Recensioni di Nuel

Queste sono le ultime cinque recensioni che l'utente ha lasciato nella sezione nell'ambito del programma recensioni.


Recensione alla storia Di risvegli molesti, incertezze e colonie troppo forti - 28/09/17, ore 23:32
Capitolo 1: Di risvegli molesti, incertezze e colonie troppo forti
5^ classificata al contest "La rivincita dei piccoli fandom – II edizione"

mikki~ – The Art of Murder Di risvegli molesti, incertezze e colonie troppo forti

Titolo 3/5 → il titolo è simpatico. Un po’ troppo lungo, ma tutto sommato può incuriosire. Nel sottotitolo, però, utilizzi il trattino corto al posto del trattino medio.
Sinossi in 200 parole 1/5 → se avessi dovuto scegliere una frase per la fascetta della copertina, sarebbe andata bene, ma con 200 caratteri a disposizione avresti potuto scrivere un’introduzione decisamente più elaborata di questa.
Formattazione 6/10 
– Il testo non è giustificato→ 0 punti; 
– Mancano le rientranze sul margine sinistro → 0 punti; 
– Corretto utilizzo di corsivo, grassetto, sottolineato → 2 punti; 
– Impostazione interlinea e paragrafi → 2 punti; 
– Corretto utilizzo dei simboli grafici (apici, virgolette, trattini) → 2 punti. 
Grammatica ed ortografia: 8/10 → un paio di errori e qualche imprecisione, ma ho dovuto cercare il pelo nell’uovo per trovarle. Ti segno tutto poi.
Stile/lessico: 7/10 → buono, scorrevole, ho letto tutto d’un fiato. Non ti do di più perché è comunque uno stile molto “semplice”. Vero è anche che l’ambientazione non richiede di più. Tra l’altro ho letto qualcosa di questo autore (non questa serie) e direi che ti sei mantenuta fedele anche al suo stile.
Originalità: 3/5 → senza infamia né lode: i missing moment si collocano tra due punti già stabiliti e la libertà di manovra è limitata, ma hai gestito bene questo incontro che, si spera per Jason, porti a situazioni molto più coinvolgenti.
Caratterizzazione dei personaggi: 8/10 → con pochi tratti sei riuscita a dare un’idea completa dei personaggi, anche se, per forza di cose, manca qualcosa di Jason. Hai comunque fatto una buona panoramica delle loro personalità e del loro rapporto.
Contestualizzazione: 10/10
attinenza al tema del contest → 4 punti; 
– rating: verde. Nel leggere il primo paragrafo mi sono chiesta se non sarebbe stato meglio un rating giallo, ma la storia prende subito un’altra piega. → 2 punti; 
– genere: Sentimentale sicuramente; sul Malinconico ho qualche perplessità → 2 punti; 
– avvertimento/nota: Missing Moment → 2 punti.
Non c’entra, ma… proprio oggi è uscita su un blog [http://mmedintorni.blogspot.it/2017/09/mm-e-dintorni-intervista-josh-lanyon.html#.WcQp6NK0OUk ] un’intervista a questa autrice!

Totale: 46/65

“[...] anche se non avevano neppure ancora iniziato.” → “neppure ancora” è ridondante. Uno dei due basta.

“[...] se Sam non voleva chiamarlo, lui non si sarebbe più crucciato per lui [...]” → il primo “lui” è superfluo dal momento che il soggetto della frase è chiaro, unoltre, considerando il “lui” successivo, riferito all’altro personaggio, potrebbe confondere il lettore.

“[...] inghiottendo la delusione all'apprendere quelle parole.” → “nell’apprendere”, ma in questo caso direi che basta un “sentire”.

“[...] «E allora perché...» Cominciò, [...]” → qui (e altrove) usi la maiuscola nel verbo reggente della frase precedente. I tre punti non vogliono sempre la maiuscola e mai quando il dialogo è seguito dal verbo reggente. A tal proposito, in assenza di altra punteggiatura, andrebbe usata la virgola al termine di ogni frase cui segua il verbo reggente.

“[...] Fu chiaro solo in quel momento, cosa effettivamente l'altro avesse voluto dire poco prima: quando gli aveva risposto, aveva detto “Aprimi”; che fosse alla sua porta?” → qui la punteggiatura andrebbe un po’ rivista: toglierei la virgola prima di “cosa”; metterei una virgola al posto dei due punti (che non ci vanno proprio); metterei eventualmente due punti dopo “detto”. Dopo “Aprimi” metterei un punto fermo.

