. Il tatuaggio sul petto infine si prende a ventuno anni e consacra il tuo cuore: t’impegni a realizzare un tutt’uno tra la ragione e l’emotività. Questo è il fine cui tutti dovremmo aspirare, perché non esiste razionalità giusta se non mediata dal sentire, né sentimenti giusti che non siano indirizzati dalla ragione.”
    “Tu hai molti altri tatuaggi, eppure mi sembra che gli impegni più importanti siano stati tutti presi... ”
    “In effetti, quelli che si prendono dopo i trenta anni sono conferme o promesse di carattere più specifico, sono importanti, certo, ma non concorrono a formare il carattere come gli altri. L’ultimo impegno fondamentale si prende a venticinque anni, quando prometti di educare la tua discendenza al Cammino: io dovetti farlo a ventuno insieme con quello del petto perché già era nato Mirzam, ed anche per noi selvaggi uomini del Nord…”.

Rise, avevo sentito mio padre dargli più volte quel titolo.

    “… la cosa all’epoca era abbastanza scandalosa, soprattutto per il ruolo che mio padre ricopriva nel Consiglio dei Saggi...”

Era di nuovo tornato cupo, con l’espressione che a volte gli associavo quando parlava di qualcuno della sua famiglia che non fossero sua moglie o i suoi figli: iniziai a pensare che forse, anche tra gli Sherton, non ci fosse tutta quell’amorevolezza che immaginavo, che lui fosse l’eccezione a regole simili a quelle in uso presso i Black.

    “…ma di quello che succede a venticinque anni, te ne parlerò quando sarai cresciuto, sei troppo piccolo ancora, non voglio che tua madre mi tagli la testa!”

Rise, mentre io rimanevo a guardarlo attonito, spaventato all'idea che presto sarei dovuto tornare nelle grinfie di mia madre.

    “Gli altri tatuaggi sono su gambe, spalle, base della nuca, braccia, i più vecchi arrivano a prenderli sulle palpebre, ma in genere siamo uccisi prima, difficile che un mago del Nord muoia di vecchiaia o malattia e riesca a superare tranquillamente i cinquant'anni. Dovresti tenere conto anche di quest’aspetto, prima di decidere di aderire al Cammino, oltre al fatto che dovresti imparare a non vergognarti a restare nudo davanti agli estranei.”

Lo guardai con gli occhi sbarrati, mentre a poco a poco un sorriso leggero gli andava a increspare le labbra: non avevo capito subito che mi stava prendendo in giro, visto che ormai da qualche minuto, le mie orecchie erano diventate di un persistente color porpora, talmente acceso che probabilmente rischiaravo la notte più di un fuoco di bivacco.

    “Come lo sai?”
    “Che da giorni ti stai struggendo perché vorresti chiedermi di aderire al cammino anche tu?”

Sherton mi guardò a lungo senza parlare, continuando a pulire un pezzo di legno raccolto sulla spiaggia, ottenendo un bel bastone levigato, come se volesse sincerarsi delle mie intenzioni, poi tracciò col ramo un segno per terra. Guardai la forma disegnata, aveva realizzato un cerchio perfetto.

    “Perché non riesci ad andare d’accordo con tuo padre, Sirius?”

Non mi aspettavo quel repentino cambio di argomento e mi colse impreparato, balbettai confusamente che non mi capiva e che si arrabbiava con me per nulla, che non m’interessavano le cose importanti per mio padre, e mi odiai, per come la mia voce era uscita da me lamentosa e puerile. Capii che non mi avrebbe mai preso sul serio, che mi stavo dimostrando un viziato rammollito come diceva mio padre, capace solo di lamentarsi.

    “E cosa t’interessa Sirius?”

Gli occhi azzurri di Sherton sembravano scandagliarmi l’anima ed erano così insistenti che mi costrinsero rapidamente a guardarmi la punta dei piedi. Questa domanda mi gettò ancor più nel panico della precedente, perché, per quanto mi sforzassi, non ero capace di mettere a fuoco qualcosa di serio con cui contrastare le argomentazioni che immaginavo passassero per la testa di Alshain, e che poi erano le stesse di mio padre: non c’ero riuscito mai, e ora questa incapacità mi mostrava anche presso il mio eroe per quello che ero, un insignificante bambino lamentoso. Rabbioso con me stesso cercai di combattere questo mio annientamento e mi uscirono parole vere, sincere, che mi stupii di avere dentro di me.

    “Prima di venire qua, non avrei saputo rispondere, perché non c’era nulla che mi agitasse l’anima, mi rifugiavo solo in sogni e fantasie, nulla di più, ma in questi giorni mi sveglio con la fame di sapere, e mi addormento entusiasta per quello che ho visto e imparato. Non credo ci sia qualcosa di preciso che m’interessi, vorrei semplicemente conoscere quante più cose possibili..."

Alshain non aveva tolto gli occhi dai miei per tutto il tempo ed era rimasto sempre in silenzio, pensieroso, poi sospirò, e capii che aveva molto da dirmi, molto di più di quello che alla fine si decise a concedermi.

    “Quando tornerai a casa, dirò a tuo padre che intendo ospitarvi ancora, ora che vi ho davanti, mi rendo conto che ne avete più bisogno di quanto immaginassi. Dovevate venire prima, con te ora purtroppo ho poco tempo, ma resteremo comunque in contatto e faremo questo discorso di nuovo tra un anno: se avrai ancora interesse per il Cammino del Nord, dalla prossima estate t’insegnerò quello che serve, così potrai prendere le tue prime rune a sedici anni insieme a mia figlia. ”

Era incredibile, mi stava dicendo di sì...

    “Signore?”
    “Sei qui da oltre un mese Sirius, ormai avrai capito che non mi piacciono i cerimoniali inutili, puoi chiamarmi Alshain e darmi del tu.”
    “Scusa. Lo dirai tu a mio padre?”

Sherton mi squadrò di nuovo, stavolta con uno sguardo duro.

    "Il Cammino del Nord non è un gioco, Sirius, non richiede solo impegno e costanza, ma volontà, determinazione e sicurezza. Se mi chiedi di affrontarlo per stare lontano da tuo padre, non lo farai, perché non ne hai bisogno, se vuoi passare del tempo qui o ad Amesbury, puoi farlo anche senza il Cammino, la mia casa è sempre aperta per te e per tuo fratello. Se invece sei certo di voler affrontare il mio mondo, per te stesso, non perché stai fuggendo dai tuoi fantasmi, devi essere consapevole, fin da ora, che le difficoltà che hai oggi con tuo padre sono niente rispetto quello che ti attende. E che se prendi un impegno con me, avrai di fronte una persona molto più severa ed esigente di quanto tu possa immaginare, anche se io ti vorrò sempre bene come se fossi mio figlio. La fermezza di tuo padre sarà niente, perché qui, in questa terra, se sbagli o ti distrai, muori, ed io dovrò essere persino crudele con te, per impedirti di sbagliare e di morire.”

Le parole che m stava dicendo erano pesanti come macigni, la mia riservatezza di solito mi portava a non espormi nel manifestare i miei desideri, eppure in quel momento sentivo che dovevo giocarmi tutto, difendere come un leone i miei sogni, perché ero convinto di quello che dicevo. Volevo dimostrare a me stesso che non ero come mi dipingeva mio padre, e soprattutto sentivo che Herrengton e tutto ciò che rappresentava erano nel mio destino.

    “E' ciò che davvero desidero, lo voglio davvero, Sig... Alshain.”
    “Allora, se davvero lo vuoi, troverai il modo di dirlo a tuo padre con parole tue, io mi limiterò a sostenere la tua richiesta e aiutarti a convincerlo.”
    “Tu credi che io abbia...che io possa riuscirci?"
    “E perché non dovresti? Non devi farti condizionare, Sir. Le stelle che hanno accolto la tua nascita parlavano di te come di un bambino destinato alla grandezza, sia come persona sia come mago, se è davvero quello che vuoi, il Cammino non ti è precluso...”
    "E' per questo che siamo stati invitati qui quest’anno? Era per far avvicinare uno di noi due a …”

Alshain mi guardò come se avessi scoperto il suo gioco, sorridendomi con un’aria complice.

    “Ho provato a invitarvi varie volte in questi anni, ma vostra madre si è sempre opposta ed anche quest’anno l’ha fatto, solo che stavolta, alla fine, tuo padre l’ha convinta: ora che vi ho vicino penso che forse avrei dovuto insistere di più, in passato, serve davvero che stiate qui. Ma serve a voi due, non a me. L’altra ragione è che voglio molto bene a tuo padre: quando, tra poco, troverai un amico che ti sarà caro come Orion è per me, allora potrai capire meglio una delle ragioni per cui vi ho invitati."
    “Questo significa che tu conosci il futuro?”

Da lui mi aspettavo di tutto, anche che mi prendesse la mano e si mettesse a leggermi la linea della vita, cosa che mio padre aborriva in tutti i modi, dicendo che i maghi che lo facevano erano indegni di essere chiamati tali. Ma se l’avesse fatto Alshain, l’avrei considerata la cosa più razionale del mondo.

    “Nessun lo conosce davvero Sir, perché non esiste un futuro prestabilito, ci sono indizi, e quelli so leggerli, certo, ma poi dipende da noi far evolvere quegli spunti in fatti, e indirizzarli poi dove vogliamo. Tu hai grandi talenti e devi svilupparli, magari con l’aiuto di persone che ti vogliono bene e sappiano indirizzarti, ma poi starà sempre e solo a te scegliere, la vita è piena di bivi, solo tu puoi determinare la direzione da prendere.”
    “Vorrei riuscire a parlare con mio padre di queste cose come ne parlo con te...”
    “Lo so Sir, ma ci hai mai provato seriamente con lui?”
    “Riesco sempre a farlo infuriare prima di arrivare al punto...”
    “Conoscendo Orion, non stento a crederlo, a volte non brilla per pazienza...”

Mi sorrise, mentre io stavo facendo una faccia sconsolata.

    “Possiamo fare in modo che le cose siano un po’ meno difficili, che ne pensi? So come prenderlo. Sai… eri nato da pochi mesi, e Orion era qui, esattamente dove siedi tu in questo momento, anche il periodo era questo, e mi osservava con gli stessi occhi curiosi e pieni d'angoscia che hai tu. Non so con sicurezza per cosa tu sia inquieto, Sirius, forse davvero è solo l’inizio dell’adolescenza, o forse è per il rapporto con tuo padre... nel suo caso era l’amore per te: temeva di non essere all’altezza del compito che aveva davanti. Era qui per chiedermi cosa doveva fare, perché, benché fossi più giovane di lui, avevo già vissuto molto più di lui...”

