Recensioni per
Polvere di Stelle
di fenice64

Questa storia ha ottenuto 9 recensioni.
Positive : 9
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Junior
07/07/21, ore 19:18

Cara Elena, mentre leggevo la tua "scintillante" poesia ho provato una sensazione incredibile: mi sono sentita attraversare da un soffio d'eterno. E' stato come percepire per un attimo quel respiro dell'universo di cui hai scritto... E ho realizzato di essere parte del cielo, figlia di madre natura, forse proprio una stella. Ad un tratto, nella mia mente si sono accese le parole di una canzone di Ligabue (artista che non amo particolarmente, ma che non disdegno): "Ti brucerai, piccola stella senza cielo. Ti mostrerai, ci incanteremo mentre scoppi in volo".
Non mi era mai capitato niente di simile, con nessun altro autore, e di questo ti devo ringraziare. Soltanto i sommi poeti del passato sono stati in grado di farmi provare tali, potenti emozioni. Non finisci mai di stupirmi... Devo ammettere che sono stregata dal tuo talento e dal delizioso potere evocativo dei tuoi scritti, che trasudano raffinatezza e sensibilità, incanto ed introspezione, profondità e verità.
Credo che, come ognuno di noi, tu sia una stella vagante persa nell'immensità di un universo che non smette di nutrire la nostra anima, servendosi delle sue straordinarie meraviglie. Sì, sei una stella, destinata a brillare nel cielo dei tuoi desideri e sogni, che in fondo rappresentano la vera polvere magica della nostra misteriosa esistenza.
Complimenti, dal più profondo del cuore. Un abbraccio, Claudia

Recensore Veterano
03/07/21, ore 09:15

In verità mi accontenterei anche di essere solo polvere di stelle e sarebbe già tanto. Anzi essere polvere ti permette di osservare ogni meraviglia o evento col giusto distacco, senza sentirti troppo coinvolto. Puoi ammirare l'enormità e la diversità di ciò che ci circonda, facendo caso ad ogni particolare o novità. Non è sempre necessario sentirsi al centro, ma piuttosto parte di un qualcosa che coinvolge e accumuna. Complimenti Elena, per l'insieme che riesci a creare intorno ai tuoi pensieri e alle tue riflessioni.

Recensore Master
30/06/21, ore 22:42

Cara Fenice,
Il mistero ci sovrasta!
Di più... ci attraversa, ci permea, ci fa esistere!!!
Noi siamo tante cose e, sicuramente, immensamente preziose, tutte!
All' interno del nostro corpo si possono rintracciare tutte le componenti presenti nell' universo. Questa realtà può effettivamente definirci stelle?! Un po' si... Più realistico forse sarebbe l' orientarsi su un: "figli delle stelle" (come un tempo cantava Alan Sorrenti), perché mai noi potremo assurgere realmente alla immane potenza sprigionata da un astro. C'è chi lo ha creduto e perfino chi se ne ritiene certo ancora oggi, ma la loro fu, era, è e sarà soltanto utopia! Altre volte, quelle più pericolose, megalomania.
Invece (probabilmente più vicino al tuo pensiero) è per noi conveniente e congeniale il sentirci prossimi ad ogni forma vivente ed esistente presente, insieme a noi, all' interno di questo "immane e infinito mistero", che chiamiamo universo. Il sentirle tutte nostre sorelle e quindi a noi affini.
La nostra "parte spirituale", mistero dei misteri, è senz' altro prossima agli astri del cielo.
Un affettuoso saluto

Recensore Veterano
29/06/21, ore 07:39

Particolarmente ispirata, carissima Fenice, questa tua nuova creazione.
È tutto uno scintillio, un luccichio, un anelito di infinito, attivamente perseguito esplorando e beandoci delle nostre esplorazioni.
Indossi uno splendido abito da sera, stavolta, tutto paillettes e strass.
Adorabile.

Eppure quell'ultima strofa mi lascia perplesso, mi sa di lieto fine appiccicaticcio.
Io penso che non siamo solo stelle. Io penso che siamo una miscela esplosiva di stelle e di buchi neri. Io penso che dobbiamo metterci del nostro, impegnarci, circondarci di gente giusta, saper scegliere, per tirar fuori la stella che è in noi e non permettere al buco nero di manifestarsi. Dobbiamo sforzarci per "metterci in sicurezza".

Ma forse è solo un pensiero confuso uscito da un inizio giornata in cui mi sono alzato col piede sbagliato.
Un abbraccio.

Recensore Junior
28/06/21, ore 15:16

Buon pomeriggio, Elena.
Leggere questa poesia mi ha fatto pensare, oltre che sognare...Le stelle, l'universo sono fonti di pura immaginazione per me. Così lontane, e fascinose. Noi non siamo solo polvere di stelle, ma siamo le stelle. E con la nostra esistenza possiamo, luminose e vive, dare calore, luce ed energia a tutto ciò che ci circonda. Un bellissimo componimento. Complimenti.

Recensore Master
28/06/21, ore 10:15

Ciao Fenice. Sono sempre lieta di leggere i tuoi scritti in questa sezione. Una polvere di stelle, magica e universale, attraverso quello che hai scritto. Apprezzo, come sempre, l'immagine da te scelta, le citazioni e anche l'impostazione grafica, per poi concentrarmi sul contenuto riguardo quello che vuoi esprimere, dove ognuno può percepire il tutto in base alla propria sensibilità. Ho riflettuto, su quello che siamo, attraverso la parola Cosmo e Stelle. Una polvere di stelle fino al percepire le Stelle, che guardiamo e che costituiscono la nostra essenza. Un caro saluto.
(Recensione modificata il 28/06/2021 - 10:18 am)

Recensore Master
27/06/21, ore 12:46

Qui sfondi una porta aperta, cara Elena, con me, che solo col naso all'insù ritrovo me stessa.
Forse perché mi riconosco in quella polvere, forse perché intimamente consapevole che la verità è proprio ciò di cui parli alla fine di questa poesia: siamo noi le stelle.
Ma lo abbiamo dimenticato.

C'è bisogno di ribadirlo, c'è bisogno che qualcuno ce lo ricordi, ogni tanto, come hai fatto tu.

Grazie.

Recensore Master
27/06/21, ore 05:33

Buongiorno,
stelle, a volte solitarie, ma in effetti non dobbiamo mai dimenticare chi e cosa siamo... siamo materia...
Della stessa che compone l'universo...
Poesia bellissima che mi ha fatto particolarmente riflettere, questa mattina! Brava brava come sempre :)

Recensore Junior
26/06/21, ore 21:41

Wow
Hai decisamente ragione.
Ciao Elena.
Hai scritto con la tua collaudata leggiadria ma hai stupito tutti nel finale con effetti speciali.
All'inizio sembra un inno al valore delle piccole cose, a cogliere ciò che di prezioso c'è in ognuno di noi...
Non ti accontenti di tirare su il morale del lettore esortandolo a scavare nell'intimo:
lo privi di ogni indumento e di ogni trucco, e lo fai accostare con delicata decisione di fronte ad uno specchio che non aveva mai visto.
E.
Incredibile.
Gli piace molto ciò che vede, perché qualcuno ha detto che è raro e prezioso.

Mi è piaciuta moltissimo la tua poesia, complimenti.

Un caro saluto
Roberto