Storie originali > Horror
Ricorda la storia  |      
Autore: Ink_    17/05/2021    4 recensioni
«Andremo all’inferno?»
«No, Kelly, non andremo all’inferno. Però potremmo andare in prigione quando saremo più grandi.»
«Io non ci voglio andare in prigione.»
«Nemmeno noi, Kel, perciò aiutaci a seppellirlo.»
Genere: Angst, Horror | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: Kidfic | Avvertimenti: Tematiche delicate
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Note: è la prima volta che scrivo qualcosa del genere, ma ero decisamente dell’umore per qualcosa del genere. L’avvertimento “Tematiche delicate” fa riferimento all’età dei personaggi, che benché non specificata,  considero dai quattordici/tredici anni in giù. Perché la sola cosa più terrificante dei bambini cattivi sono i bambini crudeli.
 
 
Colin Crown
 
 
«Andremo all’inferno?»

«No, Kelly, non andremo all’inferno. Però potremmo andare in prigione quando saremo più grandi.»

«Io non ci voglio andare in prigione.»

«Nemmeno noi, Kel, perciò aiutaci a seppellirlo.»

«…»

«Toby, secondo te la signora Crown si arrabbierà con noi perché abbiamo fatto male a Colin?»

«No, Kelly, perché la signora Crown non verrà mai a saperlo.»

«Uhm ok.»

«Ragazzi, ci siamo. Roy, tu prendilo per i piedi mentre io – Kelly! Dannazione non toccare!»

«Scusa, ero curiosa. Dicevate sempre che la testa di Colin era vuota, ma qui dentro c’è qualcosa …»

«Quello è il cervello, Kel.»

«Oh, ok. Anche il mio è fatto così?»

«Sì, ma è ancora più piccolo. Adesso siediti lì e aspetta che torni Maya.»

«Ok.»

«Uff, è pesante»

«Ricopriamo tutto di terra e appena Maya torna con quel gatto ce lo seppelliamo sopra. Dovrebbe depistare i cani della polizia.»

«Dici che porteranno i cani?»

«Certo. Quando l’anno scorso è sparito Johnny c’era pure l’elicottero.»

«…»

«Oh, ehi Maya. Ce l’hai il gatto?»

«Ecco qua, fresco fresco … Kelly, piantala, non piangere. Era una bestiaccia randagia, nessuno sentirà la sua mancanza.»

«Sniff

«Ehi Kels, dai piccolina, non fare così. Ascoltami, sono sicuro che quel micetto e Colin si divertiranno un mondo a giocare insieme sottoterra.»

«Dici davvero, Roy?»

«Ti direi mai una bugia?»

«…»

«Ragazzi, dobbiamo sbrigarci. Mia madre vuole che sia a casa per cena.»

«Aspettate, non dovremmo dare a Colin il bacio della buonanotte?»

«Kelly, è morto. Sai che diavolo significa –»

«La mia mamma dice che la morte è un sonno mooolto lungo, perciò dovremmo dargli il bacio della buonanotte. Anzi, dovremmo dargliene almeno due.»

«Io non lo bacio un cadavere.»

«Kelly, Maya ha ragione. Non è igienico.»

«Uff! Siete cattivi!»

«Potremmo dargli la buonanotte, però. Che ne dici?»

«Tutti quanti?»

«Sì, lo faremo tutti quanti.»

«Anche al gatto?»

«Sì, anche al gatto.»

«Uhm, ok.»

«Bene, prima di salutare definitivamente il nostro amico ed il suo nuovo animaletto, ripassiamo la storia. Stavamo giocando a nascondino …»

«… Non abbiamo più trovato Colin …»

«… Lo abbiamo cercato e chiamato, ma proprio non si trovava …»

«… E allora siamo andati a casa perché la mamma ci ha detto di tornare in tempo per la cena!»

«Bravissima, Kelly.»

«Qualcuno sa cos’è successo a Colin?»

«No.»

«Non ne ho idea.»

«Nossignore!»

«Qualcuno sa dov’è seppellito?»

«Affatto.»

«Nope.»

«Nu-uh.»

«Bene. Kelly, da’ la buonanotte a Colin e chiudiamo questa storia.»

«Va bene, Toby … Buonanotte, Colin!»

«Buonanotte, Colin.»

«…»

«Roy ha detto che gli avreste dato la buonanotte anche voi!»

«Sì, hai ragione. Buonanotte, Colin.»

«…»

«Muoviti, Maya!»

«Tutto questo è ridicolo … Buonanotte, Colin.»

«Buonanotte, micetto!»

«Buonanotte, micetto.»

«Buonanotte, gatto.»

«Buonanotte.»

«…»

«Ecco fatto. Ora sarà meglio andare a casa.»

«Ci vediamo domani al parco?»

«Ok, a domani.»

«A domani.»

«Ciao!»

«…»

«Roy?»

«Sì?»

«Domani mi spingi sull’altalena?»

«Ma certo, Kelly.»


 
   
 
Leggi le 4 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Horror / Vai alla pagina dell'autore: Ink_