Smisi subito di vagheggiare con la mente e lo ascoltai con attenzione, era ormai chiaro che avrei imparato a conoscere mio padre più in quei giorni a Herregton che in tutta la mia vita a Grimmauld Place.

    “Se gli hai dato dei consigli, non credo che li abbia seguiti sai?”

Non riuscii a trattenermi, mi morsi la lingua troppo tardi, ormai la mia insolenza era uscita e per l’ennesima volta, abituato alle tempeste che ero capace di scatenare in mio padre, mi meravigliai di non subire l’ira di quell’uomo.

    “Non riuscire a dimostrare un sentimento, non significa non provarlo, Sirius. Nel corso della tua vita, ti troverai davanti a situazioni in cui vorresti esprimere davvero quello che hai nel cuore, e ti accorgerai di come siamo intrappolati in mille convenzioni da seguire. Per questo vorrei aiutarvi a liberarvi di quelle catene, a sottomettervi a esse solo quando è davvero necessario...”
    “Tu non le segui le convenzioni, tu sei stato con noi la notte del solstizio, invece di occuparti di persone più importanti, tu...”
    “Io…Tu mi conosci ora, Sirius, ma un tempo ero proprio come te, ho avuto un rapporto davvero burrascoso con mio padre, per questo mi è abbastanza facile capirti. In realtà sono semplicemente stato fortunato, perché mia madre mi ha insegnato a mediare tra l’irruenza della mia indole e la rigidità del mio vecchio. Se vorrai, sarà questo il mio insegnamento per voi: i tuoi genitori, la società e la scuola v’insegneranno come dovete comportarvi, io, se vorrete, v’insegnerò a non mortificare voi stessi, pur nel rispetto delle regole, o eludendo in maniera elegante e indolore i cappi troppo stretti...”

Lo guardai stupefatto, non potevo credere che dicesse sul serio. Alshain sorrise di nuovo, mi guardava come se fossi particolarmente buffo, capendo la mia riluttanza e il mio stupore.

    “Ma è immorale!”
    “Secondo la morale di chi, Sirius? La tua, quella della tua famiglia, quella della società?”
    “Ma….”.
    “Sirius, non sono io a dirti che devi disubbidire, sia chiaro, ti sto solo facendo notare che ti trovi spesso in punizione a casa, il che significa che non sei portato, come tuo fratello, per ricacciare indietro i tuoi desideri. A questo punto, non sarebbe meglio per te conoscere dei trucchi per evitare i guai che derivano dalla tua inevitabile disobbedienza?”
    “Io… io non lo so, se poi venissi scoperto sarebbe anche peggio, non credi?”
    “Oh no, ragazzo, stai pur certo che non saresti scoperto, tranquillo…”

Il grido di Hermes squarciò il silenzio del primo mattino, ci voltammo entrambi; Alshain lesse il messaggio e si alzò, aiutandomi a mettermi in piedi a mia volta.

    "Sirius, ora dobbiamo prepararci a partire, ma questo discorso non è finito, per quanto bizzarro ti possa sembrare quello che ti sto dicendo, è più importante di quanto tu possa immaginare. E non c’entra nulla con la moralità.”

Si avvicinò a mio fratello, chiamandolo dolcemente, Reg emerse dalle coperte, insonnolito e con i capelli arruffati dal sonno, la bocca impastata e i grandi occhi che si guardavano attorno per cercare di capire cosa stesse accadendo. Poco dopo anche Rigel e Meissa uscirono dalla tenda.

    “Vestitevi e radunate le vostre cose, appena siete tutti pronti ce ne torniamo a casa.”

Alshain prese la pergamena, estrasse dalla sua bisaccia una strana penna, sicuramente babbana, e tracciò la sua risposta in coda al messaggio, poi liberò nuovamente il gufo. Mi sconvolgeva vedere, e in quelle settimane l'avevo visto spesso, quanto a volte preferisse usare mezzi e oggetti babbani ottenuti con o senza la magia, indice di quanto Sherton non si preoccupasse di piegare la legge magica a proprio piacimento. Mentre riflettevo su quest’ennesima stranezza, chiedendomi se non fosse da traditori del sangue puro apprezzare e usare i manufatti babbani, e ridendo tra me al pensiero di come sarebbe stato incredibile e buffo se il miglior amico di nostro padre fosse stato in realtà filobabbano, dissolse la tenda, cancellò le tracce del bivacco, ripose tutto quello che non serviva nella sua famosa bisaccia e facendosi aiutare da Mirzam, riemerso improvvisamente da non si sa dove, ci smaterializzammo tutti nuovamente al maniero di Herrengton.

*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

La località di Cape Ham è inventata.
Valeria



Scheda
Immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 18
*** I.018 - HABARCAT - Ricatti e Promesse ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.018 - Ricatti e Promesse

I.018


Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - giov. 5 agosto 1971

La settimana che ci separava dalla partita del Puddlemere passò tranquilla: con Rigel, e a volte Mirzam, giocavamo con le scope da Quidditch nel cortile, praticamente tutto il giorno. Certo non avevo raggiunto le abilità innate di mio fratello, ma con il tempo stavo diventando meno imbranato di quanto mi ero sembrato all’inizio e il gioco mi stava entrando nel sangue. Rigel non prendeva le cose solo come un gioco, vedevo che mi osservava attento, come a soppesare le capacità che potevo celare: su questi argomenti sembrava più grande della sua età, se di solito era un allegro adolescente, un po’ sbruffone e senza dubbio piantagrane, quando si trattava di Quidditch diventava anche troppo serio per i miei gusti. Aveva preso a cuore mio fratello fin dal primo giorno e tra i due c’era oramai un’intesa tale che soffrivo per Reg, al pensiero di quanto si sarebbe sentito solo una volta tornati a casa. Mio fratello era sempre stato distaccato e razionale, molto maturo per la sua età, ma con Rigel, per la prima volta, era pieno d’entusiasmo, vitale, lasciava libera la parte più istintiva del suo essere, assomigliandomi più di quanto fossi disposto ad ammettere. Il giorno della partita fu preceduta da una notte insonne, durante la quale io e Regulus recitammo come una preghiera, per ore, la formazione del Puddlemere, soffermandoci a litigare su considerazioni riguardanti i singoli elementi della squadra, facendo confronti con altri campioni del passato più o meno recente, infervorandoci e azzuffandoci, liberi di farlo senza rischiare, per una volta, gli strali di nostra madre, disturbata dai nostri strepiti. Finimmo con l’addormentarci entrambi nel mio letto, con le figurine dei campioni disperse tra lenzuola e coperte, una marea di calzini blu e gialli tirati un po’ ovunque durante la nostra battaglia per la supremazia, sereni e contenti; alle prime luci del giorno, come animati da una volontà superiore, ci svegliammo di colpo, con il cuore in gola e i gagliardetti della squadra subito in mano. Alshain e Rigel ci aspettavano nel salone già vestiti per l’occasione: Alshain era stupendo con i colori della sua ex squadra, ci disse subito che saremmo partiti presto e saremmo entrati nello stadio molto prima della partita, era stato invitato, infatti, dal padrone della società e aveva strappato per noi la promessa di fare un giro negli spogliatoi, per poter parlare con i giocatori e ottenere in esclusiva degli autografi. Lo vedevo particolarmente eccitato e nervoso, troppo per una semplice partita amichevole della sua ex squadra e il mistero aumentò quando ci lasciò soli con Rigel per sparire lungo la scalinata. Il ragazzino ci confermò che era davvero agitato il padrone della società, infatti, non aveva semplicemente invitato tutti noi solo per cortesia, ma perché doveva parlare con Sherton e il suo figlio più grande del futuro di Mirzam nella squadra.

    “A quanto pare ci siamo davvero, il caro fratellino a giorni entrerà nel Puddlemere ufficialmente…”
    “È stupendo, anch’io spero di entrare un giorno in una squadra di Quidditch e diventare un vero professionista!”

Non avevo mai visto Regulus così deciso e determinato, per un attimo lo invidiai, al contrario di lui io non avevo le idee così chiare sul mio futuro, a parte quanto avevo confessato ad Alshain: vivevo anche quel preciso istante come una specie di sogno, una parentesi all’interno di quella disperazione senza scampo che era la mia vita a Grimmauld Place, anche se ormai, in quelle settimane, avevo appreso tante cose nuove che potevano gettare una luce completamente diversa su quanto potevo aspettarmi da me stesso e dalla mia vita. Poco dopo Mirzam e suo padre ridiscesero, Deidra e Meissa vennero a salutarci e ci augurarono di divertirci, io rimasi un po’ deluso dal fatto che Mei non sarebbe stata dei nostri, quel giorno, ma appena Alshain ci ordinò di afferrare tutti il lembo di un plaid sdrucito che Kreya ci aveva portato, tutti i miei pensieri molesti si annullarono di fronte alla prospettiva che presto avrei messo piede nello stadio da Quidditch. La partita si teneva sulla costa settentrionale di Fair, un’isola del Nord al largo di Herrengton: ci materializzammo ai piedi di un albero secolare mentre accanto a noi numerosi maghi e streghe apparivano continuamente, portati dagli oggetti più strani che avessi mai visto. Alshain sembrava impaziente di arrivare, per cui stranamente rivolse solo dei distratti saluti a quanti lo salutavano e non perse tempo in convenevoli o presentazioni. Arrivati in prossimità dello stadio, creato durante la notte precedente per l’occasione, un mago di colore, elegantemente intabarrato in un suntuoso mantello nero, si fece largo tra la folla e ci venne incontro, con gli occhi solo per Alshain, accelerò il passo e gli si fiondò addosso, prendendolo per i fianchi e sollevandolo in aria.

    “Ecco il mio Capitano, sei sempre in forma perfetta!!”
    “Emerson Sheppard!”

Si abbracciarono e baciarono le guance, il mago rivolse delle parole in una lingua pressoché incomprensibile a un gruppo dietro di lui e altri tre energumeni accerchiarono e portarono in gloria il nostro padrino. Mirzam rideva, a quanto pareva non era la prima volta che assisteva a quello spettacolo nello spettacolo.

