Storie originali > Fantascienza
Segui la storia  |       
Autore: joellen    16/03/2017    0 recensioni
Cento anni orsono, la Terra è stata colpita da eventi misteriosi e devastanti che hanno decimato la sua popolazione tanto da risultare un pianeta deserto a chi lo vede attraverso i telescopi di altri mondi. E che la sta usando come discarica per liberarsi dell'immondizia metallurgica da cui è afflitto... O per cercare e procurarsi minerali preziosi per la propria sopravvivenza.....Ma non tutto è come sembra...
Genere: Avventura | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: Tematiche delicate
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Nuova pagina 2

FINALMENTE,  D I  NUOVO IN "ONDA" 

 

Stefano Aloisi e Al Heron partirono una mattina di buon ora, poco dopo il sorgere del Sole.

Ripresosi ormai quasi completamente nel fisico,il comandante Arieliano fu quasi felice di uscire finalmente all' aperto nonostante l'aria leggera dell'altitudine elevata e seguì Stefano fino al velivolo, sorridendo, senza però abbandonare del tutto quel velo malinconico che lasciava trasparire la sua costante preoccupazione per i membri del suo equipaggio, specie per la donna del suo cuore.

"Si riprenderà, Heron. - lo incoraggiò Stefano - Vedrà che quando torneremo, lei starà meglio. Mia moglie sa il fatto suo". In realtà, Stefano non era così sicuro ma, in cuor suo, sentiva che comunque una soluzione sarebbe stata trovata per tirarla fuori da quella maledetta tenda ad ossigeno.

Annamaria era più dubbiosa e, in aggiunta, seguendo con lo sguardo marito e alieno allontanarsi verso l'aereo, avvertì un insidioso presentimento poco positivo, ma lo tenne per sé non volendo turbare alcuno, forse neppure se stessa. Baciò Stefano e diede ai due una sorta di benedizione per il viaggio.

"Cercate di tornare tutti interi" si raccomandò con la sua solita celata vena ironica.

"Non stiamo andando in guerra. - rispose Stefano in tono meno scherzoso - E' solo un volo ricognitivo. Speriamo solo di tornare con qualche buona notizia. O soltanto con qualche notizia".

"Giusto. - riconobbe Annamaria riacquistando una tranquilla saggezza - Basterebbe anche soltanto questo". E nel dir così, abbracciò Flavia che aveva voluto andare con la mamma a salutare il padre che partiva. Heron lanciò ad Annamaria uno sguardo che trafisse il suo sensibile cuore femminile. Era uno sguardo pieno di riconoscenza e di letizia nel vedere l'amore fra lei, Stefano e la figlia, ma anche di immenso dolore per la stessa ragione; per non poter avere ciò che loro avevano. Poi si voltò e cominciò ad allontanarsi affiancando Stefano verso l'aereo. Annamaria provò per lui una pena infinita. Quell'uomo stava soffrendo in modo indicibile.

Guardando i due, vicini, spalla a spalla, Annamaria si rese conto della statura di Heron non di molto inferiore a quella di Stefano, apparentemente  accentuata dalla tuta scura da pilota che, oltre tutto, metteva in risalto la figura slanciata dell'alieno.

La pista di decollo era appena fuori città, ricavata nel poco spazio fra l'abitato e i monti, ma la tecnologia, che non aveva fatto passi da gigante nella comunicazione però nella meccanica sì, aveva prodotto aerei che erano quasi in grado di decollare verticalmente dopo una breve corsa di rullaggio. Il velivolo si staccò presto da terra, si alzò di alcuni metri, ripartì orizzontale e scomparve presto oltre le creste dure e arrossate dal Sole delle montagne che circondavano la cittadina. Le due donne rimasero ancora qualche minuto a pensare, poi si decisero a rientrare nel centro abitato.

"Torneranno presto?" chiese Flavia, in macchina, a sua madre.

Annamaria sorrise.

"Non credo stasera per cena. -  rispose - Non ce la fanno".

Anche Flavia sorrise alla battuta materna.

