Storie originali > Poesia
Ricorda la storia  |      
Autore: Dario_84    04/05/2021    0 recensioni
Poesia
Genere: Sentimentale | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Risvegliati, mio cuore che la pensi…
Bel fiore chiamato “ragazza” vidi,
una rosa sbocciata nei miei sensi.
 
E sempre le ripetevo: «Sorridi,
amore mio, che lacrimi rugiade
a rifiorire nuovi questi lidi…»
 
Quel suo lento sguardo tutto pervade,
e a me posa gentile come foglia,
nel mentre ogni dolore intorno cade.
 
Il vicino giardino mi dà voglia
di incoronarla, pia, con orchidee
madide, appena colte senza doglia.
 
Sussurrano ricordi, miti, idee
soffici, accarezzate dal suo vento…
respiro sensuale delle dee…

Diceva: «Non sai, ora, cosa sento!»
mentre al mio piano già le dedicavo
più note (... lucerne dal lume spento).
 
Giungeva sera e sempre la miravo…
quella mia chimera con rose vere,
che al profilo del sol accarezzavo.
 
E con parole tenere, sincere,
mi donava una languida emozione
(... declami tenui, caldi nelle sere...).
 
E gli occhi umidi suoi di commozione
si specchiavano nel mio lacrimare,
conscio piovigginare in quest’agone:
 
lieti, i pensieri miei caddero in mare
e con essi l’arcobaleno del sogno…
un sogno che volle sempre volare.
 
   
 
Leggi le 0 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Poesia / Vai alla pagina dell'autore: Dario_84