    “Non fateci caso, finisce sempre così con gli ex compagni di nostro padre, sono dei pazzi!”

Ci accompagnò dentro, con Rigel che apriva il corteo e Alshain che in breve si ripresentò con Sheppard, Johnatan Fitzgerard e Digsy Cameron alle sue spalle e Rodney Stenton, il padrone del Puddlemere al suo fianco, che gli parlava fitto fitto, come per cercare di convincerlo: Sherton, dall’aria beffarda, lo teneva sulle spine con i suoi soliti modi che avrebbero fatto impazzire un santo.

    “Rod, conosci già Rigel, questi invece sono Sirius e Regulus, i figli di Orion Black!”
    “Ma che bello rivedervi, finalmente! Ci siamo conosciuti anni fa, eravate in fasce, abbiamo festeggiato la vittoria della Coppa in occasione della nascita di ognuno di voi due, vostro padre era un pazzo scatenato, tifoso di Alshain prima ancora che della squadra, naturalmente, ma ci ha lasciato fare di voi due le nostre mascotte per ben tre anni di seguito!”

Io e Reg ci guardammo, questa era un’altra informazione, un altro tassello delle nostre vite che c’eravamo persi e che nessuno, prima d’ora, ci aveva rivelato: mi risultava davvero difficile credere a una cosa del genere, iniziai a pensare che sul serio non conoscevamo per niente nostro padre.

    “Certo, vostra madre non era esattamente contenta, anzi… diciamo pure che ha fatto fuoco e fiamme per mesi, quando l’ha saputo… ma …”

Aveva la stessa espressione carica di complicità, e una certa malizia, che a volte Sherton scambiava con i propri figli.

    “Su questo ci avrei giurato…”

Mi sfuggì, in un soffio, e tutti quanti, a confermare l’idea di mia madre che stava impressa nella mia mente, non poterono fare a meno di ridere sguaiatamente. Vidi persino in Regulus un sorprendente principio di risata e in quel momento non potei fare a meno di essere fiero di mio fratello.

    “Ragazzi, so che siete rimasti accesi tifosi, anche se ormai la passione di vostro padre si è stemperata parecchio, per cui ho dato disposizioni affinché possiate girare con comodo per lo stadio, parlare con i miei ragazzi e fare anche una partitella di allenamento con loro se volete, sono sicuro che vi divertirete! Rigel per favore, occupatene tu, io ora rapisco tuo fratello e tuo padre per un discorsetto un poco impegnativo…”

Rigel sorrise e fece un cenno d’assenso, era ben felice di farci da tata se significava avere quel bellissimo stadio tutto per noi per le successive tre ore, così ci allontanammo dagli altri, diretti verso il cuore dello stadio, mentre Stenton prendeva sottobraccio Sherton padre e figlio e si avviava con loro negli uffici, con l’aria di un lupo che ha appena messo gli occhi su un succulento agnellino. Tra di me pensai che probabilmente in quel momento non c’era al mondo un lupo meglio travestito da pecora di Sherton e risi tra me. Fu una delle giornate più belle della mia vita. C’era un sole stupendo e un’aria di primavera impregnata dell’odore dei prati fioriti che circondavano lo stadio e della salsedine del mare che rumoreggiava ai piedi dell’altura su cui ci trovavamo: la Scozia e le sue terre del profondo Nord ci rivelavano per l’ennesima volta il loro animo deciso e selvaggio. Per un po’ mi estraniai dalle meraviglie che stavo vivendo, per godermi quella monumentale spazialità che poco aveva a che vedere con il mondo fatto di scorci rubati, che era la mia vita a Londra. Una morsa mi prese allo stomaco e quasi mi venne da piangere, pensando che mi restavano appena dieci giorni prima di tornare a casa, allora mi ridestai, e cercai di adeguarmi alle risate liberatorie di mio fratello, che stava discutendo con Ketty Fulltown, il vecchio cercatore del Puddlemere, convincendolo a farsi prendere con lui sulla scopa per un giro. Rigel mi mise un braccio attorno alla spalla e mi accompagnò un po’ in giro, aveva la stessa capacità di comprendermi che aveva suo padre e doveva aver percepito che qualcosa mi aveva turbato, si adoperò pertanto per distrarmi, presentandomi il cacciatore McCrown e mettendomi sulla sua scopa per fare un giro dello stadio dall’alto. Ero così elettrizzato ed euforico da sembrare ubriaco, in volo incrociai mio fratello e vidi che era preso dalla mia stessa esaltazione. Era l’ennesima giornata stupenda, che non avrei dimenticato mai, mi sentivo a casa, in pace con me stesso e desideroso che quel periodo della mia vita non finisse più. A mezzogiorno, trascinati via praticamente a forza, lasciammo in pace i giocatori e, stanchi ed elettrizzati, ritornammo con Rigel da Alshain e Mirzam, per affrontare un pranzo degno di un re: Mirzam sembrava la felicità incarnata, era appena stato deciso che da settembre il posto da cercatore era ufficialmente suo. A pranzo il signor Stenton ci raccontò alcuni aneddoti degli anni passati da Sherton nella squadra: per tanto tempo avevo pensato che Alshain avesse giocato solo a scuola, solo per caso avevo capito, a casa, che era stato un vero giocatore professionista, scoprendo qualcosa di più, però, soltanto in quelle settimane a Herrengton, visto quanto mio padre fosse restio a parlarci di lui. Facendo i conti, Alshain aveva lasciato la carriera a circa trent’anni, quando era ancora giovane e in piena forma, il che faceva presumere che qualcosa d’importante l’avesse costretto al ritiro, eppure osservandolo, vedevo che non c’era ombra di rimpianto sul suo viso, anzi era straordinariamente affascinante e solare come al solito, tutti quanti pendevano dalle sue labbra quando parlava e appariva decisamente felice per l’avventura di Mirzam, quasi fosse un prolungamento di se stesso. Proprio durante quel pranzo venni a capo del mistero della sua rinuncia: l’amore per Deidra aveva vinto anche quello per il Quidditch, Alshain aveva interrotto il suo sodalizio col Puddlemere all’apice della carriera proprio per passare più tempo con la sua famiglia, e con sua moglie in particolare.

    “E voi ragazzi? Siete portati per il Quidditch o siete solo tifosi?”

Rigel s’affrettò a fare le lodi di Regulus, dicendo che nel giro di pochi anni probabilmente sarebbe diventato il più giovane cercatore ingaggiato dal Puddlemere, Reg si scherniva, ma io ero felice per lui, felice che finalmente fosse entusiasta sul serio per qualcosa, invece di agire solo per compiacere i nostri genitori come sempre faceva… speravo solo che, il giorno in cui avesse dovuto sul serio prendere la sua strada, non si sarebbe lasciato influenzare dalla volontà di nostra madre, capace di annientare qualsiasi nostro sogno, almeno fino a quel momento.

    “E tu Sirius? Non sei portato per il Quidditch?”
    “Io? Mi piace, certo, ma le levatacce non sono adatte alla mia indole…”

Tutti risero, Alshain mi guardò intensamente, consapevole di quanto la mia non fosse solo una battuta, ma non ribatté, poi portò il discorso su aspetti più seri che, di fatto, tagliarono fuori dalla conversazione sia noi sia i suoi figli, sia l’atmosfera goliardica che c’era stata fino a quel momento. Mirzam e Rigel si guardarono, esterrefatti, per lo strano comportamento di Alshain, finchè questi e Stenton non si alzarono e andarono a proseguire in privato la conversazione, parlando nella lingua del Nord.

    “Cosa pensi gli sia preso?”
    “Non lo so Rigel… lo sai, ogni tanto papà si stranisce e segue delle strade tutte sue…”
    “Perché?”

Mirzam mi rispose con una semplice alzata di spalle.

    “Nostro padre è fatto così, con noi non racconta di certo quello che davvero gli passa per la testa…”

Non sembrava l’Alshain che conoscevo, ma era evidente che, in appena due mesi, non potevo aver appreso che gli aspetti più superficiali di quella famiglia: già mi ero reso conto che c’erano dei momenti in cui serpeggiava una certa inquietudine in quella casa, soprattutto quando Alshain tornava da Londra o raccontava di eventuali incontri con amici e parenti. E ora avevo anche capito il perché di quelle inquietudini, il perché delle strane occhiate che moglie e figli si scambiavano quando Alshain parlava di suo cugino o di altri come Lestrange e Avery. Anche Mey non sembrava molto felice quando si parlava di alcuni di loro, soprattutto dei Malfoy, ma ero ancora troppo giovane e ingenuo per comprendere la natura di quei malumori, anche perché Alshain faceva di tutto per alleggerire subito le atmosfere, in genere invitandoci tutti attorno al fuoco e iniziando a raccontare una storia. A metà del pomeriggio ci sistemammo ai nostri posti in tribuna, ospiti del signor Stenton, che continuò a confabulare con Alshain tutto il tempo: avevo il sospetto che avesse organizzato lì quella partita soprattutto per attirare Alshain e averlo per sé tutto il giorno. Io e Reg eravamo tra Mirzam e Rigel, nella fila subito dietro, e per tutta la partita non facemmo che ululare di gioia a ogni centro del Puddlemere, incitando il cercatore alla caccia al boccino. La partita fu densa di emozioni, con la squadra di casa che, nei primi quindici minuti, riuscì a pescare in difficoltà il Puddlemere più e più volte, rifilandogli diversi centri, poi i “nostri” fecero il loro dovere, vendicandosi senza pietà di quei primi minuti: sembravano averli ipnotizzati, sfrecciavano in ogni direzione, tramortendo l’avversario, e infine colpirono pesantemente, quando il cercatore salì fino oltre le nuvole, inseguendo quel tenue luccichio dorato, e scese col boccino a un palmo dalle sue mani, fino a recuperarlo proprio di fronte al viso di mister Stenton, a pochi centimetri dal nostro naso. L'incontro si concluse in nemmeno un paio d’ore, l’euforia all’interno dello stadio era massima, vincitori e vinti si festeggiarono e applaudirono a vicenda, il pubblico cercò d’invadere il campo per entrare in contatto con i giocatori e strappare loro magliette e autografi.
Ero completamente preso da quell’aria di festa quando all’improvviso sentii un brivido gelido sulla schiena e mi voltai verso il mare: il tempo era cambiato mentre eravamo presi dalla partita, oscurandosi sopra la vastità dell’oceano, a Nord, con un fronte di nuvole arcigne che calarono velocemente verso l’isola, come centinaia di cavalli selvaggi e imbizzarriti.