Annamaria calcolò rapidamente che, nonostante la velocità del mezzo, il viaggio dei suoi uomini sarebbe durato almeno una settimana dei cui primi giorni non avrebbe potuto avere molte informazioni fino a che i due non avessero trovato il modo di ripristinare uno straccio di comunicazione con l'esterno.

 

 

Oltrepassata la grande barriera delle Alpi che si estendeva per molti chilometri verso ovest, scintillante al Sole di fine luglio, Stefano puntò ancora verso occidente, direzione Oceano Atlantico e quindi continente Americano dove aveva scoperto che si trovavano i due più grossi, potenti ed importanti telescopi del mondo: quello di Monte Palomar, in California, e quello di Arecibo nell'isola di Portorico.

Volando velocissimi ad alta quota, Stefano aveva avuto premura a pressurizzare al massimo la cabina di pilotaggio tuttavia, per molti chilometri, Heron mantenne la maschera ad ossigeno sul volto. Volare su un aereo non era la stessa cosa che viaggiare su un'astronave ma giunti ad un certo punto del viaggio, il comandante alieno provò a levarsela, scoprendo presto e con piacere che riusciva a respirare anche senza, grazie alla grande quantità di ossigeno che entrava nell'abitacolo.

I due si sorrisero ma Heron tornò serio e sgranò gli occhi non appena in lontananza cominciò ad intravedere la grande distesa liquida dell'oceano.

"Oddio!" esclamò con la voce strozzata dall'emozione.

Stefano restò molto sorpreso per quella esclamazione.

"Oddio?" ripeté infatti, meravigliato girandosi verso di lui.

"Si, - confermò Heron - Perché?".

"Heron.... " lo interpellò Stefano in tono deciso e vagamente solenne.

"Si?" fece Heron lievemente stupito.

"Cosa sa precisamente di Dio?".

"So che c'era. - rispose Heron quasi con una punta di tristezza - Che è esistito. Poi è scomparso e non si è più parlato di lui. Credo di aver capito che anche qui sulla Terra c'era un dio. C'è stato e anche qui è sparito".

Ecco un bell'argomento di cui parlare durante quel volo!

"Già. - confermò Stefano - Sembra proprio che sia così. Strano, vero?".

Heron abbozzò un sorriso mesto.

"In effetti. - ammise - Ma un vecchio amico della nostra famiglia mi disse che i nostri avi credevano in lui e stavano bene. Poi, un giorno qualcuno dichiarò che era tutto falso, che ci erano state raccontate solo bugie, che eravamo stati ingannati e dovevamo credere solo in noi stessi....."

Heron si fermò e si rimise la maschera per recuperare il respiro, allarmando un poco Stefano che si preoccupò subito per quella pausa.

"Tutto bene?" chiese infatti.

Il comandante inspirò ed espirò cinque, sei volte, quindi, si tolse di nuovo la maschera e rassicurò Stefano, sorridendo e alzando un pollice come aveva visto fare a un paio di pazienti all'ospedale.

Stefano si accorse di come l'uomo guardasse avidamente il mare che brillava sotto di loro inondato dal Sole dell'anticiclone delle Azzorre.

"Non c'è il mare nel suo pianeta, Heron?" non poté fare a meno di chiedere.

"Si, c'è. - rispose il comandante - ma non così vasto".

Stefano tornò all'attacco.

"Heron, - ricominciò - lei allora ricorda qualcosa di quel che è successo. Cosa è successo esattamente?".

Heron scosse la testa, avvilito. I ricordi non erano molti ed erano confusi.

"Ricordo solo grandi incendi. - rispose lasciandosi trasportare dall'emozione legata ad immagini che si sovrapponevano senza un ordine preciso - Bruciava tutto e noi dovemmo scappare dal nostro pianeta per rifugiarci dove siamo ora, in un pianeta più piccolo e lontano dal nostro sole. Un pianeta più freddo dove occorre molta energia per riscaldarlo e riscaldarci. Ecco perché abbiamo bisogno di uranio".

"Ma non è pericoloso?" obiettò Stefano che aveva sentito parlare di inquietanti incidenti alle centrali nucleari.

"No, se usato correttamente" rispose Heron, calmo.

