Recensioni di Nuel

Queste sono le ultime cinque recensioni che l'utente ha lasciato nella sezione nell'ambito del programma recensioni.


Recensione alla storia Il buio più profondo - 24/05/20, ore 17:09
Capitolo 8: Il male necessario
Eccomi qui, in super mega ritardo, ma questo capitolo è lunghissimo, io ho avuto da fare e, alla fine, ho dovuto spezzarlo in tre volte per arrivare alla fine. >.<
È un capitolo ricco di avvenimenti e complesso, che grazie ai diversi nuclei narrativi ho potuto, per fortuna, dividere agilmente.
La parte iniziale, con l'arrivo del freddo e la sua influenza sul cambiamento nella vita non solo della popolazione, ma dei ladri, mi è piaciuto enormemente. È un dettaglio singolare e molto ben pensato.
Anche la scena di Artemis che arriva alla gilda e 'ops' i ladri sono tutti fuori ad aspettarlo è stata ben congegnata. È persino buffa e lascia trasparire due cose a mio avviso troppo spesso trascurate: la condizione del popolino, di cui i ladri, in fondo, fanno parte, che si fa facilmente impressionare, che si muove, talvolta, come un sol uomo, e il fatto che la magia non sia una cosa così comune. Non ci si pensa mai, ma per istruire un mago servono un sacco di soldi, quindi difficilmente un popolano senza agganci imparerà a manipolare la trama o disporrà dei materiali più ricercati e costosi necessari per farlo. Quindi mi è piaciuto come tutti questi ladri si siano mostrati spaventati dal grosso serpente di Claire.
Quando Claire si è scusata con Hleras ha rimarcato tutta la differenza tra lei e un drow, seppure maschio, anche se l'attimo prima lo aveva apostrofato ben bene, tanto più che aveva esibito "lo stesso sguardo di superiorità imparato dal suo amante". La stai caratterizzando bene, dandole una dimensione complessa, a metà strada tra il suo essere una 'iblith', come lui le ricorda, e uno strumento utile, l'amante di un individuo importante. Più o meno tutto, nella società Drow, ha due aspetti, uno ufficiale e uno più... utile, ed è bello vedere come questi aspetti convivano e come i rigidissimi drow, in realtà, abbozzino di continuo per non fare un passo falso.
In tanto anni di D&D non ho mai avuto a che fare con psionici, quindi ne so davvero davvero poco. Mi verrebbe da chiedere se Claire stia biclassando, ma in realtà mi chiedo se l'essere continuamente 'sondata' da uno psionico valga come sistema per 'risvegliare' in sé questa particolarissima dote.
La prima parte del capitolo è, tutto sommato, piuttosto dinamica, ricca di emozioni, tanto che la seconda, dedicata a Sabriel risulta piuttosto rilassante, al confronto.
In realtà ho strabuzzato gli occhi nel leggere che Sabriel ha due figli. Per quanto siano passati gli anni, continuavo a figurarmela come una ragazza, in fondo. E poi, ha sposato un re? Questo mi riporta alla dualità della gerarchia drow. È più importante il suo ruolo di Aborsen o quello di regina (o concorte del re o qualunque titolo si usi in questa ambientazione)?