    “Forse è meglio tornare subito a Herrengton, padre, quelle nubi sembrano piuttosto… agguerrite!”

Mirzam sembrava preoccupato, anche se non capivo perché temesse quelle che erano solo nuvole: in fondo, al massimo, ci sarebbe stato l’ennesimo temporale.

    “Già sembrano un groviglio di dissennatori fuggiti da Azkaban!”

Rigel aveva un’espressione altrettanto preoccupata. Alshain, fino ad allora impegnato a confabulare con Stenton, volse l’attenzione a Nord, mentre già le prime correnti iniziavano a sferzare l’isola, scompigliandoci i capelli e sollevando turbini di foglie secche, arricciate dal sole: la sua espressione s’incupì di colpo, quasi meccanicamente portò la mano sinistra sull’anello serpentesco e il suo viso si fece più pallido.

    “Mirzam, prepara la coperta, partiamo subito! Stenton, noi ci vediamo a Londra nelle prossime settimane…”
    “Stammi bene Alshain…”
    “Anche tu…”

Si baciarono le guance e subito Alshain chiuse il cerchio, ghermendo un lembo di coperta, mi sentii sollevato per aria, arpionato allo stomaco, esattamente come le altre volte, ma il viaggio fu breve, raggiungemmo subito il salone della villa, dove Deidra e Meissa stavano sedute a leggere davanti al caminetto.

    “Vi aspettavo non prima di mezzanotte. Che cosa succede?”

Deidra era preoccupata, mentre si avvicinava al marito e lo baciava con tenerezza, come li avevo visto fare mille volte.

    “Dobbiamo chiudere la tenuta, subito!”
    “Che cosa?”

Gli occhi di tutti loro ormai erano allarmati, come se avesse annunciato l’inizio di una guerra.

    “Qualcosa sta scendendo da Nord: è meglio che la famiglia si riunisca e che completiamo subito i nuovi incantesimi del Sigillo…”

Alshain aveva già iniziato ad armeggiare con la testa di serpente del suo bastone e stava srotolando un rotolo di lino preso da una cassettina d’avorio, posta sulla mensola del caminetto.

    “Ma chi sono Alshain?”

Deidra aveva già materializzato la sua riserva di erbe magiche per le pozioni e armeggiava accanto al marito, attorno al caminetto.

    “Magari non è nulla, anzi, di sicuro non è nulla, ma facciamolo per sicurezza, Herrengton si è sempre protetta da sé, ma sai… c’è un’alta concentrazione di prezioso sangue Slytherins qui, in questi giorni, con tutte queste giovani promesse del mondo magico…”

Ci sorrise, forse perché percepiva la nostra paura, ci fece cenno d’avvicinarci, e ci descrisse tutto quanto stava facendo, per rassicurarci e renderci partecipi, così che ci distraessimo dall’idea di quel magma oscuro che stava calando da nord e imparassimo qualcosa. Una volta preparato un calderone di pozione magica, lo fecero levitare e lo portarono al centro del chiostro; qui, lasciati noi due al riparo sotto le volte di pietra che collegavano il maniero al chiostro, i cinque Sherton si presero per mano e recitarono una strana litania nella lingua del Nord, rimanendo immobili attorno al calderone. Sherton prese il bastone col serpente, ne immerse la testa nella pozione, la risollevò e parve quasi che del sangue stillasse dai denti del serpente d’argento. Alshain si rivolse a est e disegnò a terra la runa che portava al colo, a sud dove disegnò la runa che aveva sul petto, quindi a ovest dove tracciò la runa che gli avevo visto al centro delle spalle e infine a nord, dove tracciò la runa che portava sulle gambe: le nuvole che scendevano dal Nord ormai lambivano le coste di Herrengton e iniziavano a sovrastare il maniero, ma appena le quattro rune furono disegnate a terra, la tempesta scivolò come su una superficie non visibile che correva al largo della tenuta, ricomprendo tutti noi e la terra degli Sherton sotto una specie di campana invisibile. Sentimmo solo parzialmente gli effetti della tempesta, il cielo era diventato color della notte e fulmini lo straziavano dallo zenit fino a lambire il mare, il vento sembrava volerci strappare le vesti di dosso e, se non ci fossimo ancorati bene alle pietre del chiostro, avrebbe potuto sollevarci e trascinarci via. Alshain aveva dato le spalle a tutti noi, aveva sollevato il bastone del serpente in alto, sopra la propria testa, in orizzontale, stava con gli occhi chiusi, concentrato, pronunciando una litania a fior di labbra, immobile, mentre la tempesta gli scompigliava i capelli e le vesti. Poi tutto finì, com’era iniziato, e Alshain tornò nel cerchio dei suoi familiari.

    “Appena in tempo, abbiamo evitato un’altra notte di pioggia!”

Rigel era sollevato, ma Mirzam si era staccato dagli altri, aveva attraversato la cintura esterna del chiostro e si era diretto verso lo strapiombo che avevo sperimentato la mattina dopo il nostro arrivo: indagava ancora la nube fluida che ora continuava la sua folle corsa verso sud e si dimenava ai margini della tenuta, come se volesse stringerci d’assedio con le sue ultime retroguardie. All’improvviso il giovane estrasse il pugnale che portava sempre alla cintola, si prese la lunga coda di capelli che gli arrivava a metà schiena e con un colpo secco la tagliò, lasciandola cadere di sotto nel burrone. Alshain assentiva: aveva incrociato le braccia al petto, le gambe leggermente divaricate, con la mano sinistra si teneva il mento, giochicchiando con la barba, col pollice destro accarezzava l’anello serpentesco mentre continuava a non staccare gli occhi dalla nube, come a scrutare qualcosa a tutti noi invisibile.

    “Perché sospettavate dei dissennatori?”

Regulus riprese la parola, dopo quella che mi parve un’eternità, dando voce ai dubbi che erano anche i miei.

    “Mmm, come dire… non siamo molto simpatici a qualcuno al Ministero…”

Ci guardò e sorrise ma si capiva che non era affatto tranquillo, faceva battute solo per noi. Deidra rimise a posto la bacchetta, che di solito teneva infilata nelle ampie maniche della sua veste e che aveva tirato fuori nel momento in cui la cupola invisibile aveva intercettato la nube, si accostò a suo figlio sullo strapiombò, osservandola ancora, quasi volesse sincerarsi che era tutto finito. Dopo pochi minuti il sole riemerse dietro agli ultimi lembi di quella tempesta fittizia e gli Sherton tornarono a chiudersi a cerchio al centro del chiostro.

    “Possiamo andare a darci una sistemata e prepararci per la cena…”

Alshain cinse col braccio il fianco di Deidra, che gli porse una lettera, e insieme salirono di sopra, parlottando fitto fitto tra loro, Mirzam, i suoi fratelli e noi rimanemmo al centro del chiostro, un po’ confusi.

    “Andiamo su anche noi…”

Mirzam prese per mano Meissa, che era rimasta silenziosa e attenta per tutto il tempo, e rientrò in casa, noi e Rigel rimanemmo lì ancora un po’, incerti se rientrare a nostra volta, quando sentii la mano di Reg che mi arpionava l’avambraccio.

    “Diceva sul serio? Qualcuno al Ministero sarebbe capace di attaccare sua moglie e la figlia in sua assenza? Ma è da vigliacchi…”

Rigel ci guardò con un sorriso triste e rassegnato.

    “La storia della mia famiglia è tutta così, da quando Salazar ha fatto di noi i suoi prediletti: un grande potere attira odio e invidia, per questo mio padre ci tiene tanto al vostro, perché Orion Black è l’unico che gli sia stato sempre vicino per amicizia, e per nient’altro. Venite dentro, si sta facendo freddo…”

Lo seguimmo, poi ci separammo per tornare nella nostra camera.

    “Stai bene Regulus?”
    “Sì, Sirius, non ti preoccupare…”

Si spogliava lentamente, come se ogni gesto gli costasse una grande fatica.

    “Credi che nostra madre ci lascerà tornare dagli Sherton dopo che avrà saputo questo?”
    “Questo cosa? Nostra madre, da noi, non saprà nulla di questo “equivoco”, hai capito? Giuramelo Reg! O ci chiuderà nelle nostre stanze e butterà via la chiave… è questo quello che farà, se mostriamo di esserci spaventati per un rischio… inesistente…”
    “Lo saprà comunque, Sirius, saprà che qui… e noi resteremo per sempre a Grimmauld Place!”

Si buttò sul letto, semi nudo, si tirò le coperte sopra la testa e sparì alla mia vista: intuivo che stava singhiozzando dai tremiti del plaid e capivo quanto fosse preoccupato e spaventato, perché lo ero anch’io. Come lui, avrei preferito dover affrontare la morte di persona, quel preciso istante, piuttosto che tornare a casa. E mai e poi mai avrei messo fine al nostro periodo di libertà per delle stupide nuvole! Quella sera, complice la paura, la stanchezza e il pasto abbondante assunto a pranzo, non scendemmo a cena nessuno dei due. Verso le dieci, Alshain venne in camera nostra a verificare come stessimo, appurato che Reg stava dormendo sereno, m’invitò a seguirlo nel patio, per parlare e nuotare un po’: Sherton si spogliò rimanendo in pantaloncini e si tuffò con maestria, percorse rapidamente con ampie bracciate la vasca e riemerse dopo averla percorsa alcune volte, prima di riemergere accanto alla scaletta da cui lo stavo ammirando.

    “Che cosa fai ancora lì? Tuffati!”

Mi tuffai al meglio delle mie capacità, sapendo che mi stava osservando come io avevo fatto con lui, ma non nuotai a lungo, subito mi riavvicinai a lui.

    “Non vorrai farmi credere che dopo quasi due mesi di allenamenti continui, questo è il massimo della tua resistenza!?”

Sorrisi, scostandomi i capelli bagnati dalla faccia.

    “Preferirei parlare con te…”
    “Salazar, Sirius, sei proprio il figlio di tuo padre, uomo di mille chiacchiere e pochi fatti! E terribilmente pigro come lui!”

