Storie originali > Poesia
Ricorda la storia  |      
Autore: fenice64    24/07/2021    13 recensioni
Momenti di difficoltà, talvolta incomprensibili per alcuni, rischiano di far smarrire una serenità conquistata faticosamente.
La speranza è che la serenità possa semplicemente trasferirsi, trovando altri lidi, prendendosi cura di altre persone, ma che poi possa fare ritorno.
Genere: Introspettivo, Malinconico | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

               

La serenità è stare in pace con se stessi e in armonia con gli altri.
(Samuel Smile)

La persona serena procura serenità a sé e agli altri.
(Epicuro)

 

 

Dove sei fuggita serenità?

Mi ero illusa di poterti stringere fra le mani

quando vergavo parole,

che diventavano risposte lette

e infine confidenze condivise.

Parole che vagavano leggere nel vento

al suono delle campane

che riecheggiavano per la vallata.

A quelle campanelle,

simili ai rintocchi dell’anima,

avevo affidato alcuni fogli

nei quali erano riposti sentimenti,

sensazioni ed emozioni vissute.

Ora quegli stessi fogli,

insieme alla serenità,

si sono smarriti.

L’unico rimastomi,

di quei tempi,

l’ho completato con versi

carichi di speranze e sogni

e che raccontano di me,

per poi affidarlo nuovamente al vento

affinché lo conduca verso altri lidi.

Ancora non so quando

e se mai giungerà

alla sua nuova destinazione.

Amo però pensare di poter ritrovare,

nel suo volo,

parte di quella serenità perduta,

se qualcun altro,

avvertendone il bisogno,

le donerà rifugio

accogliendola,

tanto da trarne sollievo,  

ristabilendo così quella intima armonia silenziosa

che in sé tutto ingloba.

   
 
Leggi le 13 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Poesia / Vai alla pagina dell'autore: fenice64