E poi Mogget... da gattara sono molto curiosa riguardo a questo... personaggio?
Immagino che scoprirò qualcosa di più andando avanti. ^^
Alla prossima. ^^
Recensione alla storia Il buio più profondo - 14/05/20, ore 17:09
Capitolo 7: Splendide creature
Questo capitolo è davvero bello.
Menzoberranzan è "casa" ed è stato bello immergermi nella sua atmosfera, immaginare il Narbondel a scandire il tempo nelle vie affollate. Persono il dettaglio del cuscino decorato con un motivo a ragnatela mi è sembrato del tutto familiare.
Mi è piaciuto tantissimo Jarlaxle, coi suoi sorrisi affascinanti e i modi un po' provocanti, così diverso da Kimmuriel, ombroso e imperativo.
Mi ha sorpreso il rapporto che Claire sembra essere riuscita a costruire con questi personaggi, per quanto, ne sono certa, loro non vedano in lei che un'utile pedina. Magari un animaletto esotico, ma dopo tanti anni è sicuramente la sua utilità che l'ha tenuta in vita.
Non molti umani ci sarebbero riusciti. In più c'è il mistero del suo aspetto che non cambia. Non azzardo ipotesi, ma questo argomento, dettato lì in mezzo a tutto il resto, come se fosse privo di importanza nel disegno generale, in realtà mi intriga molto.
Di tutta questa parte, che ho davvero adorato, l'unica cosa che non mi ha convinta del tutto è l'uso frequente del termine 'abbil' rivolto a Claire.
Dato il tipo, magari Jarlaxle lo farebbe davvero, eh, ma per come ho sempre inteso il termine, tradurlo con 'amico' mi sembra riduttivo. Un po' perché gli 'amici' sono merce rara tra i drow, un po' perché associo al termine un valore più profondo, qualcuno a cui ci si fiderebbe a dare le spalle, un altro sé.
Ero davvero soddistafatta dalla lettura della prima parte, tanto che un po' mi dispiaceva di passare alla parte dedicata a Sabriel, e invece sono rimasta ancora più colpita.
Mi ha affascinata la descrizione del rituale di evocazione. Ho trovato molto interessante un po' tutto, in realtà: dalla posizione della casa, difesa dalla corrente contro i non morti (a dire il vero ho pensato subito a Game of Throne, alla scena in cui gli estranei camminano sul fondale, facendomi restare malissimo, perché pensavo non avrebbero potuto attraversare), al rituale (l'uso della barchetta è davvero interessante). Come sai non conosco il romanzo originale, quindi non so se questi dettagli sono ripresi da lì o se sono tue aggiunte, ma l'ho trovato davvero notevole.
Mi è piaciuta anche l'evocazione del marito di Claire, la sua forma che si perde, i tratti che si fanno confusi, l'iniziale smarrimento... davvero un'ottima costruzione della scena. Credibile nel suo essere fantasiosa.
Mi ha convinta e anche coinvolta.