Rise, poi s’issò con le braccia muscolose fuori dalla vasca, rimanendo a grondare sul bordo, mentre mi dava la mano per aiutarmi a uscire.

    “Ora parliamo, mi sta bene, ma poi, caro mio, mi dimostrerai di sapermi stare dietro, altrimenti ti trascinerò fino alla spiaggia a forza tutti i restanti giorni che ti fermerai qui…”

Sapevo che l’avrebbe fatto davvero, quindi feci un segno d’intesa, mi sedetti accanto a lui, mentre si allungava a prendere un asciugamano con cui mi avvolse e un altro con cui avvolse se stesso.

    “Che cosa c’è che non va?”

Gli dissi le nostre preoccupazioni e Alshain cercò di infondermi coraggio, ma si capiva benissimo che era dispiaciuto per lo stato di prostrazione in cui ci aveva trovato.

    “Non vi farei mai correre rischi, Sirius, state tranquilli, e quello che è successo, o meglio, non è successo, nel pomeriggio, non impedirà che continueremo la nostra vacanza qui e che ci vedremo anche ad Amesbury, vedrai, vi divertirete anche laggiù, in fondo c’è ancora del tempo prima della scuola, posso invitarvi… ci sono parchi e boschi, anche lì, come ben sai…”
    “Quando mia madre saprà… Non ci lascerà più venire da te, è questa la verità, ed è per questo che oggi Regulus è crollato… non l’avevo mai visto così entusiasta in vita sua, sono sicuro che si dispererà anche più di me se non riuscirà più a starti vicino… E quest’anno io partirò per la scuola e lui resterà solo con la mamma…”
    “Non lo lascerò solo, Sirius, non temere!”

Alshain sospirava, conosceva abbastanza mia madre da sapere che quelle settimane erano state una concessione pazzesca che eravamo riusciti a strapparle, e che non sarebbe stato altrettanto facile convincerla in seguito, soprattutto se avesse avuto motivi reali per dirci di no.

    “Per quale motivo credi che non volesse lasciarvi partire? I tuoi lo sanno che esiste questa eventualità, è remota, ma esiste… Ma io ho dato precise garanzie a tuo padre, l’ho rassicurato, a voi non capiterà mai nulla… Su, non fare quel musetto afflitto, lo sai che mantengo sempre le promesse, se ti dico che verrete ad Amesbury, lo farete… Hai sentito il signor Stenton: tu non lo ricordi, ma io e tuo padre vi abbiamo fatti mascotte della squadra, anche se Walby non ne era entusiasta…”

Mi sorrise.

    “Eravate davvero buffi sai? Eravate piccoli così e vestivate delle minuscole divise blu e gialle, le divise del Puddlemere…”

Si guardò le mani mentre faceva il segno di due esserini minuscoli.

    “Tu non ti rendi conto quanto mi manca tuo padre, quanto mi manca quel tempo della nostra vita… E quanto sia stato felice di avervi qui da me quest’estate…. Non permetterò mai a nessuno di mettersi in mezzo, di rendere per voi pericolosa la mia presenza. Di questo puoi essere certo, Sirius…”

Aprì le braccia verso di me ed io mi avvicinai, appoggiando la testa sul suo petto, era quel tipo di abbraccio che sognavo sempre, a casa, e che non riuscivo a ottenere mai. Mi scese una lacrima, forse per la tensione, o per la tristezza, perché ogni giorno che passava, mi riavvicinava a Londra.

    “Già mi accontenterei di sentirti promettere che non sparirai di nuovo, come hai fatto negli ultimi anni…”

Ricacciai altre lacrime e lo guardai diritto negli occhi, cercando di mantenere tesa la voce.

    “Non sparirò più, Sirius, te lo prometto…”
    “Ma cosa vogliono quelli del Ministero da te?”
    “Non credo c’entrino quelli del Ministero, Sirius, e comunque, anche loro, come tutti, vogliono Herrengton, ma vedi, sono quasi mille anni che tutti ci provano, eppure non sono mai riusciti in nulla: se la mia famiglia è stata chiamata a questo compito, qualcosa per difendersi l’avrà pure… non credi? E, infatti, abbiamo dei trucchi, che ci siamo guardati bene dal rendere noti, come quel piccolo gioco che abbiamo fatto nel chiostro stasera. Difenderemo con i denti e il sangue Herrengton, come abbiamo sempre fatto, e la passeremo ai nostri discendenti, com’è sempre avvenuto. Ma ora basta, mi farai vedere come nuoti un’altra sera, ho paura che prendi freddo… Poi chi la sente tua madre, se ti rimando a casa col naso rosso?”

Rise.

    “Vai in camera tua, Sirius, e sveglia pure tuo fratello, così vi faccio portare qualcosa da mangiare da Kreya, non va bene che due ragazzini della vostra età digiunino…”
    “Signore…”
    “Ancora con signore, Sirius? È tardi, dai, è stata una giornata intensa ed io devo finire di leggere un vecchio libro sulle Antiche Rune… Domani parleremo di tutto quello che vorrai…”

Mi spettinò un poco e mi diede un bacio sulla fronte, poi si alzò e si allontanò, dandomi le spalle, riprese i suoi vestiti da terra e se ne andò con l’asciugamano annodato ai fianchi e i capelli che ancora grondavano acqua.

    “Anche Abraxas Malfoy è uno dei maghi pericolosi, vero?”

Alshain si fermò sull’ingresso, appoggiò la mano sullo stipite della porta, ma non si voltò.

    “Le solite facili domande dei Black!”

Rise, una risata tirata e nervosa.

    “Non lo so, Sirius, purtroppo non lo so… Io sono un legilimens, ma mio cugino è un abile occlumante…. Io posso solo sperare che non lo sia… almeno che non sia pericoloso… per me…”

Attraversò la porta, senza più voltarsi verso di me. Non gli avevo mai sentito una voce così stanca e questo mi convinse che, di nuovo, stesse mentendo, solo per farmi coraggio… O forse, stavolta, per farne a se stesso…

***

Alshain Sherton
Godric's Hollow, West Country - giov. 12 agosto 1971

Era da molti anni che non andavo a Godric Hollow, da quando, appena adolescente, avevo accompagnato mio padre per visitare la tomba di Ignotus Peverell: con tutti quei matrimoni celebrati per secoli solo tra Purosangue, la mia famiglia era rimasta legata anche a loro, ma oramai non ricordavo più in che secolo, né quale fosse l’attuale grado di parentela esistente, almeno non senza consultare gli arazzi di Herrengton. Ricordavo invece che secondo la leggenda, l’uomo che era stato sepolto lì era il più giovane dei tre fratelli che avevano ricevuto i tre Doni della Morte. Non avevo mai capito quanto ci fosse di vero in quella leggenda, ma il fascino dei tre doni era notevole e per alcuni anni, durante la mia giovinezza, avevo pensato di dedicarmi a quella ricerca: chiunque avesse riunito quelle tre meraviglie sarebbe stato il più potente tra tutti i maghi, anche senza servirsi della Magia Oscura. La bacchetta più potente, un mantello dell’invisibilità e una pietra capace di riportare in vita i morti: non riuscivo nemmeno a immaginare quanto potere nascesse dall’avere in mano tutto questo. La mia vita, però, aveva poi preso una piega diversa: quando avevo compreso di amare la ragazza che sarebbe diventata mia moglie, i famosi Doni della Morte erano scomparsi dal mio immaginario, il sogno del potere era diventato un nulla, in confronto alla conquista di quegli occhi, verdi come smeraldi. Mi riscossi da quei pensieri e mi guardai intorno: ero di nuovo lì, in quel cimitero, in una notte di metà estate. Avevo detto a tutti che sarei stato tutta la notte nel mio studio a leggere le Antiche Rune, avevo anche parlato con i giovani Black di Quidditch, per rassicurarli, come avevo fatto tutte le sere, dopo quel pomeriggio sfortunato. Avevo mostrato un volto tranquillo, in quegli ultimi giorni, come mio solito, avevo rincuorato mia moglie e i miei figli, ero stato nel Wiltshire, dove avevo minacciato mio cugino, perché la smettesse di forzarmi la mano in quel modo. Ero convinto che ci fosse lui dietro a tutto questo, sapevo che stava facendo di tutto perché provassi con mano cosa poteva succedere se non mi fossi mostrato più accorto: ormai avevo recepito il messaggio, era inutile continuare su quella strada.

    Voglio incontrare faccia a faccia Tom Riddle, finirla una volta per tutte con questo stillicidio.

Mi sistemai meglio il cappuccio sul viso e mi avvolsi nel mantello, non perché temessi di essere riconosciuto, ma perché non sopportavo quello strano vento gelido che mi sferzava il viso e mi asciugava gli occhi, non volevo apparire in qualche modo debole quando lui sarebbe arrivato. Ero in collera con me stesso, in fondo all’anima poco convinto di quello che stavo per fare, avevo una strana ansia nel corpo, che mi portava a riflettere sull’opportunità di smaterializzarmi di nuovo, prima che lui arrivasse; alla fine, nonostante quei mesi d’insistenza e di velate minacce, era stata la lettera di Orion Black a farmi decidere, mi ero lasciato convincere, visto quanto gli argomenti di Voldemort erano stati convincenti con i Duncan. Ora l’avrei avuto davanti a me, l’avrei affrontato di persona. Volevo vedere con i miei occhi quale bastardo arrivasse a colpire con una maledizione senza perdono un bambino appena nato per ottenere la collaborazione di suo padre: era questo che quello schifoso Mezzosangue aveva fatto a Hernie Duncan, questo c’era scritto nella lettera di Orion che Deidra mi consegnò al termine di quel dannato pomeriggio. E il timore di mettere a rischio la vita dei miei figli allo stesso modo con la mia ostinazione, mi aveva tolto il sonno, nei giorni seguenti, finché non avevo ceduto… E avevo invitato per un incontro quel maledetto.
Mi sforzai di riappropriarmi della mia classica calma, e soprattutto mi concentrai, perché non fosse possibile leggermi nell’anima, dovevo recitare al meglio la mia parte, fingere di aver ripensato alle teorie di Riddle, di aver capito che erano identiche alle mie, di aver deciso di fondere le nostre forze per ottenere prima gli obiettivi che entrambi avevamo a cuore. Avrei solamente ribadito il mio no alla mia partecipazione attiva a certe pratiche, se avessi accettato anche quelle non sarei stato più credibile... E non sarei più riuscito a guardarmi allo specchio, a baciare mia moglie, o accarezzare il viso di mia figlia. In fondo non era un problema, era noto a tutti che la mia famiglia teorizzava a tal punto l’inferiorità della razza Babbana da pensare che perfino dar loro la morte comportava una macchia sulla nostra purezza. Quindi sarebbe stato semplice far passare per puro disgusto verso i Babbani quello che invece era ben altro.