Vedendo sotto di loro le isole caraibiche, Stefano smise di parlare concentrandosi sull'immediata e delicata fase di abbassamento quota, nonché quella successiva di atterraggio che però si presentava non facile. La mappa elettronica sul quadro dei comandi rilevava infatti scarsità di zone su cui poter scendere seppur verticalmente. Avvertì Heron di rimettersi la maschera dovendo forse abbassare anche il livello di pressurizzazione nella cabina. Senza discutere, Heron provvide subito a rindossare il dispositivo e senza aggiungere altro, ma promettendosi di tornare nell'argomento Dio, Stefano si dedicò alle manovre da compiere.

 

 

 

 

TROVARE LA CURA GIUSTA

 

 

Grindewald, ospedale

 

Tornata alla sua postazione abituale, all'interno del nosocomio, Annamaria fu assalita, travolta e tempestata di domande dai pazienti - e dalle pazienti - sfaccendati sul bello straniero che quella mattina non si vedeva più aggirarsi fra i corridoi.

"E' ripartito?" domandò un paziente.

"E' tornato a casa?" chiese una paziente.

"Poverino! - esclamò un'altra - Era così triste!".

E via discorrendo.

Annamaria si recò al reparto malattie infettive dove gli altri membri dell'equipaggio di Heron giacevano da giorni, inerti nelle loro stanze di terapia intensiva, senza apparenti segni di miglioramento ma neanche di passare a miglior vita se ci fosse stata.

Tre di loro avevano la colonna vertebrale spezzata, mentre la donna, oggetto d'amore di Heron, aveva solo tre vertebre rotte alla base del collo, ma erano sufficienti per tenerla in coma, anche indotto e farmacologico. Se sveglia, i dolori sarebbero stati molto forti.

Osservandola meglio sotto la tenda ad ossigeno,  dietro la plastica trasparente del respiratore,Annamaria scoprì che in effetti era piuttosto bella, con il suo viso dai tratti orientaleggianti che la faceva assomigliare ad una nostra Coreana o quanto meno un'abitante dell'arcipelago indonesiano.  La medicina, finalmente sdoganata dai paletti moraleggianti esistiti fino a qualche tempo prima, aveva compiuto passi enormi e registrato importanti progressi sulla genetica che avevano reso malattie incurabili. come cancro e leucemia, appena poco più gravi di una comune influenza; possibile però che non avesse ancora trovato una cura adeguata per risanare ossa rotte? Dopo il solito giro e la solita consultazione con colleghi e assistenti, non dovendo occuparsi di Heron e soci, e non avendo molto altro da fare, Annamaria pensò di recarsi in biblioteca per effettuare ricerche.  Sfogliando volumi cartacei e spulciando nella memoria dei computers, la donna scoprì che forse qualcosa del passato del pianeta era stato salvato, almeno in quell'angolo remoto del globo. Molte notizie risalivano infatti all'inizio del nuovo millennio e qualcuna era datata anche più indietro, nelle quali si accennava appunto a problematiche di carattere falsamente morale.

Ma anche ad altro.

A mere questioni economiche che però avevano maggiormente inciso sul progresso nella ricerca medica e scientifica più in generale. Fra le tante nozioni e notizie, ne trovò una che la colpì come un macigno conferendole una certa sicurezza di aver trovato la soluzione o una possibile soluzione ai danni riportati da Heron e colleghi nel loro grave incidente. Verso la fine del ventesimo secolo, un oscuro e semisconosciuto medico russo aveva messo insieme calcio, silicio e resina di betulla, li aveva trattati per metà naturalmente con acqua e alcool e per metà chimicamente, con una sostanza che li amalgamava e li sintetizzava in una specie di schiuma la quale, iniettata attraverso un grosso ago, o una sottilissima sonda, intorno all'osso fratturato, lo "fasciava" e lo saldava in poco tempo venendo assorbito con velocità dal tessuto osseo che ricomponeva la frattura senza la necessità di ricorrere a supporti esterni in gesso per immobilizzare l'arto offeso come era stato in uso intervenire in questi casi negli ospedali del mondo intero per anni, costringendo il paziente a lunghi periodi di inutile e fastidiosa immobilità, seguiti poi da altrettanti lunghi periodi di dolorosa fisioterapia riabilitativa.