“[...] il profiling era una delle cose che gli riusciva meglio dato il suo lavoro.” → “riuscivano”: il verbo si riferisce alle cose (che gli riescono), non a una (di quelle cose).

“[...] sarebbe stato più semplice.» Esordì l'uomo.” → come prima usi la maiuscola per il verbo reggente. In più questa volta metti proprio un punto fermo (al posto della virgola), staccando il verbo reggente dalla frase che regge.
“Non eravamo rimasti d'accordo così?» Lo aggredì Jason” → come prima.

“[...] ma non aveva usato un tono severo, né duro.” → la virgola prima di “né” non ci va.

“[...] «D'accordo...» Acconsentì infine e Jason sorrise.” → come prima.
Recensione alla storia Tra le spire del male - 24/09/17, ore 15:53
Capitolo 8: In trappola
Sto odiando Caul! >.< Lo sto odiando per la cattiveria gratuita verso i bambini e verso Darryl; ciò nonostante apprezzo che non sia un cattivo "stupido": si è premunito in caso di tradimento e ha fatto bene.
Certo mi dispiace per i ragazzi e per Darryl... Caul l'ha privato del potere che gli aveva dato e forse non è un male, ma d'altra parte pare che qualcosa sia rimasto, e sono curiosa di scoprire se sia davvero un "rimasuglio" dell'anima Speciale che Caul gli aveva dato o se invece l'effetto del "sortilegio" (non so come chiamarlo) da lui usato per privare Darryl del potere non abbia ottenuto solo di assopirlo per un po' e ora si stia risvegliando.
Certo è che, senza poteri, non so quanto Darryl potrà fare. Spero che non debba morire per riottenere la fiducia dei ragazzi...
Al prossimo capitolo! ^^
Recensione alla storia Tra le spire del male - 19/09/17, ore 22:39
Capitolo 7: La riscossa
Dai capitoli precedenti avevo qualche idea su quale fosse l'evento che Darryl voleva cambiare: avevo pensato all'incontro con Caul, ma anche alla morte di qualcuno che amava... poi l'avevo messa a parte puntando all'incontro o al tentativo di eliminarlo prima che potesse uscire dall'anello in cui era prigioniero.
Almeno in parte ci avevo preso dato che l'incontro con Caul è avvenuto dopo la morte in circostanze sospette della madre.
Emma mi è piaciuta un sacco: è una ragazza buona e istintiva e non appena ha visto ha 'capito'. Non ha filtri e mi piace: trovo sia adeguato al personaggio e al contesto.
Lo scontro coi tre avversari è stato duro, ma temo che li aspetti la prova più dura e la domanda è... dov'è Millard?
Sappi che se Darryl muore... o... quando Darryl morirà, ti odierò un po'. u.u
Recensione alla storia Tra le spire del male - 18/09/17, ore 12:50
Capitolo 6: Senza esclusione di colpi
Ora sono molto curiosa riguardo proprio a Darryl. In un certo senso ha assunto il ruolo del bel tenebroso, l'eroe oscuro che non viene capito.
Emma è comprensibile nel suo atteggiamento, la sua rabbia la rende molto vera e, allo stesso tempo, viene da chiedersi se tra i due non potrebbe nascere qualcosa... anche se mi sa che è un 'no'.
Anche perché temo che Darryl potrebbe non vivere fino alla fine. >.<
Non vedo l'ora di sapere su quale avvenimento di tre anni prima vuole intervenire e che conseguenze avrà sul presente il suo intervento... insomma, continua a scrivere, che io ti seguo! ^^
Recensione alla storia Tra le spire del male - 16/09/17, ore 17:09
Capitolo 5: Rivelazioni
Immagino che gli spoiler per chi non ha letto il libro siano qui... non sapevo che Miss Peregrine avesse un fratello (e nientemeno che Caul!!).
Anche che si potesse trasformare un Normale in uno Speciale... sempre che non sia farina del tuo sacco, ma in ogni caso è una cosa davvero interessante: apre tantissime possibilità, sia nel bene che nel male.
Vorrei sapere cosa aveva promesso Caul a Darryl per convincerlo ad aiutarlo, dato che, in sostanza, pare un bravo ragazzo, o se l'ha semplicemente ammaliato con la sua voce... e, a questo punto, mi chiedo anche quale sarà il suo destino, oltre a voler sapere come se la caveranno i ragazzi quando gli Spettri li attaccheranno di nuovo. >.<
A presto. ^^