    La mia totale incapacità di fare del male a un essere vivente.

Il sangue mi si gelò al pensiero di cosa poteva capitare se mio cugino o quel mostro avessero scoperto questa verità. Per fortuna le nubi stavano coprendo la luna, rendevano la notte completamente oscura, come la mia anima. Sentii uno schiocco dietro di me, poi un altro: Voldemort era arrivato con Malfoy, ma non mi voltai, non ero certo lì per omaggiarlo.

    “Passano gli anni ma sei sempre lo stesso, sempre straordinariamente puntuale, Sherton…”

La voce odiata parlò sibilando in serventese: dovevo immaginarlo, voleva ribadire la sua parentela con Salazar, ma anche gli Sherton conoscevano quella lingua oscura, era stato un dono dato con il bacio di Salazar Slytherin al discepolo prediletto.

    “Sì, Riddle, sono puntuale come la morte…”

Mi voltai parlando la lingua del rettile a mia volta e lo vidi in tutta la sua magnificenza. Alto e nero come la notte più oscura, pallido, con occhi che quasi fiammeggiavano dell’odio e del sangue di cui si nutriva, proprio come l’orrenda visione che mi aveva quasi strappato Meissa: alla fine le avevo fatto dire tutta la verità, avevo scoperto cosa era accaduto a Spinner's End, e cosa aveva sentito la sua mente quel giorno a casa di Cygnus. Per fortuna l’avevo scoperto tardi, o mi sarei piegato a quel verme il giorno stesso, svelando quale fosse l’unica cosa davvero importante nella mia vita.

    “Questa notte non morirà nessuno, Sherton, anzi, siamo qui per festeggiare…”

Mi sorrideva viscido, sembrava un serpente anche lui. Mi sfilai il cappuccio, mostrando alla luna che, ridotta a un quarto calante, occhieggiava tra le nubi che correvano rapide nel cielo estivo, i capelli corvini, il volto fiero e gli occhi di ghiaccio. Sul viso non avevo alcuna espressione, la bocca era atteggiata a un sorriso di circostanza, mentre nel mio cuore un senso di timore e di disgusto lottavano per non emergere. Ero grato a mio padre per essere stato un ottimo maestro in Occlumanzia e di avermi trasmesso con il sangue e la disciplina tale abilità.

    “Non siamo ancora al punto di poter festeggiare, Riddle, ho detto chiaramente a mio cugino che avrei gradito vederti solo per capire meglio alcune cose: sulla carta ci sono alcune condizioni per celebrare questo patto, ma sai, sono una persona prudente, non amo sbilanciarmi se non sono più che convinto che sarà garantita sempre e comunque discrezione e incolumità per me e per la mia famiglia, nel caso qualcosa non andasse nel verso giusto… oltre che, naturalmente, il mio tornaconto…”
    “Naturalmente Sherton, naturalmente… Come sai, sono mesi che ti chiedevo di incontrarci proprio per parlare, sono convinto che quello che ho da dirti ti piacerà. E’ indubbio che nessuno tra i maghi sia un abile affarista come te, e che il tuo aiuto, così importante per noi, ha un valore davvero non indifferente, insomma... Riconosco che sei molto importante per la causa, tanto che se mi sostenessi, non potrei negarti mai alcuna richiesta. So che t’interessa una certa area delle attività del Ministero e soprattutto la scuola di Hogwarts: se ti unirai a noi, puoi considerarle già tue, non potrei immaginare un miglior direttore di te per quella scuola, una volta che fosse istituito il nuovo regime nel mondo magico… ma naturalmente se avessi progetti diversi per te e la tua famiglia, avrai tutta la mia disponibilità e il mio sostegno…”

Finsi di essere compiaciuto e feci un cenno di assenso, guardai mio cugino Malfoy con occhi fintamente avidi e Abraxas mi rispose con un sorriso pieno: Voldemort percepì quello scambio di parole non dette e una smorfia compiaciuta gli apparve sul viso viscido, forse pensava di aver fatto centro al primo colpo, immaginava che anche un uomo tutto d’un pezzo come me avesse un prezzo e sicuramente gli stavo mostrando un conto contenuto, rispetto ai benefici che avrebbe apportato, alla sua causa, il mio ingresso nella sua cerchia. Così decise che non era ancora sufficiente, voleva sollecitare ancora di più la mia cupidigia.

    “In attesa che l’impresa si compia ed io possa offrirti concretamente quanto ti ho appena promesso, vorrei dimostrarti la mia gratitudine per aver ripensato la tua posizione iniziale, una specie di ringraziamento per avermi fatto dono della tua compagnia e attenzione questa sera. Come saprai, da giovane, ho lavorato presso Sinister, quel lavoro mi ha permesso di fare molte ricerche interessanti, durante le quali ho scoperto dove si trova qualcosa che appartiene a te, alla tua famiglia, qualcosa di utile e prezioso, qualcosa di storicamente importante…”

Finsi di cedere alla curiosità: buona parte dei cimeli della mia famiglia era stata dispersa ai quattro angoli del mondo durante le guerre magiche e le cacce ai maghi avvenute a Herrengton Hill prima del Trattato di Segretezza, ma negli ultimi anni avevo riportato a casa buona parte di quei tesori. Avevo anche un’idea piuttosto chiara di dove fossero gli altri, ma finsi di essere colpito e interessato da quanto aveva da dirmi. Voldemort si avvicinò, sussurrandomi all’orecchio il nome dell’antico villaggio magico irlandese di Ffynnon Garw, che non era evidentemente nella lista dei luoghi che tenevo d’occhio e questo mi colpì più di quanto avrei voluto.

    “In questo luogo troverai ciò che ti appartiene, la bacchetta d’argento e smeraldi data da Salazar a Hifrig il giorno dell’investitura, quella da cui è stato preso lo smeraldo che ora vi tramandate di padre in figlio… Per quanto riguarda i nostri affari, mi vedrò con Malfoy, Lestrange e gli altri il primo di settembre, a Malfoy Manor, spero che ti unirai a noi, per convincerti delle nostre buone intenzioni. Per te sarà un incontro informale, ma se ti deciderai, in seguito comunicheremo con questo…”

Prese il braccio sinistro di Abraxas e sollevò il mantello, mostrando l’orrido marchio nero a forma d teschio che avevo già intravisto sulla pelle bianca di mio cugino.

    “Se sarai dei nostri lo avrai anche tu, è rapido e discreto, e…”
    “Non credo sia possibile per me portare quel marchio…”

Voldemort mi guardò incredulo, pensava di avermi assoggettato e già ponevo in dubbio la sua autorità, strinse la mascella, per reprimere un evidente attacco di rabbia, io a mia volta repressi a stento un ghigno ironico e dissacrante, poi con la massima calma e razionalità espressi meglio i miei dubbi.

    “Certo saprai che noi maghi del Nord abbiamo precisi doveri, a cui sono legati dei riti particolari, che prevedono tra l’altro ogni cinque anni l’esposizione in pubblico dei nostri corpi per l’incisione dei tatuaggi. Tra meno di un anno devo farmi incidere dei tatuaggi, se mi mostrassi in pubblico con quel marchio, prima della nostra vittoria… Non credo riuscirei a sostenerti molto, dalle segrete di Azkaban…”

Riddle annuì: non era ribellione quello che mi portava a negargli quell’atto di fedeltà, ma raziocinio, una delle capacità di noi Sherton che più ammirava e di cui più aveva bisogno: si era già legato a numerosi pazzi sanguinari, lui stesso non era altro che uno di loro, aveva quindi bisogno di qualcuno che sapesse usare l’autocontrollo, che non fosse drogato di sangue e di perversione.

    “Non c’è problema, posso aspettare, non ti chiederei qualcosa d’inutile e che mi priverebbe del tuo sostegno indispensabile…”

Era di fronte a me, in silenzio, sembrava davvero un serpente, così viscido, fluido e invitante, ricordai quando durante i primi anni a Hogwarts l’avevo visto per la prima volta: era un bel giovane, con, già da allora, quell’espressione pericolosa nel viso. Mi aveva attratto subito, avrei dato qualsiasi cosa per carpire la sua attenzione, per me stesso, non per la mia famiglia… Poi seppi… Era figlio di un Babbano, il disprezzo fin da allora superò ogni cosa, tranne quello che avevo provato per me stesso, per aver desiderato l’amicizia di un inferiore.

    “Allora non avrò problemi ad assumere quel marchio, a tempo debito…”

E quanto mi costava ancora oggi non vomitargli addosso il mio disprezzo… Mi stava promettendo di tutto, quando l’unica cosa che avrei preteso da lui sarebbe stata che lasciasse in pace me e la mia famiglia, ma ero consapevole che ormai questo non sarebbe mai potuto accadere, perché io, l’erede di un discepolo, era un purosangue, mentre Tom, l’erede del fondatore era solo un mezzosangue: per quanto avesse parlato e promesso, quella era la realtà e prima o poi su questo ci saremmo scontrati e combattuti. Una volta conclusa la guerra ai Babbani e ai Mezzosangue, sarebbe arrivato il momento di far fuori i rivali, per il potere personale, per il potere assoluto. Era quello il momento atteso da Malfoy e da Lestrange. Sarebbe stato quello il momento in cui Herrengton sarebbe caduta nelle loro mani. Sorrisi tra me, avrei fatto credere a Voldemort di essere il suo più fedele e avido alleato, avrei preso tempo e avrei atteso il momento giusto per colpirlo: standogli accanto, conoscendolo, avrei scoperto i suoi punti deboli e ne avrei approfittato, intanto avrei controllato i miei nemici e messo al sicuro i miei cari. Potevo anche cadere, o finire ad Azkaban, ma non prima di aver portato i miei piani a compimento, Herrengton e i miei cari sarebbero stati al sicuro a quel punto. Potevo farcela, dovevo solo mentire, e sporcarmi un poco le mani: c’era stato un tempo in cui avevo imparato tutto questo, poi gli occhi di Deidra mi avevano distolto dagli insegnamenti di mio padre; ora dovevo allontanarmi dalla strada che aveva intrapreso, tornare per un po’ indietro, mostrare i lati più oscuri della mia anima, se volevo la salvezza di tutto ciò che amavo. Presi per l’avambraccio Voldemort, gli lasciai prendere il mio, ci abbracciammo e un bacio alla guancia decretò quell’iniziale alleanza: Abraxas era soddisfatto, aveva esaudito una richiesta del suo Oscuro Signore e per questo sarebbe stato opportunamente ricompensato. Probabilmente Riddle gli aveva promesso la mia testa per tutto questo. Sorrisi. Lord Voldemort si staccò dall’abbraccio e mi osservò.