Naturalmente, il medico era stato internato in qualche istituto per malati mentali e dimenticato con la sua scoperta che, in qualche modo, ledeva al traffico lucroso di gessi e fisioterapisti i quali, altrimenti, sarebbero rimasti disoccupati.

Annamaria avrebbe voluto comunicare subito questa notizia a Stefano, ma la comunicazione non era stata ancora ripristinata. Avrebbe voluto urlare, ma si guardò dal farlo. Problema: dove trovare i componenti dello strano farmaco? Calcio e silicio si reperivano un pò ovunque ma la resina di betulla? Si rituffò fra volumi e computers e trovò anche quella: la maggior quantità e probabilità di reperimento si registrava in Siberia! Si sorprese a fremere di impazienza e rabbia avvertendo improvviso un consistente rallentamento del tempo. Non era mai stata un genio in fisica ma in quel momento, come non mai, comprese appieno il vero significato della teoria della relatività eisteiniana: se stai bene e sei felice, il tempo vola, ma basta che ti dolga un dente o che abbia una preoccupazione, anche piccola, e il tempo di colpo rallenta in modalità drammatica. Ecco! La seconda tipologia di situazione era diventata concreta!

Un immaginario orologio a pendolo cominciò a scandire minuti e secondi con suono cupo e sinistro.

Annamaria non riusciva a togliersi dalla testa l'espressione accorata di Heron che, silenzioso e discreto, le chiedeva aiuto per lui e i suoi colleghi. Doveva salvarli ed ora forse aveva la soluzione in mano per farlo. Doveva solo aspettare di poterlo fare.

 

 

 

 

 

 

 

 

Portorico, Caraibi

 

A causa del territorio circostante, piuttosto ondulato, con pochissimo spazio pianeggiante e a dispetto della possibilità dell'aereo di atterrare in verticale, Stefano dovette compiere vari giri e un bel numero di manovre per poter scendere sicuro nei pressi del telescopio di Arecibo ma, alla fine, la sua abilità lo premiò con atterraggio perfetto ed applauso del suo compagno di volo.

"Sarebbe ottimo anche come pilota di un'astronave!" esclamò Heron soddisfatto.

"Non si allarghi, comandante!" si schernì Stefano ricordando una buffa espressione romanesca: 'nt'allargà!, rivolta a chi si dava arie o s'illudeva su qualcosa che avrebbe voluto accadesse.

Il gigantesco padellone del telescopio era incassato fra morbide onde del terreno, e sormontato da una complicata struttura in metallo che doveva essere l'antenna, la quale, ora, penzolava sopra, inerte, dondolando pigramente mossa dal vento ed arrugginita dal tempo atmosferico e cronologico, dando al tutto un aspetto desolante, di abbandono e colpevole incuria.

Scesi entrambi dall'aereo, Stefano ed Heron si scambiarono occhiate afflitte.

"Dubito molto che questo arnese funzionerà. - commentò amaramente Stefano - Chissà da quanto è in queste condizioni".

Heron non rispose limitandosi a fissare l'oggetto, senza particolari espressioni del viso.

Guardandosi poi intorno, scoprirono a qualche centinaio di metri, in fondo ad un viale, sopra ad un'altura, un piccolo edificio bianco che, con la sua torretta, sembrava un faro in mezzo ad un mare verde di alberi. Forse doveva esser stato un centro ricerche o, semplicemente la residenza di qualche scienziato o astronomo che aveva usato, o usava spesso il telescopio.

I due lasciarono l'antenna e si diressero verso l'edificio ma, ivi giunti, lo trovarono chiuso, addirittura con il lucchetto alla porta. Stefano vide Heron compiere una mossa di stizza. Dal canto suo, Heron si sorprese seccato per non aver con sé neppure un'arma, persa probabilmente nell'incidente insieme con tutte le altre. Stefano, invece l'aveva. Di solito era caricata a salve per intimidire e riportare certi soggetti della città alla calma, ma quel giorno, sapendo di dover andare in giro, avventurandosi oltre confine, in territori sconosciuti, l'aveva caricata a dovere, con proiettili veri e ne usò uno sparando al lucchetto che si aprì, docile, senza discutere. La porta di legno, forse gonfia per le innumerevoli copiose piogge tropicali del luogo, cigolò impietosamente e sinistramente introducendoli verso l'interno dell'edificio che però si rivelò davvero fantascientifico, con mastodontiche apparecchiature di acciaio non intaccato dal tempo, luccicanti nella penombra appena ferita da sottili frecce di luce provenienti da strette finestre poste in alto nelle pareti. Guidati da quella debole fonte luminosa, i due riuscirono a trovare la strada per giungere alla "sala comandi", quella, per intenderci, da cui si poteva manovrare il telescopio. E qui, Stefano lasciò il campo libero ad Heron che dimostrò presto di trovarsi come a casa sua.

