Recensioni per
Percezione
di Riccardo cuor di leone

Questa storia ha ottenuto 5 recensioni.
Positive : 5
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Master
09/03/23, ore 17:42
Cap. 1:

Ciao Riccardo. Parole molto belle dedicate alle donne e ti ringrazio per questi pensieri. Hai evocato delle suggestive immagini come la falce di luna o percezioni come il ruggito. Emblematica nel finale l'espressione fonte della vita. Un breve scritto nella sua profonditÓ che non poteva che terminare in questo modo. Hai ben comunicato la tua percezione che si Ú fusa con la mia percezione. Un caro saluto.
(Recensione modificata il 09/03/2023 - 05:44 pm)

Recensore Master
09/03/23, ore 12:40
Cap. 1:

Che bel pensiero per la festa della donna e che scritto interessante pur nella sua brevitÓ!
Un componimento fatto di percezioni e di immagini suggestive, come quella del ruggito del mare che potrebbe essere mortale.
Alcune persone cambiano la vita e ci˛ lo si percepisce con facilitÓ anche sulla base di sensazioni e di impressioni.

Recensore Master
09/03/23, ore 07:02
Cap. 1:

Come un profumo intenso, come un incenso dolciastro, questi versi iniziano corposi e allungati, e terminano con la mente che si confonde e si lascia rapire.
Tanto che non capisci pi¨ se gli ultimi tre "Sai" siano riferiti al mare immenso, al ruggito lontano, o all'amore in perenne equilibrio fra la morte e l'eternitÓ.
Complimenti.

Recensore Master
08/03/23, ore 21:18
Cap. 1:

Che bella questa poesia tutta sensoriale, fatta di percezioni. Le immagini che ci trasmetti sono piene di dolcezza e di pathos e sono decisamente coinvolgenti. Complimenti e a presto.

Recensore Master
08/03/23, ore 13:31
Cap. 1:

La poesia che ogni donna vorrebbe leggere, oggi, come tutti gli altri giorni.

La potenza dell'amore che trascende i sensi. Lui, perfetto ed immortale, si innalza al di sopra delle cose umane. Non ha bisogno di vedere, di sentire.
Perfetto, profondo, come il mare.
Pu˛ condurti alla morte, ma Ŕ fonte di vita.

Complimenti Riccardo. Una poesia da brivido.