    “Finalmente riuniti Sherton, il figlio del discepolo, e il figlio del maestro… Per la gloria di Salazar Slytherin…”
    “Per la gloria…”

Voldemort e Malfoy si smaterializzarono in un vortice di foglie secche frustate dal vento, io mi voltai sulla tomba di Ignotus Peverell, ammirai il simbolo dei Doni della Morte e rimasi a riflettere per ore sui fatti di quella notte, su quanto avevo percepito negli sguardi di Riddle, sul ricordo di mio padre. L’ansia che mi accompagnava dal mio arrivo era ancora lì, avevo una maggiore sicurezza, certo, ma anche la convinzione che Riddle non sarebbe mai stato tanto pazzo da fidarsi completamente di me. Oramai ero in campo, avrei combattuto. Mentre all’orizzonte si profilava la prima luce di un’altra alba estiva, mi dissolsi, diretto al bosco e al capanno di Amesbury.
Orion Black, come sempre, mi aspettava.


*continua*



NdA:
Ringrazio quanti hanno letto, hanno aggiunto a preferiti/seguiti/ecc, hanno recensito e/o hanno proposto/votato questa FF per il concorso sui migliori personaggi originali indetto da Erika di EFP (maggio 2010).

Valeria



Scheda
Immagine: non ho ancora ritrovato la fonte di questa immagine

Ritorna all'indice


Capitolo 19
*** I.019 - HABARCAT - Corvina ***



That Love is All There is

Terre_del_Nord

Slytherin's Blood

Habarcat - I.019 - Corvina

I.019


Sirius Black
Herrengton Hill, Highlands - sab. 14 agosto 1971

Eravamo arrivati alla fine della nostra vacanza: i dubbi nati con la disavventura di quel pomeriggio, il clima pessimo che impediva di uscire per i boschi come amavamo tanto, la partenza di Mirzam impegnato col Puddlemere, resero un po’ più tristi tutti quanti. Quella che doveva essere la mia ora di punizione divenne un momento comune, visto che Mei e Rigel dovevano studiare e Deidra stava vivendo dei giorni difficili per via della gravidanza e passava molto tempo in camera sua a riposare: così potemmo apprezzare Alshain in versione maestro di pozioni e, al solito, lo fece alla sua maniera. Scoprii che tutte le avventure nei boschi, che avevano caratterizzato buona parte di quelle settimane, ora mi erano di grande aiuto e che avevo appreso una quantità di cose interessanti giocando; anche Reg era piacevolmente sorpreso: in quelle settimane avevamo imparato molte più cose che in mesi e mesi di tedio nella solitudine delle nostre camerette. Ero con la testa persa nei ricordi di quei giorni, così non mi accorsi di Alshain che, invece di leggere ad alta voce percorrendo con ampie falcate il portico del chiostro, dove teneva le sue lezioni, ora svettava dietro di me e mi osservava ormai da qualche minuto, nel silenzio totale di tutti gli altri.

    “Conti di tornare tra noi a breve Sirius? O sarai così gentile da invitare tutti noi nel tuo prato fiorito?”

Divenni rosso fuoco, mentre Rigel iniziava a sghignazzare dietro il libro che aveva in mano e lanciava occhiate complici a sua sorella: da quando era partito il fratello maggiore, era diventato più aggressivo, soprattutto con Mey, e spesso faceva battute che non capivo anche su di me; Regulus, invece, continuava a essere il suo prediletto e passavano ore e ore a confabulare insieme di Quidditch e chissà cos’altro. Reg mi guardò storto: si vergognava per me, perché anche lontano da casa riuscivo a mettermi in mostra per gli stessi motivi per cui ero famoso a Grimmauld Place e, in quel momento, tornai a odiarlo, come non mi capitava più da settimane, com’era invece prassi a casa nostra.

    “Mi scusi, stavo pensando a…”
    “Si?”
    “Beh, ecco, stavo pensando che ho imparato più qui giocando che in ore e ore di studio a casa nostra…”
    “E ora, entusiasta di questa scoperta, credi sia il caso di perdere i punti guadagnati, sognando ad occhi aperti come fai a Londra?”

Diventai ancora più rosso.

    “Mi scusi di nuovo…”

Mentre Rigel ormai si tratteneva a stento dal ridermi in faccia, Alshain fece comparire due calderoni di peltro, distribuì gli ingredienti, ci lasciò degli appunti sulla lavagna e ci diede circa un’ora per completare quel lavoro: era la prima volta che io e mio fratello preparavamo davvero una pozione, fino a quel momento le avevamo solo studiate e fatto degli esercizi teorici, con una certa meraviglia ci accorgemmo che invece Mey era già stata abituata a destreggiarsi in tutto questo. Noi, al confronto, solo nel disporre le cose necessarie sul tavolo, eravamo proprio degli impediti.

    “Mey, Rigel, non lavorate in coppia, aiutate i giovani Black, sicuramente saranno degli ottimi teorici, ma manca loro la pratica, non vorrei rimandarli indietro con i capelli bruciacchiati… avrei dovuto insegnarvi qualcosa di più durante l’estate, invece di lasciarvi svolazzare sulle scope, ora chi la sente vostra madre?”

Io e Reg ci guardavamo, attoniti e preoccupati, poi osservammo lui e ci accorgemmo che aveva un’aria beffarda; io tirai un sospiro di sollievo. Alshain ci lasciò soli, appena Rigel prese in consegna Reg e Mey si affiancò a me per risolvere quel compito.

    “Siete proprio terrorizzati da vostra madre, o sbaglio?”

Divenni porpora e rimasi in silenzio, ancora preoccupato per quella che ormai non era più soltanto una minaccia remota.

    “Non preoccuparti, Sirius… Sono sicura che quando tornerete a casa i tuoi saranno contenti, se riesci a fare questa pozione, per esempio, si può dire che sei quasi al livello di quelli del secondo anno.”
    “Davvero?”
    “Sì certo, e poi, se vuoi, ti aiuto…”

Era proprio bella e gentile: quel giorno aveva un abitino a fiori, un po’ più pesante perché iniziava a fare freddo, con le manichette che le arrivavano fino agli avambracci, le scarpe chiuse al posto dei sandali, e i capelli sciolti, tenuti indietro con un cerchietto argentato.

    “Smettetela di fare i piccioncini, voi due, o non la finirete nemmeno per domani, altro che tra un’ora!”

Rigel continuava a prendermi di punta e sinceramente non ne capivo il motivo, provai a dirgli qualcosa ma Mey fu più veloce.

    “Solo perché tu sei un porco, Rigel, non vuol dire che lo siano anche loro…”
    “Sì, sì, certo! Infatti, scommetto che stava esattamente pensando a quanto ha imparato in questi due mesi, non al cinemino vicino a Spinner’s End…”

Reg mi guardava astioso, io ero attonito, rivolsi uno sguardo interrogativo a Mey: non era possibile che avesse detto tutto a suo fratello, poi guardai lui, mi rimandò indietro un’occhiataccia maliziosa. Quel ragazzo pareva leggermi dentro. Mey si alzò, sembrava intenzionata a picchiare suo fratello.

    “Ma smettila, a chi credi di metter paura, ora non c’è Mirzam a salvarti le chiappe…”

Mey gli mollò uno schiaffo e Rigel, con le cinque dita della sorella stampate sulla faccia, la prese per i capelli e iniziò a tirare. Sembrava un déjà vu. Io e Reg non sapevamo se intervenire e, in caso, in favore di chi, visto che i due fratelli sembravano darsele di santa ragione senza che Rigel riuscisse, com’era inizialmente immaginabile, a prevalere sulla sorella.

    “Ti conviene chiedere scusa subito fratellino, perché non stai facendo una bella figura con i nostri ospiti, sembri una bimbetta…”
    “E tu, agli occhi del tuo amato, fai la figura di uno scaricatore di porto…”

Mey si divincolò, i capelli arruffati e il viso rosso, sembrava che quell’ultimo appunto l’avesse colpita molto più delle sberle che il fratello le aveva dato invano fino a quel momento. Rigel approfittò della tregua per rimettersi la maglietta in ordine: nel trambusto generale, intanto, nessuno si era accorto che Alshain stava di nuovo attraversando il chiostro, diretto verso di noi.

    “Non finisce qui sorellina…”
    “Ti aspetto…”
    “Vi aspetta una bella punizione! A tutti e due, uno spettacolo indegno…”

Alshain era furente, anche più del giorno in cui io avevo quasi picchiato quel babbano.

    “Non sapete proprio cosa significa essere degli Sherton, vero? È normale litigare e picchiarsi ma, dai miei figli, mi aspetto che per lo meno non si facciano beccare e che non diano spettacolo in pubblico…”

Quello non me l’aspettavo, davvero: al contrario di quanto dicevano i nostri genitori, dagli Sherton non era vietato azzuffarsi tra fratelli, era vietato farsi beccare… Quasi mi venne da sorridere, se non fosse stato per l’aria truce e vendicativa che in quel momento aveva Alshain.

    “Niente scopa nuova per te, Rigel, e tu, Diagon Alley puoi scordartela, domani!”
    “Non vale, una giornata a Diagon Alley non vale una scopa da Quidditch…”
    “Vuoi che ti tolga anche quella che hai? Ti sei fatto mettere sotto da tua sorella! Ti basta come motivazione?”