L'operazione che rubò loro più tempo fu quella di recuperare l'energia elettrica per far ripartire i macchinari, per la quale dovettero in alcuni punti buttar giù parti di parete al fine di ripescare cavi funzionanti. Ad un certo punto, s'imbatterono in una specie di grossa ciabatta di congiunzione, alla quale era collegata una fitta ragnatela di cavi. La ciabatta era a forma di croce e Stefano giurò di vedere Heron assentarsi dal mondo per un pugno di istanti, assumendo un'espressione facciale distaccata e distante anni luce da lui, con i suoi occhi blu che fissavano un punto lontanissimo.

Lo vide! Era inchiodato ad una croce! Perché? Cos' aveva fatto? Chiese spiegazioni ad una donna che piangeva. "Lo stanno uccidendo perchè ama!" rispose lei. Si fermò a guardare la terribile scena  sotto il sole cocente che bruciava la zona già secca di suo, finché i suoi compagni non lo richiamarono per lasciare il luogo.

Stefano scosse Heron in apparente stato di completa trance.

"Heron! - lo chiamò - Che le succede? Che cos' ha? Sta bene?" .

Heron parve uscire dallo stato catatonico.

 "Sì. - rispose annuendo, ancora tuttavia incantato - Va tutto bene, capitano Aloisi" lo rassicurò alla fine. Stefano, però, non era persuaso.

"Ha visto qualcosa? - gli domandò, premuroso e ansioso - Questo oggetto le ha suscitato ricordi? Come mai, la croce?" chiese infine.

Heron gli rivelò il dettaglio del simbolo da lui visto sul camice di lavoro di Annamaria.

"E' il simbolo dell'Ordine dei Medici" spiegò Stefano.

"Lo so. - confermò Heron - Me lo ha detto sua moglie. Qualcuno, molto tempo fa, è morto su una croce".

"E' ciò che ha visto lei, pochi minuti fa?" chiese Stefano, sempre più curioso e d eccitato da quei particolari che stavano emergendo.

"Sì" ammise Heron.

Stefano fissò quel suo compagno di avventure con uno sguardo così intenso da costringere Heron ad abbassare la testa.

"Heron, - attaccò poi - Voi siete venuti sulla Terra, vero?".

"I miei avi forse. - rispose Heron con un timbro di voce che sembrava venire dallo spazio - Ma non capisco perché riesca a vederlo anch'io".

Stefano non rispose. Realizzò che non avrebbe potuto. Che non avrebbe saputo cosa dirgli. Si limitò a stringergli il braccio la cui mano teneva la ciabatta a croce.

"Lo scopriremo, Heron. - lo incoraggiò - Anch'io voglio saperlo".

Heron sorrise. Un sorriso dolce e malinconico. Poi ricominciò a smanettare sulla ciabatta e sui cavi ad essa collegati.

Il lavoro li assorbì per un tempo superiore alle loro aspettative. C'era da sdipanare un notevole groviglio di fili di tutti gli spessori ma, al termine, il groviglio si sciolse, riuscirono a connettere tutte  le spine alle varie prese e l'energia elettrica ronzò e vibrò all'interno dei sottili rivestimenti in vari tipi di metalli, perfino oro e argento.

 Riscosso il successo in quel versante, il resto fu abbastanza agevole e i macchinari tornarono al funzionamento e alla vita.

Stefano e l' alieno si strinsero le mani con forza per celebrare quell'evento.

 

   
 
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Fantascienza / Vai alla pagina dell'autore: joellen