Recensioni per
Una Bugia Per Perderti (I Ragazzi del Tuono #2)
di Jane P Noire

Questa storia ha ottenuto 5 recensioni.
Positive : 5
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Nuovo recensore
20/01/22, ore 14:12

Mamma mia che bel capitolo ... Questa coppia mi piace un sacco... Brava .. non vedo l'ora di leggere il prossimo....!!

Recensore Master
27/12/21, ore 00:01

Ciao carissima, ti faccio tanti auguri. Spero tu abbia trascorso delle belle feste.
La storia la adoro, lo sai già. Nathan è Lou sono di una tenerezza unica.
Lei è veramente dolcissima, così timida e spaventata. Accanto a Nathan è come se si sentisse desiderata, come se finalmente un uomo non guardasse la sua cicatrice, ma vedesse oltre, proprio come se quel segno sul viso non ci fosse. Quella cicatrice che è la sua più grande dannazione, uno sfregio che le ricorda ciò che ha vissuto e che mai potrà dimenticare, un segno che le deturpa il viso e che per lungo tempo l'ha fatta sentire non desiderabile, e quindi alla mercé di uomini che se ne vogliono solo approfittare.
Invece, accanto a Nathan si sente bella e desiderata, corteggiata. Ma anche protetta e difesa. Per lui e con lui riesce ad andare oltre anche alla sua paura maggiore, quella delle moto; di lui si fida, certa che non potrebbe mai né farla cadere né metterla in una situazione di pericolo.
E lui ha un'accortezza incredibile per proteggerla. Vuole che lei salga sulla sua moto - anche se non lo pretende e le lascia la scelta - perché quella moto è la sua vita, il club è la sua vita e vorrebbe che lei ne facesse parte, vuole farla entrare nel suo mondo fatto di moto, giacche di pelle e tatuaggi. Mi ha colpito che, pur conscio che lei sia un fiore prezioso che non andrebbe strappato, ha voglia di lei, di aver nella sua vita; al diavolo la ragione, e via con il vivere i sentimenti e le emozioni che ti fanno stare bene. E quella ragazza, con il suo arrossire, con il suo essere così piena di vita, ma anche dolce ed ingenua, è in grado di accenderlo, di fargli battere il cuore. Soprattutto quando lei gli dice che si fida di lui, è come se il cuore di Nathan perdesse un battito, perché sente la responsabilità che quella dolce ragazza si affida a lui, crede in lui ed in un certo senso lo fa sentire di nuovo importante per qualcuno. E soprattutto mi colpisce che Nathan ami gli occhi tristi di Lou: entrambi si portano dietro un grande dolore e, lo stare vicini, è come se lenisse le sofferenze. I due, specchiandosi l'uno negli occhi dell'altro, hanno riconosciute le rispettive cicatrici e se ne stanno prendendo cura, con dolcezza e gentilezza.
Alla prossima, un abbraccio

Recensore Master
27/11/21, ore 10:56

Ciao, come stai? Spero bene.
Ogni tanto leggo i tuoi post su Facebook, ma non sono una che lo usa molto, però sei fortissima.
Detto questo, se ho amato tantissimo il primo volume della saga, devo dirti che lo sto facendo anche con il secondo.
Quello di Haley e Jason è un amore nato da bambini, e che li ha accompagnati per tutta la vita. Quando li abbiamo conosciuti erano già innamorarti persi l'uno dell'altro, dovevamo solo trovare il coraggio di viversi, ed il loro è un rapporto che si è basato sulla forza dell'unione per superare tutte le difficoltà.
Invece, Lou e Nathan non si consiceano affatto prima di quella serata nel bar. Ed è bellissimo vedere il percorso di evoluzione che ha portato due perfetti sconosciuti a diventare l'uno per l'altro un pezzo fondamentale del loro cuore.
Hanno avuto, entrambi, un colpo di fulmine fortissimo. In particolare Nathan si è innamorato della dolcezza e delicatezza di Lou, dietro a cui c'è grande passione ed animosità. Sentire la sua voce così allegra e viva per le cose che la emozionano e quello sguardo così luminoso di fronte a qualcosa che le piace gli ha dato quella sensazione di calore che, dalla morte della mamma, non aveva più provato. Come se quella ragazza, con il suo rossore perenne alle guance, il sorriso dolce e quel suo essere melodiosa e gioviale potessero accarezzare il suo cuore ferito, tanto da chiedersi come sarebbe trascorrere una vita insieme ad una ragazza così.
Anche Lou, dal canto suo, è rimasta davvero colpita da Nathan. Pur avendo una terribile paura dei motociclisti, si è fidata a restare da sola con lui e tanto ha parlato, come una mitraglietta, delle sue passioni. Una sorta di condivisione che nasce in modo spontaneo, quando ti senti a tuo agio con una persona perché dentro di te ti sembra di conoscerla da una vita intera.
Ho amato molto tutto il discorso sull'arte ed i tatuaggi. Pur non avendone nessuno (per ora) , mi piacciono molto - anche se non sono per l'eccesso, insomma non me ne farei mai così tanti quanto Nathan - ma credo che un disegno sulla pelle sia vera arte, che chi la pratica è davvero bravissimo e che ogni tatuaggio deve sempre avere significato. Ed amo che per Nathan quei tatuaggi siano li sempre a ricordargli quella sua grande famiglia, da cui proviene e che mai vorrà abbandonare.
Capitolo molto bello (come sempre, tu scrivi benissimo). Alla prossima