Fu la prima volta che vidi Rigel davvero mortificato, Alshain intanto controllò le pozioni che erano ben lontane dal ribollire nei calderoni, congedò i figli con malagrazia e rimase nel chiostro con me e mio fratello, ancora meravigliati di quanto avevamo appena visto. Sherton, esasperato dalle nostre facce ebeti, capì che non era proprio la giornata giusta per occuparsi di pozioni, fece sparire i calderoni, gli ingredienti e la lavagna e si avviò verso la sala dei trofei, facendoci capire che dovevamo seguirlo. Potevo ammirarne la figura stando diversi passi dietro di lui: dopo la partita del Puddlemere, anche lui, come Mirzam, si era tagliato i capelli, che ora scendevano morbidi e leggermente mossi appena oltre la base del collo. Quel giorno vestiva una camicia bianca, piuttosto ampia e allacciata completamente, perfino i polsini, tenuta infilata nei pantaloni che gli aderivano addosso segnando le gambe asciutte e agili, e degli stivali alti e stretti con delle fibbie, alla vita portava una cintura, in cui da un paio di giorni spiccava una nuova bacchetta particolarmente antica e preziosa, la cui impugnatura era rivestita d’argento finemente lavorato e terminava con una coda serpentesca tempestata da una cascata di smeraldi. Accanto alla bacchetta era spuntato anche un pugnale a lama ricurva, a sostituire il coltello da caccia che gli avevo visto fin dal primo giorno, e diverse bustine, che sicuramente contenevano gli ingredienti per qualche pozione a preparazione istantanea. Scendemmo due piani, arrivando quasi nei sotterranei, quindi superammo le sale che avevo visitato quel pomeriggio di pioggia con Mey, per andare in quello che compresi essere il laboratorio personale di Alshain. Il fuoco nel caminetto si accese subito, ovunque attorno a noi c’erano antichi libri dalle copertine di pelle con scritte gotiche dorate, alle pareti c’erano innumerevoli scaffali, con ogni tipo di barattolo e ampolla e sul grande tavolo da pozionista, ordinatamente disposte, c’erano gli ingredienti di una pozione sicuramente preparata appena poche ore prima. Alshain si diresse alla finestra che guardava verso il mare, dandoci le spalle.

    “In questi ultimi giorni sono rimasto abbastanza deluso da voi, ragazzi. Inizio a capire vostro padre, non siete molto portati per la disciplina…”

Io e Reg ci guardammo, sorpresi per quel rimprovero così diretto e senza scampo: io in realtà un po’ me l’aspettavo, ultimamente non ero stato molto ligio, ero spesso con la testa tra le nuvole, ma mio fratello non meritava quell’appunto.

    “Forse io, ma non Regulus…”

Non andavo particolarmente d’accordo con Reg, vero, ma non mi pareva giusto che se la prendesse con lui. Alshain mi guardò diretto negli occhi, poi guardò Regulus, che aveva chinato lo sguardo ed era arrossito.

    “Ognuno di voi conosce le proprie colpe…”

Vidi Reg farsi ancora più piccolo.

    “… E far la parte del falso difensore di tuo fratello, non farà cambiare l’opinione che mi sto facendo di te, ragazzo…”

Si mise seduto su una poltrona accanto al caminetto, non c’invitò a sederci accanto o di fronte a lui, quindi restammo in piedi in attesa di capire cosa stava accadendo: ero ansioso di restare da solo con Reg per farmi dire cosa aveva combinato per farsi rimproverare anche lui in quel modo.

    “E’ appena arrivata una lettera di vostro padre, è per questo che siete qui. Verrà a prendervi domani, purtroppo non posso mantenere la promessa di riportarvi personalmente a casa, perché entro mezzogiorno Deidra deve trovarsi al San Mungo, e non c’è Mirzam ad accompagnarla al mio posto. Resta inteso, e vostro padre in questa lettera mi dà conferma, che appena ci saremo trasferiti ad Amesbury sarete ancora miei ospiti, come vi avevo già accennato…”

I nostri occhi già scintillavano di felicità, ci aspettavano ancora alcuni giorni in un posto meraviglioso quasi quanto Herrengton, con Mey e la sua famiglia.

    “… Ma il vostro modo di fare, così superficiale, degli ultimi giorni mi ha già fatto pentire… vedete di farmi ricredere su di voi, o sarò costretto ad annullare il mio invito…”

Si alzò di nuovo, estrasse la lettera da una tasca e me la schiaffò sul petto.

    “Può essere in dubbio persino quel discorso che ti ho fatto, Sirius…”

I miei occhi si specchiarono nei suoi, erano dannatamente seri, gli occhi di chi non minaccia ma promette.

    “Quanto a te…”

E stavolta i suoi penetranti occhi d’acciaio, duri, sondarono gli occhi persi nel terrore di mio fratello.

    “Se vedrò che ti lasci manipolare ancora da mio figlio, la punizione peggiore di tuo padre ti sembrerà un sollievo. Tutto questo non uscirà da questa stanza, se vi scopro a commentare quanto vi ho detto con altri o a discuterne tra voi, non metterete mai più piede a Herrengton, siamo intesi? Ora andate a fare i vostri bagagli, un po’ di lavoro manuale vi farà bene…”

Silenziosi e straniti ci scambiammo delle occhiate confuse, non capivo davvero il perché di tutta quell’aggressività, visto che non avevamo fatto poi nulla di tanto irreparabile: lo guardavo, era ancora sulla sua poltrona, impegnato con delle lettere, con un’espressione concentrata e priva di qualsiasi espressione che indicasse un cambiamento di umore o altro.

    “Potete andare…”

Risalimmo in silenzio per le scale di pietra, attraversammo il cortile e salimmo in camera nostra, dove io mi sdraiai sul letto a baldacchino.

    “Datti una mossa Sirius, dobbiamo fare i bagagli…”
    “C’è tempo… Si può sapere cosa hai combinato, con Rigel, per farlo inferocire così?”
    “Nulla…”

Il viso di mio fratello divenne rubino.

    “Come no… Guardati…”

Il viso di mio fratello si fece ancora più livido.

    “L’hai sentito, nulla deve uscire da quella stanza.”
    “Ha detto ”Se vedo che ti fai manipolare ancora da mio figlio…" che cosa significa Reg? Che cosa ti ha fatto fare Rigel?”
    “Nulla!”
    “Sei un bugiardo!”

Mi misi a sedere sul letto a squadrarlo con occhi famelici e un ghigno sarcastico, sapevo di averlo colpito, dandogli del bugiardo, visto che era il cocco della mamma, il ragazzino perfetto che faceva sempre e soltanto la cosa giusta, non veniva rimproverato praticamente mai.

    “E' che... L’altro giorno gli ho detto che ti piace Mey e gli ho raccontato quello che hai fatto quando sei stato con lei dai babbani… e lui si è divertito molto nel saperlo...”
    “Che cosa? Ma ti avevo fatto giurare di non dirlo a nessuno, Reg! Sei una spia! Sei solo una sporca spia!”

Vidi Reg sbiancarsi, poi stringere i pugni e lanciarmi uno sguardo carico d’odio.

    “Non sono io la spia… Sei tu… Tu l’hai detto direttamente a lei che mi piaceva…”

Sapevo di averlo meritato, ed ora capivo… Capivo che era per vergogna che l’aveva evitata come la peste per tutta l’estate, capivo il perchè di certi suoi sospiri alla sera, quando credeva fossi addormentato, e capivo anche il perché degli scherzi di Rigel; quello che non comprendevo era perché il giovane Sherton, dopo essere stato al mio fianco a Yule, si fosse coalizzato con mio fratello per darmi contro. Mi sdraiai di nuovo sul letto: quella era stata una giornata pesante, mi sembrava di essere già tornato al clima sulfureo di casa mia. Non potevo credere che ormai fosse la realtà, e non più solo un brutto sogno.

    “Vado nel patio… Regulus… a me è sfuggito per errore, non gliel’ho detto per farti prendere in giro, e ti ho chiesto scusa per quello... Tel'ho detto subito, non... Non importa...”

Mi ero alzato come una furia e mi chiusi la porta alle spalle con rabbia, se Rigel avesse detto quelle cose a Mey, la possibilità di stare ancora insieme a lei, da soli, si riduceva a zero… Mi spogliai di tutto e mi tuffai nell’acqua tiepida del patio… sapendo che era l’ultima volta che lo facevo… chissà cosa c’era in quell’acqua: sembrava rigenerare dalla fatica se eri stanco, dalla tristezza se eri infelice, e dalla rabbia se… se avevi voglia di strangolare tuo fratello… Riemersi dopo qualche vasca, presi l’asciugamano e me lo legai alla vita. Fuori pioveva ancora e oramai stava calando la sera: le giornate si erano accorciate prepotentemente, erano molto più corte di quanto lo fossero a Londra, e quella stanza, completamente circondata da alberi, sembrava davvero un antro magico e stregato, rischiarato solo dalla luce danzante dei bracieri. Camminai verso le vetrate più lontane, quelle che davano verso il bosco e la scogliera da cui quasi mi stavo gettando il primo giorno. Sorrisi… Da lì potevo ammirare il mare agitato che s’infrangeva sulle rocce molti metri più in basso, la violenza del vento che quasi piegava in due gli alberi, la folle corsa delle nuvole oscure che si rincorrevano sui cieli della Scozia, dandomi quasi un senso di eternità nel corpo: ero al sicuro, protetto, ma era come essere esposto alla furia e alla potenza di quella terra selvaggia. La minaccia di Alshain di non fare mai parte di quel mondo, mi aveva terrorizzato più di tutte le punizioni di mio padre e mia madre: no, io sarei tornato, avrei fatto parte di quel mondo perchè quel mondo ormai era dentro di me. Non era più l’inquietudine che conoscevo mesi prima, quella che nasceva dalla noia, questo era una specie di fiamma che mi alimentava e mi metteva in sintonia con quel mare, e quel vento, e quelle rocce… Avevo sempre saputo di non volere la vita di mio padre, ora sapevo che volevo la libertà di Alshain, la forza e la potenza della sua vita, del suo carattere che sembrava temprato su quelle asperità. Avevo trovato una strada... Avevo trovato la mia strada... Non era un mondo facile, non era comodo come quello che conoscevo, nessuno avrebbe mandato dei dissennatori contro mio padre, ma io sentivo che avrei preferito correre dei rischi di quel genere che vivere senza passioni come lui. Fu allora che decisi che gliel’avrei