Prima di lasciarti ti segnalo tre frasi:
“Dovresti saperlo, non la sua confidente.” -> manca un 'sono'
"accarezzando il suo alto vanesio" -> penso volessi scrivere 'lato'
"costringeva il morto in questione a presentarsi spontaneamente," -> luso di 'costringeva' assieme a 'spontaneamente' non mi convince molto. Capisco il senso, ma comunque trovo l'espressione poco riuscita.

Alla prossima. ^^
Recensione alla storia Il buio più profondo - 28/04/20, ore 19:27
Capitolo 6: Fershadal
I Forgotten Realms sono un mondo duro, ma pare che l'insegnante di musica proveniente da un altro mondo si sia adattata ormai alla perfezione.
Non mi sarei mai aspettata di vederla strangolare qualcuno.
Forse trapassarlo con una lama, ma lo strangolamento è un modo ancora più brutale di uccidere: c'è il contatto diretto, è necessaria una maggiore durante. Mentre stringi le mani al collo di qualcuno hai il tempo di decidere. Per quanto non ne fosse entusiasta, Claire ha ucciso, ha scelto di vivere. Poco male che poi abbia scoperto che il povero Halfling fosse lì per aiutarla. Il rimorso è stato più forte, ma è durato il tempo di un attimo, ed è giusto così o non riuscirebbe a sopravvivere.
Mi è piaciuta molto l'idea, anche se poi non l'ha messa in pratica, di cantare mentre nelle fogne infuriava lo scontro. Sarebbe stato interessante vedere se avrebbe funzionato.
Ora sono in attesa di vederla tornare a Menzoberranzan e scoprire per quale ragione Kimmuriel l'ha richiatama con tanta fretta. *_*
Alla prossima. ^^
Recensione alla storia Il buio più profondo - 20/04/20, ore 22:53
Capitolo 5: In trappola
Davvero interessante questo capitolo, anche se ammetto di aver pensato "no, anche qui!" quando hai accennato all'arrivo di un drow su una nave. (Non sono propriamente una fan del traditore).
Ho apprezzato molto la scena del glifo: lo sciocco umano che nulla sa degli elfi scuri 'veri', di quelli che provengono dal Buio e getta il ciondolo addosso a Claire temendo di attirarsi contro chissà quale maleficio.
Lei ha azzardato, ma mi è piaciuta la prontezza con cui ha spiattellato di essere l'amante di un elfo scuro.
Immagino che sia "passata di mano" comunque, rispetto al suo arrivo nei Forgotten Realms. Chi può essersi insidiato nei suoi sogni, soprattutto a tanta distanza? Ha superato il disgusto di Kimmuriel o è arrivata ancora più in alto?
In ogni caso, quando il drow si è fatto largo nel sogno, per un momento mi sono chiesta se stesse rivivendo il momento in cui è finita nel nuovo mondo... immagino non sia ancora il momento di scoprire cos'è accaduto.
Passando a Sabriel, pare cresciuta bene, forte e coraggiosa, padrona del suo potere.
Suppongo che qualcosa stia accadendo anche nel suo mondo se le guardie si sono spinte oltre i confini, ma anche questo lo scopriremo andando avanti. Per ora stai costruendo una buona aspettativa.

Prima di lasciarti ti segnalo tre piccole cose:

"Non verrà nessun Elfo a reclamare le proprie scuse." -> a reclamare le 'scuse di se stesso'? Mi sa che non era quello che intendevi.

"da loro il via" -> manca l'accento sul 'dà'.

"Lunghe orecchie appuntite svettano dalla sua capigliatura candida, più bianca della neve appena caduta e meravigliosamente intrecciata," -> messa così, sembra che sia la neve a essere intrecciata e non la capigliatura del drow. Se non vuoi scambiare la posizione delle parole, ti basta una virgola prima della 'e'.
Alla prossima. ^^
Recensione alla storia Il buio più profondo - 13/04/20, ore 00:00
Capitolo 4: Una lama nel buio
Addirittura Artemis! ^^
È un personaggio interessante e che, sicuramente, tra le sue molte avventure e i contatti può annoverare anche personaggi inimmaginabili come Claire.
Certo, spero che colmerai il lungo lasso di tempo saltato perché il cambiamento nella vita della protagonista è davvero considerevole.
Se ho ben capito, però, il suo rapporto col Buio Profondo non è stato interrotto. Presumo che abbia saputo dimostrarsi 'utile' in qualche modo e addirittura degna di una qualche fiducia se le hanno concesso di tornare in superficie (anche se tenderei a ritenere più nello stile drow che trattengano in ostaggio qualcuno a cui tiene o comunque la ricattino in qualche modo).
Jerlaxle, del resto, aveva già capito che non fosse una stupida dal modo in cui stava gestendo Dinin e ora pure Artemis apprezza la sua scaltrezza e intraprendenza, anche se al momento si è fatta mettere in trappola.
Ho anche un altro dubbio, e riguarda l'età: Artemis ha detto che negli otto anni trascorsi non è invecchiata, e già questo mi incuriosisce, e poi... quanti anni ha?
Anche che possegga una Statuina del potere meraviglioso come braccialetto è sorprendente, essendo oggetti rari e costosi (se ho capito bene la storia del serpente)... ci sono davvero tante cose che Claire dovrà chiarire.

Per ora ti segnalo alcune cosette:
"una sacca di monete traboccante di monete in bronzo e di pezzi d'argento."
+
1 riga sotto: "raccolse la borsa di monete" -> ci sono un po' troppe 'monete' in appena due righe.

"..., e allungata una mano e le afferrò saldamente il capo." -> c'è una 'e' di troppo.

"si solito" -> qui ti è proprio sfuggito.

Alla prossima. ^^