Storie originali > Thriller
Segui la storia  |       
Autore: Aspasia_    03/11/2021    0 recensioni
E' il primo giorno di scuola e Dolly-Lo ha appena conosciuto Misha. Le due sembrano andare immediatamente d'accordo, ma Misha è molto più interessata a conoscere il patrigno di Dolly e ad avvicinarsi a lui.
Misha, infatti, non è chi dice di essere ed ha un piano ben preciso.
Genere: Dark, Hurt/Comfort, Malinconico | Stato: completa
Tipo di coppia: Het
Note: De-Aging | Avvertimenti: Incest, Non-con, Tematiche delicate
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Miriam Lumier entrò nel suo ufficiò e trasalì dallo spavento.

-Misha, sta cercando di farmi venire un infarto?-

Misha era seduta di fronte alla scrivania. Aveva un aspetto molto stanco e sul braccio si notavano vari lividi violacei.

-Mi dispiace-Rise lei -Pensavo fosse abituata a vedermi qui-

-Non così tanto. Comunque, hai bisogno di me?-

-Si. Mi devo prendere una pausa. Qualche mese mi basterà-

-Mese? Misha sai di essere indispensabile per noi e- Si avvicinò e abbassò la voce -Sei anche la migliore dei nostri "inviati speciali"-(1)

Misha rise -Scommetto che lo dice anche agli altri-

-Può darsi- Ammise -Ma tu rimani la più credibile. Quante persone di 27 anni (2) credi che siano in grado di sembrare ragazzine?-

-Nella mia famiglia è la normalità-Rispose Misha -Penso sia una questione di geni-

Miriam rise. -Comunque, posso concederti una pausa. Il tuo è un lavoro strano  e stancante. E poi devi almeno festeggiare il successo-

Misha assunse un'espressione contrariata -Successo? Certo, abbiamo finalmente arrestato un tipo che stuprava le ragazzine, ma in fondo il danno era già fatto. A proposito, che ne è stato di Dolly e le altre?-

-Ah giusto-Rispose Miriam -Makayla ha detto che ti voleva vedere per parlare del caso. Inoltre... Per quanto riguarda Dolly-Lo, ti volevo dire che verrà data in affido a qualche famiglia. Purtroppo sua madre è morta, il suo padre biologico irrintracciabile e da quanto risulta non ha né zie né nonni che possano occuparsi di lei-

-Ah capisco- Misha si alzò e uscì, sentendosi ancora peggio.

==========================================================================

Makayla appoggiò una scatola sul bancone. 

-Questo è tutto quello che abbiamo contro Hubert- Disse soddisfatta. -Inoltre abbiamo scoperto un paio di cosine- Aggiunse avvicinandosi a Misha.

-Innanzi tutto, non era il tè ad essere drogato ma erano i pasticcini con la glassa rossa. E per tua fortuna si trattava solo di sonnifero. Purtroppo Dolly, come avrai notato, ne aveva mangiati un bel po'. So che il tuo piano era quello di tenerla vigile e non farle assumere nulla ma non potevate saperlo. Comunque, sta bene e si è completamente ripresa.-

Fece una pausa per spostarsi al contenuto della scatola. In quel momento si interruppe per salutare qualcuno. Era il signor Wilson. Come Misha non faceva parte della polizia, ma non era neanche uno di questi "agenti speciali", come li chiamavano.

Il signor Wilson era una insegnante che aveva notato un atteggiamento strano in Dolly e aveva fatto la segnalazione. Era sempre stato lui a forzare la mano perché Misha, con una serie di documenti falsi, riuscisse ad essere ammessa a scuola.

Oltre a lui, nessun altro sapeva che Misha fosse un'adulta" mascherata" pronta a scoprire i segreti di Hubert.

Makayla continuò la sua spiegazione -Poi, qua ho l'elastico per capelli che mi aveva portato quella sera. I capelli sono di una ragazza della scuola di Misha che aveva già segnalato, qualche anno fa, un uomo alle autorità per averla drogata e portata a casa sua. A quanto pare non è stata stuprata perché si è svegliata troppo preso, ma aveva perso il suo elastico nella camera di Hubert-

Misha osservò la foto della ragazzina. Era quella che aveva incontrato nel corridoio, a cui avevano urlato di coprirsi. Non era una buona notizia.

-In camera di Hubert, poi-Continuò Makayla -Ho ritrovato altre tredici oggettini. Penso fossero dei ricordi che Hubert teneva delle altre vittime. Purtroppo anche se possiamo ricorrere al dna, solo tre ragazze sono state identificate per ora-

Misha notò che fra le tre c'era Addy. A quanto pare il suo nome era Adelaide. A questo punto avrebbe preferito morire con il dubbio.

-Che ne sarà delle ragazzine?- Chiese allora Misha.

-Beh, per quelle che abbiamo saputo rintracciare è stato proposto un percorso riabilitativo. Per le altre ci sta lavorando uno psicologo. Parlerà con un po' tutte le ragazze della scuola di un'età vicina a quella di Dolly e tenterà di ricostruire qualcosa-

-E Dolly-

Makayla sospirò. -Non c'è molto che posso fare per lei. Appena si è svegliata ha chiesto di vedere Hubert, quindi penso ci sia molto lavoro da fare. Inoltre, verrà affidata ad una nuova famiglia e speriamo che si riprenderà-

================================================================================

Misha si sentiva distrutta. Era ritornata a "casa", cioè nella base dove operavano lei e Makayla. Doveva portare via le sue cose e al resto ci avrebbe pensato la polizia.

Entrando notò subito il diario. Lo aveva scritto solo per seguire il suo piano e forse avrebbe dovuto consegnarlo come prova. Lo sfogliò un pochino e notò che su una delle ultime pagine c'era qualcosa. Cadde fuori un cuore di plastica e sulla pagina c'era un disegnino. Doveva averlo fatto Dolly. Erano loro due. E Dolly aveva scritto "per la mia migliorissima amica".

Misha sorrise.

 

 

Misha?

La voce al telefono sembrava preoccupata.

Tranquilla Miriam, non è successo niente di grave. volevo solo sapere una cosa.

Cioè?

Che requisititi si devono avere per prendere in affido Dolly?

Miriam rise.

Non molti. Anzi, credo che tu li abbia tutti.

 

 

(1) Non penso che sia un ruolo reale, ma idealmente Misha non è una poliziotta, ma una persona che viene assunta per lavorare sotto copertura in casi in cui servono persone dall' aspetto fanciullesco.

(2) Se state pensando che nessuna donna di 27 anni può sembrare una ragazzina, vi state sbagliando. Non solo ho conosciuto tanta gente così (e io per prima sembro una bambina pur non essendolo) ma dovete sapere che l'intera storia è basata su un video. Un tempo era reperibile anche su Youtube, ma non so se ci sia ancora. Parlava di come l'FBI conduce le operazioni di cattura dei pedofili ed ho seguito per filo e per segno ciò che spiegavano. Inoltre, l'agente che mandavano sotto copertura era una donna di 37 anni, che si era finta, con molto successo 16enne.

 

   
 
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Thriller / Vai alla pagina dell'autore: Aspasia_