Film > Trolls
Ricorda la storia  |      
Autore: marie52    05/04/2018    4 recensioni
[Trolls]
Dal testo:
Perché voleva salvarla?
Avrebbe dovuto lasciarla morire grigia, priva di vita.
Perché tentare di farla sorridere quando avrebbe dovuto piangere?
Spero vi piaccia
un bacio
marie52
Genere: Introspettivo, Malinconico, Sentimentale | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: OOC, Raccolta | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

I love you

Poppy aveva sempre amato cantare e ballare, ma del resto era scritto nella sua natura di trolls.
Da che ne aveva memoria, la principessa non aveva mai ceduto alla disperazione, perché non soltanto avrebbe perso i suoi colori sfavillanti della sua pelle e dei suoi vestiti, ma soprattutto per la sua incredibile capacità di riuscire a vedere il lato positivo delle cose.
Non c’erano bevande a sufficienza per una festa in pieno stile trolls?
Ci sarebbe stata una acustica perfetta.
Finiva in una trappola potenzialmente mortale?
Nessun problema: avrebbe trovato un metodo per fuggire.
Perché, era da sempre convinta, che ogni cosa avesse una soluzione che bisognava solo scoprire.
Eppure, in questa situazione, la dolce rosata trolls non era riuscita a trovarla quella uscita,mostrando a tutti i presenti anche un lato sarcastico che nemmeno lei conosceva.
D’altronde essere mangiato da un Bergen, i loro acerrimi nemici, non poteva essere definito come un momento appropriato per essere felici, soprattutto se a causa di quella sua stupida cotta infantile aveva trascinato tutto il villaggio, compresi i suoi amici e suo padre, il re più buono e saggio di sempre, al destino che sarebbe dovuto aspettare solo a lei: morire.
Soprattutto se dopo aver salvato proprio quei suoi amici, rapiti da una Bergen, non aveva deciso di fare come suggeriva il burbero ma sincero Branch, unico trolls tra l’altro grigio e sempre cupo, mai sorridente, ma aveva deciso di aiutare una di loro, Bridget per la sua infatuazione per il neo re, Gristle, scoprendo poi che Creek, la sua cotta e il trolls più meschino che avesse mai incontrato, era sopravvissuto e che, inseguito quando erano stati catturati, li aveva traditi solo perché non voleva morire.
Lui.
Di cui si era innamorata fin da quando era bambina, e la cui rivelazione le aveva spaccato in due il suo cuore e una rabbia tremenda l’aveva assalita, per poi ritornare al crepacuore iniziale.
Creek.
Quanto dolore le portava quel nome, così forte da non riuscire a respirare, come se la vita intera le fosse succhiata via.
Ora sapeva come ci si sentiva a soffrire e, per qualche strano scherzetto del destino, la sua mente volò automaticamente a quel trolls, grigio, che aveva perso la sua nonna, unico membro della sua famiglia, quando era solamente un bambino e alla sensazione che aveva dovuto provare.
Forse gli stessi suoi.
Dolore per la perdita, rabbia contro se stessi per non essere riuscito a capire cosa stava succedendo e, infine rassegnazione con la conseguente perdita dei suoi colori.
Esattamente come quello che era accaduto alla principessa e a tutti i suoi amici che lentamente e definitivamente stavano diventando come lui.
Grigi, per sempre.
Un canto, la riscosse e un piccolo sentore di curiosità l’avvolse perché per quanto pottesse sembrare assurdo, nessuno dei presenti aveva mai udito quella voce cantare.
Era nuova, sconosciuta a tutti, ma incredibilmente familiare e immaginate lo stupore nello scoprire che era proprio Branch, il trolls che non cantò più da dopo la morte della sua famiglia, grigio, privo di positività che stava cantando.
Lui, che nonostante i suoi modi grotteschi e la sua più totale indifferenza nei confronti della dolce principessa e del canto, nascondeva un cuore tenero sincero e genuino quanto lei.
Lui che odiava tutta quella felicità, e che incredibilmente stava tentando di restituirgliela, con quella voce simile a quella di un angelo.
Perché voleva salvarla?
Avrebbe dovuto lasciarla morire grigia, priva di vita.
Perché tentare di farla sorridere quando avrebbe dovuto piangere?
La sua voce era come una ninna nanna calma e avvolgente che, incredibilmente, le fece ritornare la speranza, la felicità ma soprattutto i suoi colori.
Tuttavia quella domanda iniziale rimase ancora nella sua mente.
Perché salvarla?
E, non appena arrivarono quelle due parole, il cuore della principessa iniziò a battere, più velocemente, consapevole di più della stessa ragazza di come i suoi sentimenti per Creek non fossero mai stati reali.
Perché aveva sempre amato Branch, anche se non lo avrebbe mai ammesso.
 
-That’s why i love you-

Angolo autrice:
Sono innamorata di questo film e vorrei tantissimo una sezione solo per questo film
Spero vi sia piaciuta
marie52
  
Leggi le 4 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Film > Trolls / Vai alla pagina dell'autore: marie52