Recensore Master
04/11/21, ore 15:55

Ciaooo, bentrovata.
Adoro questa tua idea di raccontare la storia da una diversa prospettiva. Per chi ha già letto il primo volume è un vero piacere, perché completa quello che già conosci, con le emozioni di tutti i soggetti coinvolti.
Quell'incontro è stato molto bello ed intenso tra Haley e Jason. Si sono rivisti dopo tanto tempo, e i loro sentimenti e le loro emozioni erano in subbuglio; per la prima volta chi sta leggendo li vede insieme e si capisce subito quanto amore li leghi, da sempre (anche se in quel momento decidono di mantenere solo un'amicizia).
Ma quella stessa sera, è la sera che ha cambiato la vita di Lou e Nathan. Loro due non si conoscevano affatto, ed è in quel momento che i loro occhi si sono incontrati per la prima volta. E ricordo bene che Jason ed Haley li lasciarono da soli apposta, perché insieme sembravano molto a loro agio; in particolare Jason notó gli occhi del suo migliore amico, praticamente fratello: i suoi occhi erano vivi, luminosi, di chi sta sorridendo con il cuore. Ed è stato proprio così, il loro è stato un amore a prima vista. Nathan è un buono, a cui la vita ha tolto la sua amata mamma, ed in quel momento è come se una parte di lui fosse morta. Con Lou è tornato alla vita.
Lou è il personaggio che più mi ha affascinato di tutta la storia. Con una situazione difficile alle spalle: quell'incidente le ha deturpato la faccia, e le ha fatto perdere una sorella. Le conseguenze sono state molte: attacchi di panico, la difficoltà di mettersi di nuovo in macchina, il tremore ogni volta che vede un motociclista ma, soprattutto, la perdita della sua autostima. Quella cicatrice impressa sul suo volto è lì a ricordarle ogni giorno cosa ha perso e quello che è diventata; lei la odia quella cicatrice, non l'ha mai accettata e la sentire debole, come se ogni uomo si avvicini a lei credendo che tanto nessuno potrebbe volerla più con quel segno sul viso. Eppure, Lou - per tutto quello che ha vissuto, e che qui vedremo raccontato dal suo punto di vista - è stata sempre estremamente coraggiosa. Mi piace molto.
In questo capitolo dell'incontro con i motociclisti e in cui si ferisce alla mano a seguito di quell'approccio così inopportuno viene fuori la Lou timida e fragile, quella che non si sente completamente a suo agio. La Lou che fa di tutto per nascondere la sua cicatrice.
E la reazione che ha davanti a Jason e Nathan è la riprova di quanto tumulto ci sia dentro di sé: quei due ragazzi l'hanno aiutata, eppure lei ne ha terrore. Haley la rassicura che quei due ragazzi sono suoi amici - e Lou lo aveva già capito, vedendo Jason accanto ad Haley ha subito percepito cosa li lega; eppure dentro si capisce il suo tormento: quei due ragazzi l'hanno aiutata, ma è per persone come loro, per colpa di dei motociclisti, se è morta la sua sorellina. Un momento molto intimo.
A presto

Recensore Master
28/10/21, ore 14:16

Ciao, bentrovata.
Sono contenta tu abbia dato un seguito alla precedente storia. Devo dire che credevo sarebbe stato un prosieguo nel vero senso della parola; invece hai lasciato un finale aperto alla storia di Jason ed Haley; e ne hai scritta un'altra, ripercorrendo la stessa storia dalla prospettiva di altri due personaggi: Nathan e Lou.
Devo dire che hai avuto una idea davvero carissima. In effetti, Nathan e Lou sono una coppia centrale nel racconto, sono i due migliori amici dei protagonisti, ed hanno vissuto con loro tutta la storia; anzi, può dirsi che Lou sia stata un personaggio chiave nello scontro tra le due bande rivali. Chi ha letto il precedente racconto, lo ha sempre visti insieme: ha visto il loro amore nascere, crescere e subito consolidarsi. Ma, nella sostanza, anche loro avranno avuto i loro pensieri, le loro preoccupazioni e i momenti di condivisione. Ed è molto bello che tu abbia deciso di dedicare loro l'intero racconto.
Devo dire che Lou è un personaggio davvero tosto, che mi piace molto. L'incidente che ha avuto le ha stravolto la vita, ed anche il volto: quella cicatrice è il suo cruccio, ancora non è riuscita ad accettarla, essendo ben visibile sul suo viso. Si sente come se nessuno più potesse trovarla bella, visto quel segno che le deturpa il viso.
Nathan, dal canto suo, porta nel cuore uno strappo, che niente potrà mai rimarginare. La morte della mamma gli ha lasciato un vuoto incolmabile, è una perdita che ancora non ha metabolizzato ed accettato. Benché sia all'interno di una grande famiglia, dove tutti si vogliono bene e ci sono sempre, sente la mancanza della mamma in un modo tremendo. Era una donna speciale, che ha cresciuto anche Jason come fosse suo figlio; una donna su cui contava tutta la famiglia, e che Dennis e Wendy consideravano al pari di una figlia. Aveva un ruolo importante nel club, era una di quelle donne che contavano.
Questo sviluppo mi piace molto, continuerò a leggere anche questo racconto. A presto